(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Archivio storico siciliano"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non- commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 

at http : //books . google . com/| 



Digitized by 



Google 



\ 





Z^g^^f ^^^'^U ^iBiMa**^^ 



Digitized by 



Google 






Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



ARCHIVIO 

STORICO SICILIANO 



PUBBLICAZIONE PERIODICA 



DELLA 



SOCIETÀ SICILMA PER LA STOBIA PATRIA 



NUOVA SERIE, ANNO XIX. 



PALERMO 

TIPOGRAFIA " LO STATUTO , 
1894 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



ELENCO 
DEGLI UPFICIALr B SOCI DELLA SOCIETÀ PER L'ANNO 1894 

Socia e Patrona 

SUA MAESTÀ LA REGINA MARGHERITA DI SAVOIA 



UFFICIALI 



PRESIDENTE 

Comm. Prof. AimREA &UÀR10IUI, Senatore del Regno. 

PRESIDENTE ONORARIO 

Sua Eccellenza 

L'Aw. Francesco Crjspi 

Cavaliere delP Ordine Supremo della SS. Annunziata 
Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro delP Interno 

VICE-PRESIDENTI 

Can. Prof. Cav. Uff, Vincenzo Di Giovanni 
Socio corrispondente delF Istituto di Francia. 

Gay. Gr. Uff. Francesco Lanza Principe di Scalea 
Senatore del Regno 



Digitized by 



Google 



^ XLBNOO BK BOOI 



SEGRETARIO GENERALE 

P. Luigi Di Maggio dei Fred. 

VICE-SEGRETARI 

Cav. Avv. Carlo Crispo-Moncada. 
Cav. Avv. Giuseppe Falcone. 

DIRETTORI DELLE CLASSI 

Can. Cav. Giuseppe Beccaria 
Ufficiale neir Archivio di Stato. 

Bar. Cav. Dott. Raffaele Starrabba 
Sopraintendente Direttore deh* Archivio di Staio. 

CoMM. Prof. Antonino Salinas 
Socio corrispondente deWIstituto di Francia. 

CONSIGLIERI 

CoMM, Francesco Varvaro-Pojero. 
Cav. Uff. Prof. Giuseppe Patricolo. 
Prof. Dott. Salvatore Salomone-Marino. 
Prof. Dott. Cav. V. Emmanuble Orlando. 
MoNS. CoMM. Gioacchino Di Marzo. 
Dott. Prof. Cav. Uff. Giuseppe Pitrè. 

TESORIERE 

Cav. Uff. Napoleone Siciliano. 

BIBLIOTECARIO 

Dott. Cav. Giusbppb Lodi. 



Digitized by 



Google 



iLnroo Diei soct 



CORPI MORALI CHE HANNO PRESO DELLE AZIONI 

Ministero dell'Istruzione Pubblica per 400 azioni. 

Ministero d'Agricoltura, Industria e Commercio per 5 azioni. 

Provincia di Palermo per 20 azioni. 

Provincia di Catania per 20 azioni. 

Provincia di Caltanissetta per 10 azioni. 

Provincia di Girgenti per 4 azioni. 

Municipio di Palermo per 100 azioni. 

Municipio di Messina per 10 azioni. 

Municipio di Corleone per 6 azioni. 

Municipio di Acireale per 4 azioni. 

Municipio d'Aragona per 4 azioni. 

Municipio di Castrogiovanni per 4 azioni. 

Municipio di Girgenti per 4 azioni. 

Municipio di Marsala per 4 azioni. 

Municipio di Monto S. Giuliano per 4 azioni. 

Municipio di Nicosia per 4 azioni. 

Municipio dì Noto per 4 azioni. 

Municipio di Parco per 4 azioni. 

Municipio di Partinico per 4 azioni. 

Municipio di Sciacca per 4 azioni. 

Municipio di Siracusa per 4 azioni. 

Municipio di Termini-lmerese per 4 azioni. 

Municipio di Alcamo per 2 azioni. 

Municipio di Licata per 1 azione. 

Municipio di Salaparuta per 1 azione. 

Biblioteca Fardelliana di Trapani per 4 azioni. 

Biblioteca Comunale di Vicenza per 4 azioni. 

Biblioteca Nazionale di Napoli per 4 azioni. 

Biblioteca Nazionale Braidense di Milano per 4 azioni. 

Biblioteca Universitaria di Messina per 4 azioni. 

Biblioteca Comunale di Verona per 2 azioni. 

Circolo del Gabinetto di lettura in Messina per 4 azioni. 



Digitized by 



Google 



Yl th1t»C0 DIÉI 800Ì 



Direzione deir Archivio di Stato di Venezia per 4 azioni. 
Ufficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti della 
Sicilia per 4 azioni. 



D'Orleans Enrico rS. A. R.) Duca D'Aumale per 50 azioni. 



CORPI MORALI ASSOCIATI ALLE PUBBLICAZIONI 
DELLA SOCIETÀ 

Ministero dell'Interno per 1 copia di ciascuna pubblicazione. 
Ministero degli Affari Esteri per 1 copia idem 

Ministero della Guerra idem idem 

Ministero di Grazia e Giustizia e dei Culti per 1 copia di al- 
cune pubblicazioni. 
Camera dei Deputati per 1 copia di ciascuna pubblicazione. 
Biblioteca Palatina di Parma idem idem 

Archivio di Stato di Palermo idem idem 

Archivio di Stato di Firenze per 1 copia del periodico. 
Archivio di Stato di Napoli 
Archivio dì Stato di Cagliari 
Biblioteca Labronica di Livorno 
Biblioteca Classense di Ravenna 
Biblioteca Comunale di Galtanissetta 
Biblioteca Comunale di Castelvetrano 
Biblioteca di Strasburgo 



idem 


idem 


idem 


idem 


idem 


idem 


idem 


idem 


idem 


idem 


idem 


idem 


idem 


idem 



Digitized by 



Google 



SLIMOO DEI SCOI VII 



PRIMA CLASSE 



DIRETTORE 
Can. Cav. Giuseppe Beccaria 

SEGRETARIO 
DoTT. Cav. Pietro LA^'ZA, Principino di Scalea 

SOCI 

Accardi Avv. Gioacchino — Palermo. 

Aglialoro-Di Blasi Salvatore — Palermo. 

Agnello Cav. Prof. Angelo — Palermo. 

Albanese Cav. Carlo — Palermo. 

Alfani Cav. Prof. Augusto — Firenze. 

AUiata Cav. Giovanni, Principe di Montereale, Consigliere alla 
Corte di Appello — Palermo. 

Amato-Pojero Comm. Michele, Senatore del Regno— Palermo. 

Arcuri-Di Marco Virginia — Palermo. 

Ardizzone Prof. Matteo — Palermo. 

Arenaprimo Giuseppe, Barone dì Montechiaro — Messina. 

Armò Cav. Gr. Cord. Giacomo (S. E.) Presidente alla Corte di 
Cassazione, Senatore del Regno — Palermo. 

Atenasio Barone Francesco Paolo — Palermo. 

Avarna Niccolò Duca di Gualtieri — Palermo. 

AvfìUone A.VV. Salvatore — Palermo. 

Balsano Ben. Salvatore — Palermo. 

Bartoli Comm. Domenico (S. E.) Proc. Gen. alla Corte di Cas- 
sazione, Senatore del Regno — Palermo. 

Battaglia Cav. Avv. Aristide — Palermo. 

Battaglia Dott. Antonio — Termini-Imerese. 

Beccaria Can. Cav. Giuseppe» Economo neir Archivio di Stato— « 
Palermo, 



Digitized by 



Google 



Vili ^LSNCO DÈI 800Ì 



Bella Can. Prof. Salvatore — A.ci-Catena. 

Benfante Avv. Giovan Battista — Palermo. 

Bertone Can. Ercole — Palermo. 

Bonflglio Prof. Parroco Simone — Palermo. 

Borzi Prof. Cav. Antonino, Direttore dell'Orto Botanico — Palermo. 

Bottalla Cav. Avv. Pietro, Segretario della Procura Generale 
del Re nella Cassazione — Palermo. 

Bova Sac. Gaspare — Palermo. 

Buonpensiero-De Baggis Albina — Palermo. 

Cali Parroco Andrea — Palermo. 

Calvino-Cai vini Giuseppe — Palermo. 

Calvino Comm. Angelo — Palermo. 

Cannizzaro Tommaso — Messina. 

Cappello Comm. Salvatore — Palermo. 

Caputo-Montalto Francesco — Palma di Montechiaro. 

Cardullo Can. Prof. Simone — Palermo. 

Cascavilla Dott. Prof. Can. Michele — Palermo. 

Castellana Ambrogio — Palermo. 

Castelli Sac. Bartolomeo, Decano della Cattedrale — Mazzara 
del Vallo. 

Ceiosia (Sua Emin.) Cardinale D. Michelangelo dei Marchesi 
di S. Antonino, Arcivescovo — Palermo. 

Cerami P. Gaetano — Palermi. 

Cervello Cav. Uff. Dott. Prof. Vincenzo — Palermo. 

Chiaramonte Dott. Socrate — Palermo. 

Giaccio Sac. Prof. Vincenzo — Palermo. 

Cigliutti Prof. Comm. Valentino, Preside del R. Liceo E. Qui- 
rino Visconti — Roma. 

Cimino Cav. Giuseppe, Ing. Capo del Genio Civile — Palermo. 

Ciofalo Avv. Comm. Francesco — Palermo. 

Ciotti-Grasso Dott. Pietro — Palermo. 

Civiletti Sac. Prof. Michelangelo — Palermo. 

Columba Prof. Gaetano Mario — Palermo. 

Colucci Cav. Gr. Cr. Avv. Giuseppe, Prefetto al riposo — 
Roma. 



Digitized by 



Google 



ku»oo DKt aooi ii 



Cornelia Bernardo— Caltavuturo. 

Conte Prof. Anacleto — Palermo. 

Cordova Comm. Bar. Vincenzo, Senatore del Regno — Aidone. 

Corradi Prof. Giuseppe — Palermo. 

Costantini Avv. Costantino — Palermo. 

Costantino Domenico, Scultore — Palermo 

Crescimanno Can. Giantro Giuseppe Maria — Corleone. 

Crisafulli Comm. Ab. Vincenzo — Palermo. 

CrisafuUi-Tedeschi Dott. Guglielmo —Palermo. 

Crispi (S. E.) Avv. Francesco, Cav. dell'Ordine Supremo della 
SS. Annunziata, Presidente dei Ministri e Ministro dell'In- 
terno — Roma. 

Cristadoro Giuseppe, Vice-Segretario nella R. Università— Pa- 
lermo. 

Curti Cav. Avv. Achille — Palermo. 

Cusumano Cav. Uff. Prof. Vito — Palermo. 

Daddi Mons. Giacomo (S. E.) Vescovo di Ginopoli e Ausiliare 
dell'Arcivescovo — Palermo. 

D' Aietti Arciprete Giovanni — Pantelleria. 

D'Alessandro Mons. Gaetano (S. E.) Vescovo — Cefalù. 

Davin Can. V. — Versailles. 

Dell'Agli Antonio - Giarratana. 

De Lorenzo Mons. Antonio Maria (S. E.) Vescovo — Mileto. 

De Merchi Prof. Antonio — Palermo. 

Deodato Cav. Pietro — Villarosa. 

De Stefani-Ficani Cav. Calogero , R. Ispettore degli Scavi e 
Monumenti — Sciacca. 

Di Bartolo Can. Dott. Salvatore — Palermo. 

Di Blasi Prof. Andrea — Palermo. 

Di Giovanni Comm. Gaetano — Noto. 

Di Giovanni Prof. Leonardo — Caltagirone. 

Di Giovanni Can. Prof. Cav. Uff. Vincenzo, Socio corrispondente 
dell'Istituto di Francia — Palermo. 

Di Girolamo Avv. Andrea — Marsala. 

Di Gregorio Pasquale, Perito Agrimensore — Palermo. 



Digitized by 



Google 



ELKKGO DBI BOOt 



Di Lorenzo Gav. Dott. Niccolò — Palermo. 

Di Maggio P. Luigi dei Pred. — Palermo. 

Di Menza Gomm. Giuseppe, Presidente di Sezione alla Corte di 
Appello — Palermo. 

Di Piazza Bartolomeo — Morreale. 

Di Pietro Sac. Salvatore — Palermo. 

Dominici-Morillo Sac. Dott. Prof. Luigi, Bibliotecario— Polizzi- 
Generosa, 

Donatuti Ing. Lorenzo — Palermo. 

Dottore Rosario — Palermo. 

Drago-Calandra Dott. Giuseppe, Sostituto Procuratore del Re 
presso il Tribunale — Caltanissetta. 

Errante-Parrino Parroco Giovanni — Castelvetrano. 

Falcone Avv. Cav. Giuseppe — Palermo. 

Falletti-Fossati Cav. Prof. Pio Carlo — Bologna. 

Ferrara Dott. Gaetano — Palermo. 

Ferrara P. Gaetano Maria — Palermo. 

Ferruzza Sac. Francesco Paolo — Petralia Soprana. 

Fignon Sac. Giuseppe — Palermo. 

Fiorenza Prof. Can. Parroco Giuseppe — Morreale. 

Floreno-Foschini Alfonsina — Roma. 

Forno Avv. Francesco — Nicosia. 

Franciosi Prof. Cav. Pietro — Palermo. 

Franco Prof. Girolamo — Palermo. 

Gabrielli Sac. Prof. Gaetano — Palermo. 

Garofalo Avv. Filippo — Ragusa. 

Garufl Dott. Carlo — Palermo. 

Gerbino Mons. Saverio (S. E.) Vescovo — Caltagirone. 

Giambruno Avv. Cav. Salvatore, Sotto-Archivista di Stato — 
Palermo. 

Giliberto Cav. Angelo, Consigliere Delegato di Prefettura — 
Girgenti. 

Gioja Cav. Avv. Vincenzo, Consigliere alla Corte di Appello — 
Palermo. 

Giordano Can. Prof. Nicolò — Morreale, 



Digitized by 



Google 



iLBlfOO DBI SOOtI tt 



Gorgone-Caruso Lorenzo, Proc. leg. — Palermo. 

Gramignani Avv. Pietro — Palermo. 

Gramignani Luigi Filippo — Palermo. 

Grande Cav. Avv. Paolo, Console di S. M. il Re d'Italia — 
Tripoli di Barberia. 

Graziani Avv. Agostino — Palermo. 

Guardione Prof. Francesco — Palermo. 

Guarneri Avv. Prof. Comm. Andrea, Senat. del Regno— Palermo. 

Guarneri Avv. Eugenio — Palermo. 

Guarneri Avv. Luigi — Palermo-» 

Guli Prof. Sac. Giovanni — Palermo. 

Indelicato Sac. Prof. Luigi — Palermo. 

ludica-Turretta Avv. Luigi — Palermo. 

La China Mons. Federico — Vittoria, 

La Colla Avv. Prof. Francesco — Palermo. 

La Corte Prof. Giorgio — Giarre. 

La Manna Avv. Biagio — Palermo. 

La Mantia Dott. Avv. Francesco Giuseppe , Giudice di Tri- 
bunale—Palermo. 

La Mantia Comm. Vito, Consigliere di Cassazione— Palermo. 

Lancia di Brolo (S. E.) Mons. D. Domenico Gaspare, Cassinese, 
Arcivescovo — Morreale. 

Lancia di Brolo Marchese Giuseppe , Senatore d^l Regno — 
Palermo. 

Lanza Dott. Cav. Pietro, Principino di Scalea — Palermo. 

Lanza Ignazio, Conte di S. Marco — Palermo. 

Lanza-Mantegna Giuseppe, Conte di Mazzarino — Palermo. 

La Rocca-Impellizzeri Cav. Paolo — Ragusa-Inferiore. 

La Rosa Sac. Giuseppe M. — Pedara. 

Lauria Cav. Filippo — Palermo. 

La Vecchia Avv. Gioacchino — Palermo. 

I.eone-Pantano Corrado — Palermo. 

Libertini-Gravina Cav. Gesuardo — Firenze, 

Lino-Tedeschi Dott. Domenico — Palermo. 

Lo Gascio Giuseppe — Palermo. 



Digitized by 



Google 



tlt fetfiROO 1>SI SdOt 



Lombardo Avv. Gaetano — Palermo. 

Longo Dott. Prof. Antonio — Palermo. 

Lorico Avv. Filippo — Palermo. 

Lo Vecchio Can. Gaetano — Palermo. 

Lumbroso Prof. Cav. Giacomo — Roma. 

Macaluso Prof. Comm. Damiano — Palermo. 

Maggiore-Perni Avv. Prof. Cav. Francesco — Palermo. 

Mangano Dott. Avv. Vincenzo — Palermo. 

Mangiameli Dott. Salvatore, Sotto-Archivista di Stato— Palermo. 

Mango Prof. Francesco — Palermo. 

Marino Can. Giuseppe — Lercara-Friddi. 

Marinuzzi Comm. Avv. Antonio — Palermo. 

Marinuzzi Proc. leg. Antonio — Palermo. 

Mastropaolo Cav. Alfio — Palermo. 

Mellina Lorenzo, UfBziale Commissario di Marina — Spezia. 

Messina P. Serafino dei Min. Riformati — Palermo. 

Mestica Prof. Comm. Giovanni, Deputato al Parlam.— Palermo. 

Millien Dott. Achille — Beaumont (Francia). 

Mirabella Francesco Maria — Alcamo. 

Montalbano Cav. Placido, Consigliere di Cassazione — Palermo. 

Mora Sac. Bernardo — Palermo. 

Morrione Avv. Lionardo — Menfi. 

Morvillo Avv. Antonino —Palermo. 

Musso Avv. Giuseppe — Cefalù. 

Musso Prof. Matteo — Palermo. 

Natale-Di Cristina Cav. Giuseppe, Direttore dell'Ospìzio di Be- 
neficenza — Palermo. 

Natoli Prof. Luigi — Palermo. 

Nobile Avv. Salvatore — Roma. 

Nocito Comm. Avv. Nunzio — Palermo. 

Notarbartolo-Merlo Cav. Leopoldo, Tenente di Vascello — 
Palermo. 

Noto Sac. Giuseppe - Palermo. 

Oberty Cav. Dott, Enrico, Consigliere di Corte di Appello - 
Napoli. 



Digitized by 



Google 



BLKNOO DBI BOOI Zm 



Orlando Sac. Giuseppe della Compagnia di Gesù — Palermo. 

Orlando Francesco — Palermo. 

Orlando Cav, Prof V. Emanuele — Palermo. 

Ottone Giuseppe — Palermo. 

Pace Prof. Avv. Salvatore — Palermo. 

Padula Comm. Antonio — Roma. 

Pagano Prof. Avv. Giacomo — Palermo. 

Palizzolo Comm. Raffaele, Deputato al Parlamento — Palermo. 

Palizzolo-Gravina Cav. Gr. Cr. Vincenzo, Bar. di Ramione — 
Palermo. 

Palomes P. Luigi dei Conventuali — Palermo. 

Panciera Prof. Domenico — Palermo. 

Pandolflni Cultrera Francesco — Palermo. 

Pantaleo Cav. Uff. Vincenzo — Palermo. 

Parisi Benef. Francesco Paolo — Palermo. 

Parri Ettore — Palermo. 

Passanisi di Granville Mario — Caltagirone. 

Passarono Avv. Alfonso — Roma. 

Patera Dott. Paolo — Partanna. 

Paterno Comm. Prof. Emmanuele, Senatore del Regno, Cava- 
liere deir Ordine del Merito Civile di Savoia — Roma. 

Patiri Giuseppe — Termi ni-Imerese. 

Patricolo Corrado — Palermo. 

Pecorella Matteo — Palermo. 

Pelaez Avv. Cav. Emanuele — Palermo. 

Perricone Francesco — Palermo. 

Piazza Salvatore — Palermo. 

Pincitore Dott Alberico — Palermo. 

Pinzolo Prof. Pietro — Palermo.. 

Pizzillo Dott. Niccolò — Palermo. 

Pizzoli Mons. Parroco Domenico — Palermo. 

PoUaci-Nuccio Cav. Fedele, Sopraintendente degli Archivii Co- 
munali — Palermo. 

Pollaci-Testa Fedele, Commissario nelle RR. Dogane —Palermo. 

Pulci Sac. Prof. Francesco — Caltanissetta. 



Digitized by 



Google 



XIV BLBVOO DU 8001 



Racitì-Romeo Ced. Prof. Vincenzo — Acireale. 

Raja-Sinatra Sac. Salvatore— Lercara-Friddi. 

Raimondi Sac. Pietro — Palermo. 

Ramondetta-Fileti Concettina — Palermo. 

Reber Alberto — Palermo. 

Ricca-Salerno Prof. Giuseppe — Palermo. 

Riflci Not. Alfio — S. Agata Militello. 

Riolo Comm. Domenico — Naro. 

Rizzo Dott. Giulio Emmanuele— Messina. 

Robbo Giuseppe — Palermo. 

Romano-Catania Dott. Giuseppe — Palermo. 

Romano Prof. Cav. Salvatore, Ufficiale d'Accademia di Fran- 
cia — Palermo. 

Rossi Avv. Enrico — Palermo. 

Rossi Prof. Vittorio — Messina. 

Rosso Sac. Giuseppe— Caccamo. 

Ruggieri Vincenzo — Palermo. 

Russo Dott. Angelo, Ufflc. neir Archivio di Stato— Palermo. 

Russo Can. Prof. Giuseppe — Girgenti. 

Russo-Giliberti Dott. Prof. Antonino — Palermo. 

Russo-Onesto Cav. Avv. Michele, Sostituto Procuratore gene- 
rale — Catania. 

Russo-Riggio Can. Luigi — Palermo. 

Salemi-Battaglia Benef. Emanuele — Palermo. 

Salemi Dott. Vincenzo — Palermo. 

Salvioli Cav. Prof. Giuseppe — Palermo. 

Salvo Benigno — Novara (Sicilia). 

Sampolo Comm. Prof. Luigi — Palermo. 

Sanfllippo Cav. Avv. Giacomo — Palermo. 

Sainte Agathe (de) Conte Avv. Giuseppe — Besanfon (Francia). 

Sangiorgi Avv. Salvatore — Palermo. 

Sansone Cav. Prof. Alfonso — Palermo. 

Santangelo-Spoto Enrico — Palermo. 

Sardofonlana Notar Francesco Paolo — Palermo. 

Savagnone Avv. Franceaco — Palermo. 



Digitized by 



Google 



SLSNOO D« SOOX XV 



Sbano Can. Prof. Corrado — Noto. 

Scandurra Cav. Avv. Gaetano, Consigliere dì Corte di Ap- 
pello — Palermo. 

Scavo Sac. Parroco Agostino — Palermo. 

Schirò Can. Atanasio — Contessa Entellina. 

Schirò Prof. Giuseppe — Palermo. 

Settimo Girolamo, Principe di Fitalia — Palermo. 

Siciliano Giuseppe — Palermo. 

Siciliano Luigi — Palermo. 

Simiani P. Don Pier Giuseppe dei Benedattini Olivetani — 
Palermo. 

Siragusa Prof. Giambattista — Palermo. 

Somma Cav. Carlo — Palermo. 

Spina Avv. Comm. Gaetano — Palermo. 

Storiano Can. Arcip. Gaspare — Marsala. 

Tamburello Prof. Giuseppe — CoUesano. 

Tarro Avv. Francesco — Messina. 

Terrasi Sac. Giovanni — Palermo. 

Testasecca Conte Ignazio, Deputato al Parlamento — Calta- 
nissetta. 

Tirrito Ing. Rosario — Palermo. 

Tosi Cav. Uff. Gaetano, Cancelliere alla Cassazione — Palermo. 

Traina Sac. Giuseppe — Castronovo. 

Travali-De Francisco Luigi — Palermo. 

Tropea Dott. Prof Giacomo — Messina, 

Varvaro Pojero Comm. Francesco — Palermo. 

Vasi Sac. Prof. Luigi — San Fratello. 

Vassallo-Paleologo Cav. Uff. Francesco — Palermo. 

Zangara Avv. Ignazio — Catania. 

Ziino Prof. Giuseppe — Messina. 

Zuccaro Mons. Can. Ignazio, Segretario di S. Km. il Card. Ar- 
,civescovo — Palermo. 



Digitized by 



Google 



xn BUDUoo dh soci 



SECONDA CLASSE 



DIRETTORE 

Starrabba Cav. Dott. Raffaele, Barone di S. Gennaro 
SopraintenderUe Direttore delF Archivio di Stalo. 

SEGRETARIO 

Travau Cav. Dott. Giuseppe 
Sotto^Archivista di Stato. 

SOCI 

Avolio Prof. Cav. Uff. Corrado — Noto. 

Barrila- Vasari Proc. leg. Ignazio — Palermo. 

Beccadelli-Àcton Comm. Paolo, Prìncipe di Camporeale, Sena- 
tore del Regno — Palermo. 

Bellio Cav. Prof. Vittorio — Pavia. 

Boglino Mons. Ben. Luigi — Palermo. 

Bona Ignazio, Uffiziale neir Archivio di Stato — Palermo. 

Brancia Prof. Francesco — Nicotera. 

Briquet Carlo Mosè — Ginevra. 

Carini Can. Mons. Prof. Isidoro, Prefetto della Biblioteca Va- 
ticana — Roma. 

Gasano Sac. Ferdinando — Palermo. 

Cianciolo Avv. Carlo — Palermo. 

Cosentino Prof. Cav. Giuseppe, Sotto-Archivista di Stato — 
Palermo. 

Costantini Cav. Costantino Maria, Maggiore di Artiglieria — 
Napoli. 

Cozzucli Prof. Sac. Giambattista — Palermo. 

Crispo-Moncada Avv. Cav. Carlo, Sotto-Bibliotecario alla Na- 
zionale — Palermo. 



Digitized by 



Google 



xtEifoo DEI sooi zvn 



De Gregorio Marchese Giacomo — Palermo. 

Dichiara Doti. Francesco — Palermo. 

Di Marzo Mons. Gomm. Gioacchino, Capo Bibliotecario della 

Comunale — Palermo. 
Errante Dott. Francesco Umberto — Palermo. 
Paraci Parroco Giuseppe Emmanuele — Palermo. 
Ferrante Sac. Prof. Giuseppe — Termini-Imerese. 
Giorgi Cav. Prof. Dott. Ignazio , Prefetto della Biblioteca Ca- 

sanatense — Roma. 
GnoflEò Sac. Domenico — Palermo. 
Guastella Avv. Ernesto, Sotto-Bibliotecario alla Nazionale — 

Palermo. 
Inghilleri Sac. Giuseppe, Sotto-Bibl. alla Nazionale — Palermo. 
Inghilleri-Di Bella Prof. Giuseppe — Palermo. 
Lagumina Sac. Giuseppe — Palermo. 

La Mantia Dott. Giuseppe, Uff. nell'Archivio di Stato -Palermo. 
La Via-Bonelli Dott. Avv. Mariano, Rapp. il Municipio di Ni- 

cosia — Nicosia. 
Lionti Dott. Ferdinando, Sotto-Archivista di Stato — Palermo. 
Lodi Dott. Cav. Giuseppe, Primo Archivista di Stato — Palermo. 
Manasia Sac. Calogero, Capo Bibliotecario — ('altanissetta. 
Mantia Dott. Pasquale — Palermo. 
Marano Dott. Giuseppe — Borgetto. 
Martinez Ing. Amilcare — Palermo. 

Masi Mons. Giuseppe, (S. E.) Vescovo di Tempe — Palermo. 
Milazzo-Cervello Dott. Luigi — Palermo. 
Montalbano Can. Prof. Giuseppe — Palermo. 
Montalbano Can. Saverio, Sotto-Bibliotecario alla Nazionale— 

Palermo. 
Palmeri di Villalba Nob. Cav. Niccolò, Maggiore d'Artiglie- 
ria — Terni. 
Parlato Avv. Liborio — Palermo. 
Pellegrini Prof. Cav. Astorre, Preside del Liceo Umberto I — 

Palermo. 
Pennino Can. Prof. Antonino ~ Palermo. 



Digitized by 



Google 



XVm SLBHGO DBI 8001 



Pipitone-Federico Doti. Prof. Giuseppe — Palermo. 

Pitrè Doti. Prof. Gav. Uff. Giuseppe — Palermo. 

Polizzotti Cav. Noi Giovanni — Resuttano. 

Randacio Dott. Comm. Prof. Francesco — Palermo. 

Russo Cav. Filadelflo — Palermo. 

Salomone-Marino Dott. Cav. Prof. Salvatore — Palermo. 

Salvo-Cozzo Gav. Giuseppe, Scrittore alla Vaticana — Roma. 

Sapio Prof. Cav. Giuseppe — Palermo. 

Savona Can. Dott. Giuseppe — Palermo. 

Serio Cav. Simone — Palermo. 

Silvestri Comm. Giuseppe, già Sopraintendente agli Archivi 
Siciliani — Palermo. 

Starrabba Dott. Cav. Raffaele, Bar. di S. Gennaro, Soprainten- 
dente Direttore dell' Archivio di Stato — Palermo. 

Tasca-Lanza Cav. Giuseppe, Deputato al Parlamento— Palermo. 

Travali Cav. Dott. Giuseppe, Sotto-Archivista di Stato -Palermo. 

Vaccaro Sac. Prof. Vito — Palermo. 

Vitrano Giuseppe Filippo — Palermo. 

Zizze Dott. Prof, Giuseppe Napoleone — Palermo. 



Digitized by 



Google 



ttMoo t>ii doot xnt 



TERZA CLASSE 



DIRETTORE 

Salinas Prof. Cìomm. Antonino 
Socio corrispondente deW Istituto di Francia. 

SEGRETARIO 
Lagumina Can. Prof. Bartolomeo 

SOCI 

Agnese-Pomar Cav. Igaazio — Palermo. 

Alagna Ing. Vincenzo — Palermo. 

Aldisio-Cortia Salvatore ■— Terranova (Sicilia). 

Allegra Francesco Paolo — Palermo. 

Alliata-Cardillo Filippo Maria — Palermo. 

Basile Comm. Ing. Prof. Ernesto — Palermo. 

Beloch Prof. Giulio — Roma. 

Beuf Rag. Costantino — Palermo. 

Biondolillo Ing. Giovanni — Palermo. 

Buonpensiero di Naduri Prof. Emilio Claudio — Palermo. 

Busacca Carlo, Marchese di Gallidoro — Palermo. 

Calderone Sac. Giuseppe — Marineo. 

Cantone Ing. Salvatore — Palermo. 

Castorina Can. Pasquale — Cata^nia. 

Chiaramonte-Bordonaro Barone Gabriele, Senatore del Regno — 

Palermo. 
Cicchetti Prof. Eduardo — Palermo. 
Ciofalo Prof. Saverio, Bibliotecario — Termini-Imerese. 
Cirino Mons. Giovanni (S. E.) Arciv. d'Ancira e Vicario Gene- 

ral9 — Palermo, 



Digitized by 



Google 



XX JILENGO DRI 8001 



Civiletti Prof. Comm. Benedetto, Socio corrispondente dell' I- 
stituto di Francia — Palermo. 

Coppola Ing. Angelo — Palermo. 

Cortegiani Michele — Palermo. 

Costa Avv. Giuseppe — Palermo. 

Crocco-Paterna Giovanni -- Palermo. 

D'Antoni Salvatore, Duca di Feria — Palermo. 

De Luca Avv. Comm. Atanasio, Economo generale dei bene- 
fici vacanti in Sicilia — Palermo. 

Demma Ing. RafiFaele — Palermo. 

De-Spucches Cav. Antojiino, Principe di Calati — Palermo. 

Destefano Ing. Salvatore — Palermo. 

De Vargas Cav. Ferdinando — Palermo. 

Donati-Scibona Arch. Francesco — Palermo. 

Favaloro Prof. Giuseppe — Palermo. 

Fazio Giuseppe, Conservatore al Museo Nazionale — Palermo. 

Ferrare Prof. Ing. Conrado — Palermo. 

Fichera Ing. Marcantonio — Palermo. 

Genovese-Ruffo Salvatore — Palermo. 

Gorritte Cav. Avv. Giovanni — Palermo. 

Grazia Sac. Pasq»iale, R. Ispettore dei Monumenti di Alcamo — 
Calataflmi. 

Lagumina Can. Prof. Bartolomeo — Palermo. 

Lanza Gr. Uff. Francesco, Principe di Scalea, Senatore del 
Regno — Palermo. 

Lentini Sac. Gioacchino >- Castelvetrano. 

Lentini Prof. Rocco — Palermo. 

Lucifera Cav. Uff. Avv. Giovanni — Palermo. 

Machi Salvatore — Palermo. 

M^ùorca Luigi, Conte di Francavilla — Palermo. 

Maltese Notar Faustino — Rosolini. 

Mangano Giuseppe — Palermo. 

Mantegna Benedetto, Principe di Cangi — Palermo. 

Marvuglia Cav. Arch. Domenico — Palermo. 

Mauceri Cav. Uff. Ing. Luigi, Segretario della Direzione gene- 
rale per le ferrovie sicule — Palermo. 



Digitized by 



Google 



iumoo òm «oei iti 



Mauro Prof. Antonino — Palermo. 

Melfi Corrado, Barone di S. Giovanni — ' Chiammonte. 

Michelini Ing. Giacomo — Palermo. 

Millunzi Prof. Can. Parroco Gaetano — Monreale. 

Mora Can. Vincenzo — Palermo. 

Moscato Dott. Pasquale — Porto Empedocle. 

NaselU-Notarbartolo Cav. Leopoldo — Palermo. 

Natoli Marchese Giuseppe — Palermo. 

Orsi Prof. Paolo, Direttore del Museo — Siracusa. 

Paino Nobile Giulia — Palermo. 

Parenti Ing. Vincenzo — Siracusa. 

Parisi Sac. Prof. Giuseppe , Direttore del R. Ginnasio — Par^ 

tinico. 
Paterna Leonardo — Palermo. 
Patricolo Achille — Palermo. 
Patricolo Prof. Cav. Uff Gius^pe — Palermo. 
Pennavaria Cav. Dott. Filippo — Ragusa. 
Pennesi Prof. Giuseppe — Roma. 
Popoli Conte Agostino, Barone di Culcasi — Trapani. 
Perdichizzi Antonio — Palermo. 
Pintacuda Ing. Prof. Carlo - Palermo. 
Portai Ing. Cav. Emanuele — Palermo. 
Pugliesi Vincenzo — Alcamo. 
Raia Bernardo — Palermo. 
Rao Ing. Giuseppe — Palermo. 
Renzi Cav. Ing. Salvatore — Palermo. 
Rindello Cav. Niccolò — Palermo. 
Rizzo Prof. Dott. Gaetano — Patti. 

Rocca Cav. Pietro Maria, R. Ispettore dei Monumenti - Alcamo. 
Rutelli Prof. Cav. Mario — Palermo. 
Rutelli Niccolò -Palermo. 
Salemi Ing. Enrico — Palermo. 
Salemi-Pace Comm. Prof. Giovanni — Palermo. 
Salinas Comm, Prof. Antonino, Socio corrispondente dell'fcti- 

tirio di Francia^ Direttore del Museo Nazionale — Palermo. 



Digitized by 



Google 



tln sUkoo dkì Boot 



Salinas Emmanuele — Palermo. 

Salvo di Pietraganzili Cav. Rosario, Consigliere delegato — 
Palermo. 

Sanfllippo-Musso Michele — Palermo. 

Scavo Rag. Vincenzo — Palermo. 

Sciangula Prof. Agostino — Palermo. 

Sciuto-Patti Cav. Uff. Prof. Carmelo, R. Ispettore dei Monu- 
menti — Catania. 

Siciliano Cav. Michelangelo — Palermo. 

Siciliano Cav. Uff. Napoleone — Palermo. 

Sinatra Raja Ing. Agr. Giuseppe — Lercara-Friddi. 

Spata Cav. Dott. Giuseppe, Conservatore dell'Archivio Nota- 
rile del Distretto — Palermo. 

Trigona Gomm. Domenico Principe di S. Elia — Palermo. 

Ugdulena Giovanni — Palermo. 

Valenti Giuseppe Scultore - Palermo. 

SOCI NON ADDETTI ALLE CLASSI 

Belgrano Comm. Luigi Tommaso, Socio dei Lincei, Segretario 

generale della Società Ligure, Professore ordinario di Storia 

nella R. Università di Genova — Genova. 
Benso Comm. Giulio, Duca della Verdura, Senatore del Regno, 

Palermo. 
Blandini Mons. Giovanni (S. E.) Vescovo — Noto. 
Castelli Cav. Gr. Cr. Gabriele Principe di Torremuzza, Senatore 

del Regno — Palermo. 
Chiofalo Can. Dott. Giuseppe — Partanna. 
Ciotti Cav. Pietro — Palermo. 
Crimi-Lo Giudice Prof. Gioacchino — Naso. 
Crispo Can. Francesco — Palermo. 
Daddi Avv. Francesco — Palermo. 

De Leonardi Gaetano, Rappr. il Municipio di Parco — Parco. 
De Micheli-Maniscalco Barone Domenico — Palermo. 
De Spucches-Franco Giovanni, Marchese di Schissò — Palermo. 



Digitized by 



Google 



BLIHOO DKI 8001 ZZm 



Di Benedetto Carlo, Conte del Gasato — Palermo. 

D'Orleans Enrico (S. A. R.) Duca d'Aumale — Palermo. 

Fignon-Prost Rag. Girolamo — Palermo. 

Florio Comm. Ignazio — Palermo. 

Galletti Nicolò, Prìncipe di San Cataldo e Fiumesalato, Sena- 
tore del Regno — Palermo. 

Giuflfrè Prof. Dott. Liborio — Palermo. 

Gramaglia Gaetano — Palermo. 

Guarnaschelli-Mustica Avv. Domenico — Palermo. 

La Lumia Cav. Francesco, Ispettore Demaniale al riposo — 
Palermo. 

La Manna Comm. Achille, Primo Presidente della Corte d'Ap- 
pello — Catania. 

Lancia di Brolo Marchese Corrado — Palermo. 

Lanza Cav. Pietro, Principe di Trabia e di Butera, Deputato al 
Parlamento — Palermo. 

La Vaccara-Giusti Avv. Benedetto, Rappresentante la Provin- 
cia di Caltanissetta — Caltanissetta. 

Monroy Ascenso Alonso Alberto, Principe di Maletto — Pa- 
lermo. 

Oliveri Comm. Eugenio, Sindaco di Palermo— Palermo. 

Pascarelli Mons. Giacomo Are. Parroco — Armento (Basilicata). 

Pemiciaro Costantino — Palermo. 

Romano Can. Leopoldo — Palermo. 

Salamene Avv. Rosario — Aragona. 

Schiavo Ben. Achille — Palermo. 

Schininà di S. Elia Marchese Giuseppe — Ragusa. 

Struppa Cav. Salvatore, R. Ispettore dei Monumenti, Rappre- 
sentante il Municipio di Marsala — Marsala. 

Taibbi Francesco — Palermo. 

Thomas Dott. Wilson — Palermo. 

Trigona di Sant'Elia Conte Francesco - Palermo. 

Triolo Cav. Prof. Vincenzo — Palermo. 

Ugo Cav. Gr. Cord. Pietro Marchese delle Favare, Senatore del 
Regno— Palermo. 



Digitized by 



Google 



kitt sLnroo Dtt sooi 



Varvaro Cav. Eduardo — Palermo. 
Venuti Arciprete Mauro — Cinisi. 
Venuti Sac. Saverio — Cinisi. 

SOCI ONORARI 

Bamberg Dott Felice — Germania. 

Benndorf Prof, Ottone — I. R. Università di Vienna. 

Busolt Dott. Prof. Seorg — Kiel. 

Cantù Gr. UflF. Cesare, Soprintendente Direttore dell'Archivio 
di Stato — Milano. 

Cozza- Luzi Abb. D. Giuseppe, Vice Bibliotecario della Vatica- 
na — Roma. 

Dennis 6., Console di S. M. Britannica — Smirne. 

De Puymaigre Conte Th. — Francia. 

Engel Arthur — Parigi — Cabinet des Mèdailles. 

Holm Dott. Prof. Adolfo ~ Napoli. 

Liebrecbt Prof. Felice. 

Paris Prof. Gastone — Parigi. 

Perreau Cav. Uff. Pietro, Bibliotecario — Parma. 

Pflugk-Harttung Prof. Giulio — Università di Gottinga. 

Watkiss Lloyd. W. - Inghilterra. 

Winkhelmann Dott. Prof. Eduardo — Università di Heidelberga. 



Digitized by 



Google 



ANTONIO VENEZIANO 

E IL TERZO OENTENARIO DELLA SUA MORTE 



Di Antonio Veneziano, l'elegantissimo latinista, il piiù ri- 
nomato poeta siciliano del secolo XVI, ricorreva nelV Agosto 
del 1893 il terzo centenario della inerte, avvenuta per lo 
scoppio di una polveriera, mentr'egli era detenuto entro U 
forte di Castellammare. 

La ricorrenza di questo avvenimento non potea lasciarsi 
passare inosservata da una Società, com£ la nostra, la gitale, 
se ha per precipuo istituto quello di portare alla luce docu^ 
menti che rischiarino la stmna della nostra Isola, o correg- 
gano date e fatti snaturati o falsati , non trascura, aiP oc- 
correnza, di tener desti con solenni commeniorazioni V amore 
e la riverenza per quanti hanno onorato con il loro ingegno 
e con le loro opere questa non infima parte d'Italia, questa 
nostra prediletta Sicilia. 

n benemerito socio dott. comm. Pitré era stato infatti sol- 
lecito ne* primi dello scorso anno di ricordare con lettera al 
Consiglio direttivo della nostra Società V obbligo che ad essa in- 
combeva di commemorare la data di quell'infausto avvenir 
mento con nuovi studi sulla vita del famoso poeta, sulla qtcale 
erasi formata la leggenda e per cui eransi accumulati er- 
rori, inesattezze e contraddizioni; si da potersi affermare che 
di ciò che si era scritto del Veneziano eran più le stranezze 
anziché altro. 

E tanto più la lettera del Pitrè arrivava opportuna^ in 
quanto che altri soci, per questa ricorrenza, si eran dedicati 
a tutfuomo a svolgere libri, a rovistare archivi, a rinvenire 
manoscritti pur di recare finalmente una qualche luce sulla 
vita deUfiUustre morrecUese. 



Digitized by 



Google 



ANTONIO VENEZIANO 



Il Consiglio direttivo accolse di buon grado la proposta 
del Pitrèy e il Segretario Generale nella seduta sociale déW 11 
Marzo 1893 annunziava alV assemblea che, cadendo nelP Ago- 
sto prossimo il centennario della morte di Antonio Veneziano, 
il Consiglio direttivo avea deliberato una seduta apposita in 
onore dell'illustre poeta siciliano. 

Tre furono i soci che assunsero V onorevole incarico di 
scnvere sulV argomento : il doti, Pitrè medesimo, il center-- 
ranco del Veneziano , can. prof. Gaetano MiUunzi , e il 
cav. Fedele Pollaci Nuccio soprintendente agli archivi del 
nostro Comune. 

Nella seduta solenne del 13 Agosto il Pitrè discorse, con 
quella competenza che tutti gli riconoscono, sulle leggende 
che circondano il nome del Veneziano; donde la necessità 
che studi accurati sulla vita del poeta arrivino a spogliarla 
di tutto quanto è contrario al vero. E pare che al can. Mil- 
lunzi sia stata concessa la ventura di soddisfare a tale ne- 
cessità ; egli mercè accurate e pazienti investigazioni è per- 
venuto a rifare la vita del Veneziano, anzi a ricostruirla; 
avvegnaché nessuna cosa egli asserisca che non sia provata 
con documenti. 

Il Pollaci Nuccio infine , che da sita parte aveva rovi- 
stato il nostro Archivio comunale per attingervi notizie 
suW asserto Segretariato concesso al Veneziano, non solamente, 
in base a documenti, dimostrò insussistente siffatta notizia, 
ma còlse l'occasione per formare un lavoro, interessante per 
la nostra storia municipale, scrivendo deW origine e dell'ufficio 
di Segretario del Comune di Palermi, e riportando lo elenco 
di coloro che vi furono nominati sin dall'inizio. 

La Commissione per la stampa di questo periodico per 
onorare la memoria del Veneziano ha creduto utile non che 
opportuno di pubblicare in due fascicoli riuniti i tre lavori, 
di cui sopra è cenno. 

Palermo Gennaio 1894. 

Q.L. 



Digitized by 



Google 



ANTONIO VENEZIANO 

NELLA 

LEGGENDA POPOLARE SICILIANA 



APPUNTI 

Quando io, son gift sette mesi, ebbi la idea di chiamare 
l' attenzione dei nostri concittadini sul prossimo trecentenario 
della morte di Antonio Veneziano, io imposi a me stesso, ol- 
tre che un grande riserbo , F assoluto silenzio sulla sua vita. 
Me lo imposi , non per manco di ammirazione per V illustre 
poeta, ma per la ferma convinzione eh* ebbi sempre , ed ora 
più che mai ho, delle inesattezze, e, lo dico senza reticenze, dei 
grossi errori che sono stati scritti intomo a lui. Lo mantenni 
per le diflScoltà di correggerli e per la impossibilità mia di 
ricostruire, con documenti irrefutabili, che non avrei avuto 
agio di compulsare, la biografia delF uomo e dello scrittore. 

Troppo, di fatti, alla gravità storica ha preso la mano il 
capriccio dell'agile fantasia nostra, e troppe cose intomo a 
colui che chiamiamo Antonio Veneziano si sono aflfermate, le 
quali han bisogno di prove ; sicché tra il rimestarne di viete 
e lontane dal vero, ed il tacere, la scelta non è dubbia per 
nessuno, come non dubbia è la sentenza: che il silenzio è d'oro 
e la parola è d'argento. 

Eppure, ecco, o Signori, venir meno da me stesso, volon- 
tariamente, al proposito mio, e venirci proprio qui, dov'è a 
presumere che non si pronunzii un nome, non si metta fUori 
una data, non si racconti un fatto che non abbia il suffragio 
di testimonianze e di prove indiscutibili. 



Digitized by 



Google 



4 AKTORIO VBHBZIARO NELLA LBGOBNDA POPOLABB SIOILIAVA 

Il Consiglio Direttivo della Società di Storia Patria ha vo- 
luto che io preluda alla solennità d'oggi; e 

Tanto m* aggrada il suo comandamento, 
Che r ubbidir, se già fosse, m* ó tardi. 

Io non so se Antonio Veneziano abbia dettato lezioni in 
Padova prima del 1562, contando egli appena diciannove anni. 
Non so se abbia occupato TufiScio di Segretario del Comune 
di Palermo, (o non piuttosto sia stato adibito quale uno de* 
soliti scrivani, o in qualche occasione). Non so neppure se sia 
stato amico del Tasso e se abbia carteggiato con lui; né tam- 
poco se, quand* egli fu preso dai barbareschi e condotto schiavo 
in Algeri, sia stato riscattato con ingenti spese dal Senato di 
allora. Ben l'hanno detto ed affermato storici ed eruditi, let- 
terati e poeti (1): e se dovessimo aggiustar fede alla loro si- 
curezza, nessuna notizia dovrebb' esser tanto vera, poche più 
attendibili. Questo però so bene: che attorno al nome di lui 
si vennero formando due curiosi ordini di leggende: uno tutto 
letterario, intessuto di queste e di altre peregrinità, (2) non esclusa 



(1) MoNGiTORE, Biblioiheca Sicula, 1. 1, p. 73. Panormi, ex Typographia 
Didaci Bua MDGGVIII. — Aquilera , Provinciae Siculae Societatis lem 
Ortus et Rea gestae ab anno i546 ad annum i6ii. Pars prima, An. 1598. 
§ LVII. Panormi M.DGC.XXXVII. Ex Typographia Angeli FeliceUa. 

(2) Queste ed altre amenità si trovano riassunte a p. 56 della Raccolta 
amplissima di Canti popolari Siciliani (Catania, Oalatola, 1870) : 

€ Antonio Veneziano nasceva a Morreale a 7 gennaro 1543, e dottis- 
simo in giurisprudenza , storia, antiquaria, e poeta greco, (sic) latino, 
italiano, spagnuolo, siciliano, fu a buon diritto giudicato principe degli 
insulare poeti, ed elevò le siciliane muse ai culmini del Parnaso ; rive- 
rito dairuniversale, tanto che a pubbliche spese della città e del Senato 
di Palermo , fb redento da schiavitù , quando nel 1578 fh alla Capraia 
(sic) fatto schiavo dagli algerini, e ritornato in patria con cittadina 
festa fU accolto dal Senato e dall* esultante popolo. Ma inviso air idra 
del tempo , il s. Officio, fd spesso carcerato e torturato ; e finalmente 
chiuso a Castellammare con molte centinaia di altri infelici, a 19 agosto 



Digitized by 



Google 



AìhN>Ì^O VÉNB2IAV0 NBLLA LBOGBKDA t^OPOLÀRB SldlUAlTA 5 

quella ameDissima della sua entrata nella Compagnia di Gesù 
—secondo calcoli esatti — a quattr' anni; T altro tutto di aned- 
doti e di canti popolari, che col primo non ha nulla di co- 
mune. 

Nostri consoci^ alieni da preconcetti, si sono occupati con 
amore della biografia del Veneziano , ed essi , giova spe- 
rarlo, sfateranno la assurdità della prima leggenda (1). Da loro 
sapremo quel che di sicuro sia nella vita di questo uomo 
illustre e bizzarro, che in cinquantanni, con varia fortuna, fu 
gesuita e uomo d^armi, giureconsulto e poeta, latinista e scrit- 
tore vernacolo, diseredato dalla madre ed erede d' uno zio ; 
corto a quattrini e facile donatore del suo, libero, prigioniero, 
coatto, schiavo; tipo dei cavalieri audaci del cinquecento, ma 
siciliano in tutto il significato della parola. 

Della seconda forma di leggenda, io dirò qui brevemente, 
e senza discutervi sopra, che non sarebbe opportuno né con- 
veniente, rileverò il concetto che il nostro popolino si formò 
del poeta, o meglio, quel che la tradizione ha conservato di 
lui in Sicilia. 

Nel campo della giovane scienza, che gl'Inglesi con felice 
espressione appellarono, e noi tutti chiamiamo. Folklore (sa- 
pere popolare), avviene un fenomeno non privo di curiosità; 
questo, cioè: che quando una persona diventi, per opere di 
mano o d'ingegno e per virtù o vizi eccezionali, famosa, essa 
assorbe intensamente la fantasia dei contemporanei e dei po- 
steri. Circonfusa di gloria o d'infamia, essa fa stupire per atti 
ed azioni vere e non vere, piccole che grandeggiano , grandi 



1593, restò schiacchiato dalla ruina prodotta dallo scoppio, forse non ca- 
suale, di una polveriera; mentre Torquato Tasso suo amico e ammira- 
tore, campato appena dal carcere estense, veniva per abbracciarlo a Pa- 
lermo, e si arrestava a mezzo U viaggio udendo il funestissimo caso ! » 

E così si fa la storia ! 

(1) 11 can. prof. 0. Millunzi da Monreale ed il cav. Fedele PoUaci-N uccio, 
Sopraintendente dell* Archivio Comunale di Palermo. 



Digitized by 



Google 



ARtOKtO VSKBZIANO KELLÀ LlàoOENDA POPOLARB SIOIUÀVA 



che si fanno giganti evidenti che appaiono sovrasensibili. È 
la piccola palla di neve — mi si consenta il paragone mate- 
riale, ma efficace — che rotolando giù dal monte s' ingrossa, 
s'ingrossa, fino a giungere alla valle in un volume enorme per 
fiocchi di neve, per chicchi di grandine, per sassolini raccolti 
per via. 

Gli è che la facoltà, in quella persona, spiccata e preva- 
lente, si altera, si mistifica, si trasforma per fatti non accaduti, 
accaduti in persona d' altri e, senza scrupolo di proprietà, 
attribuiti o presi ad imprestito. Catilina, Giuda, Pilato, Tibe- 
rio, Nerone (1) tra gli antichi; Maometto, Gerberto, Teodo- 
rico, Attila, Ezzelino da Romano, Pietro Barliario, la Regina 
Giovanna tra' personaggi del medio evo (2); Pietro FuUone, Padre 



(1) Vedi Gabotto^ Appunti per la storia deUa Leggenda di Catilina 
nel Medio Evo'^ Torino. Roux 1887 ; — Qraf, Un xibaXdone attribuito ad 
A. Pucci; nel Giom. Slor. della Leti, ilal; an. I, v. I, pp. 282-300 ; To- 
rino, 1883;— D*ÀNGONA, La Leggenda di Vergogfia ecc. e la Leggenda di 
Giuda; Bologna, Romagnoli, 1869; — Graf, Roma nella memoria e nelle 
immaginazioni del Medio Evo; v. I. Torino, Loescher 1882;— £^ monte 
Pilato in Italia; Torino, 1889, e Miti^ Leggende e Superstiz.; v. I, To- 
rino, 1892; — Amalfi, Tiberio a Capri secondo la tradizione pop. Trani, 
Vecchi, 1893 ; — Gallboari, Nerone neUa leggenda e neU' arte; neU' A- 
teneo Veneto^ Serie XIV, voi. Il, fase. 1-2, pp. 4fi5-499 ; Venezia, 1890. 

(2) D* Ancona, Il Tesoro di Brunetto Latini versificato : Memoria^ 
pp. 70-119; Roma, 1889 e La Leggenda di Maometto in Occidente; nel 
Giorn. stor. della Leit UaU an. VII, voi. XIII, pp. 199-281; Torino, 1889;— 
Graf, Spigolature per la Leggenda di Maometto; ivi, an. VII, voi. XIV, 
pp. 204-211 ; — Renibr> Ancora un appunto sulla Leggenda di Maometto^ 
ivi, V. XVII pp. 444-46;— Graf, La Leggenda di un ponte fioe (QerherU))i 
uelU N. Antologia, an. XXIV, 3» Serie, v. XXVI, pp. 220-250; Roma, 1890;— 
Cipolla, Per la Leggenda di Re Teodorico in Verona; neWìArchivio stor. 
ital.. Serie V, t. VI, disp. 6% pp. 457-61 ; Firenze, 1890 ; — Saqala, La 
Leggenda di Teodorico di Verona; nella Cronaca rossa^ n. 27 ; Verona, 
1890 ; — D' Ancona, Attila flageUum Lei ; Pisa, Nistri 1864 ; Studi di cri- 
tica e storia letter. pp. 361-500 ; Bologna , Zanichelli 1880 ; — PoemeUi 
pop. italiani, pp. 167-309 ; — Gubrrini, La Leggenda d' Attila in Italia; 
in Brandelli^ Serie 2*, pp. 57-64; Roma, 1883 ; — Brentari, Ecelino da 



Digitized by 



Google 



▲irtOlliO VBKESilAHO ISELLA iS^GENDA t^OPOLAÈE SÌOaiAlfA f 



Fontanorosa, Papa Lambertini, Napoleone I tra' moderni, (1) 
hanno una fioritura di leggende splendida ed attraente per 
quanto discutibile. Basta leggere i lavori che ho citati in nota, 
per darsene ragione. 

Antonio Veneziano, sotto questo aspetto, è per la Sicilia 
quel che sono per la loro terra natale altri poeti di rinomanza: 
un mago. Strana trasformazione codesta in un uomo che con 
le arti soprannaturali non ebbe mai nulla di comune; ma non 
tanto strana quando si pensi che riputazione pari alla sua 
gode Virgilio in Napoli, Ovidio negli Abruzzi, Boccaccio in 
Certaldo. Poesia e magia debbono avere qualche cosa di ana- 
logo nella immaginazione del popolo, se poterono venirne 
fuori i racconti fantastici e le storielle incredibili che di quei 
grandi ci hanno fatto conoscere il Comparetti, il Graf, il De 
Nino in Italia, lo Stecher nel Belgio, il Tunison in America. 

Veneziano si trova un po' per tutto, trasportato per arte 
magica e magicamente operante. L'aneddoto della salita nella 
cesta attribuito in Napoli all'autore deìVEneide è affibbiato al 
cantore della Celia tra noi. In una notte egli da Palermo vola 
a Catania. Una volta improvvisa un ponte sopra un fiume 
minacciosamente ingrossato per recenti piogge torrenziali. Con 



Romano nella mente del popolo e nella poesia; PadoVa, Drackor 1883 ;— 
BoNARDi^ Ezelino nella leggenda religiosa e nella novella; nella Rasse- 
gna Padjovana^ an. 1, N. 7 ; Padova, 1891 ; Leggende e storielle su E. da 
Romano; Padova, Dracker ; — D' Ancona, Pietì'o Abelardo e Pietro Bar- 
liario; nella Rassegna Settimanale, v. VI, 2^ sena., n. 154 ; pp. 374-78, e 
nelle Varietà storiche e leti, ; V serie, pp. 15-38 ; Milano Treves 1883 ;— 
Sabatini, Abelardo ed Eloisa secondo la trad,pop, ; Roma, Muller 1879;— 
Amalfi^ La regina Giovanna nella Tradizione ; Napoli , Priore, Mille 
ottocento XGII; — Croce, 1 ricordi della Regina Giovanna a Napoli; in 
Napoli nobilissima, voi. II, fase. VII, pp. 97-101 ; Napoli, Laglio 1893. 

(1) BoGLiNO, Di talune notizie su Pietro Fullone ; Palermo 1887; — 
PiTRÉ| P. FvXlone tradiz, pop, siciU e nelle sue opere; in Nuova Anto- 
logia , sett. 1871 ; e in Studi di poesia pop, ; PaL 1872 ; — Giovagnoli, 
Leggende rombane; Roma, Parino, 1887. 



Digitized by 



Google 



8 ANTONIO YSNNZIANO K£LLA LjbOGENDA POPOLARE SICILIANA 



una canna, specie di bacchetta del comando, fa cose non mai 
udite né viste. Di amore intende quanto il poeta de Arte 
amandi; ma nessun aneddoto particolare ci richiama ai Don 
Giovanni, 

Come poeta egli fu incontrastabilmente il più forte ed il 
più facile, secondo la tradizione. Nessuno potè stargli di fronte 
vivo; nessuno superarlo morto. Quanti ftirono o si tennero 
ai suoi tempi verseggiatori famosi, vollero gareggiare con lui 
nell^estemporaneo ; ma che poterono essi fare se il morrealese, 
come mago, aveva Parte che non può avere nessuno ? Se nei 
secoli scorsi potè nascere e più tardi mantenersi tradizionale 
il motto, vero o falso, di Michelangelo a proposito dei pan- 
neggiamenti che sapea dare alle sue statue il nostro più grande 
scultore : « Portatelo in Sicilia e fatelo vestire dal Gagini » , da 
parecchi secoli corre proverbiale la chiusura di una sfida 
che dice: 

E 8* *u[i t* abbasta In tó sintìmentu, 
Va* pri cansigghia nni Vìniziana. 

Al Veneziano il nostro popolino attribuisce quanto di let- 
terario e di bello ha saputo scoprire nei canti. A lui, solo a 
lui, la facoltà di penetrare le acutezze d'un dubbio intrigatis- 
simo, e di scioglierlo in versi che sono la maraviglia degli 
emuli e la vergogna degli avversari. Nella tradizione paler- 
mitana egli, tenuto pel più dotto tra' suoi contemporanei, ri- 
ceve in Palermo gli sfldatori; nella tradizione di altri comuni 
dell'isola, che vantano poeti propri non inferiori a lui, parte 
Veneziano per andarli a sfidare. £ qui è notevole il vederlo 
quando a Catania, quando a Messina, e quando a Trapani. 
Beato chi può farlo passare da casa sua e sentirlo a contra- 
stare con Pietro FuUone, con lo Stivala, col Passalacqua, col 
Vujareddu di li Chianiy col Dotto di Tripi, con Occhiu di 
Purci e con altri, il nome de' quali ci è giunto per soli so- 
prannomi! Che importa che qualcuno di essi fosse premorto al 



Digitized by 



Google 



AXTOlllO VKNiutAKO kfcLLA LbQGBKDA POPOLAttB àlOÌLIAl^A 9 

Veneziano o nascesse dopo di lui? Nelle sue tradizioni il po- 
polo non va tanto pel sottile : ed il folklorista guarda al fatto, 
tien conto delle paternità putative come delle paternità vere, 
studia le mistificazioni» segue i cosiddetti temiy va dietro agli 
spostamenti de' motivi e delle formole, agli innesti nuovi su 
tronchi vecchi di tradizioni e racconti, pago abbastanza di scor- 
gere in essi dei documenti di novellistica comparata e di de- 
mopsicologia. 

E poi, siamo giusti ! Se certi letterati poterono permettersi 
di fare del Veneziano un mostro di sapienza a 10 anni, tanto 
che egli philosophicas et theologicas artes in Collegio Romano 
arTipuit et publice proptcgnavit, ut in magno ilio litteror 
rum theatiVy ingenii atque doctrinae primas tulerit (1); 
se nel 1562, o giù di lì, al diciannovesimo anno di sua età, 
gli fecero svestire l'abito de' Gesuiti, che egli avrebbe preso, 
secondo un computo esatto, a quattr'anni, quando la bocca 
dovea sapergli ancora di lattime; se nel 1593 fecero partire il 
Tasso per venire a conoscere di persona il Nostro ; se qual- 
cuno non dovette durar fatica a dargli il diploma d' avvo- 
cato (2); oh perchè non potranno gì* indotti permettersi gli 
incontri de' loro maggiori poeti col massimo tra tutti, Antonio 
Veneziano ? La è questione di equità : e noi dovremmo più 
volentieri rassegnarci ai piccoli anacronismi delle anime ver- 
gini d'istruzione, per dirla col Montaigne, che ai grandi at- 
tentati degli scrittori alla verità ed al buonsenso. Se no, ver- 
remmo a ripetere in noi l'aneddoto di quel tale che nel Ve- 
nerdì Santo faceasi scrupolo della stilla di latte schizzatagli 



(1) Aguilbra, loc. cit. 

(2) Nella « Nuova Scelta di rime siciliane illustrata cotte noie a cor- 
redo degli Italiani, Palermo MDGGLXXIV, Stamperia dei SS. Apostoli in 
Piazza BologQi », nella dedica sodo citate le « poesie deirimpareggiabile 
Avvocato Antonio Veneziano »> ; e la prima poesia é del < Gioreoonsalto 
A. Veneziano ». 



Digitized by 



Google 



lo AMtOìrìO TBKlZtAlro «ÉLLA LÌ&0B1tDA POI^OLAÌtift slOtUàNA 



sulle labbra e non se ne faceva dei tocchi di carne che avea 
divorati a due palmenti ! 

Lungo sarebbe il tener dietro al nostro poeta nelle non 
infrequenti sue peregrinazioni per la Sicilia. Molti di voi, o 
Signori, devono aver sentito, fors' anche ricorderanno, sfide a 
botte e risposte piene di fierezza e di arguzia. Io mi limiterò 
a richiamare questa soltanto. Pietro Pavone catanese, attratto 
dalla fama del Veneziano, si parti di patria in cerca di lui. 
Giunto in Morreale e sbirciando, coi suoi cattivi occhi lo vide a 
passeggiare sotto il portico del Duomo, vestito alla spagnuola, 
ed uscì nella seguente ottava tutt'altro che onorifica: 

Ca 8sa birritta misa a la cacia 
Cu 8sa mustazza chi tattu ti luci, 
Qaannn ti vija, e qaanna su* ca tia, 
Tatto m* allegra di la vera laci. 
Sapra la manti mi pari chi sia, > 

Unni Maria chiauciu lu Figghia duci; 
T* arrassumigghiu a lu Bonuinattia (1), 
Chiddu chi scisi a Gristu di la cruci. 

A cui il Veneziano di rimando: 

S*ia flci chistu, fici un* opra pia, 
Pi dari airomu la superna luci. 
Aspetta, cecu, e lassa diri a mia, 
Cà crgu ca fusti priva di la luci 
Cà cci ammazzasti lu Figghiu a Maria, 
Lu sf^acillasti e lu mittisti *a cruci; 
Cà tutti chiddi sumigghianti a tia 
Lu fraggillara e lu misiru *n cruci (2). 



(1) Giuseppe d* Arimatea. 

(2) Una versione di questa sfida, trascritta neiranno 1735, ó riportata 
neìì* Archivio delle trad. pop., v. I, p. 354. Palermo 1882. Ad essa il Salo- 
mone-Marino fii seguire (pp. 363-365) parecchie altre versioni con varie 
pretese paternità. 



Digitized by 



Google 



ÀKtOlnO VSMI2IAiro VBLLA LBOGINDa POPOLABB BtOlUAHA li 



Né i letterati vollero esser da meno del popolo nelle facili 
attribuzioni di paternità poetica al nostro. Son più che ven- 
t'anni io diedi conto di un ms. del secolo XYII intitolato: 
Canzone siciliane composte dal nostro celeberrimo poeta 
marrealese Antonio Veneziano (1). Quel ms. era un prezioso 
cimelio per la poesia popolare siciliana, come quello che con- 
teneva il cinquanta per cento di canti tradizionali attribuiti al 
Veneziano (2). Mss. simili a quello non mancano in Sicilia, 
dove il poeta rappresenta il solito Cireneo della poesia rusti- 
cale anonima ; e l'ultima edizione delle Opere di lui , fatta in 
Palermo nel 1861 alla tipografia Giliberti, sotto la rubrica di 
Poesie divene accoglie una ventina di canzoni , delle quali 
forse qualcuna, ma certamente non tutte egli scrisse. 

Storia e leggenda, o tradizione letteraria e tradizione po- 
polare, concordano in un punto capitale : nel carcere che il Ve- 
neziano soffri. 

Questo carcere è la Vicaria Vecchia, attuale Palazzo delle 
Finanze, pel popolo; Castellamare, pei dotti. Una volta vi fu 
chiuso dentro, secondo il popolo ; due, secondo alcuni ; tre per 
FAguilera; più volte ancora, secondo altri. La novella non è 
bella se non c'è la giunterella, dice il proverbio; e di giun- 
tarelle si son dilettati biografi vecchi ed ammiratori nuovi del 
Veneziano. 

Che delitto egli commise? 

Satire mordaci contro non so qual personaggio potente, 
dicono tutti ; ed il carcere, ond'egli usci debole e scontraffatto, 
sarebbe stato deliziato con diciotto tratti di corda, che uno 
scrittore acitano a tutti noto (3) gli fa allegramente assestare 
forse dal Sanf Uffizio, chiamando in testimonio il Mongitore , 
che però non ne sa nulla. 



(i) n Prqpugnaiore, voi. IV, parte II, pp. 357-71. Bologna, 1871. 

(2) Studi di poesia popolare^ pp. 184-230. Palermo, 1872. 

(3) Vedi la nota 2 a pag. 2. 



Digitized by 



Google 



ìi ANtOHiO Vsi^B^tÀito NfcLLÀ LSCtòEKDA POPOLAKB dlOILÌAltA 



In quella prima prigionia» stando alla tradizione erudita, si 
occupava di versi. Il benemerito Agostino Gallo verso il 1871 
mi raccontava, come veramente accaduto, che un giorno stan- 
dosi il Veneziano attaccato alle sbarre del carcere e spiran- 
dosi dal desiderio d*un po' di tabacco (ricordiamoci che questo 
venne introdotto in Francia nel 1560), chiamato un ragazzino 
che si recava a scuola, lo pregò che gliene volesse comprare 
un pochino. Rifiutandosi questo perchè premurato di andare 
a raggiungere più presto del solito i compagni, coi quali do- 
vea comporre il latinuccio della giornata, il poeta glielo pro- 
mise in compenso del favore. Il tabacco fu comperato, ed il 
latino composto e dettato allo scolare. Letto poi, come proprio 
di lui in classe, fu la meraviglia di tutti, benché nessuno, prin- 
cipiando del padre Precettore, lo credesse farina del sacco del 
sedicente autore. Se non che, il vero autore non tardò ad es- 
sere risaputo, e la cosa corse di bocca in bocca per tutta la 
città come un fatto grazioso. Quei versi io raccolsi dalla bocca 
del venerando vecchio, ed hanno per argomento due fratellini 
conducenti un capretto legato con una fune; col quale, uno 
precipita nel vicino pozzo; l'altro si toglie la vita con un col- 
tello , mentre la madre, corsa piangendo, alla vista dello spet- 
tacolo si strangola con un laccio (poteva bene buttarsi anche 
lei nel pozzo; ma il tema del Precettore era quello), ed il 
padre muore improvvisamente. I versi son questi: 

Vervex cum puero, puer alter, sponsa, maritas, 
Lympha, cultello, fune, dolore cadnnt. 

La fantasia volgare, dall'altro lato, s'è sbizzarrita anch'essa 
su questa cattura, ed al poeta, dentro la Vicaria, povero, ma- 
landato e negletto nella persona, fa dire la canzone seguente: 

Amici, amici, qnadari, qaadari, 
Facitimi qnadari di liscia, 
Gà tatti quanti mi vogghiu sqaadari, 
Li robbi lordi di la Vicaria. 



Digitized by 



Google 



AKTOKIO VISNEZIANO KBLLA LEOOBNDA POPOLARB BIOILIAKA 18 

Gurrìti tatti, mastri pittinari, 
Partati tatti pettini pri mia ; 
E 8' 'an ce' ò corna, fticiti Birrari 
Li corna a cliiddi chi 'nfùssaru a mia ! 

Uultimo verso ha una variante che non occorre mettere 
in evidenza in questo momento solenne. L'aneddoto, ovvio in 
ogni parte della Sicilia, si presta a lunghe discussioni ; ma la 
trovata de* pettinagnoli che non avendo la materia prima dei 
pettini da fabbricare potrebbero procurarsela presso i calun- 
niatori, è vivacemente ingegnosa. 

Ài 15 Dicembre del 1590, una grande, una immensa sven- 
ture gettava nella desolazione la parte più eletta della Capi- 
tale. Cento e più persone, tra dame e cavalieri, magistrati ed 
ecclesiastici, annegavano miseramente al crollo dello sbarca- 
toio di Piedigrotta che dovea accogliere, heduce da Messina, 
il viceré D. Diego Henriquez de Guzman Conte d'Albadelista. 
La fama dell' uomo fatale fu subito creata ; fama pericolosa , 
contro la quale si è sempre cercato un antidoto in amuleti da 
tutti dichiarati superstiziosi, ma da tutti, ad ogni buon fine, 
adoperati. I biografi del Veneziano ci potranno dire se pro- 
prio a quei giorni, contro il Viceré uscisse e facesse il giro 
della città la celebre satira della quale tanto scalpore si è me- 
nato (1), e se davvero, come per univoca tradizione si è ripe- 
tuto, fosse di quella creduto autore lui. 

Tant'è, il poeta fu preso daccapo, confinato dapprima 
nell'isola di Pantelleria; poi, per intercessime della nobiltà pa- 



(1) « Dum Panormi apud Castrum ad mare in carcere detrusiu de- 
iinereiw\ em quodam libello in Proregem scripto, quem stÀtpiciones 

nonnullae ipsum edidisse indicabant > Mongitorb, loc. cit. — cAuiu» 

el linguae procaciiate et famosis versiculis Proregem ipsum Comitem 
de Albadelista proscindere j in altum foedumque pvblicaì^um custodiarum, 
anlrum poiius^ quam carcerem detrusus est et parttm abpuit quin sup- 
plicio afflceretur ». Aguilera, op. cit., § LVIll. 



Digitized by 



Google 



14 AmOHIO VBRUIAirO iriLLA LIOOKVDA POPOLABS 8I0ILZAKA 

lermitana, restituito alla città e chiuso nel forte di Castellamare. 
Quivi, senza un^accusa ufficiale, senza regolare processo, senza 
ragion di difesa, stette Ano al 19 Agosto del 1593, che fu Tultimo 
della sua vita agitata e turbinosa. Fosse effetto de^ calori estivi, 
fosse incuria di custodi, fosse umana perfidia, prendeva fuoco 
la munizione, ed uno scoppio tremendo faceva saltare l'edificio 
ove con altri cittadini illustri e con centinaia di popolani stava 
il Veneziano (1), che solo il domani fu rintracciato e scoperto 
deforme sotto le macerie. Pochi giorni dopo, le forche veni- 
vano rizzate per un certo Navarro, pokerista del Castellammare; 
ma la storia non potrà forse mai accertare se il povero giu- 
stiziato fosse vittima della sua negligenza, o di un delitto 
governativo. 

Una storiella, non sappiamo se nata in seguito al caso, o 
corsa dopo molti anni, o creata molto tardi per malevoglienza 
verso l'uomo, per quanto Tuomo fosse insigne, racconta che la 
catastrofe fosse stata ripetutamente preveduta da un ignoto 
pellegrino ai Padri della Casa Professa in Palermo : punizione 
di Dio ai grandi peccatori chiusi in Castellamare. Notiamo 
anche questa tra le leggende letterarie e mettiamola a conto 
deir Aguilera (1), che un secolo e mezzo dopo la scomparsa 
del poeta lo presentò come un Don Giovanni dei luoghi più 
abietti scoprendogli non so che placche di morbo celtico nella 
bocca. 

Dicesi che il corpo del disgraziato poeta abbia avuto ono- 
rato riposo in Monreale, nella cappella del Rosario , gentilizia 
dei Veneziani nella chiesa di S. Vito ;. e si aggiunge che il 



(1) Vincenzo Auria, Historia cronologica delti Signori Viceré di Si- 
cilia^ ecc. (In Palermo. Per Pietro CJoppola 1697), p. 67, scrive : « Occorse 
un f\anesto aanenimento a* 29 d'Agosto dell'anno 1593 in Castello à mare, 
doae dato foco alia polnere per mera disgratia, vi caddero allo scoppio 
molte case, e partorì non poco spauento à i Cittadini, morendoni molti 
carcerati, e frk qaelii il celebre Poeta nostro Siciliano Antonio Vene- 
tiano >. Vedi pure Monoitorb, loc. cit. 



Digitized by 



Google 



AHTOKIO ymSIAHO HILLA LSOGIKDA POPOLABB BlOniAVA 15 

tèschio, (adorno di corone d'alloro, secondo il Modica)^ fosse 
stato esposto (1) sino alla metà del secolo passato in un cu- 
polino, difeso da un cristallo dalla parte anteriore. Ebbene : 
« il volgo reputandolo teschio di qualche santo, vi si andava 
ad inginocchiare innanzi, drizzandogli delle preci; » onde TAr- 
civescovo Francesco Testa nel 1754 lo fece rimuovere e portare 
non si sa più dove (2). 

In quell'adorazione popolare è da vedere, non già la co- 
scienza dei devoti verso un santo, ma la venerazione del po- 
polo monrealese verso il poeta, del quale faceva e fa un es- 
sere soprannaturale o mitico, come noi diremmo. 

La leggenda del Veneziano non ci compone degli scarsi 
fatti fln^qui accennati, né è cosi semplice come potrebbe pa- 
rere a chi non ne sappia dell'altro. Ad essa si lega tutto un 
ciclo di aneddoti e di poesie popolari che fornirebbero cu- 
rioso soggetto di studio folklorico. La crìtica anche meno 
acuta non avrebbe da stentar molto a ridurre ai loro giusti 
termini i fatti che, impersonati nel nostro poeta, correvano 
già prima della sua nascita, o si attribuivano dentro e fuori 
Sicilia ad altri poeti e personaggi cospicui. 

La stona della poesia popolare in Italia è oramai in buona 
parte scritta, e bene (3); ma una pagina che potrà scriversi 
ancora, e sarà certo non priva di interesse, è quella della 
influenza che potè esercitare il Veneziano sul popolo poeta, 
quella dell'elemento tradizionale che al popolo potè attingere 
il Veneziano. Certo uno scambio di questo genere avvenne : 
ma come ed in che misura, non è prudente il sentenziare. Quel 
che fin da ora si presta ad osservazioni non infruttuose è la 
Raccolta di Proverbi siciliani in ottava rima, che nel 1628 



(1) MONGITORB, lOC. clt 

(2) 0. Modica, Ricerche critiche^ p. XII. 

(3) Vedi D'Ancona, La poesia popolare in Italia, In Livorno, 1878 ; 
Rububi» Storta deUa poesia italiana. Firenze, 1877. 



Digitized by 



Google 



16 ANTOl^TO VIRXSTANO NELLA LEOOEKDA POPOLABS 8T0ILIAKA 



vide per la prima volta la luce eoi nome del Veneziano (l). 
Se la crìtica riuscirà a confermare storicamente T autenticità 
dell'opera, si avrà un documento sicuro delFelemento tradizionale 
nelle canzoni del poeta, elemento che a sua volta spiegherà 
come molte di quelle canzoni fossero state adottate e conservate 
dal popolino. Quella Raccolta^ che nessuno osa negare al 
Veneziano, ma che non sarebbe lecito attribuirgli senza il be- 
neficio deirinventarìo, sono un caro gioiello paremiograflco ; 
dove con ingegnoso innesto centinaia di proverbi e motti si- 
ciliani si legano in settanta ottave a rime alterne, franche, di- 
sinvolte, scorrevoli. Ne giudichi chicchessia dal seguente saggio : 

A boD pidotn non manca vascedda, 
A bon vascedda non manca timani, 
A bon snidata non manca casteddn^ 
A bon casteddn megghiu tnrrianì ; 
A Gavaleri nn bon cavaddu beddn, 
A bon cavaddn la virga e spiruni, 
Ad un bon nidn non ci manca auceddn 
Ed a bon scava non manca patruni. (n. XXI) 

Gai cangia la via vecchia pri la nova, 
Ghiddu chi manca si pensa ci avveni ; 
Non vaja scansa cai simina chiova, 
Chi poi si pnngi cn dalari e peni. 
Gai va a V abbissu a T abbissa si trova, 
Gai simina virtù, ricogghi beni ; 
E ben 1* antichi ndi ficira prova : 
Gai sputa in Gela a la làcci ci veni. (n. XXXI) 

Pri troppa ventu la vascedda sferra, 
E pri gran trevi la malata sparra, 
Pri assai cunsigghi si perdi la guerra, 
E pri tanti gindizii si sgarra ; 



(1) Palermo , presso G. B. Maringo 1628. Ristampato presso Pietro 
Goppola, 1680; presso Ferreri, 1695; in Messina, 1744, 1770, 1829; e di 
nuovo in F'alermo, 1861 e 1880. 



Digitized by 



Google 



AHTOKIO TKinzIANO HBLLA LBGÌG^BVDA POPOLABI SIOILIAIA 17 

Laada la mari e toniti a la terra, 

Penza la cosa prima chi si parrà, 

Pirch' baia *ntisa diri a la mia Terra; 

Cui fa li cosi adacia mai li sgarra, (n. XXXIII) 

Dalle spigolature da me fatte nel campo tradizionale risulta 
evidente ed indiscutibile il valore del poeta e la celebrità alla 
quale egli sali. 

Ma già, il fatto solo che una delle più reputate Società 
Storiche d' Italia prende occasione dal terzo centenario com- 
memorativo del Veneziano per onorarlo degnamente ; il tatto 
solo di esser qui convenuti i rappresentanti di Palermo e di 
Monreale col fiore degFingegnì siciliani, non è esso la miglior 
prova del conto altissimo in che è tenuto il grand' uomo ? 

E questo è vero merito, o Signori : questo che, dopo trecen- 
f anni si mantiene superiore alle passioni volgari ed alle brut- 
ture dei tempi ! 



GlUSESPPB PlTRÈ 



Jrch. Star. Sic. N, 8. anno XIZ. 



Digitized by 



Google 



ANTONIO VENEZIANO 



A 

MONS. ISIDORO CARINI 

CANONICO DELLA BASILICA DI S. PIETRO 

PREFETTO DELLA BIBLIOTECA VATICANA 

ONORE E DECORO DELLA COLTA SICILIA 

CON AFFETTO E GRATO ANIMO 

L' AUTORE. 



CAPITOLO I. 
La famiglia — la patria — gli studi. 

É pur troppo vero che i geni non sono esseri solitarii : 
anzi godono essi perfettamente quella vitale facoltà di aspira- 
zione e respirazione per cui da una parte fanno lor prò di 
tutti gli elementi in mezzo a cui vivono; e da un'altra parte 
a misura della loro potenza modificano Tambiente che li cir- 
conda. Cosi il sangue, la famiglia, la patria, l'orizzonte, 1 
tempi, Teducazione, gli amici, i libri, tutto influisce nella varia 
loro conformazione. Dante, Shakespeare, Byron sono tre geni, 
ma non di un medesimo stampo: né uguale- e stereotipa è l'in- 
fluenza da loro esercitata sulla letteratura contemporanea e 
posteriore dei loro paesi. 

Sotto questo profilo non è stato mai studiato Antonio Ve- 
neziano, il più grande genio che vanta la nostra letteratura 
siciliana nel secolo XYI , e che pur meriterebbe tanto ! lila 
per fare questo studio bisognerebbe prima raccogliere il ma- 
teriale per accertare completamente due epoche letterarie, 
quella che lo precesse e quella che lo segui; epoche che per 
disgrazia qui presso di noi sono le meno conosciute sinora. 
Questo poi non è lavoro da farsi in un giorno, nò da un solo 



Digitized by 



Google 



▲XtOinO YIHISIAHO 19 



uomo; DÒ riuscirebbe tale da potersi leggere in una seduta acca- 
demica , che ha per iscopo la celebrazione di un centenario. 
Io dunque sin da principio declino l' impegno di pigliare 
sopra le mie spalle l'intiero peso di un simile lavoro. Ma come 
cittadino di Monreale e Canonico e Parroco di quel duomo, 
in cui vagiente fanciuUino fu portato il Veneziano per rice- 
yere al sacro Fonte i primi inizii della vita cristiana, i diritti 
di cittadino monrealese e il nome: come concittadino e come 
parroco, io dico, mi tratterrò più specialmente a studiare il 
mio Veneziano nelle sue attinenze con la famiglia e con la 
città di Monreale. 

È un fenomeno curioso il vedere come i poeti, i quali men- 
tre sono in vita godono di rivestire il vero sotto forme favolose 
e leggendarie, poi dopo la morte siano quasi sempre travolti 
essi pure nelle ombre della favola e della leggenda. Nel caso 
nostro per il Veneziano aveva tutta ragione di scrivermi nel 
passato febbraio l'illustre socio dott. Pitrè: occorrono ricerche 
• attive ed amorose per vedere qual fede sia da aggiustare alle 
tante cose che si son dette e scritte di lui, e per accertare 
dove finisca la biografia e dove comincia la leggenda (1). Aveva 
ragione, dico, perchè giusto la leggenda ha fatto ingiuria al 

(1) É a sapere che il dott. Giuseppe Pitrè fu il primo a proporre la ce- 
lebrazione del terzo centenario del poeta Veneziano con una sua lettera del 
31 gemiaio 1803 al Direttore del Giornale di Sicilia. 

Il 28 febbraio poi formava un prog^ramma inteUigente e completo in 
questa lettera al mio indirizzo : e Mi è caro sapere che la mia proposta in 
onore del Veneziano abbia trovato accoglienze oneste e liete costi, special- 
mente presso lei, ecrregio cultore deUe patrie memorie. E non dubito che 
per l'illustre dimenticato si farà in pochi mesi queUo che non si è fatto in 
tre secoli. Occorrono ricerche attive ed amorose per vedere qual fede sia 
da aggiustare alle tante cose che si son dette e scritte di lui, e per accer- 
tare dove finisca la biografia e dove comincia la leggenda. Occorre fare 
un'edizione critica deUe opere di lui e prepararsi degnamente a festeggiarlo. 
La inteUigente operosità della giunta municipale di Monreale, il patriottismo 
del sindaco, l'amore tradizionale dei dotti di cotesta città per le gloriose 
memorie assicurano la buona riuscita del centenario. > 



Digitized by 



Google 



20 ANTONIO VENEZIANO 



nostro poeta sin nelle cose più care e sante, il nome, la fa- 
miglia e la patria. 

Il Mongitore fìi il primo ad asserire che egli ebbe per madre 
una certa Elisabetta e per padre un certo Antonio Vallone, il 
quale perchè in Monreale era venuto da Venezia, fU appellato 
comunemente con il soprannome di Veneziano (1). L'Ortolani 
riconfermò la notìzia : (2) e indarno un esimio raccoglitore di 
memorie monrealesi, Onofrio Tagliavia, si studiò di correggere 
l'errore^ poiché anche in quest'anno di grazia 1893 l'asserzione 
del Mongitore e dell'Ortolani ha trovato spaccio sui giornali. 
E interessante dunque cominciare da questo primo punto lo 
studio della vita del Veneziano, tenendo sott'occhio unicamente 
i pubblici documenti dell'epoca che bastano a spargere una 
luce chiarissima. — La famiglia Veneziano , con questo unico 
cognome sin da antichissimo tempo si trova in Monreale an- 
noverata tra le famiglie Monrealesi. Negli atti della curia del 
1492 si parla di Giovanni Veneziano (3), avo del poeta, e con 
questo cognome e come cittadino monrealese lo riconfermano 
altri atti presso il notare Gian Luigi Altavilla e in fine il suo* 
testamento stipolato nel 1512 presso il notare Gian Francesco 
De Bellissimo (4). Da questo documento apprendiamo come si 
estendeva in Monreale il parentado dei Veneziano in sul nascere 



(1) n Mongitore nella Biblioteca SiciUa^ tom. I, pagf. 78, scrive : l^ 
4ntonium in lucem editum parerUilna Antonello et Elisabeth Vallone: 
at quia pater Venetus passim Antonellum Venetum appellabanty bine 
nostro etiam Antonio Venetiani cognomen accessit, 

(2) L'Ortolani nella Biografia di Ant. Veneziano scrive : Veneziano 
fìt chiamato perchè suo padre era di origine veneta, ma il suo cognome 
f\i Vallone. 

(S) Negli atti della curia deU' Arcivescovato Monrealese sin dal 1492 si 
parla di Gio. Veneziano senza altro aggiunto, il che vale a dire che ò nativo 
di Monreale : dico ciò, perchè allora trattandosi di stranieri era uso costante 
presso la Curia djchiarare la città o il regno donde provenivano ex. gr. de 
terra Sutere: hc^itator ossia dvis Montis Regalis oriundus lanuensis. 
Per contrario negli atti dei pubblici notari anche ai cittadini si dà Tespli- 
dto aggiunto di civis Afontis Regalis. 

(4) Vedi dooumento L 



Digitized by 



Google 



ÀUTomo VsNDctAìn) 21 



del secolo XVI e come Tonorabile Giovanni presso a morire 
lasciava una discreta famiglinola di quattro figli maschi, An- 
tonio, Vito, Bartolomeo ed Antonino, unico minorenne. Da esso 
pure ci è dato in parte conoscere quaPera lo stato economico 
della famiglia, e come il feudo di Raxalicheusi le apparteneva 
sin d'allora: sebbene un concetto più preciso risulta in seguito 
da un atto di transazione fatto dai due fratelli Antonio ed An- 
tonino nel marzo del 1526 (1). Assai per tempo morirono i due 
fratelli Vito e Bartolomeo, Pultimo dei quali si era reso chie- 
rico. Cosi l'amministrazione del patrimonio di famiglia restò in 
mano di Antonio, che era il primogenito e lo fece prosperare 
sensibilmente. L'incremento del censo e un buon grado di cul- 
tura civile e d'istruzione gli ottennero in breve corso di tempo 
il titolo di nobile e poi quello di magnifico , che non aveva 
goduto Giovanni suo padre. Con questo Antonio la famiglia 
Veneziano piglia un tipo che ritrae perfettamente il carat- 
tere del patriziato monrealese nel secolo XVI, dove era 
prepotenza e patriottismo ; pretensione esclusiva ai pubblici 
magistrati, salda la fede religiosa e forte l'attaccamento alla 
chiesa, ma negletta ed abusata la morale. Nel marzo 1516 al 
tocco notturno delle campane del duomo il popolo monrealese 
per le angherie degli stranieri, che spadroneggiano nella città, 
rivoltandosi contro di loro li depone dalle cariche e crea i nuovi 
ufficiali civili ed ecclesiastici. Allora Antonio Veneziano viene 
acclamato maestro notaro della Curia, grado dei più impor- 
tanti nella pubblica amministrazione (2). E quando l'imperatore 
Carlo V reduce dalla battaglia di Tunisi nel 1535 ferma per 
otto giorni la sua dimora in Monreale, egli da Prelore rap- 
presenta la città; e a lui insieme al governatore Gian Antonio 
Pulleo Barone del Burgio tocca di fare gli onori della festa. 
Anche le bolle che conferiscono ad Alessandro Farnesi l'arci- 
vescovato di Monreale sono presentate al Veneziano, come 
autorità civile e da lui eseguite nella corte pretoriana mon- 



(1) Qaesto contratto è stipulato presso Not. Giaa Luì^i AUavilla il 9 
marzo 1526. 

^ Vedi docamento Q. 



Digitized by 



Google 



22 ANTOKIO VKlni2lAlC0 



realese il 20 giugno 1536. E perchè la città meglio si popolasse 
di persone importanti o per il censo o per il sapere, nel corso 
di pochi mesi concede i diritti della cittadinanza monrealese 
a due ragguardevoli personaggi, il nobile Secolo La Mammana 
della terra del Salvatore e Io spagnuolo magnifico Francesco 
Dies Discalona. Giovane fu libertino ed ebbe parecchi figli da 
illegitimo amore, dei quali sopravvissero Giovanni ed Elisabetta. 
Costei nel 1535 si rese monaca nel monastero di S. Castrense 
e pigliò il nome di Angelica (1). Ebbe ingegno assai svelto, 
prontezza di parola, sentimento squisito, e fu la suora che me- 
glio delle altre nel 1549 dando risalto ed interesse al suo pen- 
siero, impressionò il grande teologo venerabile Giacomo Laines 
e lo spinse alla riforma di queir istituto monastico. Giovanni 
fu uomo facinoroso e sempre perseguitato dalla giustizia: nel 
1534 si trova nelle pubbliche prigioni di Monreale per un'ac- 
cusa data contro di lui dal nobile Angelo Scuderi; perchè, 
come asserisce costui, nella pubblica piazza gli era venuto alle 
spalle « cum unu scupittuni seu archibuxuni di quilli prohibiti 
per ammaczarilo magna cum violencia et quillo chi apoxao 
darreri li spalli et strinsi la chiavi et apigliau lu focu» (2). 
Questo fatto fu causa di gravi dispiaceri al padre ^ il quale 
nelPaprile dell'anno seguente fu egli pure carcerato perchè a 
difesa del figlio si era azzuffato con Giliberto Scuderi parente 
del sopradetto Angelo (3). In questo medesimo anno parve che 
si fossero rappacificate le due famiglie; ma fU poco vero, che 
il 1537 Giovanni Veneziano, fatta lega con altri amici, appostò 
di notte tempo il nobile Giliberto e lo fini (4). 

A questo punto dopo avere accennato le prime tendenze 
della famiglia, non giova sapere altro intorno allo svolgimento 



(1) Il contratto di dole per la monacazione é fatto il 28 gennaio 1535 
presso Not. Gian Luigi AllaviUa. 

(2) Vedi documento III. 

(3) Vedi documento IV. 

(4) Vedi documento V. 



Digitized by 



Google 



AUTOKxo mnusuiro 



delle accuse e alle persecuzioni di Giovanni. Giova però rifarci 
indietro per meglio conoscere rintera famiglia che nei modi leg- 
gittimi formò intorno a sé il magnifico Antonio Veneziano : cosi 
emergerà chiaro qual posto tenga in essa il nostro Poeta. È dun- 
que a sapere che egli successivamente ebbe tre mogli : dalla 
prima per nome Eufemia ebbe una sola figliuola chiamata 
Vincenza, la quale nel 1534 (ed è utile tenerlo presente) di- 
venne sposa dei magnifico Antonino De Calogero. La seconda 
moglie fu Elisabetta Vallone (1) di famiglia puramente mon- 
realese, dalla quale ebbe un sol figlio per nome Francesco. 
Ecco come entra il cognome Vallone nella famiglia Veneziano: 
e dopo ciò si giudichi se non appartenga più veramente alla 
leggenda che alla storia l'asserzione di coloro, i quali affer- 
marono che il cognome della famiglia non era quello di Ve- 
neziano, ma piuttosto quello di Vallone. Ed è pure leggenda 
che il nostro poeta sia stato figlio di questa Elisabetta, la quale 
mori più di dieci anni avanti che egli fosse nato (2) ! La vera 
madre di lui fu AlJegranza Azolino, terza moglie del magnifico 
Antonio, la quale sopravvisse al marito dopo di averlo fatto 
padre di numerosa prole (3). E i figli si chiamarono Giovanni, 
Niccolò, Antonello il celebre poeta, Constanzella, Virginia, Ar- 
mellina e Maria che fu battezzata dopo la morte del padre, 
avvenuta nel luglio del 1547. 

Dal testamento che il magnifico Antonio Veneziano fece 
prima di morire abbiamo conosciuto il più vero prospetto dello 
stato della famiglia ; e da esso abbiamo inoltre appreso quali 



(1) Elisabetta Vallone figlia di Beltro dapprima era stuta moglie di Filippo 
Bertaccio deUa terra di Carini; morto costui, il 13 maggio 1525 passò a s(!- 
conde nozze con Antonio Veneziano. Però il contratto matrimoniale fu ro- 
gato dopo più che un mese presso not. Gian Luigi Altavilla il 20 giugno 152ó. 

(2) Nei mss. dei Gammuca si legge che questa Vallone mori nella peste 
dd 15751 

(S) 11 contratto matrimoniale ò stipolato presso Not. Gian Luigi Altavilla 
il 31 dicembre 1533. U matrimonio poi fu celebrato il di seguente. 



Digitized by 



Google 



24 AÌTTORIO VlNXZIAl^O 



erano i suoi sentimenti religiosi e come egli era uno dei con- 
flati deir antichissima chiesa di S. Vito e il fondatore della 
cappella della Madonna del Rosario (1). Questo testamento cor* 
redato dell'inventario dei beni lasciati dopo la sua morte può 
essere anche un documento assai utile per conoscere gli usi e 
costumi, lo sviluppo dell'agricoltura e della pastorizia, gli uten- 
sili, le masserizie e il corredo della famiglia del patriziato 
monrealese in quei tempi. 

Dall'inventario (2) poi rileviamo che la casa Veneziano era 
cosi fornita di archibugi, spade, daghe, balestre e di altre 
armature difensive, da parere un castello baronale. 

L'unico figlio che il magnifico Antonio, come si è detto, 
ebbe da Elisabetta Vallone fu Francesco, il quale fra tutti 
sorti da natura un'indole più sobria e pacifica. Non si trovò 
mai complicato in processi criminali, sebbene sostenne continui 
litigi con i fratelli e con altri parenti per ragione di eredità. 
Costui nel 1552 curò l'erezione di una cappella dedicata alla 
Madonna del Rosario nell'antica chiesa di S. Antonio e la de- 
corò di opere d'arte. Tra queste teneva il primo luogo un bel 
quadrone su tavola, probabilmente del De Pavia (3), adorno di 
una cornice assai pregevole lavorata ad intaglio dal rinomato 
monrealese maestro Valerio Vallelunga (4). Fu soldato della 
cavalleria siciliana nella recluta del 1553 e poi sedette fra i 
giurati della città. Per tradizione di famiglia sostenitore dei 
privilegi dei cittadini monrealesi, nel 1558 si mise a capo di 
un grosso partito e nei modi legali rimostrò contro l'abuso, 
che pur troppo spesso rinasceva in Monreale, di conferirsi le 



(1) Vedi documento VI. 

(2) Vedi documento VII. 

(3) Questo quadrone nel t570 fu riformato e restaurato da Gian Dome- 
nico Incarnato, pittore napolitano. Vedi documento Vili. Ora finalmente si 
rovinò quasi del tutto, quando si volle trasportare aU'Esposizione Nazionale 
Palermitana 1891-1892. 

(4) Vedi documento IX. 



Digitized by 



Google 



AÌfFONlO VBinZIAlio 2^ 



cariche della città a persone straniere. Insistette presso il luo- 
gotenente del Farnesi e presso la corte del pretore, e le istanze 
almeno per il momento sortirono esito favorevole. Sappiamo 
inoltre che attese, e con successo, a certe industrie poco svi- 
luppate in Monreale; e nel 1555 tenne in appalto la tonnara 
di Carini, nel 1563 per incarico del magnifico Andrea Galletta 
diresse la fabbrica dello zucchero [trapetum camiamelarum) 
al ponte dell'Ammiraglio in Palermo (1), e nel 1565 lo troviamo 
alla tonnara della Rinella. Passò il resto della vita esercitando 
l'agricoltura e la pastorizia. 

Tra 1 fratelli Veneziano, Francesco è quello che fa una vita 
più appartat^i dagli altri, coi quali pare abbia avuto poche 
relazioni, e ciò sicuramente per la diversità della madre dalla 
quale era nato. Al contrario Giovanni, Niccolò ed Antonello 
vivono tra di loro siffattamente vicini, che la vita dell'uno rientra 
in quella dell'altro. 

Giovanni si tenne sempre celibe: nel settembre del 1561 
ricevette l'abito chiericale e gli ordini minori (2) : ma smise 



(1) Nel coiitratto sUpoiato presso Net. Matteo De Ganci in Palermo il 
12 novembre 1563 mì legge : « magcus Francisous Yeneciano de civ. mon. 
reg. mìhi not. cognilus spente so obligavit magCo Andree Galletta civ. pan. 
ad ei servìcndum in trapoto cannamelarum pontis miraglie pan. prò su- 
praslante clinriTir. » 

(2) Ricevette gli ordini minori il 20 settembre nella chiesa del SS. Sal- 
vatore come costa dalla nota seguente: « Io. Antonius Phassides dei et 
Àpostolice sedis gralia £p. Chrintopolitanus et Ecd. Montis Regalia aulfra- 
ganeus et Yicarius Geueralis. Notum fucimus quod nos hodie sabati quatuor 
temporum mensis septembris in civitate Montis Reg. in Ecclesia Sancti Sai- 
vatoris sacros generales ordines celebrantes dilectum nobis in Ghristo fìlium 
magcam lohannem Venetianum de civ. Montis Regalis dice ejusdem ido- 
neum de legitimo matrimonio procreatum libere conditionis etatis legitime 
ac sufficientem ad infrascrìptos ordines examinatione per nos prius pre* 
missa repertum ac nobis presentatum, cupientem ad priman clericalem ton- 
saram et quatuor minores ordines canonice promoveri cooperante spiritus sep- 
tiformis gratia per manuum nostrarum impositionem ad dictos ordines ac 
Clericali militie agregavimus prout per presentes promovemas et ordinamus, 
Dat in dv. Moni. Reg. die XX sept 1561 >. 



Digitized by 



Google 



AltTOHIO VElTEZtAKO 



presto e visse da laico, sebbene quando gli giovasse, preten- 
deva vantare i diritti del foro ecclesiastico. Di costumi fu as- 
sai rotto sino agli ultimi anni della sua vita; ma si destreggiò 
a modo, e di fronte all'autorità se la cavò sempre bene. Noc- 
que alla fama della famiglia e specialmente al nome del no- 
stro poeta, poiché in seguito gli storici attribuirono ad Antonio 
molti vizii che meglio si riferivano al fratello Giovanni. Facile 
all'amore, all'odio, al capriccio; nel 1562 fa donazione di tutti 
i suoi beni ad AUégranza sua madre; poi se le rivolge contro 
e le muove lite; ma essa gli è costantemente larga di affetto 
e lo ricambia generosamente. Amico degli amici si trattiene 
con loro in canti e suoni; e intanto fa preparare una fossa 
dentro Torto della casa ereditata dallo zio arcidiacono, per sep- 
pellirvi segretamente Prospero Maniscalco, suo nemico, a cui 
tendeva agguati per coglierlo alla sprovvista ed ammazzarlo. 
Quando la sorella Costanza va a marito al magnifico Giovanni 
Sansoprano, egli la dota splendidamente: nel 1574, per volere 
del pretore e dei giurati fa parte della deputazione per la 
festa dell'ingresso del nuovo Arcivescovo Ludovico I De Tor- 
res: e nella peste del 1575 è uno dei deputati più attuosi 
della commissione di sanità. 

Niccolò fu più morigenito e più inteso all'amministrazione 
dei beni di famiglia : sposò Eumilia Gargano e . ne ebbe 
due figlie, ma sopravvisse a lui, e fu sua erede la sola AUé- 
granza. Antonello gli ebbe molta fiducia e quasi ogni volta 
che si trovò assente da Monreale, lo prescelse come suo pro- 
curatore. Nel marzo 1555 è la prima volta che Giovanni e 
Niccolò Veneziano si trovano dinanzi al Tribunale dell'Ar- 
civescovato di Monreale, accusati come rei di omicidio per- 
petrato in persona di Pietro d' Agra. L' accusa è promossa 
dalle nobili signore Laurea e Geronima D'Agra, l'una moglie 
e Taltra madre dell'ucciso: gli accusati sono immediatamente 
banditi dalla città. Correva allora un tempo assai difficile per 
Monreale: quistioni di ordine superiore avevano inimicato l'a- 
nimo di Filippo II contro il Cardinale Farnesi, sino al punto che 



Digitized by 



Google 



AUTONIO rwSMOASO 27 



questi fu privato della giurisdizione arcivescovile. Cosi le pro- 
cedure erano divenute incerte e i pubblici ufficiali abusavano. 
In questo tempo Giovanni e Niccolò non poterono neppure 
ottenere di essere intesi per la discolpa. Ma appena il Far- 
nesi si rappacificò con Filippo II ed ottenne la redintegra- 
zione (1), si rivolsero direttamente a lui, che da Parma con 
sue lettere, impose al Governatore Paolo Burlamacchi di far 
presto introdurre la causa, perchè fosse definita giuridica- 
mente (2). La loro reità non potè provarsi nel primo giudizio: 
intanto le parti interessate ritrassero l'accusa, ed essi usando 
dell'indulto generale accordato dal Farnesi ai suoi vassalli in 
occasione della redintegrazione (3) furono liberati dal bando 
nel 1559, ma dovettero dare fideiussione di ritenere il regno 
per carcere. Per Giovanni poi la faccenda era ancora più se- 



(1) 11 (iftcrelo <ii Filippo II, col quale fu redintegrato Alessandro Farnesi 
neU'Arcivesoovato dì Monreale, ebbe Tesecutorìa in Trapani il di 8 febbraio 
1557: fu poi presentalo alia corle di Monreale il 12 dello stesso mese. 

(2) N«lla lettera spedita dal Farnesi il 29 ottobre 1558 si diceva : « loan- 
nc et Nicolao Vcnoliano, fratelli, di Monreali hanno supplicato, come ve- 
dereto, per lo incluso memoriale, che essendo essi frati banniti per causa 
di homicidio del (|nfìle dicono essere innocenti, vorriano, presentarsi innanti 
a voi et vostro capitaneo et purgarsi domandando justitia, et essendo tro- 
vati innocenti per li processi che si faranno, esseri absoluti anco del bando 
in che sonno; la qual domanda parendoce honesta habbiamo voluto per 
la prescelte conimeltorvi che li date licontia di potersi presentare come è 
detto, et cho pigliundo la loro probatione et defensione juridice et honesie, 
ne facciate fare processo secondo il costume del loco, et che visto il tutto 
li facciate expedi ta justitia >. 

(8) Quando il Card. Farnesi fu redintegrato nell'amministrazione della 
sede di Monreale, mandò come suo visitatore e procuratore il Rev.mo An- 
gelo Piroszi. Tra gli altri capitoli delle istruzioni dirette a costui da Parma 
il 20 agosto 1558 si legge : • Apresso vi damo autorità per contenteza di 
quella cita che de li delieti facti avanti che ella ritornasse aUa reintegra- 
tone della nostra ecclesia et cita di Monreale faczate indulto et remissione 
generale: de quelli però con li quali la parte sia accordata et che restano 
solum per la istantia dello erario nostro fiscale; exceptuando però li hc«» 
nùddy làoti aoimo deliberato et simili oasi enormi », 



Digitized by 



Google 



S8 AUtoino ViiiraziAlto 



ria, perchè contemporaneamente stava legato da un'altra ple- 
geria a cagione dì un'accusa sporta contro di lui da Margherita 
Paradiso. Giovanni allora per liberarsi da quest'ultimo impic- 
cio pensa di arrotarsi nell' armata che si allestiva in Si- 
cilia per l'impresa di Tripoli (1). Il viceré lo riceve e lo 
mette sotto gli ordini di Cesare Lanza, capitan d'armi in 
Trapani : anzi gli affida la direzione di un manipolo di sol- 
dati, ed egli stesso impone al governatore e al capitano di 
Monreale di allargargli i limiti della fideiussione (2). 

Di altre accuse e di altre persecuzioni toccate a Giovanni 
e Nicolò Veneziano mi occorrerà parlare più appresso. Per ora 
mi piace cessare per poco di ragionare di delitti, di tribunali 
e di armi e ritornare più indietro, e riposare lo sguardo so- 
pra una figura più serena e simpatica. Fratello minore del 
magnifico Antonio Veneziano, come già si è detto, fu Antonino: 
costui inclinato a pietà sin da fanciuUetto , quando mori il 
fratello Bartolomeo che era chierico, volle egli indossare gli 
abiti chiericali, e perseverò nella vocazione. Come si dice 
chiaro in un pubblico contratto, il 1526 avendo in animo di 
consacrarsi esclusivamente agli uffici ecclesiastici, rinunciò al 
fratello maggiore tutta la sua eredità ritenendo per sé quel 
tanto che gli fosse stato necessario per vivere con decoro 
nel sacerdozio. E crebbe buono, amato dalla famiglia e rive- 
rito dai concittadini. Oggi che si parla tanto di antischiavi- 
smo e si favorisce con ogni sforzo quest'opera di grande ci- 
viltà, io ricordo con venerazione la figura del sacerdote Ve- 
neziano che col fatto nel cinquecento si mostra tanto caritate- 
vole coi suoi schiavi (3), e nel testamento ne manomette due, 
Cesare e Marta Veneziano. 



(1) Vedi documento X. 

(2) Vedi documento XI. 

(3) Era frequente in Monreale Tubo di rendere la libertà agli schiavi, 
ed è graziosissimo T aneddoto del Card. Gardona, il quale la promette a 
Giovanni Nigro » suo schiavo , a condizione però che si astenga dal vino 
per dieci anni I « Mandavit Ill.mus et Rev.mus dom. Henricus de Gardona 



Digitized by 



Google 



ARTOKIO YKgmUJKO 29 



Gian ADtoDio Fasside, vescovo di Grìstopoli, suffiraganeoe 
vicario generale del card. Farnesi lo tenne in pregio e per 
lui onorò della sua amicizia tutta la famiglia Veneziano. La 
venuta in Monreale del bolognese mons. Pompeo Zambeccarì 
come visitatore e luogotenente del Farnesi, portò al clero se- 
colare una burrasca immeritata, e pure al sacerdote Veneziano 
considerato individualmente, non nocque; anzi il Veneziano 
ebbe da costui un segno di stima e di preferenza nell'essere 
stato promosso alla Propositura che era la prima dignità del 
nuovo capitolo eretto in queiranno nella collegiata del SS. 
Salvatore (1). Però la sua virtù si conobbe più veramente 
nella diocesi di Monreale, quando nel 1549 il venerabile Gia- 
como Laines (2), ammirando la sua prudenza e il suo zelo. 



Arch. Moiitis Regalis quod loannes Niger ejud servus si dominalioni sue 
servierit bene et dUigenter per annos decem ab hodie in antea numeran- 
do8 et dnrante decennio predicto non biberit vinam tane et eo casu et 
non aliter nec alio modo sit et esse debeat liber et omni servitù te exemptus 
et civis romanus effectus. Ita tamen si oontravenerit in promissis et pro- 
tnissorum quolibet, ipso facto preseiis actus sit et esse debeat cassus, irritus 
ci nulius. Die XXVU may XIII ind. 1525 >. 

(1) Il Zambeccari con la sua costituzione pubblicata agli atti di Not. Anto- 
nino Auguglia in Palermo U 12 gennaio 1546 tolse TArcidiacono e i Canonici 
e Parroci dalla Metropolitana e li trasferì nella chiesa del SS. Sa'lvatore da 
lui stesso eretta in Collegiata. In un altro atto del 20 marzo 1546 presso 
lo stesso notaro si trovano i nomi di tutti i canonici^ e il Veneziano tiene 
il posto di proposito. 

(2) Il yen. Giaa Laines fu uno dei prìmi sette compagni di S. Ignazio 
e il più dotto Teologo che sedette fra i Padri del Tridentino. Per incarioo 
del Card. Farnesi venne in Monreale due anni dopo il Zambeccari, e ne 
corresse gli errori. Presso il collegio dei gesuiti di Monreale si conservava 
di lui un bel ritratto dell'epoca : espulsi 1 gesuiti nel 1767 il ritratto passò 
al monastero dei PP. Benedettini, dove fu esposto con questa curiosa epi- 
grafe die dimostra come ancora non erano estinte le antiche passioni e le 
lotte e D. O. M. -- lacobo Laynez Ibero astutissimo — Extinctae Societatis 
lesu sacerdoti — ab Alexandro Famesio Cardinale — Monregalensis Eccie- 
siae administratore — electo visitatori — anno millesimo quingentesimo 



Digitized by 



Google 



80 AHTOinO VIRKJSIAKO 



l'onorò della autorità e della dignità arcidiaconale del capitolo 
della metropolitana (1). Quale interesse spiegò il Laines in 
questa promozione e quali frutti se ne augurava può facil- 
mente vedersi da una lettera da luì scritta nel medesimo anno 
al decano dei Padri Benedettini (2). Da qui innanzi il suo zelo 
comincia a spiegare una grande operosità non solo a riguardo 
delle cose del culto, delPosservanza dei giorni festivi, della 
disciplina del clero e della morale del popelo; ma anche per 
Teducazione ed istruzione del chiericato. Sino a questo tempo 
in Monreale non troviamo propriamente alcuna scuola aperta 
al pubblico, se ne eccettui un certo insegnamento di bassa 
grammatica che dal 1532 al 1538 soleva tenere dentro lo stesso 
duomo il sacerdote Carlo De Lapi. Negli anni precedenti chi 
desiderava essere istruito doveva a sue spese procurarsi un 
maestro particolare che veniva da Palermo : e questo che 
oggi insegnava l'arte delUi grammatica, domani dettava le- 
zioni di alta Teologia. Nel 1529 il nobile Gian Pietro La 
Franca teneva insegnamento a pensione dentro la cappella 
di S. Orsola. Chi poi desiderava fornire un corso di studi 
più completo doveva rivolgersi altrove; e altrove sicuramente 
fu istruito nella classica letteratura latina il mosaicista Pie- 



ci u ad ragesimo nono — quuni hujus Moiiasterii monachos rcligiosissimos — 
ojicerc tenta verit — et Ignatianos ejas alutnnos intromittere — Imperatore 
resistente — Frustra conatus fuerit — Archidiaconatum denique malis ar- 
tibus — dericis pertinere dedaraverit ^ abolito urbis hujus collegio — ab 
eo fundato — monachi ardelionis hujus memores — Hanc illius aevi ima- 
ginem — lesuitarum expulsione ejecUim — in nequitiae suae argumentum — 
Hoc in tabulano receperunt — anno aerae christianae millesimo septiugen- 
Icsimo sexagesimo septimo — ut hic una cum scrìptis — iniquitatum ge- 
starum ^ praebeat testimonium ». Una bella Vita ^del P. Lainez è stata 
scritta dal P. Giuseppe Boero, e pubblicata in Firenze 1880. 

(1) Vedi documento XII. 

(2) Vedi documento XIU. 



Digitized by 



Google 



AVTOiriO TINUUHO SI 



tro Oddo, di cui ci restano alcuni versi latini di finissimo 
gusto diretti al Cardinale Gardona nel 1524 (1). 

L'arcidiacono Veneziano è il primo che mette in animo 
al Laines Pidea di aprire un collegio Gesuitico in Monreale: 
il Laines se ne fa caldeggiatore presso S. Ignazio di Lojola 
e presso il cardinale Farnesi : il 1 novembre 1552 si inaugura 
solennemente la fabbrica del nuovo istituto, e il 1 luglio 1553 
si aprono le pubbliche scuole con duecentoquaranta allievi, 
che avuto riguardo ai tempi e alla piccolezza della città è un 
numero stragrande. Ne gioì la cittadinanza e soprattutti l'ar- 
cidiacono Veneziano che comprese sin da quel giorno 'quali 
frutti se ne dovevano raccogliere per l'istruzione della gio- 
ventù in generale e della chieresia in modo specialissimo. Quel 
giorno é certo che accorse a quella solennità un nipote di lui 
per nome Toscano Rugiero, noto oramai nella storia dei ge- 
suiti siciliani per i meriti dell'ingegno e notissimo per l'eroi- 
smo delle virtù cristiane (2). Imagino e non senza fondamento 
che a costui dovette accompagnarsi ancora il giovanetto de- 
cenne Antonello Veneziano ! 

Ecco quali sono sino a questo punto le condizioni della 
città di Monreale per quel che riguarda la cultura morale 
ed intellettuale : ecco quali note caratteristiche sino a questo 
momento porta impresse la famiglia Veneziano nei membri 
che la compongono. Questa è l'atmosfera in mezzo alla quale 
respira le prime aure della vita il nostro Antonello, nato dal 
magnifico Antonio e dalla magnifica AUegranza Azolino il 7 



(1) Vedi Gan. Parr. G. Millumzi— iZ Mosaicista Pietro Oddo, Paleruio 
1891, par. XH. 

(2) Toscano Rugiero fu figlio di quel magnifico Pietro, dottore in lue^ 
diciua, ohe Antonio Veneziano, padre del poeta, nel testamento chiama suo 
cugino. Intorno a costui scrisse largamente il P. Aquilera nella Storia dei 
Gesuiti in Sicilia. Di recente ha ricordato le sue virtù il Gan. Parr. G. 
FiORiMZA nelle Illustrazioni e note della eruditissima Vita della Serva 
di Dio Suor Maria Trucco, Siena, Tip. di S. Bernardino 1889. 



Digitized by 



Google 



82 AUTomo ▼niBzi^ifo 



gennaio 1543 (1). Al nascere tutto gli sorride intorno: la gioia 
serena del padre, le carezze della madre, la baldanza dei 
fratelli, la nobiltà e le agiatezze del casato, lo splendore della 
religione che lo inixia ai carismi cristiani sotto le volte au- 
rate del tempio normanno. E le braccia di un teologo ed u- 
manista, qual'era il Fasside, lo ricevono come per conferma 
di felice augurio e lo tengono al sacro fonte (2). Cosi vera- 
mente felici erano le parvenze deiraugurio^ ma non felice a 
questo modo doveva svolgersi la vita del nostro poeta. E il 
cuore ? ah ! il cuore era destinato a formare il centro di due 
correnti contrarie, ma forti , sensibilissime. Tutti gli uomini 
sentiamo dentro di noi una tendenza di lotta, un contrasto 
con noi stessi, sentiamo un certo esquilibrio, i cui estremi 
chiamiamo amore e dolore. Quanto più l'anima è leggiera e 
sublime, tanto meglio sente una movenza e uno slancio verso 
qualche ideale, tanto meglio sente la virtù delPamore. E al- 
lora per corruzione della natura umana o per incapacità 



(i) Nei registri della Parroochia di Monreale si legge « Die 7 lanaarii, 
1* ind, 1.543 — fu baltezato lu figlio del magoo Antoni Vinitiano nomine 
Antonello : li compari furono lo revdo Don Io. Antoni Phasside , magcu 
Philippu MisUenda; la commari Norella La Autilìa ». 

(2) Gian Antonio Fasside fu Palermitano, ma passò quasi tutta la vita 
in Monreale. Il Mongitore ne dà scarsissime notizie. Dottore in sacra teo- 
logia venne in Monreale da provicario del Card. Ippolito dei Medici : in 
seguito fu eletto Vicario dal Card. Farnesi il 24 giugno 1596 e visitò la 
diocesi Favori il clero secolare e nel 1544 ad istanza del Farnesi fu eletto 
Vescovo di Gristopoli e fu consecrato in Roma. Il 1554 tenne il sinodo 
diocesano in Monreale che in Sicilia è il più antico ed importante per la 
scienza sacra, per la storia e per la latinità. Fu pubblicato in Palermo lo 
stosso anno coi tipi di Anai. Nel 1559 scrisse il Caeremoniale Ecclesiae 
Montis R§galù, che si conservò nel duomo sin tanto che dall^Ab. Michele 
Giudice fu trasportato in S. Martino : ed ora si trova aUn Nazionale di 
Palermo. Nel 1562 ordinò sacerdote Giovanni de Orazio, eletto di Siragusa, 
lo consacrò Vescovo : come pure nel medesimo anno consacrò Antonino 
Faraone Vescovo di Cefalù. Fondò e dotò la cappeUa di S. Anna. Mori in 
Monreale il 10 settembre 1568. 



Digitized by 



Google 



AHTOHIO ▼KKmARO 88 



delle sue forze, resquilibrio si fa più gagliardo, il contrasto 
più vivo, più vivo il dolore. Chi nasce poeta, è un fato inalterabile, 
deve essere crisalide dorata, ma destinata al fuoco : senza un 
grande amore, non c'è poeta; dove è un grande amore non 
può mancare un grande dolore. 

Il nostro poeta conosce il suo fato, se ne rammarica con 
se stesso e con voce di pianto dice: 

Natu appena in enimma fu predittu 
Di la mia vita lu cursu e lu ntatu : 
Chistu sarrà di duci affannu afflittu, 
Sarrà senza firita lanziatu. 
Cussi fu, mi turmentu e staju zittu, 
E lu colpu a lu cori sta cilatu; 
Sia Toraculu santu, benedittu, 
E la ferita e IWannu ch'in patu. 

Ancor bambino a quattro anni perdette il suo primo amore, 
il padre : non capi sicuramente il colpo della sventura , ma 
nel suo concino incoscio dovette scolpirsi sin d'allora una 
prima linea funesta che lo inchinò al pianto. Però con lo svi- 
lupparsi dell'età e del sentimento dovette avvertire un desio 
di un amore non appagato: le carezze della mamma e dei 
fratelli e la protezione dello zio non dovettero essere baste- 
voli a ricolmare quel vuoto. Nelle anime grandi certe prime 
traccio di dolore simile a questo producono un effetto ed un 
abito meraviglioso, che nelle masse degli uomini generalmente 
non si avverte. Ed è questo che non le abbatte, anzi le con- 
centra come in volontaria solitudine, l'ingagliardisce, le rende 
più capaci di certi propositi forti. Questo fatto di un deciso 
riconcentramento delle facoltà intellettuali doveva essere sen- 
tito vigorosamente dal nostro poeta, perchè seppe ritrarlo con 
imagìne vigorosa, quando cantò : 

Sulu e ricotu cu li mei pinseri. 
Areh. Star. Sic. N. S. anno XIX. 8 



Digitized by 



Google 



34 ANTONIO VBRBBIAirO 



Ora mi fa minor meraviglia il sapere come il nostro An- 
tonello nel 1555 compito appena il suo dodicesimo anno^ si 
determina di lasciare la famiglia e la patria ed entra nella 
Compagnia di Gesù nel collegio Palermitano. C^era il piacere 
dello zio arcidiacono, c'era un trasporto agli studi da parte 
sua; ma ci doveva essere pure in famiglia un certo punto nero 
che veniva rischiarato dairammirazione che egli sentiva verso 
quei padri sin d'allora cultori esimii di pietà e di sapienza. 

In quei tempi, come sempre, nelle scuole dei Gesuiti si inse- 
gnava con grande energia, perchè cosi voleva S. Ignazio (1), la 
grammatica latina e la metrica: e come testo si dava Giovanni De 
Spauterio. Lo stesso S. Ignazio per non moltiplicare le cattedre, 
quando si pativa difetto di un numero di eccellenti maestri, aveva 
stabilito che solo in Messina (2) doveva tenersi un corso com- 
pleto di studi letterarii con insegnamento di grammatica^ uma- 
nità, rettorica, lingua greca ed ebraica. Non vi si dava però 
lezione né di metafisica, né di teologia, né di altra disciplina 
di ordine superiore, mentre queste erano riserbate alle scuole 
del collegio romano. Così i novizii gesuiti che davano prove 
di maggiore ingegno e intendevano apprendere le discipline 
superiori, da Messina si mandavano a Roma : e per contrario 
quelli che dovevano più largamente studiare belle lettere, da 
Roma si mandavano in Messina. Il primo Monrealese che andò 
a fornire il corso degli studi in Roma fu Toscano Rugiero 
nella Compagnia detto Giovanni, cugino del nostro poeta, il 
quale insieme ad otto altri siciliani era partito dalla Sicilia 



(1) Vedi AouiLERA, parte !•, pag. 88-89. 

(2) Lo stesso Aguilera nel laogo più sopra citato dice : # Ea Ignatii 
mens fuit, ut in ea doctorutn inopia, quam nascenUs societatis infiintia su- 
stinere vix poterai, liberales arte» in Romano GoUegio, linguae in Mamertino 
traderentur. Quare mutuis profectionibus Roma Messanam mittebantur, qui 
linguis essent erudiendi : Messana vero Romam qui ad altiores addiscendas 
disciplinas exculti inveniebantur nostri adolesoentes». 



Digitized by 



Google 



AHTOHio vnniAHo 86 



imbarcandosi nel porto di Messina il 18 Settembre 1553 (1). 
Questo indirizzo avevano le scuole dei Gesuiti quando vi 
entrò Antonello Veneziano : cosi egli compi il corso gramma- 
ticale a Palermo, ed in Messina studiò rettorìca, lingua greca 
ed ebraica. Quali progressi abbia fatto in brevissimo tempo, 
lo possiamo noi argomentare ora non solo dalPeccellenza delle 
sue opere, ma anche dal conoscere come in sul cadere del 1559 
dopo soli quattro anni di studi fatti nel collegio, fu creduto 
degno di essere mandato in Roma con altri tre prestantissimi 
giovani siciliani (2). Felice coincidenza ! il 24 Maggio di quel 
medesimo anno era arrivato nelPalma città il novello gesuita 
Francesco Toleto, prima discepolo di Giovanni Abulense nel- 
l'Università di Valenza e poi discepolo di Domenico Soto in 
quella di Salamanca. 11 Toleto, dottissimo in giovine età^ di- 
venne in breve il genio ispiratore di trenta valorosi discepoli, 
ai quali per tre anni e tre mesi insegnò propriamente filo- 
sofia (3). Però egli inclinato sin da giovinetto alla giurispru- 



(1) L'Aguilbra, parte prima, pag. 103 scrive: Ignatius propositi sui 
tennx, quum statuisset liberales dìsciplinas Messanae nuUas esse oportere^ 
sed Romam omnes prò praesenti copia transferri, eo convenire jussit nostros 
ex Provincia Sicula adolescentes, qui linguis probe eruditi ad superiora studia 
aptiores invenirentur. Quare ex omni numero selecti sunt novem. Quatuor 
ex collegio Panormitano, Ioannes Rogeriuz , Ioanues Hieronymus , Bene- 
diclus Valentinus et Petrus Regius Pauormitanus. Quinque ex Mamertino, 
Ioannes Antouius Viperanus, Gilbertus PuUicinus, Garolus Faraonius, Fran- 
ciscus Alexander et Angelus de Ioanne >. 

(2) L'AouiLBRA. parte prima, pag. 145, parlando delle cose avvenute 
nell'ottobre del 1559 scrive : Eo ferme tempore Messana Romam evocantur 
dialecticue Jiddisoendae causa Geor^ius Scoricius, Michael Labacus, P. Do- 
niinicus Gallus et Antoni us Venetianus >. 

(3) Francesco Toleto nato neU*ottobre 1532 fu qualche tempo dubbioso 
degli studi che doveva seguire; ma inclinava alla giurisprudenza: però con- 
sigliato da Giovanni Abulense prescelse la teologia. Entrò nella Compagnia 
di Gesù il 3 giugno 1558, insegnò prima Filosofia e poi Teologia sempre 
secondo S. Tommaso. Fu creato cardinale da Clemente Vili il 1593: mori 
il 1596. Lasciò opere a stampa e manoscritti pregevolissimi. 



Digitized by 



Google 



86 ARTOKIO VBRBZUNO 



denza, anche a dod farlo a posta ne ispirava amore ai disce- 
poli, sebbene quella non era una materia che secondo le re- 
gole del fondatore doveva studiarsi dai Padri della Compagnia. 
Antonello Veneziano in Roma fu tutti e tre anni discepolo del 
Toleto, e sotto la scorta di lui forni il corso filosofico, e da 
lui riportò una profonda conoscenza delle dottrine Tomistiche 
e un amore speciale per la giurisprudenza. Con qual'esito poi 
coltivò da sé le materie giuridiche lo vedremo più appresso : 
per quel che riguarda alle sue cognizioni filosofiche tomistiche 
dico che non possiamo darne un saggio completo , poiché il 
Veneziano nel corso della sua vita o non ebbe mai occasione 
diretta di darne prove in iscritto, o non pervennero sino a noi 
le cose da lui scritte. Pure chi ben ci attende non può non 
osservare nelle sue stesse poesie erotiche certi pensieri e certe 
espressioni che sono tutte aristoteliche. 

Una delle nozioni più ardue e sottili, che costituisce, son 
per dire, la base del sistema scolastico é quella intomo alla 
materia e alla forma. Egli se ne mostra tanto più profondo co- 
noscitore, quanto ne usa con esattezza scientifica in argomento 
meno dignitoso e meno onesto, cominciando dall'asserire che 
secondo Aristotile la materia non può esistere senza una forma 
che VinfiynnL. 

Nel discutere intorno al tempo e aireternità i filosofi an- 
tichi non tennero uguale forma di definizione. S. Tommaso 
meglio precisando il concetto Aristotelico tenne fermo a so- 
stenere che il tempo « est numerus motus firmamenti, in quan- 
tum hic motus est primus motuum — 1, 64, 4, 3 — e che 
Tetemità ^ est mensura esse perraanentis — 1, 10, 4, 3 — Il 
Toleto interprete stupendo di S. Tommaso , ne sviluppa più 
largamente il concetto nelle parole «SBternitas est durati© 
quasdam prcesens semper sine principio et fine, carens priori 
et posteriori et perfecta, cui nihil deest (1). E in un articolo 



(1) Toleti-Enarratio in Summam Theol. S. Thom. quaeai. 10 art. 1. 



Digitized by 



Google 



Àirfoirio VxriìzUnò < 8? 



segaente (art. 3) osserva che a rigore P eternità compete a 
Dio; ma per participatiooem può estendersi in più largo senso 
e significare «quod per multum tempus durat». Or bene il 
concetto di S. Tommaso dichiarato dalle parole del Toleto lo 
vediamo Analmente risplendere nelle forme belle e poetiche 
del Veneziano, che cosi prega la sua Diva: 

Ora è ben tardu, oimè, chiara discernu 

Com'è la pena mia, pena eccessiva: 

Pirchi essendu lu tempu un moto eternu (1) 

D'ogni parti di celu successiva: 

Tu chi puoi, fermi lu motu ad un pernu, 

Chi tuttu pri prisenti si descriva, 

E fai la pena mia com'è airinfernu 

Senza misura, intensa, unita e viva. 

Con questa bella ottava lasciamo il Veneziano nei suoi rap- 
porti col Toleto; ma non possiamo non osservare come egli 
in Palermo, in Messina, in Roma aveva fatto un corso di studi 
cosi completo e sotto la scorta di maestri cosi prestanti, che 
non si sarebbe potuto desiderare meglio nò a quei tempi, né 
a questi nostri. 

Il crescere degli anni e il lavorio del suo intelletto potè- 
rono in seguito maturare in lui ed accrescere il patrimonio 
delle sue larghe cognizioni classiche, storiche, scientiflche; gli 
poterono raffinare il gusto e il sentimento estetico, ma l'uomo 
delle lettere era già formato dentro il Collegio dei Gesuiti. 

Intanto avveniva in Monreale la morte dello zio Arcidia- 
cono, il quale nel suo testamento del 5 gennaio 1562 lasciava 
eredi universali i nipoti Giovanni e Niccolò Veneziano (2), 
coiringiunzione di regalare ogni anno ad Antonello un vestito 
di panno decente e conforme al modello della Compagnia di 



(1) S. Tommaso non combatte l'opinione deireternità del moto del cielo 
1, 10, 2, e. 

(2) Vedi Documento XIV. 



Digitized by 



Google 



88 ANtotrio vttntiàiio 



Gesù. Diceva però l'Arcidiacono, che caso mai Antonello la- 
sciasse la Compagnia, doveva allora considerarsi come erede 
universale anche lui nella terza parte dei beni (1). Fu questa 
una vera tentazione per Antonello : e il vigore dell'età e l'in- 
temperanza dell'animo di poeta e la testa fumante per la co- 
scienza del suo sapere lo determinarono a lasciare la Com- 
pagnia di Gesù. Egli dovette sicuramente arrivare in patria 
tra il maggio e il giugno del 1563; e dico ciò, perchè mentre 
da un atto della corte Farnesiana si vede che il 23 aprile non 
era ritornato in Monreale, poi in un altro del 30 giugno si 
detege il contrario. E qui bisogna soffermarci un tantino per 
correggere certi equivoci in cui o per difetto di documenti o 
per inesattezza d'informazioni incorse l'Aguilera e dopo di lui 
ogni altro che lo seguì. Egli racconta che il Veneziano visse 
quindici anni tra i gesuiti, che insegnò nelle scuole di Roma 
e di Padova, e che finalmente un bel giorno se la svignò con 
tanto dispiacere dei superiori (2). 

Basterebbe quanto abbiamo detto sin qui per mostrare 
l'errore incorso riguardo alla cronologia : pure oggi siamo in 
grado di esibire un bel certificato che il P. Paolo Achille, 
rettore del Collegio di Palermo, gli rilasciava proprio per noi 
il 12 maggio 1561 per farci sapere che il Veneziano già da 
soli cinque anni incirca era tra i gesuiti, e che anzi allora si 
trovava nel collegio* romano per seguire i suoi studi (3). E 
sentite quest'altra : un certo onorabile Stefano Muto non vuol 
pagare un suo debito, e comparendo davanti alla curia dice 
che non deve nulla ad Antonio Veneziano, nò ad altra per- 



ei) L'Àrciiliacono Veneziano aveva creato rArcìdiacono di Bronte il 5 
marzo 155;>, e quello di Bisacquiuo il 5 dicembre 1556: il 3 luglio 1555 era stato 
creato Abate di S. Anna la Portella. Morì in Monreale il 13 gennaio 1562. 
Quale fu la sua eredità si desume dall'inventario dei suoi beni : vedi do- 
cumento XV. 

(2) Vedi AouiLBRA opera citata parte prima pag. 325. 

(3) Vedi Documento XVI. 



Digitized by 



Google 



ANtOKIO VSNE2IAK0 Sd 



sona per lui. Poiché Antonio < poi di la morti di lo magco 
quondam suo padri, anzi essendo ancora figliolo et juyenetto 
intrao nella compagnia di lo collegio di lesu di la città di 
Palermo, in la quali stetti per spacio di anni otto et più, et 
mentri stetti in ditta compagnia et da poi sempri, hanno ad- 
ministrato la heredita di ditto quondam suo padri li magni- 
fici clerico Ioanne et Nicolao Veneziano suoi frati (1) >. E cosi 
conchiudeva che egli aveva pagato a costoro il suo debito, E 
sin qui va bene : non vuol pagare, ma dice la verità. 

È furbo però quando asserisce che il Veneziano era un 
fuggiasco dalla Compagnia e che, quantunque se ne stesse 
fuori senza permesso dei superiori, doveva pure considerarsi 
come un vero religioso. Sapete perchè aveva tutto l'interesse 
di questa asserzione ? Per conchiuderne che il Veneziano come 
monaco non aveva diritto a ripetere nulla per sé: mentre 
« quicquid acquirit monachus monasterio acquirit ».ll Veneziano 
però seppe bene ricacciare in gola la calunnia al calunniatore, 
e all'asserzione d'un privato oppose la dichiarazione e il giu- 
ramento del P. Paolo Achille, superiore di un istituto pubblico 
e tanto accreditato, come era il collegio dei Gesuiti di Pa- 
lermo. E nella dichiarazione ricevuta agli atti del notare Gia- 
como Galasso il 6 novembre 1574 si dice espressamente che 
il nostro Antonio aveva lasciato l'abito della compagnia e si 
era reso laico coU'espressa licenza e la benedizione dei su- 
periori dell'Ordine (2). Oggi dunque chi ci rappresenta il Ve- 
neziano come un fuggiasco malcreato fa onta a lui, e si as- 
socia al calunniatore Stefano Muto ! A questo punto anzi giova 
osservare come il nostro poeta inclinatissimo alla satira, non 
si fece mai scappare un motto contro i Gesuiti, e al contrario, 
come aflferraa l'Aguilera, serbò sempre gratitudine verso di 
loro. Stabiliti in siffatta guisa i punti principali della vita che 



(1) Vedi Documento XVU. 

(2) Vedi Dooamento XVIU, 



Digitized by 



Google 



40 ANTONIO VB1IK2IAN0 



il VeneziaDO fece tra i Gesuiti non trovo più quali anni gli 
poterono restare liberi per tenere insegnamento prima in 
Roma e poi in Padova, se pure non si eccettuino pochissimi 
mesi, AU'Aguilera soverchiò il tempo, perchè fece rimanere il 
Veneziano dentro la Compagnia per quindici anni. Del resto 
aggiungo che i documenti, i quali raffermano la residenza di 
lui in Ronaa non sono questi soli che io riporto, ma ce ne 
sono altri ancora; però in nessuno di loro si accenna che egli 
abbia insegnato in Roma o in Padova. 

CAPITOLO li. 
Suo valore nella giurisprudenza e sue persecuzioni. 

Da che il Veneziano usci dalla Compagnia di Gesù non 
ebbe più mai vita tranquilla. Da quest'epoca può dirsi che 
ogni giorno si trovò o davanti a un giudice o davanti a un notaio 
óra per raffermare i titoli e i diritti di proprietà della fami- 
glia, e per costringere al pagamento i debitori, ora per far 
tacere i supposti creditori, ed ora per spingere al termine la 
divisione dei beni ereditati dal padre e dallo zio. Questo con- 
cetto complessivo Tho desunto dalla ricerca e dallo studio di 
un numero non mediocre di documenti registrati in diverse 
epoche e presso diversi notai. Ma alla storia non giova che 
io li riferisca tutti minutamente : e però mi contento di ricor- 
dare solo che nel 1565 si agitò per l'ultima volta e si lini 
una questione che per ragione d'interesse aveva tenuto da 
parecchi anni il dissidio tra la famiglia Veneziano ed Ange- 
lilla Oddo, unica figlia ed erede di quel grande artista che 
fu Pietro Oddo. 

Sin dai principii del secolo i Veneziano e gli Oddo ave- 
vano tenuto tra di loro amichevoli relazioni, avevano insieme 
trattato negozii, e le fabbriche dei Veneziano erano state quasi 
sempre dirette dagli Oddo. Nel 1522 (1) era già scoppiata la 



(1) Vedi Gan, Parr. Millunzi— // Mosaicista Pietro Oddo etc par.XIL 



Digitized by 



Google 



ÀHTOlfflO VEim^ANO 



fiera persecuzione del Governatore Gaspare della Terra contro 
liaestro Pietro,^ celebre caposcuola dei mosaicisti monrealesi; 
e il pover uomo cercò denaro per fare un viaggio sino a Roma 
ed ivi discolparsi di presenza davanti all'Arcivescovo di Mon- 
reale, Card Cardona. Allora si rivolse al nobile Antonio Ve- 
neziano, il padre del poeta, e con atto del 14 marzo 1522 
presso notaro Gian Luigi Altavilla gli costituì un annuo censo 
sopra le case ereditate dall'onorabile Tommaso suo padre. Pa- 
reva questo un negozio cosi regolare che non avrebbe dovuto 
mai dare occasione a controversie; e pure nel corso degli 
anni chi succedette a Pietro Oddo trovò dei pretesti e dei 
sotterfugi legali per ricusare il pagamento del censo ai Ve- 
neziano. Si allegò la nullità della vendita del 1522, perchè 
le ostava un atto di donazione che Maestro Pietro aveva pre- 
cedentemente fatto ad Angelina sua figlia nel 1517 (1). Ci 
voleva poco ed i Veneziano avrebbero perduto quell'annuo 
reddito. Il nostro Antonio però era pur versato nelle materie 
giuridiche, e fu lui che rinvenendo ed allegando un atto di 
consentimento alla vendita fatto dalla figlia e dalla moglie 
dell'Oddo (2) e mettendo in luce giuridica le ragioni del di- 
ritto, nel 1565 ottenne che questa vertenza fosse decisa favo- 
revolmente alla sua famiglia. 

Intanto era sorta una delle epoche più dolorose e sciagu- 
rate per il nostro poeta. 

Agli 11 marzo 1563 una certa Giovanna Polizzi presenta 
una supplica al Governatore di Monreale accusando Niccolò 
Veneziano come autore dell'omicidio di suo figlio Antonio. 
Il 27 marzo Niccolò presenta la sua discolpa dichiarando in- 
competente il tribunale di 'Monreale; in primo luogo perchè 
ad istanza della stessa Polizzi la medesima causa era già in- 
trodotta e pendeva presso il tribunale di Palermo; in secondo 



(1) Vedi Documento XXIX. 

(2) Gonlratto degli 11 marzo, V ind. 1522 presso not. Andrea Orofino 
in Alcamo. 



Digitized by 



Google 



42 ANtOKiO VMtfB2lAK0 



luogo perchè egli non poteva essere giudicato se non in Pa- 
lermo come quello che per ragione del suo matrimonio go- 
deva i privilegii dei cittadini palermitani. Il governatore che 
sino a quei giorni era il fiorentino Luigi Risaliti commise la 
causa al giudice ordinario, il magnifico dottore Francesco De 
Bononia. E costui nella sentenza scritta a pie del memoriale 
il 30 dello stesso mese fa buone le ragioni di Niccolò Vene- 
ziano e lo libera dall'accusa (1). Pareva finito l'incidente, né 
si vede sin ora come esso possa riferirsi alla persona del no- 
stro poeta. 

Or bene passarono pochi mesi e al Risaliti successe nel- 
Talto ufficio di Governatore Martino del Nobile della città di 
Lucca. Cost«i, non so il perchè, assai presto cominciò a far 
guerra ai fratelli Veneziano e alla famiglia* de Calogero. Nel 
febbraio del 1564 si sperò una tregua, perchè il Card. Farnesi 
risolvette di creare un nuovo Governatore: (2) ma fu vana 
speranza, perchè nel decreto di elezione fu lasciato a Martino 
Del Nobile il posto di sostituto governatore, e del resto il 
nuovo governatore Gerardo Spada era suo concittadino, con- 
giunto e familiarissimo. 

Se oggi è cosa facile che l'autorità di un sindaco di una 
città, peggio di un prefetto di una provincia si muti in 
arbitrio e prepotenza, anche più facile era allora che dege- 
nerasse l'autorità di un governatore di uno stato feudale, il 



(1) Die XXX martil, VI ind. 1563. 

Facta relatione sua spect. dominatio provilet et mandai quod stante 
quod dictus magcus Nicolaus fuit actus [n magna regia curia, et stante 
quod est civis panormitanus per duclionem uxorìs dieta propesila in dieta 
civitate Monlis Regalis deleantur et contra ipsum minime procedatur. 

(2) Nel deereto di elezione dato in Roma il 20 febbraio 1564 si legge: 
et ÌA eventum quod ipse dominus Gerardus ex aliqua quavis oausa deflce- 
rei in gubernio predicto et ejus administrationem substinere non posset, 
tunc et eo eausu eidem in gubernatorem subrogamus nobilem Martinam 
de Nobilibus layoam luoanum (sic). 



Digitized by 



Google 



AìrroKio vsm^iAVo 48 



quale godeva poteri quasi illimitati. E lo Spada pare che nel 
suo governo di Monreale sia stato un abusatore dei più po- 
tenti. Nei primi di giugno 1564 fa imprigionare Giovanni e 
Niccolò Veneziano ed intima ad Antonio che ritenga la casa 
come carcere : dopo venti giorni tutti e tre i fratelli ignorano 
ancora il delitto di cui sono incolpati e domandano o di es- 
serne informati per discolparsi o di essere restituiti in libertà. 
Il 26 giugno esce V oracolo dello spettabile governatore e ai 
primi due fratelli risponde con un solenne providebitur e li lascia 
tuttavia nel carcere: ma ad Antonio, per maggior riguardo 
che era poeta !.... impone che dalla sua casa passi alle pub- 
pliche prigioni (1). 

E intanto impegnatosi a vendicare il suo protetto, non ci 
è più mezzo lecito o illecito che egli non adoperi : spinge ac- 
cusatori, minaccia e corrompe testimonii, adibisce ed impegna 
persone legate a lui con vincoli o di amicizia o di dipendenza, 
usa ufficiali partigiani, si impone agli stessi giudici. I fratelli 
Veneziano diretti, come pare, unicamente ed energicamente 
dal nostro Antonio, vedono in aria come incalza la procella, 
e che nientemeno si tenta di riversare sopra di loro la rispon- 
sabilità dell'omicidio di Antonio Polizzi. 

Anzitutto si affrettano dunque a dichiarare sospetto il mae- 
stro notaro della curia, Gian Tommaso la Sala relatore ordi- 
nario delle cause (2). È invitato a dare il parere il magnifico 
dottore Francesco de Bononia : costui ritiene legale la sospe- 
zione e i fratelli Veneziano agli 11 agosto 1564 ottengono un 
altro relatore in persona di Giuseppe De Monte. In questo 
frattempo Giovanni esce fuori con un nuovo argomento. Egli 
ha portato l'abito chiericale, ha ricevuto gli ordini minori, e 
però secondo il giure vigente gode l'immunità ecclesiastica e 
si appella al foro spirituale. La causa è rimessa al solito giu- 



(1) Vedi documenti XX, XXI. 

(2) Vedi documento XXII. 



Digitized by 



Google 



a àktùmo ViHiisuiid 



dice De Bononia : ma si temporeggia in modo che il ricorrente 
è costretto a fare nuove istanze : il giudice risponde che sul 
momento^ a cagione di una sua grave infermità, è impossibile 
che tratti affari. Giovanni ricorre nuovamente al governatore, 
e questi il 24 agosto ritorna alla sua ferrea provvista « che 
giudichi il De Bononia ! » Ad una nuova insistenza si risponde 
col fatale providébitur. 

Sul cadere di agosto il nobile erario, sotto il pretesto di 
una mallevadoria non adempita da Niccolò Veneziano gli con- 
fisca un cavallo, non tenendo conto che costui a scanso di 
preveduti soprusi anche sulla roba, aveva di già il 17 mag- 
gio 1564 (ì) fatto donazione dei suoi beni a sua madre Àlle- 
granza Azolino. A questo punto si fa tregua : Giovanni, Nic- 
colò ed il nostro Antonio con patto e mallevadoria di com- 
parire ad ogni richiesta davanti al tribunale ottengono la li- 
bertà. Anzi, curioso a sapersi ! promulgati il 30 novembre per 
comando del Card. Farnesi i nuovi capitoli e lo ordinazioni 
che dovevano regolare i pubblici consigli nella città, tra i nomi 
dei cinquanta consiglieri si trova quello di Niccolò Veneziano. 
Ed ancora più curioso è il sapere come indi a pochi giorni 
si rompe daccapo la tregua e Giovanni, Niccolò ed Antonio 
Veneziano ed Antonio De Calogero ricevono l'ingiunzione di 
partire dalla città di Monreale e dal suo territorio, e di non 
ritornarvi sia di giorno che di notte se non dopo quattro anni. 
Essi partono, ma ogni giorno fanno piovere i reclami della 
comune difesa ora sotto nome di uno di essi, ora sotto nome 
di un altro : e mentre il più delle volte compariscono i nomi 
di Giovanni e Niccolò Veneziano, come quelli che sono i più 
grandi di età, in sostanza poi i memoriali di difesa, si vede 
chiaro, che sono dettati da quel valente giureconsulto e da 
quel giovane ardentissimo, che è il nostro Antonio. Conoscono 
che non ci è speranza di venire a patti o per fare la pace 



(1) Alto slipolato presso Noi. Marco Antonio Peroxino. 



Digitized by 



Google 



AKTOKIO VBNIZIANO 45 



col governatore di Monreale o almeno per mitigarne le ire 
suscitate da Martino del Nobile : e a visiera alzata lo combat- 
tono di frónte a fronte sino all'ultimo sangue. Il marzo del 1565 
a nome di tutti insorgono Giovanni e Niccolò Veneziano e 
scrivono direttamente al governatore rimostrando perchè egli 
abbia cominciato a ricevere testimoni contro di loro nella 
corte di Monreale. E gli schiaffano in faccia che egli per ag- 
gravarli maggiormente « fichi fiscali a lo nobili Francesco Ca- 
tagnano, lo quali in la receptioni di li informationi in la curti 
capitaneali di Palermo centra li exponenti assistia, comparia, 
allegava et fachia forza ad instancia di lo magnifico Martino 
del Nobile, acturi, parenti et facturi di esso governatore. » (1) 
Il governatore né risponde, né provvede: e qui un nuovo 
memoriale, che è violentissimo ed é il più importante in questa 
causa. (2). 

Al solito sono Giovanni e Niccolò Veneziano che recla- 
mano a nome di tutti i pretesi complici ; rimproverano al go- 
vernatore la insaziata voluttà di maltrattarli per far cosa 
grata a Martino del Nobile, suo parente, collega e commen- 
sale, e però lo dichiarano sospetto. Mettono in luce il fatto 
deiromicidio di Antonio Polizzi di cui erano imputati per insi- 
nuazione del magnifico del Nobile ed anche di lui. Del resto non 
è più il tempo utile, dicono, di trattare la causa dell'omicidio del 
Polizzi poiché «agiturde delieto pretense commisso, facto ante 
biennium, qua causa l'accusatore non pò ne divi esseri intiso, 
tanto* più che allura che successi la morti di lo dicto quon- 
dam Antonio la excellentia di lo signuri viceré che era tunc 
temporis informato di la qualità di lo dicto quondam Antonio 
lo quali era bandito, latro, publico discorritori e di campagna 
et morsi per la resistencia che fachia a li officiali regii, quali 
lo seguitavano per pigliarlo, comandao et ordinao non sola- 



ci) Vedi dooumento XXni. 
(Jt) Vedi documento XXIV. 



Digitized by 



Google 



46 ARTOino vnnziAVO 



menti che non fussiro molestati li persuni che sì chi trovaro 
in compagnia di dicti officiali, ne quelli che lo haviano am- 
maczato, ma che non si solivassi lo corpo di dicto quondam. » 
Aggiungono inoltre che come cittadini palermitani non possono 
essere giudicati se non dal foro di Palermo. Finalmente rac- 
comandano che quest' ultimo memoriale sia dato ad esame a 
persona non sospetta « maxime, come essi dicono al governa- 
tore, che trattandosi di cosi li quali ipsi exponenti tonino che 
li agia procurato et li procuri. V. S. spett. per havirisi priso 
la causa del ditto magnifico del Nobile in causa propria, te- 
nino per suspetti a tutti li magci et excellenti judici di dicto 
archi episcopato et non sperano da quelli potiri conseguitari 
debito convenienti de justicia, che avendolo conoxuto per ex- 
pcrientia in persuna di lo dicto spett. signor Pietr# Alliata, 
quanto a li altri si pò veramenti diri : si in viridi hoc fit, quid 
in arido fiet ?» E cosi lo supplicano « quod in omnibus et per 
omnia supersedeatur. » 

Ma che ? Il governatore fa orecchi di mercante e provvede 
che presto si riferisca sull'affare, anzi come relatore incarica 
giusto quel Pietro Alliata che i ricorrenti non volevano. Istanze 
succedono ad istanze; ed ora tutti insieme i ricorrenti Giovanni, 
Niccolò ed Antonio Veneziano e con loro Antonio de Calogero 
ricorrono al pretore ed ai giurati della felice città di Paler- 
mo: con tratti eloquenti raccontano le vessazioni ed i mal- 
trattamenti ricevuti dal governatore e dal giudice di Monreale. 
Implorano di essere sostenuti nei diritti di cittadini palermi- 
tani e fanno notare come i privilegi della capitale sono tra- 
scurati e disprezzati dal magistrato monrealese. È in questo 
memoriale che riportano una solenne protesta contro Vincenzo 
Coxia, maestro notare del tribunale che la città di Monreale 
aveva diritto di tenere e di fatto teneva dentro le mura della 
città di Palermo (1), non solo per le cause vertenti tra sud- 



(1) Nel diritto feudale Yimperium era diviso in tre specie: maximum 
la suprema potestà Regia ; magnum la potestà regia trasferita per oonoes- 



Digitized by 



Google 



AKTONIO YnmiAKO 47 



diti dello stato Monrealese, ma ancora per quelle che si agi- 
tavano tra sudditi monrealesi e palermitani. Questo maestro 
notare doveva essere veramente di un animo imbecillissimo; 
e la sua imbecillità ostava perchè egli avesse fatto il suo do- 
vere specialmente in faccia ad un governatore prepotente ! Fi- 
gurarsi che non osava presentare a Gerardo Spada le istanze 
fatte dai Veneziano ! e questi (o meglio il nostro poeta (che 
egli certo scriveva per tutti), ne formò un tipo ed un carat- 
tere semiserio, cosi spiccato da poter servire bène in un poema 
eroicomico. Andava dunque il Coxia dal governatore come se 
fosse andato alla forca; e sentiva grande timore ad esporgli 
le ragioni dei Veneziano. Or in questo memoriale si trova 
scritto contro di lui « voi achianando in casa di detto guber- 
naturi non volistivo chi nexuno vi venisse apresso et intrassi 
cum vui suso , ne in la sala ne in la camera di ditto guber- 
naturi, et infra poco spacio di tempo xendistivo juso; et tutto 



sione di principi sovrani con esenzione di servizio personale; simplex il 
solo mero misto della potestà delegata ai baroni soggetti al servizio per- 
sonale e reale. U Impero degli Arcivescovi Abati dì Monreale era il ma- 
gnum imperìum, avendo ricevuto un esteso territorio in directum plenum 
et liberum dominium, anzi demxnium : il che dinota la totale translazione 
di potestà fatta dal re Guglielmo II a vantaggio della Chiesa di Monreale. 
Per questa signoria sovrani gli Arcivescovi di Monreale, oltre a tanto altre 
giurisdizioni, godevano quella di essere i Giustizieri della città e dello Stato, 
e nelle loro corti e con magistrati da loro eletti si compiva il primo , se- 
condo e terzo giudizio. Vedi can. Gius. Fiorenza nelle note alla Vita di 
Suor M, Trucco. Federico II poi con privilegio dato in Messina nel feb- 
braio 1212 concesse all'Arcivescovo Caro e ai suoi successori di potere in- 
nalzare tribunale anche in Palermo per cause concementi i propri! sudditi. 
€ Goncedimus eidem Archiepiscopo et Ecdesiae suae in perpetuum habere 
curias suas tam in Panormo, quam per totum regnum nostrum de omni- 
bus hominibus qui possessiones tenent in Territorio Montis Rogalis , ubi- 
eumque homines ipsi babitaverint , ut nuUus sit ausus eosdem homines a 
foro Ecclesiae Montis Regalls trahere, vel ejus curiam modo quolibet im- 
pedire. » Nel sec. XVI gli Arcivescovi di Monreale tenevano in Palermo la 
loro corte nelle case di S. Cataldo. 



Digitized by 



Google 



46 ÀRTOVIO ▼BNlSIAirO 



quanto ismorto, palido, appagniato. atterruato et sbattuto xin- 
dendo, dichendo quisti oy simili palori potendo apena carni- 
nari et parlando cun la bucca sicca senza sputazza, et non 
potendo apena exprimiri li palori, dichistivu in presentia di 
naulti: signor Thomeo, lu signor gubernatori non voli decre- 
tari la supplicacioni si non chi la conziati, pirchi dichi chi 
chi su multi cosi disonesti et chi non convenino a pari soy 
dirisi. Et respondendovi Thomeo de Silivestro: Et non per 
questo vi divivo partiri, ma chi diviavo fari mettiri questa re- 
sposta, corno chi erano palori disonesti et chi si avissiro con- 
zato: allura vui replicastivu quisti oy simili palori: Como velia 
fari mettiri quista decretata, si ipso mi aminazao chi mi velia 
carzerari si non mi chi iQvava, et lu ditto signor gubernatori 
mi haviria mandato carzerato ? —Et in diri quisti palori li re- 
stituistivo ditti supplicacioni senza decretata. Et non di mino 
vui non dovivo apagurari, perchì li carzeri non mangia li ho- 
mini. » 

Il 23 marzo i tre fratelli Veneziano e il De Calogero con 
un altro memoriale diretto al pretore e ai giurati della città 
di Palermo riassumono le ragioni dette di sopra e protestano 
contro il governatore di Monreale e contro il giudice Pietro 
AUiata, perchè non vollero ordinare che si soprassedesse in- 
torno alla loro causa, né che si rinviasse al foro palermitano. 
Non potendo essi per antecedente decreto accostarsi alla città 
di Monreale avevano già sin dal 20 marzo (1) costituito loro 
procuratore il notaio Gian Vincenzo Ribera. Or il governatore 
Spada per atterrire anche costui, con vero abuso di potere 
aveva ordinato che appena comparisse presso la curia di Mon- 
reale per rappresentare i fratelli Veneziano, doveva essere 
preso e calato dentro una fossa delle prigioni (2). 



CI) Presso gli atti di net. Francesco de Alfino in Palermo. 
(2) Le prigioni di Monreale, specialmente le celebri fotse del sec. XVI, 
avrebbero fatto orrore anche agli spiriti più forti. Quale fosse il loro stato 



Digitized by 



Google 



AKTOHIO VEHSZIàRO 49 



Questi due ultimi documenti, presentati dai fratelli Vene- 
ziano al pretore ed ai giurati di Palermo , furono già rinve- 
nuti dairillustre. Doti Salamene Marino neirarchivio comunale 
palermitano e pubblicati nelle sue importanti « Spigolature 
Storiche Siciliane. » Essi sebbene da sé soli non bastino a far 
capire l'argomento intorno a cui versano, tanto che il dotto 
Professore credette desumerne una vessazione fatta ai Vene- 
ziano per ragione di debiti non soddisfatti : pure oggi raffron- 
tati col resto dei documenti da me fortunatamente rinvenuti 
acquistano essi e alla loro volta spargono tanta luce sopra 
un periodo che è dei principali nella storia delle avverse vi- 
cende del nostro poeta. 

Ed ora facciamoci avanti, perchè ancora avanti procedono 
le prepotenze del governatore Spada. Ai 17 dello stesso mar- 
zo 1565 destituisce dall' importante officio di amministratore 
della città e dell'arcivescovato di Monreale il magnifico An- 
tonino de Calogero, padre di quell'Antonio che, come abbiam 
visto, ùi trova complicato nel processo dei fratelli Veneziano. 
Contemporaneamente l'incrimina come autore di varii delitti, 
per cui il De Calogero è costretto a fuggire da Monreale e tra- 
sferirsi in Roma per cercare giustizia dal Card. Farnesi. (1) 

Mentre il De Calogero agisce in Roma, Gerardo Spada spinge 
la lotta in Monreale e si sforza di provare che né a Giovanni 
Veneziano compete il foro spirituale, né ai fratelli Niccolò ed 
Antonio e al cugino Antonio De Calogero compete il foro Pa- 
lermitano; perchè il primo non era andato mai da chierico, e 
gli altri non avevano mai lasciato il domicilio di Monreale. 
Cosi il 16 maggio 1565 nella curia di Monreale sono ricevute 
le testimonianze di Bernardo di Abbattista, Santi Bulzé, An- 



si può detegere da un doeuiuento del 1526 riguardante uno schiavo della 
stessa famiglia Veneziano. Vedi documento XXV. 

(1) Queste notizie l'abbiamo ricavato da un atto rogato in Roma presso 
il palazzo deUa canceUeria Apostolica il 4 giugno 1565 dal chierico Gio- 
vanni Finale notaro apostolico. 

Areh. Star. SU. N. S. anno JJX. 4 



Digitized by 



Google 



50 ANTONIO VENEZIANO 



tonino Zirinzi e Antonio Lo Segio, con intenzione di riferirsi 
al Viceré. Come è facile imaginare questi testimoni invitati 
dal governatore non possono non essere suoi partigiani; e 
però tutti d'accordo e quasi con le stesse parole depongono 
contro i Veneziano e il De Calogero. Pur tuttavia qualcosa 
di vero debbono dirla, e molto vera pare che risulti la figura 
di Giovanni Veneziano che pretendeva di essere considerato 
come chierico e viveva da galeotto ! Di lui dice Antonino Zi- 
rinzi che da due anni e mai bave andato in habito ne tonsura 
dì clerico ne havi observato li suUennii comò aspetta obser- 
vari a li elenchi , ma sempri havi andato in habito seculari 
portando una birritta russa a la galiota, andando armato di 
corpo cum cuiracza, manichi di giacco, chanetta, burcherl et 
spata a la scoperta , tanto per la cita di morriali quanto in 
altri lochi , tanto di jorno comò di notti et cum balestri pa- 
rati comittendo alcuni homicidij et fachendo multi brighi 

et vita di sicularo. » 

Fra le tregue e i combattimenti ora comparendo dinanzi 
ai giudici, ora proponendo informazioni, ora appellando ad altri 
tribunali corse non solo il resto deiranno 1565 ma tutto Tanno 
seguente e parte del 1567. Però nel luglio di quest'anno si fa 
comparire nuovamente e con maggiore insistenza Giovanna 
Polizzi la quale domanda che si termini finalmente il giudizio 
e si proceda alla tortura e al carcere contro i suoi nemici. 

Era già stata pubblicata in Monreale la nuova pragmatica 
con la quale il Farnesi aveva riformato la procedura giudi- 
ziale ; e , secondo essa , (1) esautorati gli altri giudici aveva 
assunto tutta la giurisdizione il solo dottore Ortensio Alaman- 
no. Cosi nel luglio 1567 i nostri poveri convenuti, secondo il 



(1) Questa Pragmatica Farnesiana porta la data da Gaprarola 8 ago- 
sto 1564; ma in Monreale fu pubblicata ed eseguita il 15 giugno 1567. Or- 
tensio Alamanno fu creato giudice ordinario di Monreale con decreto dato 
in Roma nel palazzo della Cancelleria il 1 marzo 1567. 



Digitized by 



Google 



▲KTOHIO VXNIZIAKO 51 



parere di qaesto nuovo giudice e per ordine viceregio sono 
carcerati e torturati in castello a mare a Palermo e non per 
la sola accusa di Giovanna Polizzi, ma anche per il sospetto 
di molti altri pretesi delitti. Nel tempo di questa prigionia il 
nostro Antonio ebbe compagni il notaro Giovan Paolo Orofino 
di Alcamo e un certo Antonio Bellomo di Calascibetta, coi 
quali intese a copiare un volume di contratti nell'interesse di 
Niccolò Veneziano suo fratello (1). Le prove del carcere e della 
corda riuscirono favorevoli ai Veneziano e al De Calogero: 
cosi finalmente per ordine del Viceré Marchese di Pescara tra il 
novembre e il dicembre 1568 ottengono di uscire dal castello a 
mare (2). Ma perchè non tornassero, come si pretendeva, a 
suscitare nuove brighe con il governatore Spada e i suoi pa- 
renti, viene contro loro riconfermato un decreto del 1564, per 
il quale devono ritenere come carcere la città e il territorio 
di Palermo, senza mai accedere né di giorno né di notte alla 
città e al territorio di Monreale (3). 

In seguito il 15 giugno delPanno seguente il nostro poeta 
ottiene di potere accedere al territorio di Monreale, a condi- 
zione che stia lontano un miglio dalla città (4): il 22 luglio 
poi questa medesima grazia V ottengono Niccolò suo fratello 
ed Antonio De Calogero. Finalmente nel 1575, il Presidente 
del Regno Principe di Castelvetrano, nell'atto di partire da 
Palermo per recarsi a Messina concede a Niccolò Veneziano 
e ad Antonio De Calogero di potere entrare nella città di 
Monreale. Avrebbe concessa questa medesima grazia al nostro 
poeta, ma egli trovandosi assente da Palermo non fu in grado 
di domandarla. Dolente per quest'altra sventura si rassegna ad 
aspettare che il Presidente del Regno da Messina ritorni nuo- 



(1) Vedi documento XXVI. 

(2) Vedi documento XXVU. 

(3) Vedi documento XXVIU. 

(4) Vedi documento XXIX. 



Digitized by 



Google 



52 ANTONIO VENEZIANO 



vamente a Palermo, il che avviene dopo cessata la peste, nel- 
l'estate dei 1576. Allora in una breve ma importante supplica 
che ora pubblichiamo per la prima volta, rassegna i suoi voti 
al viceré; D. Vincenzo del Bosco, Conte di Vicari, la racco- 
manda; il referendario Pietro De Gregorio la favorisce; ed egli 
a questo modo il 27 agosto 1576 ottiene di potere rientrare 
in Monreale (1). Fra le ottave del Veneziano ce n'è una, in- 
dirizzata probabilmente o al Conte di Vicari, o al De Grego- 
rio, con la quale domanda la facoltà di potere portare le armi, 
come già le portavano i suoi fratelli : 

Di Tarmi lu Marchisi m'interdissi 
Per certa 'nchiappa cu Nubili e spata, 
Vurria cu menzu to' mi l'arrindìssi, 
Com'a tutti li mei la grazia è data. 
Tu sulu, tu Palruni, tu purrissi 
Fari Teffettu cu la tua 'mbasciata ; 
Talché 'n servizio to', cui sa accadissi, 
Àdopravi la pinna, ora la spata. 

Come mai poteva capirsi il vero senso di quest'ottava senza 
essersi prima conosciuta la storia della persecuzione a cui al- 
lude in ogni verso il poeta f Chi poteva imaginare che lu Mar^ 
chisi era appunto il viceré Francesco Ferdinando Avolos de 
Aquino, Marchese di Pescara ? che Nobili e spata (scritto col- 
riniziale minuscula) erano Martino del Nobile e Gerardo Spada, 
due governatori di Monreale, nemicissimi al Veneziano ? Eb- 
bene, ora il senso risulta intiero: e la storia ricavata dai do- 
cumenti sincroni riportandoci indietro a vivere, sarò per dire, 
in casa del Veneziano, ci ha illustrato la poesia; e la poesia 
alla sua volta ci ha confermato la storia. 

A questo punto in me che scrivo sorge spontaneo il desi- 



ci) Vedi documento XXVH. 



Digitized by 



Google 



▲ÌI^ONIO VbItbziaNo ed 



derio di conoscere come Antonio Veneziano trascorse otto anni 
di vita in Palermo dai 1568 al 1575 : e imagino che questo 
medesimo desiderio sorgerà anche in altri. È dunque a sapersi 
che egli lontano dalla patria , dalla famiglia e dalla madre , 
lontano dai proprii averi, fortunatamente in Palermo trovò ri- 
covero presso la casa di sua sorella Vincenza, sposata al ma- 
gnifico Antonino De Calogero : ma, come egli stesso afferma, 
in questo tempo gli toccò di vivere poveramente (1). Non si 
comprenderebbe la causa di questa povertà se non si sapesse 
che i beni lasciati dal padre e dallo zio arcidiacono, sin allora 
non ci era stato verso di potersi dividere legalmente tra gli 
eredi. Cosa che portava grave disordine nell'amministrazione; 
abbandono, trascuratezza e abuso negli amministratori, i quali, 
come è naturale, pensavano più a loro stessi che al povero An- 
tonio, che aveva un bel gridare da lontano (2). Del resto in quegli 
anni grosse spese se ne erano sostenute e a cagione delle liti, 
e perchè si era dovuto soddisfare ai legati, che secondo l'ul- 
tima volontà del padre e dello zio, gravavano sopra gli stessi 
beni ereditarli. Altre peripezie e di non minor momento non 
erano mancate al poeta sopratutto a cagione dei suoi disor- 
dinati amori. Cosi da un atto di Giuseppe Lo Mastro sappiamo 
che il 17 agosto 1573 si trovò un'altra volta chiuso in castello 
a mare di Palermo, dove per ricuperare qualcosa di denaro 
dovette creare suo procuratore il fratello Giovanni (3). Que- 
st'anno 1573 nella famiglia Veneziano succede uno scompiglio 
generale per la divisione dei beni ereditarli. Per un momento 
pare che il nostro Antonio parteggi per Allegranza sua ma- 
dre contro Giovanni e Niccolò : ma in seguito la faccenda piglia 
una piega tutta diversa. Antonio rapisce una ragazza di bassa 
condizione, della quale ci toccherà parlare più appresso. Al- 



ci) Vedi documento XXVIL 
(2) Vedi documento XXX. 
^) Vedi documento XXXI. 



Digitized by 



Google 



54 ANTONIO VtmtìAM 



legranza intanto se ne indispettisce fortemente : Giovanni e 
Niccolò si accordano con la madre, ed essa infermatasi prima 
che si fosse eseguita la divisione, la testamento il 15 febbra- 
io 1574 e mette fuori di eredità il solo Antonio dichiarandolo 
figliuolo disobbediente (1). Antonio avvampa di maggiore sdegno 
e per fare onta ai fratelli, non essendo ancora scorsi tre mesi 
dalla morte della madre, il 10 maggio 1574 fa donazione di 
tutti i suoi diritti ereditarli ad Eufemia de Calogero, figlia di 
Vincenza sua sorella (2). 

Sotto ogni riguardo è questo un documento assai impor- 
tante per la vita del Veneziano. Ci fu chi ignorando il ratto 
da lui perpetrato, nel nome di Eufemia de Calogero credette 
di avere ritrovato il bandolo dell'intrigata matassa degli amori 
del poeta. Il sospetto potè avere origine dal non riflettere ai 
vincoli della pietà e del sangue che legavano la nipote allo 
zio. Oggi però l'avere conosciuto la persona sopra cui si fer- 
mavano gli amori del Veneziano ha fatto cadere interamente 
ogni sospetto che potesse sorgere intorno ad Eufemia. Del resto 
anche senza di ciò l'atto della donazione avrebbe manifestato 
chiaramente l'intenzione di Antonio, che era quella sola di ad- 
dimostrare nella persona di Eufemia la gratitudine che egli 
sentiva per l'ospitalità ed i servigli ricevuti in Palermo in casa 
del cognato De Calogero, giusto nei giorni del suo dolore. Ed 
anzi perchè il dono materiale assorga a qualcosa di più alto, 
egli ha modo di formarne parte dell'educazione del cuore della 
nipote. E con la solennità di un pubblico strumento le ricorda 
e le raccomanda il timore di Dio, il rispetto al Monarca e al 
Pontefice e alle loro leggi e la conservazione dell'onestà e 
della pudicizia. Un amore potè in un momento di esaltazione 
condurre il poeta ad una debolezza, a un fallo : ma la mente 
era sana e il pensatore nella calma era saggio. Serva questo 



(1) Vedi docametito XXXII. 

(2) Vedi documeato XXXIIL 



Digitized by 



Google 



ANTONIO VSNB21AK0 ht 



bel documento contro chi in avvenire avrà il gusto di formare 
del Veneziano un precursore di anarchici, di atei, di antipa- 
pisti e di libertini. Se poi per qualsivoglia donazione fatta tra 
parenti sarà lecito presumere una seduzione od una corruzione 
qualunque, allora sì, che la storia del genere umano potrà 
rappresentarsi come una vera storia di seduzioni. Del resto se 
nel fatto del nostro Antonio ci fosse stato un minimo sospetto 
di male, i primi a levare alta la voce sarebbero stati i fratelli, 
i quali in simile caso non la risparmiarono a Giovanni. Sa- 
rebbe stato sopratutti Niccolò, mentre egli infatti invocò la 
giustizia dei tribunali, perchè fosse dichiarata nulla la dona- 
zione, eppure allegò tutt' altre ragioni che quella della mo- 
ralità. 

Non è qui il luogo di riferire minutamente tutto lo svolgi- 
mento di questa lite: però non posso tacerne del tutto senza 
scemare qualcosa alla conoscenza del nostro Antonio. È dun- 
que a sapersi che costui comprese sin da principio le inten- 
zioni poco favorevoli di Niccolò suo fratello; e senza perder 
tempo presentò l' atto di donazione al Presidente del Regno 
D. Carlo d' Aragona per ottenerne la suprema approvazione , 
che gli fu concessa con decreto del 7 agosto 1574. Cosi da 
parte di Eufemia fu pubblicato un bando, nel quale si diceva 
che qualunque debitore dei fratelli Veneziano quinci innanzi 
dovesse rispondere a lei per la parte spettante ad Antonio , 
non solo nei diritti ereditarli del padre , ma anche in quelli 
dello zio arcidiacono. Però secondo le consuetudini della città, 
alla pubblicazione del bando doveva precedere l'esecutoria del 
giudice ordinario. Ecco come ci viene innanzi per la prima 
volta il nome del reverendo e magnifico Sallustio Tarugi , il 
quale da giudice appone la clausola : purché non si generi 
pregiudizio a chiunque abbia pretensione sopra detti beni ere- 
ditaria E il primo a vantare pretensione è il fratello Niccolò, 
il quale fonda il suo diritto sopra il fatto che Antonio essen- 
dosi reso una volta Gesuita non è più capace né di acquistare 
né di legare ad altri. Il 19 agosto 1574 il giudice Sallustio 



Digitized by 



Google 



&6 AVTOKIO VENEZIANO 



Tarugi forse per difetto di documenti è indotto a sentenziare: 
che il bando di Eufemia sia rivocato riguardo ai beni eredi- 
tarii del reverendo Arcidiacono ed abbia vigore solo per il 
resto (1). Come è naturale ed Eufemia ed Antonio ebbero di- 
spetto della sentenza e del giudice: appellarono al tribunale 
di seconda istanza: produssero nuovi documenti , riprovarono 
che Antonio già da un pezzo aveva lasciato decisivamente la 
Compagnia di Gesti, e il 17 novembre dello stesso anno il giu- 
dice Antonino De Bononia riforma la sentenza del Tarugi e 
conferma il bando di Eufemia (2). La rivincita era manifesta: 
se Niccolò ed i compagni se ne stizzirono , -peggio ancora il 
giudice Tarugi; e già nel 1575 preparavano nuovi argomenti 
contro Eufemia ed Antonio. Ma questi, che di legge se ne 
intendeva, prevenne il colpo in sul principio dichiarando so- 
spetto il Tarugi e domandando che intanto « non possa in- 
tromettersi a negotii loro attivi ne passivi, civili ne criminali 
tam in judicando quam in delegando essendo che de jure 
pendente suspicione manus judicis recusati sunt ligatae » (3). 
Ogni nuovo tentativo fu scongiurato, ed Eufemia godette dei 
diritti della donazione sino a tanto che non le ostarono altre 
ragioni che non interessano alla vita del nostro poeta. Però il 
Tarugi d'allora in poi non fu mai più veduto di buon occhio 
dal Veneziano. 

È a sapersi che il Tarugi era un romano venuto in Mon- 
reale insieme air Arcivescovo Ludovico primo De Torres nel 



(1) « Die XVIllI augusti, II imi. 1574. Quoad bona hereditaria quond. 
Hcv.di D. Autoninl de Venetiano revooetur bannum, quoad alia vero stet. 
Sollustius Taurusius Jud. ord. 

(2) « Die 17 novembris, III inri. 1574. Gorrigatur iata et baunum pro- 
mulgetur: bannum projectum ad istantiam isti us Eufemie de Calogero stet 
et doclaretur validum expensis bine inde compensatis. 

Don Antoni nus De Bononia. » 
Vedi documento XXXIV. 

(3) Vedi documento XXXV. 



Digitized by 



Google 



▲kroino VnnsiiÀivo 6Ì 



maggio del 1574. In quest'anno il presidente del Regno Don 
Carlo D'Aragona aveva concesso ad Antonino Macinghi gover- 
natore di Monreale facoltà di procedere ex abrupto contro i 
delinquenti. Cosi il Tarugi in qualità di giudice per obbligo 
di ufficio e secondo il codice vigente si era trovato nella ne- 
cessità di pronunziare gravi sentenzo contro delitti di primo 
ordine. E terribile fu quella emanata il 18 giugno 1575 contro 
due malfattori ed omicidi, Antonino Pizzitola bisacquinese, ed 
Antonino L' Amorella da Chiusa. La sentenza diceva : « sum 
voti quod iste Antoninus Piczitola et iste Antoninus L' Amo- 
rella furca suspendantur et tamdiu detineantur suspensi donec 
anima cujusque eorum a corpore separetur, et deinde scindantur 
in frusta. » È vero che i casi di simili supplizii non erano rari 
a quel tempo: ma pure non lasciavano di fare una viva im- 
pressione nel popolo. 11 Veneziano la sente meglio d'ogni al- 
tro: è nel momento che desidera la grazia di ritornare in 
Monreale : riguarda l'arcivescovo Torres, ma con uno stupendo 
epigramma motteggia il Tarugi, il quale, dice egli, nello stemma 
gentilizio porta una colomba di amore, mentre ha il cuore in- 
clinato a carneficina, come un corvo. 

Qui mentita novae memorans insignia gentis, 
Sallusti, arma sibi Cìpridos aptat avem? 

Debebat corvum, non arma referre Columbam : 
^ Haec fugit alba iieces, quas niger ili e cupit. 

Sed Hi me propria non arcet Torrius arce : 
Atque manus reducem non inimica fovet : 

Sit modo quod mavult corvusque columbave: tutus 
Hic spero volucris neutrius esca fore. 

Comincia già a vedersi come all'ardente siciliano aveva gio- 
vato la dimora in Roma, e che aveva pigliato bene il sale ro- 
mano! Del resto, dico cosi per sapersi, il Tarugi fu un uomo 
dotto, abile, operoso : e del bene in Monreale ne fece tanto da 
Vicario, quanto da Governatore. 



Digitized by 



Google 



bS Aktoieto VBKBsiiÀird 



In quest'ultimo periodo di tempo che il Veneziano fu ob- 
bligato a stare a Palermo, coU'unico intendimento di guada- 
gnare qualcosa e darsi un da fare domandò ed ottenne dal 
Senato l'umile impiego di scrivano. Piglio questa notizia dal- 
l' Aguilera, il quale la mette in rilievo con parole assai precise 
dicendo : exinanitis opibus et inopi/i compiUsm Senatus panor- 
mitani scribam agere sustinuit. So bene che anzi il Mongitore 
riferisce come titolo onorifico al Veneziano che egli abbia te- 
nuto il grado di Secretarlo del Senato di Palermo: Panor-^ 
mitani senatus aMquando fuit a secretis ejicsdemque benevolen- 
tiam expertus est, però ci è tutto il motivo di tenere come in- 
fondata la notizia. Il Baronie che è lo scrittore più antico e 
il panagirista più largo del Veneziano tace assolutamente in- 
torno a ciò. È poi da osservare che il secretario del Senato 
aveva ogni giorno occasione di contrassegnare con la sua firma 
un gran numero di documenti; e pure dopo accurate ricerche 
in nessun documento si è rinvenuto il nome del Veneziano col 
titolo di secretario. 

Il Veneziano in epoche diverse invoca la protezione del 
Senato e vanta il titolo di cittadino palermitano: sarebbe stato 
questo il caso di ricordare i servigii resi in una carica di cosi 
alto interesse^ e pure non lo fa mai. Finalmente una prova de- 
cisiva che il Veneziano non fu secretario, sibbene copista degli 
atti del Senato, può aversi verificando il carattere autografo 
di lui nei registri dell'epoca. Però uno studio più compito su 
questo argomento lo darà il tanto illustre, quanto gentile nostro 
socio, cav. Nuccio Pollaci sopraintendente dell'Archivio Comu- 
nale: ed io non sento bisogno di aggiungere altro. 



Digitized by 



Google 



ixTokio V8Ks2iAÌro ' hd 



CAPITOLO III. 

La cattività in Algeri — gli anni dopo la cattività — 
la sua morte e la sua fama. 

Col chiudersi dell' anno 1576 si è chiusa dirò quasi una 
prima epoca della vita del nostro poeta. Ed ora prima di inol- 
trarci avanti, sentiamo il bisogno di fare un'avvertenza, che 
possiamo chiamare ermeneutica, ed è di assoluta necessità per 
lo studio dei documenti che lo riguardano. Luigi Eredia in un 
sonetto per la morte di Antonio Veneziano lo chiamò il mag- 
giore. Bastò questa appellazione per scombussolare i biografi: 
ed altri, fra i quali l' illustre abb. Benedetto Saverio Terzo , 
non sapendo far meglio, l'attribuirono al poeta come titolo di 
onorificenza piuttosto che di maggioranza di età (1). Oggi noi 
affermiamo tutto il contrario: Antonio Veneziano, il poeta, si 
chiamò lui, e fu chiamato da altri col titolo di maggiore ogni 
qualvolta ci era il pericolo di confondersi con un suo nipote, 
per nome egli pure Antonio Veneziano, ma figlio di Francesco, 
e nato in Monreale il 5 marzo 1554 (2). Cosi avviene che circa 
il 1576, quando già Antonio, il nipote, era uscito dall'età mi- 
nore, noi troviamo non solo parecchi atti notarili, ma ancora 
molti altri documenti della curia monrealese, dove la diffe- 
renza tra lo zio e il nipote non potendo risultare da altro, si 
fa coll'aggiunta del titolo di maggiore o minore. Prima di que- 



(1) Vedi Sermoni e Panegirici del Gaa. Saverio Guardi. Palermo nella 
reale stamperia 1842. Note alla prefazione, pag. XLVIII. 

(2) Qaesto Antonio Veneziano figlio di Francesco visse privatamente 
senza nulla operare per cui sia degno di ricordo storico. 11 28 settembre 
1585 nella Parrocchia di S. Ippolito in Palermo sposò Q^ronimella Lo Ghi- 
raulo da Monreale. L' atto matrimoniale ò stipolato presso notar Filippo 
Misilenda in Palermo. 



Digitized by 



Google 



éó Antonio Vbnb^iaéo 



st'epoca il nome di Antonio Veneziano senz'altra determina- 
zione, nei pubblici atti si riferisce unicamente al poeta : ed è 
da badarci perchè non s'incorra in gravissimi equivoci. Un'ul- 
tima osservazione sotto qualche rispetto degna di nota è, che 
mentre sin dagli antichissimi tempi tutti i membri di questa 
famiglia tengono il nome di Veneziano; Antonio è il primo che 
nei suoi autografi costantemente sì chiama Veneziani. 

Noi però trattando dell'intiera famiglia, per evitare una 
dissonanza nel corso del lavoro, preferiamo il nome nella forma 
in cui generalmente lo ritroviamo scritto negli atti pubblici 
ed assai numerosi dell'intiero secolo XVI. 

Dopo l'ermeneutica ritorniamo alla storia. Nel memoriale 
del 1576 con cui il Veneziano domanda al Presidente del 
Regno di potere ritornare in Monreale, si dice che ne ha in- 
teresse per ricuperare molti suoi beni senza li quali vive po^ 
vef'issimamente. Ecco qual'è il programma del ritorno di An- 
tonio in Monreale, e lo svolgimento non può non essere che 
una serie di litigi civili. Noi non tralasciamo di accennarne 
qualcosa di volo perchè questo genere di documenti può con- 
ferire ad illustrare meglio il Veneziano riguardo alle sue con- 
dizioni economiche e alla sua cultura giuridica. Egli dunque 
nell'aprirsi del 1577 comincia con Francesco Chamami (1) 
stringendolo ad un pagamento a cui esso con frìvole opposi- 
zioni e sotterfugi, secondo che dice il Veneziano, intendeva 
rifiutarsi (2). In un altro memoriale però questo pover'uomo 
invoca il patrocinio della giustizia perchè i fratelli Vene- 
ziano sono gente armigera che fa paura (3). Dal Chamami 
passa a Scipione Pitrolo che è della giurisdizione del S. Of- 
flzio : domanda un commissario che riceva la causa in Mon- 
reale e l'ottiene in persona del magnifico Pietro Pisano (4). 



{{) Vedi documento XXXVI. 

(2) Vedi documento XXXVII. 

(3) Vedi documento XXXVIIL 

(4) Vedi documento XXXIX. 



Digitized by 



Google 



▲HTONTO vmnAHo 61 



Intanto si rivolge per altra somma a Cusimano de Venuto (1) 
ma Tuno e Pallro con intenzione di menarlo per le lunghe 
si oppongono e si adoperano di difTerirè il giudizio. Il Ve- 
neziano se la intende col Viceré, e per organo del referen- 
dario Giovanni Lancia il 13 novembre 1577 ottiene la prov- 
vista : judeoo civitatis MorUis Regalis videat oppositìones et sta-- 
tim provideat. Ck)si prestamente le opposizioni dell'uno e del- 
l'altro debitore son giudicate con la formula : reficiantur pre- 
stito de restittcendo in casu succumbentie et facta solutione au" 
diatur. 

A questo punto tace il nome del Veneziano nei tribunali, 
se pur ne eccettui una contumacia del 21 aprile 1578 (2) : egli 
non comparisce più, almeno per quanto io ne sappia, nei do- 
cumenti degli anni 1578-1579. Aveva dato un po' di assesto 
alle cose sue, aveva raccolto un po' di denaro; e disperato 
per mal corrisposto amore (3) e lusingato dalla speranza di 
miglior fortuna pensa di seguire il Presidente del Regno D. 
Carlo D' Aragona, Duca di Terranova, il quale con due galere 
il 25 aprile 1578 partiva da Palermo per recarsi alla corte 
di Spagna. Eccoci alla vigilia di una nuova e grande sven- 
tura per il nostro poeta. Otto galere di corsari algerini sor- 
prendono le due galere siciliane : D. Carlo D'Aragona a grande 
stento si salva, ma la gente del seguito capita nelle mani dei 
barbari. E il Veneziano, insieme con gli altri, carico di ca- 
tene è portato in Algeri. Una descrizione dolorosissima, ma 
completa di questo avvenimento fu scritta dal cassi nese padre 
Giovanni Tornamira (4) che ebbe presenti le lettere del Pa- 



ci) VeJi documento XL. 

(2) La contumacia ò per una causa tra lui o la sorella Gostanza , mo- 
$?lie di Giovanni Sansoprano. 

(3) In un mss. della Comunale di Palermo ai segni 3 Qq B. 110 c'ò 
una lettera riferita al Veneziano dove si legge « perciò come disperato ri- 
solverò partirmi da Palermo piacendo il mio destino : forse con la lonta- 
nanza trovirò medicina al mio languire. • 

(4) Vedi GiovAN Pibtro Tornamira, ReUuUme della presa delle due 



Digitized by 



Google 



ARTOKIO VBinBZIAHO 



dre Baldassare Zamparrone, uno dei monaci caduti in questa 
schiavitù. Il Tornamira fa solo menzione dei nomi dei n^onaci 
malcapitati, e però nel suo libro non troviamo né il nome del 
nostro poeta, né alcun' altra cosa che' lo riguardi. Tuttavia 
intorno alla sua cattività non c'è da dubitare: ne fa testimo- 
nianza una bella elegia latina di Filippo Paruta, contemporaneo 
e amicissimo di lui, nella quale oltre a tanti encomi e tanti 
belli ricordi si nota anche che il Veneziano quella volta inten- 
deva dirigersi a Roma: 

Ergo per undosum voluìsti quaerere pontum 

Romanas arces et dare vela noto? 
Ut patriani linquens male conciliatus abìres, 

Et pelago in medio barbara praeda fores? 

Del resto perchè cercare notizie della cattività del Veneziano 
presso altri scrittori, quando ce ne somministra abbastanza 
lui stesso? 

In un'ottava del libro primo della Celia protesta alla sua 
amante : 

Benchì pri sorti o vogghia di li dei 
Tu si 'n Sicilia ed iu 'nterra di Mori, 
T' adoru cu li spirti afflitti e rei : 
Zoccu nun pò lu corpu, fa lu cori (1). 

Né gli basta il dire che si trova in terra di Mori, ma precisa 
anche meglio il luogo dicendo nella Nenia , che l' anhna sua 
era restata in Sicilia in mano della sua Diva 



E lu corpu in Algeri 

Fattu di genti barbara suggettu. 



galeotte della squadra di Sicilia , fatta dalle galeotte di Algeri V anno 
1578. In Palermo, presso Carlo Adamo 1674. 
(1) Celia, lib. I, ottava 137» 



Digitized by 



Google 



AKTOniO VimiAKO 68 



Ed ora impreca al giorno della sua partenza 

Avissi prima mortu, chi partutu 

Nun sarrìa in tanti peni, e di vui spartii 

Ed ora imagina che il sole, la luna e le stelle le quali nel 
loro corso passarono per la Sicilia gli riferiscano 

Vittimu a chidda a cui voi tantu beni, 
Li doli, chi si in manu di 'nnimici. 

Dai quali versi risulta non solo il fatto che egli fu prigioniero 
in Algeri, ma anzi che in Algeri scrisse i due libri della Celia. 
La qual cosa risulta ancora più chiara dalle parole con cui 
nel 1581 dedicava, non so a qual Signore, il primo libro della 
Celia che era proprio , come dice lui « chiddu , chi turnannu 
iu d' Algeri mustrai in Marsighia a lu signuri Don Carlu, frati 
di V. Signuria. » Finalmente mandando al signor Pietro Mon- 
taperto gli emblemi degli archi trionfali composti per 1' arrivo 
del Viceré M. Ant. Colonna, si duole, insieme e si consola 
scrivendo « quando cattivai, avendo perduto quanto aveva, non 
potei tutta volta restar si ignudo che potessi esser spogliato 
dei bei pensieri dell' animo ». Questo è quanto sappiamo della 
cattività del Veneziano e ci basta: intorno all'epoca e al modo 
della sua liberazione non abbiamo sin ora alcun documento 
sicuro. Però se è vero ciò che narrano il Mongitore e l' Agui- 
lera, il Veneziano a titolo della sua dottrina e delle sue be- 
nemerenze fu prestamente riscattato dal Senato Palermitano. 
Anzi r Ortolani , da una cronaca del 1500 , che egli non si 
cura di nominare, riporta « che fu fatta festa in Palermu pillu 
ricattu e ritornu di lu celebri poeta Vinezianu. » 

Quanto tempo sia stato in cattività non possiamo neppure 
determinarlo con precisione; però il 6 novembre 1579 il primo 
libro della Celia era già compito, e Michele Cervantes gli inviava 
una lettera ed una poesia. Il 28 novembre del 1580 era in 



Digitized by 



Google 



64 AVTOVIO VBKVSIAirO 



Monreale, e si trovò a farla da testimonio nella stipolazione di 
un contratto presso il Notar Antonino D'Agra. Nel luglio del 
seguente anno Maria e Virginea, sue sorelle, monache nel 
monastero della Concezione in Palermo, muovono lite a lui e 
a Giovanni Sansoprano loro cognato per costringerli al paga- 
mento di onze 450. Questa notizia con molte altre particolarità 
giuridiche l' abbiamo ricavato da una cedola del Pretore e 
dei Giudici della città di Palermo diretta agli officiali di Mon- 
reale il 26 luglio 1581 (1). Nell'ottobre poi, fatto accordo con 
la nipote Allegranza figlia del defunto Niccolò, aggiusta i suoi 
conti con la sorella Costanza, moglie del magnifico Gio San- 
soprano. Antonio Veneziano e Allegranza sua nipote si obbli- 
gano a pagare onze 90 annuali a Gostanza Sansoprano per atto 
di soggiogazione sopra tutti i loro beni indivisi, sin a tanto 
che non le avranno pagato il capitale di onze mille. L'atto 
è stipolato presso not. Ani Lazara in Palermo ai 16 otto- 
bre 1581. 

A cominciare da quest' anno sino a tutto il 1583 il Vene- 
ziano visse in Monreale una vita non sicuraihente tranquilla, 
ma assai meno agitata del solito. Si occupò della cultura dei 
suoi campi, specialmente della parte del feudo di Raxalicheusi 
che gli era venuta per eredità paterna. Raxalicheusi, uno dei 
punti più elevati, più ameni e più ariosi che siano tra le adia- 
cenze di Monreale, può considerarsi come il declivio della Piz- 
zuta : felice per V abbondanza dei suoi ruscelli, ai tempi del 
Veneziano più che ora verdeggiava di alberi fruttiferi e di 
vigneti: piegando poi verso il Parco si apriva in ubertosi pa- 
scoli. Questo luogo doveva formare la delizia del nostro poeta : 
egli vi veniva a cavallo e armato di spada. Chi sa che non 
risentano V ispirazione di Raxalicheusi questi suoi versi pieni 
di sentimento e di passione per le bellezze della Sicilia: 



(1) Vedi docnmcnto XLl. 



Digitized by 



Google 



AXTOVXO yiNBEIAKO 6S 



Da sé sta regioni è dìlettusa, 
D' airu benignu e fertili tirrenu, 
Per arti e per natura graziusa. 

In ogni locu ridi un pratu ainenu, 
Surginu ad ogni passu milli rivi, 
Ch' è un paradisu lu propriu tirrenu. 

Di Raxalicheusì ne ho parlato con maggior piacere perchè 
un buon tratto di quella terra e la casa di Antonio Veneziano 
ora è proprietà della mia famiglia: l'intiero ex-feudo appar- 
tiene alla famiglia baronale Di Maggio, di cui è lustro e de- 
coro il Segretario Generale della nostra Società di Storia Patria, 
In questo luogo diversi incidenti avvennero al Veneziano. Non 
so quali screzii erano avvenuti tra lui e Michele de Lapi, grosso 
proprietario limitrofo: certo è che nell'ottobre 1581 costui con 
la maggiore serenità di questo mondo piglia con seco due 
uomini, un mulo ed una scala, va alle case del Veneziano, 
comincia a levare i tegoli che le coprono e le travi, e fa tra- 
sportare tutto nelle case che egli possiede là d'appresso nel 
luogo che dal nome dei suoi antenati si chiamava vigna di 
Lapi, e cosi suol chiamarsi anche oggi (1). Ma quando si dice 
i casi! nel meglio di quell'operazione di svaligiamento com- 
pare il Veneziano a cavallo con altri uomini di compagnia, 
Imagino la poco grata sorpresa del De Lapi e la non poca 
bile del Veneziano : pure questi non usa violenze , come gli 
era costume : osserva tutto, va alle case del De Lapi, riconosce 
la sua roba, e torna in città. Il De Lapi immediatamente si 
affretta a restituire al suo posto e travi e tegoli, ma ciò non 
impedisce che il Veneziano lo accusi come reo di un furto 
equivalente alla somma di più di trecento onze. Neir accusa 
si parlava anche di mozzamento di alberi dotoestici e selvatici. 
Povero De Lapi, è bandito e si aspetta anche peggio. 11 Vene- 



(1) Vedi documento XLIL 

Areh. Stùr. aie. N. 8. anno XIX. 



Digitized by 



Google 



66 ANTONIO TBNBZIANO 



ziano d'altra parte è sicuro della vittoria giuridica, mentre 
depongono contro il De Lapi quegli uomini stessi che l'ave- 
vano coadiuvato nel furto (1). Intanto si frappongono degli 
amici : Antonio in fondo, come tutti i poeti, era un bel cuore: 
il primo colpo d' ira era sbollito e agli 11 aprile 1582 davanti 
al maestro notaro, Giacomo La Vagi, cede legalmente alla li- 
te (2). In questo medesimo anno il Veneziano ebbe una nuova 
occasione di mostrare l' animo suo ardente e insieme generoso 
nel perdono che concesse al povero Benedetto Pizzo, che a- 
veva fatto imprigionare perchè gli aveva danneggiato i pascoli 
e le case di Raxalicheusi (3). Chi ha inteso i fatti del De Lapi 
e di Benedetto Pizzo avrà potuto imaginare che il Veneziano, 
uomo di legge com' era, ogni qualvolta imbizzarrisse, spaven- 
tava i suoi avversarii coi mezzi legali. Ma la faccenda non 
andava sempre cosi : poiché egli riusciva a far bene ugual- 
mente il giurisperito e il bravo, anzi forse talvolta si mostrò 
prepotente addirittura. Aveva dei pascoli nel territorio della 
Torretta, che è tra Raxalicheusi e il Parco. Il magnifico Diego 
Villasignora gli domandò un giorno facoltà di portarvi le sue 
novecento capre, ma senza ancora essere fermate le condizioni 
ve le condusse di fatto. Quinci le ire del Veneziano. 

Giuseppe Greco della terra di San Marco nella sua testi- 
monianza racconta che « stramuntando il soli vitti veniri ad 
Antonio de Venetiano, Vincenzo Zirinzi et un altro compagno 
con scopetti et grandissima furia alla via de detto testimonio 
et compagni injuriandoli dicendoci: .... caparruni, tristomini 
et altri injurii, che stasira serra la vostra roina: .... e in se- 
guito scavalcao et andao verso lo detto testimonio cum la 
spata arrancata per darci et lo detto testimonio si ni flgio.» 
E intanto il Veneziano non solo incoraggiava i suoi compagni 
a bastonare i caprai, ma « amaczati, diceva, quanti crapi po- 



(1) Vedi documento XLIII. 

(2) Vedi documento XLIV. 

(3) yedi documento XLV. 



Digitized by 



Google 



AXTOHIO TBFKIAVO 67 



titi che mi hanno aroinato a venìri infra li feghi gavitati. » 
Nella sua rude semplicità la narrazione di Giuseppe Greco ha 
del tragico (1). Il Veneziano ebbe agio di sfogare la sua ftiria: 
sbandò le capre e a colpi di bastone le disperse in mezzo alle 
vigne e alle macchie in guisa che nella oscurità della notte 
appena quattrocento ne arrivarono al Parco* Il Villasignora 
era cittadino palermitano e per ottenere il risarcimento del 
danno ricorse subito al governatore di Monreale , ma presso 
la curia che questi, come si è detto, soleva tenere a Palermo 
nelle case di S. Cataldo (2). Fu dato giudice ordinario il dot- 
tore Ottavio Cuffari, il quale trasmise agli ufficiali di Monreale 
lettere citatoriali firmate da lui e dal notare La Vagi in Pa- 
lermo il 24 settembre (3). Il 28 dello stesso mese Antonio Ve- 
neziano risponde con un protesto legale che è stupendo e per 
la pratica del giure e delle consuetudini e per V acume con 
cui sa cogliere e mettere in rilievo le irregolarità giuridiche 
di quelle lettere citatoriali spedite da ufficiali incompetenti 
per difetto di residenza (4). Lo stesso CufFari non potè non 
riconoscere in parte le ragioni del Veneziano, e il Villasignora 
si trovò in grande imbarazzo (5). E qui mi fermo : per difetto 
di documenti non può dirsi quale fu l' ultima sentenza su questa 
faccenda, però è mestieri confessare che i documenti che la 
riguardano sono dei più importanti per determinare l'indole 
e gli studi del nostro Antonio. Ora mi passo di un' altra lite 
epe nello stesso anno 1582 sostenne contro i confrati della 
chiesa di S. Vito, che gli avevano disturbato i diritti del suo 
patronato sulla cappella di S. Maria del Rosario (6) : e piut- 
tosto fo notare come in sul principio del nuovo anno egli già 



(1) Vedi documento XLVI. 

(2) Vedi documenti XLVII e XLVm. 

(3) Vedi dooamento XLIX. 

(4) Vedi documento L. 

(5) Vedi documento LI. 

(6) Vedi documento LII. 



Digitized by 



Google 



68 AHTOino VBMlZLàHO 



aveva concepito il disegno di trasferirsi nella città di Pisa. 
Precisamente non saprei dirne la cagione : ma considerando 
il Veneziano in tutti i suoi rapporti, mi persuado che gli studi, 
le lettere e la speranza di una buona carica letteraria ci do** 
vevano entrare con sicurezza. Egli è cosi determinato nella 
sua risoluzione, che il 9 gennaio 1583, forse per far fronte 
alle spese di viaggio, si fa dare in prestito onze cento da 
Pietro Àrcabaxo, suo nipote; e nello stesso giorno, ma con 
atto diverso, gli cede per cinque anni, e per una somma con- 
venuta, la porzione di tutti i suoi beni, con questo patto però 
che ogni anno in settembre gli debba spedire il denaro nella 
città di Pisa (1). Ma in Pisa non ci andò mai. Anzi quest'anno 
sedette tra i consiglieri della città di Monreale, dove fece am- 
mirare non solo il lume del suo ingegno, ma anche il fuoco 
della sua indole fiera e risoluta. Non era cosa rara in antico^ 
come non è cosa men rara oggidì, che nelle amministrazioni 
delle città, più che all' interesse pubblico si riguardi all' inte- 
resse privato. Chi oggi piglia il titolo di sindaco con l'auto- 
rità di capo del consiglio comunale, in antico si chiamava pre- 
tore: ed invece si dava il titolo di sindaco ad un ufficiai© 
civile il quale era chiamato non solo ad esaminare le ammini- 
strazioni, ma anche a giudicare della rettitudine degli ammi- 
nistratori. Ebbene nel 1583 era pretore il magnifico Francesco 
Romeo, e teneva l'ufficio di sindaco il magnifico Geronimo 
Azolino. Neil' agosto, al solito, si doveva fare la provvista dei 
frumenti per la città: compre, vendite, appalti sempre peri- 
colosi nei piccoli municipii ! Il Veneziano aveva subodorato 
non so quale imbroglio : glielo confermava poi il fatto di v^ 
dere come il sindaco, dimentico del proprio ufficio, già se l'in- 
tendeva a meraviglia col pretore. Venne dunque il 21 agosto, 
e quando già ci voleva poco a riunirsi il Consiglio per trattare 
la faccenda, il sindaco e il pretore d' amore e d' accordo sta- 
vano intenti a scrivere le proposte da presentare alla vota- 



(1) Vedi dooamento T.TTT, 



Digitized by 



Google 



▲KTOKIO ihRffBSSlANÓ 



zione. Il Veneziano li sorprende e, come si legge nella testi- 
monianza del notare Martino La Gannita, cosi francamente li 
rampogna: « perchè lo signor Geronimo fa questi rubrichi et 
proposti di consiglio cum sit che esso è sindaco di li officiali 
et divirria esseri in faguri di la città ?» Il pretore si sente 
ferito e con risentimento cerca d' imporre silenzio al Veneziano: 
questi risponde con nuovi frizzi: la questione si accalora: ne 
nasce un tafferuglio indiavolato e si sarebbe venuto alle mani 
se non si fossero interposti degli amici (1). Un altro pubblico 
ufficio fu affidato al Veneziano nel febbraio del 1585. Secondo 
le costituzioni di allora gli interessi del monarca erano tute- 
lati in Sicilia da un regio Conservatore Generale, residente 
nella capitale, il quale alla sua volta creava e teneva un Pro- 
conservatore in ogni città del regno che avesse fatto le sue 
veci sempre in favore del real Patrimonio. I diritti, i doveri, 
le preeminenze e r esercizio di quest' officiale venivano tutti 
determinati nella cedula di elezione, ed erano di alto interesse 
e richiedevano una larga conoscenza del diritto (2). Il Vene- 
ziano ottenne quest' ufficio dal Luogotenente D. Giovanni D'A- 
quino. 

Intanto non lasciava di essere travagliato dalle sollecitu- 
dini dei tribunali, dove in quest' epoca è costretto ad agire 
contemporaneamente due cause. Come abbiamo già detto, nel 
1583 con intenzione di trasferirsi in Pisa aveva fatto cessione 
dei suoi beni al nipote Pietro Arcabaxo sotto certi patti (3). 
Tra gli altri e' era questo, di dovere esigere onze dieci dagli 
eredi Azolino e pagarle agli eredi Bisaza giusta il tenore dei 
precedenti contratti. Pietro Arcabaxo trascura di esigere e di 
pagare : gli eredi Bisaza si rivolgono giuridicamente contro il 
Veneziano, e costui è obbligato sostenere una lite contro il 



(1) Vedi documento LIV e LV. 

(2) Vedi documento LVI. 

(3) Vedi documento LUI. 



Digitized by 



Google 



^0 



ANTONIO TBNB21AK0 



nipote. Al solito la causa va per le lunghe ed Antonio si ri- 
volge al viceré (1) per ottenere un giudice che presto defi- 
nisca. È giudice r antico Tarugi e però il Veneziano cerca di 
scappargli dalle mani a qualunque costo : il 21 maggio 1586 
si rivolge al governatore, gli espone che lui ha grande urgenza 
di finire la causa e che intanto il giudice ordinario ha troppe 
faccende, e gli domanda altro giudice (2). Cosi ottiene come giu- 
dice il dottore Paolo Giotta. Il 12 giugno la causa è decisa in suo 
favore. Arcabaxo si appella in seconda istanza (3) e il governatore 
allora in qualità di giudice incarica il celebre Flaminio Pai- 
mula, il quale studiata la quistione la risolve nella giustissima 
sentenza : « cedula f uit ut solverei : pactum autem ut exigeret 
ac inde exactas pecunias solveret : causa cedulae pacto respon- 
deat, et tempus possibile ad exigendum sit datum.» Con questa 
sentenza da una parte restò contento il Veneziano e dall'altra 
non potè dirsi scontento V Arcabaxo, a cui si concedeva tempo 
illimitato per esigere e pagare agli eredi Bisaza. Ad ogni modo 
in questa causa il Veneziano si trovò di fronte ad un galan- 
tuomo ; però non fu cosi nelP altra causa che gli toccò soste- 
nere contro maestro Menico Morello. Il Dott. Salomone-Marino 
nelle sue Spigolature Stotùche Siciliane pubblicò due belli 
documenti intorno a questa causa; ma da essi non potè rica- 
vare un senso intiero, perchè restavano isolati. Ora dunque 
a voler mostrare il netto della quistione con T aiuto di nuovi 
documenti mi accingo a fare la narrazione dell'intiero fatto 
sin dal suo principio : si vedrà da essa come il Veneziano 
sosteneva una persecuzione dal Morello per tu tt' altro motivo 
che quello della sua povertà. 

Vincenza Veneziano moglie del magnifico Antonino De 
Calogero nel 1575 abitava, come si è detto, una casa in Pa- 



ci) Vedi documento LVII. 

(2) Vedi documento LVin e LIX. 

(3) Vedi documento LX. 



Digitized by 



Google 



ÀirroNto visinBztÀiro li 



lermo presso la chiesa di S. Antonino a Porta di Termini. La 
casa era di proprietà di un certo Gugliuzza che aveva fatto 
cessione del Atto di essa a maestro Paolo Cannavali, nativo 
di Genova e cittadino Palermitano. 

La Signora Vincenza De Calogero non aveva per quel- 
Panno, né si dice il perchè, pagato il fitto dì casa: e pure 
ne aveva dato plegeria Antonio suo fratello. Senza tanti com- 
plimenti un bel giorno maestro Paolo era passato al pigno- 
ramento (ecco come i pignoramenti sono anch'essi patrimonio 
della storia e delParcheologia). Neil' atto dunque che quegli 
archeologici uscieri eseguivano le loro funzioni sopraggiunsero 
in casa della detta Signora De Calogero due monrealesi, il 
magnifico Niccolò Rizza e il magnifico Geronimo Mella. Po- 
vera donna, piena di vergogna piangendo , come si esprime 
un testimonio oculare, «incomenzao a pregari et domandari 
a Geronimo Mella che chi volissi pagari a lo ditto di Ganni- 
vali unzi chinco che chi avia di dari, stanti che ditto di Mella 
chi l'avia di dari alla ditta magnifica di Caloyro per lo prezzo 
di una casa comprata in la chita di Monreale ». Il signor Gero- 
nimo pagò sul luogo. Però nel 1584 Paolo Cannavali, o non ricor- 
dando o non volendo più ricordare che aveva ricevuto quella som- 
ma, si rivolge contro il poeta Veneziano che ne aveva dato plegeria 
e lo stringe a ripagare senza indugio le cinque onze. Ma ca- 
pitò male : il poeta degli amori era anche lui l'uomo peritis- 
simo degli scaltrimenti forensi. E sul momento per isfuggire 
da una parte il carcere e d'altra parte per non pagare quello 
che non doveva, fece atto col Cannavali di soddisfare fra certo 
tempo il debito preteso, qualora non fosse stato soddisfatto (1). 
Intanto veniva a morte Paolo Cannavali e gli eredi, o più 
precisamente Tommaso figlio di lui, furbescamente fa ces- 
sione del preteso debito delle cinque onze a maestro Menico 



(1) Atto stipoluU) in Palermo al 14 maggio 1584 presso not. Lucio Gri- 
senza. 



Digitized by 



Google 



72 Airrono ViNuiAiro 



Morello. Non doveva essere nemmeno lui un fior di galantuomo 
questo accattabrighe: ma in mano al nostro Antonio gli ha 
perduto il ranno e il sapone. Ecco dunque il Morello sfida in 
giudizio il Veneziano verso la fine del 1585 e domanda che 
sia Itnmediatamente costretto a pagare o a subire il carcere. 
Il Veneziano da prima con un forte ed eloquente memoriale 
si rivolge al Viceré e domanda che gli si dia un giudice di- 
nanzi a cui possa far valere le sue ragioni (1). Il 14 di- 
cembre 1585 Antonio De Marchisio che funzionava allora da 
regio luogotenente firma la provisione ; e come giudice viene 
incaricato il solito Sallustio Tarugi. Il Veneziano non si ac- 
quieta: egli è cittadino della felice città di Palermo, e do- 
manda di essere piuttosto rimesso al foro palermitano : ne fa 
istanza al Senato di Palermo, e questo sostenendo le sue parti 
insiste per ben due volte, il 20 e il 27 gennaio 1586 presso 
il governatore e il giudice di Monreale. Questi due ultimi sono 
i documenti pubblicati dal Dott. Salomone-Marino, di cui più 
sopra abbiamo fatto menzione. Mentre il nostro valoroso giu- 
rista domanda il foro palermitano non trascura la sua difesa in 
Monreale : e la breve ma stringente memoria « oppositiones et 
jura » è giuridicamente vittoriosa. Quattro testimoni confermano 
le asserzioni del Veneziano; e il Tarugi il 29 marzo 1586 profferi- 
sce la sua sentenza nella formula: «stent expensis hinc inde com- 
pensatis.» Questa è l'ultima volta che noi troviamo il Veneziano 
implicato in cause civili presso la curia di Monreale, poiché passò 
il resto della vita quasi sempre in Palermo. Tornò a rivedere 
un'altra volta la città nativa nel maggio del 1588 quando la 
cittadinanza esultava di gioia per Tingresso solenne del grande 
Arcivescovo Ludovico II De Torres. Egli aveva lavorato con 
massimo impegno per comporre le imprese e gli emblemi degli 
archi trionfali sopra tipi esclusivamente cristiani ; e ciò, come 
dice lui stesso, gli era riuscito alquanto difficile per essersi 



(1) Vedi documento LXI. 



Digitized by 



Google 



Aìrroirto TsirBziAJro fs 



voluto appartare dalle favole e cose poetiche come cose in- 
degne di signore tanto religioso e buono. L' esecuzione degli 
archi fu affidata a due valenti artisti, V intagliatore Valerio 
Vallelunga e il pittore Giulio Musso: l'esito fu sorprendente, 
ma il poeta ne ebbe per tutto guiderdone onze quattro, che 
oggi corrisponderebbero alla vera miseria di cinquantuna 
lira! 

Nel settembre di questo medesimo anno fa la divisione dei 
beni che sin allora aveva tenuto in comune con la nipote Al- 
legranza, dapprima sposa di Antonio Polito, e poi dopo la 
morte di lui passata a seconde nozze con Pietro Arcabaxo, da 
noi più sopra ricordato. Quest'atto di divisione (1) riesce utile 
per conoscere come il nostro poeta non solo non fu povero 
sino agli ultimi anni della sua vita; ma ancora come fu una 
vera calunnia quella con cui altri scrittori asserirono di avere 
egli sperperato l'avito patrimonio nei vizii e nelle disonestà. 
È notevole ancora come egli prescelse di avere per sé la casa 
del Pozzillo, che era quella dove aveva sempre dimorato suo 
padre e dove «gli era nato (2). In Palermo come potè vantare 



(i) Atto sti pelato presso Not. Pietro Vienna il 1588. 

(2) Che il padre del poeta aveva tenuto per sua abitazione la casa del 
PozzUlo si detege dalFinventario dei suoi beni (doc. VII) dove al par. Bona 
Stabilia si dice: «Item uno tenimento di casi existenti in la cita di Mor- 
hali in la contrada di lo pocillo in lo quali ditto quondam habitava». Quale 
poi sia stata precisamente questa casa si vede da un atto di soggiogazione 
del 15 ottobre 1581 presso not. Antonino Lazara dove si legge : < Insuper 
dotto magna consistente in pluribus corporibus soleratis et terraneis eum 
pateo intus aulam et alio puteo intus cortilium eiusdem domus secus 
eius lavatorio sita et posita in contrada puzzilli diete civ. mon. reg. et in 
ft'ontispicio domus unius magnifici Antonini Calogeri et alterìus Bartolomei 
quondam Castri Lamantia : intus vaneUam aquae dicti puzzilU et alterìus 
Florìani Abbo stratam publicam et in canlonerìis insta domum soleratam 
quondam mag. Francisci Loguzardo ad presens Ottavi! La sala via pubbli- 
ca et alios confines oum duabus domibus ex parte retro versus montem 
unius oum muro mediante diete domus magne et alterìus cum quodam ca« 



Digitized by 



Google 



?4 Àittoitio VsimzTAiro 



potenti amici, cosi dovette temere potenti nemici: come go- 
dette grandi protezioni, cosi parimente sostenne atrocissime 
persecuzioni. E il viceré Diego Enriquez conte di Àlbadalista« 
che fu per Monreale una vera jattura, peggiorò gravemente 
l'acerbo destino del nostro poeta. 

Il 1 dicembre 1588, essendo lui viceré, Antonio Veneziano 
fu catturato, perchè, come si legge nel diario di Filippo Pa- 
ruta e Niccolò Palmerino « si trovò appizzato un cartello cen- 
tra il viceré alla cantonera di D. Pietro Pizzinga allo piano 
delli Bologni. Ed alli 13 di gennaro seguente ne fu tormen- 
tato Antonio Veneziano, poeta famosissimo di Monreale ed 
ebbe sette tratti di corda e tinni. > È probabile che a questa 
tortura si riferisca quell'incidente giuridico, che secondo narra 
il De Ballis, il Veneziano seppe far sorgere in suo favore con 
tanta prontezza e sagacia da mettere in imbarazzo lo stesso 
dottissimo magistrato Francesco De Milis (1). 

Chi scrisse recentemente del Veneziano imaginò, che egli 
capitato in Castellammare il 1588 non ne fosse mai più uscito. 

Questa notizia non si può ammettere, mentre nell'aprile 1593 



flaleuo scoperto in quibus ad presens quondutti nomine moralur Hieronimus 
Marsiglia et per oppositum domus don lulii Finocchio viam publicam per 
quam itur ad ecclesiam santi Viti et alios si qui sunt confines >. 

(1) Antonii De BaUis lunioris, Variorum Tractatuum lib. VI. Panormi 
apud lo. Ant. De Franciscis 1606. In lib. II, quaest. 14 : 

€ Inutile non erìt discutere, si sunt contra reum diversa delieta probata, et 
torquetur super uno separatim, si est negativus, elapsis quadraginta diebus 
a prima tortura, secundum oonsuetudinem torquetur super aliis. Sed tem- 
poribus nostris, evenit quod Antonius Venetianus vir bonarum litterarum 
et ingenii perspicacissimi; qui dum de uno delieto torqueretur, super quo 
erat dispensatus, instructus a Domino Francisco De Milis, Doctore peritis- 
simo, in prima tortura, dum ligaretur, confessus est deliotum de quo tor- 
queb atur, et etiam alia delieta, de quibus aderant informationes ; quae con- 
fessio fuit a Magna Curia recepta, et in sequenti die noluit ratificare. Unde 
tortus per tres vices et negati vus ; quia ulterius non poterant torqueri, cum 
non detur tortura ultra tres vices , ut dicam loco suo, evasit alias dispen- 
sationes. » 



Digitized by 



Google 



▲KtoNto vmoiÀiro tS 



noi lo troviamo un'altra volta libero a Monreale: anzi Paolo 
Balsano e Maziotta , suoi flttaiuoli , il giorno 8 aprile prote- 
stano contro di lui e contro la sorella Costanza perchè da loro, 
come patroni, vogliono essere liberati da certe molestie. Quest'è 
l'ultima volta che si fa menzione del Veneziano in Monreale: 
ora dopo men che quattro mesi, non si sa la cagione, ed egli 
si ritrova nuovamente prigioniero in Castellammare vicino a 
subire Pultimo colpo della sventura. Non aflfermo, né niego il 
' fatto del suo esilio nell'isola di Pantelleria, dall' Aguilera ri- 
ferito a questo tempo, perchè nessuno accenno se ne fa nei 
documenti dell'epoca. Del resto secondo questo scrittore il Ve- 
neziano richiamato da Pantelleria dovette stare in Castellam- 
mare parecchi anni senza interruzione sino a tanto che fini di 
vivere miseramente. Ma come si accorda ciò con la cronologia 
dei documenti recentemente ritrovati ? 

L' Aguilera poi fa una minuta e bella narrazione dello scop- 
pio della polveriera di Castellammare, dell' eccidio seguito e 
della catastrofe del poeta. Comincia dal raccontare che verso 
la metà di agosto un gentiluomo sconosciuto in abito di pel- 
legrino si presentò alla Casa Professa dei Gesuiti e domandò 
di parlare ad alcuni di quei padri, tra i quali al padre Ber- 
nardo Colnago. A loro confidò che nelle carceri di Castellam- 
mare si commettevano delitti cosi nefandi chef la giustizia di 
Dio ne bruciava di sdegno, né poteva più oltre tollerare. Pren- 
dessero loro impegno di avvisarne i magistrati, impedissero 
l'imminente disastro, provvedessero alla patria. Quei Padri se 
ne impensieriscono, ma esitano a farlo: il pellegrino ritorna 
una, due, tre volte alla carica : prega, istanza, scongiura. Cosi 
finalmente i figli di S. Ignazio si piegano: si presentano a 
questo e a quell'altro magistrato : tutti ammirano la loro sol- 
lecitudine per il bene, ma li deridono come semplici e credu- 
loni. Il venerabile Colnago deplora sul pulpito la corruzione 
delle prigioni e predice qualche prossima sciagura: non gli si 
dà fede* Intanto il 19 agosto, verso le ore 15 di mattina, pi- 



Digitized by 



Google 



76 Àirroiito vsNsztAito 



glia fuoco, né si sa il come, la grande polveriera di Castellam- 
mare, scatta, rimbomba orribilmente, sbalza le moli del fab- 
bricato: la città spaventata, sbalordita teme il finimondo; e la 
catastrofe è immensa, indescrivibile (1). 

Tra carcerati ed impiegati del carcere più di cento per- 
sone schiacciate, mutilate restano vittime fra le macerie. Fra 
gli altri c'è due poeti Argisto Giuffredi e il nostro grande 
Antonio ! 

La dimani nel seguire gli scavi del salvataggio si rinvenne 
pesto e deturpato il cadavere del Veneziano e gli stava d'ap- 
presso un grappolo d'uva fresca che egli forse teneva fra le 
mani nell'ora del disastro : il viceré Olivares non potè tratte- 
nere le lacrime e si dice che abbia esclamato : la Sicilia ha 
perduto il suo immortale Orfeo ! 

B qui bisogna rifarci un pochino indietro: ci é stato chi 



(1) Nei Diari della Otta di Palermo per cura di Gioacchino Di Marzo, 
voi. I, pag. 132, si legge : < a 19 agosto (1598) ad ore 15 in circa. A Castel- 
lammare di questa città di Palermo incappò foco a due dammusi di pol- 
veri ; ed essendo vicino le carceri , tutte le scacciao. E morsiro ancora dì- 
vei'si soldati e donne dentro il castello, avendo fatto due botti straordinarii 
che si sentirono per diverse terre. S'aprirò per tal terremoto diverse case 
ed ecclesie, avendo lasciato alcuni padi*i il sacrifìcio deUa messa per la 
paura. E gli uomini che si trovavano si metteano nelli sacchi tanto erano 
capoliati e pestati dalle pietre. Si trovavano diversi pezzi d'uomini per in- 
fino neUe noare fuori la porta di S. Giorgio ; e in mezzo la marina una 
testetta uccise un zingaro ; e tanto fu il fumo che oscurò il sole. E pure 
s'innalzò tanto U polverazzo e scaglie, che piovve per la città per spazio 
di un nùserere terra abbrugiata. E le genti, non sapendo inprima che cosa 
fosse, straordinariamente lasciavano in abbandono le case e correvano aUe 
chiese a confessarsi, credendosi esser venuto il Giudicio. E molti , avendo 
saputo che cosa fosse (perchè ci era un altro dammuso, che non appigliò), 
se ne andavano per la paura fuori le porte. Si trovaro dopo, a capo di tre, 
cinque e sette giorni, uomini vivi sotto terra (cosa invero di miracolo) 
mentre stavano scavando li morti. L'iU.mo Mons. Paramo inquisitore stava 
in detto castello ; e stette male , curandosi in lo convento di S. Domenico. 
Ed era Viceré il conte d'Olivares, Castellano Salazar. » 



Digitized by 



Google 



▲HTOino viiaiuso 77 



ha Toluto spargere il deriso sulle parole deirAguilera, il quale 
attribuisce lo scoppio della polveriera allo sdegno divino per 
i frequenti delitti che si commettevano dentro le carceri (1). 
Non è compito mio indagare le ragioni supematurali del 
fatto: però storicamente devo affermare che sin dall'anno 
in cui successe Teccidio, fu ferma generalmente nel popolo 
la persuasione che esso veramente era stato un castigo di 
Dio provocato dalle nefandezze degli uomini. Nel 1594 nelle 
prigioni di Monreale ci fu persona ragguardevole per grado, 
che dimentico dei diritti umani e divini abusò ripetuta- 
mente di un giovinetto povero ed anche lui prigioniero. 
Parecchi carcerati ricorrono all'autorità, dicendo che hanno 
grave timore che per tali delitti non avvenga loro ciò che 



(1) L' Aguilbra, opera citata, parte prima, pag. 326, scrive : 
i Prope idus Sextiles , ignotas quidam honesta facie et habitu oorporis 
peregrinus, nostram Professorum Domiim adit, et aliquot Patrea, Inter 
quos fuit P. Bemardus Colnagus, accersiri flagitat, quibus denaneiat quando 
in Panormitanae arcia custodiis atrocissima scelera patrarentur, quae flagi- 
tiorum ultor Deus, diutius ferre non posset, curarent ipsi, ut magistratus, 
quorum interesset, admonerentur ; atque impendentem ruinam averterent, 
Patrìaeque prospicerent. Patres haerent et invidiosum obuuntiandi munus, 
lonae exemplum'seeuti, se suscepturos negant. Ille itera m, atque iterum ad 
eoa ventilata orat et instat, obtestatur, ne cunctentur regios adminiatros 
requirere, ut cuatodiarum ilagitiis modum ponant. Ni faoiant magno in pe- 
riculo futuram Panormitanam Givitatem. His commoti obnunoiationibus 
Patrea magiatratua con veni unt, secretum postulante quae, et qua ratione 
didicisaent, docent, enixe rogant, u( ipaorum auctoritate, cuatodiarum Ucenr 
tiae medeantur, niai Deum iratum mederì mallcnt. Sed Magiatratua Patrum 
atudium et oiTicium coUaudant ; simplicem tamen credulitatem deridente 
quod Vania muliercularum oraoulis fidem habennt. Aequum non eaae dicunt, 
cuatodiarum miaerias per ae maximas, aaeveritate et auateritate cumular!. 
Tum Golnagua divino numine inatinctus prò augeato publioe civitati obnun- 
ciavit et Panormitanae arcia inoendiura liberrime dedaravit, edixitque pro- 
xlmam eaae niai cuatodiarum flagitiia obviam iretun Sed ejua vooem, ut- 
pote hominia vehementia et ad trìatia enuncianda parati, neglexere plerique 
omnee. Oblatae miserieordiae oontemptua divinae juatiUae ultionem aeode- 
ravit. » 



Digitized by 



Google 



78 AFTOHIO TBNEZlàHO 



avvenne nelle prigioni di Palermo , quando peri Antonio Ve- 
neziano. Il 10 settembre 1596 trattandosi nel tribunale di 
Monreale una causa criminale per nefandezze commesse da un 
certo Niccolò Raimondo, il testimonio Francesco Lamantia af- 
ferma che per quel delitto nelle prigioni « ci ha stato grave mur- 
murc et ipso testimonio parlando con Joan Gulpi, greco, li 
dissi : un jornu ni abruxiamu tutti in quista carcere come fu 
la carcera di castello ad mari per causa di ditto peccato ». 
E un certo Gian Filippo, greco della Piana, carcerato anche 
lui, testimoniò che un giorno intese il predetto Lamantia che 
diceva: « un jorno in chista carcere cadirà foco di Tairo e ni 
abruxirà a tutti >. 

Il cadavere del Veneziano fu trasportato in Monreale quel 
medesimo giorno in cui fu estratto dalle macerie : ma senza 
alcuna pompa e solo tre campane del Duomo col mesto rin- 
tocco annunziarono tanta perdita ai cittadini (1). Il Monrealese 
Francesco Baronie Manfredi racconta che il Veneziano qual- 
che tempo prima di morire si avea egli stesso composto l'e- 
pigrafe del sepolcro in questo epigramma squisitamente con- 
cettoso ed allusivo al cigno che era nelle armi della sua fa- 
miglia : 

Exanimem tumulo sculptum qui cernis olorfem 

Hanc tumbara vates Vinitianus habet. 
At cum vate jacet bona musa et docta Minerva : 

Tres vixere simul tres tegit urna simul. 

In fatto però quest'epigramma non fu mai scolpito sopra 
il suo sepolcro, perchè egli fu tumulato senza alcuna distin- 
zione nella sepoltura gentilizia della cappella del Rosario. Il 



(1) NeUa Parrocchia del Duomo di Monreale nel registro dei defonti 
dell'anno 15d3, sotto il giorno 20 agosto si legge : « Fu mortu Antoniu Ve- 
netianu, venne di Palermo, morse in Castello per lo successo se bruxò la 
munitione della polvere con la morte de molti gente : fu sepolto alFecclesia 
di S. Vito in la sua Cappella. > E in un altro registro dei morti deU'epoca 
sotto il medesimo giorno si nota « passò al Signore l'anima di Antoni Ve- 
netiano : sonarono tre campane et andò a S. Vito : et si fanno bone per 
mano della signora Gostanza tari 15. • 



Digitized by 



Google 



ÀHTOBIO TIHIZIiJrO 79 



Mongitore poi ci ricorda come cosa di un tempo già passato (1), 
che il teschio del poeta parecchio tempo si tenne esposto al 
pubblico colla poco elegante iscrizione: «Hoc est caput bonae 
memoriae Antonii Venetiani de cìvitate Montis Regalis » (2). 

Or se il Mongitore nel 1708 pubblicando la sua Biblioteca 
Sicula ricorda il fatto del teschio esposto come cosa che 
fu; dico io, come può attribuirsi al Testa, creato Arcivescovo 
nel 1754 la colpa di averlo fatto disperdere in mezzo alle in- 
finite ossa sotterrate in quella chiesa ? Come è importantissima 
la cronologia nella storia! 

Poco onore adunque sin' oggi è stato reso alle preziose 
reliquie del Veneziano : e in questa ricorrenza centenaria che 
a bene sperare era cagione, pare che la patria del poeta più 
che di madre abbia voluto rappresentare le parti di invidiosa 
madrigna, che fa le viste di amare e onorare il figlio, e intanto 
col silenzio lo seppellisce nell'oblio. 

E però da cittadino monrealese io sento più viva la mia 
gratitudine verso la colta e gentile Palermo e verso questa 
benemerita Società di Storia Patria che tanto si è adoperata 
per onorare degnamente la memoria di questo mio grande 
concittadino (3). 

In antico l'onore che mancò alle venerande ceneri del poeta 
lu largamente tributato al suo nome e alla sua memoria. Il 
notaro Giuseppe Amico in margine di un atto del 19 Novem- 



(1) Le parole del Mongitorb sono : « diu in eius cranio publioe expo- 
sito» legebcUur. 

(2) L'uso di tenere esposti nelle chiese i teschi dei morti fu antico in 
Monreale : nel 1596 in corso di sacra visita l'Arcivescovo Ludovico II Tor- 
res ordinò che si mettessero tutti dentro le sepolture. 

(3) Anche la R. Accademia palermitana di Scienze, Lettere ed Arti il 20 
agosto 1893 celebrò la solennità centenaria di A. Veneziano. L' illustre 
Prof. Ugo Antonio Amico lesse un discorso, vero gioiello di erudizione, di 
critica e di elette forme, che ora è stato pubblicato elegantemente in Firenze 
eoi tipi di G. Barbenu 



Digitized by 



Google 



80- AiTOnO VBHBZIAirO 



bre 1581 riguardante il poeta scriverà : Eie Antonius Vene- 
tianus fuit inter poetas maximus^ intendens omnium scieniior' 
rum (1). I canonici e parroci del duomo capirono che il nome 
del Veneziano apparteneva al patrimonio della storia, e con 
una eccezione mai fatta sino allora con poche e semplici pa- 
role, il 20 agosto 1593 notarono nei loro registri non solo la 
sua morte , ma anche le circostanze che r accompagnarono. 
Oggi l'egregio nostro socio sig. Crispo Moncada ha ritrovato 
un elenco dei morti nel disastro di Castellammare, ma il nome 
del Veneziano non c'è. Il documento della parrocchia di Mon- 
reale, mentre si accorda coi diarìi dell' epoca, è il più valido 
argomento perchè la morte del Veneziano non sia essa pure 
travolta in mezzo alle ombre della leggenda. Fuori Monreale 
onorarono la memoria del Veneziano i più illustri letterati con- 
temporanei tra i quali sono degnissimi di nota l'alcamese Seba- 
stiano Bagolino, Luigi Eredia e Filippo Paruta. In seguito non 
ci fu scrittore, il quale trattando delle cose della Sicilia, non si 
fermasse sul nome del Veneziano. Girolamo Di Giovanni , in- 
signe cavaliere, giurista e letterato lo tenne in massimo pre- 
gio, lo volle membro dell'accademia degli Opportuni da lui 
fondata a Palermo verso il 1577, e nel suo poema « Palermo 
Trionfante » pubblicato nell'anno 1600 sotto il nome di Vin- 
cenzo suo fratello, gli attribuisce il primato tra i poeti siciliani : 

Ma che die* io nemmen rinclita Roma 
Gente hebbe de più honor che fusse questa 
Degna de cinta haver la sacra chioma 
E di portarne insiem togata vesta- 
li primo da Venegia egli si noma 
£ il buon Antonio il qual la ria tempesta 
Del fuoco fa che verso il ciel fa via 
Per mostrarsi fra gli altri nuovo Elia. 



(i) Vedi documento LXII. 



Digitized by 



Google 



ÀMTOHIO YBHBSXAHO 81 



Questi d'ogni Poeta ottien la palma 
E nel siciliano e nel latino : 
Al suo furore ogni furore incalma 
Vengon le muse a lui ben da mattino. 
Egli è di cosi pura e felic' alma 
Che sarà quasi im Oracul Divino; 
% ÀI che guardando al tanto suo decoro 
Erger li de Palermo statua d*oro. 

Francesco Baronio fu il suo primo panegirista, e Pier Giu- 
seppe Sanclemente lo segui e ne compi V idea : il Mongitore 
scrisse la biografìa e più esattamente la bibliografia : l' A- 
guilera meglio che il genio, ritrasse l'uomo, le sue debolezze 
e le sventure : V Ortolani pigliò da tutti : e finalmente il 
Modica a quel che si sapeva aggiunse non poche notizie ge- 
nealogiche e cronologiche ricevute dal Mongitore monrealese, 
canonico arciprete Onofrio Tagliavia. Non ho parlato di Anton- 
maria Cammuca, anch'egli monrealese, del resto amorosissimo 
delle cose del Veneziano, perchè nella breve biografia che 
lasciò inedita, attinse alle medesime ricerche del Tagliavia 
aggiungendovi non poche inesattezze. Taccio ancora dell'abate 
Benedetto Saverio Terzo, che in una nota di un sud lavoro 
scrivendo intorno alla genealogia del Veneziano, dichiarò 
di voler correggere alcun suo errore di che l'aveva fatto 
accorto il diligentissimo canonico parroco Tagliavia « a cui 
(dice egli) mi confesso oltre modo obbligato per questa ed altre 
più sincere notizie a me apprestate ». 

IV. 

La Celia e l'epistola dedicatoria. 
n Venesiano e il teatro in Sicilia nel sec. XVI. 

Gli scrittori, poeti e storici, sin qui da noi ricordati tri- 
butano alte lodi al Veneziano come uomo dottissimo nelle clas- 
siche letterature, nella giurisprudenza, nella storia, nella filo- 

Ardi, Star, Sic. N. S. anno XIX. 6 



Digitized by 



Google 



AKTOKIO VENIZIAHO 



sofia e nella numismatica: ricordano come stupenda la prosa 
italiana dell'illustrazione della Fontana Pretoria di Palermo: 
però tutti si accordano nel celebrarlo come un genio, come il 
genio della poesia siciliana a riguardo della sua Celia. É questo 
un poema erotico in due libri , composto di ottave in idioma 
siciliano, le quali in apparenza sembra che stiano Tuna sepa- 
rata dall'altra, ma in effetto sono tra di loro strette da un in- 
timo legame che ne forma un tutto intero, cioè la completa 
manifestazione della passione del poeta. Parecchi scrittori, spe- 
cialmente del seicento, usarono argomenti di amore per far 
versi : il Veneziano usò dei versi per sfogare l'interno suo amore: 

Su sciammi occulti e 'ntrinsichi tormenti 
Chiddi chi alcuni tennu pri mei spassi: 
Cui nun Gridi, eh' iu cantu pri Taccenti t 
Ma è la Natura chi sicca e disfassi : 
L'amara babbalucia mai si senti, 
Poi 'ntra lu focu pari chi cantassi : 
Cussi *ntraveni a ramanti scuntenti. 
Lu focu Tardi e pari chi xialassi. 

E cantò amori come per destino : 

Di Tala manca una sua pinna Àmurì 
Mi detti un jomu e poi mi dissi scrivi. 

Il suo dunque è un canto vero, un canto vibrato, oscillante 
si, ma perenne : ha i suoi chiaroscuri : ora è sereno , ora si 
rannuvola; si bea, desidera, prega, si sdegna; impreca, si 
pente, torna a pregare. Questo è il canto del Veneziano : le 
ottave dei due libri sono parecchie centinaia, ma il canto è 
uno come uno è il cuore del cantore. Nelle musiche del Bel- 
lini non si sopprime una frase, una nota, senza guastare il 
tutto: nella Celia del Veneziano levare una sola ottava vale 
sconcertare l'armonia della passione. Questa passione del no- 
stro poeta sebbene abbia una tendenza oggettiva, pure con 
lavorio misterioso e febbrile si feconda prima dentro il sog^ 



Digitized by 



Google 



AHTOKIO TSNBZIÀHO 88 



getto e poi sgorga al di fuori. L' oggetto che suscita questo 
elettricismo interiore può avere in sé maggiore o minore per- 
fezione, non importa: è il vate che lo purifica, lo idealizza. 
L'arte dell' anima fa il resto aggiunge queir aura di voluttà 
che tacitamente ispira, e se è lecito dirlo, magnetizza; e il 
poeta, questo creatore di mondi e di tipi ideali, allora vera- 
mente creatore, si apparta, si fa solitario, contento di sé e 
dell' oggetto delle sue contemplazioni, ma non inerte. Anzi cosi 
attuoso ed eloquente che pensa, ragiona, nota : e quando non 
può frenare dentro la commozione, canta e scrive, ma dopo. 
Di questo svolgimento psicologico il nostro Veneziano fu co- 
sciente, lo subì, lo comprese, seppe narrarlo meravigliosamente 
in otto versi alla sua Diva: 

In vui natura, Amuri e l'arti espressi 
Quant' ha di beddu cu ritrattu vivu : 
Natura vi produssi, amuri elessi, 
L'arti compliu, si eh' iu restai cattivu 
Di vostra bedda forma che s' impressi 
In menzo st'alma e pascimi d'un civu, 
Chi quant' un tempo in li vostr' occhi lessi 
Pensu, ragiunu, cantu, notu e scrivu, 

Il genio di Dante aveva prima rilevato questo concetto ge- 
nerale dell'ispirazione 

... io mi son un che quando 
Amore spira noto, ed a quel modo 
Che detta dentro vo significando. 

Il Veneziano lo compie applicandolo a sé e particolareg- 
giandolo. Il vate cosi solitario nel momento dell'estasi tra- 
sfonde nell'oggetto dei suoi amori tutti i tesori del suo spi- 
rito: nell'ordine naturale un padre non sa, né può far tanto 
con la sua prole ! Cosi la Beatrice, la Laura, la Celia, tre bea- 
titudini di poeti, tre tipi creati ed animati sotto il cielo d'I- 



Digitized by 



Google 



84 ANTONIO 7INIZIÀV0 



talia, non si rassomigliano se non nelle più larghe generalità. 
Ma diciamo più correttamente, non sono esse che non si rasso- 
migliano, sono piuttosto i loro poeti. Il Dante, quel cuore di 
Cherubino, quello spirito teologico, piglia la Beatrice nei campi 
della Toscana, la eleva, la spoglia della sua umanità, ne ta 
un tipo diafano neir ordine degli spiriti : Beatrice si sublima 
al sìmbolo della rivelazione divina, e attraverso di lei il pe- 
regrino dei tre regni contempla Dio. La Laura sta un gradino 
più sotto della Beatrice : oscilla tra il simbolo e la realtà : il 
suo vate è intento a purificare sé e il suo tipo: l'ideale riesce 
roseo, gentile, morale come l'anima del Petrarca; purificato si, 
ma umano. La Laura ha tentato il gentil tradimento alla Bea- 
trice ; ed Ugo Foscolo ebbe intelletto e coscienza cantando in 
quei suoi versi, che il Petrarca 

Amore in Grecia nudo e nudo in Roma 
D'un velo candidissimo adornando, 
Rendea nel grembo a Venere celeste. 

Il Veneziano rimuove il velo candidissimo e la Celia com- 
pie il tradimento. La corruttela generale dei costumi non raf- 
frenata ancora interamente dai canoni del Concilio di Trento, 
il classicismo in trionfo, la mollezza dell'atmosfera siciliana e 
il fuoco dell'Etna determinano nel nostro poeta un ideale tutto 
umano, sin quasi alla sensualità greca e romana. Al simbolo 
si oppone la realtà : al supernaturale il senso e il gusto del 
piacere:* se l'amante non oltrepassa i limiti, è l'onestà natu- 
rale della donna che lo ferma : ma virtù cristiana, checché ne 
dica il Baronio (1), non ne alita. La veste del pensiero, la 



(i) Il Baronio nella vita del Veneziano scrìve: « dum in Algerìo MDLXXXV 
plus nainusve servire! servitutem, Celiam scrìpsitad molestias animi sai le- 
vandas, in eujus prìmaeva pupiro, quae penes me est, nihil non oandidum, 
nihil non bonum, nihil non cbrisiianis morìbus oonsonum lectitatur. » 



Digitized by 



Google 



àktokio Vxkbziaro 



8S 



forma, Io stile, le figure neppure esse alitano niente del cielo 
degli spiriti : se si parla di cielo o di inferno, avviene gene- 
ralmente con quel sentimento che si ritrova o in Catullo o 
in Virgilio in Orazio. Mitologia, favole, storia greca e 
romana, storia naturale ed astronomia come si conoscevano 
ai suoi tempi, tutta questa ricchezza di elementi naturali cam- 
peggia stupendamente. E il Veneziano senza assorgere ad al- 
tro, in mezzo a questa oasi lussureggiante per natura ed arte 
idoleggia e carezza la sua Celia. 

Cosi la Laura del Petrarca non è la Beatrice di Dante, 
né la Celia del Veneziano : ma sta di mezzo all' una e al- 
Taltra. E il Veneziano vagheggiò l'ultimo ideale, più giù del 
quale , a un passo , viene la esagerazione fredda ed insipida 
del seicento, o la corruzione turpe e verista del secolo de- 
cimonono. 

Il Petrarca dopo avere cantato Laura sente un certo ri- 
morso del suo canto, ma non sente bisogno di distruggerlo, 
perchè trova qualcosa di lodevole nell'onestà di lei. Anzi non 
lo crede indegno della Vergine Santa e con la soavità dell'e- 
legia e la sublimità dell'inno si rivolge a Lei e glielo consa- 
cra, come per purificarlo. 11 Veneziano trova poco da lodarsi 
nel suo canto (quali fossero state le sue idee religiose e mo- 
rali l'abbiamo già visto) ed egli come il Petrarca sente il ri- 
morso : però quanto più grave era stato il suo fallire e il va- 
neggiare, altrettanto più intero e profondo fu il suo rimorso. 
Ed amareggiato canta: 

Fuii lu suli e vola innamurata 
La farfalla inaccorta a la lucerna, 
E di la vampa sua resta bnixiata 
Tantu sicci avvicina, e sicci interna. 
Cussi r anima mia s' ascia ingannata, 
Chi per un lustro di biddizza esterna 
S'ardi e consuma e lassa svinturata 
L'almu sblenduri di la vita eterna. 



Digitized by 



Google 



66 ÀUTOlfflO VENISlAlrO 



Cosi messa da banda la cetra dei profani sentimenti co- 
mincia a temprare Parpa del penitente. E come ben si espri- 
me Pier Giuseppe Sanclemente: il maestro della siciliana 
poesia lasciato in abbandono il monte Parnasso si conduce al 
Calvario. Non più abbeverato nelle acque di Castalia e d'Ippo- 
crene, si immerge tutto nell'oceano del sangue e delle piaghe 
del comun Redentore. La vivacità dei profani affetti e la pro- 
fondità dei concetti sensuali ha trasportato in sensi squisitis- 
simi ed in tenerezze impareggiabili di spirito e di devozione. 

I critici hanno giudicato cosa di grande rilievo studiare e 
conoscere se la Beatrice e la Laura siano stati tipi reali o 
intieramente ideali, e gli studi hanno avuto risultati positivi. 
Ma in quanto alla Celia del Veneziano ? Egli stesso nella de- 
dica del primo libro fa comprendere che questo nome è fit- 
tizio ; ma che in fatto ci è di mezzo una donna la quale, dice 
egli, sa tutti « li miei passioni ed amurusi pinseri^ pirchì al-' 
VuYìibra stia faiu cantatu e sfogaiu, » Anche prima della Celia, 
come si rileva dai suoi versi, aveva amato altra persona 

Amai prima, nun negu, e mi 'mmizzai, 
Pirchì megghiu sapissi amari a vui. 

E in un'ottava del secondo libro , trovo ricordato il nome 
di una certa Isabella: 

Quannu m'appari in sonnu o viju in vigghiu 
Cosa chi spissu ramanti flagella : 
Bedd'occhi, bedda vucca, beddu gigghiu, 
Grazi uniti in nobili dunzella : 
A cui mi rappresenta e m^assuttighiu, 
E sentu un certu chi, chi mi martella; 
E mi dici ; Vi, chistu è un assumigghiu, 
Or pensa un pocu tu, com' è Isabella. 

Costei era Isabella La Turri di Monreale, a cui il poeta più 
tardi sdegnato e pieno di bile indirizza una delle peggiori sa- 



Digitized by 



Google 



iirroiho VsinsziAtio §7 



tire in terza rima, come può vedersi in un assai antico mano- 
scritto che si conserva nella Comunale di Palermo (1). 

Però reggette principale degli amori del nostro poeta, la 
vera Celia che con gli ardenti sguardi l'accende come esca : 
ridolo da cui non può, né potrà mai distaccarsi il nostro An- 
tonio è Franceschella Porretta, ragazza palermitana, onesta e 
bella, ma di non elevata fortuna. Era costei ai servigi di Suor 
Eufrigenia Diana, terziaria di S. Domenico, quando egli come 
già abbiam detto, la rapi nell'agosto del 1573 e ne ebbe in 
pena il carcere e la disgrazia della madre. Il nome di questa 
Francesca unito a quello di Antonio è dichiarato in un'ottava 
delle più vigorose del secondo libro: 

Fora di rocchi toi Tardanti rai 
Ficili, azzara, locu ed iu fui Tisca, 
Gh'a li toi vivi sguardi m'addumai, 
Gomu Fenici, ch'in focu ardi e trisca. 
Ora chi su tutt*arsu, e tu lu sai, 
E la tua acqua sula m'arrifrìsca, 
Gomu potti, né pò, né purrà mai 
Spisarsi Antoni di la sijia Franciscal 

E chi era questa Francesca e la sua condizione, e il ratto 
l'abbiamo appreso da un documento giuridico che oggi pub- 
blichiamo per la prima volta (2). 

Lo stile della Celia e di ogni altra composizione poetica 
del Veneziano è puramente classico : è grave , abbondante, 
scultorio, sentimentale : ma un po' troppo carico di erudizione. 
L'elegia, l'epigramma, la satira hanno in lui concetti e senti- 
menti diversi, ma lo stile è uno; si scosta per poco da Tibullo 
e si avvicina più a Catullo e a Properzio. La sua mordacità 
tocca l'eccesso in due satire in terza rima: si mostra pessimista 
nell'idea che ha dell'umanità, realista come espositore dei 
costumi e come poeta: in esse a preferenza si risente il Giovenale. 



(1) Il ma. porta i segni : Qq. 7. 231. 
iZ) Vedi documento LXIIL 



Digitized by 



Google 



AÌTTOHÌO TEirBZIAirO 



La classicità dei componimeDti del Veneziano è una na- 
turale conseguenza dei suoi larghi studi sopra i classici greci 
e latini: e il greco e il latino egli lo scriveva meravigliosa- 
mente. L'ammirarono i contemporanei e gli attribuirono il 
primato, e i più grandi classicisti della posterità gareggia- 
rono per pareggiarlo nella squisitezza della forma. Anche il 
Murena non Siciliano, ma caposcuola celebre dei classicisti 
del secolo XVIII in Sicilia, si provò nel paragone. 11 Veneziano 
per incarico del P Torres aveva fatto in versi esametri Tepi- 
grafe dell'aula chiamata Romana del palazzo arcivescovile di 
Monreale. Quest'aula in belle pitture riproduceva i più celebri 
monumenti dell'antica Roma : il Torres l'aveva destinato per 
accogliervi gì' illustri personaggi che allora spesso venivano 
dall'alma città. E però il Veneziano il 1583 vi scrisse : 

Hanc aulam cui Roma dedit nomenque decusque 
Quod monumenta Urbis referat praeclara vetustae, 
fìomanis Sicuiae advectis telluris ad oras 
Antistes statuii Ludovicus Torrius, ima 
Cum cellis hic coniunctis, quo quando lubebit 
Causa animi ad sedes possint divertere amicas : 
Et dum prospìcient simulatae moenia Romae, 
Hinc desideri um patriae vel imagine fallant. 

Il Murena per fare onore al suo degno mecenate, l'arcive- 
scovo Testa, rifa l'epigrafe in altrettanti esametri, ne ritrae 
l'eleganza e la solennità : gareggia col Veneziano, ma non lo 
vince. Giova qui riportare anche V epigrafe del Murena , si 
perchè è un gioiello di latinità non reso ancora di pubblica 
ragione, come pure perchè i due brevi componimenti dì tali 
maestri messi a raffronto si lumeggiano a vicenda. Ecco a- 
dunque : 

Illa ego, quam Sicuiae adveclis telluris ad oras 
Romanis referentem Urbis monumenta vetustae 
Antistes statuit Ludovicus Torrius olim 
Quo desiderium patriae dum moenia fictae 



Digitized by 



Google 



ÀKtOVIO rWKWBAIfO 



Prospicerent Romae vel ìmagine fallerà possint; 
Hospitium modo musarum doctaeque Minervae 
Francisci Testae jubeor meliorìbus esse 
Auspiciis, tantoque auctam me laetor honore. 

Un^ultima prova e dì Don poco rilievo della classicità delle 
cose del Veneziano la ricavo da ciò, che i migliori latinisti 
a cominciare dal seicento sino ad oggi hanno avuto gusto a 
tradurre in versi latini le ottave del nostro poeta, e la prova 
è riuscita felicissima. Ne fanno testimonianza le molte, belle, 
chiare ed eleganti versioni del Baronie Manfredi, del Parata, 
di Michele Remigio Moraschini e di Gius. Prescimone. 

L'abate cassinese Benedetto Requesens, il Palermitano Mi- 
chele Maria Costa, i monrealesi Fedele Terzo, Giorgio Pillitteri, 
Pietro Lorito fecero anch'essi onore al Veneziano colle loro 
versioni latine : e non mancò di rendergli il suo tributo il 
celebre traduttore degli Inni di Manzoni e dei Sepolcri del 
Foscolo, Giuseppe Vaglica, che fu mio maestro e degno membro 
di questa Società. Tra le più riuscite versioni di lui noto le 
ottave 104, 105, 107 del libro primo della Celia che si rinvengono 
pubblicate senza nome nell'edizione dell'Arcieri. Si consideri 
intanto che è cosa assai difficile tradurre in una lingua morta 
componimenti, anche di tipo classico scritti in dialetto vivente, 
che lontano da ogni solennità ritrae i più minuti accidenti, 
lo spirito e la vita del popolo e della famiglia. Chi il crede- 
rebbe ? Questa difficoltà fu avvertita financo da quel Vincenzo 
Raimondi, che è l'insuperato traduttore delle delicatissime poe- 
sie del Meli. Cosi egli scriveva il 29 Dicembre 1834 al Signor 
Girolamo Magno: «leggerete retroscritta la traduzione delle 
ottave siciliane che desideravate : ma riflettete, come vi dissi, 
che i dialetti non possono sempre produrre l'ugualissimo effetto, 
trasportandosi particolarmente in una lingua d'indole straniera, 
e mancante talvolta dei modi di esprimere lo stesso spirito 
ed il senso allusivo di un originale. » 

Queste sono le parole dei Raimondi : per quel che ri- 
guarda certi modi di esprimere aveva ragione : ma nel resto 



Digitized by 



Google 



'- 90 Àvtomò vbìcbzìaAo 



la classicità e la pienezza del pensiero e del sentimento dell'o- 
riginale erano capaci di produrre rugualissimo effetto anche 
in latino. 

Lo stesso Raimondi infatti vi riusci a meraviglia : si può ve- 
dere nella versione dell'ottava 276 del libro I della Celia e da 
quest'altra della I ottava di Lamento che io qui metto a raf- 
fronto col suo originale, mentre ancora non è stata mai pub- 
blicata : 

Sutta un niuru cipressu unni la luna 
Mannava appena li soi friddi rai, 
Guntava li me* peni ad una ad una: 
Na vuci sentu e li me' occhi alzai 
Uh I Uh I facia 'ntra chidd'aria bruna 
Dulurusu jacobu amari lai I 
Mi si ancora cuntrarìa furtuna 1 
Stu trivulu mancava a li me* guai... 

Afflictus densa subter nigraque cupressu 

Debilibus radiis vìx ubi luna nitet, 
Enumerans auctos repetebam mente labores 

Et voce audita lumina sustuleram. 
EhuI eheul ingeminans tacitae caligine noctis 

Bubo dolens tristes edidit ore sonos. 
Cut adversa diu memet fortuna fatigesf 

Àn aberat nostris haec nova cura malis ? 

Vere difficoltà presentano le ottave tradotte dal Raimondi, 
ma io giudico ancora più difficile la seguente ottava di La- 
mento per la sua forma dialogica e per la sua necessaria vi- 
bratezza : 

Cori chianci, pirchì f Pirchi su amanti. 
Di cui ? I/una spietata e sconoscenti. 
T*ama f Nun nCama, e di suspiri e chianti 
Mi pasci ogn*ura (affannata menti. 



Digitized by 



Google 



▲Ktoino vnnteAUo di 



L'amasti? lu Famai firmu e destanti. 
Fusti pagatu ? Si di peni e stenti. 
Dimmi, in premiu chi avisti? Amari chianti. 
E rami? Uamu, E chi nni speri? Nenti. 

Pure questa ottava è capacissima di essere voltata in la- 
tino, e ne fece vittoriosamente la prova il monrealese abate 
Fedele Terzo in pari numero di versi , che ora pubblichiamo 
per la prima volta. 

Quidne cor illacrumas? Nimio consumar amore. 

Cuius ? Inhumanae carpar amore ferae. 
Tene amat ? Haudquaquam crudelis et 'osque dolorum 

Poenarumque m£um flumine pectus alit. 
Tu dilexisti? Costans et firm,us amavi. 

Merces? Eantium suppliciumque fuit 
Munere quone redis? Lacrimis cumiUatus amaris. 

Diligis ? Ah pereo ! spes tua quidne ? NihU. 

Quanto abbiamo detto sin qui intorno alia moltiplicità e alla 
valentia dei traduttori del Veneziano forma una nuova prova 
del pregio in cui egli sempre è stato tenuto per il corso 
di tre secoli. Prima di lui ci erano stati in Sicilia poeti e 
poesie in dialetto siciliano : in Monreale Pietro Oddo nei prin- 
cipii del cinquecento scriveva soavissime ottave: l'uso delle 
notturne era pur troppo di moda e nel 1534 godeva nome di 
eccellente cantore e suonatore di liuto uno schiavo della stessa 
famiglia Veneziano. Assai pregevole per la sua semplicità è 
la vita di quello 

Angilu Falcuneddu omu valenti, 
Lupu chi in omni parti fa terruri, 
Fu natu a Monriali veramenti 
Fighiu d*un puvireddu zappaturi. 

La quale vita dovette probabilmente essere scritta in Monreale, 
ma fu stampata in Palermo presso Matteo Maida nel 1566. Al Ve- 
neziano però deve attribuirsi il vanto di avere reso il nostro 



Digitized by 



Google 



92 Aitromo VEm^ziAifo 



dialetto siciliano non solo nobile e caro, ma dignitoso e capace 
di abbracciare e svolgere gli argomenti più svariati, dall'ana- 
creontica erotica fino alla didattica scientifica. 

Egli non fu il primo poeta vernacolo, poiché prima di lui 
molti altri avevano composto longhi dicirì e viti ed istori : ma 
fu il primo vindice della poesia siciliana, perchè dopo aver 
cantato i suoi amori in brevi ottave (canzuni) V una distinta 
e non separata dall'altra, fu il primo che dispregiando i pre- 
giudizi dell'epoca si lodò di pubblicarle col suo nome. Per que- 
sto rispetto è degna di alta considerazione l'epistola dedicatoria 
che fé precedere alla Celia, perché in essa l'autore stabilisce 
il programma delle sue idee, come letterato. 

Presso i pittori del suo tempo era entrato in voga l'uso delle 
piccole miniature e dei piccoli quadretti intorno ai grandi qua- 
droni (1): al Veneziano piace il concetto e, Cicero prò domo sua, 
dimostra che il pregio dei componimenti letterarii non si de- 
sume dalla loro prolissità, e dice « l'opera bona è chidda chi 
è ben fatta, non chidda chi è prolissa. Cherilu presentau ad 
Alessandru Magnu un'opera in sua laudi : issu ordinau chi pri 
quantu versi ci eranu boni, ci fussiru dati tanti scuti, et per 
quantu cinn'eranu tristi, tanti pugna : lu poviru poeta morsi di 
pugna. Si cussi fattu fussi di l'opiri di multi, ci sarrianu manca 
dicituri , e cussìnobili arti sarria in chiù riputazioni. » Si la- 
menta in secondo luogo che parecchi poeti per ritrosia non 
pubblicano i loro componimenti e li rampogna acerbamente 
€ antri hannu avutu ed hannu bellissimi canzuni, ma pari chi 
loro stessi si schiflassiru , ne li volinu stamparì , ne lassarili 
Yulinteri vidiri , comu si fussiru ziteddi schetti , e pirdis- 
siru pir chistu la vintura o fussiru canfora chi Tariu si li 
mangiassi. Quantu chiù visti su li composizioni, tantu chiù 
accetti su, semprì chi su boni, pirchi da chiù sunnu approvati. » 



(1) Contemporaneo del Veneziano fa in Monreale il pittore Pietro An- 
tonio NoveUi che adornò i suoi migliori quadroni di simili quadretti : vedi 
la S. Maria del Carmine e il S. Antonio nelle chiese omonime. 



Digitized by 



Google 



AHTOirio tbkiziaho 98 



Finalmente con vigoria di oratore e con acume di crìtico 
propugna i diritti del dialetto siciliano e scrive : « Staria fViscu 
Omeru chi fu Grecu, e scrissi grecu; Oraziu chi fu d*unni si 
parlava latinu e scrissi latinu; lu Petrarca chi fu Toscanu e 
scrissi toscanu , si a mia chi su sicilianu non mi convenissi 
comporri sicilianu. E si Plautu appi a summa grazia potiri 
imitari chiddu primu comicu Sicilianu Epicarmu, e Virgiliu si 
tinni assai contentu di ritrairi r idillii di Teocritu pura Sici- 
lianu; iu chi su sicilianu mi haiu a fari pappagaddu di li lingui 
d'autru ?» A questo punto il Veneziano si propone da se stesso 
una difficoltà dicendo : ma la lingua toscana è più comune e 
meglio intesa : ed egli stesso risponde « è veru in Italia , ma 
non in Sicilia, né appressu di li donni siciliani ». E conchiude 
con queste stupende osservazioni: «Chi fu chiù miraculusu 
Fidia in fari Minerva d'avoliu chi un cavaddu di petra ? La 
poesia non sta ne lu idioma, sta ne la vena, ne lu spiritu e 
ne li pinsieri... risolvasi ogn'unu chi un grandi affettu nun si 
basta megghiu esplicari chi in linguaggiu maternu, e cussi 
videmu quann*unu è troppu in colura, o superchiu allegru da' 
subitu ne la propria sua lingua, pri struttissimu chi sia di par- 
lari antri linguaggi ». Cosi V epistola dedicatoria equivale ad 
un vero trattato : e la Sicilia, per essa e per la Celia, nel Ve- 
neziano riconosce il suo Dante che alla sua volta fu il propu- 
gnatore dei diritti del volgare eloquio e il creatore della vera 
poesia italiana. 

Gol Veneziano si allarga in Sicilia la schiera dei poeti dialet- 
tali : dopo di lui ogni città ha un nome da vantare, e in Monreale 
nel sec. XVI fiorisce l'abate Paolo Catania, nipote del grande 
Poeta; nel sec. XVIII il canonico Antonio Diliberti sotto l'ana- 
gramma di Benedetto Annuleru, e nel principio di questo se- 
colo XIX il sacerdote Antonino Modica. 

A volere completare lo studio sul Veneziano come poi)ta 
e come letterato bisogna aggiungere qualcosa che stabi- 
lisca la sua posizione in faccia al teatro del cinquecento in 
Sicilia. Nato nel 1543 ebbe agio di assistere ai Riti figurati 



Digitized by 



Google 



94 AjrroRio thuziaito 



delle sacre funzioni che nel suboscuro solenne del duomo nor- 
manno di Monreale si svolgevano nella settimana santa e nella 
Pentecoste, come accenna il ceremoniale vetus ecclesiae Mentis 
Regalis del 1559 (1). Dovette poi aver veduto le Rappresen- 
tazioni sacre della Passione di Gesù Cristo o del martirio o 
della storia di qualche santo o santa. Ben è vero che un de- 
creto sinodale del 1554 metteva fuori chiesa queste rappre- 
sentazioni, e per evitare profanazioni o scandali ordinava una 
severa censura (2); esse però fuori chiesa durarono ancora 
altro tempo, ed il Veneziano ne ha ricordo e cosi vivo da aprir- 



ci) Nel detto cerimoniale, nel giorno di Pasqua si legge : < Ante primam 
sacrista preparet ante altare majns sepalcrum cum litteris majnscolis 
dìceniìhus — Surreicit non est Atc — Et ad tertìam parantur duo pueri 
in angelos indumentis et aliis qnae snnt ad hoc depntata, et sedeant secus 
sepulcram unus a dextris et alter a sinistris habentes palmas in mani- 
bus. Ad sequentiam fiunt ceremoniae per diaconum respondente coro, 
demostrante ipso diacono vestes, angelos, sepulcrum et crucem. » 

Nel giorno di Pentecoste si dice : « Dìaconus antequam vadat ad can- 
tandam evangelium in medio altaris intonando — Veni sancte spirìtus — 
prqjicit super populum flores rosarnm aut alios diversos, et deinde ac- 
colito afferente ante eum dictos flores spargi t per chorum super cunctis, 
et sic fit per ecclesiam prqjicientibus clericis flores e tecto ecclesiae per 
totum. » 

f2) Nel sinodo di Card. Farnesi celebrato e stampato in Monreale 
nel 1564 coi tipi di Antonio Anay — De poenis — tit. XXV cap. 3 si legge : 
€ Spectacula, mulierum choreas , repraesentationes etiam ecclesiasticas, 
Indos quoscumque, nundinas, visita funeralia mulierum in eoclesiis pe- 
nitus interdicimus : snnt enim peccatorum occasio , et scandala saepius 
oriuntur: scholas etiam a tempio dei sub excomunicationis poena et une. 
decem depellimus>. Nell'istesso sinodo cap. 36 — De poenis — si dice: 
«Ad evitanda ridicula quaedam qnae risum non devotionem excitare so- 
lent cum repraesentationes passionem domini et alia similia populo 
ostentare conantnr, statuimus ut nullns si ne licentia domini Archiepi- 
scopi aut V. G. tam in civìtate quam dioecesi talia sub excomunicationis 
poena repraesentare audeat : ipsi enim examinatis omnibus ad id neces- 
sariis et opportunis ut devotionem inducant et non risum provocent, fa- 
cultatem praestabunt. » 



Digitized by 



Google 



▲RTOjno TnruiAVO M 



gli l'adito ad uaa spontanea e bella comparazione nelPottava 
del secondo libro della Celia pubblicata col numero cento* 
cinquanta nove: 

In cbista scena di la nostra menti 
Amuri vesti e fa li pirsunaggi 
D*omini, donni, di ludei valenti, 
D*arditi vecchi, o di patnmi paggi : 
Ognunu fingi, e vuluntariu menti 
L'abiti differenti a li curaggi, 
E li chiù! umiliati, e impazienti 
Di bravi rappresentanu e di saggi. 

Fu il card. Alessandro Farnesi che nelle costituzioni del 
sinodo da lui presieduto in Monreale nel 1568^ tuttora ine- 
dito, abolì recisamente non solo le sacre rappresentazioni, ma 
anche i riti figurati (1). Ma già in Palermo entrava in moda 
li teatro pubblico con l'Atto della Pinta deirabate Teofilo Fo- 
lengo, poi col martirio di S. Cristina e di S. Caterina del par- 
roco Gaspare Liccio e in seguito con altre opere drammatiche 
di Bartolomeo Sìrillo. Questo era il momento storico e questi 
i nomi più insigni della drammatica siciliana, quando il Ve- 
neziano intese a scrivere per il teatro. È un punto assai poco 
illustrato si riguardo alla storia letteraria dell'epoca, come 
pure riguardo agli studi del nostro poeta : questo solo è certo, 
che il teatro siciliano di questi tempi è molto libero, e parte- 
cipa a quella originalità popolare che rese celebre il teatro 
inglese e spagnuolo. Però il Veneziano, ingegno cosi vigoroso 
e colto, esercitò nessuna influenza sopra questo indirizzo dram- 
matico? qual parte egli vi rappresentò? 



(1) Nel Sinodo del 156S tit. ^De celebratione Missarum— cap. VI, si 
legge: « Representationes de sanctorom sanctaramvemartiriia seu de do- 
mini nostri lesu Ghristi passione aliave sacra historia ne fiant, cum expe- 
rìentia compertam sit plerumqae haec ad risum et ad neglectam magis 
qaam ad aliqaam devotioQcin spectatores incitare et ezinde alia scandala 
oriri. » 



Digitized by 



Google 



M AVTOinO VSHkSIAffO 



Nella biblioteca comunale di Palermo in un codice cartaceo 
del secolo XVII ho trovato ora di recente una copia di una lettera 
che il Veneziano scriveva nel gennaio del 1589 al secretarlo 
del Duca N. S., il quale dovea giudicare certi Frammezzi Tea- 
trali che per ordine del Viceré erano stati scritti da autori 
diversi in onore del defunto viceré Marco Antonio Colonna (1). 
La lettera, sebbene copiata pessimamente, è preziosa per le 
molte notizie storiche riguardanti il teatro e per la critica eru- 
dita e coscienziosa , la quale fa vedere come il Veneziano , 
anche in un genere allora assai poco sviluppato, aveva studi 
e concetti maturi. « Uno degli autori degli intermedii, si dice 
nella lettera , voleva tutto il cielo in terra , pianeti , segni e 
stelle , e insomma imaginatevi il finimondo e il giorno del 
giudizio. Questo voleva che facessero una festina delli dodici 
segni attorno la Colonna, e poi rapita la Colonna^ la portassero 
in cielo e la stelliflcassero. )> Il Veneziano aggiunge « questo 
intermedio (o feci io nella Bertuccia ad unguem, che fu una 
comedia la quale si recitò nella corte del Pretore, e allora 
perchè havevamo una certa ragunanza di dodici amici di sapere, 
che ci chiamavano gli Opportuni o facevamo per impresa lo 
zodiaco; là sulla scena i dodici segni fecero di se stessi festina 
all'arme del Duca di Terranova, e poi le portarono in cielo, 
come sa tutto Palermo e mezza Sicilia » (2) ! 



(1) Vedi documento LXIV. 

(2) L*iQtermedio di cui parla qui il Veneziano pare che sta diverso 
da quello che egli compose nel 1584 , qaando alla presenza dei Viceré 
Marco Antonio Ck)lonna si rappresentò la comedia del Pazzo Assennato 
di Antonio Usodiraare. Vedi Mongitorb, BiblioU Sic. part. 1, pag. 75.— 
Il Parata in ana lettera del 26 febbraio 1593 parla di qnest* intermedio 
e del simbolo della Pubblica Laetitia con queste parole : < La Pubblica 
lotitia fu già fin sotto il sig. M. Antonio Colonna Vice Re veduta per uno 
degli intermedii della Comedia d*Antonio Usodimare detto il Pazzo As- 
sennato-, e fu inventione del signor Antonio Venetiani; il quale nella dì- 
chiaratione dell'i ntermedio lasciò memoria di riconoscerlo dalle meda- 
glie, donde il sig. Ariano dice , che V. S. la prese. » Vedi Nuove Effe- 
meridi Siciliane^ Voi. Ili, serie III, pag. 207. 



Digitized by 



Google 



Àirroino yamiÀiro 97 



Si diee in seguito nella lettera « che gli altri quattro inter- 
medi erano la nave di Bacco, un ballo di satiri mescolatevi 
le Grazie, il sonno e il martirio e passione di Amore, » Il Ve- 
neziano dopo aver fatto tante minute osservazioni scatta col 
dire: « Ma, per Dio, a che proposito la nave di Bacco e tanta 
ebrezza in scena, non basta in casa ? Dice Tautore : perchè è 
fatta di mosaico a Roma in S. Agnese, che fu tempio di Bacco. 
E poi ? se voleva mostrare il letterato non doveva allegare il 
mosaico di Roma, ma il III della Metamorfosi di Ovidio dove 
leggiadrissimamente viene descritta con la trasformazione dei 
naviganti in Delfini. Appresso chi disse mai satiri poter venire 
in scena? non canta chiaro Orazio nella poetica Carmine 
quae tragico vilem certami oh ircum mox etiam a^estes sOr- 
iiros ntcdavite per trent'altri versi seguenti. Bella prospettiva: 
corona, orecchie di asino ecc. E poi vi frammette le Grazie! 
che domine di mescolanze : junctaeque nimphis gratiae decen- 
tes oMemo terram quatiunt pede^ dice Orazio nella IV ode del 
lib. I, et Omero neirinno di Apolline le mette con le Hore 
ballanti innanti Giove ». In generale poi degli intermedi tea- 
trali egli forma questo concetto. « Io sono di parere che sic- 
come la comedia è poesia, cosi debbiano anche gli intermedi 
esser poesia: non chiamo poesia le rime, ma la favola e il 
trovato. Né per questo voglio che sia un'altra comedia, ma 
qualche gentil pensiero partorito da favola siccome appresso 
Aristofane (sebben mi ricordo) sono i chori accompagnati 
dalla musica. Perchè i tramezzi sono stati introdotti per allege- 
rire Tascoltatore e levarlo da quella intenzione, non per fa- 
stidirlo e recarli nuova materia da occuparsi Tintelletto. Per 
questo tutti i miei hanno per soggetto qualche favola acco- 
modata al fatto nostro presente. » 

Dopo avere accennate queste poche cose intomo alle rela- 
zioni che il Veneziano ebbe con la drammatica dei suoi tempi, 
resta il desiderio di potere leggere intiero qualche suo lavoro 
teatrale: la lettera ora pubblicata può dare le traccio ai ri- 
cercatori. In Monreale nel giugno 1593, vivente il Veneziano, 

Areh. Star. SU. N. S. anno XIX. 7 



Digitized by 



Google 



AHTONIO VmZIAVO 



si recitò presso i Gesuiti una tragedia col titolo di Giuseppe (1), 
ma essa piuttosto che al Veneziano pare si debba attribuire 
al gesuita Ortensio Scammacca, che fli di quei tempi. 

Il Gammuca dal 1821 al 1830 studiò a preparare una edi- 
zione critica delle opere del Veneziano (2): insistette per la 
stampa presso TArcivescovo Balsamo presidente della Commis- 
sione degli studi in Sicilia: insistette presso il Decurionato 
Monrealese e presso l'Intendente della Valle di Palermo duca 
San Martino : ottenne parole e mai veri aiuti. 

II sacerdote Salvatore Arceri da Palermo nel 1861 coi tipi 
di Francesco Giliberti raccolse in un volume di 260 pagine la 
massima parte degli scritti del Veneziano. Da un lato è da 
riguardarsi come benemerito della letteratura Siciliana, mentre 
nessun altro aveva saputo far ciò che egli fece: d'altro lato 
però non può tacersi che quella pubblicazione avrebbe voluto 
essere condotta con critica più accurata e intelligente. Il di- 
segno che non potè tradurre in effetto il Gammuca e che non 
riusci molto felicemente air Arceri ; oggi è il compito che ri- 
mane ai nostri letterati. 

Gaetano Millunzi. 



(1) Fra le spese deirAmministrazione deir Arcivescovato del Torres a dì 
10 aprile 1593 si legge: «Onze 2, 12 pagati al Revdo Patre Rettore del 
Collegio per spisa da fkrsi per la trechedia». A dì 5 giugno, tt. 18 pa- 
gati a Vincezo Bellavia per sei carrichi di allaaro per la xena delia tri- 
gedia. — Onze 4, 15 pagati a voi midesmi per la spisa di mastri per la 
trigedia di loseppi. — A 10 di giugao onze 18, 15, 13 pagati a voi mi- 
desmi per diversi spisi per recitari la trigedia di loseph. — A di 4 di 
loglio onze 1 , 18 pagati a mastro Marcantoni Capiti pitturi per desi- 
gnari la trigedia et suo apparato. ^ A di 27 luglio onze 1, 20 a mastro 
Marcantoni Capiti pitturi per avere depinto Tarmi della trigedia di Io- 
seph.» 

(2) É importante sotto parecchi riguardi il progetto d'una edizione crì- 
tica preparato dal Gammuca, e però lo inserisco tra i documenti di questo 
volume. 

Vedi documento LXY. 



Digitized by 



Google 



AUTOinO VINBEURO 99 



DOCUMENTI 

DOCUMENTO I. 
Testamento di (Hovazmi Veneziano Avo del Poeta 



Die VII ntensis oUohria, primae ind. 1512. 

Honorabilis Ioannes de Venetiano civis mentis regalia eidstens cor- 
pere infirmas in lecto sanas autem Dei gratia mente et intellectu timens 
divinum judicium repentinum et amanae fìragilitatis casum, ne quod absit 
ab hoc seculo inteetatus recederet praesene suum nuncupativum testa- 
mentum facere procarayit et facit abitie prina prò cassie et jurìbus 
omnibus evacuatis omnibus et quibuscumque testamentis codicillis do- 
nacionibus causa mortis et quibusvis aliis ultimis voluntatibus per eum 
hactenuB forte conditis praesens suum nuncupativum testamentum om- 
nimodam roboris firmitatem obtineri Yoluit. 

Et primo instituit heredes universales super omnibus bonis suis mo- 
bilibus et stabìlibus jurìbus et haccionibus ubicumque existentibus et 
roelius apparentìbùs sese moventibus ac nominibus debitorum Antonium, 
Vitnm, Bartholomeum et Antoninum ejus fìlios legitimos et naturales 
natos ex eo et domina Yincentia ejus uxore sai vis legatis et disposi- 
cionibus infra scrìptis. 

Item Yoluit quod incontinenti post ejus obitum fieri debeant divi- 
siones substantiae dicti testatoris tam inter eos ejus filios et ejus uxo- 
rem quam etiam inter ipsos fratres ita quod omnes pecuniae quae sunt 
in possessione ìpsorum quam etiam in banco debeant sucedere in por- 
cione Antonini ejus filii minoris solutis prìus expensis funerariis et le- 
gatis et si superarci reficiatur aliis, si vero sufficeret quae debeat et 
refici ab aliis porcionibus in pecunia et quisque eorum incontinenti abeat 
et habere porcionem suam uniusquisque dictus Antoninus abeat alimenta 
psqne quo erìt perfectae aetatis super bonis comunibus. 



Digitized by 



Google 



100 AHToirio vnruuHo 

Item voluit testator ipse quod in easn quo Bartolomens ejus filins 
fieret sacerdos secnlarìs quod tunc et eo casa abeat plus omnibus aliis 
une. X. 

Item voluit testator ipse quod ejus roassaria et vinea existente (sic) 
in feudo di razalieheusi dividi debeat in tribus porcionibus et quilibet 
suorum videlicet : Antonius, Vitus et Bartolomens abeat porcionem suam 
de dieta vinca et massaria in ipsis divisionibus faciendis. 

Item voluit et mandavit quod dieta massaria et vinca feudi di raza- 
lieheusi abeat intelligi et in divisionibus sponi prò tcrcia parte compe- 
tenti dioto testatori que massaria et vinca non possit vendi nec alienarì 
per dietos suos heredes omnino cedat de herede in heredem de suis 
corporìbus Icgitime et descendentibus et casu quo alius corum mortem 
obiret sino filiis de ejus corpore Icgitime et descendentibus quod unus sue- 
cedat alteri. 

Item instìtuit in tntorem praefati Antonini ejus filii minorìs hon. 
Ioannem de Ganchio qui tutor incontinenti post obitum testatorìs infra 
teminum unius anni de poreione dieti Antonini abeat emore reditus 
expeditos et tutos eum potcstate in similibus requisita. 

Item instituit in tutrìcem praefati Bartolomei ejus filii dominam Vin- 
centiam ejus uzorem stante ea in viduìtate tantum et si nupserit de- 
fieiat esse tutrix. 

Item instituit corpus suum sepellire debere in monasterio Mentis 
regalie eum abita sancti benedicti cui conventui legavit jus solitum. 

Item voluit quod in ejus obitu fieri debeant rotuli sexdeeim cere la- 
vorate videlicet : X candelarum et restane in sex baldoni (hlandoni). 

Item voluit ejus obitu exiro debeant omnes confraternite quibus le- 
gavit tarenos S prò qualibet et cera consueta. 

Item voluit eo mane quo sepeliretnr ejus anima misse santi grigoH 
per monacos monasteri! mentis regalis quibus legavit jus solitum. 

Item legavit ospitalis mon. reg. prò frabiea ditti ospitalis une. 4 de 
summa ipsi testatori debita per bemardum loandilivigni et restans ditte 
somme pervenire debeat in possessione presbiteri de Evìda et debeat 
converti in maritagio ditti bemardi. 

Item voluit quod celebrare debeant prò dee et ejus anima misse 
gloriose Virginis marie per monacos mon. reg. et obligatione consueta. 

Item legavit une. 2 prò malia oblatìs ineertis cui spettai eas abere. 

Item legavit cuilibet eorum gramaglia una pretii une. 2. 

Item legavit hon. Christofalo donodeo ejus cognato gramaglia una 
2. 



Digitized by 



Google 



AirroHio VBNBziAiro 101 



Item legavit nìcolao antonio ejus nepoti filio filie ejus sororìs gra- 
maglia una pretii une. 1. 6. 

Item legavit domine vincentie ejus uxori dotee suas et chiueoa una 
panni lucubris pretii une. 3. 

Item inetituit fecit et aollemniter ordinavit in suos fides et commis- 
sarìos et exequutoreH presentis testamenti honorabUes mrì Antonius de 
ganchi et Petrus de vinuto. 

Et hec est ejus ultima voluntas 
Testes petrus bulce, hon. philippus catalanus hon. michaelis de matina 
hon. lac catalanus hon. minico purretta hon. maciotta cavallaro hon. 
bartolomeus de Jeanne. 

Ex actis mei not loan, Franeisci de Bellissimo. 



DOCUMENTO U. 

Die XIIII septemhris, VII ind. 1518. 

Nobilis Antonellus Vinìcianus civitatìs Mentis Begalis testis juratus 
et interrogatus super tote facto dixit quod in anno UH ind. proxime 
preterito una matina ad ura di terza vel circa havendosi levato di la 
casa di una sua inamurata, passando per davanti la casa di lu nobile 
Cheli di Milana per undi era lu so camino trovau a lu ditto Cheli di 
Milana afachato a la porta et dissi! i per hec verba : chi rimuri ò quieto 
dì sonari li campani alarmi; et ipso testimonio li rispusi chi ipso an- 
cora havia intiso sonari li campani alarmi, pero non sapia cieche chi 
era. Et cussi sindi tirao verso la casa et essendo in la casa , li genti 
di sua casa li dissi comò haviano passato multi genti chi andavano 
convocando genti et dichiano: omniunu a la plaza. Et sintendo ipso 
testimonio quisto convocamento di genti si stetti circa un hura in casa 
per sentiri beni chi cosa era quisto convocamento di agenti et quisto 
sonari di campani alarmi et di poi nixiu et andau sindi ala ecclesia et 
in la ecclesia truvau multi genti armati et dichiano chi haviano creato 
capitanu a Ioanni Scorsu, e chi haviano criatu mastro notare ad ipso 
testimonio et vicario a presti Antonio di Evula et conestabili Abatista 
di Paohi et disoorendu chiù intru la majuri ecclesia di ditta chitati 



Digitized by 



Google 



ìài AlTTONIO VBMSiSIAilÒ 



trovao a misser Bartolo Scorso, Cheli di Milana et lacobo Susinnu et 
multi altri agenti chi vidiano missa et ipso testimonio Titti missa cum 
loru et yista ditta missa calare jusu verso la navi. Et in quisto carsi 
quilla multitudini di genti armati et dectiro lu juramento a misser Bartolo 
Scorsa, a Cheli di Milana et multi altri chi havissiru a concurriri cum 
loru et non discordari in li franchizi chi adimanda vano et gabelli chi 
aviano levato et cussi cessao detto rimuri : et in quisto Bartolo Scorsu 
comu preturi che era di Morriali apparta ad ipso testimonio et dissi : 
cumpari pir la amur di deo per amuri di lo mastro notaro per levari 
quisto rimuri et quieta mala voluntati di li agenti voli acceptari l'of- 
ficio di mastro notaro: et cussi di tandu inanti acceptao diete officio 
et fichOo insembula cum Ioanni di Plaza substituto prò diete mastro 
notaro et cussi lo indomani arsirà supra junsi lu mastro notaro et con- 
fermau ad ipso testimonio di voluntati di ipso mastro notaro. Item 
dixit che lu ditto Ioanni Aloysi Altavilla essendo revoltura intro li mo- 
nachi siculi et li frusteri vidia ad ipso Ioanni Aloysi travagliarìsi fa- 
guriri et compariri davanti lu gubematuri et andari cum ipsi monachi 
in Palermo per intrari et chachiari dipti monachi exteri et ex ore pro- 
prio intendia diri a ditto Ioanni Aloysi : eu lu meu cori non lu poczu 
contrafari oy beni indi sia voluto oy mali, eu indi voglu plui per li 
nostri sichiliani che per li frusteri : quistì vinniro di casa di lu dia- 
bolu et stannusi a plachiri. Item dixit scire premissa modo quo supra, 
quia interfuit vidit et audivit de loco etc. 



DOCUMENTO HI, 

DU XXXI oUobris, Vili ind. 1534. 

Ioannes Yenetiana carceratus in publicis carceribus e. m. r. ob ac- 
cusacionem centra eum propositam per nob. Angelum Scuderì de insultu 
appostato modo in platea publica civ. m. r. et chi li vinni cum unu 
scupittuni seu arcabuxuni di quilli prohibiti et centra formam pragma- 
tice per ammazzarilo magna cum violencia et quillo chi apoxao darreri 
li spalli et strinsi la chiavi et apiglau la foca et de aliis et exinde 
cessus et remissus per actorem presene coram magco capitaneo et me 
magistro notano serio arcessitis ad dictos caroeres et ad dictum loan- 



Digitized by 



Google 



Ài^oirto ^^vkéxulvó lO^ 



nem sponte remisit et remittit se in brachiis curie prò dicto delieto, 
confitendo dictum delictum etiam renunciando omnibus terminis sibi com- 
petentibtts et competituris dicendo nullas circa delictum predictum ha- 
bere defensiones. linde etc. 



DOCUMENTO IV. 

Die mi aprilis, Vili ind. 1535. 

Thomas Chachaturi conestubilis retulit se de mandato domini vice 
capitane! precedente previsione et mandato sp Dom. Gubernatoris nob. 
Antonio Yeoetiano presenti et audienti quatenus sub pena ducatorum 
mille debeat se incontinenti presentare carceratum in ejus domo et 
dictam ejus domum retinere prò carcere et loco carceris et de ea non 
exeundo de die nec de nocte sub pena predicta herario curie applicanda 
usque ad aliud mandatum dicti spett. dom. Gubernatoris : unde etc. 

Die VII aprUis, Vili ind. 1535. 

presene injunctio cassa est de mandato spect. dom. Gubernatoris , ex 
quo Inter ipsum nob. Antonium et nob. Gilibertnm Scuderi fuit facta et 
firmata pax : unde etc. 



DOCUMENTO V. 

Nob. Antonitts do Veneciano pater naturalis Ioannis de Veneciano 
exhibuit et presenta vit prefatum ejus filium naturalem actum primo loco 
de insulto cum percussione in capite per Bartolum la Chana alias lu 
Longu et exinde de nece et morte quondam Giliberti Scuderi per Dom. 
Antonellam ejus matrem in manibus et possessione spect. Dom. Ioan. 
Antonini Apuleo baronis burgi gubernatoris archiepiscopatus et civ. 
mentis regalie ut de eodem ejus filio prò accusationibus predictis faciat 
proat jurìa est. etc. 



Digitized by 



Google 



104 AKTono imiKztAiro 



Fiat nota presentacionis predicte constìto qnod erit in carceribos 
die XXTT deoembrifl 1537. 

El baran del burgio governatore. 



DOCUMENTO VI. 
Testamento di Antonio Veneziano Padre del Poeta 



Die rU luUi, V Ind. 1547. 

in hora septìma noctis tribus laminariis accensis 
juxta jnris dispositionem 

Notum facimus et testamnr quod magcus Antonina de Venetiano oivis 
mentis regalia praesens coram nobis jacens in lecto eger corpore sanus 
autem mente et intellectn et sue proprie rationis compos existens timens 
divinunt judicium repentinum et casum humane fragilitatis ne quod absit 
ab hoc eecnlo intestatus decederet conaiderans et attendens qnod nihil 
est certius morte et nihil incertias hora mortis cassia prina et per eum 
totia viribna evacuatia omnibus teatamentia codicillia donacionibua et 
aliia ultimia voluntatibns per enm hactenns conditi s atqne factia auum 
praeaena nuncnpativum teatamentum condidit quod valere Toluit omni- 
moda roboria firmitate. 

In primis dictua teatator tamquam Chrìatifidelia animam auam reco- 
mendavit omnipotenti deo ejuaque intemerate virgini matri marie et 
omnibna aanctia curie celeatia : cadaver auum humari et aepeliri yoluit 
in confratemitate eccleaie aancti viti ejuadem montia regalia cujua fuit 
et est nnua de confìratribua cui legavit unciam unam quolibet anno in 
perpetuum prò celebratone uniua misae requiei etemam celebrando 
in dieta eccleaia qualibet hebdomada in die veneris per aacerdotem 
eligendum per infraacrìptum Bevdum .Don Antoninam de Venetiano ejua 
fratrem et poat ejua mortem eligendum per auoa universaiea heredea et 
yoluit quod corpua auum reponatur in alìquo tabuto lignaminia et po« 



Digitized by 



Google 



▲XTOVIO VBHKXAVO lOK 



natar in aliquo loco in dieta ecclesia bene viso dicto Bevdo Domino 
Antonino donec erit completa et facta infrascrìpta cappella. 

Item dictuB testator voluit et mandavit quod in dieta confraternitate 
sancti yiti constitnator et constitui debeat quedam capella in loco bene 
TÌ80 ipsi Bevdo Don Antonino fratri suo et prò constructione ejusdem 
cappelle expendantur et expendi debeant uncie 15 et exinde constructa 
et facta dieta cappella reponatur in ea cadaver sai corporis et in ea 
celebretur dieta missa una qualibet hebdomada in perpetuum modo et 
forma quibus supra. 

Item dictus testator instituit feeit et ordinavit sibi suos universales 
heredes super omnibus et singulis bonis suis mobilibus et stabilibus sese 
moventibus jurìbus et actionibus quibuseumque ac nominibus debitorum 
ubique existentibus et melius apparentibus magnificos Franciscum ejus 
filium legitimum et naturalem natum et procreatum ex eodem testatore 
et quondam domina Helisabetta ejus secunda uxore; nec non Ioannellum 
Nicolaum et Antonellum pari forma et filios suos legitimos et naturales, 
natos et procreatos ex ipso testatore et magca Allegrancia ejus uxore, 
equis poreionibus salvis legatis fidei commìssis et disposicionibus su- 
prascriptis et infrascriptis. 

Item dictus testator voluit et mandavit quod si aliquis ipsorum he- 
redum universalium mori eontigerit in minori etate aut in majore etate 
sine filiis legitimis et naturalibus de suo corpore legitime descendentibus 
tali casu superstites succedant equaliter prò equali porcione sua et e 
converso quos ad ìnvicem substituit et instituit vulgariter pupillarìter 
et per fidei commissum. 

Item dixit et declaravit cum magca Allegrancia ejus uxore matrì- 
monium contraxisse more grecorura usque ad procreationem filiorum 
quibus procreatis bona confundantur juxta formam contractus inter eos 
initi et firmati in actis quondam not. Ioannis Alojsii de Altavilla die 
etc. Ideo dictus testator legavit ipsi magce Allegrancie ejus uxori totum 
illud et quantum de jure sibi corapetit. 

Item instituit ejus heredem particularem dom. Vincentiam uxorem 
magci Antonini de Calojaro filiam ipsius testatoris et quondam dom. 
Heufemie ejus prime uxorie in dotibus supra premissis et consìgnatis 
virtute contractus matrìmonialis et aiiarum scripturarum in uneiis tribus 
annualibus et rendalibus emendis de hereditate predicta per infrascrip- 
tum Bevdum Don Antoninum de Venetiano fratrem suum quas quidem 
unciaa tres redditus quolibet anno solvantur et traddantur ipsi domine 
YinoentiaA in manibus suis propriis et non alteri persone. 



Digitized by 



Google 



ÌÓ6 lirtoKio Vekbèiai^ò 



Quo qaìdem unoie tres redditus at supra dimisse noD possint ullo 
umqaam tempore per dictam dominam Yincentiam nec ejas heredes vendi 
nec sub quocumque idtulo et causa alienari imo seroper stent prò dieta 
domina Vincentia et post ejus mortem prò ejus heredibus universalibus 
et sic usque ad infinitum et intelligatur subjecta in restitutione semper 
in dictis universalibus heredibus ipsius domine Vincentie et descenden- 
tibus ex ea et non aliter nec alio modo et hoc prò omni et quocumque 
jure ipsi dom. Vincentie quomodocumque et qualitercumque competente 
super bonis ipsius testatoris de quibus debeat se tenere bene contenta. 

Item dictus testator instituit fecit et ordinavit suas particulares he- 
redes magcas Constancellam , Virgineam , Armellinam et aliam adhuc 
non baptizatam sed novi ter natam, filias suas legitimas et naturales natas 
et procreatas ex ipso testatore et dieta dom. Allegrantia ejus uxore in 
une. 300 prò qualibet ipsarum prò earum maritagio aut monacatu si 
aliqua ex eis monacari elegerit ad earum beneplacitum et voluntatem 
prò omni et quocumque jure eis et cuilibet earum competenti et com- 
petiture super bonis ipsius testatoris, de quibus debeant se tenere con- 
tente et non aliter nec alio modo : et voluit et mandavit testator ipso 
quod si aliquis ex ipsis heredibus particularibus suis filiabus mori con- 
ti gerit in minori etate aut in majori etate quomodocumque sino filila 
legitimis et naturalibus de suo corpore legitime descendentibus tali casu 
in porcione ipsius morientis modo quo supra succedant et succedere 
debeant ejus heredes universales equaliter et prò equali porcione et non 
aliter nec alio modo. 

Item dictus testator instituit ejus heredem particularem dom. Yin- 
centiam de Yenetiano ejus carìssimam matrem in chiuccam unam panni 
lugubri prò omni et quocumque jure sibi competenti et quomodoiibet 
competituro super omnibus bonis ipsius testatoris de qua debeat se te- 
nere contentam et aliquid ultra non potere super bonis et de bonis 
ipsius testatoris. 

Item dictus testator dixit et declaravit cum dieta dom. Yincentia 
ejus matre et dicto revdo Don Antonino ejus fratre nullas esse factas 
divisiones honorum eorum et voluit et mandavit quod circa bona eorum 
predicta paterna prò indiviso inter eos existentia quilibet remaneat in jure 
suo et non aliter nec alio modo. 

Item instituit ejus heredes particulares Hieronimam et Eufemiam de 
Yenetiano filias naturales ipsius testatoris in une. 30 in pecunia et in 
une. 60 in rauba extimanda per comunes amicos prò eorum maritagio 



Digitized by 



Google 



▲itoirao TBiniEiARò lo) 



prò qoalibet ipsarum et hoc prò omni et qaocumque jore eia et cuilibet 
earum competenti et competitaro super bonis ipsius testatoris et non 
aliter nec alio modo. 

Item dictus testator dixit et dedaravit ad instantiam dioti magci 
Antonini de Calogero ejus generis foro sibi integre solutum et pienis- 
sime satisfacti ab eodem de Calogero de omnibus pecuniis et quibuslibet 
debitis et fìdejussionibus per eum factis prò diete de Calogero erga di- 
versas personas usque ad praesens remanentem nihiiominus de debito 
quod debet uob. Philippe Misilenda quod debitum solvatur et solvi debeat 
et debet per dictum magcum Antoninum de Calogero presentem et pre- 
missa omnia vera esse asseverantem ac ettam de quadam societate Inter 
eoe facta voluit et mandavit omnes et quoscumque contractus fidejus- 
siones et alias scripturas inter eos existentes ab oHm usque ad presene 
fere et esse cassos irritos et nullos. 

Item dictus testator statuit in tutorem et curatorem dictorum loan- 
nelli, Nicolai et Antonelli suorum filiorum heredum universalium et pre- 
dictarum Constancielle Yirginee Armellme et alterius infantis adhuc non 
baptizate heredum particularium et honorum eorum dictum revdum dom. 
Antoninum Venetiano ejus fratrem utilia agendo et inutilia pretermit- 
tendo prottt ad quemlibet bonum tutorem spectat. Cui autem et plena- 
riam potestatem et dedit et dat tribuit et concessit posse vendere et 
alienare qnecumque bona hereditaria tam mobilia quam stabilia sese mo- 
ventia et alia illis preciis personis partitis et aliis ipsi revdo dom. An- 
tonino tutori et curatori placentibus et benevisis exceptuata nihiiominus 
massarìa di li pindenti que minime vendi nec alienari possit. Ita et ta- 
liter quod dictus revdus dominus Antoninus minime teneatur reddere 
computum administrationis diete tutele et curatie nisi stetur et credatur 
suo libro et quinterno et si forte ex administratione diete tutele et cu- 
ratie in aliquo remanserìt debitor virtute presentis sui testamenti totum 
illud in quo apparebit debitor ex administratione predicta legavit et 
legafc ipsi revdo domino Antonino ejusque fratri et de omnibus stetur 
conscientie ipsius revdi dom. Antonini ex quo ita sibi placuit fieri et 
non aliter nec alio modo. 

Item fecit et constituit in ejus fidei commissarium et exequutorem 
sui presentis testamenti me not. Antoninum de Aiuto cui auctoritatem 
dedit intrandi capiendi tot de bonis heredi tarile do nec presens testa- 
mentum erit adimpletum et satisfactum. 

Item dictus testator legavit prò rollo orphanarum eivitatis mentis 



Digitized by 



Google 



108 AHTOKxo vsinzujro 



regalia une. 10 in pecunia semel solvendas prò marìtagio ipsarum or- 
phanarum prò malia oblatia incerti? solvendas per totum menaem au- 
gusti proximi venturi prò deo et ejns anima et venia peccatorum auo- 
rum. 

Item dictus testator prò deo et anima sua et remissione peccatorum 
suorum relaxavit et relaxat heredibus quondam magistri Bernardini Spe- 
radeo omnia interusuria annorum preteritorum usque et per totum an- 
num presentem illius redditus taren. 15 ipsi testatori debitorum quolibet 
rnno per dictos heredes virtute contractuum manu publica factorum. 

Item dictus testator relaxavit et relaxat heredibus quondam magistri 
Angeli de Bartolomeo une. 8 de summa interusuriorum preteritorum 
illorum taren. 15 redditus in quibus diefci heredes sunt debitores ipsi 
testatori debito virtute publieorum contractuum manu publica et hoc 
aliquibuB bonis respectibus animum suum dirigere monentibus hio non 
expressatis brevitatis causa. 

Item dictus testator prò exoneratione sue conscientie voluit quod 
solvatur solidum quod habere debet quidam Paaqualis ejus famulus. 

Item legavit magcis Petro Antonino et Ioannello de Aezolinis fra- 
trìbus ejus cognatis gramagliam unam panni lugubris de majorca prò 
quolibet ipsorum. 

Item legavit magco dom. Petro de Rogerio arctis medicine doctori 
ejus consobrino cappuccium unum visitusum panni lugubris de majorca. 

Item legavit magco Antonino de Calogero ejus genero gramagliam 
unam panni lugubris de majorca. 

Item legavit diete dom. Yincentie de Calogero ejus filie cucchiam 
unam panni azoli riquatrini. 

Item legavit dictis Hieronime et Eufemie filiis suis natnralibns nec 
non Constancelle uxori magistri Viti Culcaoi cucchiam unam panni lu- 
gubris de majorca prò qualibet ipsarum. 

Item legavit mihi not. prò confectione et copia presentis testamenti 
une. 8. 

Item legavit Andreotte Maretta cappuccium unum visitusum panni 
de majorca prò bono amore et servitiis sibi prestitis. 

Item legavit nob. Gregorio Bonifacio cappuccium unum panni lu- 
gubri de majorca. 

Et hec est ejus ultima voluntas et suum ultimum testamentum. 

Testes rev. dopnus Benedictus de Lumbardo : dop. Carolns de Lapi : 
nob Gregorius Bonifacio : nob Ioan. Lucas de xxliis : Andreotta Ma- 



Digitized by 



Google 



ASTono TBimuvo 109 

rotta : lacobas Sangìorgi : Petnis Lu Ouzzardn : nob. Sebastianiis de 
Bogerìo : et Sebaetianus Pema. 

Ex aetis meis not Antonini de Ajuto de Panarmo, 



DOCUMENTO VH. 



Inventario dei Beni del ma^oo Antonio Veneziano 
Padre del Poeta 



Die XVI septembris, VI ind. 1547. 

Cam diebus preteritiB sicut altissimo placuit quondam magcus An- 
tonine Veneciano cives civitatis Montis Regalis mortuns et defunctus 
fuerit condito per eum testamento dictus quondam constìtuerit , fecerit 
et ordinaverit in suos unìversales heredes super omnibus et singulis bo- 
nis suis mobìlibus et stabilibus magcos Franciscum Ioannellum Nico- 
laum et Antonellum ejns filios legitimos et naturales statuendo et ordi- 
nando in tutorem et curatorem personarum et bonorum dictorum here- 
dum minorum revdum dopnum Antoninum Veneciano fratrem ipsius 
quondam juzta formam predicti sui testamenti ad quod relatio habeatur, 
qui quidem Franciscus unus ex coheredibus predictin major et in majori 
etate constitntus et dictns dopnus Antoninus tutor volentes heredìtati 
predicte adire et apprehendere ac alios heredes hereditatis predicte pa- 
terne investire, non inconsulto sed consulto et cum beneficio inventarìi 
ne nota suspicionis sibi imi ingeret et ad penas a jure statutas incur- 
rerent et ut jus falcidie et quarta trebellianice et alia beneficia a jure 
introducta eisdem heredibus serrentur illesa, et ne forte creditoribns et 
legatarìis ipsius defuncti ultra vires hereditarias de proprio tenerentnr 
presene inventarium hereditarìum do bonis dicti defuncti nomine quo 
potuerunt infra legitima tempora facere procuraverunt et fecerunt in pre- 
sentia nob. lacobi Figalora iud. Idioti civitatis predicte Montis Regalis 
prò tribunali sedentis et suam judiciariam auctoritatem prestanti et tri- 
bnenti voeatis prius creditoribns et legatarìis dicti defnncti per Seba- 
stiannm de Perì diete curie serTientem assumptis loco ipaonim vocato- 



Digitized by 



Google 



110 AllTOHIO VmBKIAHO 



rum et non comparentium Matfcheo de Lapi, Ioanne Xibtfcta tuìb fidei 
dignis et subetantiam possidentibas et cognoscentibus dictum defanctom 
et facultates ejus adhibito prò subscrìptione facienda in presenti inven- 
tario nob. not. Ioanne Vincentio de Catania notario publico nomine die- 
tomm herednm literas ignorantiom proposito prins vener. signo sancte 
crucis manu dictorum heredum et tutorìs omni malignitate sublata: in 
quo quidòm inventario dicti beredes et tutor dizerunt invenisse bona 
infrascripta vulgariter nuncupata. 

Ita quod si in presenti inventario essent apposita aliqua bona clau- 
sule, verba, et alia quo de jure apponi non debuissent prò non appo- 
sitis habeantur: et vice versa si in presenti inventario non essent ap- 
posita ea que de jure apponi debebant, prò appositis babeantur et sub 
tali previa protestatione est deventum ad presene inventarium et non 
aliter nec alio modo. 

Bona vero sunt beo videlicet 

Bucti 13 di vino latino in li magaseni di lu loco di li pendenti. 

Item altri bucti 10 di vino latino in lu magasene existenti in la 
cita di morriali. 

Item frumenti provenuti, in lo anno V, ind. di la massaria di li 
pindenti sai. 40. 

Item sai. 470 provenuti in ditto anno di la massaria di Petra longa. 

Item sai. 76 di orgi pervenuti in ditto anno di la ditta massaria di 
Petra longa. 

Item formagi pecci 140 che erano in lo magasene di lu loco di li 
pendenti. 

Item quartari 25 di burro reposti in più lochi. 

Item cascavalli picciuli para 22. 

Bona Stabili a 

Item una massaria existenti in lu fogo di Bahaliceusi in la centrata 
di li pindenti cum li vigni intro detto fogo cum più casi et stancii in 
la quali massaria si trovare jumenti 8 figliati et cum li suoi pultri corno 
beni di ditta hereditati. 

Item altri vigni in In territorio di lo Parco cum certi stancii raxnni 
et pertinentii loro. 



Digitized by 



Google 



AMTOKIO TBXWZlàXO IH 



Item ano tenimento di casi existenti in la cita di mordali in la con- 
trata di lo pocillo in lo quali ditto quondam habitava. 

Item una stalla cum più corpi et soi magaseni attorno siti et positi 
in ditta centrata. 

Item certi altri casi attorno idem de retro lo ditto tenimento di casi 
in ditta centrata existenti. 

Bona mobilia 
relieta post mortem quondam magci Antonii de Venetiano 

In primis un cuttetto di siti morato carmizino tagliato alla napoli- 
tana cum la cuda guarnuta di tila di oro cum soi manichetti di tila 
di oro. 

Item altru cuttettu di villuto nigro cum li manichi aVirrina cum la 
cuda. 

Item una faudetta di damasco paudiglio cum guarnicioni di tila 
d'oro. 

Item un cuttetto di mini di maorchia cum li manichi cum cugni cum 
la guarnicioni di villuto nigro fatto a cammezzu. 

Item una faudetta di galbo di fiorenza morata cum dui ruvetti di 
villuto lavorato. 

Item dui manti di fiorenza uno novo et un altro minato. 

Item cappuzu uno di fiorenza novo cum la faxa di villuto di la banda 
dintra. 

Item cappoto di fiorenza cum una faxa di villuto cum sei retipunti. 

Item una cappa di aqua passulina cum sua cappiglia di villuto pas- 
sulinu. 

Item unu saju di siti nigru cum dui faxetti di villuto nigru. 

Item un altru saiu di fiorenza nigro usitatu cum una faxa di vil- 
lutu nigru cum sei retipunti. 

Item un altro saiu di caminu di roano nova cnm sua faxa di vil- 
lutu di lu propriu culuri cum sei retipunti. 

Item una eultra di villuto violato et damasco bianco. 

Jtem un altra eultra di tila di casa suptili nova facta a la moderna. 

Item dui altri cultri usitati. 

Item un altra eultra usitata. 

Item dui fiatati bianchi novi. 

Item un altra flazata rossa asitata. 



Digitized by 



Google 



118 AVfOHio vsimiAiro 



Item una scavÌDa osiiata. 

Item una coperta morìsoa usitata. 

Item quattro mataracci siracusani usitati. 

Item uno mataraczo purpnrìgnu usitato. 

Item dui altri mataracci bianchi novi. 

Item dui altri mataracci bianchi usitati. 

Item quattro littori usitati. 

Item para otto di lìnzola di mina. 

Item uno chiumaczo di capiczo di tila bianca layorata di sita car- 
mixina. 

Item paro uno di chiumacci dì villnto violato carmixino cum li 
frappi di siti arangino usitati. 

Item un altro paro di ohiumacci picciotti di tila cum li cordelli di 
sita paglina. 

Item un altro paro di chiumacci di tila bianca cusuti di gruppi. 

Item un altro chiumacello picciulo di tila lavorato di sita carmi- 
xina. 

Item uno paro di chiumacci di tila intagliato usitato. 

Item unu torniaturi di lecto di falso raso arangino usitato. 

Item un alfcru torniaturi di lectu di falso raso carmixino usitato. 

Item un altro torniaturi di panno di racza usitato. 

Item un altro torniaturi di lecto di tila figurato usitato. 

Item unu pavigliuni novu di tila bianca cusutu di gruppa et ogni 
custura cum lu so gruppu. 

Item unu sponciaturi cusutu di cordelli oarmìxini. 

Item un altro pavigliuni di tila usitatu. 

Item una tovaglia di flandina di tavola larga una canna usitata. 

Item un altra tovaglia di tavola di flandina larga sei palmi usitata. 

Item una tovaglia di credenza lavorata a ramo larga una canna 
usitata. 

Item setti altri to vagli di tavola di mina. 

Item dui altri tovagli di credenza di mina. 

Item dudici stoja bucchi di flandina. 

Item una salerà di argento. 

Item setti cucciarelli di argento. 

Item unu sigillu di oro cun lu so scutu. 

Item unu anello di oro cum sua petra di robino. 

Item un altro anello di oro cum sua petra torehina. 



Digitized by 



Google 



AKTOVIO VKKBZIAKO 118 



Item una anello di oro cam sua petra corniola sculpita oam li bi- 
lanci. 

Item dui caxi di nuci grandi musiati usitati. 

Item dui altri caxi di nuci miczani usitati. 

Item dui scrigni coperti di coirò pardiglio usitati. 

Item quattro chiesi picciuli di cammara. 

Item dui quatri. 

Item unu lamperi. 

Item dui portali usitati di racza. 

Item tri puma di pavigliuni. 

Item tappitu unu di racza. 

Item tri crucifizi: 

Item quattro chiesi di coirò di sala : 

Item una tavula grandi di nuci : 

Item un altra ta\rula di nuci musiata: 

Item un altra tavula di abetu per la credenza: 

Item cince banchi di sala novi : 

Item un altro banco novo : 

Item dui xiasci di stagnu novi : 

Item un altro ziasco di stagnu novu : 

Item tri altri xiasci di stagno usitati : 

Item piatti dui grandi di stagnu novi : 

Item altri quattro piatti di stagna mizani novi : 

Item dudici piatti di stagnu novi : 

Item dui campani di nexiri aquarosa : 

Item sei sauziri di stagnu novi: 

Item unu piccieri di stagnu usitatu : 

Item unu bricu di stagnu usitatu : 

Item uno paro di candileri grandi di attuni usitati : 

Item un altro paro di candileri picciuli di attuni : 

Item un altro candileri di attuni: 

Item una conca di ramu gialnu miczana: 

Item unu bacili di manu di attuni : 

Itom una pignata di mitallo meczana : 

Item una caudara miczana usitata : 

Item una caudarella picciula: 

Item dui coppi di foco di ramo : 

Item una gradìglia: 

Areh. Stor. 8ie. N. 8. anno XIX. 8 



Digitized by 



Google 



114 ANTONIO VENEZIANO 



Item cinco padelli nsitati: 

Item cinco spiti : 

Item dui cucchiari di ramu : 

Item palletti di rama : 

Item novi balestri oum soi gaffi et paraturi infra li quali ni è una 
cum lu tilerì ruttu : 

Item dui archibuxi: 

Item dui maschuli di ferro : 

Item una sella di aczaro: 

Item dui spati una cum lu fodaro di villutu et l'altra cum lu fodaro 
di riverso nigru* 

Item unu giacco di azaro chiavato cum soi francia di azaro chiavato: 

Item uno paro di manichi di azaro chiavato. 

Item una daga cum lu fodaro di villuto nigro. 

Item uno gorgiarino ala antiqua di gazarina cum la sua francia in- 
tomo : 

Item novi spatL 

Item cinco daghi. 

Item dui chianetti. 

Item unu borchieri. 

Item uno paro di manichi di maglia di ferro. 

Bona stabUia et alia 

In primis una massaria di aratati quattro existenti in lo phego di 
pichiano territorio di monreali confinanti cum la massaria di lo segnor 
Mariano Alliata, Vincenzo Zirinzi et cum lo phego di lo balletto et lo 
finire di Petralonga. 

Item uno magasene grandi di marama cum lo so copertiso di ti- 
gnami et oiaramiti. 

Item uno pagliare di stari li homini. 

Item uno pagliare che e reposto di tenirì li stigli et ferramenti di 
la massaria. 

Item uno pagliare che e la panettaria ondi e lu so fumo di marama. 

Item boi settantadui dico boi 72. — 

Item uno cavallo chi è stornello chi cavalca lo curatolo - . 1. — 

Item uno cavallo sainato 1. — 

Item uno cavallo baio scuro chi cavalca Andreotta .1. — 



Digitized by 



Google 



AKTOKIO VXNBZTAVO 115 



Item uno poltro stornello dì anni quattro . 1. 

Item uno pultro stornello scuro dì anni tri . . 1. 

rtem uno pultro leardo argento di anni dui . .1. 

Item una posta di someri masculi insumma di someri 2LV11 
com li eoi bisacci novi 17. 

Item muli tri chi vanno cum la ditta posta, uno baio l'altro 
morello et l'altro stornello cum li soi bisacci novi .3. 

Li stigli di la mdsaaria. 

In primis vomari sei sani usati. 

Item vomari rutti tri. 

Item circhi di vomari cince. 

Item una axa grandi. 

Item uno aziuni. 

Item dui mini di virrini che sonno sei. 

Item una virrina. 

Item dui scurbii. 

Item dui scarpelli. 

Item runchi tre. 

Item czappulli deci. 

Item gugliati cum soi barbaxi otto. 

Item cognata una di smarrari. 

Item cognati cince. 

Item para chinco di chatini di ferro per straguli. 

Item uno czappuni. 

Item una banca di ferro. 

Item una pala vecchia et una nova di ferro. 

Item czappi dui vecchi rutti. 

Item uno palo di ferro. 

Item ancino uno. 

Item falci quindici di metìri. 

Item dui runchi vecchi et dui cultelli grandi vecchi. 

Item conczeri novi. 

Item juvi dicissetti intra curti et longhi. 

Item arati incavalcati quattro. 

Item arati novi dudici senza lavorati. 

Item perchi deci novi senza lavorati. 



Digitized by 



Google 



116 Amono yxnzuiio 



Item snriachi deci. 

Item cordi setti. 

Item cordi sei di stragula. 

Item uno laccetto. 

Item scarnati sei. 

Item spirimi di chateni alaira cinco. 

Item uno manico di mola di ferro. 

Item una serra. 

Item uno paro di bilanci. 

Item uno crivo di aira grande. 

Item uno tummino di misura frumento. 

Item dui criva picchioli di orgio. 

Item una caudara grande. 

Item due caudaruni. 

Item una catena di ferru chi sta allo fucularo. 

Item una caza di ramo. 

Item una grattalora. 

Item straguli otto incavalcate. 

Item uno paro di correnti novi. 

Item nove barili novi. 

Item due padelli cum una palletta di ferro. 

Item spiti di ferro grandi cinco. 

Item uno crivo di naca. 

Item una mailla pir li homini. 

Item tovagli di fare pani dui. 

Item tovagli di fare pani dui. 

Item dui mailli grandi chi servino a la panetteria. 

Item dui tavoli ohe si chi metti lo pani. 

Item tri tini seu baciletti di teniri farina. 

Item dui criva di fari pani. 

Item una pala nova. 

Item tri gisti di virghi. 

Item sacchi sei di cannavaozo chinco novi et uno vecchio. 

Item dui ceffi di siminare. 

Item uno tinello di bivirare li beatii. 

Item una misura di orgio. 

Item tavuli di la serra nova grandi dui. 

Item tavuli di mangiari dui con soi trispi. 



Digitized by 



Google 



AltfONtO tnfEZIAÌtO 117 



liem una tavala di mangiari senza trìspi. 

Itom chieri tri. 

Item litieri dui cam soi tabuli quattro per littera. 

Item una caxa grandi et una meczana. 

Item dui mataracci per letti di lana. 

Item uno fraxio picchiolo pieno di linacza. 

Item una coperta di letto morisca. 

Item una scavina. 

Item una coperta di lana bianca. 

Item dui coperti di arbaxio grixo di genov^. 

Item dui oandili di ferro grandi. 

Item una candila di ferro picciula. 

Item uno casularo grandi di canni. 

Item uno casularo piccini o. 

Item tradenti dioidotio. 

Item pali setti. 

Item uno imbuto di mettiri Tino. 

Item uno cathenaczo grandi di lo magasene. 

Item uno catenaczo picchiello di lo reposto. 

Item dui candileri di ottuni. 

Item uno bacili di ottuni di mano. 

Item bulli tri di ferro. 

Item uno merco grande. 

Item una campana in collo di li boi. 

Item tri archibuxi di foco di moccio cum li soi guarnicioni. 

Item dui scupetti di foco. 

Item una acupetta di moccio. 

Item una balestra cum la gaffa et coccano. 

Item lanci dui una guamuta di yilluto et l'altra plana. 

Item uno rampino. 

Item uno buttavanti di resto. 

Item dui cannati bianchi. 

Item una cannata et uno brico dì sacca. 

Item uno ogliarolo. 

Item piatti di terra pinti diciotto. 

Item taglieri di Ugno tre. 

Item una salerà di stagno. 

Item uno piccierì di stagno. 



Digitized by 



Google 



118 AUTOlriO VBNÌEZÌAÌrO 



Item uno «Ichio di ramo. 
Item una balestra di Bagnare. 
Item dui martelli di firrare. 
Item dui barrili grossi di vino. 
Item una sella et uno freno rutto. 
Item una striglia. 
Item dui bardelli. 

Conto di li vacchi trovati allo fego di la piana di lo lupo. 

In primis una mandra di vacchi ottanta dui figliati cum soi vi- 
telli czoe 82 

Item vitelli siguaci settanta setti czoe masculi trentotto et lo 

resto fimini trenta nove czoe 77 

Item un altra mandra di vacchi figliate novanta ciuco . 95 
Item vitelli settanta setti seguaci czoe mascuU quarantatri et 

lo resto fimini trenta quattro czoe 77 

Item un altra mandra di vacchi figliati novanta sette • 97 
Item vitelli ottanta sei sequace czoe masculi quaranta cince et 

lo resto fimini quaranta uno czoe 86 

Item un altra mandra di vacchi novanta 90 

Item vitelli ottanta quattro czoe masculi quaranta tri et lo re- 
sto fimini quarantuno czoe 84 

Item vacchi grossi strirpi dicinove czoe 19 

Item tauri deci 10 

Item taurastrì di la torta sei 6 

Item geneozotti di la merca di lo anno prisenti, V ind., foro 

cento cinquanta quattro ... * 154 

Item vìtellacci masculi tridici dico 13 



Li stigli di la mandra 



Item caudari grossi dui. 
Item una caudara meczana. 
Item uno caudaruni grande. 
Item dui caczi di ramo grandi. 
Item dui vusunetti di ramo. 
Item uno bacili grandi. 



Digitized by 



Google 



ÀitTolno Vnnskàiro ll9 



Item uno bacili piccinlo. 

Item dui candili di ferro. 

Item cugnate dui. 

Item dui runchi. 

Item unn palu di ferro. 

Item dui czappi. 

Item dui tavulerì unu novu et l'altro vecchio. 

Item dui tini novi. 

Item una tina usata. 

Item unu xhiscuni novu. 

Item dui xbisouni battituri. 

Item ibischi sidici. 

Item dui butti per salmorìa di cascavalli. 

Item campani grossi vinti una cum soi collari. 

Item campani piccioli cum soi collari 13. 

Item juva dui. 

Item quartari otto grossi di burro. 

Item lancielli grande quattro. 

Item una mailla. 

Item una jomenta baia cum la so stilla chi cavalca Petru bunnatu. 

Item uno cavallo bajo orbo chi cavalca Oilio. 

Item una mula curcia morella. 

Item una mula baja cum la cuda long a. 

Item una jumenta grossa baia. 

Item jumenta una sainata. 

Item jomenta una stornella scura. 

Item jomenti tre amilati di dui anni. 

Item jomenta una morella moscata. 

Item jomenta una stornella chiara. 

Item jomenta una morella vecchia. 

Item dui pultrì masculi uno stornello et l'altro sainato. 

lA vaccM trovcUi in lo fego Ioanbaxo: die 19 di jugnetto 

In primis vacchi grossi strirpi dui cento ottanta quattro. . 284 

Item dui tauri grossi 2 

Item uno taurastro 1 

Item una jomenta stornella chi cavalca Andria di Majo cum la 
adla et la freno 1 



Digitized by 



Google 1 



120 ANTONIO Veneziano 



Item dui caudanmi picciuli usati. 
Item una mailla. 

Item vacca una prixone a morreale 1 

Item jeniccia una grossa intra li vacchi di Antonuccio Gallo .. 1 

Item porchi grossi cento 100 

Item porchi picciuli quarantaquattro 44 

Item quattro scavi tri masculi et una fimina, l'unu nominato Cristo- 
falu l'altro Beneditto et Taltro Andina lu quali fu dato a Blasi Bichela 
per satbfacioni di onc. 25 quali devia haviri di lo detto quondam et 
la femina nomine Chaterina oum so figletto li quali matri et figlio foro 
venduti a lo recepturi di la cruchiata per onc. 24 quali foro pagati a 
li bordonari chi portare li forti et ergi. 

Li renditi et ragiuni eemuaU 

Item une. una tt. 12 quolibet anno divuta et da pagarsi supra In 
jardino a li oanniczari chi fu di lu quondam Antoni di Missina. 

Item une. una quolibet anno divuta et da pagarsi per Petro lu Bianco 
iuzta la forma di li cuntratti. 

Li furmenti et vittovagli cunsignati et vinduH a diversi pireuni 

In primis per lo terragio di la massaria consignati a la ecclesia di 
mon: per lo anno V ind sai. 46. 14 

Item per lo terragio di lo orgio sai. 6. 

Item consignati a mess. Battista di Novi genoisi per 
tanti ci devia lu ditto quondam iuxta la forma di un con- 
tratto fatto a li atti di net. Natali di Alfano . sai. 60. 

Item a lo sopraditto in alia manu venduti per lo ditto . 
quondam come appari per virtuti di contratto a li atti di 
ditto Alfano sai. 43. 

Item per tanti venduti per lo ditto mag.co Francesco 
Venetiano a lulio Cillino sai. 30. 

Item et plui sai. 50 venduti per lo ditto quondam a lo 
ditto lulio Cillini comi appari per contratto fatto per mano 
di not. Ianni Andria de Nasis sai. 50. 

Item a li heredi di lo quondam Polito la Nanna for- 



Digitized by 



Google 



AkTOHIO VlHKilAKÓ l2l 



mento sai. 27 a compimento di major somma quali li divia 

darì ditto quondam sai. 27. 

Item sai. cento venduti per lo ditto Eranoesco Vene- 
tiano a ditto Tulio Cillino et lacobo di Termini come appari 
per contratto a li atti di not. Oeorgi di Paniouli et di not. 
Giliberto Saccano sai. 100. 

Item consignati a lu mag.co Petro Spiciali pi parti di 
lo ditto Frane. Veneciano sai. 17. 

Item salmi trenta consignati a Cesari di Prato vendutili 
per lo ditto quondam sai. 30. 

Item cunsignati a Petro di Emma per lo terragio di li 
pendenti sai. sei sai. 6. 

Item per Io terragio di la massarìa quali non havia stato 
consignato sai. 6. 

Item si mangia a la mandra sina chi si vinderu li vac- 
chi sai. dui sai. 2. 

Item pigliati per lo ditto Frane, sai. dui . . . sai. 2. 

Item per servitio di la casa sai. tri ... . sai. 3. 

Item consumati et mangiati a la massaria dì Petralonga 
et seminati sai. sessanta sai. 60. 

Item per manu teniri li vigni et massaria di li pendenti 
sai. cinquanta sai. 50. 

Item pir li pupilli et loro casa sai. 12. 

Item mangiati per li bestii d'orgio sai. 40. 

Item per li provendi et portaturi di ditti vittovagli per 
li orgio sai. vintiquattro sai. 24. 

Testes Bartolomeo Tifanio Blasius de Iosa et mag.ci Antonius et 
Petrus de Azolinis fratres. 

Ex actis notarti de Aiuto de Panormo, 



DOCUMENTO VIU. 
Die XV Martiiy decima quarta ind. 1570. 

Hon. Magister Ioann. Dominicus Incarnato Neapolitanus pictor co- 
ram nobis mihi notarlo oognitus sponte promisit seque aolenniter oon« 



Digitized by 



Google 



Ì2Ì ÀRtokiO VKHBJSIAfrÒ 



veait obbligavit et obligat nob. Hieronimo Bonifatio, hon. mr. Bernardo 
Debattista et mr. Antonino Sanctoro de civitate Mentis Begalis qaoque 
p. me notis rectoribus ven. confratemitatis sub vocabulo di la morti 
dictae civitatis Mon. Beg. p.ntibus et in solidum stipulantibus proprio 
et rectorio nominibus praedictis = deaurari tutti li quatrìttini di lu 
quatro di la beata Virgini di lo Rosario esistenti in la ecclesia di santo 
Antonio di Monreali in loro cappella videlicet li campi di ismalto finn 
et li rilevi di oru nec non li dui angeli in chima di diotu quatru li ab- 
bia di fari con lo nudo colorito in oglio et il resto di oro, videlicet: in 
lo chiane di lo sgabello a baxo farili et dipingirli lo purgatorio seu al- 
tra cosa ben vista a ditti venJì recturi, coloriti in ogliu et undi sarà 
bisognu mittirli oru nec non reconsari tutto lu quatru unni chi sarà 
bisognu tanto di culuri quantu di oru et hoc cum totu attractu et tote 
magisterio cum omnibus espensis dicti magistri pictoris incipiendo a 

prima hebdomanda mensis Mai prox. vent 

Et hoc prò pretio et integro pagamento prò diete servitio unciarum 
vigniti pec. gen 

Testes nob. Cataldus Loguzzardu, hon. Petrus Vaglica et Antonina 
Lo seggio cives Mentis Begalis. 

Ex aciis meis Noi. Mariani Maniscalco, C. M. R. 



DOCUMENTO IX. 

Die Vl^ maji, X ind. 1552. 

Nobilis magister Valerius de Vallelonga fabrìcator lignaminis vi pre- 
sentis promisit seque convenit mag.co Francisco Venetiano de civitate 
Mentis Begalis presenti, stipulanti et conducenti bene et magistrali 
modo et ad servicium revisum conficere : quatrum unum prò gloriosa 
domina de Bosario cum suo scabello et colunnis dìmidii relevi et frìxo 
desuper et cum sua cimata juxta formam designi intaglatum in pagina 
subscripti manu propria ditti magci Francisci et expeditum dare dittum 
quatrum per totum XV diem mensis augusti proxime venturum et hoc 
dicitur in brancu ad totum actractum dicti magistri Valerii et hoc prò 
pretio quo extimabitur per comunes amicos comuuiter eligendos et in 



Digitized by 



Google 



ÀìitoHio VsimziAko Ì2é 



casa discordie ponatar teroius partibus non suspectus qui ooncors cam 
uno expertorum possit extimare de qua extimatione et pretio diotus 
magìster relaxayit ex pacto et accordio une. 4 p. g. et restans ipso 
mageus conductor solvere dicto obligato simpliciter hic Panormi in pe- 
cunia numerata uncias duas facta medìetate servicii et totum restans 
consignato dicto quatro et hoc cum altitudine condecenti plano dicti 
quatri fatto per diotum mag.cum sub hipoteca et obligatione omnium et 
singulorum bonorum suorum habitorum et habendornm cum restaura- 
tione damnorum interesse etc. 

Testes Ioannes Stassius , Philippus Lombardus et Hieronimus de 
Agati. 

Ex actis noi, Antonini Lo Vecchio de Pan. 



DOCUMENTO X. 

MtUtum sp. domine gubernator civiiatis MotUis Regalia, 

A Vostra Sig.ria multu sp. cum omni reverencia qua decet si exponi 
et supplica da parti del magco Ioanni Veneciano cum sit che ipso magco 
exponenti per ordini de lo Ill.mo sig. viceré habia vacato et vaca ne 
li servitii regii di guerra et sia uno de li soldati salariati de sua maestà 
cum carico di haviri cura di altri soldati et perchè si trova legato in 
plegeria per la assorta accusa fatta tanto per Lauria d'Agra et consorti, 
ac etiam per Margarita de Paradiso de ritenendo regnum prò carcere 
et quod possit ire per mare et perchè porria essori che per lu servitio 
di sua magesta si havissi di andari extra regnum , et per questo vo- 
lendo lu spett. sig. Don Cesare Lanza capitano d'armi et ad guerra 
existenti in la cita di Trapani supta lu quali ordini sta ipso magco 
exponenti che tali plegeria si habia alargari fichi por questo littori di- 
retti a lo magco Capitaneo che li havissi elargato ditta plegeria per 
stari in ordini quum si havissi di andari extra regnum. Per questo re- 
curri a Vostra Sigria multo sp. et a quello instantemente supplica sia 
servita stanti li cosi preditti providiri et ordinari che li siano slargati 



Digitized by 



Google 



124 AMomo VsitKaiuiio 



ditti plegerii de se preBentando simpliciter per li efFetti praditti et ita 
Bupplicat ut altissimus. 

Prestito 8uh ectdem pena qua stai elargentur. 



DOCUMENTO XI. 

Phus etc. 

Sp. et niagci viri regiì fideles diletti. Da parti de lo magco Io. Ve- 
neciano de questa cita semo stati informati qualmenti si trova prose- 
quto per lo herario de questa cita de nece quondam Petri de Agra et 
de discalacione domus Margarite de Paradiso et de aliis prout in pro- 
sequtionibus per le quali asserixi essiri stato remeso in justicia et es- 
siri stato provisto quod pars non audiatur et che la detta Margarita 
non assisti più et al presenti sia uxito con plegeria de redeundo; et te- 
nendo animo de andari et serviri in questa felici impresa de Trìpoli ne 
ha fatto supplicarì restassimo serviti comandari che reformando le detti 
piogeni sub qua stat potessi andari in detta felichi impresa: Noi in- 
tesa sua petitione in causi fiscali provittimo IP presentis mensis quod 
fiant littore per procuratorem fiscalem prout in dorso oujusdam memo- 
rialis conservato penes magcum de Amore regium secretarìum apparet. 
Per tanto per tenor de la presente vi dichimo et comandamo expresse 
che a la reciputa de questa debiati statim non stando lo exponenti per 
altra causa che per le sopra detti et esseri così corno ne ha informato 
che non ha parti oltricchi et che l'una de essi parti fu per noi provisto 
quod non audiatur et l'altra essiri desistenti, in tal casa reformando le 
detti plegerii sub qua stat, et retrovandosi carcerato non stando in ple- 
geria prestandoni una di unzi quaranta per lo caso de detta nece et un 
altra de unzi vinticinco per lo caso di detto insulto da applicarsi al 
herario di la corte di quella cita et de andari a ser.?iri in detta felichi 
impresa di Trìpoli et quella finita de presentarsi prò ut ad preaens stat 
prò spacio de mesi uno numerandi dal giorno che la detta felichi ar- 
mata applichirà in questo regno , non stando per altra causa che per 
le supra detti quello excarcerìreti et per quos decet f arroti excarcerari 
et non lo detenireti pio carcerato, copia de le quali plegerìi copia delia 
presenti et carta vostra de nostro particular avviso de quanto havirìti 
exequito le tramettireti ala regia thesaureria et cussi volerne et coman- 



Digitized by 



Google 



AHTOHio vnranAvo 126 

damo debiati ezeqairi et non altramenti senza aspettar da noi altro 
oomandamenfco ne consulta per quanto la gratia de sua maestà tenete 
cara et sub pena florenorum mille fisco regio applicanda. Data Pa- 
normi die Y marci, III ind 1560. 

Fernando de Silva. 
Ioannes de Amore eeeretariua, 
Sp, Oubematari capUaneo et officialihus oMtatis Montia Regalia. 

DOCUMENTO XH. 

Die II OU. 1549. 

Bev.dus Dominus Pater lacobus Lajnes sacrae paginae Professor 
commissarius et Tisitator generalis destinatus per Ill.mum et Bev.mum 
Alexandrum Cardinalem De Famesio Archiepiscopum civitatis et Àr- 
chiepiscopatus Mentis Begalis per litteras et provvisiones suas datas 
Bomae XXII Noyembrìs proz. praeter. et praesentatas in Ciyitate Montis 
Begalis praedicta die XXIII et aliarum datarum Bomae XXX Martii 
prox praeter. per praesentem proTisionem creavit et creat, ordinavit et 
ordinat ac elegit et eligìt Bevdum Dominum Antoninum De Yenetiano 
in Archidiaconum Majoris cathedralis Ecclesiae civitatis et Archiepisco- 
patus Montis Begalis et prò Archidiacono et in Archidiaconum dieta e 
cathedralis Ecclesiae et totius Archiepiscopatus praedicti haberi voluit 
et mandayit cum omnibus illis honorìbus et oneribus praerogativis et 
dignitatibus ad dictnm offici um spectantibus et pertinentibus durante 
beneplacito dicti Ill.mi et Bev.mi Domini Cardinalis etc. etc. 



DOCUMENTO XIII. 

Al Rev.do Decano della Maggiore Chiesa di Monreale, 

Molto Revdo Padre. 

Poiché vacando TArcidiaconato di Monreale, credendo far meglio lo 
detti al Bev.do Padre Antonino Yenetiano , il Bevmo Card. Arc.vo gli 



Digitized by 



Google 



126 AHTOKio yvnnBiAVO 



confermò la predetta collazione adesso, intendendo che in queste feste 
li toccano certe preminenzie per conto di detta dignità. Secondo che a 
lui ho esortato a non pigliarsene di più di quello che li conviene: cosi 
per questo mi ha parso pregare la paternità Vostra et li altri Bevdi 
Padri non vogliano impedirlo in quel che li toccherà, nò dare per que- 
ste cose (di cosi piccola importanza per voi che avete rinunciato il 
mondo) scandalo al popolo et usurpare quello che tocca alli officiali et 
dignità dell'Arcivescovo, il che se si facesse vi prometto per questa che 
dal canto mio non lo tollererò, anzi castigherò quelli che saranno inso- 
lenti ; il che perchè in conto niuno non avverrebbe un'altra volta vi 
prego che non ci date occasione. Se non che in questo la paternità 
vostra usi la sua solita modestia et discrezione per l'onore del Signore 
Dio, il quale vi conservi et augumenti in sua santissima gratia. 

Da Palermo 24 dicembre 1549. 

Di Vostra Paternità 

Suo in lesu X.po 
Zac.** Laynes 



DOCUMENTO XIV. 

Testamento di Antonino Venesiano, 
Arcidiacono della Metropolitana di Monreale. 



Die XV lanuarii, VI ind. 1562, 

Cum condam reverendus dominus D. Àntoninus De Venetiano archi- 
diaconus maioris ecclesiae mentis regalis vita sibi comite his diebus 
praeterìtis quadam infirmitate gravatus jacens in lecto disposuit super 
omnibus bonis suis per eius ultimam voluntatem per manus mei infra- 
scripti notarìi quod mandavit aperiri debere post eius obitum qui fuit 
mortuus die XIII magnifici Franciscus et Nicolaus De Venetiano eius 
nepotes coraparuerint coram rev.mo domino Io. Antonio Phassidi epi- 
scopo Xcristopolitano suffraganeo et vicario generali civitatis et Archi- 
episcopatus mentis regalis sedente prò tribunali in domo dictorum 



Digitized by 



Google 



ANTONIO TBNBZIANO 127 



magnifioorum firatrum et ab eodero domino petierìni ea qua decet re- 
Terentia dictum solemne testamentum conditum per dictum defunctnm 
aperiri et recitari debere eecundum formam iuris et ut orde póstulat 
et requirit ad petitionem ipsorum magnificorum fratrum quorum iute* 
rest et omnium quorum interesse poterìt. Qua quidem petitione facta 
per dictos magnificos fratres coram dicto reverendo domino episcopo 
sedenti prò tribunali et in praedicto loco et intellecta petitione et 
dispositione praedictis per ipsum reverendum dominum episcopum ab 
ipsis exponentibus et quia insta petentibus non est denegandus assensus 
praefatus rev.dus dominus episcopus me predictum notarium eius iudi- 
ciaria auctoritate accersiri fecit et me accersito idem rev.dus dominns 
iusserit mìhi praedicto notano ut dictum testamentum solemne et in 
scriptis dicti quondam defuncti penes me esistens ad petitionem dicto- 
rum magnificorum ératruum et omnium quorum interest et interesse po- 
terìt deberi eì ut vicario praedicto cìvitatis offerre et praesentare ob 
quod ego praedictus notarìus ad iussum dicti reverendi domini sedentis 
prò tribunali supra dictum testamentum solemne et in scriptis dicti 
quondam reverendi domini Antonini De Venetiano defuncti scriptum 
manu mea praedicti notarii mandato dicti quondam testatoris viventis 
et subscriptum manibus septem testlum rogatorum et sigillis sigillatum 
et omnibus aliis sollemnitatibus fulcitum eidem reverendo domino epi- 
scopo sedenti prò tribunali in eodem loco et recipienti obtnli et prae- 
sentavi prout iacet in predìcta figura qua oblatione huiusmodi testamenti 
solemnis et in scriptis facti per me notarium infrascriptum et sub- 
scriptum praedictus rev.dus eìus auctoritate mandavit testes subscriptos 
in dicto testamento coram eo accersiri quibus accersitis coram eo et 
convocatis dictis septem testibus videlicet nobili Petro Bianco absente 
et propter eius absentiam magnifico Antonino De Calogero pretore 
dictae civitatis Mentis Regalie cognoscente caracterem et figuras Ioanni 
Mandarano, Petro Di Lapi Micheli La Cammera Valeriane Bulzò, no- 
bili Yicenzo Devigintimilliis et venerabili praesbitero Alonso Dedrago 
qui reperti fuerunt in dicto solemne testamento iussit ipsum testamen- 
tum exiberi dictis septem testibus ut recognoscerent eorum subscrìptio- 
nes et sigilla in ipso testamento scripta et impressa qui omnes septem 
testes assumpti coram dicto reverendissimo prò tribunali sedente reco- 
gnìtis dictis subscriptionibus et sigillis impressis sponte dixerunt et 
confessi fuerunt cum iuramento et in rei veritate legitime recognove- 
runt ipsas subscriptiones et sigiUa foro et esse scripta eorum propriis 



Digitized by 



Google 



128 AHTOHTO TBWZrAHO 



manibuB et in praedicta figura existenie cnm sigillis impressia tam in 
praeaentia dicti reverendissimi Domini quam infrascrìpiorum testium ad 
hoc Tocatorum et rogatorum videlicet : nobili Ioanni Antonio de Nico* 
lesi, nobili Natali de Nicolosio, rev.do clerico Antoni Li Fonti, magco 
Hieronimo de AczolinOi presbitero Placido de yelo et presbitero Antonio 
de Rinaldo virìs idoneis et fide dignis et propterea praefatus Dominus 
judex constituto sibi veridice de praemissis mandavit mihi praedicto 
notano Vinoentio de Catania infrascriptam tenorem dicti testamenti só- 
lemnis recitari et pnblioari coram ipsis testibus viris idoneis litteratis 
et fide dignis cui quidem infrascrìpto notarlo facto mandato toiius te- 
stamenti continentia et tenorem ipsis praenominatis testibus omnibus 
legi publioavi recitavi, aperui, patefeci vulgari sermone secundum ejus- 
dem testamenti seriem et tenorem de verbo ad verbum die praefixo 
ejusdem mensis loco et coram magco dicto domino judice et aliis ut supra 
piene annotatis jubens et mandane praefatus rev.mus dominus episcopns 
sedens prò tribunali in dicto loco et ezemplato per me notarìum prae- 
dictum in actis meis publicis die praenominato toto tenore dicti so- 
lemnis testamenti de verbo ad verbum dicto rev.do domino episcopo et 
aliis quorum pertinere et interesse poterit infrascriptum testamentum 
unum plura in totum vel in partem in ipsum testamentum darì et assi- 
gnari debere cujus quidem testamenti solemnis ipsius rev.di domini An- 
tonini infiascripti tener talis est prout sequitur. 

Die V Januarii, VI Ind, 1562. 

Altissimi Dei nomine semper invocato. Notum facimus et testamur 
quod magniflcus et rev.dus Dominus Don Antoninus de Venetiano Archi- 
diaconus majoris ecclesiae civitatis Mentis Begalis jacens in lecto infir- 
mus corpore sanus autem Dei gratia mente et intellectu suae propriae 
rationis bene compos timens divinum judicium aliquo repentino casu 
humanae fragilitatis ne quod absit ab hoc seculo intestatus decederet 
considerans et attendens quod nihil est certius morte et nihil est incer- 
tius bora ipsius mortis cassis prius per eum et totis virìbus evacuatis 
omnibus testamentis codicillis aliisque ultimis voluntatibus per eum 
aotenus forte conditis atque factis suum praesens inscriptis soUemne 
condidit manu mea infrascrìpti notarii testamentum quod valere jussit 
et obtinere omnimodam roboris firmitatem. 

Inprimis dictus rev.dus Dominus testator sciens se esse compositum 



Digitized by 



Google 



▲HTOHIO YBKEZLàNO 129 



ex anima et corpore et habere bona animam suam commendavit altissimo 
et immortali Deo suaeqae gloriosissimae matrì Yirgini Marìae corpus 
vero terrae sepelliendum intus camalia sacerdotum in uno tabuto cui 
legavit jus solitum et consuetnm. 

Item dictus rey.dus testator constituit fecit et sollemniter ordinavit 
in 8U08 heredes universales magnìficos Ioannem et Nicolaum de Vene- 
tiano fratres, ejus nepotes in et super omnibus et singulis bonis suis 
mobilibus et stabilibus juribus et actionibns ac nominibus debitonim 
salvia legatis fidei commissis et dispositionibus infrascriptis equis por- 
tionibns. 

Item dictus rev.dus testator voluit et manda vit quod piacenti Deo 
eum primum yenerit magnificus Ioannes de Venetiano in hanc civitatem 
Montis Begalis, qui ad praesens est extra regnum, habeat et babere 
debeat ejus portionem sibi contingentem dictae bereditatis in qua por- 
tiene bereditatis eum substituit et instituit ut supra. 

Item dictus rev.dus voluit et mandavit quod si rev.dus Dominus An- 
tonellus de Venetiano, qui est in collegio et societate lesu , exiret de 
dieta societate et collegio, quod tunc et eo casu babeat et babere de- 
beat tertiam partem dictae bereditatis; et dum stabit et commorabitur 
in dieta societate habeat et habere debeat unum vestimentum quolibet 
anno de pannis sibi condecentibus et prout vestiunt alii qui commo- 
rantur in dieta societate : quo Antonello exeunte de dieta societate eum 
instituit haeredem universalem. 

Item dictus testator voluit et mandavit quod si debitum ad quod 
tenetur magcus Franciscus Venetiano ejus nepos dictis suis fratribus 
ascendet ad quartam partem dictae haereditatis dicti baeredes universales 
teneantur deducere et compensare super debito praedicto et eum dieta 
quarta pars superaret dictum debitum quod dicti baeredes teneantur 
sibi solvere incontinenti facto computo inter eoa. 

Item dictus testator voluit et mandavit quod dicti baeredes univer- 
sales non possint aliquid capere de dieta haereditate nec sortem prin- 
cipalem nec fruotus dictae haereditatis quam prius nuptuì tradent seu 
monacabunt infrascriptas eorum sorores videlicet: ConstAntiellam quae 
habeat et habere debeat uncias duceutas ultra legatum sibi factum per 
quondam magcum Antonium eorum patrem; et Virgineam et Mariam 
ad beneplacitum ipsorum haeredum ultra etiam legatum praedictum 
quondam eorum patrem, ita quod de dictis fructibus dictae haereditatis 
non possint aliquid Tacere nisi prius solvant infrascrìpta legata et ma- 

Ar€h. Star. Sic. N. S. anno XIX. 9 



Digitized by 



Google 



130 ANTONIO VSVKZIAirO 



ritabunt dictas puellas, alias cadant et cadere debeant a dieta haere- 
ditate et sint et esse debeant haeredes universales dieta Constantiella, 
Virginea et Maria quas substituit casa praedicto ad venienti et non aliter 
nec alio modo. 

Item dictus testator manumisit a jugo servitatis et liberavit Cesarem 
de Veneti ano ejus vernaculam aetatis annorum decem, quem dicti he- 
redes teneantur alimentare de dictis bonis et bene tractare donec et 
quousque compie verit decimuro octavum annum et exinde possit facere 
facta sua. 

Item dictus dominus testator manumisit et liberavit Martham ejus 
servam vernaculam a jugo servitutis, dummodo quod primo serviat et 
servire debeat magnifìcae dominae AUegrantiae ejus sororiae per annos 
sex proximi futuri (sic) ab hodie in ante a numerandos et non aliter 
nec alio modo. 

Item dictus testator legavit magcae dominae Eufemiae de Calogero 
filiae magci Antonini de Calogero uncias triginta in pecunia numerata 
prò ejus marìtagìo seu monacatu tempore ejus maritaggii seu monacatoa 
jure recognitionis sanguinis et prò ejus anima. 

Item rev.dué Dominus testator legavit Vincentiellae Venetiano filiae 
dicti magci Francisci alias uncias triginta in pecunia numerata prò ejus 
maritaggio seu monacatu tempore sui maritaggii seu monacatus super 
fructus dictae hereditatis jure recognitionis et sanguinis prò eius anima. 

Item dictus rev.dus Dominus testator legavit Kenrico et Lembo de 
Paimo fratribus uncias viginti in pecunia numerata prò certa causa 
quam non curavit exprimere infra annos duos sequentes post ejus mor- 
t'Om solvendas. 

Item rev.dus Dominus testator legavit venerabili conventui sancti 
Francisci terrae Alcami uncias tres in pecunia numerata ad opus fa- 
ciendi aliquod beneficium prò diete conventu prò ejus anima. 

Item dictus rev.dus Dominus testator legavit ven. confratemitati 
sanctissimi corporis Christi majoris ecclesiae civitatis Mentis Begalia 
unciam unam in pecunia numerata prò ejus luminaria per remissionem 
suornm peccatorum. 

Item rev.dus Dominus testator legavit une orphanarum Virginum 
dictae civitatis unciam unam in pecunia numerata prò ejus malie oblatia 
incertis. 

Item rev.dus Dominus testator legavit diete magco Francisco et ejus 
uxori gramagliam unam et chiuccam unam panni lugubris. 



Digitized by 



Google 



▲HTONIO VENEZIANO 181 



liem dictus rev.dus dominus testator legavìt magco Antonino de 
Calogero et ejus uxori, filio et filiabus gramagliaa aeu cappuccios et 
chiuccas panni lugubris. 

Item dictns testator legavit mihi notano infrascrìpto onciam unam 
et tarenos daodecim prò factura et copia praesentis testamenti. Et haec 
est ejus ultima voluntas. 

Testes rogati mag. Petrus Blancus ; Ioa. Mandarano ; clericus Petrus 
de Lapi ; Michael La Cammera ; clericus Valerianus Bulze ; nob. Vin- 
centiuK de Viginti miliis et yen. presbiter Alonsius Dragus. 



Ex (ictis mei notarti Ioa, Vincentii de Qatania, 



DOCUMENTO XV. 
Inventario dei Beni dell' Arcidiacono Veneziano. 



Die tngesimo eecundo lanuarii, V ind. 1562, 

Quum sit quod bis diebus proxime preteritis sicut domino placuit 
magcus et revdus Don Antoninus de Veneciano huius civitatis Mentis 
Begalis mortuus et defunctus fuerlt condito prius per eum suo sollemne 
et in scriptis testamento sub quo decessit celebrato in actis nobilis no- 
tarii Ioannis Vincentii de Catania die V januarii presentis mensis et 
aperti letti et publicati die XV mensis ejusdem VI ind. instantis in 
quo testamento in ejus heredes unìversales instituerit magnificos loan- 
nem et Nicolaum Veneciano fratros ejus nepotes in et super omnibus et 
singulis bonis ejus mobilibus et stabilibus redditibus juribus et actionibus 
quibuscumque et ubicumque existentìbus et melius apparentibus presen- 
tibus et futuris ut ex serie dicti testamenti hec et alia clarìus apparent 
ad quod in omnibus et quoad omnia sit relatio. Propterea hodie presenti 
die pretitulato prefatus magcus Nicolaus Veneciano unus ex dictis uni- 
versali bus heredibus ci vis predicte civitatis Mentis Begalis me notano 
cognitus coram nobis volens hereditatem predi ctam prò se et magco 
Ioanne herede universali absente ex quo est extra regnum adire et ap- 
prehendere nullo tamen prejudicio sibi generato prò se et dicto magco 
Ioanne ejus fratre heredibus ut supra per pres. inventarium ex quo 



Digitized by 



Google 



1S2 AirroNio veneziano 



pretendunt non teneri ad legata fatta per ipsum quondam magcum do- 
mìnum defunctum ex quo fuerunt et sunt creditores in maximam sum- 
mam satis ultra preoium et valorem honorum omnium hereditariorum 
et hoc prò computo tutele gesto et administrate per ipeum quondam 
magcum et reverendum dom. defunctum ipsorum magcorum heredum 
universalium condam eorum patria et cum hac tamen previa protesta- 
cione devenit ad infrascriptum inventarium et non aliter nec alio modo, 
non inconsulto sed consulte et cum beneficio legis et inventarii ne forte 
ultra yires hereditarias dicti magci heredes de proprio creditoribus et 
legatariis dicti quocdam magci et revdi defuncti teneantur et ut in iura 
falcidie et quarte trabell ionico et alia jura a legibus introducta. eidem 
magco Nicolao prò se et dicto magco Ioanne ejus fratre heredibus uni- 
versalibus illesa serventur mox quo potuit infra legitima tempora a die 
mortis dicti quondam citra presens inventarium hereditarium et reper- 
torium honorum facere procuravit et modo facit in presentia magìstrì 
Vincentii Lugozardo unius ex judicibus ideotarum civìs diete cìvitatìs 
Montis Begalis anni presentis prò tribunali sedentis et suam seu verins 
ditte curie judiciariam actionem presenti inventario hereditarìo prestantis 
et interponentis vocatis prius in confectione presentis inventarii here- 
ditarii creditoribus et legatariis dicti quondam magci et revdi defuncti 
per Galogiarum Magnum diete curie servientem et comparentibus magca 
AUegrantia Veneciano donataria dicti magci Ioannis Veneciano heredis 
universalis ejus filii virtute donacionis manu publica celebrati die etc. nec 
non et ipso magco Nicolao herede universale et asserentibus fuisse et 
esse creditores in maxima summa satis ultra precium et valorem diete 
hereditatìs et nullis aliis comparentibus assumptis loco ipsorum voca- 
torum et non comparentium magco Ioanne et Hieronimo Azolino civibus 
diete civitatis Montis Begalis probis viris atque fide dignis substanoiam 
poBsidentibus et dìctum quondam magcum et revdum defunctum et ejus 
facultatem bene cognoscentibus proposito prius per dictum magcum uni- 
versalem heredem venerabili signo sancte crucis per eum subscripto et 
signato in presenti inventario ad tollendam omnem malignitatem quam 
forte baberent in presenti inventario hereditarìo de non occultando bona 
hereditaria qui magcus Nicolaus dixit et asseruit in presenti hereditate 
invenisse infìrascripta bona inferì us descrìbenda et adnotanda. 

Gum hac tamen previa et protestatione mediante quod si forte in 
presenti inventarìo essent descripta et annotata aliqua bona quo de jure 
descrìbi et annotari non deberent tali casu prò non descrìptia et anno- 



Digitized by 



Google 



▲KTOKIO VSNBZIAMO 133 



tatis haberentur et similiter si in presenti inventario non essent de- 
Bcrìpta et annotata aliqua bona que de jure describi et annotari debe- 
rent tali casu prò descriptis et annotatis habeantur et censeantur et 
non aliter nec alio modo. 

In primis duas litterias cum suis trispitibus tabularum quinque prò 
qualibet usitatas. 

Item mataracia quinque piena lane simile usitata. 

Item tres cultras tele domus subtilis usitatas. 

Item duo pavigUuna tele domus subtilis usitata cum suis gruppis 
a dui colonni, videlicet unum et dui intagliati. 

Item aliud paviglionum tele domus veterum a gruppo sante frane. 

Item serpellitiam unam tele olande con li podii laboratis usitatam. 

Item decem interulas veteras. 

Item intubalias duas mense flandinenses, unam tele comunis et aliam 
tele subtilis usitatas. 

Item par unum linteaminum tele domus subtilis cum suis frìntiis 
m medio et frìntiis circum circa usitatum. 

Item aliud par linteaminum tele domus cum ejus catenella usitatum. 

Item aliud par linteaminum tele domus cum ejus catinella usitatum* 

Item aliud par plumatiorum tele domus cum ejus gruppo usitatum. 

Item dubblettum unum tele domus usitatum. 

Item interulam unam mulieris cum suis manicis alla antiqua veteram. 

Item unum imbustum dubbletti alla antiqua. 

Item sex ontergia intocco tele domus. 

Item duas tobalias mense intocco etiam tele domus. 

Item duas tobalias laboratas unam serici carmixini et alteram serici 
nigri usitatas. 

Item aliam tobaliam mense in tocco. 

Item aliam tobaliam mense usitatam. 

Item mandile unum laboratum serici carmixini usitatum.^ 

Item tobaliam unam tele subtilis laboratam ad rifaczi usitatam. 

Item tobaliam unam usitatam tele domus. 

Item tria interula tele domus Yetera. 

Item para tria plumatiorum capitis intagliata. 

Item para duo plumatiorum non adhuc completorum. 

Item aliud par plumatiorum usitatum. 

Item tobaliam unam serici sfilati usitatam. 

Item pallium unum di mini cum ejus infurra villuti nigri novum. 



Digitized by 



Google 



184 ANTONIO VENEZIANO 



Item robbonum unam ejusdem panni novi. 
, Item aliad pallìum raxie usìtatum. 

Item sajum unum de camino usitatum. 

Item tabulam unam nucis cum suis trispitibus tabularum sancte fimie. 

Item vigintì unum libros in ter infra parvulos et magnos usitatos. 

Item sedes sex videlicet quinque nucis et unam lignaminis sancte 
fimie. 

Item trìa scanna usitata. 

Item mulam unam pili morelli bullatam in collo curchiam cum ejus 
sella et freno. 

Item tappitum unum usitatum. 

Bona stàbilia. 

In primis tenimentum unum domo rum soleratum consietens in plu- 
ribus corporibus et membri s situm et positum in hac civitate Mentis 
Kegalis in centrata sancti crastrensis in strata magna cum fonte aque 
intus cortile dicti tenimenti domorum. 

Item viridarium unum arboratum diversis generibus arborum situm 
et positum in dieta civitate Mentis Eegalis in centrata nuncupata sancti 
Viti, quod olim fuit nob. Ioannis Serafina. 

Item locum unum situm et positum interritorio Farci quod olim fuit 
quondam Aotonii de Gungio secus locum hon. magistri Silvestri et 
Salvi Buicze fratrum cum quadam domo terranea in eo esistente. 

EeddUua, 

In primis une. tres redditus debitas et quolibet anno solvendas per 
magistrum Verardum Petrolo jure census virtute duorum contractuum 
celebratorum in actis quondam mag. net. Ioannis Aloisii Altavilla vide- 
licet: unius die XYIIII septembris III ind. 1514 et alterìus die XY 
septembris/ V ind., 1516 ad quos relatio habeatur. 

Item une. unam et tar. 6 redditus debiti et quolibet anno solvendi 
per heredes quondam mag. Petri de Oddo virtute publici contractua 
celebrati in actis predicti quondam net. de Altavilla die nono marcii 
X ind. 1522 ad quem sit relatio. 

Item une. tres redditas debitas et quolibet anno solvendas per he- 
redes quondam mag. Simonis Bonafide virtute publici contractua facti 
in actis predicti de Altavilla die XIV junii, XV ind. 1527. 



Digitized by 



Google 



ANTONIO TBNBZIAirO 185 



Item tar. 18 redditus debitos et quolibet anno solvendos per heredes 
quondam laìmi Piczo virtute pub. contr. in actis predicti de Altavilla 
die 26 octobris IIEL ind. 1530 ad quem etc. 

Item tar. 24 redditus debitos et quolibet anno solvendos per heredes 
quondam Salvatone de Ferro virtute contr. celebrati in actis quondam 
Hieronimi Ponticorona die etc. ad quem sit relatio. 

Item tar. 15 debitos et quolibet anno solv. per heredes quondam 
Petri Bulczo virtute contr. facti in actis nob. not. Yincentii de Catania 
die 21 nov., II ind., 1543 ad quem etc. 

Item tar. 27 debitos et anno quolibet solvendos per lacobum Aqua- 
viva virtute contr. in actis dicti not. de Altavilla die etc. 1557. 

Item tar. 17 debitos et quolibet anno solv. per Dom. Aloisiam de 
Majorca virtute contr. facti in actis dicti not. de Altavilla die X sept., 
V ind., 1527. 

Item tar. 18 debitos et quolibet anno solv. per heredes quondam 
Michaelis de Grìmaldo virtute contr. facti in actis dicti de Altavilla 
die II januarii, Villi ind., 1504. 

Die primo aprìlis, V ind., 1563 dictus magcus heres in proximo in- 
ventario nominatus mihi notarlo cognitus coram nobis addidit et addii 
in proximo inventario infrascriptos redditus, videlicet. 

In primis une. unam et tar. 21 redditus debitos et solvendos per 
hon. Ioannem Sequia et suorum virtute contr. facti in actis mag. not. 
Hieronimi Scorsone die 2 decembr. XY ind. 1556 prox. pret. 

Item une. unam annualem et rendalem debitam et solvendam per 
Franci9cum Xcamami virtute contr. facti in actis quond. not. Yincentii 
de Catania die etc. 1561 prox. pret. 

Item tar. 25 aunuaies et rendales debitos et solvendos per magistr. 
Nicolaum La Baglia et suos ber. virt. contr. facti in actis ejusdem 
quondam not. de Altavilla die XI julii XI ind. 1537. 

Item tar. 15 annuales debitos et solvendos per her. Bertìni Bulcze 
et suos virt. contr. facti in actis Io. Al. Altavilla die II nov. ni ind. 1514. 

Item une. duas et tar. 12 annuales et rendales debitas et quolibet 
anno solvendas per hon. Sebastianum Xurtino et suos her. viri, contr. 
facti in actis not. Io. Vincenti! de Catania die III januarii, X ind. 1551. 

Item uncias duas annuales et rendales debitas et quolibet anno solv. 
per Andream Bonfìglio virtute contr. facti in actis quond. not. Anto< 
nini de Ajuto die V maji XIII ind. 1555. 

Item une. unam annualem et rendalem deb. et quolibet anno sol- 



Digitized by 



Google 



136 ANTONIO YENSZtANO 



▼endam per her. quond. Andree Romeo alias Marchisi et suos Tiri, contr. 
facti in actis quond. noi. Francisci de Bellissimo die UH augasti 1519. 

Item tar. 18 debitos et quolibet anno solvendos per Ioannem Pau- 
lum Trayna et suos virtute contr. facti in actis quond. not. de Alta^ 
villa die 22 octobris 1525. 

Item une. duas et tar. 12 annuales et rend. debiias et quolibet anno 
Bolvendas per Ioan. Morfine et suos virt. contr. facti in actis mag. not. 
Io. Vincentii de Catania die 17 maji, V ind. 1561. 

Item une. duas rendales debìtas et quolibet anno solvendas per Yia- 
centium loannidilivigni et suos virt. contr. emphiteutici facti in actis 
meis not. infrascripti die 15 marcii V ind. instantis. 

Item tar. 12 rendales debitos et quolibet anno solvendos per Petrum 
de Visino et suos virt. contr. facti in actis not. de Altavilla die XYII 
sept. 1533. 

Item tar. sex debitos et quolibet anno solv. per quond. Gasparem 
de Venuto et suos her. virt. contr. facti in actis predicti de Altavilla 
die 19 dicembrisy V ind. 1531. 

Item tar. 9 rendales debitos et quolibet anno solv. per heredes Vin- 
centii Bulcze virt. contr. facti in actis predicti de Altavilla die 15 di- 
cembris XI ind. 1522. 

Item une. unam et tar. 12 debitos per mag. Ioannellum Aczolino 
vìrtute contr. facti in actis meis notarii infrascripti hodie jure census. 

Item une. duas et tar. 12 debitos per Ioannem Antonium Bonfiglio 
et suos virtute contr. facti in actis Ioan. Vino, de Catania die etc. 

Item duodecim demos terraneas simul contiguas et coUaterales sitas 
et positas in ci vitate Mentis Regalie in centrata sancti crastrensis intus 
duo corti Ha nuncupata de Veneciano et alios confines. 

Testes magci Petrus et Ioanne» Aczolino fratres et Philippus Pero- 
xino cives civitatis Mentis Regalis. 

Ex actis meis Not. Marci Antonii Feroxino m. r. 



DOCUMENTO XVI. 

Eu don Paulo de Achille rettore del collegio de la compagnia di 
lesus in Palermo faczo la presenti fidi a cui spoeta vidirì la presenti 
corno Antonello Veneciano de la cita di Morriali e vestuto de la nostra 



Digitized by 



Google 



ÀStOntO VBHEZIAKO ÌÒÌ 



compagnia dì lesus ja sa anni chinco incirca et al presenti e in dieta 
compagnia in la cita di Roma in la quale e andato alo nostro predetto 
coUegio a studeare. Unde etc. ho fatto la presenti fidi oggi ad XU di 
majo, mi Ind. 1561. 

Io Paolo de Achille 
affirmo quanto di sopra si contiene 

Ex actis curiae citdtcUis Montis Regalia. 



DOCUMENTO XVU. . 

Oppositiones et jura quas et que dot et offert et presentai in curia 
civitatìs Montis Regalia hon. Stephanus Muto opponens ex una parte 
centra et adversus magcam Euphemiam de Calogero assertis nomintbus 
in executione apposita parte ex altera in causa oppositoria inter eoa 
vertente. 

Minime obstat et testamentum quod licet non vocetur in exe* 
catione, possit tamen ex ad verso allegari prò fundaroento predicte as- 
sorte executionis in quo apparet magcum Antonium de Venetìano, cujus 
dieta magca opposita asserì t esse cessionaria , fuisse et esse unum ex 
dictìs heredibus dicti quondam magci Antonii de Venetìano ejus patris, 
quìa post mortem dicti quondam de Venetìano ipso magcus Antonius 
nunquam adhivit hereditatera predictam : imo ingressus est socie tatem 
collegii societatis lesu in qua permansit per plurimos annos et licet 
apparet migrasse ex ipsa societate nihilominus ab ea aufugit et manet 
absque licentia superiorìs ac presumitur esse in religione, et sic manendo 
in religione predicta non potest aliquo nomine aliquid petere cum re- 
gula sit clarìssimì juris quod quicquid acquirit monachus monasterio 
acquirit et quomodocumque sit eo sciente et patiente dicti magci cleric. 
Ioannea et Nicolaus de Venetìano ejus fratres gesserunt se prò dictìs 
heredibus et ipsi tantum semper comparuerunt exegerunt et exigebant 
annuatim omnia jura censualia hereditaria predicta et adminìstraverunt 
et administrabant omnia alia bona stabilia et mobìlia hereditatis pre- 
dicte et ipsia tautum bona fide semper fuit solutum tam per ipsos honor. 
opponentes quam per omnes alìos debitores hereditatis predicte tam de 
jùrìboB censualibns quam de loheriis domorum et omnibus aliis negooiii 



Digitized by 



Google 



Ì38 



ÀNtOmO VBinEZIAKO 



prout paiet per quamplures scripturas pablicas et prìvatas ; jaris est et 

die sua etc 

Ad quod probandum non se tamen abstringens, ponìt qualimenti lo 
magco Antonio Venetiano poi di la morti di lo magco quondam suo 
padri anzi essendo ancora figliolo et juvenetto intrao nella compagnia 
di lo collegio di lesu di la citta di Palermo, in la quali stetti per spattio 
di anni otto et più et mentri stetti in ditta compagnia et da poi sempri 
hanno administrato la heredita et tutti li beni hereditarìi di ditto quon- 
dam magco suo padri li magci ci. Ioanne et Nicolao Venetiano suoi 
frati comò figli et tieredi universali di ditto quondam Antonio et loro 
suli exigiano ordinariamenti tutti li renditi incensi loeri di casi debiti 
et altri beni di ditta hereditati et tanto nella citta di Morreale quanto 
in qualsivoglia parte del regno non foro mai conoxiuti ne tenuti altri 
per heredi universali di detto quondam magco Antonio loro padri et 
loro hanno gubernato et gubernano dieta hereditati, arbitrii di fora, 
locato et dislocato li casi, vinduto, subjugato et facto tutti altri cosi 
necessarii di dieta hereditati, sciente et paciente ipso magco Antonio 
de Venetiano tanto inanti che intrassi in ditta compagnia et mentri 
che stetti in ditta compagnia et dapoi che nexio di quella per fina a 
li principii di V anno presenti et di tutto quello che ditti magci soi frati 
fichino et fachiano circa V administrationi et exactioni predicta mai ni 
reclamao ne fichi condictioni alcuna prout fuit et est veritas etc... 

Presentata penes acta curie archiepiscopaius Montis Regalis die 29 
novemhris, III md., 1574 de mandato magci domini eapitanei. 



DOCUMENTO XVIII. 

Die VI Novembris, III ind, 1574, 

Bevdus Pater Don Paulus Achille rector collegii societatis lesu Pa- 
normi mihi cognìtus praesens coram nobis tenore praesentis ad instan- 
tiam mag. Antonii Venetiano maiorìs oriundi civitatis Mentis Regalia 
mihi cogniti stipulantis et ab eo hoc fiieri petentis sponte dixit et de- 
claravit dictum mag. Antonium ingressum fuisse in dieta societate iam 

sunt anni et ibi tamquam unum ex collegio dictae societatis perman- 

sisse per multos annos et postea ab ea recessisse et de habitu et ve- 



Digitized by 



Google 



▲HTONIO VKHXZIAVO 



ìdd 



stitu ipsios 80cietatÌB se spoliasse et se laycum sive secularem feciase. 
Et aio cum espressa voluntato et benedictìoae superìoruin dìotae socie- 
tatis extra dictum collegium et societatem ab olim usque ad praesens 
stetisse et permansisae prout stat et pennanet ad praesens ; et ita cum 
iuramento affirmavit. linde etc. 

Testes mag. Dominus Marianus De Imperatore et hon. Alphonsus 
lovino. 



Ex actis mei8 laeohi. Galasso pubUci notarti. 



DOCUMENTO XIX. 

Die XIII maji, V ind. 1517. 

Notum facimas et testamur quod hon. mag. Petrus de Oddo civ. 
Mont. Begalis presens coram nobis attendens ad amorem fllialem quem 
gessit et gerit erga hon. Angelillam ejus dilectam fiUam legitimam et 
naturalem, et quia sic voluit et ita sibi placuit, ea donatione que dìci- 
tur mera pura et simplex et inrevocabiliter inter vivos per se suosque 
heredes et coheredes in perpetuum sponte donavit et donationis titulo 
licere et habere concessit prefate Angelille ejusque filie absenti me no- 
tano stipulanti prò ea omnia bona sua mobilia stabilia presentia et 
futura et signanter quamdam ejus vineam sitam et positam in territorio 
Farci secus vineam Simonis Chardu ex una parte et secus vineam nob. 
Bartholomei de Siscors et aliorum si qui sunt confines subjecta in de- 
cima parte fructuum anno quolibet Monasterio Sancte Marie de Alto- 
fonte alias lo Parco, francam et totam dictam vineam et alia bona sua 
stabilia si que habet in civitatem Mentis Begalis vel speraret habere in 
futurum cum omnibus singulis jnrìbus justiciis justis et legitimis perti- 
nentiis suis et omnibus hiis que dieta bona habent et habebunt intns 
se infra se ctrcum circa et in integrum continue constituens se dictus 
hon. donator ipsius donatario nomine dieta bona donata precarii et con- 
stituti nomine tenere et possidere donec et quousque ex eis dieta dona- 
taria acceperit et intraverìt corporalem et actualem possessionem vel 
quasi, quam intrandi capiendi retinendi et habeudi ex nunc et in antea 
auctoritatem licentiam et liberam potestatem et facultatem tribuit et 



Digitized by 



Google 



l40 AKTONIO VEKkZtàlfO 



concessit ad habendum per dictam donatariam saosque heredes et sue- 
ceBsores in perpeinum tenendi possidendi dandi yendendi alienandi ce- 
dendi propterea predictus donaior per se diete donatane absenti et re- 
cipienti ab eo me notario prò ea etiam omnia jura aciiones reales per^ 
sonales ntiles que et quas habait et habet super dictis bonis donatis et 
habere sperabit in faturum virtute quommcumque contractuam et scrìp- 
turarum pablicarum et privatamm contra qaascumqae personas consti- 
tuens eam procoratricem suam in rem suam propriam et ponens eam 
in locum suum in hac parte etc. etc. 

De quibus quidem bonis donatis donator ipse sibi reservavit et re- 
servat nnc. quinquaginta pec. gen. de quibus possit disponere et testar! 
ad ejus yoluntatem. Que omnia possit ratha habere in pace sub ipo- 
theca et obligatione omnium bonorum suorum mobilium et stabilium 
presentium et futurorum cum refectione damnorum interesse eto. etc. 

Testes hon. magister Ubertinus de Bulcze, hon. mag. Franciscns de 
Ventura, et hon mag. loonnes de Yinchio. 



Ex actis noi. Ioan, Aloysii de AUavUla, 



DOCXJMENTO XX. 

Multo Speetahili Signori Gubernaturi di la cita et Arehiepiscopato di 
Morreali dignissimo. 

Lo magnifico Nicolao Venetiano citatino della fé. cita di Palermo 
fa intendiri a vostra signoria sp. qualmenti ja sunno jomi XX incirca 
chi ipso m. esponenti si trova carcerato in li pubblici carceri di ditta 
cita di Monriali per ordini et comandamento di v. s. sp. et pirchì ipso 
m. exponenti si ritrova senza conoscere la accusa ne havirì perpetrato 
delieto alcuno dura cosa e innocenti patiri di carceri : supplica pertanto 
a V. s. sp. si digni essiri servita providiri et comandari sia excar- 
cerato vel saltem declararì s' intenda la cagiuni di sua carcerationi ad 
effetto di potirsi defendiri la quali supplicationi non si intenda ad ipso 
m. exponenti ne a suo foro prejudicio alcuno ma possa et vagla sempri 
usari tutti soi remedii comu si vogla a ipso m. exponenti ben visti de 
presenti et futuro et ita supplicat ut altissimus. 



Digitized by 



Google 



AXTORIO TEHIEÌÀHO 141 



Io. Thomas. 

In ciYitaie Montis Regalia die XXVI. lunii VII Ind. 1564. 

Ex parte sp, Dotn. Qvhematoris respondit sua sp, dominatio • 
pravidéòitur. 



DOCUMENTO XXI. 

Multo ap, Signuri Ouhematuri di la cita et arehiepiscopato di Monreali 
dignissimo. 

Si esponi, et supplica a v. s. sp. da parti di lo magco Antonio Ve- 
netiano cum sii di comandamento di v. s. sp. ja sonno vinti jorni in- 
circa chi avissi stata facta una iniunctioni subta pena di onci cinquanta 
di tenìrì per carceri la sua casa, la quali iinalpresenti havi tenuto et 
teni, et pirchi in dieta iniunctioni non si obteni causa nexuna ipso ma- 
gnifico exponenti li appari esseri proposta accusa ne querela alcuna 
supplica a y. s. sp. si digna esseri servita providiri et comandari la 
dieta iniunctioni li sia cassa come de jure si convieni a tal che possa 
liberamenti de se disponiri et ita supplicat ut altissimus. 

Io, TJiomaa. 

In civitate Montis Regalia die XXYI lunii, VII Ind., 1564. 

Ex parte sp. Dom. Gubernatoris. 

Sua sp. Dominatio providet et mandat quod prò aliquibus eausis 
8uae sp. Dontinationi benevisis deleatur iniunctio et careeretur in pu- 
blicis carceribus Io. Thomas La Sala, 



DOCUMENTO XXIL 

Multo sp, Signuri Crubematuri di quista cita et arehiepiscopato di Mimriali. 

Si exponì et supplica ad Vra sig. spe. da parti di li magnifici clerico 
Ioanni, Nicolo, et Antoni Veneciano cum sit la suspicioni di lo nob. Io. 
Thomasi la Sala et soi figli ad ipsi magci sia notoria et apresso altri 



Digitized by 



Google 



14*2 ANTONIO YERBZIAHO 



attento havìri multi negocii ad cònferiri in la corte de quieta cita di 
Monriali per retrovarse ipsi de la Sala seu uno de sci figli mastro no- 
tario, actento tali suspictioni supplicano Y. S. sp. sia servita dari ad 
ipsi magci exponenti in li causi loro et negocii altro mastro notare non 
sttspecto et ita suppl. ut altissimuu. 

Io. Thomas. 
In civitate Mentis Begalis die XXYII Julìi, VII Ind., 1564. 

Ex parte sp. Dom. Gubematorìs. 

Spectab. Dom. Do Franciscus De Bononia U. I. D. et Judex videat 
supplicata et referat. Io. Thomas la Sala m. not. 

In civitate Mentis Regalia die XI augusti^ VII Ind., 1564. 

Facta relactione praedicta sua sp, Dom, providetet mandai quod 
delato juramento penes acta de suspictione detur alius mag, notarius 
per spectàbUem DofQ. Ouhematorem. 



Job. De Monte mag. notorio. 



DOCUMENTO XXHI. 

MuUu sp, Signuri gubematuri di la cita di Morriale. 

Li magci Ioanni et Nicolao Venetiano et consorti per un altra sup- 
pl icatione fichiro intendiri a V. S. che per multi capi legitimi non potia 
procediri a la captura di certi asserti informationi la quali supplicationi 
commisi V. S. in referenda a lo excel! enti signor Petro AUiata U. S. D. 
et pendenti la referenda di dieta supplicationi non divia V. S. suppor- 
tari che si pigliassiro informationi non di mino non solamenti havi 
supportato che si pigliano dicti informationi ma ancora per maggior- 
menti agravari a li exponenti fichi fiscali a lo nob. Francesco Catagnano 
lo quali in la receptioni di li informationi in la curti capitaneali di 
Palermo centra lì exponenti assistia et comparia allegava et fachia 
forza ad instancia di lo magco Martino del Nobile acturi parenti com- 
pagno et facturi di Y. S. et che più havendo li exponenti facto instancia 
a diete excellenti di AUiata che referissi respusi che chi facìssiro an- 
dari a Y. S. a la casa sua che chi la haviria referuto et benché li 



Digitized by 



Google 



▲NTOKIO VXNXnARO 14S 



esponenti canuxiano che non sìa cosa convenienti tuttavia frattanto si 
trovano illaqueati perche centra loro si rechipino informationi per ju- 
dici incompetenti suspecto per personi capitali di li exponenti et perche 
tntti questi cosi si fanno aczoche intra tanto chi li exponenti insistano 
circa li cosi che li incumbino si retrovano pigliati li asserti infdrmationi 
occurrìno un altra volta a V. S. sp. et la supplicano che sia servita 
comandarì che diete signori di AUiata referisca corno meglio li pari de 
jure acioche li exponenti poczano usari li remedii loro innanti cui 
spoeta ut altissimuB. 

loan. Thomas. 

In civitate Mentis Begalis die XX marcii, Vili Ind. 1565. 

Ex parte sp. Dom. Oubematoris. 

S^, dom, Petrus AUiata U. L D, judex videat supplicata et quo eitius 
poterit referat, 

Ioa, Thomas prò mag. not. 



DOCUMENTO XXIV. 

MuUo sp, Signuri Gubernaturi di la cita et archiepiscopato di Morriali. 

A y. S. sp. si exponì da parti di li magci Io. et Nicolao Venetiano 
et consorti qualmenti havendo lo magco Martino del Nobile accusato 
ad ipsi exponenti di uno asserto pretenso insulto innanti lo sp. signor 
capitaneo di la f. cita di palermo et quelli facto carcerari in la dieta 
fé. cita et per esseri diete magco del Nobile patenti compagno com- 
mensali et considerato di V. S. spectabile videndo tanto detto di lo 
Nobile quanto Y. Signoria sp. che per via di dieta accusa non ponno 
maltrattari et vexari ad ipsi exponenti cussi comu desiderono et ver- 
nano tanto per esseri loro innocenti di lo delieto et insulto predetto 
pretenso centra di ipsi quanto ancora per esseri tali che ex faoie actio- 
nis e così di nixuna qualità li anno procurato maltractarli et vexarli 
per altra via et con tali intencioni li anno facto che ad instancia di lo 
neh. erario di la corte capitaneale di Morriali siano stati citati ad vidiri 
jurarì et rechipiri certi asserti testimonii centra omni forza di raxuni 
et doviri et quod pejus est havendo ipsi exponenti supplicato ad V. S. 
sp. che non volissi procediri a lo pigliari ditti asserti testimonii com- 



Digitized by 



Google 



144 àwtomo vBNBziÀVO 



misi la dieta supplicationi ad rìferìri a lo sp. et erti signurì petro al- 
itata da lo quali per essere judici di dicto archiepiscopato et advocato 
di lo dicto magco Martino del Nobile et sapiri chi questi su cosi pro- 
curati ad complacentia di lo dicto di Nobili et di Y. S. sp. non havi 
Toluto referiri dieta supplicacioni cossi comu per un altra supplicacioni 
faeta ad Y. S. sp. supra questo più largamenti si conteni et ora no- 
vamenti si retrovano dicti exponenti citati ad instanciam di uno de oo- 
gnomine di Policio asserto actori de noce et morte quondam Antonii 
di Policio ad vi'lirì jurari testimonii cosa etiam procurata per dicto 
magco di lo Nobili et per Y. S. sp. comu e cosa notoria che ja si sapi 
manifestiasimamenti che in la estati proxima passata si fachia simili 
prosecucioni di dieta assorta morti centra dicti exponenti supta nomu 
di Ioanna di Policzi matri di dicto quondam Antonio senza che dieta 
Ioanna ne fussi sicura et conseneienti ma tutto si fachia per Yostra 
Signoria spettabile et suoi ministri li quali per suoi disigni voliano 
maltrattari ad ipsi exponenti et supta pretesto di dieta prosequcioni 
vexano diversamenti et per multi tempi a li dicti exponenti infìno in- 
tanto che si resolvio Y. 8. sp. ancorché indebitamenti disterrarli di la 
dieta cita et territorio di Morriali et perche come e dicto questi cosi 
su procurati per dicto magco di lo Nobili lo quali per dieta accusa 
centra ipsi exponenti novamenti proposta ad instancia del dicto del No- 
bili si sia deelarato teniri per inimici capitali a lì dicti exponenti et 
per questo Y. S. è snspettu et suspeetissimu stanti che lo dicto magco 
del Nobili loro inimico capitali li è parenti compagno et commensali e 
questi de rato non si pò ne si divi Y. S. sp. in dieta causa ad instancia 
di lo dicto di Policio ne in altra qualsivoglia causa ad instancia di 
qualsivoglia altra persona impedire centra dicti exponenti stante maxime 
che ipsi exponenti per li causi predicti li anno alligato et alligano in 
suspetto et suspettissimu et tanto più non si divi procediri centra li 
dioti exponenti ad instancia di lo diete di Policio asserto accusatori 
perche quando cissassi comu non cessa milita la dieta supplicacioni 
agitur de delieto pretense oommisso facto ante biennum qua causa non 
pò ne divi esseri intiso et tanto più che allura che successi la morti 
di lo dicto quondam Antonio la excia di lo signori viceré che tune 
temporis informato di la qualità di lo dicto quondam Antonio lo quali 
era bandito latro publico discorritori e di campagna et morsi per la 
resistencia che fachia ali officiali regii quali lo seguitavano per pigliarlo 
comandao et ordinao non solamenti che non fdssiro molestati li persuni 



Digitized by 



Google 



ANTOmo VENEZIANO 14S 



che si chi retroTaro in compagnia di dicti officiali ne quelli che lo ha- 
yiano amaczato ma che non si sollivassi lo corpo di dìcto quondam et 
cussi non pò V. S. sp. non essendo superiori et non potendo distornarì 
diete ordini intendiri a lo diete asserto accusatori centra la forma di 
lo mandato predetto di sua excellencia et multo manco pò esseri intiso 
stanti che lo diete magco Nicolao Venetiano, altro de li dicti expo- 
nenti fu et e citatine di la fel. cita di Palermo per ductionem uxorie 
et altra volta essendo stato accusato de eodem pretenso delieto stanti 
la dieta civilitati fu prò visto che si li cassassi la piogena et non fussi 
molestato per la corti di diete arcliiepiscopato et per questo qualsivoglia 
cosa si pretendi centra diete magco Nicolo Yenetiano divi diete asserto 
accusatori convenirlo innanti lo suo judici competenti in la fel. cita di 
Palermo et consequentementi illa divi conveniri li predicti altri expo- 
nenti tanto per non si potiri dividiri la continencia di la causa quanto 
ancora per esseri li preditti altri exponenti habitatori di la dieta fel. cita 
di Palermo, li quali comu habitaturi di quella godine tutti li privilegii 
che solino gaudiri li gitatini di quella presertim di non potiri esseri 
convenuti davanti altro judici : pertanto dicti exponenti supplicarono et 
supplicano a V. S. spect. che stanti li raxiuni preditti et precise la su- 
spicioni allegata di Y. S. spectabile non voglia ne digia centra ipsi 
exponenti procediri cesa alcuna ma in tutto et per tutto si digia su- 
prasediri sino intanto che sia deciso primo loco supra la dieta suspe- 
cioni di Y. S. sp. allegata per ipsi exponenti et da poi supra li altri 
capi per li quali pretendono non potiri dieta di Policzi esseri intiso et 
volendo Y. S. sp. farsi referiri la presenti supplicazioni la supplicare 
et supplicano che voglia et digia committiri tali referenda a persuna 
non suspecta maxime che trattandosi di cosi li quali ipsi exponenti te- 
mine che li agia procurato et li procuri Y. S. sp. per havirisi priso la 
causa del dicto magco del Nobile in causa propria tonino per suspecti 
a tutti li magci et excellenti judici di dicto archiepiscopato et non spe- 
rano da quelli potiri consequitari debito convenienti di justioia che ha- 
vendolo canuxuto per experiencia in persuna di lo dicto sp. signor 
Petro Alliata, quanto a li altri si pò veramenti diri si in viridi hoc 
fit quid ifi arido fiet. Et j^ertanto lo supplicarono et supplicano che 
voglia la dieta referenda committiri ad altro docturì non suspecto et 
interim comandarì quod in omnibus et per omnia supersedeatur. ut al- 
tissirons. 

Areh. Star. Sie. N. S. anno XEL. 10 



Digitized by 



Google 



146 ANTONIO VENEZIANO 



In civitate Montis Regalia die XX marcii, Vili Ind., 1565. 

Ex parte sp. domini Gubernatoris. 

8p, dominus Petrus Alitata U. I, Z>. judex videat supplicata cito et 
referai. 

Io. Thomas la Sala 
p, mag, not. 



DOCUMENTO XXV. 

Testes recepii per curiam Mentis Regalis ad informationem ipsias 
coriae. 

£He primo novemhris, XV ind, 1526. 

Michael Mathìulu, ut dixit, civ. fel. urb. pan. testes jur. et interro- 
gatus super toto facto dixit scire che ja su dui misi parum plus vel 
minus essendo ipso testimonio carcerato in li publici carceri di la chi- 
tati di murriali et in la fossa di quilli in la quali fossa etiam erano 
carcerati cum ipso uno chamato Dimitri grecu et un altro di lu busa- 
chino cujus nomen et cognomen dixit ignorare vinni unu jornu carce- 
rato uno scavu aulivastro di lo nob. Antonello Viniciano lu quali stetti 
lu jorno carcerato supra la ditta fossa cum dui altri carcerati li quali 
nixeru et foro excarcerati che era quasi la vimaria et lu scavu restau 
sulu supra la fossa et di poi di esseri stati excarcerati quilli dui altri 
ditto scavu parlava cum lu grecu et cum quillo di lu busachino per un 
pirtusu lu quali havia multi jorni chi chi era in ditta fossa et ditto 
scavo essendo supra la fossa misi un certu spau ad un certu travu chi 
era a In dritto di ditto pirtusu di la fossa et ditta guglata di spau 
andava iusu in la fossa et da poi vinni lu prixuneri et dubitandu che 
stando ditto scavu sulu supra la fossa non fachissi qualchi trattu chi 
livau li ferri et calaulu intro la fossa et firmau la grada di lu portellu 
di la fossa et andaosindi et da poi ditto dimitri grecu et quillo altro 
di lu busachino si concertaru et dissiro lune et laltro volemo insaiari 
di potiri achanari uno saprà laltro et passari qualchi cosa per In travu 



Digitized by 



Google 



ÀFroNTO yiHsziÀNO 147 



et YÌdiri ai potemo nexiri per questo pirtuso rutta et cussi si conten- 
tare lune et laltro et dissiro ad ipso testimonio si sindi volia andari 
cum loro et ipso testimonio li respusi di no pirchi havia saputo chi 
era statu rìmisu a la chitati di palermu et ditto dimitrì grecu et quillo 
del busachino li dissiro chi si non sindi andava con ipsi oy havissi 
gridato lo havirìano gitatu intra laxu et non potendo fari altro ipso 
testimonio assintio et cussi ad huri quattro di notti ruppiro et fichiro 
fardi fardi una carpita chi si copria ditto grecu et attaccaru li fardi 
una cum laltra seu cuseru cum una saccurafa chi havia ditto scavu et 
da poi ditto gt'ecu et lu scavu di Yiniciano si misiro insemi apoiati a 
lo mura et quillo di lo busachino chi era lo plui longu di tutti acha- 
nao supra lu ditto grecu et ditto scavu et piglao lu filu di lu spau chi 
havia misu a lu travu ditto scavu et ad una banda attaccao la punta 
di li fardi di la carpita et tirao lu ditto spao adaxu adaxu per fin che 
passao la carpita seu farda di carpita per supra lu travu et essendo 
misa la carpita a lu travu lu ditto di lo busachino si affirrao a quilli 
fardi di carpita et mittia li pedi a lu muru et cum li manu a la car- 
pita sindi andao supra finchi si affirrao a ditto travu et di poi cum 
li pedi a lu mura et li manu a lu travu si misi supra li rini et niziu 
la testa supra lu pirtuso et di poi li bracza et cussi xiu supra la fossa 
et supra la ditta fossa trovau la corda cum la quali lu prixuneri (car- 
ceriere) calava lu pani et lu vino ad ipso testimonio et li altri chi sta- 
vano intro ditta fossa et dissi H: garzuni bonu, va baio trovatu una corda 
volemu insaiari si poczu isfìrmari lu catinaczu et cum la sacurafa chi 
li havia datu lu ditto scavu et cum lu crocu di lu manicu di la candila 
di lu ferru la quali havia trovatu supra la ditta fossa andao et tanto 
tempestau lu catinaczu per finchi lapriu lo quali catinaczu era a la 
porta chi e meczu di lu locu supra la fossa chi si va ala grada di ditta 
prixunia et havendo apertu la porta preditta sindi va a lu pirtusu di 
la fossa et dissili comu havia ja isfirmatu lu catinaczu et aperto la 
porta di meczo et cussi li calao la corda et dissi garzuni attaccativi a 
la corda chi vi tiro susu et cussi lu ditto grecu si attaccao primo et 
ditto di lo busachino lu tirao susu et di poi tirao a lu scavu di Vini- 
ciano et ultimo ad ipso testimonio et essendo tutti supra di ditta fossa 
sindi andare per la ditta porta di meczo supra lu locu di la grada chi 
si cunczava et di la banda di fora chi era lassata la scala apuiata a 
lu muru chi havia aristato lu jorao quando cunczavano et calarusi 
per quillo mura rattu supra la scala et calarusindi abaxu et sonara 



Digitized by 



Google 



X48. AHTOVIO TnfflZIARO 



chincu buri di notti quando ipsi erano dinanti la ecclesia ohi sindi an- 
davanu et cussi nixondu di la terra ditto green et ditto di lu busacbino 
et ditto scavu sindi andaru tutti insiemi et dichiano chi sindi voliano 
andari a lu boscu di lu gudurano et ipso testimonio sindi vinni a Pa- 
lermo. Et ita processit factum. 



DOCUMENTO XXVI. 

Testes recepti et examinati per curiam civitatis Mentis Regalis ad 
petitionem et instantiam magci Nicolai Venetiani contra et adveraus 
magcum Antonellum. 

Magcus et Bevdus clerìcus Ioannes Venetiano testis juratus et in- 
terrogatus super infrascriptis dixit scire qualimenti ad ipso magco testi- 
monio essendo stato demonstrato pel mag. Antonino Zirinzi mastro no- 
tare uno libro cum la copertura russa in lo quali chi sunno denotati 
et scritti multi contratti et atti et in lo principio di detto libro chi e 
lu cuntrattu matrimoniali di lu magco Nicolao Venetiano sa ipso magco 
testimonio chi ditto libro fu et e di lo ditto magco Nicolao et quisto 
lu sa comò quello lu quali essendo carcerato in li carceri di castello 
a mari chi ja sunno anni otto incirca insemi cum ditto magco Nicolao 
so frati ; ditto magco Nicolao Venetiano detti ditta coperta russa a 
Ioanni Antonio di Ausilio chi la portassi a lo librare et fachissilo in- 
catemari ; et da poi vitti che ditto de Ausilio lu purtao incaternato et 
in lo proprio libro sa ipso testimonio che ditto magco Nicolao lo fichi 
scriviri con pagari delli soi proprii dinari et parti lo scripsi ipso magco 
testimonio et parti ni fichi scriviri a lo magco Antonio Venetiano et 
alo quondam net. Io. Paolo Orofino di Alcamo et parti di uno di co« 
gnomine di Mortaro et parti ad Antonio Bellomo di Caltazibetta a li 
quali li pagava la scriptura et chi li vidia pagari ipso testimonio et 
deolara essiri lu proprio libro quali e et supra fu demostrato decla- 
rando ancora ipso magnifico testimonio chi molti tempi sonno chi in- 
tendia a lo magco Nicolao lamentarsi et querelarsi haviri perso lu pro- 
prio ditto libro et essirchi stato arrobato etc. de causa scientie. 

Becepti in civitate Mentis Regalie die Vili februarìi, III ind. 1574. 



Digitized by 



Google 



AKTOHIO VENEZIANO 149 



DOCUMENTO XXVII. 

lll.mo et Eccmo Signore 

Antonio Veneziani dice a Y. E. che circa X anni sono esso et Ni- 
colo Veneziani suo fratello et Antonio di Calciare furono accusati dal 
mag. Martin del Nobile allora governatore di Morreale di diversi ac- 
cusi et poi di essere stati lungamente . travagliati finalmente foro tor- 
turati et conformi alla innocentia loro evacuarono con la corda tutti li 
testimonii intanto che dalla gran corte foro scarcerati : et perchè allora 
la buona anima deirillmo Sig. Marchese di Pescara Viceré perchè detti 
di Veneziani et Calciare non dessero fastidio al detto mag. del Nobile 
allora governatore et loro nimico li scarcirò con clausola che non po- 
tessero andare a Morreale Ma di poi essendosi tutti rappacificati fu 
fatta la gratia a tutti di potervi andare come appare sopra il proprio 
elogio di tutti. Et poiché fu in un triduo che S. E. si partiva per Mes- 
sina et detto Antonio allora non si trovo in Palermo non potè valersi 
di detta provista et gratia siccome se ne valsero gli altri due di modo 
che non è poi mai più andato a Morreale et poiché ora li son morti 
madre fratelli et altri parenti et haviria di ricuperarvi molti beni senza 
li quali vive poverissimamente supplica V. E. resti servita farli gratia 
che possa rìpatriarsi et andar liberamente a Morreale et per tutto si 
come fu fatta gratia alli altri che ultra di servarsi egualità nella ju- 
sticia lo riceverà a gratia segnalatissima. 

In urbe fel. Panhormì die 27 augusti, lUI Ind. 1576. 

Ex parte Extiae lil.mi D. Locumtenentis et Capitanei generalis. 

Gaudeat proiU gauderU complices. 

Don Petrus De Gregorio. 

fiaccomanda la supplica 
Il Conte di Vicari. 



Digitized by 



Google 



Ì50 AÌITOKIO VENBZIANO 



DOCUMENTO XXVffl. 

Die III dieetnbris, XII ind, 1568, 

Pro magnifico Antonio de Veneciano de urbe carcerato in castro ad 
mare panormi presentato se sponte virtute injuncionis facte per curiam 
capitanealem urbis predicte suis fidejussoribus et incarricato de mandato 
spettabilis capitanei urbis predicte ob actionem centra eum propositam 
per magnificum Martinum del Nobile ; et incarricato de mandato spet- 
tabilis gubernatoris civitatis montis regalis ab mortem Antonii de Pu- 
lizi ob actionem propositam contra eum per Angelum de Palizi ejus 
fratris et incarricato de mandato spettabilis gubernatoris ad instantiam 
nob. Petri Barranca herarii curie civitatis montis regalis de apportacione 
scupettarum et balistearum estensarum contra formam regiarum prag- 
maticarum et de nefando et de notabili resistencia prout in notis dicti 
castri apparet; et modo excarcerato prò stando ut infra: et propterea de 
mandato sedis criminaiis m. r. e. serviens Antonello Russo per yerba 
de retinendo urbem et territorium Panormi prò carcere et loco carcerìs 
et a dicto spatio die noctuque non exeundo et stando juri et eum pre- 
sentando tociens quociens et de non accedendo ad civitatem et territo- 
rium civitatis montis regalis juxta formam provisionis facte per suam 
excellentiam in generali audiencia detempta 27 novembris proximi pre- 
teriti virtute provisionis sub pena une. centum fisco regio applicanda 
eum obligatione requisita in forma curie eum pacto de non opponendo 
nec quindena utendo. 

Fidejusserunt prò rata infrascripti videlicet : mag.cns Blasius Lu 
Jacimo prò une. 4; magcus Antouinus Bonoaccolto, civis panormi prò 
aliis une. 40 et magcus Ludovicus Imperatore quondam Caroli civis pa- 
normi prò une. 20 quos fidejussores servavit independentes magca Al- 
legrancia de Veneciano ejus mater eum renunciatione vi legum. 



DOCUMENTO XXIX. 

Die XV lunii, XII ind. 1569, 

Pro magco Antonello Venetiano legato sub fidejussione de recedendo 
infra certos dies a civitate Montis Regalis et tote archiepiscopatu ejua- 



Digitized by 



Google 



Àirroino vhtbziano 1^1 



que territorio et de non accedendo in dieta civitate archiepiscopata ejus- 
que territorio de die noctuque per certum tempus et ultra ad benepla- 
citum Illmi et Bevmi Domini Cardinal is et Archiepiscopi sub pena un- 
cìarum quinquaginta herario nostre curie diete civitatis et archiepisco- 
patus applicanda virtute actus diete fidejussionis perstitae die VI de- 
cembris, Vili Ind. 1564 cura certo actu prorogationis in pede die XXIII 
ejusdem mensis et propterea de mandato spectabilis domini gubernatoris 
diete ci vitati 8 et archiepiscopatus raontis regalie mi hi oretenus facto re- 
formandi per modum ut infra videlicet de non accedendo ad civitatem 
praedictam mon. reg. et per miliarium unum circum circa durante su- 
pradicto termino et infra et ultra ad beneplacitum dicti Illmi et Bevmi 
Domini Cardinalis et Archiepiscopi sub eademet pena herario nostre 
curie applicanda cum omnibus obligationibus et reservationibus in forma 
curie et pacto de non opponendo 

Fidejusserunt prò rata nob. Benedictus de Ajuto prò une. 25 et nob. 
Ioannes Ant. de Ausilio prò aliis unciis 25. 



DOCUMENTO XXX. 

Multo sp. Oubernatori di la cita di Morreali 

Antonio Yenetiano nativo di Morreali havendo per comandamento 
dell'eccellenti sig. judici ordinario de ditta cita fatto intimari a Filippo 
Damiata, loseppi de Ricca Paulo Bausano Cola lo Sardo Salvo Bulze 
Cola lo Santo Io Duncello Antonino Carapilo et Hieronimo Costa li quali 
quest'anno presente seminare dintro le terre di esso exponenti et etiam 
di li magci Ioanni et Nicolao Yenetiano fratri et coheredi figli del con- 
dam magco Antonio Yenetiano loro patre — quatenus havessero a dare 
et consegnare a ditto exponenti la terza parti di li terraggi come uno 
de li tre heredi et sub pena bis solvendi et non obstanti detto seque- 
stro et intima havendoli più volti richiesto non ha mai potuto da detti 
paraspoli bavere detta terza parti ad esso toccante perchè non può ve- 
nire a Morreali per essere ligato a plegeria da la regia gran corte si 
tenne occupato il so, senza poterli esso exponenti stringere ad bavere 
li suddetti terraggi. Supplica pertanto Y. S. multo sp. resti servita in 
questa causa darli unu de li signuri judici chi stanno in Palermo per 



Digitized by 



Google 



l52 ABTOHIO TmSZTANO 



SUO judici a ciò la justicia habbia il suo loco et esso poyiro gentilomo 
consequeti quanto di ragione li tocca. Ita supplioat ut altissimus. 

Present. die XX augusti Y ind. 1569. 

Ex parte Dom. gubernatoria 

Spectab. Don Antoninus De Bononia U. I. D. super^supplieaiis prò- 
videat de justitia et hoc stante quod dictus magcus exponena non potest 
(zccedere civUatem Montis Regalis. 

DOCUMENTO XXXI. 

Die XVII mensis augusti, primae ind. 1573 

Presenti scripto publico notum facimus et testamur quod magcus 
AntoniuB Venetiano civis panormitanus mihi uot. cognitus presene co- 
rani nobis, ad presene carceratu8 in castro ad mare hujus Urbis Pa- 
normi, omui meliori modo via iure causa et forma quibus melius potuit 
et potest et juxta formam juris sponte fecit constituit creavit et solem- 
uiter ordinavit et ordinat ejus verum certum legitimum et indubitatum 
procuratotem actorem factorem certum nuncium spet^ialem et ad infra 
scripta generalem et generaiissimum. Itaque etc. magcum Ioannem Ve- 
netiano ejus fratrem licet absentem tamquam presentem ad vice nomine 
et prò parte ipsius magci ccstituentis et prò eo tam hic Panormv et in 
civitate Montis Regalie quam alibi ubi opus iuerit cogendum et com- 
pelleudum viribus curìae et coercionibus realibus et personalibus quibus 
decet omnes et quoscumque ejus debitores et personas debitrices et em- 
phiteutas annuos debitores inquilinos conductores detemptores et pos- 
sessores quorumvis prediorum et bonorum ipsis magci ccstituentis ad 
depositandum et depositari faciendum penes magistrum notarium curie 
diete civ. Montis Regalis omnesque et quoscumque fructus loheria in- 
troitus census redditus et proventus ac omne id totum quidquid et quan- 
tum dictus costituens recipere ot habere debet prò anno presenti tantum 
et dumtaxat et non aliter nec alio modo etc 

Testes Ioannes Salupo et Petrus Bellomo. 

Ex actis meis Not Joseph lo Mastro pan. 



Digitized by 



Google 



Airtoino viElrfeziAÌro 153 



DOCUMENTO XXXTL 
Testamento di Allegrane Veneziano madre del Poeta 



Die 15 febrtiarii, III Ind. 1574. 

Horis sex aoctie audìtis , tribus luminìbus accensìs juxta formam 
juris. 

Magca D.na Allegrantìa Venetiano mulier vìdua relieta quondam 
Magci Antonii Venetiano de Panormo ad praesens existenB in hac ci- 
yitate Mentis Regalis cognita coram nobis jacens in lecto infirma cor- 
pore, sana tamen Dei gratia mente et intellectu età. praesens nuncupa- 
tivum testamentum condidit videlicet. 

Magca testatiix corpus suum sepeliri voluit in venerabili Ecclesia 
yen. CoUegii Bocietatis lesu hujus civitatis, cui Ecclesiae legavit une. 30 
in pecunia semel solvendas infra annum unum complendura a die mortis 
ipsius testatricis, et hoc contentandosi lu reverendo Provinciali di ditta 
Società in hoc Siciliae regno, et non si contentando ditto rev. Provin- 
ciali et non aliter, debeatur (sic) sepelliri in venerabili Ecclesia Sancii 
Viti hujus civitatis in Ven. cappella ìpsorum mag.corum di li Venetiani 
intus Ecclesiam praedictam fundatam, intus tabbutum et in loco in dieta 
cappella per infrascriptos magcos ejus universales haeredes melius eli- 
gendo , cui ven. ejus cappellae praedictae Ecclesiae praedicta magca 
testatrix legavit et legat casu praedicto adveniente une. duas jure per- 
petui census et irredemibiles debitas et annis singulis persolvendas per 
infrascriptos haeredes universales 15 augusti super omnibus et singulis 
bonis scìlicet super illas une. 2 annuas redditus debitas et annis singulis 
persolvendas infrascriptis magcis suis universalibus haeredibus per hon. 
Andream lu Secreto alias Scarda et suos etc. super ejus loco in cen- 
trata Cannizzariorum suis finibus limitato censito quondam magco et 
revdo Don Ioanni Baptistae Arrivabeni olim Archidiacono majoris Ec- 
clesiae hujus civitatis Mentis Regalis vigore emphiteutici contractus facti 
in actis magci net. Michaelis de Avansato Panormi die etc. et actus 
praestationis consensus praestiti praedicto hon. Andreae Lu Secreto alias 
Scarda in actis magci not. Baldassaris de Marinis die etc. in pedo 



Digitized by 



Google 



1^4 AlVTOVtO VEimziAfTO 



contractas emphìteutici facti inter praedictum Andream et magcos hae- 
redes dicti quondam magci de Arrivabeni in dictis actis not. de Marinis 
die etc. Ita quod cum praedicta elemosina praedictarum une. 2 juris 
perpetui cenaus supra legatarum praedictae veh. cappeJlae debeatur die 
veneris cujuslibet hebdomadae annis singulis celebrali missam ad laudem 
Virginia Marìae sub vocabulo de Spasmo per venerabilem Altaristam 
benoficialem et cappellanum eligendum et semper imperpet6um praesen- 
tandum per infrascrìptos raagcoa haeredea universales et eorum haeredes 
et successores imperpetuum et quod praesentatio et electio hujusmodi 
beneficialis et cappellani fiat et fieri debeat semper et omni futuro tem- 
pore per praedictos magcos ejua haeredes universales et eomm haeredes 
imperpetuum ut supra. 

In omnibus autem et singulis bonis suis mobilibus et immobilibus, 
urbanis, rusticanis, burgensaticis, redditibus, iuribus, et actionibus qui- 
buscumque uominibus debitorum etc. praedicta magca Domina Testatrix 
instituit fecit universales haeredes magcos clericum Ioannem et Nico- 
laum Venetiano fratres, ejus filios legitimos et naturales natos et pro- 
creatos ex ipsa magca Domina testatrice et quondam praedicto magco 
Antonio ejus olim viro prò aequali portione salvis legatis et cum fide- 
commisso de haerede in haeredem cum facultate disponendi dicti hae- 
redes universales tantum une. 150 vel in pecunia, vel in une. 15 annui 
redditus. 

Item praedicta magca testatrix instituit et solemniter ordinavit et 
ordinat ejus haeredem particularem magcum Antonellum Venetiano ejus 
diaobedientem filium in une. decem semel in pecunia solvendis prò omni 
et quocumque jure et successionis naturae maternae legitimae et sup- 
plementi legitimae ac aliorum quocumque et qualitercumque et quod de- 
beat se praedictus magcus Antonellus tenere bene contentus de prae- 
dictis une. decem supra legatis, et ultra non petere nisi praedictas une. 
decem, imo habeat quietare ipsos magcos ejus filios universales haere- 
des in larga forma, alias cadat a legato et prasenti institutione tam- 
quam filius disobediens quoniam sic voluit itaque sibi fieri placuit et 
placet et non aliter nec alio modo et hoc jure institutionis particularis 
recognitionis et sanguinis et omni et quocumque alio jure competenti 
et competituro quomodocumque et qualitercumque. 

Item praedicta magca testatrix instituit in ejus haeredem particula- 
rem magcam Oonstantiam Venetiano puellam virginem et in capillo exi- 
stentem ejus filiam Jegitimam et naturalem in une. trecentis prò ma* 
ritagio. 



Digitized by 



Google 



Airrolno VenizIako 1&5 



Item praedìcta magca testatrix instituit in ejus haeredes particulares 
magcas Virgineam et Mariam Venetiano sorores; ejus filias legitimas 
et naturales natas et procreatas ex ipaa magca testatrìce et praedicto 
quondam magco Antonio ejus viro in iliis une. sexcentis scìlicet, un. 800 
cuilibet earum legatis et in quibus fuerunt institutae haeredes particu- 
lares per dictum magcum Antonium ejus olim virum vigore sui testa- 
menti conditi in actis quondam magci Not. Antonini de Ajuto die 7 
lulii, 5 Ind. 1547 soWendas per praedictos magcos haeredes universales 
ejus filios, earum fratres etc. 

Testes rogati hon Thomas Salerno, Innocentius Rignuni, Phìiippus 
quondam Andreae Balsano minoris, magcus Antonellus mag.ci Francisci 
Venetiano , Vincentius Vincenti , Nicoiaus Salerno et clericus lacobus 
Sapientia. 

Ex acti8 Not Antonini De Agra Montis Regalis. 



DOCUMENTO XXXHI. 
Donazione di Antonio Veneziano ad Eufemia De Caloyro. 



Presso Not. Francesco Palmeri di Palermo. 

Die X Mensis maji, II ind, 1574. 

Notum facimus et testamur quod Magn.cus Antonius Venetiano mihi 
notano cognitus coram nobis considerans et attendens ad amorem et 
benevolentiam quos semper gessit et gerit erga Magnifìcam Euphemiam 
de Oaloyaro ejus neptem mulierem virginem et in capillo existentem, 
filiam legitimam et naturalem magnifìcorum Antonini et Vincentiae de 
Caloyro jugalium ejus sororii et sororis et ad grata et accepta servicia 
officia et beneficia per ipsam magnificam Euphemiam dictosque eius pa- 
rentes sibi celiata et ad quamplurima benemerita ipsius dom. Euphe- 
miao nolens ea inremunerata pertransire cum ex instinctu naturali prò- 
cedat quod benefactoribus benefiat , et quoniam sic voluit et ita sibi 
placuit et placet fieri ex sui certa scientia deliberatus et consultus 
animo incommutabili perpetuis temporibus valituro et duraturo ea do- 



Digitized by 



Google 



156 ANTONIO VENEZIANO 

natìone quae dicitur mera pura simplex et inrevocabìlis inter vivos dedit 
et dat, ac donavit et donat, et hujusmodi donationis titulo et causa 
habere licere concessit et concedit praefatae mag. Euphemiae de Ca- 
loyro absenti et mihi notar, prò ea btipulanti et recipienti praecedenti- 
bus tamen infrascriptis legibus pattis et conditionibus prout infra et 
non aliter nec alio modo omnia et singula bona ipsius mag. Donatoris 
mobilia et stabilia redditus interusuria decursa et decurrenda reddituum 
iura et actiones et praetensiones quascumque, ac nomina debitorum prae- 
sentia et futura habita et habenda acquisita et acquìrenda ubicunque 
existentia et melius apparentia ei competentia et competitura quocum- 
que jure titulo nomine et actione seu causa quomodocunque et qualiter- 
cumque et praecise portiones et partes ac iura legitime successionis e 
suprndìcti (sic) legitime et alia quequmque jura ei quomodocumque spec- 
tantia et competitura de et super bonis patemis fraternis et aliorum 
quorumcunque suorum consanguineorum ascendentium descendentium et 
transversalium praecise portiones et partem sibi contingentem uti cohe- 
redem (sic) quondam Bevdì Don Antonini Venetiani ejus patruf et super 
bonis dicti quondam Bev. D. Antonini Venetiani ejus patrui et domum 
omnia et singula bona et jura sua ad eura quomodocumque et qualiter- 
cumque spectantia et pertinentia et quae ad eum in futurum spectabunt 
et pertinebunt quomodocumque et qualitercumque nihil escluso, reser- 
vatis tamen et tantum ipsi mag. donatori uncis decem in pecuniis de 
quibus poBsit ad sui libitum disponere in ultimi» et legetima materna. 

Quorum quidem omnium et singulorum bonorum de super donatorum 
possessionem vel quasi ac dominiura quam et quod prefatus donator per 
ne et suos etc. in eius animo habuit et habet a se deponens et abdi- 
cans in eandem dominam donatariam absentem me notario prò ea sti- 
pulante prò se et suis etc. dedit cessit trastulit et mandavit et quasi 
tradidit et constituit se bona omnia desuper donata prò parte et no- 
mine ipsius dominae donatariae absentis me notario prò ea stipulante 
per constitutum tenere et possidere donec et quousque de eis caeperit 
et intraverit possessionem etc. quam intrandi capiendi et habendi ei 
auctoritatem licentiam et liberam potestatem tribuit et concessit ac de 
iure contulit pariter et de facto. Ad habendum per dictam dominam 
donatariam absentem me notario prò ea stipulante per se et suos etc. 
bona omnia desuper donata abhodie in antea tenendum possidendum uti 
fruendum et gaudendum sub infra scriptis pactis. 

Cedens propterea prefatus donator per se et suos eidem donatariae 



Digitized by 



Google 



ANTOKIO YRnUABO 157 



absentì me notario prò ea stipulante et recipiente prò se ac suìs omnia 
et singula iura ,omnesque actiones rationes et causas reales personales 
etc. qnae et quas habuit et habet ipse donator. Indictis bonis desuper 
donatis centra et ad versus omnes et quascumque personas eorumque he- 
redes et bona virtute et auctoritate quorumcumque contractuum et scrip- 
turarum publicarum et privatarum et sine. Constìtuens eam procura- 
tricem in rem suam et ponens eam in locum suum in hac parte ut amo- 
do. Sub pactis tamen legibus et conditionibus infrascriptis quibus et 
unoquoque ipsorum praeviis et precedentibus ipse donator fecit et facit 
praesentem donationem et non alitar nec alio modo 

Et primo : quod ipsa donataria sit et esse debeat mera et pura ac 
simplex usufructuaria omnium bonorum desup. donatorum ejus vita du- 
rante et dum permanserit in capillis et non se nuptui tradet nec se 
monacabit, et ea mortna aut se nuptui tradita statim ipso iure et ipso 
facto usufructus praedictus consci idetur cum proprietate in ipsum do- 
nantem bonaque omnia et singula desuper donata ipso iure et ipso facto 
revertantur et reverti debeant ad ipsum donai orem, si in humanis re- 
periretur. Sed casu quo ipse donator raorìretur ante raortem ipsius do- 
natarìae tunc et eo casu possit ipsa donataria de dictis bonis ei donatis 
disponere ad sui libitum voluntatis in quinta parte ita quod in aliis 
quatuor portionibus succedant magnifici Vincentia Caloyro, Gonstantia, 
Virginia et Maria Veneciano sorores dicti magn. donatoris et non aliter 
nec alio modo. 

Item quod ipsa donataria n on possit nec debeat de bonis desup. do- 
natis nec eorum parte aliqua disponere nec alienationem aliquam facere 
nec penes tertium bona desup. donata transferre nisi praecedente con- 
sensu et cum interventu ipsius donatoris et non aliter ac alio modo. 

Item quod ipsa donataria debeat esse fidelis Deo, regi et sanctae 
Bomanae Ecclesiae et non committere aliquod crimen vel delictum hae- 
resis aut lesae magestatis aut aliud quodcumque delictum per quod in- 
cideret in disgratiam et indignationem Dei aut Regie vel Sanctae Ro- 
manae Ecclesiae nec non debeat observare honestatem et pudicitiam et 
non fallerò, alias in casu contraventionis quod ipsa donataria commit- 
teret aliquod crimen vel delictum haeresis aut lesae magestatis aut aliud 
quodcumque delictum per quod incideret in disgratiam et indignationem 
Dei aut Begis vel sanctae Bom. Ecclesiae vel quod falleret et inbonQste 
viveret tali casu statim ipso iure et ipso facto per annum unum ante 
commissum vel perpetratum delictum aut antequam falleret praesens do- 



Digitized by 



Google 



J 



158 AVTOKIO VBKBZIAKO 



natio sit et esse intelligatur cassa , irrita et nulla nuUinsqae roboris 
et momenti tanquam si minime facta fuisset et bona omnia desup. do> 
nata revertantur et reversa sint et intelligantur ad ipsum donantem et 
non aliter nec alio modo. 

Item quod casu quo ipso magn. donat. uxorem ducet et liberos ex 
uxore suscipiet praedicta donatio intelligatur ipsi uxori et liberis suis 
facta me notano prò eis stip. et recipiente ipsaque magn. donat.ria sit 
et intelligatur esclusa etc. Ita tamen quod deficiente deinde ipso magn. 
donatore absque filiìs vel curo filiis et filiis deficientibus sine fìliis tali 
casu in bonis desup. donatis succedat praedicta donataria sub omnibus 
praedictis pactis legibus et aliis praedictis in dieta quarta parte, et in 
aliis quattuor partibus succedant proedictae mag.cae suae sorores ut 
supra et non aliter nec alio modo. 

Testes Mag. Bartolomeus Staitimus, Mag. Pasqualis Ohirco , Mag. 
Geronimus Molla, nob. Geronimus Russitano. 



DOCUMENTO XXXIV. 

Providende sunt scripture via appellationis devolute a curia primi 
judicii civitatis Mentis Regalis ad cuiiam secundi judicii civitatis eju- 
ddeni vertentis inter roagcum Nicolaum Yenetiano et consortes attores 
et appellatos ex una et magcam dom. Eufemiam de Calogero nominibus 
etc. conventam et appellatam ex altera petitionis ex parte dicti magci 
de Yenetiano et consortum interlocutorìam lataro per dictam curiam die 
19 augusti proxìmi preteriti confirniari debere, qua confirmata bamnum 
ab ipsa magnifica Eufemia promulgatum declarare nuUum et ex parte 
diete magce Eufemie appellantis interlocutorìam predictam corrigi et 
emendari debere : qua correcta et emendata bamnum predictum decla- 
rare validum et constet rationibus juribus et causis in effectu contrario 
et scripturis utriusque partis contentis et expressatis et aliis in voce 
alligatis; commissa petitione spett. dom. don Antonino de Bononia U. 
I. D. vigore supplicationis porretta spett. dom. Gubernatori cum ejus 
decretata in dorso die 24 settembris, III ind. 1574. 

I. H. S. 



Digitized by 



Google 



ANTONIO VBNSSIANO 159 



Proviflum est per nos D. Antonìnum de Bononia judicem ut supra 
quod interlocatorìa predicta die quo supra lata quatenus concurrit cum 
presenti confirmetur; et quatenus non, corrigatur et nihilominus bamnum 
promnlgetur: bamnum projectum ad istantiam istius Eufemie de Calo- 
gero stet et declaretur validum expensis bine inde compensatis. 

Hanc nottram etc. 

Letta lata et pronunciata in Ecclesia Sancti Cataldi ubi curia regi 
solet die 17 novembris, III Ind. 1574. 



DOCUMENTO XXXV. 

Molto spettabile Signor Governatore 
della dUà et arcivescovato di Monreale digtno. 

Eufemia dì Calogero donataria di Antonio Veneziani e ristesse An- 
tonio Veneziani quatenus sua interest dicono a V. S. molto spectabile 
il magco et Exte Sallustio Tarugi giudice ordinario di Monreale esserli 
per diversi capi sospetto. E domandano a V. S. molto spettabile giudice 
intero e litterato inante al quale possino provare detta sospitione cum 
dependentibus emergentibus et annexis cum potestate jubendi. 

E che interim detto de Tarugi non possa intromettersi a negotii loro 
attivi ne passivi, civili ne criminali tam in judicando quam in delegando 
essendo che de jure pendente suspicione manus judicis recusati sunt 
ligatae. E questo tanto per esserli stato corretto mandato per lui ut ut 
fatto, quanto per altre ragioni da dirsi et alligarsi a dUo tempo e loco. 

Lazara 

Panormi die 18 maji, III Ind. 1575. 
Ex parte sp: Domini Gubernatòris. 
Excellens Blasius Magnano U. I. D. videat 3up2)licata et referat 

Anton. Lazara mag, notarius 



Digitized by 



Google 



160 AHTOnO VBKKZIàVO 



DOCUMENTO XXXVI. 

Tllmo et Ecemo Signore 

Antonio Veneziani maggiore come herede di D. Antonino Veneziani 
zio di lui deve bavere da Francesco Chamami per un contratto onc. 3 
e per un altro onc. 9 del qual debito gliene ba causata esecuzione per 
la corte di Monreale et esso dì Obamami ba presentato non so cbe frì- 
vole opposizioni per portar il negozio in lungo ; et in questo mentre 
cercar qualche nascondiglio : supplica l'esponente TEcc. V. resti servita 
ordinine et provedere : Quod judex ordinarius videat staiim relevaptiam 
oppositionum et provideat. Ut altissimus. 

Lancea 

Panormi 29 lanuarìi. VI Ind. 1577. 

Ex parte Eccmi 111 mi Domini Locumtenentis 

Magnificua ludex ordùtarius videat oppositiones et datim provideat, 

Ioannes Lancea 
secretarius et referendarius 



DOCUMENTO XXXVIL 

lUmo et exmo signuri 

Lo povero Francesco Chamami fa intendire alla excia vostra che 
essendoli stati causati due executioni contro esso exponenti in summa 
di une. 12 per la corte di Morreali ad instantiam di lo magco Antoni 
Venetiano certis assertis nominibus de lo quali debito ni e stato sati- 
sfatto ultra pagato tanto ad ipso quanto ad altri legitimamenti et stante 
il patto de non opponendo non obstante cbe per V. E. fusse stato pro- 
visto che si providessi attenta realitate negocii parsi a lo excelienti judici 
ordinario di detta corte di Morreali decidirì quod reijciantur oppositiones 
con haverle fatto fare jnjunctioni di jorni dui stanti una provista facta 
per V. E. quod magcus judex videat oppositiones et statim provideat : 
et perche exmo signori esso povìro exponenti pretendi nella causa op- 



Digitized by 



Google 



ARTONIO ▼BNEZUHO 161 



positorìa demoBtrare il pagamento fatto di ditti dinari indebitamenti 
domandati dni volti et fare condepnare al duplo al detto magco de Ve- 
netiano et volendo seguire detta causa oppositorìa per livarsi di tutti 
nullità et longarie che li potissi dare la ditta parti adversa or che si 
trova pagato supplica pertanto Y. E. resti servita provedere et coman- 
dare che in detta causa oppositorìa si habi ad procedere statim» si come 
fu processo nello stent et rejiciantur super omnibus : et ita suplicat ut 
altissimus. 

Panormi V marcii, VI ind. 1577. 

Ex parte Exciae Suae 

ludex in eausa vaeatus modo statim provideat 

Angelus Maglia secr. et Refer. 

Presentate penes acta cune civitatis Mentis Regalis die Vili marcii, 
VI, ind. 1577 de mandato exc. dom. judicis ordinarii citato magco Fran- 
cisco Gatignano procuratore magci Antonii Venetiano majoris per An- 
tonium Xinica cnr. serv. 



DOCUMENTO XXXVIH. 

Illmo et Exmo Signore 

Lu poviro Francesco Gamami delia cita di Morreale fa intendirì a 
V. S. Ulma Revma cum sit fra ditto poviro exponenti et lo magco An- 
tonio Venetiano et sua heredi pendissi una liti chi ja sonno misi sei 
et poiché illmo signore a detto poviro exponenti li veni a perìrì la 
stantia di ditta liti voli lo exponenti provarì con testimonii et podisi 
tanto di mano di detto Antonio Venetiano come di Ioanni et Nicolao 
soi frati baveri pagato lo debito di ditta liti dui volti : indiche Illmo et 
Bev.mo signore detti testimonii dubitando de loro persona tanto di detto 
Antonio come di Ioanni suo frati non vonno deponiri le ragioni di detto 
poviro exponenti per esseri detti de Venetiani homini armigeri et forti 

Jrch. Star. Sic. N. S. anno XIX, 11 



Digitized by 



Google 



162 ANTOHIO TBKXZIiUffO 



et per tal causa veni ditto esponenti a perdiri ditta liti con grandis- 
Bimo danno ed interesse : perciò recurrì a Y. S. HI ma Reyma come pa- 
trone et signore justificatissimo voglia provedirì et comandarì che lo 
magco S. Capitanio de detta cita possi dicti testimoni! farli prendiri ad 
instantia sua et con quella debita cura si deve et si farra bisogno detti 
testimoni non volendo veniri gratis et amore si citano et bandiscano 
come di justicia si conveni; altraroenti veni ad essiri la sua total roina 
et essendo lo exponenti per tanti travagli et per la raalicia et sterilita 
del tempo et con multa famiglia attento si trova debitore in alcune per- 
sone supplica perciò V. S. Illma et Revma providiri et comandari che 
detto exponenti godi misi quattru di guidatico acio fra ditto tempo 
possi concordarsi cum soi credituri et satis fari altramenti sarra per 
morirsi carcerato : ut altiss* 

In cimiate Motitis Regalis die XVIII augusti, VI ind, 1577. Ex 
parte lUmi et Pevmi Dom. Archiepiscopi. 

Sua Hlma et Revma Dominatio providet et mandai quod magcus dom 
capitaneus hujwt civitatis cagai testes ad deponendum remediis oppor» 
tunis proui de jure : quoad debita habeat mensem dUacionis prestito in 
forma. 



De Monte magister noi. 



DOCUMENTO XXXIX. 

Nos inquisitores ad versus tiereticam pravitatem et apostasiam in hoc 
Sicilie Begno ejusquo insolis adiacentibus etc. 

Magco Petro Pisano officiali nostro in civitate Mentis Begalis ad 
infrascriptam causam delegato salutem in Domino sempitemam. 

Simo stati supplicati et per noi è stato provisto del tener seguente 
videlicet : nimo et Bevmo Signore. 

Antonio Yenetiano maggiore dice a Y. S. Bevma che come heredi 
del quondam magco et revdo Don Antonino Yenetiano come pare per 
virtù di testamento manu publica die etc. deve bavere di mastro Sci- 
pione Pitrolo circa la summa di onze sei come detenturì et possessurì 
di li beni di mastro Oirardo Pitrolo suo padre, come per contratti ap- 
parino manu publica die etc. et poiché ditto di Petrolo e dela jurisdic- 



Digitized by 



Google 



AHTOHio ynmuiro 168 



tioni del S. Offitio, per questo Io ezponenti supplica V. S. Bev.ma sia 
servita fare lettere nella citta di Monreale a cui Y. 8. Reyma e servita 
cbe faciano a lo exponenti complemento di justicia et lo faccino pagare 
conforme a justicia: ut altissimus. 

Castello Panormi die ITI settembris VI ind. 1577. 

Ex parte lUustris et Bevtni Domini Inquisitoria fiani litere justifieate. 
Vineentius Castella mag, not 

In conformità di la quali nostra provista tenore presentis vi dicimo 
committimo et expresse comandarne cbe al recepere de la presente ad 
esso de Veneiiano exponenti centra detto de Pitrolo supra li articuli 
contenti in lo preinserto memoriale li dobiate fare et administrare de- 
bito celeri et expedito complimento di justitia etiam per farli pagare 
tatti li spisi fatti et da fari et max. detti tari 12 pagati per la expe- 
ditione del presente sigillo passandovi di sorti cbe ognuno di essi parti 
sia intisa in li soi ragiuni conforme justitia et nixuna di essi reporti 
agravio : imperocbe noi ne la executioni de li presenti vi damo et con- 
ferimo la omnimoda autorità et potestà nostra con soi dependenti emer- 
genti et connexi non facbendo lo contrario sub pena florenorum mille 
fisco S. Officii applicanda. 



Dat. Panormi die V septembrìs^ VI ind. 1577. 

B. Gaseo 



8. Frandseus Saladinus, 



DOCUMENTO XL. 

lUmo st Exmo Signore 

Antonio Veneziani maggiore deve bavere da Cosmano di Venuto onze 
quattordeci in conto di maggior somma per debito di bolla ad esso pro- 
prio nomine. E da Mastro Scipione Pitrolo onze tre nomine bereditario 
del magco et Bevdo D. Antonino Veneziani. Delle quali somme gliene 
ha causate esecutioni per la corte della citta di Monreale e loro per dar 



Digitized by 



Google 



164 AiTTOKio vnneziAiro 



lunghe al supplicante si sono opposti e vanno differendo il neg02do. 
Supplica perciò Y. £. resti servita comandare che il giudice di Mon- 
reale statim veda se le opposizioni sono relevanti o non conforme a 
giustizia: ut altissimus. 

Lancea 
,Panormi Xlll novembris, VI ind. 1577. 
Ex parte Excie Illmi D. Proregis 

ludex eivitatis Montis Regalis pideat oppositiones et statim pravideat. 

Ioannea lincea seer, et refer. 



DOCUMENTO XLL 

Nos Pretor et ludìces fel. urb. Panormi magcis Dominis ac spect. 
officialibus eivitatis Montis Begalis cui vel quibus presentes presentate 
fuerint fidelibus regiis dìlectis amicis nostris carmis salutem. 

Quia ad instantiam magcarum Mariae et Yirgineae Venetiano nomi- 
nibns etc. bis diebus preteritis fuit in m. r. e. causata quedam executio 
une. 450 centra et adversus magcos Ioannem et Constantiam Sanso- 
prano nominibus etc. et magcum Antonium Venetiano et consortes vir- 
tute cujus execationis fuit etiam in dieta M. B. C. interpositum primum 
decretnm super quibusdam bonis ipsorum de Sansoprano et consortes : 
et quia in presentiaruro dictae magcae actrices de Venetiano ob disces- 
sum dictae M. B. G. intendunt dictam executionem et primum decretum 
introduci facere a dieta M. B. G. ad regiam curiam preture urbis pre- 
dictae ex privilegio etc. ibique prosequi causam ipsam ceteraque negocia 
facere: sed ut rite et recto procedatur opus est partis citatione. Ideo 
vobis dicimus rogamus atque hortamur quatenus per aliquem vostre curie 
servientem prefatos magcos Ioannem et Gonstantiam Sansoprano nomi- 
nibus etc. et dictum magcum Antonium Venetiano citari et requiri fa- 
ciatis ad introducendum dictam executionem une. 450 et dictum primum 
decretum a dieta M. B. C. ad dictam regiam curiam predicte fel. urb. 



Digitized by 



Google 



àKTOKÌO VBNBZIAlTO 165 



Panormi ob discessum diete M. B. C. ex privilegio et e. ìbiqae prose- 
quendum causam predictam et cetera alia negocia faciendum ut quarto 
post ipsain citacionem legitime comparere debeaDt responsuri in dieta 
B. C. preturo et si non feeerint copiam eorum eoe citari faeere digne- 
mini per affixionem consimilium in valvis januae eorum solitarum habita- 
cionum ad istantiam eujusvis comparentis prò eia etiam sine proeuratorio. 
Diem vero citationis vel affixionis predicte per quem coram quibus et 
quidquid per vos actum extiterit vestris responsalibus literis formam 
presenti um conti nentibus ad nos et dietam B. C. preture transmittere 
curabitis : nihil aliud nisi quod in similibus et majoribus nos promptos 
offerimus. 

Dat. Panormi die XXVI lulii, Villi ind. 1581. 

Visit Cuffari 

Vincentius Battaglia mag. noi. 



DOCUMENTO XLE. 

Die 21 decembris, X ind,, 1581. 

Pro Michaele Lapi de civitate Mentis Begalis accusato per magcum 
Antonium Venetiano majorem de furto magno ultra summam unciarum 
trìcentarum et excoperictione domus et de aliis prout in aceusactione et 
prò hujusmodi causa bannito : quj de Lapi hodie sponte se presentavit 
coram spett. dom. Gubematore et purgavit etc. et propterea de ejus 
mandato mihi oretenus de retinendo hanc urbem Panhormi prò carcere 
et loco carceris et ab ea die noetuque non exeundo nec egrediendo et 
de stando juri et se presentando ad omne curie mandatum toties quoties 
etc. sub pena unciarum quinquaginta herarìo nostre curie applicanda 
eum obbligationibus etc. in forma curie et cum pacto de non opponendo 
nec quindena utendo. 

Fidejussit de voluntate dicti sp. dom. Gubematoris, nob. 
Vincentius Testa virdi , qui renunciavit ejus forum si quod 
habet, quem servavìt indemnem penitus et sine damoo 
magcuB Hippolitus de Barca et magea Agata de Lapi. 



Digitized by 



Google 



166 AKTOÌito VINÌSZIAHO 



DOCUMENTO XLIIL 

Testes Becepti in feudo Racalicheusi et in massaria Micaelis de Lapi 
die 19 ottobris, X ind. 1581. 

Hon. Bartbolomeus de Angelo terre sancti Pbilippi etatis annorum 
qnindecim ut ipse dixit et suo demostravit aspectu testis juratus et in- 
terrogatus super infrascriptis et tote fatto dixit scire qualiter beri ma- 
tino vitti ipso testimonio cbe Micheli di Lapi so patruni ficbi imbar- 
dari dai muli et chi fichi mettiri li cancbelli et imbardati obi foro , fi- 
cbiro collationi et fatto coUationi ditto de Lapi dissi tanto ad ipso te- 
stimonio quanto a dui altri garzunotti et a Hieronimo di Aversa so 
curatolo et a li garczuni pigliati quisti muli et quista scala et andarne 
qua jusu et quilla ditti garczunotti prisiro et sindi andare et andare a 
li stancii di la massaria di lo magco Antonio Viniciano quali e a limito 
di ditta massaria di ditto di Lapi : et essendo in ditti stancii lo ditto 
di Lapi pigliao la ditta scala et la misi ad un muro di una di li ditti 
stancii et acbianao lo ditto Hieronimo di Aversa so curatolo et ipso 
achianao appresso et incomenzaro a scombogliari la ditta stancia et pi- 
giavano li canali et porgiano tanto ad ipso testimonio, quanto a li altri 
dui garzunotti et quilli mittiano in terra : et bevendo xinduto tutti li 
ditti canali et sirraticzi, xindero; et dissi cbe carrìcassiro li muli et 
quilli carrìcaro et fichi carricari di canali et li portavano ali stancii di 
ditto de Lapi et ipso restava in guardia a lo ditto loco et quilli li car- 
riavai li muli, tanto ipso testimonio, quanto li altri garczunotti; et in 
collo portava ipso testimonio et ditti garczonotti l i serratizzi et bavendo 
spedduto di carriari tutti li ditti canali et serratizi di ditta stancia lo 
ditto Michele de Lapi pigliao la scala et la misi in un altra stancia et 
achianao lo ditto curatolo et ipso Michele et fachiano il simili cbe scom- 
bogliavano li ditti canali et porgiano tanto ad ipso testimonio quanto 
ali altri garczunotti et ni haviano fatto in tutto quattro viagi di canali 
con ditti dui muli senza li sirratizzi et bavendo fatto lo primo viagio 
di canali di la ditta secunda stancia lo ditto Micheli velia livari un 
trave di ditta stancia et non potendo quillo livari dissi ad ipso testi- 
monio : te li chiavi; va piglia la serra dintro lo magaseno cbe voglio 
sirrari quisto travo : et cussi ipso testimonio vinni in ditti stancii, aprio 
lo magaseno et pigliao ditta serra per portarila a ditto di Lapi: et in 



Digitized by 



Google 



ÀKT05I0 VBWEZIAHO iél 



nexiri di ditto magaseno Io curatolo vitti veniri genti a cavallo chi 
andavano verso H stancii di ditto de Venetiano , undi era lo ditto di 
Lapi : et ditto curatolo dissi ad ipso testimonio : aspetta , non chi an- 
dari che quisto sarra Antonio Venetiano che veni a cavallo et ipso 
testimonio si restao et non chi andao a portar) la ditta serra et sa ipso 
testimonio che in li stancii di ditto de Venetiano chi erano quattro ti- 
stetti di petra li quali lo ditto di Lapi li velia fari portari in ditta sua 
massaria et per haviri venuto ditto de Venetiano non si portare et sa 
ancora ipso testimonio che lo ditto de Lapi li jorna passati pigliao tri 
trava vecchi quali erano intra la casa di la pagla et li misi in una 
stancia a lo suo loco quali ha fatto per gallinaro, et ipso testimonio di 
li ditti travi ni portao uno in collo di li ditti trava : et havi visto ipso 
testimonio chi intro la casa di la pagla et intro la stalla di lo ditto di 
Lapi chi sunne alcuni trava vechi et peczi di trava, di tali sorti di 
trava lo ditto di Lapi non ni ha in ditto so loco et havi visto ipso 
testimonio che in li jaczi di li homini chi su misi alcuni serraticzi et 
altri peczi di ligna vechi et dapoi vitti ipso testimonio veniri in li 
stancii di ditto di Lapi a lo ditto di Lapi con una scala in collo con 
la quali ha via achianato sopra ditti casi et livato ditti canali et serra- 
ticzi et insemi con ditto di Lapi chi venia Io ditto magco de Venetiano 
et soi compagni et ipso testimonio insemi con luseppi altro garczuni di 
ditta roba vedendo lo ditto de Lapi portari la ditta scala in collo, chi 
livaro la ditta scala et la portare a li ditti stancii et lo ditto de Ve- 
netiano stetti per un peczotto in li ditti stancii di ditto de Lapi con 
ditti soi compagni et vitti li ditti canali et serraticzi che ditto de Lapi 
havia carnato et fatto carriari, et da poi sindi andao : et come ditto 
de Venetiano sindi andao lo ditto de Lapi fichi carriarì un altra volta 
da dicti garczuni et muli li ditti serraticzi et canali in ditti stancii di 
ditto magco de Venetiano et quilli chi li misiro illa in terra intro la 
casa di la stalla et cussi chi trasero in ditto loco ancora quelli chi 
haviano arrestato chi non pottiro carriarì : et fatto quisto ditto de Lapi 
cavalcao et sindi andao etc. de causa scientie. 



Digitized by 



Google 



l68 ÀHTOHIO VENEZIANO 



DOCUMENTO XLIV. 

Die XI aprilis, X ind., 1582. 

Quia magcuB Antonius Yenetìano maior penes acta cune cìvìtatifl 
Montis Begalis sub die 18 octobris X ind. 1581 accusavit et reum fé- 
cit Michaelem de Lapi et oomplices quoscumque nominandos de rui- 
tiene murorum et pluria {sic) instantiarum massarìe dicti de Yenetìano 
existentis in pheudo rahalcelsis cum discalatione dictarum etantiarum 
et furto magno lapidum tegularum trabium serratitiorum et totius co- 
pertitii gradarum ferrearum et aliarum rerum existentium intus dictas 
stantias nec non de incisione arborum domesticarum et silvestrium et 
de aliis in dieta accusatione quesitis. 

Idcirco hodie die quo supra prefatus Antonius Yenetiano mihi de 
Lavagi magistro notario cognitus vi presentis predictum Michaelim de 
Lapi accusationis predicte spente liti cessit et cedit volens et mandane 
illam fuisse et esse cassam declarans etiam presentem litiscessionem non 
fecisse vi nec aliqua corruttela sed de ejus mera libera et spontanea 
voluntate et cum juramento etc. linde. 



DOCUMENTO XLV. 

Molto spett, signor guhernatore ddla dia et archiepiscopato de 
Morreale 

Il povero Benedetto Piczo de Monreale si retrova carcerato per una 
acusa contra lui proposta per il magco Antonio Yenetiano de bavere 
pascolato lì cheusi et fatto marcato delle stantie et perchè detto magco 
de Yenetiano mosso a pietà della sua miseria li bave perdonato innante 
lo signore judice : supplica Y. S. molto spett. resti servita ordinare che 
il detto signore judice ordinario proceda di excarceratione. Ut Deus. 

Panormi die 12 januarìi 1581. 



Digitized by 



Google 



ÀÌrroHio vxHifeiANò 169 



Ex parie sp. dom. Gubernatoris 

PresiUo une, decem hdbeat mensetn de red&undo 

Noi. Io. laeobus Lavagi tnag, not 



DOCUMENTO XLVI. 

Testes prò magco Didaco ViUasignora, 

Hon. loseph Greco terre sanctì Marcì testis juratus et interrogatuB 
super infrascriptis dixit scire tantum qualiter lu ditto testimonio stando 
craparo' cum lo detto de ViUasignora, lu detto de ViUasignora mandao 
a detto testimonio et altri garzuni a portarì nello territorio della tor- 
retta crapi novecento cinquanta in circa ad effetto di quelle fare paxiri 
in detto territorio della torretta, et Illa ci paxero per spatio de giorni 
quattro cioè : marti che foro le 11 de settembre, mercori, giovi et ve- 
nerdì la sera. 

Super II cap. dixit qualimenti il venerdì la aera essendo esso testi- 
monio con li altri soi compagni apresso le crapi et quelle quardando 
intro detto territorio de la torretta, et stramuntando il soli, vitti veniri 
in detto territorio ad Antonio de Venetiano , Vincenzo Zirinzi et un 
altro compagno con scopetti et grandissima furia alla via de detto te- 
stimonio et compagni injuriandoli dicendoci: curnuti, caparruni, tristo- 
mini ed altri injurìi, che stasira serra la vostra roina : curnuti, cachiatì 
questi crapi. Et detto testimonio dicendo : avertiti , signuri , che ci su 
cento crapi morti, et facendosi testimonii, et lo detto de Venetiano vi- 
dendo chi lo detto testimonio si fachia testimonii scavalcao et andao 
verso lo detto testimonio cum la spata arrancata per darci, et lu detto 
testimonio si ni fujo acioche non chi dassi : et detto testimonio cum li 
altri garzuni pregandolo humilmenti chi per amor de Idio non li volissi 
molestari stante che era notti et le detti crapi non potiamo iri, perche 
ci erano vanelli strìtti et haveriano potuto andare tra vigne et xari et 
lu detto de Venetiano dicendo alli compagni soi, dati a sti curnuti, 
amaczati quanti crapi potiti , che mi hanno aroinato a venire infra li 
feghi gavitati: et anci per forza detti crapi fichi oachiari da detto te- 



Digitized by 



Google 



1?0 AKtOXiO VBNEZIAKÒ 



siìmonìo et soi compagni et detto de Yenetiano con soi compagni an- 
cora a mmpicoìlo et con grandissima furia et senza pietà alcuna tra 
notti et notti : et le detti crapi perchè non potiano caminare stante che 
era notti et li soi genti a forza di bastonati le fachiano dare et andare 
sforzatamenti; et della somma delle detti crapi 950 ne portare allo 
Parco 400 in circa, et le altre tutte arestaro infra vigne et fraschi 
perchè era di notti chi non potiano caminare, et essendo allo Parco la 
erranteria del detto Parco le fichi carcerari de ordine de detto de Ye- 
netiano. 

Super HI cap. dixit chi per causa de detto de Yenetiano fare stra- 
portare le detti crapi allo Parco sindi persiro fra morti et spersi multa 
quantità stanti che le fachia passari per valli stretti, et in lu portare 
le dette crapi stante chi ci ni erano preni et non potiano camioare ni 
arestaro fra li vigni dove fecero damagio a diversi persuni in la summa 
di onze 3 in circa. 

Super lY cap. dixit qualimenti sa ipso testimonio che le empi co- 
munimenti in questa valli de Mazara si solino et hanno soluto vendere 
et accaptare alla somma de onze 25, piuttosto più che manco. 



DOCUMENTO XLVII. 

Molto Sp. Sig, Gubernatore della citta de Monreale 

11 magnifico Dieco Yillasignora fa intendere a Y. S. molto spetta- 
bile che havendo esso exponenti mandato certi soi crapi con altri par- 
zani in lo territorio della torretta delli territorii del parco a pasciri con 
la fida et la volunta del magnifico Antoni Yeneciano per jomi otto et 
ultra sicome fn fra di loro accordato in presencia di multi testimonii 
et stando detti crapi pascendo con la detta fida et volontà di detto ma- 
gnifico de Yeneciano, ecco che in fra detto tempo di jomi otto il detto 
magnifico de Yeneciano vinni in detto territorio tempore nottis con 
molta comitiva di genti et con armi et scopetti proibiti et abusivo modo 
salva pace cachiao detti crapi con maltrattari li genti et garzuni del 
detto exponenti et quelli trasportao in la erranteria de detto parco senza 
causa et occasioni alcuna de lo che tanto esso exponenti quanto detti 
parzani si ni trovano interessati di molta qualità di li detti crapi fra 



Digitized by 



Google 



ÀXrOViO TIHlZIAlfO ìil 



morti et persi a la Bumma di chento et* giacile esso exponenti omni 
meliori modo pretendi recuperari dal detto de Venetiano lo prezo delli 
detti erapi persi per la colpa et deffetto di quello una cum allatis danni 
spesi et interessi et scripturis vel càusa sua lìquidandnm con reser- 
varsi la actioni criminali innanti a cui spettira conoscerlo con questo 
recorre a V. S. molto spettabile et quella supplica resti servita darli 
judice in detta causa il quale habia a decidere et determinare decta 
petictione summarie et de plano secundum deum et justicìam cum suis 
dependentibus emergentibus et connexis et ita supplicat ut altissimus. 

De La vagì 

Panormi die 22 settembris, XI Ind., 1582. 

Ex parte 8p. Doro. Oubematoris. 

Spectabilis D. Oùtavius Cuffari U, L D, judex ordinarius provideat 
ut convenU. 

Io. lae. Lavagi tnag, notarius. 

Presentata penes acta curie arcbiepiscopatus Mentis Begalis Pa- 
nhormi die II ottobris, XI ind. 1582 de mandato sp. dom. Ottavii Cuf- 
fari judicis citato magco Antonio Venetiano q. per contumaciam incu- 
satam penes acta curie hodie. 



DOCUMENTO XLVHI. 

Die II mensis ottobtHs, XI ind„ 1582. 

Contumacia magci Antonii Venetiano e. f. ad instantiam magci Di- 
daci Villasignora ad presentationem supplicationis in attis magistri no- 
tarii Io. lacobì Lavagi magistri notarli civitatis Mentis Begalis degentis 
in hac urbe Panhormi et ad prosequendam causam in dieta supplicatione 
contentam nec non ad presentationem capitulorum et protestatorum sub- 
eundum terminos dandum et recipiendum testes, producendum iiteras de 
audientia testium emanandum publicandum concludendum coUationem 



Digitized by 



Google 



ìli ÀRtOKiO VEKEZIAiTO 



processus sive scrìpturarum, dicendum et allegandum quìcquid voluerit 
sententiam sive interlocutorìam unam vel plures audiendum et cetera 
necessaria facienda et ad omnes et singulos attus et de citatione qua- 
tenus ad literas responsales datas in ci vitate Aiontis Regalis die XX 
settembrìs, XI ind., 1582. 



DOCUMENTO XLIX. 

Nos Ottavius Cuffari U. I. D. et judex civitatis Mentis Begalis om- 
nibus et singulis officialibus civitatis predicte presentibus etc. cui vel 
quibus presentes presentate fuerint fidelibus regiis dilectis gratiam et 
bonam voluntatem. 

Quia magcus Didacus Villasignora pretendit consequi et recuperare 
a magco Antonio Venetiano pretium certarum craparum deperditarum 
culpa et ocasione ipsius magci de Venetiano una cum omnibus damnis 
interesse et expensis prout continetur in supplicatione decretata per sp. 
don:. Gubernatorem diete civitatis die 22 presentis mensis settembris, 
et quia est opus partis citatione; ideo tenore presentium vobis et vestrum 
cuilibet dicimus et mittimus et expresse raandamus quatenus per aliquem 
vestre curie servientem requirere et citare debeatis et per quos decet 
faciatis ad instantiam dicti magci Didaci seu alicujus persone prò eo 
comparentis sive procurantis predictum magcum Antonium Venetiano 
ad presentacionem predicte supplicationis in actis magci not. Io. lacobi 
Lavagi magri not. predicte civitatis degentis in hac civitate Panhormi 
et de prosequenda coram nobis predicta causa in dieta supplicatione 
contenta, nec non ad presentacionem capitulorum et protestatorum sub- 
eundum terminos, dandum et recipiendum testes, producendum literas de 
audientia testium, emanandum, publicandum, concludendum collactionem 
processus sive scripturarum dicendum et allegandum quicquid voluerit 
sententiam sive interlocutorìam unam vel plures , audiendum et cetera 
necessaria facienduiti et ad omnes et singulos actus etsi non fecerit co- 
piam sui eum citabitis per affìxionem in valvis janue ejus solite habi- 
tacionis et in quarto post citationem ipsam peremptorie legitime respon- 
surus comparere debeat super premissis coram nobis et diete magro 
notano et quicquid per vos aotum et gestum extiterit vestris responsa- 



Digitized by 



Google 



▲irroNio YSNiKiAiro 178 



libus literis ad nos transmittere curabitìs et premisBa cum effectu exe- 
quamini sub pena une. 100 herario curie aplicanda. 

Datum Panhormi die 24 settembris, XI ìnd., 1582. 



Gnffari 
Not. Io. lacobus Lavagi 
magister notarìus. 



DOCUMENTO L. 

MuUum spectahilis domine de Cuffari 

Dominationi Yestrae spectabili ezponitur ex parte mag. Antonii Ve- 
netiani majorìs non animo tamen consentiendi etc. Cum sit quod die 
XXnn preeentis quidam magcus Didacue de Villasignora obtinuerit a 
Dom. Y. S. certas invalidas et nullas litteras citatoriales assorte pre- 
tense pretensionis certarum pretensarum caprarum ; in quibus litteris 
legitur quod illas Dominatio Yestra fecit uti Judex civitatis Mentis Re- 
galie : et fuerunt directae offìcialibus civitatis predictae : fuerunt quoque 
subscriptae manu magci Io. lacobi Lavagi pretensi magri notarii. linde 
nulli dubium est quod ex pluribus capitibus assertae nullae litterae de- 
bent retractari. 

Et primo D. Y. S. illas trasmisit uti Index ordinarius : hoc videtur 
tendere centra priyilegia, salva pace, quoniam judex ordinarius residen- 
tiam facere debet in civitate Mentis Begalis prout alii sui predecessores 
fecerunt ad effectum non extrabendi cives a domicilio et origine eorum. 

2"" non potest predictus magister notarius Io. lacobus Lavagi sub- 
scrìbere predictas litteras salva pace quia suum non est et hoc compe- 
tit magco notarlo Petro de Yienna magistro notario ordinario Mentis 
Regalie et eo non existente magistro notario predictae litterae corruunt: 
per consequens debent retractari. 

3"* si pars ad versa pretendit pretensas litteras fuisse subsorìptas per 
D. Y. S. tamquam per judicem delegatum videtur quoque tendere hoc 
centra privilegia, salva pace, quandoquidcm primum judicium centra 
civem civitatis Mentis Regalie agitatur coram judice ordinario in eadem 
civitate commorante, et minime predictus magcus de Lavagi in predicto 



Digitized by 



Google 



174 AHTOVIO TBNBZIAVO 



casu potest esse magìster notarìas. Obstat in hoc consuetndo Panhor- 
mitana numero S"* observata in ipsa civitate Mentis Begalis et sub qua 
vivitur. 

4" si predictae litterae sunt ezaratae tamquam a judice appellationis 
Mentis Begalis in hoc pars adversa se fundat in aere quandoquidem 
nulla extat interlocutoria neque sententia primi judicis. Intantum quod 
nulli dubium est ex juribus superius alligatis et aliis suo die alligandis 
eodem modo prout assertae litterae exaratae fuerunt ad instantiam dicti 
magci do Yillasignora. Ita etiam et simili modo prò seryanda equalitate 
ad instantiam magci de Venetiano exponitur esse retractandas. Supplicat 
propterea D. V« S. qnatenus placeat et dignetur centra ipsum magcum 
exponentem ad actum aliquem non procedere pretense petitionis dicti 
magci de Vìllasignora. Et si forte ex parto adversa pretenderetur con- 
trari um aut quomodocumque sit ; placeat in primis et ante omnia hunc 
articulum in scriptis decìdere per interlocutoriam separatam et non per 
prorsessum ad ulteriora : alias protestatur sibi de licitis et permissis 
a jure protestari et dixit et dicit omnia acta facta vel facienda nulla 
nullitate promptuaria remediis sibi ex forma juris competentibus. Et ab 
eis et unoquoque ipsorum tam via gravaminis recursus nuUitatis appel- 
lationis quam omni alio meliori modo appellavit et appellat ad superio- 
rem ad quem spectat, offerens etc. — Unde ut in futurum appareat facta 
est presens supplicatio hodie die XXVIII septembris , XI ind. , 1582, 
suis die loco et tempore valitura. 

Presentata penes acta curie civitatis Mentis Regalia die XXVIII 
septembris, XI ind., 1582 de mandato spectabilis dom. ludicis ordinarii 
citato magco Didaco Vìllasignora q. ad fìdem magci magri notarii de- 
gentis in urbe f. Panhormi. 



DOCUMENTO LI. 

Molto speli, Sig. Gubematore de Morreale 

Il magco Dieco Vìllasignora fa intendere a V. S. molto spettabile 
che ha vendo esso exponente un altra volta supplicatolo sopra una sua 
pretensione di certe capre aeu prezzo di quelle una cum tutti danni spisi 



Digitized by 



Google 



▲HTOVIO VENBZIAHO 178 



et interesse contra il magco Antonio Veneziano li dovessi fare comple- 
mento di justizia et in dorso di ditta supplicatione V. S. molto spetta- 
bili misi detta causa al spett. Ottavio Guffari et hayendo oitato al detto 
de Yenetiano che dovesse comparire et dire suoi ragioni innanti detto 
signor Cuffari. Il detto de Veneziano per travagliare et calumniare al 
detto exponenti salva ejus pace li have tentato un articulo cum dire 
che ditta causa si dive agitari innante lo judice et mastro notare della 
ditta citta de Morreale et non in questa citta di Palermo. Il che di- 
mostra grandimente volere diffugìre il termino della justitia et haven- 
dosi mandato li scripture prò et contra innante il detto signor de Cuffari 
circa la decisione de ditto articulo il detto spett. de Cuffari disse che 
in quanto al mastro notare non fusse competente ma ohe si dovessi 
fare innante il mastro notare degente in detta citta o che da Y. S. 
molto spett. si commettissi expressamente al mastro notare degente in 
questa citta poiché e uno et idem magistrato non obstante li pretensi 
privilegii allegati per il detto de Yenetiano. Et poiché sa esso expo- 
nente li verria gran travaglio andari et venire ogni giorno da Palermo 
a Morreale et non potrìa attendire ad domandare sua justicia, per questo 
esso exponente recnrre a Y. S. molto spett. et quella supplica resti 
servita provedere et comandare che non obstante li pretensi frivoli ra- 
giuni allegati per il detto de Yenetiano in la presenti causa sia mastro 
notaro il magnifico notare Io. lacobo Lavagi in loco del mastro notaro 
ordinario della citta di Morreale; tanto più che essendo il spettabile 
de Cuffari in Palermo il detto mastro notaro è di giusto ohe sia in 
Palermo. Ut altissimus. 

Panhormi die 26 ottobris, XI ìnd., 1582. 

Ex parte spect. Domini Gubematorìs. 

Mageus magister notariua Montis Regalie eit magieter notaritte et 
epect. dom. OitavitM Cuffari judex uti judex ordinarius eiantibus privi" 
legiis Montie Regalie et quod in captura teetium recipiendorum hie Pa- 
narmi dittua magister notarius Montis Regalie fadat prò ipaa eausa 
aliquem commissarium hie Panormi ad redpiendos testes. 



De Latagi mag. nat. 



Digitized by 



Google 



176 ÀHTOVIO VIREZIANO 



DOCUMENTO LIL 

MuUo magnifico et Revdo signor D, Giuseppe De Giraci 
Vice Vicario della citta di Monreale, 

Antonio Venetìano majore figlio et universale herede del quondam 
magco Antonio Yenetiano dice a Y. S. Bevda che a di YI di Bettembre 
proxime passato ottinni iniunctione penale contra li rettori della confra- 
ternita di santo Yito di questa citta di ordine del spett. et Bevdo signor 
Yicario generale che fra quattro giorni havessiro di ricopriri et reducire 
ad pristinum il damuso et tetto della cappella del supplicante hoggi li 
pervi nni a noticia che detto spett. et Revdo signor Yicario a di sette 
di detto mese fece fare atto et misi la lettera P. (sì tal nome si me- 
rita come non si crede) per la forma della pragmatica non si potia 
mettere nisi causa cognita per virtù di scripture mandate ad effetto et 
la parte notificata et essendo stata misa finalmente incitato ex parte 
cosi ancora et eodem modo si deve levare et la asserta citatione et 
presentacione di capituli fatta a di XYIIII del presente per li detti 
rettori non subsiste et fu et e' nulla per diverse ragioni die suo etc. 
Et supra quelli si può fare nissuna productione di testimonii et si quid 
forte si facesse il supplicante non consentio ne consente et pretende 
che detta lettera P si habbitf a levare di quel modo che fu misa. Per- 
tanto supplica Y. S. Bevda sia servita ordinare et comandare al magco 
mastro notare et suoi commissarii che non habbiano ne debbiano rice- 
vere testimonii sopra detto capitolo presentato per essi rettori et che 
r asserta lettera P. sì cancella et ritratta altramente facendosi come 
non si crede da un tanto religioso huomo et giustificato, il supplicante 
si protesto et protesta di tutte quelle coiii liciti et chi per la liggì ci 
sono permesse protestarsi et della nullità di tutti atti et testimonii fatti 
et da farsi et di quelli et di qualsivoglia di essi ne appellao et appella 
al superiore a cui spetta offerendo etc. Et accioche ogni tempo da ve- 
nire possa apparerò ha fatto la sua presente supplicatione hoggi a 20 
di ottobre, XI ind., 1582, la quale habbia di valere al suo giorno loco 
et tempo. Unde 

Presentata penes acta curie civitatis Mentis Begalis die XX ottobris, 



Digitized by 



Google 



Àirrovio Timisuvo 177 



XI ind., 1582 de mandato Bevdì dom. loseph de Giracio vice vicari! 
citatis rettoribus confraternitatis ven. ecclesie sancii Viti quatenns eie. 
per Michaelem Baifa curie servientem. 



DOCUMENTO LUI. 

Die nono januarii, XI ind., 1583. 

Mag. Anionius quondam magci Antonìi Venetiano de Panormo ad 
presene habitator huius civitatis Mentis Begalìs cognitus coram nobìs 
spente locavit ingabellavit et arrendavit ao locai ingabellai et arrendat 
et ipsarum iitnlo habere licere concessìi et concedit magco Petro Arca- 
baxo ejus nepoii ad presens reperto in bac civitate cognito stipulanti 
ac conducenti et predictis ingabellaiionis et arrendamenti titulis reci- 
pienti totam integram et indeminutam partem poriionem et quotam ipsi 
magco Antonio competentem omnium et singulorum bonorum immobilinm 
urbanonim feudalium rusticanorum burgensaticorum , reddituum jurìum 
censualium et actiouum quorumcunque nomìnum debitorum et per sese 
moventium ubique existentium et melius apparentium iam hereditarionim 
quorumcunque, quam proprìorum et proprio jure acquisiiorum ad ipsum 
magcnm Antonium spectantium ei pertinentiuro quocumque jure titulo 
ratione sen causa per contractus ei scriptuyis publicas prìvaias et sino, 
quecumque et qualiacumque una cum eorum juribus fructibus et omni 
causa franca libera et expedita ab omni census onere et obligatione ei 
servitute qualibet facto et computo ipsius magci Antonii proprio suo 
nomine et cum omnibus debiiis censibus et graviciis super eis forte 
existeniibus et debiiis hereditariis nominibus quondam magci Antonii 
et quondam magci ei Bevdi D. Antonini Yeneiiano ac hereditariis no- 
minibus magcorum dom. Ioannis ei Consiancie Sansoprano ei Venetiano, 
jugalium ; et magcarum sororum Yirgineae' et Mariae Venetiano ejus 
Bororum vigore et juxia formam publicorum coniraciuum ei scripturarum 
publicarum privaiarum et sino, quomodocumque et qualitercumque. 

Tota integra et indeminuia cum omnibus ei singulis eorum juribus 
uiilibus ei direciis decimis ei ierragiis jusiiciis ei justis ei legitimis per- 
tineniiis suis^ aciionibus ei singulis aliis ad dicias res omnes et singulas 
arrendaias specianiibus ac forte quomodolibet pertineniibus. Ei consiituit 
supra dicius magcus Anionius locator ei arrendaior nomine magci ipsiua 

Arék. 8kH^. Se. N. B. anno XEL 12 



Digitized by 



Google 



178 Ainoino vonoAHo 



Petri stipulantis conductorìs et arrendatarii dictas rea omnes et singulaa 
aupra iogabellataa et arrendatas cum predictis eonim juribas fructibiu 
et eorum caussa a primo die mensis septembris anni XII ind. 1583 
prox. futuri in antea et a primo etiam die mensis septembris prox. pre- 
teriti XI ind. instantis in antea per constitutum tenere et possidere 
presenti locatione durante ad babendum a primo die mensis septembris 
prox. elapsi XI ind. instantis et prò aliis annis quinque integris con- 
tinuis et completis cursuris a primo die mensb septembris anni XII ind. 
prox futuri predicti in antea, scìlicet anno presenti XI ind. et aliis annis 
quinque integris et completis prox. futur. scilicet XU, XIII, XIIU, XV 
et prime ind. prox. fut. et sequentium inclusive tenendum possidendum 
usifruendum gaudendum conciandum et cultivandum et de eis disponen- 
dum presenti locatione perdurante prout quilibet verus dominus patro- 
nus omni prorsus condictione cessante et non aliter nec alio modo prò 
gabella loberlo et arrendamento infrascriptis videlicet: prò anno pre- 
senti XI ind. absque alia gabella et pensione sed tantum et dnmtaxat 
cum onere solvendi infrascripta debita census et interusuria per modum 
ut infra et prò aliis annis quinque prox. fut. a primo septembris XII 
ind. predicte prox. sequentis in antea ad rationem une. viginti quolibet 
anno predicti quinquennii francas ipsi magco Antonio Venetiano stipu- 
lanti de juribus censualibus debitis et redditibus annualibus super ipsis 
bonis omnibus et singulis supra arrendatis existentibus et debitis vigore 
quorumvis contractuum et scripturarum quomodocumque et qualitercum- 
que ; quas uncias viginti predictus magcus Petrus dare et solvere prout 
sequitur obligavit et obligat ipsi magco Antonio locatori stipulanti vel 
persone prò eo legitime primo die septembris cujuslibet anni predicti 
quinquennii incipiendo solvere primo die septembris anni XIII, prox. 
fut. et sic de anno ip annum quolibet anno predicto quinquennio per- 
durante continuare perseverare et solvere in pecunia numerata vel in 
civitate Pisarum partium Italie vel alibi ad electionem et voluntatem 
predicti magci Antonii stipulantis in scriptis faciendam ad beneplacitum 
et libitum velie ipsius magci Antonii stipulantis ; qua electione non 
facta quolibet anno predicti quinquennii habeat et debeat solvere in 
predicta civitate Pisarum risico et periculo predicti magci Petri et non 
aliter in pace. 

Ex actis meii Nat. Antonini De Agra» 



Digitized by 



Google 



▲HTOHio TiiraziAiro 179 



DOCUMENTO LIV. 

In civiiate Montis Regalia die XXI augusti, XI tnd., 1583. 

Relatio magci Martini la Gannita magistrì Notarli magnificorum D. 
Praetorum et luratorum civitatis Montis Begalis facta cnm juramento 
super infrascriptis et toto facto talis est, qnaliter hogi ad bara innanti 
vespri essendo ipso testimonio intro la casa di la citta dove si solino 
fari li consigli di detta citta ìnsemi con li magci signuri Francesco 
Romeo preturi, et Hieronimo Aczolìno sindico di detta citta et tutti tri 
insemi mettiano et scriviano la rubrica et proposta di lo consiglio si 
havia di teniri circa la compra di li frumenti in quisto vinni in ditta 
casa di la città lo magco Antonio Yenetiano majuri et videndo che ditti 
magci mettiano in forma detta rubrica et proposta dissi fere bec verba: 
perche lo signor Geronimo fa questi rubrichi et proposti di consiglio 
cum sit che esso è sindico di li officiali et divirrìa esseri in fagnri di 
la citta et quum dicia ditti pareli stava voltato verso ditto magco pre- 
turìy lo quali ditto magco preturi li respusi et li dissi a detto di Ye- 
netiano : sediti ai vostro loco perche non siti chiamato per questo ne 
questo vi competixi, et quum vi tocchira dari il vostro voto, lo darreti; 
et ditto magco di Yenetiano replicao: anci mi competixi, et mi mara- 
viglio del signor Martino che e mastro notaro et fa officio di scrivano 
et con questo si ni andao et da poi di Illa ad un pezzo tornao in detta 
casa di la citta undi ci erano multi genti per farsi lo detto consiglio 
et di novo tornao a repigliarsi di pareli con detto signor pretori per li 
cosi scritti, undi ci foro multi paroli et gridati et li genti che erano 
illa si misiro in disturbo et fu bisogno che alcuni si intromittisairo et 
remediassiro : et bec est ejus relatio facta cum juramento. 



DOCUMENTO LV. 

In civiiate Maniia Regalis die XXI augusti, XI ind,, 1583, 

Belatio magci not. Yincentii Puncigliuni jurati civitatis Montis Be- 
galis facia cum juramento saper toto facto et infrascriptis, talis est ut 



Digitized by 



Google 



180 ÀHT0510 vnmziASo 



infra, qualiter hogi innanti vespri andando ipso magco relaturì per 
fare recogliri li genti per farli andari a lo consiglio che si velia fari 
per r accattito di li frumenti per la citta, innanti la bucchiria trovao 
-a li magci loseppi Lu Munti jurato ^t Ioanni Sansoprano insemi a lo 
magco Antonio Yenetiano roajuri che parlavano et intisi in lo discurso 
di lo parlari che fachiano, che ditto magco di Veneziano cosi colerico 
parlava et dicia a lo diete magco di lo Munti: ci su quattrocenta di 
la strafa et centu di lo medicu ; di questi non si ponnu accattari li fru- 
menti? perche si sparagnono? et cussi ipso magco relaturi scurrendo 
più insusu vitti (poi che si agirao) a ditti magci di lo Munti et 8an- 
suprano che lassare a ditto magco di Yenetiano et calavano injusu et 
chi poi ipso magco relaturi andao in la casa di la citta et illa trovao 
a ditto magco di Yenetiano et multi altri genti che si erano congregati 
per fari detto consiglio, lo quali magco di Yenetiano si contrastava di 
paroli con lo magco preturi : a lo magco di Yenetiano lo magco pre- 
turi li dicia che si assettassi a so loco, et corno ci toccava havissi 
detto il suo parere: et cossi si dibattiano di paroli et per tal causa 
devinniro a multi gridati et tumulti et si misiro in mezo multi genti et 
remediaro et ditto magco de Yenetiano si ni andao ; et hec est ejus re- 
latio facta cum juramento. 



DOCUMENTO LYI. 

Nos Don Ioannes De Aquino imperialis miles et regius consiliarius 
ac Locumtenens suae Begiae et catholicae Majestatis in officio conser- 
vatoris Begii Patrimonii hujus siciliae Regni etc. 

Magnifico Antonio Yenetiano de civitate Mentis Begalis amico nostro. 

Cum sit ad praesens reperitur nominatus et creatus Proconservator 
in dieta civitate Mentis Regalia mag. Franciscus Benaldus, qui oh ejus 
propria negotia non residet in praedicta civitate Montis Regalis, et ne 
hac ex causa servitium praefatae Regiae Majestatis et suae R. Curiae 
detrimentum patiatur necesse est de inf. 

Quapropter cum nobis atque officio nostro R. Conservatoris hujus 
Regni Siciliae incumbat provisionem de personis quae in civitatibus et 
terris dicti regni vices nostras gerant in aliis quae ad augendum non 
modo tuendum et conservandum R. Patrimonium saepe ac saepìus oc- 
Qurrunt: puta: intervenciones et resignationes militum tam equitom, tam 



Digitized by 



Google 



Àjtoirio ySNE2iiAHò iSi 



pedestrium , tam veteris quam novae militìae servitii milìtaris cum oc- 
casio fortasse afferai se conferre in ipsam civitatem in vendicionibus 
seu emptionibus aliquorum vittualium regiae curìae pertinentium; in lo- 
cationibus feudorum tam ordinarie quam per decadencias fìscales eidem 
E. Gurìae expectantium, in subastationibus oxpoliorum, praelatorum, aba- 
tiarum, priorum , vel aliorum beneficialium , fructuum atque reddituum, 
in arrendamentis feudorum gabellarum, nemorum agrorum et aliorum 
quorumcumque per mortem praedictorum praelatorum ad B. Curiam de- 
venienti um: in effoditionibus tbesauri et interventione conferendae quo- 
libet mense detinende de causis fisca] ibus quovis modo regio fisco tan- 
gentium cum magnifìcis capitanoo judici et fiscali seu herario in quibus 
omnibus et aliis quamplurimis obsequium non modicum sua Catholica 
Majestas a vobis exigere poterit. Confisi igitur admodum de vostra suf- 
ficicntia , integritate et virtute auctoritate qua fungimur vos eumdem 
mag. Antonium Venetianum in officio Procouservatoris in ipsa ci vitate 
Mentis Begalis croamus deputamus et in exercitio omnium praedictorum 
praeficimus et subrogamus cum omnibus honoribus, immuni tatibus et 
exemptionibus quibus ceteri Proconservatores in aliis civitatibus et terris 
hujus fedelissimi Begni gaudent et fruuntur, durante tamen beneplacito 
nostro et tempore quo dictus mag. Franciscus Bonaldus absentiam faciet 
a dieta civitate Moatis Begalis et in ea non habitaverit cum ejus domo 
et familia. 



Datum Panormi die primo Februarii 1585. 



Don Io, De Aquino R, Loeumtenens 
in officio conservatori» 



DOCUMENTO LVH. 

lìlmo et Exmo Signore 

Antonio Veneziani maggiore causò executione al magco Pietro Ar- 
cabaxo e consorti in onc. 9 per la corte di Monreale comò a suo ga- 
belloto. II quale di Arcabaxo per fastidire il supplicante ha presentato 
in detta corte certe oppositioni vacanti. Supplica pertanto V. E. resti 



Digitized by 



Google 



l82 ANtOÌrlO VBNB2Ì1AN0 



servita ordinare che il Giudice ordinario di Monreale statim provideat 
super reiectione oppositionum. Ut Deus. 

Panormi XVI dicembrìs, XIIII ind. 1585. 

Ex parte Exciae Suae 
ludex in causa videat opposUionea et statim provideat 

Angelus Maglia secr, et referendarius 



DOCUMENTO LVm. 

Illmo Sig. Governatore della città 
et Arcivescovado di Monreale 

Antonio Veneziani maggiore ha certa lite col magco Pietro Arca- 
baxo e gli importa fare il più presto che sia possibile rejectare certe 
frivole opposizioni per detto di Arcabazo. Lo exponenti supplica Y. 8. 
lUma resti servita concederli altro giudice, che l'ordinario, che sia meno 
occupato e possa più presto fra loro diffinire. Ut Deus etc. 

In urbe fel. Panormi die XXI maji, XIII ind. 1586. 

Ex parte Blmi Dom. Oubernatoris 
Speet. Dom. Faulus lotta U» L D. sit ludex in causa. 

Io. Vincentius Lombardus m. not. 



DOCUMENTO LIX. 



Multum spettabilis Domine ludex in causa 



Sciat dominatio Vostra multum sp. qualiter annis preteritis Antonius 
Venetiani major arrendaverit omnia ejus bona magco Petro Arcabaxo 
prò certo pretio et cum oneribus inter eos accordatis. Et inter alia onera 
dictua de Arcabazua se obligaverit solvere heredibus de Bisaia uno. de* 



Digitized by 



Google 



Alrroino v<Kg2tAKo 188 



cem annnales. Et licet per contractam in actis quondam not. Antonini 
de Agra die Villi lanuarii, XI ind. 1582 legatur quod dictus de Arca- 
baxo teneatur exigere €t solvere dictas pecunias; ad cautelam dictus de 
Yenetiani volens cum eodem de Arcabaxo se bene gerere, per quamdam 
ejns cedulam notìficatoriam et prout in ea receptam XVI aprilis per cu- 
riam notificavit qualiter dicti heredes de Bisaza per M. B. G. se direxe- 
runt contra ipsum dom. de Yenetiani , illumque coacte ad prestandam 
fidejussionem compulerunt die XYIII aprilis prox. pret. ut in actis M. 
B. C. apparet. Qua notificatione stante predictus de Arcabaxo non cu- 
ravit solvere predictis heredibus dictas pecunias: et sic ut ipse de Ar- 
cabaxo solvat et dictae pecuniae solvondae convertantur in solutionem 
faciendam dictis de Bisaza de eis in actis curie Montis Begalis Y pre- 
sentis mensis maji executionom exercuit. Qui de Arcabaxo adimplevit 
per fidejussionem in quindena. Infra quam nuUiter se opposuit et fri- 
Yolas presentavit oppositiones: in quibus nullum adest capitulum proba- 
torium et de jure debent rejici per capitulum: Cum appellationibus fri- 
volis etc. Quibus stantibus prò celeri expedi tiene supplicantis fuit lUmo 
Domino Gubernatorì supplicatum quod placeret in causa ipsa alium no- 
minare judicem stantibus diversis negociis judicis ordinarii et aliis die 
suo etc. Qui doro. Gubernator ad supplicationem ejus Dominationem 
Yestram multum spett. in judicem elegit, coram quo comparuit et dic- 
tam supplicationem presentavit ad fundandam jurisditionem parte citata. 
Et ut citius expediatur caussa, supplicavit Exciam Suam et per man- 
datura Yiceregium fuit Dominationi Yestrae multum spett. commissum: 
Et statim provideat super Bejiectione oppositionum: qua mandatum fuit 
quoque presentatum et facta iniunctio procuratori adversarii , ut infra 
dies duos compareat ad dicendum quicquid voluerit. 

Mittantur presentes scripture in vim incartamenti stante principia 
commissione: et Dominationi Yestre multum spett. supplicatur potendo: 
Bejectionem assertarum oppositionum luribus supradictis et aliis melius 
die suo etc. Et ita petit isto et omni alio meliori modo remedio judicis 
oflf. etc. Unde etc. 



Digitized by 



Google 



184 ÀKTONIO VMEZtJLM 



DOCUMENTO LX. 

lUmo Sig, Governatore della cita di Morreale 

Lo magco Pietro Arcabaxo dice a Y. S. Illma che fu contra esso et 
in favore del magco Antonio Venetiano majore lata nulliter una assorta 
interlocutoria per la corte di lo primo luditio di ditta cita et per lo 
spett. di Giotta judichi dato in causa etc. in la causa oppositoria infra 
loro yertente in primo articulo per la quali fu ditto * rejiciantur , dala 
quali sentendosi gravato, quella dissi et dichi nulla , et si alcuna cosa 
fussi da quella appellao et appella et perche quella pretendi fare rovo- 
cari seu annoUari supplica V. S. Illma resti servita darli judici in ditta 
causa di nullità seu appellationi, dottore virtuoso a nexuna delli parti 
suspetto^ il quali decida de justitia ditta causa et proferisca sua inter- 
locutoria seu sententia una seu più, et quella seu quelli exequisca et 
facza exequiri una cum dependentibus emergentibus et connexis et 
cum potestate inibendi. Ut altissimus. 

In urbe fel. Panormi Xm lunii, XIIII ind., 1586. 

Ex parte Illmi dom. Oubematoris 
Speet, D. Flatninius Pahnula U, L D. sit judex in causa 

Io. VincentiuB Lomhardus m. noU 



DOCUMENTO LXI. 

lUmo et Ecctno Signore 

Antonio Venetiani trovandosi scritto per plegio di Vincenza Caloyro 
in une. cinque in quindena prestata già erano sette anni ad instantia 
di mastro Paulo Cannavate per non andare carcerato o non pagare 
quello che non doveva fece con detto di Cannavali atto di pagare fra 
certo tempo il debito preteso quando non fusse stato satisfatto. Il quale 
di Cannavale riconoscendo la verità dola cosa e che era stato pagato 
non strinse mai detto di Venetiani. Ultimamente venuto a morte , gli 



Digitized by 



Google 



Àxfoìnù viniùstÀKÀ làs 



heredi non avendo cera di comparire e domandare quello che non hanno 
da havere cessero il preteso debito nulliter a mastro Menico Morello , 
non curando che sìa stato pagato. Supplica l'esponente V. E. resti ser- 
vita, poiché esso ha prove manifeste del pagamento , ordinare che il 
giudice a cui tocca proveda attesa la realtà del negozio. E non per- 
metta che per modi clandestini due volte sia collusivamente riscosso un 
debito pagato. Ut Deus etc. 

De Marchesio 

Panormi XIIII Dicembris, Xim Ind. 1585. 

Ex parte Excie Sue 
ludex ad quem spedai provideat attenta realitate et peritate negotii. 

Antoninus de Marchisio 
prò reg, locumtenente in off. 



DOCUMENTO LXIL 

Die 19 novembriSf X Ind, 1581. 

Magnificus Antonius Yenetianus quondam magci Antonii hujus cìvi- 
tatis Mentis Begalis cognitus coram nobis tam proprio suo nomine, 
quam nomine et prò patte magcae Allegrantiae Yenetiano haeredis uni- 
versalis quondam magci Nicolai Yenetiano etc. emphiteuticavit et prò 
censu tarenorum decem rendalium licere habere concessit hon. Bartho- 
lomaeo Birritta ejus concivi recipienti petium unum terreni, seu locum 
domus cannarum trium de quatro sìtum et positum in hac civitate Mentis 
Begalis in loco dicti magci Antonii, qui fuit quondam magci et revdi 
Don Antonini Yenetiano ejus olim patrui in quarterie virìdarii curìae, 
secus domum ipsius Bartholomael ex una parte et secus murum dicti 
loci, stratam publicam etc. Yerum quod dictus de Birritta nec sui non 
possint nec pacto aliquo valeant in diete frustro terreni seu loco domus 
facere vel fieri facere aliquas aperturas, portas, surracas, nec spanden- 
tia aut astraca discoperta ex parte conrespondente intus dictam locum 
de pacto. Insuper dictus de Birritta solvere promisit praedicto magco 
de Yenetiano stipulanti une. unam et tar. tres p. g. in pecunia in hac 
civitate M. B. per totum mensem januarì anni praeaentis in pace. 

Ex actis noi. Ioaephi D^ Amico Mont. Seg. 



Digitized by 



Google 



186 AKtOKlO VlMlZUKO 



Si noti che nella colonnetta marginalo di questo contratto e di ca- 
rattere dello stesso notare d'Amico si trovano scritte le seguenti parole: 
■ Hic Antonius Venetianus fuit inter Poetas maximus , intendens om- 
nium scientiarum, . 



DOCUMENTO LXIH. 

Alexander etc. 

Nos Petrus De Niculosio lustitiarìus et Gapitaneus civitatis et Ar- 
chiepiscopatus Mentis Begalis multum spectabili domino lustitiario et 
Capitarne fel. ur. panormi *ejusque excellenti domino ludici et asses- 
sori cui vel quibus presentes presentate fuerint aut quomodolibet per- 
venerint amicis nostris carissimis et quamplurimnm observandissimis. 

Quia per curiam capitanealem D. V. Sp. et Exctis fuit accusatus et 
bannitus magnificus Antonius seu Antoninus de Venetiano de dieta ci- 
vitate Montis Begalis ad instanciam magce et Bevde sororis Eufrigenie 
de Diana monialis tercii ordinis Sacti Dominici accusantis eum de furto 
magno certarum raubarum ad summam une. quinque et de raptu Fran- 
ciscelle Purretta famulo diete magci (sic) accusatricis et de aliis prout 
in ipsa accusationo et banno predicto promulgato die XXI" augusti proxi- 
mi preteriti: et stante quod dictus magnificus de Venetiano fuit et est 
vere civis oriundus civitatis predicte mon. reg. se presentavit coram 
nobis tamquam judice competente et de mandato nostro constitit in curia 
nostra de une. decem de retinendo civitatem predictam montis regalia 
et miliaria decem circum circa prò carcere et purgavit bannum predic- 
tum et stantibus amplis&imis et notoriis privilegiis civitatis et archie- 
piscopatu i predicte non possint cognosci nec cives nec burgenses ipsius 
civitatis nisi per Illmum et Bevmum D. Archiepiscopum diete civitatis 
ejusque officiales propterea prò tui tiene dictorum amplissimorum privi- 
legiorum ejusdem civitatis et archiepiscopatus mon. reg. de quibus D. 
y. multum et Sp. et Exctis habent conscientiam informatam rogamus 
D. Y. multum sp. et excti quatenus placeat previdero et mandare ban- 
num predictum stante presentacione predicta coram nobis facta et fi- 
dejussione predicta prestata de mandato nostro et purgatione dicti banni 
et si forte dieta magca et revda accusatrix aliquid contra eundem de 
Venetiano pretenderet comparere debeat coram nobis et fiat ei josticie 
complementam, et si forte contra ipsam magnum de Venetiano aocasa- 



Digitized by 



Google 



ANTONIO VBNBttAiro l8? 



tum supra dieta accusatione essent capta informatìonea iterum rogamus 
D. V. multum sp. et excti quatenus ipsas clausas et sigillatas, ut morìs 
est, ad nos trasmittere dignemini. Nil aliud nisi nos in similibus et majo- 
ribas per D. Vestras multum sp. et excte» promptos offerimus. 

Datum in civitate Mentis Begalis die III settembris, II Ind. 1573. 

Ad grata D. V. multum spett. et exctis paratus. 

Petrus de NietUosio capitanua. 



DOCUMENTO LXIV. 

Al tnagco Sig, mio osatno (1) 

Lessi certi frammezzi che reccelleuza del sig. Viceré diede al nostro 
sig. D. Francesco senza sapere di chi siano, e vi confesso che mi fe- 
cero alzar i capelli e tremar tutta la vita, per vedere in quelli una 
sfacciatissima ignoranza. E dovendo venire in mano dell' Eccza del si- 
gnor Duca N. S. a cui spetta la eletione, e consequentemente di V. S. 
come suo secretario, mi ha paruto prima avvisarla, acciò si provegga 
di contraveleni et non si lasci da loro amorbare et apestare. 

Uno era scritto in forma grande, dì assai bel carattere, però fur- 
bescamente rubato dal mio, e disgratiatamente applicato ad una pre- 
suntuosa adulatione. Questo era la Maestà la quale veniva ad adorare 
la Ecc. et haveva attorno le virtù cardinali, le teologali, le morali, le 
acquistate, le infuse ecc. 

E di più un mondo di putti con banderuole in mano che havevano 
da cantare ^ Osanna filio David „ come i fanciulli ebrei; la domenica 
delle palme. Intronai perchè nò S. Eccza patirà che per sua modestia 
il titolo nei stati di re di Spagna patron nostro, pertinente a lui solo, 
se le dia; nò persona del suo dominio per leccabrodo che sia vorrà 
mostrarsi si chiaramente adulairice al sig. Marcantonio che togliendo 



(1) Estratto da un volume ms. della Comunale di Palermo ai segni 2 Qq, 
0,84, 



Digitized by 



Google 



isè lilTOltlO VBlrE2IAtrÒ 



al suo re dia al Viceré. Oltreché non ci è invenzione, non ci è leggia- 
dria non ci è vaghezza ninna. 

Aggiungavi V. S. di più che al fine vuole l'autore che dall'aria ca- 
schino fiori e cose, come si fa in Palermo il giorno della Palombella (1), 
e credo che insino a galli d'India voglia che si gettino e papaveri por 
honorare più la festa. 

Gli altri erano scritti in quarto di mano che molto imitava il Cresci, 
ed havevano parole molto profumale. Cinque erano in una schiera e il 
resto sopraggiunse poi: il primo alla cascata delle cortine era assai 
bello e vi dico che era bello^ bellissimo. Ma non intermedio il carat- 
tere. Si trattava che voleva il trovatore tutto il cielo in terra, pianeti, 
segni e stelle, et insomma imaginatevi il finimondo et il giorno del 
giudizio. Questo voleva che facessero una festiaa delli dodici segni at- 
torno la colonna e poi rapita la colonna la portassero in cielo^ e la 
stellificassero finita la festa e cqUo il palio. Questo intermedio lo feci 
io nella Bertuccia ad unguem, che fu una comedia la quale si recitò 
nella corte del Pretore , et all' hora perchè havevamo una certa ragu- 
nanza di dodici amici di sapere che ci chiamavano gli opportuni e fa- 
cevamo per impresa lo zodiaco; là sulla scena li dodici segni fecero di 
se stessi festina all'arme del Duca di Terranova e poi le portaro in 
cielo, come sa tutto Palermo e mezza Sicilia; di maniera che e fino poi 
che spariscono l'arme e non si veggono più fa segno celeste di una 
imagine non più in cielo vista e non le da loco ninno. 

Almanco Virgilio di Giulio Cesare no foce stella che non è cosa 
vedersene in cielo , e per darle luogo disse : en. brachia libi contrahit 
ardens scorpius ac etiam iuxta plus parte relinquit. E sfacciatamente 
senza onesta occasione si mostra adulatore l'autore chiunque si sia, cosa 
che non solamente non sollecita né piace, ma offende e fastidisce. Gli 
altri quattro che venivano con questo erano la nave di Bacco, un ballo 
di Satiri mescolatevi le Gratie, il sonno et il martirio e passione di 



(1) Il giorno della Palombella significa il giorno di Pasqua, perchè in an- 
> anche in Palermo in quel gioroo di buon ora si portavano in processione 
k etatna della Madonna e un'altra del Nazareno risuscitato e si facevano in- 
trare in una piazza. Allora di sotto il manto della Madonna si faceva vo- 
) una colomba adoma di nastrini : quest'uso si ritiene ancora in molti paesi 
Sicilia. 



Digitized by 



Google 



AXTOfflO TSHSnAVO 189 



Amore. Da cbrìstiano mi paiono così stupidamente legati insieme, che 
io straseculo quante volte vi penso ; perchè come la persona è ubbriaca, 
che è la nave, per un pezzo straparla ; e diventa satirico e maldicente» 
che sono i Satiri ascosi, perchè sono le fumosità; si addormenta, che 
è il sonno ; e per il soverchio umore e calore del vino facilmente cade 
in polluzione ; ecco l'Amore. Ma perchè questa contemplazione forse 
non era abbastanza fece l'autore un codicillo, disse un cenale, un posir- 
scritto dissi io, e scrisse: voglio che tra i Satiri e il sonno vi sia il 
silentio, meritamente perchè prima che la persona si addormenti, tace. 

Hor io vi giuro che mi turbai quando lessi il silentio, e dissi : callo, 
costui mi ha rubato il mio. Ma come lessi poi " il quale sia tutto co- 
perto di lingue , dissi : qui ci è errore, perchè tutta lingue è la chiac- 
chiera, non è il silenzio. Questo per fermo sarà stato errore dello scrit- 
tore, il quale attendendo al bel carattere , non attese a scrivere cor- 
retto, perchè l'autore non sapendo questo nome ckiacehiera^ volse dire 
il non silenzio; e lo scrittore lasciando il nony scrisse silenzio. Ma, per 
Dio, a che proposito la nave di Bacco e tanta ebrezza in scena , non 
basta in casa? Dice l'autore, perchè è fatta dì mosaico a Roma in 
S. Agnese, che fu tempio di Bacco. E poi? se voleva mostrare il let- 
terato, non doveva allegare il mosaico di Boma; ma il III della Meta- 
morfosi di Ovidio, dove leggiadrissimamente vien descritta con la tra- 
sformazione dei naviganti in Delfini. Appresso chi disse mai satiri poter 
venire in scena ? non canta chiaro Orazio nella poetica '^ cannine quae 
tragico vilem certavit ob ircum mox etiam agrestea satiros nudavU P « e 
per trenta altri versi seguenti. Bella prospettiva : corona , orecchie di 
asino ecc. E poi vi frammette le Grazie I che domine di mescolanze : 
junctaeque nimphis gratiae decentea alterno terram quatiunt pede, dice 
Orazio nella lY ode del 1^ libro , et Omero nell' inno di Apolline le 
mette con l'hore ballanti innanti Giove. Di più il sonno cum l'asperges 
viene per far dormire e non stare attenti alla comedia, tutto l'opposto 
di quello che vorressimo : né ci è occasione alcuna perchè si debba pro- 
durre in scena la passione d'Amore. Non vedo perchè si rappresenti il 
carnevale, né perchè venghino li martiri suoi col proprio martirio, in- 
sino al vescovo di Fano col... di Pierluigi disse quell'amico ! e di più 
sarà impossibile far selve, antri, ombre, fonti, ninfe, amori e produrre 
nel proscenio tanta canaglia. Del mio silenzio passerò con silenzio. 

Io sono di parere che siccome la comedia è poesia, cosi debbiano 
anche gli intermedii esser poesia: non chiamo poesia le rime, ma la 



Digitized by 



Google 



190 Anomo -Twnxwso 



favola et il trovato. Nò per questo voglio ohe sia un'altra comedia, ma 
qualche gentil pensiero partorito da favola, siccome appresso Aristo- 
fane (se ben mi ricordo) sono i chori accompagnati dalla musica. Per- 
chè i tramezzi sono stati introdotti per allegerire l'ascoltatore, e levarlo 
da quella intenzione; non per fastidirlo e recarli nuova materia da oc- 
cuparsi l'intelletto. Per questo tutti i miei hanno per soggetto qualche 
favola accomodata al fatto nostro presente. Alla caduta delle cortine 
vi posi il silenzio per tre respetti : primo perchè il f avete linguis era 
parola che precedea non solamente le rappresentazioni, ma ancora i sa- 
crìficii, onde hebbero nome i misterii, chiuder della bocca cioè (1) 
e Feste riferisce il sacerdote esser solito dir prima d'ogni altra cosa 
pascito linguam sondo il silentio et il Dio tutelare di Roma rappresen- 
tato sotto il nome di Angerona, secundo Macrobio, cui si sacrificava 
nel tempio della Dea Volupia a 25 decembre inanti le feste di lano , 
ovver sotto nome di Tacita secundo Plutarco nella vita di Numa : 
oi(oiC7]X^v fj véav f fingendola giovane, amica del silenzio sotto nume di 
Staiprocate. Il perchè inante un principe romano compare primo a do- 
mandare audienzia colei che ha in guardia Roma. Secundo perchè il 
silentio fa contrario effetto qua, cioè rompe il silentio. E giacché le 
lingue sono tutte stracche in dire del sig. Marc' Antonio e del suo va- 
lore parla ristesse silentio ; e come ei rompe e trapassa ogni misura 
nella sua gloria e nelle sue prodezze, così il silentio rompe e trapassa 
le leggi della natura. La testura della canzone è quella del Bembo nel 
primo degli Asolani. " Io vissi pargoletta in festa e gioco, ove preteriti 
e giacqui „ imitano quelle del Bembo : ^ io vissi ^ e significa assai più 
del vissuto e giaciuto per gli aggionti eternamente et hoggi: e quando 
altra iscusa m'havessi , direi : io mi volli ricordare della desinenza del 
«ognome del sig. Bevilacqua (2). Quella frase della seconda stanza „ opre 
si degne „ è molto vaga e molto heroica, perchè coloro che sanno ben 
parlare sogliono dire ; ingegni si rari, et intendono et insegnano donne 
si leggiadre et innamorano e fanno spasimare et altre molte ne potrei 
dire non solamente regolate , ma vaghe e dotte maniere di parlare. H 



(1) A questo punto tre parole non sono più leggibili. 

(2) Il sig. Bevilacqua a cai accenna qui il Veneziano sarà probabilmente 
Gian DomoDico Bevilacqua che tradusse il Ratto di Proserpina di Claodio Clan- 
diano e lo pubblicò in Palermo il 1586. 



Digitized by 



Google 



AXTOHIO TnmuHO 191 



stcundo ha per argomento quella gentiliBsima favola di Perseo il quale 
tagliò la testa a Medusa, della quale quante goccio di sangue caddero, 
tante spetie di serpe si generare, conforme a quanto ne scrìve Ovidio 
sul fine del libro IV delle trasformationi , dì che etiamdio in cielo se 
ne vede Timagine non lungi dal cigno, come nell'astronomico di Stiginio 
si può leggere. Quindi si prese occasione di trattare del serpe, impresa di 
Palermo. Tanto maggiormente, quanto che fra le imagini celesti si vede 
ancora l'ephiuleo e serve a ciò Torìgine di Palermo dai Phenici, i quali 
hebbero per re Agenore, di cui il figlio Cadmo si cangiò in serpe, e 
dai denti di serpe essendo nati i suoi compagni edificò Tebe : sicché per 
le stanze molto bene et a quello et a questo si satisfa. Il terzo sta sulla 
favola dì Calisto fatta Orsa maggiore e Teti , et allude gentilmente alla 
Signora Felice Orsina. Il madrigaluccìo giucca vagamente sulla voce 
inclinare per abbassare et inclinare per far riverenza, et ha tanto maggior 
gratia quanto che l'Orsa l'inventor Talete la chiama Fenice. sia perchè 
Calisto fosse nata in Fenicia, sia perchè i Fenici eccellentissimi nocchieri, 
nel navigare furono i primi che si regessero per queUa e Palermo, come 
abbiam detto, fu dai Fenici edificata. Il quarto tratta del sig. Marco 
Antonio, che non bocca mortale, ma un semideo ne ragiona dicendo 
Orfeo , il vello d*oro che egli e gli altri argonauti portano da Coleo , 
dover servire a schiera più gradita al cielo come sono quelli del To- 
sone, tra i quali il sig. Marco Antonio, e che Hercole uno dei compagni sia 
rimasto per mettere le colonne per termine del mondo e di valore : poiché 
la colonna significa fortezza. La cancionuzza è di quella testura del 
Bembo. Quand'ìo penso al Martire siccome anco a quella del sig. Duca 
havendo fatto una scala da Palermo alla signora Felice al sig. Marco 
Antonio, dal sig. Marco Antonio mi fermo in S. Maestà, et havendo oc- 
casione di nuova allegrezza per la gionta del reame di Portogallo e 
dell' India si ehe i reami tutti , superba vista , adorino la sua Maestà 
jntendendo per quella la Maestà di re Filippo, signor nostro, le parole 
della canzone si vede che grandezza e che forza habbino. Questa lunga 
dicerìa ho voluto fare con V. S., padron mio, non per farle fede ohe le 
mie intentioni non siano tolte dalle pitture del Cartare, nò fatte a caso, 
ma perchè io mi assicuro che in questo particolare V. 8. per me ne pi- 
glierebbe il martirio : ma perchè mi facci favore quando occorresse con 
la Eccza del sig. Duca trattare de intermedi, dimandarli in nome mio 
questa grazia che le me li lasci da parte : perchè più favore riceve un 
gentil homo a non uscire al ballo ohe farlo uscire a ballare con oiuim.. 



Digitized by 



Google 



192 àHTONIO TINBZIAKO 



Di me Y. S. serYasì et intenda che non sono lancella, ma orcìuolo 
picciolo picciolo con gran ventre : poche parole reali effelti. Nostro Si- 
gnore Dio la contenti secundo ella desidera. 



In Monreale a 8 gennaio 1589. 



Vero serritore che le bacia le mani 
Antonio Venetiani maggiore 



DOCUMENTO LXV. 



A S. E, Remna Mons. D. Domenico Benedetto Balsamo della Cassinese 
Congregazione Patrizio Messinese de* Principi di Castel d*Acij già 
Vicario Capitolare, Arcivescovo di Monreale, 

Eccza Revma 

A ridestar dall'oblio nel quale da più secoli giace il chiaro oratore 
e poeta Antonio Yiniziani Famor verso la mia, pur sèmpre a me cara, 
patria mi spinse. Quel genio sublime, ornamento e decoro della splen- 
dida nostra città, molto nella greca, latina, italiana, sicula e spagnuola 
favella aveva scritto. Ma la rozzezza o il freddo patriottismo dei tempi 
ebbe negletto di conservare a' tardi nepoti il sacro deposito dell'opere 
di lui. Persuaso, che son le lettere il più luminoso fregio di colta na- 
zione, e che sia l'altrui esempio il più energico sprone ai giovani intel- 
letti , mi accinsi alla difficile impresa di annoverar tra le altre adorne 
la città mia, e di presentare un modello da imitare ai teneri allievi della 
nostra Torresiana accademia, che sotto i fausti auspicii dell'E. V. Revma 
a splendor più chiaro , e sotto la reggenza del meritissimo Gan. D. . 
Biagio Caruso risorge. Ho disseppellito dopo laboriose ed indefesse ri- 
cerche ed adunato tutto ciò che ho potuto delle produzioni del mio il- 
lustre concittadino. Questo debol lavoro ambisco ali* E. Y. Bevma inti- 
tolare, e sommesso imploro acciò si benigni Ella accettarne la dedica 
qual pegno di cuore riconoscente agli amplissimi benefici dall'amica di 
lei mano r'cevuti. — Eccza, un religioso dovere; il sensibile di lei animo 
incliiievolo agli altrui prieghi mi rendono coraggioso ad offrirle un rozzo 
tributo. Questo adorno di vaste e sublimi cognizioni forma Lei fautor. 



Digitized by 



Google 



ANTONIO VEXBXIANO 198 



delle lettere, amico dell'uomo, desiderio ed amor della gregia : quello da 
gratitudine sospinto non osa produrre una letteraria fatica senza con- 
sacrarla a Lei. Confidando intanto, che degnerassi con la di lei clemenza 
scendere all'umil mia inchiesta, ed accordar cortese e generoso mecenate 
l'onor della dedica, presento il quadro dell'opra mentre inclinato mi di- 
chiaro. 



Di V. E. Revma 

Monreale 31 agosto 1821 

L'umil servo divoto 
Antonio Maria Cammuca 

Piano Generale dell'opera 

Una completa collezione di tutte l'elegantissime prose e delle sua- 
vissime muse del Yiniziani che ci rimangono si desidera dare alla luce. 
Sembra questa opera utilissima alla letteraria repubblica, che con sommo 
piacere accoglierà i parti sublìmi di sì eccellente oratore e poeta, di 
cui il solo nome sinora con religioso rispetto viene appena da erudite 
bocche pronunziato. Onorevolissima sarà anche essa al siculo snolo ed 
al Monrealese in particolare, che potrà vantar d'aver dato nel cinque- 
cento la cuna ad un genio originale, che coi più chiari scrittori di quel 
secolo illuminato la gareggi. Crudele fatalismo, che non tutte l'egregie 
produzioni di sì felice penna, e forse le migliori dalle ingiurie del livido 
tempo involate non esistono. Ecco il metodo che terremo nel produrre 
le di lui opere. 

I. Frontispizio e titolo dell'opera. 

II. Dedica a S. E. Bevma Mons. Arcivescovo. 

ni. Elogio Storico-Crìtico compilato ed autenticato con testimoni tratti 
da storici d'incorrotta fede e da legali e pubblici monumenti garanti la 
verità di quanto si riferisce. 

IV. Componiménti e testimonianze in lode del Yiniziani. 

y. Giudizio critico della congettura d'un chirografo anonimo riferito 
dal Mongitore sull'origine del Yiniziani. 

VI. Esame ermeneutico delle di lui opere. 

VII. Poesie latine : moltissimi epigrammi, piccole elegie, un endeca- 

Areh. Star. Sic. N. B. anno XIX. 13 



Digitized by 



Google 



194 AXTONio vnruuKo 



sìllabo, un'ode saffica. Seguiranno i poetici sepolcri, vari sciolti epitaffi, 
molte iscrizioni fontali e lapidali. Si aggiungeranno a questi pezzi le tra- 
duzioni in volgar poesia legata a metro multiforme ed a rima , e per- 
petui commenti che interessano la storia patria e nazionale di quei tempi 
per dilucidare qualche passo oscuro. Ricerche tipografiche e varianti. 
Il fervido entusiasmo del rapidissimo Pindaro unito all'elegante lindura 
dell'armonico Catullo si ammira in questi. 

VIIL Prose e poesie toscane — Epistole, discorsi, trionfi; leggonsi 
in questi ben molti epigrammi greci e latini da lui medesimo recati in 
itale rime. Sonetti ed altri componimenti. Un trionfo scritto in lingua 
spagnuola che noi daremo tradotto. Nelle etrusche prose non la cede il 
nostro ai miglior prosatori del secolo di Leone : nelle muse dà saggio 
che erasi anch'egli formato sul gusto dell'itala poesia e che aveva at- 
tinte le toscane Veneri all'italiano Aganippe. 

IX. Le siculo muse chiuderanno l'opera. In queste superò a giudizio 
di molti il Veneziani di gran lunga l'aspettazione che di so aveva desta. 
Nò si rese soltanto agli altri superiore, ma tolse loro con la dignità ed 
eleganza dello scrivere siciliano la palma. Alla sicana poesia ei tutto 
l'animo rivolse quasi dalla natura a perfezionare coll'ingegno e coU'arte 
questo genere di poetico componimento. Profonda filosofia di lingua, a- 
cutezza nella scelta della parola, vibrato fraseggiamento poetico^ maestà 
nei concetti, soavità di stile , toccante e risentita espressione d'affetti , 
musica armonicamente sonora formano il distintivo carattere delle di 
lui canzoni nelle quali col multiforme patetico del sensibile Petrarca la 
gareggia. Saranno queste in piti classi distribuite. 

1^ La Celia poemetto siciliano. 2"" Canzoni sacre. S"" Canzoni profane, 
cioò filosofiche, sentimentali, politiche, morali. 4** Terze rime — Sonetti 
su varii soggetti — Altri generi di siciliane poesie. 

Ecco il quadro dell'opera. 

Aggiungo a spettacolo di letteraria curiosità il catalogo dei codici 
manoscritti o stampati da me nelle varie biblioteche rinvenuti. 

Catalogo dei volumi stampati 

dei eodici manoscritti delle opere del sig, Antonio Viniziani, 

Biblioteca Senatoria 

volume C. 56 

Nuova ed esatta descrizione del celeberrimo fonte esistente nella 



Digitized by 



Google 



AKTONIO VKNBZIANO 195 



piazza del palazzo senatorio della felice città di Palermo pubblicata da 
D. Leonardo Maria Lo Presti.— Palermo presso Antonino d'Epiro 1731. 
— Havvi in questo i discorsi del Viniziani , i distici da lui medesimo 
scrìtti in italiano pag. 10 sino a 31 — Delle statue dei quattro fiumi, 
dei Tritoni e Nereidi con epigrammi greci e latini da lui stesso recati 
in italiano — pag. 31 sino a 37. 

MS. annesso al medesimo voi. G. 56 

Discorsi sulle fontane di Palermo di Antonio Yiniziano — contiene 
altri pezzi latini su diversi soggetti. 

Codice MS. 0. 4 

I. Pezzo — atto giuridico della condanna alla tortura del Viniziani 
estratto da un libro intitolato * Antonius de Ballis juris consultus tract. 
Var. Crim. L 11. Quest. 14. 

II. Discorso di Antonio Yiniziano Oratore e Poeta famosissimo sopra 
le statue della magnifica città di Palermo , capo del regno di Sicilia : 
copiato da un manoscritto di Francesco Piatamene pag. 46 (questo chiaro 
poeta tradusse in latino molte canzoni del Viniziani.) 

m. Altri discorsi sulle altre fontane pag. 30. 

IV. Annotazioni di D. Vincenzo Auria alla statua di Diana descritta 
da Antonio Viniziano nella fontana del Pretore pag. 4. 

V. Iscrizioni di Palermo — Originale di Antonio Viniziani pag. 4. 

VI. Frammenti dì alcune scene di commedia scritte di proprio pugno 
d'Antonio Viniziano pag. 4. 

Vn. Mólti pezzi italiani greci latini. 

Codice MS. B. 23 

Canzoni siciliane di vari autori (molte sono del nostro). 

MS. D. 68 

Veneziano Canzoni siciliane : sul dorso c*ò scritto aieiline. 
Contiene — I. Canzoni profane pag. 5 al 120 : sacre 123 a 200. — 
Amurusi e di sdegnu da 203 sino a 259. La Nenia da 267 a 461. 



Digitized by 



Google 



196 ÀinroHio vnrnuvo 



IL L'Arangeide terza rima da 487 a 519. 

m. Cornaria terza rima da 521 a 529: sarà soppressa. 

IV. Significata dell'orbi e culurì d'Antoni Yiniziani pag. 533 a 539. 

y. Marci Gentilncci de amoribus Philippi Parutae ex siculo Antonii 
Yiaìziani — epigramma latino — ottave 34 che formano un poemetto 
colla traduzione del medesimo Paruta pag. 555 a 591. 

VI. Notizie sulla yita d'Antonio Viniziani, sino al fine. 

Codice MS. C. 42. 

Discorsi sopra le statue della fontana della felicissima città di Pa- 
lermo detta del Pretore composti da Antonio Viniziani raccolti da Qio. 
Battista deirArpi e compiti di quello che mancano pag. 350. 

Codice MS. D. 67 

Canzoni siciliane del Venezi (manca lo spazio) sul dorso. Le me- 
desime contenute nell'anzi detto codice D. 68. 

MS. B. 21. 

Antonii Vinitiani epigrammata Descr. Font. Praet. Arcus. Triomph. 

Volume in 16'' A. 48. 

Antonii Vinitiani veneres latinitate donatae suisqne pedibus adstrictae 
ad Illmam et Ezmum dom. D. Franciscum del Bosco Misilireri Ducem 
DD. Francisco Baroni et Manfredi auctore. Apud Alphonsum de Isola, 1638. 

Volume A. 8. in 12» 
La medesima opera Panormì 1645. 

Biblioteca CoUegiana 

Codice MS. A. 40 

Marrnsii Siciliensis aliorumque carmina inedita (trovansi in questo 
codice molte latine poesie del Viniziani). 



Digitized by 



Google 



ÀiftoKio VenbzUKo 19? 



Codice MS. P. 48. 

Raccolta di poesie siciliane d'Antonio Viniziani monrealese — Con- 
tiene: V La Celia— 2" Canzoni spirituali — 3"" L'Arangeide—4'' L'Agonia 
— 5* La Nenia— 6" Canzuni Amurusi e di sdegnu— 7® Il puttanismo — 
8** La cornaria. (N. B. queste due ultime saranno a maggior decoro del 
poeta soppresse nella collezione) — 9*" Marci Gentilucci de Amorìbus Phi- 
lippi Parutae ex siculo Antonii Vinitiani in 4*' leg. in carat. corsiv. del 
sec. XVIL 

Volume B. 13 

Antonii Vinitiani siculi poetae celeberrimi epigrammata quasi omnia 
etc. Francisci Baronii opera in 6 Pan. 1643. 

Uartiniana 

MS. Tom. 3 in 4*^ 

Poesie d'Antonio Viniziani — Tom. 1" ottave 56 — Tom. 2*" ottave 60. 
Tom. 3** ottave 406. — La Nenia 80 canzoni — Frammento di un capi- 
tolo. Manca il 4*^ tomo. 

Codice MS. in 4" 

Poesie del Viniziani ~ Canzoni siciliane 462 — Latine ed italiane 
poesie — Canzoni varie— Amorose 48— Sdegno 65 — Separazione 26 — Lon- 
tananza 40 — Agonia sestine 44, alla toscana — Cornaria terzine 40 — 
Sonetto al duca d'Alcalà — Sonetto al duca di Montalto— Capitolo ita- 
liano sulla misericordia — Capitolo siciliano 30 terzetti — Capitolo si- 
ciliano terzetti 65. 

Volume stampato 

Rime degli accademici Accesi di Palermo Tom. 2® raccolte da Gio» 
Battuta Caruso — Hawi 172 ottave del Viniziani, 



Digitized by 



Google 



108 AirtoKio venkziài«o 



Muse 

Siciliane Palermo 1645 — Tomi 5 — Tomo I. amorose 285 — ber- 
niesche 8 Tom. 5 sacre — Sonetto al sig B ranci — Nuova scelta di rime 
siciliane Palermo 1780 — Filosofiche 20 alla sua donna — Amorose 48 — 
Parafrasi di un so)ietto del Costanzo in 11 ottave— Adagi siciliani in 14 
ottave. 

OHvetana 

Celia di Antonio Vinizia no tradolta da Francesco Baronie Manfredi 
Panor. 1645 in 8». 

Volume j:. 49 

Epigra mmata inscriptiones Pan. 1646 in 8^ 

Torresiana Monrealese 

Sonetto sul poema del Rosario : un altro all'autore. 

Astutiana in Noto 

Molti pezzi del Viniziani esistono in quei MS. (si attende il cata- 
logo del Sig. Barone Astuto, cui si è scrìtto). 

In morte di Antonio Viniziani il maggiore — sonetto di Luigi d'E- 
redia. Elegia de Antonio Vinitiano a pyratis capto, ejusdem. Questo tra- 
dusse in latino la Celia; tradotta dal Paruta e quindi dal Baronio. 

Poesie Latino 

Epigrammi 57 — Ode una ~ Endecasillabo uno - Sepolcrì epitaffi 27 

— Inscrizioni lapidali 15 ~ Sepolcrali 10 -- Seguite dal loro epigramma 

— (Tutto ciò dalla collezione del Baronio 1646) — Inscrìzioni in Tarii 
luoghi sparse 36 — Epigrammi da altri codici 25 — Trionfi quattro uno 
in lingua spagnuola. 

Epigrammi sul ritratto del Viniziani : uno del Baronio : l'altro di Gi- 
rolamo Basilico Messinese. 



-t:^@V 



Digitized by 



Google 



ii^ìiiiSX 



DELL' UFFICIO DI SEGRETARIO COMUNALE 

NEI SECOLI SCORSI IN PALERMO 

E DI 

ANTONIO YENEZfANO 



Umanissimi Signoriy 

In occasione così solenne, nella quale siamo qui convenuti 
per celebrare il terzo centenario della morte di Antonio Vene- 
ziano, ho creduto mio dovere prender parte principale alla 
tornata, nella duplice condizione di socio di questa onorevole 
società e di Soprintendente airarchivio di questo comune (1). 
Gli oratori che mi hau preceduto, vi hanno, colla loro parola 
ornata^ detto della relazione ch'Egli godè colla nostra lette- 
ratura popolare e colla leggenda, e dei casi della di lui vita; 
io invece mi limiterò a un solo punto, a mostrarvi, cioè, come 
la notìzia, ricevuta generalmente per certa, ch'Egli sia stato 
segretario del Senato di Palermo, non ha alcun fondamento 
negli atti dello stesso Senato, e come i fatti, che sono stati 
origine a questo errore storico, siano al tempo stesso l'elogio 
più bello che possa farsi del sommo Morrdalese. 

A voi è noto. Signori, quante ragioni di contatto il Ve- 
neziano abbia avuto nei cinquant' anni di sua esistenza col 
nostro magistrato municipale. Fu Egli che , per la sua pro- 
fonda perizia nelle lettere latine, venne sempre impiegato a 



(i) l pochissimi documenti per Antonio Veneziano, esistenti in questo 
Archivio Comnuale, sono stati, anni addietro , trascritti e pubblicati dal 
mio amico Prof. Salv. Salomone Marino, nel voi. di Spigolature stori- 
che Siciliane^ Pai. 1887, sotto il titolo: Il Siculo Petrarca vessato dai 
creditene pp. 241*60, 



Digitized by 



Google 



20Ò DBLL^UFFIOIO 1)1 SEOkÈTAlllO COMttNAtB H&I dftOOLI BOOttSÌ 



dettare le iscrizioni per le opere pubbliche compiute allora dal 
Comune; fu Egli che, come affermano il Di Giovanni (1) e il 
Baronio (2), formò nel 1591 il disegno della grande sala nel 
civico palazzo, intesa di Salazar o delle lapidi^ e ne dettò 
nello stesso anno la iscrizione commemorativa (3), la più an- 
tica di tutte le tabelle che oggi figurano su quelle imponenti 
pareti; fu Egli che, per incarico del Pretore Nicolò Antonio 
Spatafora, dispose nel 1578-79 le stat»ie tutte dì quello stu- 
pendo monumento ch*è la fonte pretoria, ne dettò i distici e ne 
intraprese poscia, con tanto arcaica dottrina, una larga illu- 
strazione (4) ; fu Egli infine che, a preghiera della stessa città, 
formò il disegno del ponte eretto fn meno spazio di cinque 
giorni, nel nwlo piccolo , per la entrata del nuovo Viceré 
Marco Antonio Colonna a' 22 aprile 1577 (5). Questi fatti. 
Signori, trovan tutti riscontro o negli atti di pubblici archivii 
nella narrazione dello stesso Poeta o di qualche contempo- 
raneo : quello invece del suo segretariato non ha appoggio di 
sorta (6). E se taluno fra voi, supponendo certo il fatto, è ve- 



(1) V. Palermo restauralo, nella BibL storica e leti, del Dì Marzo, 
Serie II, voi. l, p. 224, 

(2) De Maieslate panormilanaf lib. I, p. 123. Si veda anche La Lumia, 
Giuseppe D' Alessi ecc. p. 14, nel voi. IV delle Storie Siciliane, Pai. 1883. 

(3) È la prima nel mio volume Le Iscrizioni del palazzo comunale di 
PaJermo, pp. 3 e 85, Palermo, tip. Virzì, 1886-88. 

(4) Si veda la saa lettera al Pretore Spatafora , pubblicata dal Ba- 
ronio, opera citata, lib. I, p. 126. È citata anche dal Palermo, Guida di 
Palermo, ediz. 1858, p. 262, e dal La Lumia nella sua ultima monogra- 
fia : Antonio Veneziano o un cinquecentista di Sicilia , pubblicata nel 
fesc X della Nuova Antologia per l'anno 1879, p. 185. 

(5) Lo dice egli stesso in una lettera alV illustre Sig, Pietro Monta- 
perto, signore di Raffàdali ecc. pubbl. a p. 166 del voi. delle sue opere 
edito in Palermo noi 1859 per cura del Sac. Saly. Arcbri. Il La Lumia, 
op. cit., p. 197 , assicura che le iscrizioni e le imprese per festeggiare 
l'arrivo del novello Viceré Conte d* Olivares furono anche lavoro del 
Veneziano, commessogli dal Senato nella sua prigione. Dovette proba- 
bilmente esser così, ma non ne ho trovato una prova. 

(6) Un altro errore corso generalmente Ara i biografi del Vbmbzumo 



Digitized by 



Google 



H Ì)I AtrtOTUÌO VBNEIilANO 2Ò1 



nuto talvolta a me richiedendomi dell'atto senatorio che no- 
minò il Veneziano a quel posto, le mie ricerche sono sempre 
andate a vuoto e ho dovuto a ragione concepire il sospetto 
che qui si trattasse di un equivoco corso di buona fede per 
le penne di tanti biografi, non potendo in modo veruno am- 
mettere che tale carica fosse stata conferita a quell'uomo in- 
signe senza un regolare atto di nomina, come si vede per tutti 
gli altri ufflcii del Comune e per tutti coloro altresì che hanno 
in ogni tempo esercitato le importanti funzioni di segretario 
comunale. Fu perciò che quando voi. Signori, cominciaste con 
lodevole pensiero a parlare di queste centenarie onoranze, io 
fermai in me stesso di metter fine alla erronea sentenza, in- 
traprendendo sul proposito le ricerche più possibilmente accu- 
rate e comunicarvene il risultato : ciò che ora son lieto di 
fare, a compimento di quello che avete già udito sulla vita 
dell'Uomo che quest'oggi onoriamo. 

E per arrivare a conoscere la verità io mi pensai che niun 
argomento sarebbe stato più valido che gli atti stessi di no- 
mina a segretario comunale, dall'anno 1563, quando il Ve- 
neziano era appena ventenne, sino al 1593, data della sua 
morte. Che se nella non interrotta serie degli uomini emi- 
nenti che tennero quella carica nei suddetti trenta anni non 
avessi rinvenuto il Nostro, niun dubbio sarebbe più rimasto 
per conchiudere ch'egli non fu mai segretario del Comune di 
Palermo. Or ecco quello che si trova nell'archivio comunale. 

Per tutto r anno 1562 è in possesso del segretariato un 



è che il prezzo del riscatto dalla schiavitù» da lai sofferta in Algeri dal 
1575 fin poco prima del 1581, sia stato erogato dal Senato. Il Di Giovanni 
Invece^ scrittore contemporaneo, dice che il Poeta fu ricattalo da btxoni 
amici {Palermo restaurato nella ediz. cit. p. 404). Ecco la ragione per 
cui né a me né al Prof. Salv. Salomone Marino è mai riuscito di tro- 
vare neir archivio comunale alcun documento che avesse rapporto al 
preteso riscatto senatorio. Io ignoravo su questa faccenda Tinformazione 
del Di Giovanni ; la debbo alla cortesia del detto Prof. Sal. Sat^mone 
Marino, 



Digitized by 



Google 



202 DELL'UFTIOZO di SBOBSTARIO OOKUlfALl HEI 8100LI 8001IS1 



certo Alessandro Del Palla, morto il quale nel dicembre di 
qaeiranno, il Senato per atto dei 18 dello stesso mese chiama 
all'ufficio Bartolo La Torre. Muore nel giugno del 1565 il 
La Torre, e il Senato per atto dei 16 dello stesso giugno 
conferisce l'ufficio a un Pietro Ferrera il quale vi dura fino 
al successivo dicembre, allorché, rimasto vuoto il posto per 
morte o rinunzia di esso Ferreri, il Senato, con atto del 1"* 
di quel mese, lo dà in commenda, o, come ora direbbesi, in 
interinato a un Giovanni Pinedo. Ma il Pinedo, essendo con- 
temporaneamente Maestro Notare, non può con diligenza at- 
tendere a due carichi ; il perchè il Senato, poco dopo, con atto 
dei 31 Agosto 1568 affida anche in commenda il segretariato 
a un Bartolo Mancino. Scorre il triennio stabilito dalla legge 
per la durata di alcuni ufflcii comunali , e un atto dei 17 
agosto 1571 (non vi si dice se per morte o rinunzia del Man- 
cino) assume all'alto carico un Francesco Lo Cadelo. Muore 
costui poco appresso e il Senato a 2 febbraro 1575, dispen- 
sando alla legge del triennio, nomina cancelliere a vita il ri- 
nomato Girolamo Branci {ad eius vilae decursum). Il Brangi 
vive altri quattordici anni, sino ai 14 giugno 1587, e il Se- 
nato per atto dei 22 di quel mese elegge a suo segretario il 
celebre Bartolo Sirillo, durante il tempo del cui segretariato 
il Veneziano compie nel 1593 la sua carriera merlale. Come 
vedete adunque, Signori, il Nostro non figura nella serie di 
coloro che , pel periodo dal 1563 al 1593, ressero T onorifica 
carica di segretario del comune di Palermo. Che se questa 
prova non sarà stimata sufficiente a contraddire la falsa o la 
esagerata notizia , depongo le armi, lasciando ad altri più for- 
tunato di me Tenore di maneggiarle a suo modo con mag- 
giore abilità e migliore fortuna. 

Conosciuto il fatto, cerchiamo d' indagar l'origine delP er- 
rore. 11 Di Giovanni, contemporaneo del Veneziano, nel suo 
Palermo restauralo (1), scrivendo dei letterati illustri fioriti 



(1) Nella oit. BiMMoQa del Di Marzo, voi. X, p. 403. 



Digitized by 



Google 



1 DI ANTONIO TENE^IAlrO 203 



al SUO tempo, s'intrattiene anche del nostro Poeta ; ma, mentre 
pel Branci, pel Birillo e pel Paruta non trascura di notare 
che furono segretarìi del nostro Senato, omette affatto questa 
circostanza pel Veneziano, al quale dedicò molte più righe 
che per gli altri tre: indizio sicuro ch'egli nulla conobbe del 
segretariato del Poeta, e che, nel caso contrario, non avrebbe 
trasandato di notare, a prò' di lui, come fece per gli altri tre, 
l'esercizio di una carica riserbata allora agl'ingegni più pre- 
stanti. Al Di Giovanni segui il Baronio, concittadino e quasi 
coetaneo al Venezlino, di cui scrisse la vita che premise al 
volume delle di lui poesie, edito per sua cura in Palermo nel 
1646. In questa egli tacque interamente del segretariato del 
Nostro, e nella sua opera maggiore : De maiestate panormi" 
tana, tessendo l'elogio del suo conterraneo e accennando ai 
casri principali della di lui vita, non ne fé' altrimente alcun 
motto: segno indubitabile che anche egli nulla ne conobbe. 
Contemporaneo al Baronio fu Giuseppe Galeani, che, pubbli- 
cando nel 1645-73, sotto il finto nome di Sanclemente, e in 
cinque volumi piccoli, una raccolta di poesie siciliane, vi in- 
cluse prime Ira tutte quelle del Morrealese; ma nelle notizie 
biografiche di lui, che trovansi nel I volume, non fé' cenno 
alcuno del preteso segretariato. È nel principio del secolo XVIII, 
a quanto io sappia, che questo fa capolino per la prima volta 
col MoNorroRE, il quale nella sua Bibliotheca Sicula (1708-14) 
consacrò due intere colonne in folio alla vita del Nostro, ser- 
vendosi a quest'uopo, come dice egli stesso, di una vita m.s. 
quam ab U. L D, D. Vincentio Auria accepi^ et, ut videtur, 
db auctore syncrono et Antonii familiare scripta. Or ivi il 
dottissimo Canonico asserisce che il Veneziano Panormitani 
Senattùs aliquando fuit à Secretis (1). È probabile che anche 



(i) L' illastre Prof. Ugo Antonio Amico, nel suo discorso per Vene- 
ziano letto air Accademia di scienze, lettere ed arti nella tornata dei 20 
agosto nlt., spiega Tavverbio aliquando nel senso di alcune volle e crede 
peroiò ohe il Mongitorb abbia accennato a un esercizio occasionale, non 



Digitized by 



Google 



204 DSLL^UTFIOIO Di 8lÌ0UEtABI0 COMÙNALti HBt 6B0Ott 8Ó0B8Ì 

questa notizia sia a lui provenuta dal mentovato manoscritto, e 
che, acconciando implicita fede alPaffermazione di un anonimo 
da lui creduto sincrono e familiare del Poeta, rabbia senz'altro 
ammessa nella sua Bibliotheca. Ma recenti ricerche negli ar- 
chi vii parrocchiali di Morreale e in quelli di notari defunti 
hanno già sfatato quel manoscritto, e mostrato ad evidenza 
come alcuni ragguagli mongitoriani basati su di esso (p. e. 
quello della nascita e del cognome del Poeta) fossero del tutto 
erronei, e come l'anonimo autore non avesse meritato di esser 
tenuto in conto di sincrono e, molto meno, di familiare del 
Nostro. Ad ogni modo il Mongitore se l'ebbe per l'uno e per 
l'altro, e, senza darsi la pena di riscontrare la notizia del se- 
gretariato cogli atti dell' archivio del Comune di Palermo, 
ov'egli avea tante volte frugato e composto perfino qualche 
repertorio, l'innestò tale quale nella sua opera, imprimendole 
cosi per l'autorità somma del suo nome il suggello della cer- 
tezza. È perciò che tutti gli scrittori che hanno, o espressa- 
mente per incidente nelle loro opere, detto del Veneziano, 
come il P. Eman. Aguilera (1), nel secolo scorso, e nel pre- 



ordinario. Mi permetto non accettare questa spiegazione, e intendere Tav- 
verbio suddetto come equivalente a : ci fu un tempo che ecc. In una parte 
della sua vita ecc. quale spiegazione darebbe al preteso esercizio della 
carica quella ordinarietà che gli mancherebbe colla prima interpretazione. 
Mi conforta a ciò lo stesso Mongitore che , parlando di altri letterati, 
p. e. del Branci usa lo stesso avverbio. Eppure il Brangi non fu un 
segretario occasionale, ma ordinario, per ben quindici anni e con tanto 
d*atto di nomina. Il discorso dell'AMico é stato già ridotto a stampa in 
Firenze, in quest'anno 1894, pei tipi di G. Barbera. A pag. 9 si legge de! 
segretariato del Veneziano. 

(1) Questo dotto gesuita nella sua opera Provinciae SictUae Societalt's 
lesu ecc. (Palermo, 1737) a p. 325 del 1 1 scrive che il Veneziano exina- 
nilis opibus et inopia compulsus , Senatus Panormiiani scribatn agere 
sustinuiL II Prof. U. A. Amico nel citato discorso sembra intendere la 
parola scriba non in senso speciale di segretario, ma in quello più Urge 
di copista» scrivano. Mi duole noo essere anche d*aooordo ooa lui in ciò. 



Digitized by 



Google 



B DI AHTOHIO YIITUIAHO SOS 



sente il Palermo (1), il Cammuca (2), il Modica (3), il Mira (4), 
il La Lumia (5) e il Salomone Marino (6), l'hanno tutti ripetuta; 
anzi il Modica, rincarando la dose, aggiunse che in essa carica 
il Veneziano ritrasse somma reputazione per grandi e non in- 
terrotte fatichey e il La Lumia, senza appoggiar la notizia ad 
alcuna prova o documento, Io fece collega^ colla stessa qiuj^ 
litày di Filippo Paruta (7). 

Nonpertanto io son lungi dal biasimare gli autori sud- 
detti, compresovi lo stesso Mongitore, per lo abbaglio in cui 
sono caduti; anzi dichiaro che, se non fossi stato sorretto 



La voce scriba nel linguaggio ufficiale valeva allora segretario , e ne 
trovo una prova irrefutabile in due atti senatoria Uno, dei 15 settembre 
i508 per la conferma a segretario di Antonio Prateo , dice : te in seri- 
barn sive Ckincellarium ipsius civitatis ecc. (voi. di Atti, Bandi e Prov- 
viste, 1508-9, f. 174, lin. 13). Un altro, dei 17 Settembre 1520 per la ri- 
nunzia di Claudio 'Leofante , porta : renunciavit et renunciat ufflcium 
CanceUarii seu scribe ecc. (voi. di A. B. e P., a. 1520-21, f. 50). Tuttora, 
per quanto mi si assicura , anche nel Belgio , il segretario di qualche 
accademia letteraria é designato col nome di sociiu scriba. Del resto poi 
mi pare poco probabile che il Senato, volendo sovvenire an uomo come 
il Veneziano, l'abbia impiegato da scribacchino nel propri! ufficii. Non 
sono mai mancati al mondo mezzi e modi come sovvenire decorosa- 
mente il merito indigente, e molto meno allora quando ogni Atto di 
pubblico interesse era celebrato con tanta pompa artistica e letteraria. 

(1) Ouida di Palermo, ediz. 1888, p. 75, nota I. 

(2) Il lavoro del Gammuca ("Antonino Maria) si conserva m. s. presso 
la libreria di questo Comune, a* segni Q(i, D. 189. 

(3) Il Dott. Giuseppe Modica scrisse alcune Ricerche critiche sulla vita 
e suUe opere di Antonio Veneziano , premesse alla ediz. del 1859, ftitta 
per cura del Sac. Salvatore Arceri. 

(4) Dizionario Bibliografico, tomo II, p. 450. 

(5) Monografia cit. p. 184. 

(6) Nelle cit. Sjoigolature; però sembra dubitarne , soggiungendo in 
nota : Lo dicono i biografi, ma ne' registri del Comune non ne trovo 
vestigio, Pag. 254, nota 4. 

(7) Il Paruta Ai eletto segretario nel 1602, come può vedersi dalla 
tabella che annetto, in fine, al presente discorso. 



Digitized by 



Google 



906 dul'ttiticio di bsgbbtabio cohcralk usi smoli sgobbi 

dagli atti di questo archivio comunale, vi sarei caduto anchMo. 
Un errore che dura per tre secoli e che viene accolto da 
menti elette, è uopo che contenga in sé tali elementi di cre- 
dibilità da cancellare ogni ripugnanza tra i suoi termini estremi 
e da renderlo facilmente accettevole a tutti. Or questi elementi 
nel caso nostro non sono che due: l^ l'importanza alla quale 
salì Tufficio di segretario nei secoli scorsi ; 2® Falta rinomanza 
alla quale arrivò il Veneziano nel tempo di sua vita. Credo 
pregio dell'opera il fermar la vostra attenzione sull'uno e sul- 
l'altro. 

Ninno di voi ignora quanta considerazione abbia meritato 
nei tempi che furono, e nelle comunità siciliane, l'uffizio di segre- 
tario. In epoca nella quale le incessanti e deplorevoli lotte 
municipali funestarono quest'isola, e quando il privilegio, so- 
stituito alla legge generale nella ragion di governo, formò 
l'anima della vita politica delle nostre popolazioni, cura pre- 
cipua dei nostri antichi magistrati municipali era la custodia 
e la difesa delle immunità e delle prerogative del proprio Co- 
mune: a qual uopo le leggi del regno deputavano un apposito 
ufficiale, rappresentante 1' università dei cittadini , e che , dal 
suo potere di sindacare gli atti delle autorità tutte, comunali 
governative, chiamavasi Sindaco. Ma la sua azione non 
usciva dai limiti della casa comunale; e qualora, per temuta 
infrazione di qualche privilegio, il magistrato fosse stato co- 
stretto a richiamarsene ad Ponlifices, ad Regesy ad Vicereges 
ecc. era allora compito del cancelliere stendere la relativa 
consulta o lettera missiva, per la quale faceasi ad esporre 
l'origine del minacciato privilegio e i titoli della propria uni- 
versità al godimento esclusivo di esso. Né ciò solo. Occorreva 
spesso rivolgersi al Sovrano, ai regi tribunali, al Viceré ecc. 
per provvedimenti toccanti l'amministrazione del Comune, i bi- 
sogni e le urgenze delV università ; e in questo caso era an- 
che indispensabile l'opera del segretario, le cui lettere, sotto- 
scritte dai componenti il corpo municipale e contrassegnate dal 
Maestro Notare, venivano poscia trascritte in speciali registri, 



Digitized by 



Google 



•È DI ANTONIO VMNttlAirO 207 



che formano ora una parte tanto preziosa di questo archivio 
comunale. Neir atto di elezione di un Not. Tommaso De Leo- 
nardo à segretario, sotto la data dei 21 marzo 1312 (1), è 
detto che quella nomina si faceva a doppio intento, cioè: ad 
scribendum jura et licteras universitaHs. Nel privilegio dei 
22 febbraio 1477, per cui il corleonese Giovanni Naso fii no- 
minato cancelliere dopo deliberazione del consiglio civico, si 
dice ch'egli doveva servire ad componendum scilicet licteras 
et epistolas latino sermone ad viros egregios faciendas (2). I 
capitoli del Viceré Colonna (1582) e del C^ntb di Castro (1622) 
ampliarono ancor di più le funzioni del segretario comunale, 
estendendole ad ogni sorta di lettere e a tutte le istruzioni 
che occorresse formare pel buon andamento della pubblica 
cosa (3). Il segretario infine dovea anche farla da letterato, e, 
occorrendo, montar sul Pegaso e salire in cima del Pindo e 
del Parnaso, per dettarvi epitaffii ed iscrizioni commemora- 
tive dei fatti egregi dei Padri Coscritti. Nell'atto dei 31 gen- 
naio 1631 per cui fu eletto segretario il monrealese France- 
sco Barone, leggesi : qui teneatur servire huic urbi in om-- 
nibtts rebuSf ut dicitur, tanto latini quanto vulgari, epitaffii 
et altro. Dal che è facile dedurre quanto alto conto avesser 
dovuto fare i nostri maggiori della carica di segretario co- 
munale ; si alto che il nostro consiglio civico, affln di meglio 
guarentirne il buon esercizio, credè opportuno nel secolo XV 
stabilire per massima che ninno avesse potuto aspirare a quel- 
Fufflcio che non fosse stato al tempo stesso mastro di scola. 
Quale espressione non significava allora un umile pedagogo 



(1) V. il volume : Gli Aiti della città dì Palermo dal i3ii al Ì4i0, 
pubbUcato nel 1892 a spese dell* lU.mo Signor Duca di Verdura e per 
cara di questa Soprintendenza, p. 62. 

(2) Fu pubblicato dal Barone Raffaele Starrabba , neU' opuscolo : 
Saggio di ricerche fatte nell'Archivio dèi Comune di Palermo, Pai. 1871, 
pag. 18. 

(3) Si vedano il cap. 128'* del Ck)LONNA e il 145« del De Castro nel 
1» tomo dei Capitoli della Città. 



Digitized by 



Google 



20ft SfeLL'UVnOIO DI BMRITABIO GOMUIUIJI WD. BMOOU BOOUI 

inteso coiraltra di magisier parvulorum » ma ud Irtt^rato di 
fama, condotto dal comune a pubbliche spese a dettar lezioni 
di grammatica ed umanità alla gioventù studiosa {niagister 
scholarum^ magister ludi literarii), E il Mongitore, eletto an- 
ch'egli nel 1716 all'alto posto, scrivendo del Paruta e del se- 
gretariato di lui, ebbe cosi ad esprìmere Fimportanza della ca- 
rica: Diu usque ad supremam vitae lineam fuit à Secretis 
Senatus Panormitani , edque fide oc animi fervore munus 
peregit ut omnes promeruerit plausiùs: paUHae etenim pri- 
vilegia et maiestatem ingenio, erudictione ac calamo mirifice 
illustravit et multimodis propugnami (1). 

Questo per la sostanza. Per la forma poi, ossia per la lin- 
gua che dovea rivestire le produzioni ufficiali o letterarie del 
cancelliere comunale, l'ufficio di segretario non ci si presenta 
meno importante. E qui bisogna distinguere due periodi, cor- 
rispondenti alle due grandi fasi subite dai linguaggi, latino ed 
italiano, nella storia letteraria della nostra penisola. Il primo 
è quello quando il pensiero italiano, avviluppato nelle forme 
latine, non sapea manifestarsi colla veste nazionale, ritenuta 



(1) Bibliol. Sicula, tomo II, p. 174. — Ecco come io stesso Senato 
esprime Timportanza deU'afficio di segretario in una consulta dei 5 gen- 
naro 1757, diretta al re : Uno degli ofisiali di maggiore importanza cfte 
assistono questo Senato é il Secrelario; onde proccura sempre di far 
ricerca di soggetti della più approvata abilità per supplire con suffi- 
cienza a tutte le considerabilissime incombenze della carica che sono 
a dire il vero di qualche peso ; avvegnacchè ricercano una compita co- 
gnizione delle leggi patrie, delle costituzioni prammxUicali colle quali si 
regola il Senato e degli ordini regali posteriori che quelle hanno dero- 
gato, ristretto e compilalo ; dei privilegi di questa città e suoi cittadini, 
delle consuetudini che col decorso del tempo hanno preso forza di legge 
e finalmente una bastante notizia della storia non men patria che del 
regno tutto aggiunta ancora a una piena scienza di tutto ciò che pre- 
cedentemente ha occorso riguardo agli affari e pertinenze del Senato, 
per poter non meno dar lume ai rettori del medesimo che servirsene 
per norma nei consimili accidenti ecc. (voi. di Consulte, 1756-60, f. 182). 



Digitized by 



Google 



B DI AHTORIO VBNSZIAffO 209 

assai umile accanto alla toga del Lazio ; quando il nuovo vol- 
gare era reputato degno solo di versi d' amore e prose di 
romanzi; quando lo stesso Alighieri, il miglior fàbro del 
parlar materno e che tanto sentia la gloria della lingtca, 
non esitava a proclamare nel Convito che il latino è sovrano 
e per nobiltà e per virtù e pe7^ bellezza , e che lo latino 
molte cose manifesta concepute nella mente ^ che il volgare 
fare non può (1), e quando egli medesimo nella Commedia^ 
ad esprimere Tidea di agevolezza e di facilità, usa come sino- 
nimo la parola latino in quel terzetto del III del Paradiso: 

Però non fui a rimembrar festino^ 
Ma or m'aiuta dò che tu mi dici 
Si che raffigurar m' è piti latino. 

È il perìodo in cui le più elevate produzioni della umana in- 
telligenza e gli atti tutti di pubbliche amministrazioni si affi- 
dano alla lingua dei Cesari; in cui Pier delle Vigne, Gio- 
vanni DI Procidà, il Panormita dettano in latino il carteggio 
pei loro Sovrani; quando anche il carteggio ufficiale del Se- 
nato palermitano è tenuto esclusivamente in latino. Questo 
periodo dura sino a quasi tutta la prima metà del secolo XiY. 
È nella seconda metà di questo che, insieme al rinascimento, 
incomincia un periodo novello e con esso una lotta lunga e 
pertinace tra il latino che non vuol cedere il campo e il nuovo 
volgare che sente la sua dignità e il suo dritto. Una turba di 
letterati, presa d'amore per la classica antichità, grida il la- 
tino indispensabile, e Romolo Amaseo, caporione di questa 
scuola, arriva al punto da affermare in Bologna nel 1529, alla 
presenza di Carlo V e di Clemente VII che la lingtm latina 
dovea regnar sola e che Vitaliana doveva essere (abbandonata 
al popolaccio (2). Ma l'audace sentenza non trova largo favo- 



(1) Trattato U Gap. V. 

(2) Frano. Salpi, Ristretto detta storia della ìeiteratura italiana» 
Firenze, 1848, p. 195. 

Arek. Star. Sic. N. 8. anno XIX. 14 



Digitized by 



Google 



210 BBLL'uTFIGIO di segretario OOVTTKALl NBI BIOOLI S00R8I 

re, e un' altra schiera di letterati , capitanata dal Muzio, dal 
Bembo, dal Sannazzaro e da altri molti, difende il nuovo vol- 
gare dalle mossegli accuse e ne mostra Tattitudine a cose di 
alto rilievo. La lotta dura qualche tempo indecisa, ma termina 
alla fine colla vittoria del linguaggio italiano che viene ovun- 
que riconosciuto come lingua nobile ed ufficiale. É il periodo 
appunto in cui Davanzati lotta con TAcrro; in cui Machia- 
velli, segretario della repubblica fiorentina, scrive or in la- 
tino or in italiano le sue lettere; in cui Paolo Paruta, nativo 
e storiografo della repubblica veneta, tentenna prima, dubbioso 
di scrivere in latino o in italiano la storia della sua patria, 
ma preferisce infine la lingua vivente nazionale. È il periodo 
appunto in cui le carte degli stati e de' comuni, incluso quello 
di Palermo, offrono evidenti i segni di questa lotta, per cui i 
due idiomi continuano a regnare simultaneamente, finché al- 
cune disposizioni governative, emanate nel principio del pre- 
sente secolo, espellono per sempre il latino dagli atti pubblici. 
Prendiamo infatti fra mani i volumi dei nostri archivi! e tro- 
veremo che, laddove nel secolo XIV e in parte del XV le 
carte di ogni genere sono vergate in latino, nei secoli appresso 
gli atti propriamente detti continuano a stendersi in latino, 
mentre il carteggio è sempre in italiano, e altre scritture, 
come p. e. i processi verbali delle tornate del consiglio civico, 
sono ad un tempo in latino e in italiano. 

A qual proposito mi cade in acconcio un'osservazione, un 
po' sottile se vuoisi, ma pur vera e valevole a mostrare la 
metamorfosi che insensibilmente subì il linguaggio adoperato 
neUe antiche cancellerie. Nel ricordato atto di elezione del 1312, 
il Senato non determina la lingua da usarsi dal segretario 
comunale , destinato ad scribendum jura et licteras univer^ 
sitatis. Sarebbe stato invero superfluo: il latino era assoluto 
signore nel campo delle lettere e dei pubblici ufflcii. Un se- 
colo e più, dopo, nel 1477, il Senato, nominando segretario il 
Naso, sente il dovere di inculcargli l'uso del latino : ad com- 
ponendum scilicet licteras ei episiolas latino sermone. Era 



Digitized by 



Google 



1 DI AHTOKIO VXNSZIAKO 211 



ben naturale : il basso volgare si avanzava minaccioso, e, nel 
timore che non avesse a battere il suo nobile avversario, 
r autorità comunale reputava necessario imporre ai segre- 
tari la pratica del latino. Passan due secoli e anche in Si- 
cilia, ove gli umanisti continuarono a latinare per tutto il 
secolo XVIII , prosegue la lotta fra i due idiomi nelle sale 
dei pubblici negozii, ma con vantaggio delP italiano che già 
prende dignitoso il suo posto accanto al suo temuto rivale. 
Infatti nell'atto del 1631, per cui si nomina segretario il Ba- 
rone, si dice : qui teneatur servire in omnibus rébvbs .... 
tanto latini quanto vulgari , ecc. Finalmente passa ancora 
altro tempo : gli atti di elezione a segretario comunale non 
fan più motto della lingua da adoperarsi; non ne era più il 
caso; l'italiano aveva trionfato : il latino batteva in ritirata per 
trovare pietoso ma onorato rifugio in Vaticano nell'ufficio del 
segretario delle lettere latine, di quello dei Brevi e dell'altro 
delle lettere ad reges. 

Ma non si creda che l'abbandono parziale del latino e la 
sostituzione dell'italiano nel carteggio ufficiale, abbia nei se- 
coli XVI e XVII diminuito il valore dell'ufficio di segretario; 
che anzi l'uso corretto del volgare in tempi nei quali la cul- 
tura era si poco diffusa, accoppiato alla possibilità di adope- 
rare, come ho detto, ambedue le lingue, dovea invece accre- 
scere nella stima comune il credito della carica. Il quale fu 
tanto che le leggi del regno, da Federico II d'Aragona al Vi- 
ceré De Castro, rigorose nel sottomettere gli ufficii del Comune 
a limiti e restrizioni, ebbero invece a largheggiar di favori 
per quello di segretario. Cosi mentre per le altre cariche erano 
indispensabili le condizioni di cittadino palermitano e di sud- 
dito all'autorità regale, ne fu solo fatta dispensa pel segreta- 
riato al quale erano anche ammessi forestieri e sacerdoti (1). 



(1) Gf. il cap. XX del Conte d'Olivares, nel I tomo dei Capitoli detta 
Città, p. 72; il VI del Conte di Castro, ibìd. p. 97 ; le lettere patrimo- 
niali dei 10 aprile 1600, ibid. p. 517 ; la prammatica del Viceré Duca di 



Digitized by 



Google 



212 BXLL^UfriOIO DI SE6RRTARI0 OOMUVALI VII BSOOLI BOOBSI 

E mentre gli altri ufflcii non poteano, scaduto il triennio, 
prorogarsi, e concedersi con atti di subintranza e di serviant 
ambo, facevasi eccezione pel segretariato, che solea gene- 
ralmente, previo il permesso regio o viceregia, prorogarsi di 
tre in tre anni, concedersi a vita o a beneplacito del Senato, 
e conferirsi anche, durante la vita delFinvestito, ad un futuro 
successore o ad un collaboratore. Era soltanto il merito che 
si cercava, e dovunque si fosse trovato gli si stendeva amica 
la mano. Ond' è che veggiamo il segretariato municipale con- 
ferito nel. 1477 al corleonese Giovanni Naso; nel 1507 al calabrese 
Antonio Prateo de La Mantia; nel 1587 al Sac. Bartolo St- 
rillo; nel 1631 al Sacerdote morrealese Francesco Barone; 
nel 1659 al Sacerdote romagnuolo Francesco Angelo Strada; 
nel 1717 al Gan. Antonino Mongitore ecc. ; nel 1692-98 oc- 
cupato contemporaneamente dallo Strada e dall' Abb. 'Vin- 
cenzo Lamia, chiamato anticipatamente a succedergli ; nel 1783 
tenuto al tempo stesso dai fratelli Gius. Eman. La Placa e 
Natale La Placa ecc. 

Questo che ho detto deirufHcio di segretario nelle nostre an- 
tiche comunità, mettiamolo per un istante a riscontro colla 
celebrità goduta in vita dal Veneziano, e ci sarà facile trovar 
la ragione dell'errore preso dai suoi biografi, dal MoNorroRS 
a noi. Rammentiamo per poco come la fama del grande mor- 
realese salisse tanto alta che non siasi durata molta fatica a 
far credere che lo stesso cantore di Goffredo si sia mosso per ve- 
nire in Sicilia a conoscerlo, e non ci parrà strana e improba- 
bile la congettura eh' egli abbia potuto qualche volta e per 
istraordinaria commissione del Senato adempiere alle funzioni 
di segretario. Che cosa più naturale che in epoca in cui, con 
audacia non più ripetuta appresso, il nostro Senato ardiva 
opporsi, fino a subir l'esilio e la prigionia, alle esorbitanze di 



Albnrqaerqne dei 18 luglio 1531, nel HI voi. di Prammatiche (Cesino), 
p. 78 e nel I tomo dei Capiiolt della Città, p. 226 ; il biglietto viceregio 
dei 16 marzo 1742, ibid. p. 478. 



Digitized by 



Google 



t Dt AirrONIO VENfiZIAHO 2lS 



Viceré, Inquisitori, Regi Visitatori, il Nostro fosse stato dai 
PP. Coscritti di allora incaricato di scriver qualche Consulta^ 
qualche richiamo al Governo in difesa dei dritti e dei privi- 
legi di questa città ? Chi meglio di lui acconcio alla bisogna ? 
Chi più versato di lui nelle cose di Sicilia? Chi al pari di lui 
insigne nelle classiche lettere? Chi come lui pratico del vi- 
vente volgare e del dotto latino ? E questa congettura, a mio 
credere, riceve forza maggiore di probabilità dal considerare 
che, degli indivìdui che occuparono la carica di segretario al 
tempo del Veneziano, tolti i due ultimi, il Branci e il Birillo, 
gli altri non si segnalarono molto per dottrina e del loro 
sapere non stamparono orma alcuna nella storia delle lettere 
siciliane. Quale inferiorità rispetto al Nostro è senza dubbio 
argomento maggiore a credere probabilissimo l'impiego tem- 
poraneo e occasionale delFingegno, della dottrina e della penna 
di lui a beneficio di questa città. 

Nò un tal fatto sarebbe il solo nella storia del nostro Co- 
mune. Due secoli dopo, un illustre Magnate che lasciò di sé 
tanto nome e agli scritti del quale ricorriamo ogni giorno 
come a miniera inesauribile, il Marchese di Villabianca, fu 
talvolta (lo dice egli stesso nei suoi diarii) incombenzato dal 
Senato di allora di stendere qualche consulta al Governo in 
nome della rappresentanza municipale. È venuto perciò mai 
in mente ad alcuno di asserire che quel benemerito cittadino 
e letterato. Senatore più volte della stessa città, ne sia per ciò 
solo stato ordinariamente Segretario? (1). 



(1) Non è soltanto il Veneziano che ó stato creduto erroneamente 
segretario del nostro Comune : vi ha anche un altro, Argisto Oiuffrb, 
il quale, letterato eminente al pari del Veneziano e morto con lui nella 
esplosione dei 19 agosto 1593, é stato come lui ritenuto segretario del 
nostro comune, dairAuRiA nel Teatro degli uomini illustri, dal Oalbaki, 
Canzoni Siciliane, t. I, p. 163, dal Mongitorb , BiblioL Sicula^ p. 84 e 
dal Villabianca, in un elenco dei segretari! del Senato, nel ms. segnato 
Qq. E 81 presso la Biblioteca comunale. Ma io non ne ho trovato men- 
Eione negli atti di questo archivio , come può vedersi dalla tavola in 
flM del presente lavoro. 



Digitized by 



Google 



^14 DBLL^UFnOlO DI BEQEBTAkiO ÒokuNAtE ll£I SBÒOLI ftCOkdt 



Signori, 

Dal momento che Tuomo imprese a narrare le azioni del- 
l'uomo, fino al presente giorno, si è scritto tanto dei fatti del- 
Tumanità che difficile cosa egli è aggiungere altro di nuovo 
al già detto. Per questa difficoltà la mente umana si fk oggi 
invece a riandare le storie passate, a vagliarle con critica più 
soda, a raffrontarle colle carte dei pubblici archivii o con 
nuovi monumenti che l'indefessa ricerca, talora anche il caso, 
portano alla luce del sole, e tutto questo al nobile scopo di 
sfrondare la storia di quanto la credulità, le passioni. Tinte- 
resse vi hanno intrecciato, e di arrivare così a conoscer tutta 
E PIENA LA VERITÀ. Ed è appuuto per questo costante lavoro 
di investigazione e di esame che molti fatti, spogli della veste 
mendace che li ha coverto finora, ci si presentano in guisa 
assai dall' antica diversa. Oggi per la critica ingegnosa del 
NiBBHUR e del Macawlay, i fatti dell'antica Roma, dei quali 
dubitò lo stesso Livio che li giudicò più degni di scena che 
di storia, non sono più i fatti; sono invece divenuti i canti 
popolari deW antica Roma. Oggi per le indagini lunghe del 
Prescott in archivii pubblici» e privati delle Spagne , e del 
LoTHROP in quelli di Hague , Bruxelles e Dresda , D. Carlos, 
principe di Asturias, non è più, come ce l' han dipinto 1' Al- 
fieri e lo Schiller, il temerario ed audace figlio di Filippo 
II, che per vendicarsi del suo padre e signore che aveagli 
rapito la mano della bella Elisabetta di Francia, tenta ribel- 
largli i Paesi Bassi e privarlo della vita, e che, unito in ille- 
cita tresca colla madrigna, muore in fondo di una prigione 
per veleno fattogli propinare dal padre; ma un povero gio- 
vane, impetuoso ed eccentrico per natura, e quasi mentecatto 
per sopravvenutagli infermità, che si strugge, si, d'amore per 
la madrigna, ma dalla quale però altro non riceve che segni di . 
pietoso conforto, e che tradotto in carcere dal padre, vi muore 



Digitized by 



Google 



iB Ì>I ANTOKio VtiKEZtÀltd 2Ìè 



verisìmilmente vittima della propria stranezza e della propria 
frenesia. Oggi per nuova luce che il Gregorovius ha ricevuto 
dagli archivii degli Este e dei Gonzaga, Lucrezia Borgia non 
è più quella donna antonomasticamente mostruosa, quale ce- 
rhan dipinto prima il Victor Hugo, indi il Romani, ma una 
giovane sventurata, strumento inconscio di ambizioni familiari 
ed estranea a tutti quei delitti dei quali la si è voluta comu- 
nemente accusare ; la quale, se nella sua dimora in Roma potò 
talvolta fallire, seppe poi nella sua dimora in Ferrara, sposa 
ad Alfonso II, compensare con una vita esemplare e con una 
niorte veramente cristiana qualche fallo della sua prima gio- 
vinezza. Oggi per nuovi studii del Castiglia, del Siracusa, 
dello Sfata, l'epiteto di malo è tanto ingiustamente applicato 
al P Guglielmo quanto quello di buono al suo successore. 
Oggi per la storia famosa dell' Amari , il Precida non è più 
l'eroe principale e leggendario della riscossa siciliana del 1282, 
ma un traditore che, dopo aver potuto contribuire a liberar 
la Sicilia dalla mala signoria^ giura insieme al Loria omaggio 
e fedeltà al nemico della sua patria. Oggi, per recente lavoro 
dello Starrabba, Antonino Amico non è più quello scrit- 
tore partigiano e preoccupato che i suoi invidi contemporanei 
avrebbero voluto far credere; ma uno storico coscienzioso, 
indipendente, di sano criterio e amico solo della verità. Oggi 
(si parva licei componere magnis\ il Veneziano, per questo 
mio modesto contributo , non è più il segretario ordinario del 
Senato di Palermo, ma un illustre letterato che avrà potuto 
occasionalmente mettere a disposizione di questa città il suo 
ingegno e l'opera sua. 

Cosi son lieto, o Signori, di avere reso un doppio servigio: 
alla verità, prima, cancellando un errore dalla vita del grande 
uomo che oggi onoriamo ; a quest'ultimo poi, al quale negando 
pel presente discorso la carica di segretario comunale, non 
ho già tolto una fronda dalla ghirlanda che lo corona, ma 
tributato anzi un grande elogio. Avvegnaché, ripeto, non si 
dia errore al mondo che duri per tre secoli, se il fatto erro- 



Digitized by 



Google 



216 DBLL*17FIT0Ì0 Dt SEORBTAftlO ÒoknilALÉ Hil ÒMOU BÒOftst 

neo che lo costituisce non sia creduto possibile. E il Vene- 
ziano creduto finora segretario del Comune di Palermo è la 
tacita espressione del convincimento unanime e generale che 
Egli abbia posseduto le alte qualità indispensabili airesercizio 
di una carica tanto importante e che ne sia stato tanto degno 
quanto il Naso, il Branci, il Birillo, il Paruta, lo Strada, il 
MoNoiTORE, il Vitale: uomini tutti eminenti, e che del loro 
nome illustrarono il segretariato municipale della città, capo 
dell'antico reame siciliano. 

Fedele Pollaci Nuccio 



Digitized by 



Google 



h DI ÀHTotrto VslnuiTAiro 21? 



T.UOU CRONOLOGICA DEI CANCELLIERI SEGRETARII DEL COMUNE DI PALERMO 

dal 1477 al 1819 



Giovanni Naso, soprannominato il Poeta Siculo — 1477-81 

É eletto dal consiglio civico cancelliere della città , a* 22 feb- 
braio 1477, col salario di onz. 10 annuali, n Senato gli spedisce il 
privilegio nello stesso giorno. É registrato nel voi. di Atti, Bandi 
e Provviste, 1476-77, f. 226 v*, e fu pubblicato dal Barone Raffaele 
Starrabba, nella monografia : Saggio di ricerche fatte nell'Archivio 
del Comune di Palermo, 1871, p. 18. Il Naso pubblicò, come se- 
gretario, le Consuetudini di Palermo, nel 1478. Di lui e della sua 
pubblicazione f& cenno il La Manti a nella Storia della legislazio- 
ne civile e criminale di Sicilia, voi. II, p. 55-56. Il Mira nel Di- 
zionario Bibliografico, voi. II, (a. 1881) die conto più particola- 
reggiato di questa pubblicazione , che fu, secondo lui , la prima 
fatta in Palermo con data certa, e della quale esiste solo una co- 
pia presso la Biblioteca Nazionale. Ne aveano già prima fatto ri- 
cordo il MoNoiTORE nella Bibliotheca Sicula, 1. 1, p. 355; il Narbone 
nella Bibliografia Sicola Sistematica, voi. II, p. 159 ; e lo stesso 
Mira neiropuscolo : A quale città di Sicilia spetta il primato della 
introduzione della stampa, edito in questa nel 1874. Ne ha scritto 
più recentemente il sac. Ant. Pennino nel Catalogo ragionato dei 
libri di prima stampa ecc. (Pai. 1880), voi. II, pp. 64 e segg. Il 
P. Filippo Evola nella sua Sicilia tipograflco-letteraria (Pai. 1878) 
ne fa solo un ra|)idissimo cenno, a p. 14 e indi un pò* più largo 
a p. 265, a proposito del voi. lura municipalia del Gaggio, pub- 
blicato nel 1548. 

Francesco Sammaccari — 1481-86. 

Per la morte del Naso, il Ck)nsiglio, nella tornata dei 24 luglio 
1481, elegge cancelliere il Sammaogari, poeta laureato, per anni 



Digitized by 



Google 



218 BILL^l^IOtO Dt BiiaBÉfÀ&id dÒUtTNÀLS RÉC SEdoil 0ÒO&8Ì 

sette, col salario di onze 25 annuali , e a condizione che se, spi- 
rato detto termine, volesse continuare a servir la città e non 
restasse contento del detto stipendio, gli si potesse questo aumen- 
tare ad onz. 30 annuali (Da un voi. di Riassunti di Consigli 
Civici, f. 17). — Il Sammaccaui era anche mastro di scola, come ri- 
sulta da due mandati di pagamento, nel voi. di Atti, Bandi e Prov- 
viste, a. 1480-81, ff. 255 v% 268. 

aiovanni Di Leta — 1486-506. 

È nominato cancelliere della città con privilegio senatorio dei 
25 Agosto 1486 e col salario di onz. 6 annuali (voi. di Atti, Bandi 
e Provviste, 1485-86, f. 207 v**). Tre anni dopo, il consiglio civico 
nella tornata dei 12 agosto 1489 (voi. di Consigli Civici, a. 1488-06, 
f. 25) lo nominò anche mastro di scola , col salario di onze 12 
annuali e a condizione che continuasse a servir la città da cancel- 
liere. Vuniversilà gli spedi il privilegio per l'uno e Taltro ufficio 
nel giorno seguente (voi. di Atti, Bandi e Provviste, a. 1488-89, 
f. 238 v% e a. 1490 91, f. 206). 

Antonio Prateo (?) De La Mantia, calabrese, di Aman- 
tea — 1506-16. 

Il Senato, con privilegio dei 23 dicembre 1505 lo nomina ina- 
stro di scola, a beneplacito delfuniversità e col salario di onz. 12 
(voi. di Atti, Bandi e Provviste, 1505-6, f. 180 v). Indi con altro 
privilegio del 1* agosto 1506 gli aumenta il salario ad on. 20 an- 
nuali a condizione di servir la città da cancelliere (Ibid. f. 219). 
Infine il consiglio civico nella tornata dei 14 settembre 1507 gli 
conferma l'elezione senatoria per altri dieci anni<vol. di Consigli 
Civici^ a. 1496-1512 , f. 182 v**), e il Senato gli spedisce il nuovo 
privilegio a' 15 settembre 1508 (voi. di Atti, Bandi e Provviste, 
1508-9, f. 174). È evidente che le parole de la Mantia aggiunte 
al cognome, indicano la provenienza del Prateo in quanto alla 
patria, come se fossero scritte dell* Amantia, Da questa scorretta 
scrittura è probabile che sia derivato in Sicilia il cognome La 
Mantia, reso così chiaro dal Gomm. Gens. Vito, che vive oggi 
fra noi. 



Digitized by 



Google 



a DI iifiiolfio VxNsiÈiAìrò §Ì§ 



Claudio De Leofante — 1516-20. 

È nominato cancelliere a vita con privilegio dei 30 maggio 1516 
(nel voi. di Atti, Bandi e Provviste, 1515-6, f. 257). Ma rinunzia 
alla carica a* 17 settembre 1520, come per atto sotto questa data 
nel voi. di Atti, Bandi e Provviste, a. 1520-21, f. 50. 

• Antonio De Quadragesima — 1520-45. 

Per la rinunzia del Leofante , il Senato , con privilegio dei 
15 settembre 1520 (voi. di Atti, Bandi e Provviste, 1520-21, f. 305) 
nomina cancelliere a vita il Quadragesima , col salario di onze 
nove annuali. 

Paolo Ohaggio o Caio — 1545-54. 

È nominato cancelliere dal consiglio civico nella tornata dei 
18 novembre 1545 (voi. di Consigli Civici, a. 1540-60, f. 124). Il 
Gaio ripubblicò in Palermo, in elegante edizione per le stampe di 
Giov. Matteo Maida e Francesco Carrara, le consuetudini palermi- 
tane, neiragosto del 1558, cioè quasi quattro anni dopo la sua ri- 
nunzia alla carica di segretario, dedicando V opera al Senato di 
Palermo e premettendovi una prefazione, nella quale sembrò ac- 
cennare al suo segretariato colle parole : Quod et si graviora ne- 
gotta frequenter prò hoc urbe sv-scepi ecc. Della sua vita e del suo 
lavoro fecero ricordo il Mungitore nella Bib. Sic., e il Narbone 
nella Bibliografia Sicola Sistematica. Ne hanno anche detto TAvv. 
Diego Orlando nella Bibi di antica giurisprudenza siciliana, 
Pai. 1851, pp. 7-8 ; il La Mantìa (Vito) nella Storia della legisla- 
zione civ. e crim. di Sicilia , p. 56 ; il P. Filippo Evola nella 
Storia tipografico-letteraria ecc. Pai. 1878, a pp. 42 e 265, e il 
Sac. Ant. Pennino nel Catalogo ragionato dei libri di prima 
stampa ecc. Pai. 1880, voi. II, p. 64. 

Vincenzo De Medicis, Clemente Becalbuto, Pietro Fran- 
cesco Salvaringo — 1554-57. 

Per la rinunzia del Gaggio, il Consiglio civico nella tornata 
dei 30 giugno 1554 nomina il De Medigis cancelliere ed archiva- 



Digitized by 



Google 



22Ò BBLL^UFFIOIO Dt SROBflTARlO 0Ollt7KAl.fi ma SfiOOU 8OOB0t 

rio (voi. di Consigli Civici, a. 1540 60, f. 382 V) e il Senato gliene 
spedisce il privilegio a 1* luglio dello stesso anno (voi. di Atti^ 
Bandii e Prowiiie, 1553-54, f. 357 v"). Con posteriore atto dei 31 
luglio 1556, dovendo il Medici attendere anche airufflcio di archi- 
vario, il Senato lo faculta a farsi sostituire dal Regalbuto (voi. 
di Atti, 1556^, f. 146) , e con altro atto del 1* giugno 1557 lo 
faculta parimente a farsi surrogare da un Pietro Francesco Sal- 
VARINGO (voi. di Atti, 1556-57, f. 124 v"). 

Alessandro Del Palla — 1557-62. 

Per la rinunzia del Medici, il Consiglio civico, nella tornata 
dei 19 ottobre 1557, nomina segretario il Del Palla (voi. di Con- 
sigli Civici, a. 1540-60, f. 490 v*»). 

Bartolo La Torre — 1562-65. 

Per la morte del Del Palla, il Senato con atto dei 17 Dicem- 
bre 1562 elegge segretario a vita il La Torre (voi. di Atti, 1562- 
63, f. 50 V). 

Pietro Perreri — 1565. 

Per la morte del La Torre, il Senato con atto dei 16 giugno 
1565 commenda Y ufficio di segretario a detto Ferrbrx (voi. di 
Atti, 1564-65, f. 176). 

Giovanni De Pinedo — 1565-68. 

Rimasto vuoto il posto per morte o rinunzia del Ferreri, il 
Senato con atto del 1" dicembre 1565 lo incommenda al Pinedo 
(voi. di Atti, 1565-66, f. 40 v.»). 

Bartolomeo Mancino — 1568-71. 

Essendo al tempo stesso il Pinedo Maestro Notare e non po- 
tendo attendere a due ufflcii , il Senato con atto dei 31 agosto 
1568 incomm^nda a suo beneplacito il segretariato al Mancino 
(voi. di Atti, 1567-68, f. 216). 



Digitized by 



Google 



I DI ANTOXIO VINISIAVO 221 



Franoesco Lo Oadelo — 1571-73. 

É nominato segretario a beneplacito del Senato con atto dei 
17 agosto 1571 (voi. di Atti, a. 1570-71, f. 290). 

Girolamo Brand — 1573-87. 

Per la morte del Lo Gadelo il Senato con atto dei 2 febbraio 
1573 nomina il Branci per tutto il tempo della di lai vita (voi. di 
Atti, 1573-73, f. 104). 

Sac. Bartolo Sirillo — 1587. ^ 

Per la morte del Branci, il Senato con atto dei 22 giugno 1587 
elegge il Sirillo per un triennio (voi. di Atti, 1586-87, f. 181 v*.). 
Per atto degli 11 settembre 1593 lo conferma per un altro trien- 
nio (voi. di Atti, 159.'V94, f. 12 v."). Essendo stato nel dicembre del 
1597 spedito dal Senato in Spagna a S. M. per la difesa di alcuni 
privilegi di Palermo e con lettere credenziali dei 30 novembre di 
quell'anno (v. Registro di lettere e patenti, 1592-1610, f. 151 v), 
gli viene prima per atto dei 16 gennaio 1598 (voi. di Atti, 1597-08, 
f. 84) surrogato il Dr. Carlo Smaroio, e indi per altro atto degli 
11 settembre dello stesso anno (voi. di Atti, 1598-99, f. 18) Vin- 
cenzo Ferreri. 

Durante il segretariato del Sirillo e del Ferreri, il Senato 
fonda in Palermo una cattedra di filosofia morale, e chiama a leg- 
gervi il Dr. Scipione Gelano, col salario di onze cinquanta an- 
nuali (voi. di Atti, 1598-99, ff. 74 v.« e 132). 

Vincenzo Ferreri — 1599-1605. 

Trovandosi assente dal regno il Sirillo, mandato, come s*ò 
detto, dalla Città in Spagna, ove mori circa il 1508 (Monoitork, 
Bibl. Sic., p. 98), il Senato con atto dei 30 giugno 1599 ( voi. di 
Atti, 1598-99, f. 161 v."*) nomina difflnitivamente il Ferreri per 
un triennio. 

Si avverta che il Marco Serio , nella sua opera Super panh 



Digitized by 



Google 



222 DlLL'lTFriOIO DI SBeRBTABIO COHDNALB KBI BBOOU B00B8I 

cMis, a p. 88, col. 2, chiama il Ferreri Ferraut, ma è evidente- 
mente un errore venuto da cattiva lettura del nome. 

Filippo Paruta — 1602-31, 

È eletto segretario per atto dei 30 agosto 1602, approvato da 
S. E. a 13 agosto 1603. Si mise in tenuta della carica da settem- 
bre 1605 in poi. Con atti dei 31 agosto 1607 e 15 marzo 1611 (nel 
voi. di Atti 1610-11, p. 260) gli viene confermata pei triennii suc- 
cessivi. Finalmente è nominato segretario a vita, e per altro atto 
dei lo dicembre 1627 , dopo approvazione viceregia , ottiene dal 
Senato la facoltà di farsi sostituire dal figlio Francesco (voi. di 
Atti, 1627-28, f. 83 v.o). 

Francesco Barone — 1631. 

Per la morte di Francesco Pardta, il Senato con atto dei 31 
gennaio 1631 (nel voi. di Atti 1630-31 f. 149 v^) elegge il morrea- 
lese Francesco Barone. Alcuni giurati, con protesta dello stesso 
giorno, vi si oppongono, per non essere il Barone palermitano e 
secolare: ma la loro protesta rimane senza effetto (Ibid. f. 150). 

Girolamo Assali e Salomone — 1631-32. 

Viene eletto segretario per tre anni con atto dei 13 agosto 1631 
(nel voi. di Atti 1630-31, f. 323 W). 

Gabriele Lo Cicero — 1632-47. 

Per rinunzia dello Assali, il Senato con atto dei 22 novembre 
1632 (nel voi. di Atti, 1632-33, f. 52) nomina segretario detto Lo 
Cicero. Questa votazione non fu unanime, avendo alcuni giurati 
votato a favore di Giuseppe Vitale, gentilhuomo principale, ha- 
bile e sufficiente et intendente di belle lettere humane (Ibid. f. 52 
v°.). Per altro atto dei 31 agosto 1637 (nel voi. di Atti, 1636-7, 
f. 345) il Senato, dopo licenza vìceregia, conferma al Lo Cicero la 
carica per altri sei anni ; quale conferma fu ripetuta per altri sei 
anni, per nuova licenza viceregia, con atto dei 5 marzo 1644 (vo- 
lume di Atti, 1633-34, f. 98 v."). 



Digitized by 



Google 



I DI ANTOiriO TBHBZIAirO 228 



Giuseppe D'Alaimo — 1647-50. 

Per la morte del Lo Cicero, il Senato con atto dei 30 aprile 
1647 (voi. di Atti, 1646-47, f. 159) nomina il detto D' Alaimo per 
anni tre. 

Sac. Vincenzo Pleccia — 1650-59. 

E nominato segretario con atto dei 10 ottobre 1650 (voi. di Atti, 
1650-51, f. 23), dopo dispensa ottenuta da S. M. alla di lui qualità 
chiericale, con lettere date a Madrid a 25 maggio dello stesso anno 
e transuntate nel suddetto atto dei 10 ottobre 1650. 

Giovanni Domenico De Ballis — 1659. 

Per la morte del Flbcoia, il Senato con atto dei 4 luglio 1659 
(voi. di Atti 1658-59, f. 166) nomina il detto De Ballis. 

Sac. Francesco Angelo Strada (1) — 1659-98. 

Per rinunzia del De Ballis, è eletto il romagnuolo F. A. Strada 
per atto dei 15 dicembre 1659 (voi. di Atti, 1659^, f. 54), e per di- 



(1) Pochissime notizie sono a noi pervenute di questo insigne lette- 
rato del secolo XVII, tanto che oggi taluno é caduto in equivoco su qual- 
che particolarità della vita di lai , come p. es. , sul luogo della nascita, 
essendo egli nato nelle Romagne e non in Sicilia. Lo stesso Mongitorb, 
che pure fti suo contemporaneo^ nulla ne disse nella sua Biblioteca Sicula, 
e niun conto ne teonero anche il Ragusa nella Biblioiheca recens, e 
r AuRiA nel Teatro degli uomini illustri : ambedue questi ultimi , come 
il Mongitore, contemporanei dello Strada. Piacemi quindi dirne qualche 
cosa , servendomi di taluni ragguagli che ho potuto raccogliere fra le 
memorie di questo archivio comunale. 

Francesco Anqblo Strada , stando all' assicurazione del Mongitore 
nel SQO diario (Bibliot. stor. e lett. di Sicilia del Di Marzo , voi. VII, 
p. 172) non fu, come dissi, nativo di Palermo , ma delle Romagna Non 
sorge da questo archivio comunale quando siasi recato in Palermo e se 
abbia ottenuto la cittadinanza palermitana. Vestì 1* abito chiesastico, e, 



Digitized by 



Google 



224 DILL'umOIO di BXGRBTABIO OOMUKALI XII BIOOLI SGOBBI 



spensa alla sua qualità chiericale, ottenuta da S. E. e dal Tribunale 
del R. Patrimonio. É confermato per altro triennio per atto dei 15 



come dice egli stesso in un suo memoriale al tribunale del R. Patrimonio) 
visse esercitando la professione di segretario della quale fece particolare 
studio per rendersi capace et hàbile per quelli poHi che vacassero, ecc. 
(voi. di Provviste, a. 1650-60, f 29 , P. II). Per questa pratica infetti e 
per la reputazione della sua dottrina, rimasto vuoto il posto di segretario 
del Clomune per la rinunzia di Giov. Domenico De Ballis , il Senato lo 
cbiamò air alto ufficio con atto dei 15 dicembre 1659 (voi. di Atti, a. 
1659-60, f. 54); in quale atto egli non ò qualificato come cittadino paler^ 
mitano colle due iniziali G. P. siccome soleva farsi per tutti i palermi- 
tani chiamati alle cariche del proprio Comune. Ma la sua condizione di 
straniero non gli fu di ostacolo alla elezione suddetta, non essendo tale 
qualità, come ho detto nel superiore discorso , richiesta indispensabil- 
mente dalle leggi del tempo per V ufficio di segretario del Comune. Gli 
era invece d* impedimento la sua qualità ecclesiastica, per una pramma- 
tica dei 18 luglio 1631 del viceré Duca di Alburquerque (v. voi. di Pram- 
tnaticke del Cesino, p. 78) la quale vietava il conferimento di talune 
cariche comunali a persone esenti dalla giurisdizione regia ; ma questo 
intoppo gli venne rimosso per dispensa concessagli con lettere patrimo- 
niali degli 11 Dicembre 1659 (nel cit. voi. di Provviste, a. 1659-60, P. II, 
f. 29). Durante il suo segretariato si recò due volte in Roma per affari 
proprii e del Comune e per incarico di questo; la prima neir aprile del 
1668; la seconda nel marzo dei 1670; e tutte due le volte per ottenere 
dalla S. Sede V indulto pella prorogazione del decennio per la contribu- 
zione degli ecclesiastici alle gabelle civiche ( voi. di Consulte , 1666-68 ; 
ff. 55, 56 ; e quello per gli anni 1668-70, alle lettere in data dei 15 marzo). 
Esercitò la mentovata carica fino ai 15 aprile 1698, quando cessò di vi- 
vere ; ma negli ultimi anni di sua vita, oppresso dall* età e dalla fatica, 
fh interina mente sostituito dairab. Vincenzo Lamia, che gli successe poi 
neir ufficio. Fu anche avvocato segreto del tribunale della SS. Inquisi- 
zione e revisore di stampe per parte di questo. lasciò parecchie opere, 
due delle quali, in difesa di Palermo contro Messina, furono pubblicate 
a spese del Senato al quale TA. le dedicò , cioè: V Aquila trionfante e 
la Clemenza reale. Un' altra in difesa di Palermo contro Catania pel 
privilegio dello studio generale, reca il titolo : Quietationes quiòus aucto^ 
ritas regia vindicatur, ecc., e servì di risposta ad altra opera sullo stesso 
soggetto e a Divor di Catania, scritta dal marchese Ignazio Gastone, giu- 



Digitized by 



Google 



I DI ANTONIO VBMEZUNO 



novembre 1662 (voi. di Atti, 1662-63, f. 73). É nominato segretario 
a vita per atto dei 2 agosto 1663, in virtù di lettere reali dei 31 
maggio 1663 (voi. di Atti, 1662-63, f. 264 v.°). Essendosi recato in 
Roma per commissione del Senato, gli è durante l'assenza sostituito 
D. Orazio Vanni per atto dei 18 aprile 1668 (voi. di Atti, 1667-68, 
f. 232). Allontanatosi altra volta per andare a Roma in servizio 
di questa città, gli è sostituito D. Giacinto Campanile , abbate di 
S. Filippo Magno per atto dei 17 marzo 1670 (voi. di Atti, 1669-70, 
f. 109). Indi, con atto dei 29 del seguente aprile, il detto Abbate Cam- 
panile è nominato sostituto ordinario dello Strada in tutte le va- 
canze di quest' ultimo (ibid.). Finalmente, per V avanzata età dello 
Strada, il Senato con atto dei 3 marzo 1692 nomina segretario 
r Abb. D. Vincenzo Lamia, col dritto di succedere allo Strada dopo 
la di lui morte (voi. di Atti, 1691-92, f. 106 v^). 

Abb. Vincenzo Lamia— 169&-1 701. 

Per la morte dello Strada , il Senato conferma nella carica 
TAbb. Vincenzo Lamia, per atto dei 15 aprile 1698 fvol. di Atti, 
1697-98, f. 155 v°.) Indi per atto dei 5 dicembre dello stesso anno, 
e con approvazione sovrana, lo nomina segretario a vita (voi. di 
Atti 1698-99, f. 58). 



reconsulto catanese. Per un eleDco completo delle sue opere, si veda il 
Dizionario bibliografico del Mira. 

Divenuto per affetto a questa città più palermitano dei Palermitani, 
non mancò mai, come segretario del Comune e come privato individuo, 
di imprenderne la difesa contro le pretensioni di altre città rivali del- 
l'isola ; in quale opera, benché si fosse proposto di esser moderato e 
prudente, è a deplorare che non abbia poi nel fatto mantenuto una dignità 
pari alla sua dottrina. Però quella generosità che lo Strada non usò 
verso gli scrittori rivali, è nostro dovere usar verso di lai, e attribuire 
quegli eccessi non air indole sua ma a quella dei tempi, quando appunto 
quegli eccessi formavano un titolo di benemerenza verso la propria città: 
ciònonpertanto niuno mette ora in forse che lo Strada occupi degna- 
mente un posto fra i no^ri più illustri letterati del secolo XVII, e il 
rammentar lui mi é parso opportuno in un lavoro consacrato alla me- 
moria di altro grande letterato, di Antonio Veneziano. 

Arch. Stor. Sic. N. S. anno XIX. 15 



Digitized by 



Google 



226 dell'ufficio di BEORSTARIO OOMOHALB KU BICOU SCORSI 



Sac. Antonino Ohiens — 1701-4. 

Per la morte del Lamia viene eletto detto Ghiens per atto dei 
25 giugno 17(»1 (nel voi. dì Atti, 1700-1, f. 248 v.«) 

Sac. Marco Antonio Risicato — 1704-5. 

Pel trascorrimento del triennio del Ghibns , il Senato nomina 
detto Risicato per atto dei 30 giugno 1704 (voi. di Atti, 1703-4, 
f. 412 V*). 

Sac. Pietro Vitale - 1705-17. 

Per la morte del Risicato, viene eletto il Vitale con atto dei 
20 aprile 1705 (voi. di Atti, 1704-5, f. 182 v'). È confermato per 
altro triennio in esecuzione di lettere reali, con atto dei 14 aprile 
1707 (voi. di Atti, 1706-7, f. 234 v.''). Id. per altro triennio con atto 
degli 8 gennaio 1710 (voi. di Atti, 1700-10, f. 134). Id. pel triennio 
successivo con atto dei 13 gennaio 1713 ( voi di Atti , 1712-13, 
f. 630 V.). 

Oan. Antonino Mongitore — 1717. 

Pel decorso dell* ultimo triennio del Vitale, il Senato con atto 
dei 2 giugno 1717 (voi. di Atti, 1716-17, f. 320) conferisce la carica 
al Mongitore ; ma questi vi rinunzia a' 3 del seguente luglio per 
r interdetto pontificio imposto allora alla Sicilia. Si veda quanto 
ne narra egli stesso lungamente nel suo diario, a p. 276 dell' Vili 
volume della Biblioteca storica e letteraria del Di Marzo. 

Vincenzo Parisi — 1717-20. 

Per la rinunzia del Mongitore il Senato con atto degli 8 luglio 
1717 elegge il Parisi (ibid. f. 369 v.<>). 

Gioacchino Di Bona— 1720, 

Per la morte del Parisi è eletto il Di Bona con atto dei 5 lu- 
glio 1720 (voi. di Atti, 1719-20, f. 287 v.°). 



Digitized by 



Google 



B DI AHT0510 VKRBZIAHO B27 



Sac. Pietro Vitale — 1720-28. 

Per rinunzia del Di Bona, il Senato nomina il Vitali con atto 
dei 19 dicembre 1720 (voi. di Atti, 1720-21, f. 149). È confermato 
sino a di lui beneplacito con atto dei 9 novembre 1722, e in ese- 
cuzione di lettere viceregie dei 21 del precedente ottobre (voi. di 
Atti, 1722-23, f. 112 v.®). Del Vitale scrisse il Mongitore nella sua 
Biblioteca Sicula, t. II, p. 162, e Appendice II, p. 45. 

Cesare Belila, (B.ne di Oamemi) e Sac. Vincenzo Torre- 
grossa— 1728-31. 

Per la morte del Vitale occorsa agli 11 marzo 1728 (v. diario 
del Mongitore nel voi. IX della BiblioL slot\ e lett. del Di Marzo, 
p. idi) il Senato con atto del 13 seguente nomina il detto Bellia 
(V. Atti, 1727-28, f. 235 v.®). Quale nomina per atto dei 21 agosto 
seguente è annullata, e con altro atto dello stesso giorno ò sosti- 
tuito il sac. ToRREGROSSA (vol. di Atti, 1727-28, f. 235 v.* in mar- 
gine deir atto degli 11 marzo 1728, e ibid. f. 502 v.""). Ma indi per 
lettere patrimoniali del l*» marzo 1729 {Prowiste, 1728-29, f. 190) 
e atto provisionale dei 5 aprile 1729 in dorso d' un biglietto di 
R. Segreteria dei 2 dello stesso aprile (Ibid. f. 210), il Bellia ò 
rimesso in carica e il Torregrossa allontanato. 

D. Pietro La Plaoa e Rao — 1731-54. 

È nominato segretario insieme con Cesare Bellia, B.ne di 
Gamemi, per atto dei 4 giugno 1729 (nel voi. di Atti, 1728-29, fo- 
glio 349). È confermato a suo beneplacito per dispensa ottenutane 
da S. M. e per atto dei 12 marzo 1732 {Atti, 1731-32, f. 195). 

Giuseppe Emanuele La Placa — 1754-85. 

Per la morte di D. Pietro La Placa, viene nominato il figlio 
Giuseppe Emanuele, per atto dei 18 dicembre 1754 (voi. di Atti, 
1754-55, f. 78 v«.): è confermato a beneplacito per lettere di Reale 
Segreteria dei 30 settembre 1757 (voi. di Provviste, 1757-58, f. 77), 
e consulte del Senato dei 23 gennaro 1757 (voi. di Consulte, a. 1756-60, 
ff. 182, 207). 



Digitized by 



Google 



228 Djn.L*uFnoio di ssorbtario oovdkìlb hh noou morbi 



Oiu8. Emanuele La Placa e Natale La Placa— 1785-800. 

Per un atto di serviant ambo dei 31 ottobre 1785 , il Senato 
nomina Natale La Placa segretario insieme col fratello Gius. 
Emanuele, gravemente infermo (voi. di Atti, 1785-86, f. 48 v®.) 

Pietro La Placa — 1800. 

Per grave infermità di Natale La Placa, il Senato con atto dei 
29 gennaio 1800 nomina segretario il figlio D. Pietro (voi. di Atti, 
1799-800, f. 65). È confermato per lettere reali dei 16 settembre 
1812 (voi. di Provviste, 1812-13, f. 58 r».) e per atto senatorio dei 
28 dello stesso mese (voi. di Atti, 1812-13, f. 51 v.*) 



Digitized by 



Google 



BULLETTINO BIBLIOGRAFICO 



Le Odi di Pindaro dichiarate e tra- 
dotte da GHluseppe Fraooaroli 
Prof. ord. di letteratura g^^eca 
nell'Università di Messina, Ve- 
rona, Stabilimento tipo-Utogr, G. 
Franchini, i894, ln-8» gr., pagg. 
XVI, 732. 

Gli accurati stadj sparsi, che da 
varj anni il Prof. Fraccaroli ha mes- 
si faori su Pindaro, ora riunisce e 
completa con questo splendido vo- 
lume, che segna un*orma durevole 
nel campo della critica e della scien- 
za filologica. «Il poeta più difficile 
del mondo classico , il più lontano 
dal sentire moderno, il più ignorato 
dal publico nostro » é presentato 
ora agli Italiani in una interpreta- 
zione che va a fondo, per quanto é 
possibile , del pensiero del grande 
lirico, e che tenendovisi fedele, rie- 
sce nel tempo istesso sufficiente- 
mente piana ed elegante. 

Il Fraccaroli , con quella valen- 
tia che i più competenti gli ricono- 



scono, senza l'idea di voler rifare o 
emendare il testo delle Odi, ma te- 
nendosi a quello curato da Ticone 
Mommsen e proponendo solo poche 
e lievi mutazioni per lo più di pun- 
teggiatura, interpreta egregiamente 
e chiarisce parecchi luoghi sin qui 
rimasti oscuri e dubbii; e ciò mercé 
< la indagine sistematica sul modo 
di concepire di Pindaro , lo studio 
psicologico de* nessi e delle forme 
del pensiero, quale ci appare airana- 
lisi spregiudicata del testo e dei fatti 
che conosciamo >. Tutto questo il 
Fraccaroli studia minutamente e di- 
ligentemente negli eruditi Prolego- 
meni (cap. I!!), dopo di avere stu- 
diato la vita di Pindaro (cap. I) e le 
tradizione della lirica dorica e la 
tecnica della lirica Pindarica (cap. 11). 
Ogni singola Ode é poi analizzata e 
sviscerata e dichiarata minutamente, 
di modo che il pensiero e Parte pin- 
darica e le storiche allusioni riesco- 
no a comprendersi con sufficiente 
chiarezza. 



Digitized by 



Google 



BULLBTTINO blBLÌOORÀVIOO 



Lodando meritamente il Profes- 
sore Fraccaroli, che insegna in una 
nostra Università, noi dobbiamo at- 
testargli anche e massimamente la 
nostra gratitudine pel contributo pre- 
zioso che porta agli stucU della an- 
tica storia nostra. Poiché non é chi 
non sappia che Pindaro celebrò as- 
sai la Sicilia e i Siciliani vincitori 
ai giuochi olimpici: J^rone siracu- 
sano, Terone agrigentino, Psaumide 
camarinese (tre volte), Agesia sira- 
cusano ecc. 

L'opera, rivolta nel tempo stesso 
ai filologi ed alle persone colte in 
generale, è siffatta da appagar gli 
uni egli altri, che son pure oggidì 
sì esigenti ed incontentabili. 

S. S.-M. 



Q, Tropea, libero docente dì storia 
degli antichi popoli ilalici presso 

. la R, Università di Roma. Sto- 
ria dei Lucani. (Geografia- Etno- 
grafia-Colonizzazione greca). Mes- 
sina, Tipografia D'Amico, i894, 
In-8% pp. XVI, 216. 

La storia antica della Lucania , 
una regione delle più interessanti e 
delle men conosciute d'Italia, meri- 
tava d'avere un cultore che al gran- 
de amore unisse un lungo studio , 
non solamente sugli autori e su' do- 
cumenti, ma ancora su' monumenti 
archeologici, filologici ed etnografi- 
ci, e tale studio fecondasse con cri- 
tica oculata e spassionata. Il Prof. 



Tropea b*ó accinto animoso airope- 
ra, appunto con tali intendimenti ; 
ed in questo volume, che verrebbe 
ad essere come una introduzione 
alla storia del popolo lucano , egli 
« studia la geografia della regione , 
le popolazioni italiche antichissime 
che la abitarono prima dei Greci , 
quelle greche che sopraggiunsero, e 
termina proprio nel momento in cui 
la gente osca é per invadere tutto 
il paese lucano ». 

L'A. ha fatto del suo meglio per 
raggiungere il fine propostosi, spe- 
cialmente giovandosi con discerni- 
mento delle fonti letterarie; ma egli 
stesso è costretto a confessare che 
ancora non poco resta a fare di ri- 
cerche negli Archivi privati e pub- 
blici ed in Biblioteche, come quasi 
del tutto ò deficiente la parte ar- 
cheologica, mancando le ricerche e 
gli scavi indispensabili. Pertanto il 
suo lavoro non ha la desiderabile 
compiutezza e sicurezza che egli de- 
siderava di dargli; pur, così com'è,, 
riesce il più completo (per la parte 
che tratta) ed il più criticamente 
condotto di quelli che l' han prece- 
duto. Le notizie su Metapontion, Sy^ 
baris. Siris, Tarentum, Kroton etc. 
etc. sono, nella lor succosa brevità, 
ben ordinate e ben esposte tutte, e 
con opportuna dottrina illustrate. 

S. S--M. 



Guido delle Colonne Giudice di Mes* 
Sina e i Giudici in Sicilia nei 
secoU XIII e XIV. Nota del So- 



Digitized by 



Google 



BiJLLimiro BIBLIOetUVIOO 



281 



CIÒ Vincenzo Di Giovanni. Ro- 
ma, Tipografia della R. Accade- 
mia dei Lincei, i894. In 8% p. 14. 

L*infaticabile nostro Prof. Y. Di 
Giovanni , con la sua abituale era- 
dizione ha rivendicato a Messina il 
famoso Guido delle Colonne, e com- 
battendo le conclnsioni alle quali era 
venuto il Prof. Monaci (vedi in que- 
HVArchiviOy XVII, p. 382), dimostra 
con copia di prove documentali, che 
per le Consuetudini di Palermo e 
Messina si poteva ben essere Giudi- 
ce nella propria città, e precisamente 
Giudice « ad contracliu », come era 
Guido; che questi pertanto rimane 
quel che Dante lo disse e fin qui era 
da tutti tenuto, cittadino nativo mes- 
sinese, autore delle Canzoni e della 
Hiitoria Troiana. 

S. S.-M. 



UfiTO Antonio Amico. Per la so- 
lennità centenaria di Antonio Ve- 
neziano. Discorso letto alla Regia 
Accademia di scienze, lettere e 
belle arti di Palermo ai 20 di 
agosto i893. Firenze, Tipografia 
di G, Barbèra, i894. In 16«, pa- 
gine 47. 

In morte del Prof. E, lA)mbardù 
Parole del Prof. U. A. Amico, 
lette nella Piazza del Politeama 
a di i7 marzo 1894. S. 1. e a. 
(Palermo, Tip. Fratelli Vena,i894}. 
In 8*, pp. 14. 

L*egregio Prof. Amico illustra , 



con squisito senso d* arte , 1* opera 
letteraria del valoroso poeta mon- 
realese , del quale mette in rilievo 
Terudizione classica, Talto ingegno, 
la valentia nel poetare e in latino e 
in vernacolo. Il discorso, eietto nella 
forma, temperato ed equo ne* giu- 
dizj, proporzionato ed abile in quel 
che concerne la vita del Veneziano, 
è degno del plauso che ottenne alla 
lettura innanzi a numerosi Socj del- 
la Reale Accademia di Palermo , la 
quale solennizzò anch' essa degna- 
mente il terzo centenario della di- 
sgraziata morte del € siculo Petrar- 
ca». 

Le parole sul Lombardi , per 
quanto brevi e di occasione perché 
dette innanzi al foretro, sono riboc- 
canti di affetto e per sommi capi ri- 
cordano le virtù deirestinto e come 
poeta e come cittadino. Sono state 
stampate a spese del Preside e de* 
Colleghi del R. Liceo-Ginnasio Vit- 
torio Emanuele, ove il Lombardi in- 
segnava. 

S. S.-M. 



O-iuseppe Travali. Un atto di as- 
segnazione di dote del Ì4i6. Pa- 
lermo, Tip, e Lit. Salvatore Biz- 
zarria, Corso V. E. N. 375, Pa^ 
lazzo Riso, i894. In 8% pp. 11. 

L*atto, disgraziatamente, ò in- 
completo, mancando alcuni fogli nel 
Registro di Notar M. La Muta d*on- 
de e trailo; ma ó importante, e per 



Digitized by 



Google 



232 



BULLEtTIVO BIBLIOORAflCO 



i contraenti (delle famiglie Peralta 
e Crispo) e per sé stesso, poiché ri- 
guarda un matrimonio contratto 
€per verba de futuro secundum mo- 
rem et coruxieiudinem grecorum 
usque ad nativitatem filiorum, et 
inde, natis filiis, ad morem et con- 
suetudinem latinorum ». Il Travali, 
in breve e succosa introduzione, il- 
lustra queste due forme di contratto 
ed i nomi dei contraenti. 

S. S.-M. 



Paolo IiaRoooaImpellizzeri.iVor- 
vedimentiper la Sicilia. Ragusa, 
Tip.Piccitto e Antoci,i894, ln-16», 
pp. 43. 

Tra* molti libri e opuscoli, ai 
quali han dato luogo le recenti do- 
lorose vicende della Sicilia, registria- 
mo questo del La Rocca Impellizzeri, 
nel quale la questione de' provve- 
dimenti utili per risola è trattata 
con buon senso, giuste osservazioni 
ed eque vedute. I/A. non crede al- 
Tefflcacia (discutibile assai o addirit- 
tura dannosa) della modìfìcazione del 
patto agrario, della limitazione delle 
ore di lavoro nelle miniere, delPob- 
bligo di pagar i dazj inmon«)ta, del 
porto franco doganale; crede utile 
Taiuto air emigrazione volontaria , 
che vorrebbe diretta neir Africa ita- 
liana, e Tabolizione de* dazj d* uscita 
sui zolfi. E poiché riconosce vera 
causa di tanti mali le crisi agricole 
e minerarie e commerciali^ fa delle 



sennate proposte a proposito di al- 
cune imposte (ricchezza mobile, fab- 
bricati, tasse minime ecc.) e deiren- 
te Provincia e de* latifondi e terre 
di enti morali. 

S. S.-M. 



Scritti vari di P. Villari. — La sto- 
ria è una Scienza 9 — Giovan 
Battista Vico — Francesco De 
Sanctis e la Critica in Italia— 
Edmondo De Amicis e i suoi cri- 
tici — Nuovi tormenti e nuovi 
tormentati — La Rifonna della 
Beneficenza— Luigi La Vista — 
Margherita FuUer Ossoli— La 
Giovinezza del Conte di Cavour 
— Carlo Tenca.— Bologna^ Ditta 
Nicola Zanichelli (Cesare e Gia- 
como Zanichelli) , 1894, In 16" , 
pp. IV, 531. 

L'illustre Autore della Storia di 
Girolamo Savonarola e del Machia- 
velli porta in qualunque suo scritto, 
anche di occasione, queiraltezza di 
vedute e quella dirittura di apprez- 
zamenti che derivano dal forte in- 
gegno e dalla molta dottrina accom- 
pagnati a molto innato buonsenso. 
Questi Scritti, ora messi insieme in 
unico volume, ma già ben noti a 
tutti e pregiati sin da quando ven- 
nero fuori la prima volta, ò in Pe- 
riodici innanzi ad opere altrui , 
non hanno bisogno di essere qui da 
noi analizzati; basta, pe* nostri let- 
tori, che noi ne diamo T annunzio; 



Digitized by 



Google 



HULtStrtNO fimUOGRA^lOO 



23S 



però , per la speciale loro impor- 
tanza, vogliamo segnalali il primo, 
il quinto, il sesto di essi scritti, co- 
me quelli che sono palpitanti di at- 
tualità (come in gergo giornalistico 
si dice). 11 quinto si può considerare 
come un'appendice alle celebri Let- 
tere meridùmali dell* istesso A., e 
fa molto mestamente meditare. 

S. S.-M. 



Benedetto Orooe. La Corte del- 
le tristi Regine a Napoli. Dal 
« Cancionero General ». Napoli^ 
MDCCCXCIV, In 8% pp. 24. 

Un poema spagnuolo sincrono in- 
torno alle imprese del Gran Ca- 
pitano nel Regno di Napoli, La 
« Historia Parthenopea » di Alon- 
so Hernandez. Notizia di Bene- 
detto Orooe. Napoli, MDCCC- 
XCIV. In 8^ pp. 20. 



Primi contatti fra Spagna e Italia, 
Memoria letta aW Accademia 
Pontaniana nella tornata del i9 
novembre i803 dal socio Bene- 
detto Orooe. Napoli, Tipografia 
della Regia Università, Nel già 
Collegio del Salvatore , i893. In 
4% pp. II, 30. 

La Corte spagnuola di Alfonso di 
Aragona a Napoli. Memoria let- 
ta ali* Accademia Pontaniana 
nella tornata dell' ii febbraio i894 
dai socio Benedetto Orooe. Na- 
poli, Tipografia della Regia Uni- 
versità, Nel già Collegio del Sal- 
vatore, i894. In 4*», pp. II, 30. 

Di un antico Romanzo spagnuolo 
relativo alla storia di Napoli^ la 
« Question de Amor ». Notizia 
di Benedetto Orooe. Napoli 
MDCCCXCIV, In 8% pp. 26. 

Versi spagnuoli in lode di Lucre- 
zia Borgia duchessa di Ferrara 
e delle sue Damigelle pubblicati 
da Benedetto Orooe. Napoli, 
MDCCCXCIV. In 16« gr, , pagi- 
ne XVI, 13. 



Questa serie d^importanti mono- 
grafie fanno parte di un lavoro che 
VA. va compiendo e darà presto in 
luce (come ci auguriamo), intorno 
ai rapporti tra Spagna e Italia, che 
per circa due secoli vissero in una 
quasi comunione di vita. Con larga 
preparazione, con completa cono- 
scenza delle due letterature, con lo 
acume critico che gli ó abituale, l'A. 
raccoglie ed ordina ed illustra tutto 
quanto fa al caso suo, cominciando 
da' precedenti^ ossia dalle relazioni 
politiche commerciali e letterarie 
che corsero tra le due nazioni per 
tutto il medio evo. Torneremo, ad 
opera compiuta, a dirne più larga- 
mente ai lettori del nostro Archi- 
vio; e tanto più volentieri in quan- 
to che, com'è naturale, la Sicilia ha 
larga parte nell' opera dell' illustre 
scrittore napoletano, e questa parte 
noi vorremo singolarmente rileva- 
re. Ora facciam punto, avvertendo 
prima che, a proposito dell'odio fin 
da antico tempo nutrito contro ì Ca- 
talani in Italia e della pessima fama 
che essi godevano, si può aggiunge- 
re quest^altra testimonianza che ci 



Digitized by 



Google 



284 



BÙLLITTÌRO BIBLIOéSAFIOO 



dà il proverbio Bìciliano: < Guàr- 
doli di lu zoppu CalcUanu > ; pro- 
verbio, che per quanto non si trovi 
nella copiosa raccolta del Pitrè, par 
é diffosissiino e regi8ti*ato anche ne* 
canti popolari. 

S. S.-M. 



Tipografia editrice Tempo, D. Vena, 
1893. /n-8» gr., pp, C, 355. 

Godices mannscripti graeci otto- 
boniani Bibliothecae Vaticanae de- 
scripti praeside Alphonso Cardinali 
Gapecelatro Archiepiscopo Capuano 
S. R. E. Bibliothecario. Recensnerunt 
B. Feron et F. BattaffUni. Romae, 
ex typographeo vatic, MDGGGXCIIL 
In-4^, pp. LXIIL 305. 



Atti del Congresso degli Inge- 
gneri e degli Architetti. In Palermo 
1892. VII Nazionale- 1 Internaziona- 
le in Italia. Parte I. Memorie pre- 
liminari. Palermo, Tipografia editri- 
ce Tempo, D. Vena, 1892. /n-5* gr„ 
pp, i8j 68 non num. , 45, 26 non 
numer,, 8j 8 non num,^ iO, ii4 non 
non num„ 4, 88 non num., 20, 34 
non num„ 4, 4 non num.y 26, i9, 
24 non num. , 12, 4; con 8 tavole 
incise. 

Atti del Congresso degli Ingegne- 
ri e degli Architetti in Palermo nel 
1892. Parte I. Memorie preliminari; 
alligato alla sezione V, tema 4." 1892. 
(G. A. Romano - G. V. Fiandra 
Ingegneri. Studio preliminare a pro- 
gramma di progetto di un canale in- 
termarittimo Venezia-Spezia. Vene- 
zia 1889, Stabilimento tipo-litogra- 
fico dei fratelli Vicentini , editori). 
In-»» gr., pp. Vili, XXXIX, 88, con 
tao. Ut. n. y. 

Atti del Congresso degli Ingegne- 
ri e degli Architetti in Palermo nel 
1892. Parte II. Resoconti. Palermo, 



Julius Beloch. Znr Geschichte 
Siciliens vom pyrrhischen bis zum 
ersten punischen Kriege. (Sonderab- 
druck. Hermes, Zeitschrift fur clas- 
sische Philotogie. Berlin, i893)./n-^, 
pp. 8. 

Julius Beloch. Sicilisches zu 
Diodor.(Sonderabdruck. Hermes etc. 
Berlin, 1893). /n-^, pp. 5. 

Julius Belooh. Die Phoeniker 
am aegaeischen Meer. (Sonder-Ab- 
druck aus dem Rheinischen Mu- 
seum fiir PhUologie). 1893. In-S^ , 
pp, 22. 

P. Bortolotti. Antica vita di S. 
Anselmo, Abbate di Nonantola, con 
Appendici ed Illustrazioni e Tavole 
III. (In Modena, Coi tipi della Ditta 
G. T. Vincenzi e Nipoti, 1891). /n- 
4®, da p. i35 a p. 3i9. Forma il 
fase. II del Tomo XIV dei €MonU'' 
tnenti di Storia Patria deUe Pro- 
vincie modenesi: Serie delle Crona- 
che >. 

L'unità della specie umana. Stu- 



Digitized by 



Google 



BÙLLimVO MlfiUOORA^ICO 



^3è 



dii del Sao. Michele Oasoavilla, 
Canonico della Metropolitana di Pa- 
lermo, Dottore in sacra teologia ecc. 
ecc. (Estratti dagli AUi deW Accade- 
mia Cattolica Palermitana. Volume 
terzo). Palermo, Tipografia e Lega- 
toria del « Boccone del Povero » , 
1893: In-S* gr., pp. 84. 



Rastegna Nazionale, Vìa della Pace, 
2, 1893, Tipografia di M. Gellini e 
G. InS"*, pp. 40. 

Economie ed Imposte di Paolo 
La Rocca Impelliziseri . Ragasa , 
Tip. Piccitto e Antoci, 1894. In-i6^, 
pp. 30. 



Croce Rossa Italiana, XII Circo- 
scrizione (Sicilia). Sotto Gomitato 
Regionale di Palermo. Resoconti per 
gli anni 1891-92. (S. l e a. Ma. Pa- 
lermo, Tip. Filippo Castellana e G., 
1894). In'8\ pp. 29. 

Cronache Modenesi di Alessan- 
dro Tassoni , di Giovanni da 
Bazzanò e di Bonifìazio Morano 
secondo l'esatta lezione dei codici e 
con le varianti del Muratori, ora la 
prima volta pubblicate a cura di L. 
Vischi, T. Sandonnini, 0. Raselli. In 
Modena, Coi tipi della Società tipo- 
grafica, antica Tipografia Soliani , 
1888. In-é^pp. XXXII, 437. Forma 
il voi, XV dei 4!, Monumenti di Sto- 
ria Patria delle provincie modene- 
si: Serie delle Cronaohe ». 

Nel Giubileo Episcopale di Leo- 
ne XIII. Omaggio della Biblioteca 
Vaticana, XIXfebbraio,anno M DCCG 
xeni. ln'4\ pp. iV, 8, 19, 32, 22, 
20, 18, 20, 15, 27, 19, 22. Con cin- 
que tavole in* fototipia e una lito- 
grafica. 

Duca di GualUerri. Re e Par- 
lamentarismo. Firenze, Uffizio della 



GKovanni Marinelli. Saggio di 
Cartografia italiana , ossia Catalogo 
ragionato di Carte geografiche. Pian- 
te e Prospetti di Città, Plastici, ecc. 
riguardanti la regione italiana nei 
suoi confini geografici e storici. Pro- 
gramma deiropera-Schema ed esem- 
plari. Firenze, Tipografia di M. Ric- 
ci, Via S. Gallo, n. 31, 1894. /n-^, 
pp. 29. 

Ordinamenti criminali di Comu- 
ni della Vicaria di Massa delFanno 
MCGGLXXII. (In Modena , Coi tipi 
della Ditta G. T. Vincenzi e Nipoti, 
1893). In'4'',pp.294. Formala Par- 
te II del tomo III dei e Monutnenti 
di Storia Patria delle provincie ino- 
denesi: Serie degli Statuti ». 

B. Portai. La littérature roumai- 
ne. (Essai bibliographique) (lOOexem- 
plaires numérotós). Paris, H. Cham- 
pion-editeur , 9 , Quai Voltaire, 9 ; 
1893. In-8^, pp, 23. {La stampa è 
fatta in Palermo , co' tipi di Z.ip- 
puUa). 

Cronologia siculo -spagnuoia pel 
Cav. Emanuele Portai , Membro 
del Consiglio Araldico di Francia, 



Digitized by 



Google 



2S6 



BinXmiltO BlBLIOORAOtOO 



Socio corrispondente della R. Acca- 
demia Araldica , ecc. (Estratto dal 
Giornale ArcUdico-GenealogicO' Di- 
plomatico — Naova Serie, Anno II, 
Voi. XXI — Num. 10). Bari , Dire- 
zione del Giornale Araldico , Corso 
Vittorio Emanaele, 81. 1893. In-4", 
pp. io. 

M. Puffllsl Ploo. G. Leopardi 
filologo. Acireale, Tip.-ed. Rosario 
Donznso» 1894. In^, pp. 20. 



La vita dei Contadini siciliani del 
tempo andato descritta da essi. Do- 
cumenti pubblicati da Salvatore 
Salomone-Marino. In Palermo. Coi 
tipi del € Giornale di Sicilia >, 1894. 
/n^, pp. IV, 40. 

la tradizione degli Aleramici 
presso il popolo di Sicilia, per Sal- 
vatore Salomone-Marino. In Pa- 
lermo. Coi tipi dei Fratelli Vena, 
1894. /n-^, pp. 20, 



«x^}^ 



Digitized by 



Google 



SOMMARIO DELLE PUBBLICAZIONI PERIODICHE 



(Atti di Aooademie, Società Soientiflohe, di Storia Patria, eto. eto.) 
inviate alla * Società Siciliana di Storia Patria , 
(cont. y. Arch, Stor. Sic,, voi. prec., pag. 



A) Italiane. 

Archeografo Triestino , edito per cura della Società del Ga- 
binetto di Minerva — Trieste — Nuova serie , Voi. XIX , Fase. I, 
Gennaio-Giugno 1803. 

Reliquie latine raccolte in Maggia d* Istria « con appendice dello stesso 
autore sul dialetto tergestino, Iacopo GsvaUt — Delle ssUine di Trie- 
ste: considerasioni sulla loro storia e legislazione (coni.), doti, Do- 
menico Rossetti -— Appendice ai < Documenti Goriziani > , doti. Vin- 
cenzo loppi — Storia di Montona con appendice , documenti e tavole 
(coni.), prof. Luigi Morteani — Ricordo storico , biografico e genea- 
logico della nobile ikmiglia dei Nicoletti di dividale, conte Francesco 
di Montano — Relazione della LXXXIII annata della < Società di Mi- 
nerva »i letta nel Congresso del 28 giugno 1893, doU. Lorenzo Lorenr 
zìaUù 

Id. Fase, n, Luglio-Dicembre 1893. 

Delle saline di Trieste: considerazioni sulla loro storia e legislazione 
(coni.), dott. Domenico Rossetti — Storia di Montona con appendice , 
documenti e tavole (cont.)y prof. Luigi Morteani — Articoli biblio- 
grafici (Le monete di Venezia descritte ed illustrate da Nicolò Papa- 
dopoli coi disegni di C. Kunz; Il ripostiglio di Monfalcone; Di una 
moneta inedita dei vescovi di Trieste ; Altre scoperte numismaticbe), 
prof Alberto Paschi ^Vu. nuovo libro su Pier Paolo Vergerlo, ve- 
scovo di Gapodistria, prof. Alessandro Morpurgo — Tomaso Luciani; 
cenno necrologiooi Q. C 



Digitized by 



Google 



288 BOUUABIO DELLE PUBBLICAZIONI PBRIOOIOHS 

Archìvio per lo studio delle tradizioni popolari, Rivista tri- 
mestrale diretta da G. Pitrò e S. Salomone-Marino — Palermo — 
Voi. XII, Fase. Ili, Luglio-Settembre 1893. 

Dei giaochi popolari e fancialieschi specialmente in Bologna fino al se- 
colo XVI (coni.), G. Ungarelli — Il fuoco, G. Ferrara — La Befana in 
Italia ; in Sicilia, in Sardegna , in Benevento , in Roma , in Toscana , 
in Arezzo, in Firenze, nel Modenese, nel Polesine, in Venezia, a Pie- 
ve, nelle Marche, negli Abruzzi; airEstero," G. Pitrè — Dae leggende 
intorno a Beatrice Cenci ed a Gasa Borghese, Cario Merkel — Leg- 
gende siciliane sul diavolo {cunti di lu virset^iu), M, Di Martino — 
Duru dnru, canti bambineschi sardi, Antonio Mottcì — La c fattura > 
in un procedimento penale in Palermo — Le dodici parole della ve- 
rità in una leggenda sarda di Nuoro , Filippo Valla — Contea popu- 
laires toukinois: une cendrillon annamite, G, Dumoutier — Canti po- 
polari molisani di Campochiaro, Luigi d'Amato — Saggio di canti po- 
polari romagnoli raccolti nell'agro Cervese, Giuseppe Bellucci — Del 
contrasto siciliano « li multi vucl > in una stampa napoletana del se- 
colo XVII , G, Pitrè — Le dodici parole della verità , novellina-canti- 
lena popolare considerata nelle varie redazioni italiane e straniere ; 
saggio critico (cont.), St, Prato — Miscellanea — Rivista Bibliografi- 
ca — Bullettino Bibliografico — Recenti pubblicazioni ~ Sommario dei 
giornali — Notizie varie — Ai Lettori àeìV Archivio. 

Id. Fase. IV, Ottobre-Dicembre 1893. 

Dei giuochi popolari e fanciulleschi in Bologna (cont, e fine), G, Unga^ 
rélli — La altalena sarda ed il ballo « la monferrlna », G. Ferraro — 
Svintura e morti di 'na vecchia {canto satirico di Caltanissetta)^ 
Francesco Pulci — Usi, Credenze , Superstizioni sarde di Nuoro : La 
festa di S. Giovanni, Filippo Valla — Leggenda popolare in Noto: pir- 

, chi Tuómmini 'ranni nun s*ammàzzanu ciù, 3f. Di Martino — Usi e 
Costumi della Valle di Pragelato, Filippo Seves— Le dodici parole 
della verità in Calabria, O. Brinati— Superstitions russes— Sucuntu 
da pulichitta. Novellina popolare raccolta in Nuoro, Filippo Valla — 
La festa di S. Anna al Capo delle Colonne (Calabria) nel 1891 , F. 
Pulci — Il carro nelle tradizioni popolari, O, Ferraro — Aneddoti e 
spigolature folk-loriche (cont), G. Di Giovanni -« Soprannomi di di- 
sprezzo che davano i Turchi in Costantinopoli alle diverse nazioni 
nel sec. XVII — Le dodici parole della verità, novellina-cantllena po- 
polare considerata nelle varie redazioni italiane e straniere (cont\ 



Digitized by 



Google 



BOmABIO DtLLX PUBBUGAZIOHI PXRIODIOHl 289 



Si, Prato — Miscellanea — Rivista Bibliografica — Ballettino Bibliogra- 
fleo — Recenti pubblicazioni •— Sommario dei giornali •— Notizie va- 
rie — Indice del volume — Collaboratori deirArc^trto. 

Archìvio Storico Italiano, fondato da G. P. Vieusseux e conti- 
nuato a cura della Regia Deputazione di Storia Patria per le Pro- 
vincie della Toscana e dell'Umbria — Firenze — Serie V, Tomo xn, 
Disp. 3» del 1893. 

Due lettere intercetto dei Dieci di Balla nel febbraio del 1384 (s. f.), G, 
0. Coratzint—lì Ck>dice dell* Anonimo Gaddiano (codice magliabecbiano 
XVII , i7 nella Biblioteca Nazionale di Firenze (coni.) , OomeUo de 
Fabricxy — Cenno sulle fonti della Storia dei Valdesi, Emilio Com- 
ba — Un Vescovo scismatico della Chiesa Ventimigliese , Oirolamo 
Rossi —- Lo storico Gammillo Porzio e Alberico I Cybo Malaspina , 
Principe di Massa, Giovanni Sforza— Rassegna Bibliografica — Noti- 
zie (1) — Necrologia. Giuseppe Palmieri Nuti, Cesare Paoli — Pubbli- 
cazioni venute in dono alla R. Deputazione. 

Id. Disp. 4* del 1893. 

Di una iscrizione reliquiaria anteriore al 1000 (con un fko-simile), Fran- 
cesco Nitti di Vito — Il Codice deirAnonimo Gaddiano (codice maglia- 
becbiano XVIL 17 nella Biblioteca Nazionale di Firenze (cont. e fine)^ 
Cornelio de Fabriczy — 11 cardinale Francesco Barberini legato in Fran- 
cia ed in Ispagna nel 1625-1626 > Augusto Bazzoni — La Società Co- 
lombaria di Firenze neiranno accademico 1892-93, Averardo Pippi — 
Di un incarico dato dalla Repubblica Fiorentina a Giovanni Villani , 
Ireneo Sanesi — Una invasione di lupi nelle vicinanze di Firenze , 
Dante Catenacci — Corrispondenze (dal Portogallo): Notizie della Mo- 
stra nazionale portoghese nella Esposizione Colombiana, tenutasi in 
Madrid nel i892 , Ramos-Coelho — Rassegna Bibliografica (2) — Noti- 



(1) Vi li ricorda l'opera di Piiteo Qumroin: Il MhunaU dàlia Monarchia di SMlia, 
pubblicata dal prot Avgubto FnnuMTONi, che yì mise aYanti una prefitdone. Di questa 
opera si è qui parlato. 

(8) AomLLK Dota esamina lo " Stadio • di Giubipfi Coieajdi sa la FUo^ofia della 
Storia, e nota come il libro non sia scorro di pregi: lamenta però come molta sia la 
materia condensata dall* A., il che non ne lo ba reso perfettamente padrone, e però è a 
dolere che non si Assarga ad una concesione sintetica d'ordine gonerala, per col largbei- 



Digitized by 



Google 



240 SOMKABIO DELLE PUBBLICAZIONI PEBIODIOHS 

zie (i) — Pubblicazioni venute in doDo alla R. Deputazione — Tavola 
alfabetica — Elenco dei collaboratori nei 1893 — Indice del voi. XII. 

Archivio Storico per le Province Napolitane, pubblicato a 
cura della Società di Storia Patria— Napoli— A.nno XVIII, Fase. III. 

I primi ano! di Ferdinando d'Aragona e la invasione di Giovanni d*An- 
già (cont.) , Emilio Nunziante — Il Ducato di Napoli (coni.) , Miche- 
langelo Schipa — Il cavaliere Antonio Micheroux nella reazione napo- 
litana dell' anno 1799 (cont.) , B. Maresca — Nuovi documenti su gli 
scrittori e gli artisti dei tempi aragonesi (cont,)^ Erasmo Pèrcopo — 
Elenco delle pergamene già appartenenti alla famiglia Fusco, N, Pa- 
rino — Libri ricevuti per cambio o in dono. 



za di stadi e meditazioni di aTTenimenti possano essere interamente considerate e feconde 
di pratiche consegnenze. 

A. Ohbrardi parla di due scrìtti di mons. can. Ibidoro Cariot, estratti dal periodico : 
" Il Muratori „ , e cioò : Appendice al Tumulto dei Ciompi, Lettera di Donato Accia- 
juoli alla Signotia di Firenze; testo di lingua del buon secolo etc. — SulVarresto e sulla 
marte del Conte di Carmagnola. Relazione inedita. Comunque si facciano con scrupoloso 
g>arbo brevissimi appunti dal critico che esamina i due scritti^ nondimeno nelle due pub- 
blicazioni si nota grande copia di notizie , utili alla storia in genere , onde il loro mas- 
simo pregio. 

(1) Notevole l'articolo di C. Valacca su L'espressione prot'erhiale di " Vespro Sici- 
liano „, di 6. Romano. 

Del ricordato Carini si citano una Cronichetta inedita del Monastero di S. Andrea 
" ad rit'um Scauri „ (dal cod. Vatic. 600, del soc. XIV incip.), e un Documento inedito 
sulla rivoluzione Palertniiana del 1617, II Carini nella prima raccolse cronologicamente 
i fatti del monastero di S. Andrea, parte dei quali erano stati pubblicati, e li annotò 
con molta ampiezza e dottrina. Vanno dai tempi di Gregorio Magno al Giubileo del 1800, 
e la maggior parte sono leggende, tra le quali è quella di S. Gregorio che libera Tanima 
di Traiano, celebrata dairAlighieri {Purg. X-IS e segg.). Fra le notizie storiche notiamo 
un fugace accenno al sacco dato a Roma dallo milizie di Roberto Guiscardo nel 1084; la 
vittoria del Re dei Tartari sul Soldano dei Saracini nel 1300; e alcune particolarità sul 
Giubileo di quell'anno. — Il documento poi sulla rivoluzione palermitana del 1647 è estratto 
dalla Relazione di un viaggio delle galere pontificie in levante del detto anno. È esso 
" d'un testimonio di veduta che a bordo, quantunque rozzo scrivano, prende le ine note „, 
ed alla storia della rivoluzione ** aggiunge piti di una circostanza nuova „. Dei documento 
(che si conserva nella Branoacciana di Napoli) parlò il Carini in una seduta dello scorso 
anno della ** Società Siciliana per la Storia Patria » , ed era esso noto al compianto P. 
Alberto Guoliblmotti, che ne aveva già rilevata Timportanza nella sua Storia, dèlia 
sgnadra ausiliaria della marina romana a Candia e aUa Morsa, 



Digitized by 



Google 



SOVllÀBIO DXLLfi P17BBLT0AZIONI PERTODIOBB 341 

Id. Fase. IV. 

I primi anni di Ferdinando d'Aragona e l'invasione di Giovanni d* An- 
gió (coni,), Emilio Nunsiante — lì Ducato di Napoli (conL), Méche- 
Utngelo Schipa — Il cavaliere Antonio Micheroux nella reazione napo- 
litana dell'anno 1799 (con^), B. Maresca -— L'assedio di Gapna nel 1743, 
D. B. -— Miscellanea epigrafica napoletana. Contributo alla storia e to- 
pografia antica di Napoli (coni.), A. Sogliamo — Nuovi documenti sa 
gli scrittori e gli artisti dei tempi aragonesi (coni,), Erasmo PèrcO' 
pò — Indice generale. 

Arohivia Storioo Lombardo, Giornale della Società Storica 
Lombarda «^ Serie II, Anno XX, Fase. IV, 31 Dicembre 1883. 

Gli Insubri (introduzione di una inedita Storia di Milano)^ Pietro Ro- 
tondi — Reclamo dei Lodigiani contro Piacenza ai Rettori della secon- 
da Lega Lombarda per la giurisdizione alla Corte di Fombio » anno 
1227, Giovanni AgnéUi — Per la storia della legislazione e delle isti- 
tuzioni mercantili lombarde. Ricerche d'Archivio (conU e fine)» L. GaA- 
di (1) — II matrimonio di Ennodio, X. A. Ferrai— Alcune rappre- 



(1) Un piccolo eodieo curtacoo, a stampa, di due quaderni non numerato (eonserrato 
neirArchÌTÌo della Camera di Commercio di Milano : non porta luogo ed anno di itampa, 
ma Yerosimilmente non più recente del 1615), col titolo nelPnltima pagina: Trantumium 
Privilégicrum Médiolanensibua C<m€M»orum , reca il testo di alcnnl diplomi dei Be di 
Sicilia sui privilegi dei mercanti di Milano nel regno di Napoli confermati Tanno 1514. 
I diplomi oontennti nei codice sono: 

a) 1463 — di Ferdinando re di Sicilia, ed è * datom in castello noTO ciTitatis Nea- 
polis die zxTii martii anno MccccIxt «. 

h) 1472 — di Ferdinando re di Sicilia ** datum in castello noro Neapolis die ztì 
jnlij Mcccclxzii ,. 

e) 1480 — di Ferdinando re di Sicilia " datum in castello noro ciTitatis Neapolis 
die xxiii mensis mai anno domini Mcccclxzz regnorum nostromm anno zxiii n. 

d) 1507 — di Ferdinando re di Sicilia " datum in castello no?o ciTitatis Neapolis 
die xxxiii mensis martii Mccccctìì regnorumqne nostrornin Tìdelicet Sicilia ultra fa'rum 
anno quadragesimo, Aragonum et allorum Tigesimo nono, Sicilia autem citra farum bt 
Hiemsalem quinto „• 

e) 1507 — di' Ferdinando re di Sicilia " datum Neapoli in regia camera die xtIì 
mensis decembri anno domini Mccccctìì ». 

* Questi diplomi sono stati tratti , per la stampa , da copia autentica fatta il 12 no- 
Tombre 1514 da Donato " de Pizralis « da Bari, giudice, e da Bonifacio " de Bùssis „/ 

Jrch. Star. Sic. N. S. anno XIX. 16 



Digitized by 



Google 



243 SOMMARIO LELLB PUBBLICATOVI PIBIODIOHB 



sentazioai in Italia nel sec. XV, P. Ghinzoni — QeroUmo Olgiati e i 
Buoi denunziatori , P. Ohinzoni — Ambrogio Preda e Leonardo da 
Vinci, E. MoUa—Per la storia del tempio della B. Vergine Incoronata 
in Lodi, Ltica Belirami - Bibliografia (1) — Bollettino di Bibliografia 
Storica Lombarda (2) — Appnnti e Notizie — Atti della Società Storica 
Lombarda — Opere e pnbblicazioni pervenute in dono — Jndice ge- 
nerale. 

Archivio della B. Sooietà Romana di Storia Patrìa^Roma— 
Voi. XVr, Fase. III-IV. 

Documenti del monastero di San Salvatore sul monte Amiata riguardanti 
il territorio romano (secoli VIII-XII), C. Calùse {cotU.) ^,\a lega cri- 
stiana nel i572 con lettere di Marco Antonio Colonna (corU.), C. Man- 
frani (3) — Relazione di una nunziatura in Savoia (1624-1627) scrìtta 
da Bernardino Gampello, uditore del Nunzio a Torino, F. PagnoUi^ 
Il codice Marciano DGI della classe VII dei manoscritti italiani; Intor- 
no al codice Barberini XXXII, 125 ; Un accenno alla storia di Roma 
negli antichi capitolari veneziani delle Arti (121^1330), G. Monticolo— 
La riedificazione di Frascati per opera di Paolo IH, Rodolfo Lancia- 
ni — Atti della Società — Bibliografia — Notizie — Periodici. Articoli 
e documenti relativi alla sjoria di Roma -> Indice del volume XVI. 

ArchiTio Trentino, pubblicato per cura della Direzione della 



pure da Bari, pobblieo notaio, a richiesta di Eorico Tangio, da Milano, Consolo goneralo 
dal MUanosi In BarL 

(1) Il critico dell') memorie storico-biograftche Di Oiutfppe La Farina • del Bitor- 
gimMto italiano dal 1815 al 1893, riassunto 11 contenuto deiropera del Biuvdi, maaife* 
sta. il desiderio che lo scrittore medesimo, od altri, ampli! ** la narrazione di questo In- 
teressante episodio del nostro Risorsimento , sai qaale , per dire il Toro, neiropera qnl 
annnnsiata, si hanno scarse notizie ». 

(S) È rlcordaU la lettera di Vincenzo Bellini (da Milano in daU 6 ottobre 1882 a Fi- 
lippe Santocanale) pubblicata da F. Pilazzolo Daioo In questo Archivio (anno XVIII, 
1898); la quale getta un pò* più di loco sul dissidio che si ebbe a deplorare un momento 
fra Tautore della ** Norma « e il poeta Romani, in seguito airinsuccesso che la " Beatri- 
ce di Tenda „ riportaTa In Venezia. 

(8) Assai interessante queste scritto, sul quale ci permettiamo richiamare Tattenzlone 
4ti enltori della storia patria. 



Digitized by 



Google 



BOMMABIO DELLE PUBBLICAZIONI PEBIODIOHK 243 

Biblioteca e del Museo comunali di Trento — Trento — Anno XI, 
Fascicolo II. 

Documenti per la Onerra Rustica nel Trentino (cani,), cav. doU. Carlo 
Giuliani — Contributi alla storia del Dominio Veneto nel Trentino 
(coni, e fine). Cesare Ravanelli, 

Atti del OcUefirio degli Infiregrneri e degli Architetti in Pa- 
lermo — Palermo — Annata XVI, Maggio-Agosto 189S. 

Illuminazione elettrica dei treni (con 2 tavole) , ing, Emilio Piatsoli •— 
Giuseppe Albeggiani, commemorazione letta dal socio ing. Michele 
Qétòia al < Circolo Matematico > di Palermo il 12 dicembre 18^. 

Atti della Società Ligure di Storia Patria — Genova — Vo- 
lume XXV, Fase. I. 

Il Codice Greco Sauliano di S. Atanasio scoperto ed illustrato (in appen- 
dice r «elenco illustrato dei Godici Greci Sauliani superstiti che si 
conservano nella Biblioteca delle Missioni Urbane in Genova >), Giro- 
lamo Bertolotto — Il trattato su 11* Astrolabio di Andalò di Negro ripro- 
dotto dairedizione flrancese del 1475 con prefazione, Girolamo Ber^ 
(ciotto — Una barzelletta intorno agli avvenimenti del MDXXVII , A- 
chille Neri — lì santuario della Pace in Albisola inferiore, ViUorio 
Paggi, 

Atti della Accademia Gioenia di Scienze naturali in Cata- 
nia — Catania — Serie Quarta, Voi. VI, Anno LXX, 1893. 

Cariche accademiche; Soci effettivi — Note alla memoria € sopra il calore 
specifico dell'acqua > dei professori A. Bartoli ed E. Stracciati, Lei 
Lungo — Contribuzione allo studio dei termometri di precisione a 
mercurio, Platania — Deireffetto che produce un voltametro sopra 
rintensità della corrente alternante che lo attraversa, allorché l'elet- 
trolisi non é possibile, Malagcli — Riproduzione artificiale della Pi- 
rite magnetica, Bucca — Sopra una nuova località di ferro oligisto 
deirEtna, Bucca — Di un nuovo minerale trovato in una lava del- 
TEtna, Basile — Sul diabete pancreatico sperimentale , CappareìU >- 
Un caso di Coenurus nel pericardio di un coniglio, Oondorelli Mau' 
iteri — Sviluppo delle differenze finite in funzione delle derivate e vK 
ceversa, Caldarera — Semplificazione delle formolo milleriane di cri- 



Digitized by 



Google 



244 801IMARI0 DELLB PUBBLICAZIOM PEBIODIOHI 



stallografia, La Valle — L^ernzìone dell'Etna del 1886 (con 10 tavole). 
Silvestri — Della lebbra nel regno d*ltalia (con una tavola), Ferrari-^ 
Ck)stitQZione e sviluppo della società dei Termitidi. Osservazioni sui 
loro costumi con un'appendice sui Protozoi Parassiti dei Termitidi e 
sulla famiglia delle Embidine (con due tavole), Orassi — Di un caso 
eccezionale di resistenza deirorganismo umano alla elevata tempera- 
tura, Capparelli — Contributo allo studio della fagocitosi , Modica — 
Sulla teoria della eliminazione ft*a due e<tuazioni, Garhieri — Reazio- 
ne esclusiva della sostanza amiloide (lodo) e reazioni comuni anche 
alla sostanza colloide (colori di anilina), Condorelli Maugeri — Sulla 
etiogenesi della sostanza amiloide, Condorelli Ifaupm ~ Ricerche 
sul gruppo della canfora. V. Ganfelamina ed alcool canfelico, Errerà 
— L'eruzione dell'Etna nel 1886. Studio del materiale eruttivo (con 4 
tavole), Silvestri — Fenomeni geodinamici che precedettero, accompa- 
gnarono e seguirono l'eruzione etnea del Maggio-Giugno 1886 (con 1 
tavola). Arcidiacono. 

Atti della R. Aooculemia dei Lincei, anno GGXG, 1803, Serie 
Quinta , Glasse di Scienze Morali , Storiche e Filologiche , Volu- 
me I, Parte 2*, 1893. 

Contiene le notizie degli scavi fktti nei mesi di Luglio a Dicembre 1893, 
e segue l'Indice topografico. 

Atti e Memorie della B. Deputazione di Storia Patria per 
le Provincie di Romagna — Bologna — Terza Serie, Voi. XI, Fa- 
scicolo IV-VI, Luglio-Dicembre 1893. 

Magistrato sociale; Albo dei socii — I^ scuole dell'antico Studio di Bolo- 
gna (coni.), Francesco Gavazza (1) — Due atti testamentarii di 6io- 



(1) Iiiteressaote per i curiosi particolari il § 8, cap. I, parte III, in cui si parla dei 
proTTodimenti del goyemo cittadino por preservare gli scolari dalle lusinghe delle donne 
eartéaif che dimoraTauo presso le scuole di leggi. Ed ò bene mettere a riscontro con que- 
ste notizie le altre che si ricavano dai docnnenti riguardanti il giuoco d'anardo in Bo- 
logna nei secoli XIII e XIV, pubblicati in questo fascicolo: dai quali si rileva che presso 
quelle case di donn$ eort«si (cosi con termine gentile le chiamano antichi docnuenti) etl- 
itayano baratterie, vai quanto dire luoghi determinati, dove potevasi impunemente giuo- 
oara e biseaitare pagando lo icotto. 



Digitized by 



Google 



dOltltABtO DJBLtX PUfiBLIOA^IONl t»lttIODIOdS ìtó 

vanni II Beutìvoglio signore di Bologna» Flaminio Pellegrini — Docu- 
menti riguardanti il giuoco in Bologna nei secoli XIII e XIV, Gaspa- 
re Ungarelli e Francesco Giorgi — Delle cose operate dalla Regia De- 
putazione di Storia Patria dal 1875 al 1893. Relazione del segretario 
Carlo Malagola, letta nell'adunanza del 24 dicembre 1893 -- Atti della 
R. Deputazione di Storia Patria per le Provincie di Romagna — De- 
creto di istituzione e Statuto delle Regie Deputazioni di Storia Patria 
deirEmilia — Elenco delle pubblicazioni pervenute in dono nel 1893— 
, Indici. 

Atti e Memorie della B. Deputazione di Storia Patria per 
le Provincie Modenesi — Modena — Serie IV, Voi. IV. 

Albo: Cariche ; Necrologio — Sunti delle tornate negli anni 1891-92-93 ; 
Relazioni — Lo scultore Prospero Spani detto il Clemente, Francesco 
Malaguzzi' Valeri — L'Archivio di Stato in Modena nel 1891, Ippolito 
Malaguzii'Valeri -- Un presunto erede di Torquato Tasso, Venceslao 
Santi — Dante e gli Estensi, Tommaso Sandonnini — Intorno a Mar- 
zio naturale del conte Paolo di Gio. Francesco II Pico ed ai suoi figli 
Paolo e Gio. Tommaso, sac. Felice Ceretti — Gio. Marco Martini con- 
trappuntista del secolo XVII alla corte Estense, G, A, Spinelli — Papa 
Giulio III e la guerra di Parma e della Mirandola secondo il carteg- 
gio di Ippolito Capilnpi con Ferrante Gonzaga, Lino Chiesi. 

Bollettino della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze — 
Firenze — N. 187-192; 15 Ottobre-31 Dicembre 1893. 

Contengono le note delle pubblicazioni italiane (Bibliografia ; Fìlospfia ; 
Teologia ; Istruzione; Educazione ; Storia; Geografia; Scienze sociali e 
politiche; Medicina; Giurisprudenza; Ingegneria; etc. etc.) ricevute 
dalla Biblioteca per diritto di stampa. 

Bollettino della Società Africana d' Italia — Napoli -- Anno 
XII, Fase. IX-X, Settembre-Ottobre 1893. 

Appunti commerciali sul movimento degli scambi fra la Tripolitania ed 
il Sudan centrale — Appunti commerciali sul, movimento degli scamt 
bii neirAdamaua — Vocabolario Dancalo (cont,) , Giuseppe Candeo — 
L'Italia neir Africa orientale, le colonie tedesche e le inglesi ^ Eritrea. 
Norme per le domande di concessione di terreni — Cronaca Africanai 
E. F. — Necrologia. Bmin Pascli, E. Farina, 



Digitized by 



Google 



24é 801tlÉARÌò bsLLb ^nABLIOAzioift pBkfobtdks 

Id. Fase. XI-XII, Novembre-Dicembre 1803. 

Esplorazione del Giuba, cap. Vittorio BoUego—Vn viaggio pelGaflTa del 
tenenU don Eugenio dei principi di Ruspoli. Lettera al padre — Vo- 
cabolario dancalo (coni, e fine) , Giuseppe Candeo ^ Agordat ^ Cro- 
naca Africana, E. F. 

Bullettino dell' Istituto di Diritto Romano— Roma — Anno V, 
Fase. V. 

Sulla legge Cincia , Alfredo Ascoli — Proposta di emendazione al fr. 25 
§2 D. 41 , 2 (Pomp. ad Q. M.), S. Riccobono — Articoli relativi ai 
Diritto romano nelle Rivisto italiane e straniere (1) — Bullettino Bi- 
bliografico (2) — Notizie. 

Id. Fase. VI. 

Sopra la natura giuridica della Sostituzione Pupillare nel Diritto Roma- 
no, Emilio Cosla. 

Bullettino delle sedute dell'Accademia Gioenia di Scienze 
naturali in Catania— Catania— Nuova Serie, Fase. XXXIV, XXXV, 
XXXVI; Novembre 1893, Gennaio 1894, Febbraio 1894. 

Resoconto delle sedute accademiche del 26 novembre 1893 , del 14 gen- 
naio 1894, del 25 febbraio 1894 — Sunto dello memorie e delle comu- 
nicazioni fatte dai socii Orassi, Galandruccio, Ricco, Mascari, Arcidia- 
cono, Basile, Peratoner, Pinocchiaro, Bucca, Matarazzo , Tringali , De 
Angelis, Platania, Genco, Mascari, Cannizzo, Saija, Petrone, Consiglio 
Ponte— Elenco di libri pervenuti in dono. 



(1) Nel ** Circolo Oiaridico «, RiristA di legislazione e di Vioritprudeoù dirotta da 
Luigi Sampolo (1898, fase. 8-4): G. Lbto Silvestri, Note intorno a recanti Hudi tuU 
fazione publieiana — Calvino Calvino Qiotkppr , D$l diritto di proprietà deìT uxor 
tulla dote durante il matrimonio nel periodo elaseieo del diritto romano, 

(2) NoUti : Ijrro 6., V Interdetto Utruhi e la perfezione della donazione di eoee 
mobili in eeneo della Lex Cincia nei frammenti Vaticani^ parte I, Palermo; tip. Vena, 
ISIM — Zocoo*RoaA A., Le fonti del Uà, I, tit, 1, de iuetitia et iure^ delle iHitnaiani di 
Qiuet intano (estr. M Ciré, Ginr, 1898). 



Digitized by 



Google 



SOlhUBIO diLLI PUÉÉLtOÀSStONt PvÈìomoÉx M 



Oommentarii dell' Ateneo di Brescia per V anno 1893 — 
Brescia. 

Discorso di inan^j^nrazione (8 gennaio 18Q3), Giuseppe Zanardeìli — He- 
lazione degli stadi compiuti nel 1892 , Giovanni Foìcieri — Aggiudi- 
cazione dei premi Carini al merito filantropico per Tanno 1892 — Re- 
soconto dolle adunanze accademiche con transunti o testi delle let- 
ture e comunicazioni fatte dai socii : Rosa (Genesi e sviluppo della 
lingua), Gemma ( « Politica et Socialia >), BeUoni Gaszago (Storia di 
Brescia), Gemma (Le macchine agricole considerate nella loro influenza 
sulla salute del colono^, Da Como (La Repubblica di Falca \ Olissenti 
(Il comune di Bagolino ed i conti di Lodrone), Gemma (Sorrisi e La- 
grime), Bonizzardi (Di una nuova conduttura di acque potabili a Bre- 
scia), Miraglio (Sulla vaccinazione), Merici (La cura climatica alpi- 
na), Casasopra (Del bello nelle lettere) , Moi-i (Sulla estirpazione del 
gozzo), Rosa (Il germanismo), Fossati (Avanzi di una villa romana a 
Toscolano), Pievani (La fonte ferruginosa di Santa Apollonia), jBrtisa 
(I^ «Merope» di Scipione MafTei), Ondei (La poesia UAlla geografia), 
Stefini (Intorno ad Ibico poeta greco da Reggio), BeUrami (Teodoro 
Prodromo filosofò poeta bizantino), Foìcieri (Elogi dei socii Luscia e 
Fornasini;, Briosi, Piatii, Beltoni, Clomer (Osservazioni meteorologi- 
che ed annotazioni) — Doni e cambii ricevuti durante Panno — Per 
un monumento al pittore A. Bonvicino. Programma, Notizie, Verba- 
li — Catalogo della collezione mineralogica geologica della provincia 
di Brescia, Giuseppe Ragazzoni. 

Giornale Araldico, Genealogico, Diplomatico, pubblicato per 
cura della R. Accademia Araldica Italiana — Bari — Nuova Serie, 
Anno II, N. iO, Ottobre 1893. 

Necrologio. È. de la Barre Duparcy ; A. de Couffon de Kerdellec'h — 
Famiglie nobili della Mirandola , Felice Ceretti — Cronologia siculo- 
spagnuola, Emanuele Portai— Marginalia. I. I/ecusson; 11. Une image 
mortuaire, X Barbier de AfontouZ^ — Cronaca Araldica — Bollettino 
Nobiliare. 

Id, N. 11-12, Novembre-Dicembre 1893. 

Necrologio, loaeph Alcide Georgel — Le famiglie nobili della città di Este, 
Francesco Franceschelti — ìioie genealogiche. Famiglia Caravella, (ir. 
Valentini — Cronaca Araldica — Bollettino Nobiliare. 



Digitized by 



Google 



àia 



SOmtABIO DfeLLB PtJBBLIOAZIOn PXBIODIOttB 



Nomerò supplementara 

I feudatari ferraresi nel secolo XVII , F. Ferruccio Pasini — La sceaa 
du Ghapitre de l*Eglise de Poitiers, X Barbier de MontauU — Mar- 
ginalia. Lo Stemma della città di Ventimiglia, G. Rossi; Le eulte dea 
cinq plaies de Notre-Seigneur dans l'art héraldique, X Barbier de 
ifon/au{^~ Bollettino Nobiliare. 

GKomale LifiniBtico di Archeologìa» Storia e Letteratura — 
Genova — Anno XX, Fase. IX-X, Settembre-Ottobre 1893. 

Un episodio letterario alla Corte di Carlo Emanuele I {conL), Giuseppe 
Rua — La Passione ed altre prose religiose in dialetto genovese del 
sec. XIV edite su il Cod. D bis 1, 3, 19 delia Bibl. Civica Beriana di 
Genova (conL) , P, E. Guarnerio ^ Lettere inedite di Gherardo de 
Rossi, A. N, — Noterelle Goldoniane. La locandiera, E, Maddalena — 
Spigolature e Notizie — Bollettino Bibliografico (1). 

Id. Fase. XI-XII, Novembre-Dicembre 1893. 

Un episodio letterario alla corte di Carlo Emanuele I (coni.), Giuseppe 
Rua — I Conti di Ventimiglia nei secoli XI, XII, XIII, Fedele Savio^ 
Una fola in dialetto Sassarese, Pietro Nurra — Rassegna Bibliografi- 
ca — Bollettino Bibliografico — Indice del volnme. 

Giornale Storico della Letteratura Italiana — Torino — Anno 
XI, Voi. XXII, Paso. 69. 

Niccolò Malpigli e le sue rime , Ludovico Frali — Il Lombardo e la lu- 
maca, Francesco I^ovati — Sopra un passo dell' ecloga responsiva di 
Giovanni del Virgilio a Dante, Antonio BéUoni — Giovanni Pico della 
Mirandola, Felice Ceretti -— Rassegna Bibliografica — Bollettino Biblio- 
grafico — Comunicazioni ed appunti — Cronaca (2) -* Indice del volume. 



(1) Vi si discorre, con lode, dello scritto di G. Salto Cozzo : Di Oiovanni Auriépa 
e della erwiologia di alcune eue lettere, 

(2) Dello scritto di Vittorio Rossi ; Caio Caloria Ponzia e la poesia volgare lette' 
raria di Sicilia nel eee, XV si parla a lUD(fo, e al loda TA. per arer trattato con Ter» 
competeoza un argomento cosi importante, concludoudo con Talfennare che lo stadio in 
«lane porta un atile contributo alla storia letteraria del quattreoento. — Si parla an* 



Digitized by 



Google 



ftòmcABio bniiE pubblioa^iorì pì&iodio^ 249 

L' Arcadia , Periodico di Scienze, Lettere ed Arti— Roma — 
Anno V, N. 10, Ottobre 1893. 

Le memorie dei Santi Apostoli Pietro e Paolo nella città di Roma ((OonU)^ 
Orazio Marucchi — S. Tommaso e Dante (conl,efine\ Agostino Bar- 
Mini — - Il Laterano e S. Francesco, Isidoro Carini — Cristoforo Co- 
lombo e la Vergine (cont. e fine), Abb. Q. Oozza-Luxi -^ L*Italia li- 
berata di Qiangiorgio Trissino {coni,\ Filippo Ermini — Cronaca. 

Id. N. 11, Novembre 1893. 

Le memorie dei Santi Apostoli Pietro e Paolo nella città di Roma (cont), 
Orazio Marucchi — Cristoforo Colombo e T Umbria, abb, G, Cozza- 
Luzi — Conferenze sulla storia romana (VI), Giuseppe Biroccini — 
Dono di S. A. R. il Granduca di Badon a S. S. Leone XIII , Isidoro 
Carini — L'Italia liberata di Qiangiorgio Trissino {cont), Filippo Er- 
mini — Cronaca. 

Id. N. 12, Dicembre 1893, 

Le memorie dei Santi Apostoli Pietro e Paolo nella città di Roma (coni. 
e fine), Orazio Marucchi — Una visita a Salvatore Betti, Cesare Au- 
reli — Conferenze sulla storia romana (VI cont.)^ Giusepi^e Biroccini 
— L* Italia liberata di Qiangiorgio Trissino (conL), Filippo Ermini — 
Bibliografia — Cronaca — Indice. 



edra del t$Ho siciliano del $ée. XIV: " II libro del tìzìì e dello Tirtii „ pabblicAto da 
Gtaoomo De Okkoorto, e dello scritto del prof. Ebkr8T0 HoKAri (Rendiconti della R. Ac- 
oademìa dei Lincei, 1893) che ri si riferisce : Di un'antica seriiiura ticiliana veeentt' 
mente pubblicata dal prof. G, De Gregorio, ricordandosi opportunamente il CtUechiemo 
in lingua siciliana antica^ di cai il prof. Yincxnzo Di Gioyakici fé* conoscere la osisten- 
la, e pubblicò yarii saggi. Accennando a quanti si sono occupati della pubblicazione in 
Italia e fuori, se ne conclude che essa se ha Importanza dal punto di rista dialettale, 
non ne ha affatto da quello letterario. — Del prof. SALVAToac Saloxoxk-Habimo ò ricor- 
dato Topuscolo : Di una singolare costumanza del sec XVI in Sicilia nella occasione 
di feste ufficiali e di pubbliche letizie , da cui si rilera — oltre a particolari noteroli 
fw la storia del costume — che in Sicilia nel cinquecento i rogali spontanei, eho i prln- 
dpi aolerano largire ai dipondentl in liete occasioni, dlTennero obbligatori ed afftdal* 
muti nfistnti. 



Digitized by 



Google 



SdÓ SOldtAìltO DietLE PObiLIOASftlOlCI MsklODtOttS 



L'Ateneo Veneto , Rivista di Soiensse , Lettere ed Arti — 
Venezia — Serie XVII, Voi. Il, Fase, i-4, Luglio-Ottobre 1893. 

Della leggenda GaroliDgia nella poesia medioevale e in alcani poeti mo- 
derni {cont e fine), C. Spellanzon — La fognatura delle città (coni,), 
G, A. Romano — Proverbi Veneziani {coni, e fine), C, MìmoUÌ'^ De- 
dazione delle principali formale relative alla curvatura della super- 
ficie in generale e della sferoide in particolare con applicazione al 
meridiano di Venezia {coni, e fine)^ G. NaccaH — L' opera letteraria 
di Antonio Ck)nti ^1677-1749) , G, Brognòligo (conL) — L* Assedio di 
Torino nel 1706 secondo le memorie del tempo, E. CdUegari — Ras- 
segna Ribliograflca. 

Id. Fase. 5-8, Novembre-Dicembre 1893. 

Fonti Goldoniane, E, Maddalena — Forme d*onda, Giannantonio Zanon 
— Degli Archivi {coni,), Agostino Collin — \jò vibrazioni nella pra- 
tica, Antonio Del Fra — L* opera letteraria di Antonio Ck)nti (1677- 
1749), G. Brognòligo (coni.) — Articoli generali del Calendario, Giù- 
seppe Naccari — Rassegna Bibliografica — Varietà — Indice. 

Memorie della Begia Aocademia di Soienze, Lettere ed 
Arti in Modena — Modena — Serie II, Voi. IX. 

Albo Accademico al 30 giugno 1893 — Relazioni degli anni accademici 
1892-93 : Adunanze delle Sezioni; Adunanze generali; Programma per 
il concorso ai premi! d* onore deir anno 1892-93 ; Atto di aggiudica- 
zione dei premi! d'onore nei concorso d'arte 1891-92 e nel concorso 
Cessa — Opere inviate in dono negli anni 1891 e 1892— Manoscritto 
francese dei sec. XVll riguardante Tuso degli occhiali, Giuseppe Al- 
bertoni ■— Magnetometro unifilare dei seni , Ciro Chistoni — Tavole 
per dedurre il valore deirumidità assoluta conoscendo la umidità re- 
lativa e la temperatura deiratmosfera , Ciro Chistoni — Sulla deter- 
minazione del coefficiente d'induzione dei Magneti col metodo di La- 
mont, Ciro C/iùtoni — Snirorigine del contratto di vendita in Roma, 
Conlardo Ferrini — Il compito sociale dello Stato , Pio Sabbalini — 
La logislazione sociale in Italia , Pio Sabbalini — Sulla misura del 
coefficiente di temperatura dei Magneti col magnetometro dei seni , 
Ciro Chistoni ~ Sulla superficie del 5'» ordine con cubica doppia e 2, 
3 punti tripli, ^4. Del Pra — l terreni quadernari! e recenti dell'Emi- 
lia, Dante PanlaneUi — Le idee economiche degli scrittori Bmiliant 



Digitized by 



Google 



BOkifABio DKtLB Ì>UfiBLlOASÈÌONI plfiRIoblOlÉK 2^ 

e Romagnoli sino al 1848, Augusto Oraziani — Ck)inm6morazioae del 
socie Adeodato Malatesta, Chiaffredo Bugues — Nota dichiarativa del- 
rautografia di alcune antiche piante della città di Modena, Pietro 
Riccardi — Relazione del Vice Segretario Generale della R. Accademia 
sugli AUi Accademici degli anni 1890-91, 1891-92 (1). 



(!) Ai cnltori delle seieoze ginridico-sociali e politico-morali non isfoggirà di eorto 
rimportanxa degli scritti del Sa.bbatini e del Grazuni, che arricchiscono questo Toinme 
dell* Accademia Modenese, d'altronde pregerole sotto tanti altri aspetti. Vorremmo qni di- 
scorrerne partitamente, ma la monografia del Oraziani richiede assai più ampia trattazione 
che in noa nota non eonrenga (comincia dall* esporre le teoriche economiche nel medio 
ero e Tiene giù giù fino a Marco Minoeibtti ed a Luiai Carlo Farini), onde ò meglio 
rimai:darne il discorso ad altra occasione. 

II Sabbatini, ragionando del compito sociale dello Stato, detto che le tendenze degli 
stati moderni ad ingerirsi negli interessi economici della Società hanno riaccese le di- 
spute fra Uberitii ed autoritari^ dimostra la fallacia delle armonie economiche prestabi- 
lite dal Leibnitz e dal Bastiat, di fronte alla permanente miseria delle classi laToratrici, 
le sorde minacele delle quali hanno persuaso gli Stati della necessità di interrenire come 
.pacieri nella lotta fra operai ed imprenditori. LMmpulso Tenne dalla Qermania, e generò 
il aoeialUmo di stato in contrapposto al socialismo democratico; ma Tesempio fn presto 
imitato dalle altre nazioni d'Europa, non esclusa l'Italia, oto, per un concorso di circo- 
stanze analoghe, le idee socialistiche eransi dlTulgate, ed aTOTano già prodotto un forte 
lioTito nelle classi operaie. Ma non è a credersi che il Socialismo di Stato, come dottrina 
che gli attribuisce l'onniTeggenza e Ponnlpotenza, possa essere la panacea dei mali che 
traTagliano la moderna società, anzi questo sistema spiato alle sue ultime conseguenze 
li aggraTa. L'azione dello Stato non deve essere esclusÌTa, ma snppletìTa; non ricostmt- 
tiTa, ma cooperatÌTa; fin doTo arriTa Tattiviti priTata, l'azione dello Stato rimane escln* 
sa, interTÌene quando incomincia ad essere deficiente per integrarla e cooperare ^con essa; 
il giudizio della necessità di cosiffatto intervento spetta a chi regge Io stato, all'opinione 
pubblica di moderarlo e contenerlo. Indi rileva come tì abbiano funzioni sociali che lo 
Stato può compiere con una più efficace tutela giuridica, senz'uopo di alcuna ingerenza 
diretta nella Società e Tiene a parlare del movimento che si è manifestato in Italia, 
come in Germania, per trasformare i codici di mero diritto privato in codici di diritto 
privato 9oeiaU* Biguardo poi all'azione diretta dello Stato negli interessi economici e 
sociali, dimostra che per migliorare le condizioni morali e materiali di tutte le classi (e 
non solamente delle operaie) bisognose di soccorso, lo Stato devo rivolgere le forze eco- 
nomiche del paese ad alimentare i mezzi di produzione più confacenti alle sue condizioni 
naturali e storiche, aprendo cosi fonti di onesti guadagni e di utili occupazioni, riani- 
mando, col renderle proficue ed operose, le carriere del libero laToro. E qui paria della 
necessità di migliorare le condizioni dell'agricoltura e deplora che in Italia lo Stato ansi 
che alimentare questa, che può dirsi per noi l'unica sorgente di ricchezza, abbia disperso 
in. spese improdnttlTe i risparmii della nazione. Tocca delle pretese degli agrari, costitui- 
tisi in partito politico, che vorrebbero inaugunure il vieto sistema del proteiiODismo, • 



Digitized by 



Google 



é52 aoitXAiUO Dtatt POBBUOAZIOÌn PtUÙVtOÉM 

Nuovo AroliiTio Venoto . per cura della R. Deputazione Ve- 
neta di Storia Patria— Venezia —Anno III, N. 12, Tomo VI, Parte II. 

Pabblicuioni «alla ftorìa medioerale italiana (1892) , C. Cipotta (I) — 
1/ Archivio antico della Università di Padova, G, Giorno — lì dominio 



Mlft profMto dottrinsrift di evi si fece btoditore in IUIia Avfosto Mortaim, scfmndo 
gli iosegnaaiwti del Loria: BceMni* a proposte di più fecile Attoesfone e di più sievo 
esito, quali eoa qaelle, fra altre, della colenixzazIoBe isteraa e delle booitfazioai, e con- 
elede affermaado che nel miglionire le eondisioni generali dei eittadini, e non si miglio- 
rano se non ravrlsando le natntali sorgenti della ricebena naslonale, sarà rosa più facile 
la soluzione della questione soeiale, che direnta yenunente tale oto miri al sollleye di 
tutte le elassi solTerentt. 

Il laToro sulla legislssione sociale in Italia completa quello sul compito sociale dello 
Stato, del quale si è fln qui discorso. Il SAUBATm, per dare al suo IsToro un ordine si- 
stematico, determina dapprima gli scopi della legislaiione sociale e raggruppa le Tarie 
leggi d*ordÌno sodale promulgate o proposte in Italia, di cui trsecia le linee generali, a 
seconda dei detti scopi. La legislazione sociale si propone tre precipui scopi : 1* migìio- 
rars le condizioni economiche della classe operaia^ e lo scopo si raggiunge mercè le isti- 
tuzioni: del risparmio, del imUmo 9oeeor9ù, della eorpifrazioHé ; 2« difendere gli operai 
delle possibili sopercherie degli imprenditori, e Io scopo si rsggfnnge con la libertà dé§U 
teioperi, con risUtoziono degli arhitraii e dei probi-viri; Z** proteggerli dai pericoli del 
lavoro che minacciano la loro esistenza ed incolumitÀ, e dsr loro il modo di riparare ai 
danni IneTitabili deriranti dal laToro , e Io scopo si raggiunge coi proTredimenti mi la- 
voro dei faneiuUi delle donne, intomo agli infortunii del lavoro, con Vaeeicmraztone, 
die è di tre specie: contro gV inforennii del laeoro , contro le Malattia e le invalidità 
deriTaati dal laroro, per la vecchiaia. Tratta del modo con cui tali istituti di indole so- 
ciale si sono attuati o d Togliono attuare in Italia, dei risultati che se ne sono ottenuti 
o se ne possono sperare, dei miglioramenti che tì si possono introdurre, facendo frequenti 
paragoni con le legislazioni straniere e discutendo le proposte più radicali che si met- 
tono innanzi da taluni nell'intendimento di soccorrerò più efflcacemente le dessi operaie. 

(1) In occasione al quarto centenario dalla scoperta deirAmeriea, che ricadde nel 1892, 
numerose pubblicazioni biografiche, storiche e geografiche furono fatte. Il Cipolla le psasa 
in esame, e Tartleolo qui pubblicato costituisce un non ispregerole contributo alla Lette- 
ratnra ed alla Bibliografia Colombiana. Ricorda fra V altro gli ** Studii Colombiani « di 
mons. ean. IsmoRO Carini , e il " Discorso « del proL Vincenzo Bi Giovanni alla K 
Accademia di Scienze , Lettere ed Arti di Palermo. Il Carini , esaminate alcune recenti 
pubblicazioni, dà notizie di mss. Vaticani, Ambrosiani e Spagnuoll, che possono interes- 
sare la storia Colombiana , e lascia intendere di possedere un documento da cui si può 
dedurre che Cristoforo Colombo nacque verso il 1446, onde è a sperare che Tillustre eru- 
dito possa dare qualche altra informazione al riguardo.~I] discorso del Dì Giovanni è un 
riassunto chiaro ed ordinato degli stndli recenti su Colombo, ed in esso egli li addimo« 
itn deliro ddla legittimità di Fernando, 



Digitized by 



Google 



BOmUIUO BlLtS PUBBUOAZIONI PBBIODIOHI 26& 

veneto nel Friuli. Risposta al prof. Pompeo Molmenti, V. Marchesi— 
Menni documenti importanti dei signori di Polcenigo, F. C. Carré- 
ri — Rassegna Bibliografica •— Catalogo delle opere in musica rappre- 
sentate nel secolo XVIII in Venezia {coni.) , T, Wiel — Atti della R. 
Deputazione Veneta di Storia Patria. 

Periodioo della Sooietà Storica per la Provinola ed antica 
Diocesi di Como — Como — Voi. X, N. 37. 

L'Editto di Jante (Appunti di Storia Valtellinese 17d2-65) , Giuseppe Co- 
lò — Codice Diplomatico della Rezia {coni.) — L* Abbazia di S. Pietro 
in Vallata, Guglielmo F. Damiani — Di un libro di Antonio Bonna- 
stino, professore alla Corte di Vienna, G, Colò. 

Pubblicasioni dell' Accademia < La Nuova Fenice > in Or- 
vieto — Orvieto. 

Serie III — Cronache e Documenti — Voi. L 

Diario di Ser Tommaso di Silvestro notare dal 1482 al 1517 con note di 
Luigi Fumi. Fase. 3« dal 1503 al 1507. 

Raccolta Storica , per cura della Società Storica Gomense — 
Como — Voi. II, Dispensa 5*. 

Atti della Visita Pastorale Diocesana (1589-1503) di F. Feliciano Ninguar- 
da, vescovo di Como, ordinati ed annotati dal sac. doti Santo Monti 
(cont.) — Questa dispensa contiene inoltre la Prefazione : pagine I- 
XXXIX. 

Rassegna Siciliana di Stòria, Letteratura e Sciense Booiali, 
diretta da G. Pipitone-Federico e L. Lanza di Scalea— Palermo — 
Nuova Serie, Anno I, Fase. V-VI, Ottobre-Novembre 1893. 

Delle rime di Francesco Maurolico , Francesco Guardiane — Alpinismo 
educativo {cont. e fine)^ T. Zona — Follie muliebri, Gius^pe Varva-. 
ro— L'< Atlantide». Poema di Mario Rapisardi, F. Guardione — lì 
metodo di F. Le Play in Francia ed in Italia. Note, Lucio Lanza di 
Scalea — Qiornata di visite {cont. e fine\ Antonietta Caruso — Di al- 
cuni caratteri della letteratura in Sicilia nella prima metà del seco- 
lo XIX, G. Pipitone-Federico '^ Da Orazio, Epodo XV. Ad Neaeram 



Digitized by 



Google 



254 SOMMABIO BELLB PUBBLICAZIONI PBRIODtCHB 

(versione), Oius^pe Sapio — Note bibliografiche — Tavole necrologi- 
che. Pietro Sbarbaro, Francesco Guardione; Angelo Romano-Catania, 
G. P. F. 

Bendioonti della B. Aooademia dei Lincei, classe di Scienze 
morali, storiche e fllologiche — Roma — Serie V, Voi. n, Fase. 9, 
Settembre 1893. 

Notizie delle scoperte di antichità nel mese di Agosto 1893, F. Barna- 
bei (1) — Di un nuovo Codice della Cronica Etiopica pubblicato da R. 
Basset, Carlo Conti Rossini — - Notizie intorno alla Retorica d' Al-Fa- 
rabi, Albino Nagy — Il fkttore della motilità nella nozione di forza , 
Francesco De SarJo — Mario Nizzoli filosofo, Giuseppe Pagani — Cor- 
rispondenza; Opere pervenute in dono. 

Id. N. 10, Ottobre 1893. 

Del « Nomenclator Firmicns > mandato da M. Fogel in Italia, E, Teza — 
Notizie delle scoperte di antichità nel mese di settembre 1893, F. Ber- 
nabei (2) — Di due nuove iscrizioni preromane trovate presso Pesaro, 
in relazione cogli ultimi studi intorno alla quistione tirreno-pelasgi- 
ca (oon^), Elia Laties — Due squarci inediti di Cronica Etiopica, Carlo 
Conti 22o««i>ii — Operosità letteraria di Mario Nizzoli, Giuseppe Pa- 
gani — Opere pervenute in dono. 

Id. N. 11, Novembre 1893. 

Papiri greco-egizi della Biblioteca Vaticana, Giacomo Lumbroso — Nuove 
scoperte nella terramara Castellazzo di Fontanellato Parmense, Luigi 



(1) A Salemf, a poca distanza del paese, si scoprirono I resti di nna chiesetta cri* 
stiana tra il IV ed il V secolo, alla quale appartennero dne pavimenti in nasaico, Tuno 
sovrapposto airaltro, 11 più antico con iscrizioni greche, il superiore con iscrizioni latine. 
STentaratamente di quest'ultimo, che stando ai frammenti epigrafici, avrebbe potuto of- 
frirei importanti dati storici, assai poco fu rinvenuto. 

(2) Un cimitero cristiano fu scoperto presso Catania e delle cose che vi si trovarono 
si dedusse che quel sepolcreto fu in uso dal secolo quarto in poi. 

Furono ripigliate le indagini presso Tabitato di Salemi, nel sito ove erano stati ri- 
messi in luce pavimenti in musaico con iscrizioni cristiane ; e si riconobbe che in quel 
luogo non una chiesa soltanto era stata costruita, come la primitiva scoperta aveva fatto 
supporre, ma vi ebbe sede un nucleo di antica popolazione cristiana. 



Digitized by 



Google 



SOmUBZO BELLI PUBBUOinOXI PIBIODIOn 255 

Pigorini — Le nltime scoperte Vetnlonìesi a Colonna, Luigi A, Mila- 
ni — - Di una rara iscrizione cemeteriale cristiana scoperta in Pavia , 
Felice Barnabei — Notizie delle scoperte di antichità nel mese di Ot- 
tobre 1893, Felice Barnabei — Ripostiglio di monete fiorentine sco- 
perte entro il paese di Castiglion Fiorentino, G, F. Oamurrini — 
Di dne nuove iscrizioni preromane trovate presso Pesaro in relazione 
cogli ultimi studi intorno alla questione terreno-pelasgica (conU\ Elia 
Lattea — Tavolette greco-egizie , Guglielmo Weinberger — Gli ultimi 
anni di Mario Nizzoli, Giuseppe Pagani — Memorie da sottoporsi al 
giudizio di commissioni; Personale Accademico; Presentazione di libri; 
Corrispondenza; Opere pervenute in dono. 

Id. N. 12, Dicembre 1893. 

Ancora di lauft^e Rndel, Emesto Monaci— Per la storia del Dramma in 
Italia, Emesto Monaci — Scoperte fotte dal cav. L. Scotti nella Ter- 
ramara Piacentina Colombare di Bessano, Luigi Pigorini — Sarcolkgo 
tarquiniese di nenpo con il giuoco del < Kottabos > , Mercurio (etr. 
«Turms >) e Carmen ta (etr. «Lasa»), nei Campi Elisi; Luigi A. Mi- 
lani — Gruppo cineraNo di Chianciano con le Parca Carmenta (etr., 
€ Ijisa») ed altri monumenti etruschi con le Parche, Luigi A. Milani-^ 
Tazza a fondo bianco del Museo di Firenze con il nome del favorito 
€ Lyandros >, Luigi A. Milani — Di una fàbbrica di stoviglie medio- 
evali scoperta entro V abitato di Feltro, Felice Barnabei — Di un raro 
pettine di legno scoperto in Cerchiano, Felice Barnoò^t — Notizie delle 
scoperte di antichità nel mese di Novembre 1893, F. Barnabei (1) — 
Di due nuove iscrizioni preromane trovate presso Pesaro, in relazione 
cogli ultimi studi intorno alla questione terreno-pelasgica {coni, e fine\ 
Elia Lol/es — Presentazione di libri; Corrispondenze; Opere pervenute 
in dono — Indici. 

Rivista Storica Italiana— Torino —Anno X, Fase. 4'', Ottobre- 
Dicembre 1893. 

Caterina Sforza, Vittorio Cran— Francesco Guicciardini e il governo fio- 



(1) ImportantisBinid forooo le scoperte che si ebbero nei nnori scavi delle necropoli 
del Fusco presso Siracusa. I sepolcri quivi esplorati ascendono ora a 135, sensa contare 
le fosse ed i sepolcri barbarici che pure ti sì incontrarono. La messe più ricca finora 
raccolta ò formata di Tasi protoeorinzii , lo studio dei quali porta un contributo pnsio* 
sissimo alle questioni che tuttora si dibattono fnk gli archeologi intorno alle più antiche 
produiioni della oeramica greca. 



Digitized by 



Google 



2A6 BOIOIàRIO belli I'UBBLIOAZIOVI PBRtODtOHB 



. rentino. Agostino Rossi -- Recensioni (l)--Not6BlbliogrJiflohe: L sto- 
ria politica (2) ; IL Storia letteraria ~ Elenco di libri -* Spoglio di 
periodici — Notizie — Indice. 

Rivista d' Artifirlieria e Ghenio— Roma — Voi. IV, Ottobre 1893. 

I rifornimenti ed i servizi dell* artiglieria da campagna , E. <roneUa^ 
maggiore d^ artiglieria — Guerra di montagna. La campagna del 1747 
salto Alpi (con t tavola), B. Rocchi, capitano del genio (cont.)—Qner 
stioni pratiche. L* artiglieria da campagna ed il suo impiego nelle 
manovre con le altre armi , G. Saladino , maggiore d* artiglieria — 
Miscellanea; Notizie; Bibliografia. 

Id. Novembre 1893. 

Guerra di montagna. La campagna del 1747 sulle Alpi (con 1 tavola), 
E. Rocchi, capitano del genio (cont.) — Istruzioni speciali per l' arti- 
glieria a piedi tedesca. Affusti, avantreni e carreggio (con 1 tavola)— 
Influenza dei nuovi mezzi di offesa sulla fortificazione del campo di 
battaglia (con 1 tavola), Sigma — Brevi considerazioni e proposte circa 
1- istruzione sulla presa di posizione per le batterle dell* artiglieria 
da campagna, C. De Dominicis, capitano d' artiglieria '^Visirnzione 
tedesca sulla fortificazione campale (con 33 figure), x — Miscellanea; 
Notizie; Bibliografia. 

Id. Dicembre 1893. 

Guerra di montagna. La campagna del 1747 sulle Alpi (cont e fine) E. Roc- 
ehi, capitano del genio — Stazioni telemetriche esterne (con 2 tavole), 
G. Ricci, capitano d' artiglieria — Accensione elettrica delle mine 



(1) Kbdblb Follaci Nuccio si oecapa dell'opera del barone RaffàblbStariubba: 
Noiùiie e seriHi inediti o rari di Antonino Amico, diplomatiHa aieiliano del teeolo XVIL 
Palermo; Claoseo, 1892— e Vito La Màntia. di quella di Pietro Giannonv: Il Trihu' 
naie della Monarchia di Sicilia, opera postuma pubblicata con prefazione del prof, Au- 
gu9to Pierantoni. Roma; Loescher, 1892. Segnaliamo al coltori della storia patria e lo 
due opere e le due recensioni, non senza a^iungere che lo scritto del La. Mantia ha 
anche importanza non lieve per le notizie bibliografiche che contiene e che additano le 
fonti cui attingere, per darci, quando che sia, completa la storia di un istituto, che il ' 
nuoTo diritto ecclesiastico ha soppresso. 

(2) Ricordato : V eapreseione proverbiale di ** vespro aieiliano „ di 0. Rohano. 



Digitized by 



Google 



BOIOUBIO DB.LB FUBBLIOAKIOKI PIRIODIOHl 287 

(con 7 flgare) O. Marzocchi, tenente coUmnello del genio — tA mitra- 
gliatrici Maxim e la cavalleria Svizzera, x — Miscellanea ; Notizie ; 
fiibliografia — Indice. 

Studi e Documenti di Storia e Diritto, pabblicazione perio- 
dica deir Accademia di Conferenze Storico-Giuridiche — Roma — 
Anno XIV, Fase. 3«.4», Luglio-Dicembre 1893. 

Il concetto della donazione nel diritto romano , con richiamo al diritto 
civile italiano, prof. A. Ascoli —lì testamento di Pio IV, Felice Cera- 
soli ^ Ricerche storiche intorno agli alberghi di Roma, dal secolo XlV 
al XIX, Felice Cerasoli — Storia di Liberio Papa e dello scisma dei 
Semiariani (coni.), L. de Feis — Note bibliografiche (1) — Indice. 

B) Estere. 

Analecta Bollaadiana — Bruxelles — Tomus XII, Fase. IV. 

Snpplementam ad vitam beati lacchi Veneti Ordinis Praedioatoram — 
Qregorii Taronensis Passio VII Dormentinm apud Ephesam, edidit 

. , .. Bruno Krosch— Miracala SS. Pauli, Clari et Gyriaci, anctore Alexandre 
Gemmeticensi — Gatalogns codicnm hagiographioorum bibliothecae ci. 
viri Alphonsi Wins, apod praetoriam Nivigellense indiois (cum ap- 
pendice) — Saint Norbert et Tanchelin — Ballettin des poblications 
hagiographiqnes (2) — Indices — Repertorinm Hymnologicnm (jiuite)^ 
D. U. Chevalier. 

Bullettin d' Histoire eoclesiastiqae et d' Archeologie reli- 
gieuBe des diooòsee de Valenoe , Gap, Grenoble et Viviers — 
Romans — Treiziòme année, Tome treizième. 

Étndes flrancisoaines sur la Revolution dans le département de la Dròme, 
R, P, ApoUinaire de Vatenc^— Bibliographie, cfuin.Ulys»e Chevalier'^ 
Prosolarinm ecclesiae Aniciensis, chun. Ulysse Chevalier— Yì& et mi' 
rades de la bienhearease Philippe de Ghantemilan, chan, Ulysse Che- 



(1) A. Q. dJseom della open di Oàbruello Càrnazza : X« obUigwUmi aUtmatiPé 
nel diritto romano e nel diritto civile italiano, Catania; Pansiai, 1894. 

(t) Ricordato : San Glopotmi Battista del P. Sàmublb da Oìuaiumontb-Oulfi (Ra- 
sua; 1892, S toI. In-lS* di pp. 888, 818, 884). 

Jrch. Star. Sie. N. 8. anno XDL 17 



Digitized by 



Google 



S58 801IVARI0 DELLB PUBBUCaSIOKI PtBtODtOHI 



i;alt>r— Cbronique da diocése de Valenoe, Comiié de Rédaciion — 
GhroDÌque relìgieuse da vieil Aabenas, A. ifa^ron— Histoireda Pont- 
de-Beaavoif in, abbé E. - /. Perrin — Donation k l*abl>aye d' Aigaébelle, 
abbé Cyprien Perrossier — I/abbó J.-B. Caillet, vicaire gónóral de 
Grenoble, abbé Cyprien Perrossier^lA voea de sainte Geaeviéve a 
Romans, abbé Cyprien Perrossier. 

Bullettin Intemational de l' Aoadémie dee Soienoes de Ora- 
oovie — Gracovie — N. 6-10, Juin-Décembre, 1898. 

.Comptes-Rendas dea seances da 5, 12, 19 juin; 3, 4, 10 Jaillet; 2, 9, 16 
octobre; 6, 13, 20, 21 novembre; 4, 11, 18 dócembre 1893. Qaeati re- 
soconti rigoardano comanicazioni e letture dì lavori inediti o mano- 
scritti fiitti dai socii deir Accademia, divisi in tre classi : Filologia, 
Storia e Filosofia, Scienze matematicbe e natarali. 

Journal dee Savanta — Paris — luillet 1803. 

Le Mabàvansa (2* artide), Barthelemy Saint-Bilaire — Rètormtiìenn et 
Pnblicistes en XVIII* siòcle, lules Simon-- Los Qrands écrivains 
firan^ais. Descartes (l** artide) , L Bertrand — Troix Catalogues (1* 
artide), Georges JF^?rrol— Bnqadtes et Procòs, R. Daresie—Là legende 
de Saladin (3* artide), GaeUm Paris — Noovelles littóraires. 

Id. Aoùt 1893. 

Masées et GoUections arcbóologiqaes de 1* Algerie , O, Boissier — Colle- 
ction Morrison (1" artide), Leopold i)6{ì»te— L*ancien collège d*Har- 
court et le lycóe Saint-Loais (l** artide), P. /an^^—Earipide et Tesprit 
de son tbéàtre (1" artide), Henri Weil—Lsi legende de Saladin (V et 
dernier artide), Gaston Paris ->Sir Richard Owen (1" artide), EmiU 
Blanchard — Nouvelles littóraires. 

Id. Septembre 1803. 

Les Grands Écrivains frangia. Descartes (2* ai*tide), /. Berirand^-V E- 
stbótiqae d*ArÌ8tote et de ses saccessears (3* artide), Ch, Leveque — 
Gollection Morrison ( 2* artide) , Leopold Delisle — Troia catalogaes 
(2- artide), Georges Perrol— Sir Richard Owen (2* artide), Èmile 
Blanchard — Noavelles littóraires. 



Digitized by 



Google 



bomxàbio dellb pubblio ax ioni pebiobiohb 259 



Id. Ociobre 1893. 



Histoire de la Psychologie des Orecs (!•' article), Ch. LévSqtte — Euri'' 
pide et r esprit de son théàtre (2* article), Henri Weil — Lettre» de 
Robert Mayer ( 1" article) , /. Bertrand — Histoire de la littératare 
grecque (2* article), lules Girard — I^ ròle da roman dans la litté- 
ratare coatemporaiae, lules Simon — Noavellea littórairea. 

Id. Novembre 1893. 

La loi de Gortyae (1" article), A. i>arestó--L*ancieacollòge d*Harcoart 
et le lycée SaintrLoais (2* article) , Paul lanet — Lettres de Robert 
Mayer (2* article), /. Bertrand — A traverà le Groenland, Laubrée— 
Noavelles littéraires. 

Id. Décembre 1893. 

Le Mahàvansa (3* et dernier article), Bartftélemy-Saint Hilaire — Hiatoire 
de la litterature grécqae (3* article), lules Girard — Le Zend-A vesta 
(1- article) Michel Bréal — L'Earope et la Revolution fran<?ai8e (1" 
article), Wallon — Noavelles littéraires — Table des matiéres. 

Polybiblion, Bevae Bibliograflque Universelle — Paris — Par- 
tie Littéraire. Deuxiòme Sèrie, Tome 38% Octobre 1893. 

Romana, Contea et Noavelles, C/uirto< Amaud— larispradence, Maurice 
Lam6^H — Pablications récentes sar TÈcriture Sainte, C, /.— Gomptes 
Rendas : Théologie ; lurisprudence ; Sciences et Arts ; Belles-Lettres ; 
Histoire — Ballettin — Ghroniqae (1). 

Id. Novembre 1893. * 

Philosophie, Léonce Couture —■ Oavrages d* instraction chrétienne et de 
pieté, F, Chapot -^ Beaux-Arts, de Nolhac — Gomptes Rendas : Théo- 



(1) Dando ranniiniio della pubblloazione di una BiviHa dtìU tradÙBianl popolari in 
Italia, per opera della Società fondata in Kom* dal prof. Db Gubbrnatib , t* ag(iiiiig« 
che ** r on uo pout s* euipòcher de penier quo eette rerue fera doublé empiei *Yec r u- 
cellent Archivio per lo aiudio delle tradizioni popolari, dirige aree tant de €oap4teiice 
per Tun des plus saTants folkloriitet da monde entier, M. inseppe Pitrò„. 



Digitized by 



Google 



«OVIIAEIO DELLE PUBBLICAZIOKI PERIODICHE 



logie ; Scieooes et Arts ; Belles-Lettrea ; HUtoire -«- Ballettin — Ghro- 
niqae (i). 

Id. Décembre 1803. 

Récentes publications illustróes, Vùenot — Owymge» d* instmotion cbré- 
tienne et de pieté, F. Chapot — CSomptes Rendas : Théologie ; Belles- 
l^ttreB; Hlstoire — Bullettin — Chponiqae •— Table metbodiqne deg 
ouvrages anaiysés — Table alpbabetique des noma d* auteurs — Table 
de la Chronique. 

Id. Partie Technique. Deuxiòme Sèrie, Tome 10*; Octobre, No- 
^vembre, Décembre 1803. 

Bibliograpbie : Théologie; lurisprudence; Sciences et Arts; Belles-Lettres; 
Histolre— Sommaires des Regaells Póriodiqaes : Póriodiqaes Frangais; 
Périodiqnes Etrangers — Articies Littéraires des Joaroaux de Paris— 
Table de la Bibliographie par ordre alphabótiqae des noms des au- 
teurs— Ouvrages anonymes — Table des Regneils Périodiques. 

Bevue Historìque - Paris - Tome 53% Novembre-Décembre 1803. 

laufró Rudel, G. Parù — L* avénement de Philippe-Anguste (1170-1180)» 
AL Carlellieri (suite) — La France en Alsace aprés la paiz de West- 
phalie (netto), X Mossmann — Sur i* autenticité des « Discours » de 
la None, E. Hauser — Les archives anciennes du dépòt de la guerre 
et les campagnes de la succession d* Autriche, Alberi de Rochas - Que- 
stions róvolutionnaires : Tabbé Orógoire fut-il regicide? E, Welvert^ 
Bullettin historique. Frange , par L, Farges et G. Monod; Grece, 
par P. Carolidés — Comptes-Rendus critiques — Publìcations pério- 
diqnes et Sociétés savantes — Chronique et Bibliographie — Index bi- 
bliographique — Table des matiéres. 

Revue Bénédictine — Abbaye de Maredsous (Belgique) — X' 
année, N. 10, Octobre 1803. 

L'histoire de la Vulgate pendant les premiers siécles du moyen age, 
par Samuel Berger, G. M. ~ Le lectionnaire de 1* Église de Paris au 



(1) SI MDODiift )a pttbblffAiione della BaMtgna détta len^raiura tUUiana Mito U 
-dirMione dei tlgrnori: Puolibi Pico e Plàtànu. d'Antoni; e del prino il rleor- 
'dft lo ioritto in Le origini di tm« léggmia IloosiddttV Xkkwq, 



Digitized by 



Google 



SOHMABIO BBLLB PtTBBLICÀSSIONl PlBlODlOfiE. 261 



VII" siéole, D. G, Morin — > La doctrine catholiqae de 1* origine da 
poavoir civil , i). Laurent lamsens, 0. S. B. — La secte et 1* onion 
dea églises, mal et reméde aax temps presenta , D. Gerard von Cor 
ìoen — Nonvelles Bénódictinea — Necrologie — Bibliographie. 

Id. N. il, Novembre 1893. 

Lee Sermone inèdita de saint Aagastin dana le manoacrit latin 17050 
de Manich (a suivre) , D. G. Morin — Le chapitre provi ncial dea 
Giaterciens belgea en 1782, D, Urstner B^^tèr^ — Lelivredu Vicomte 
de Meanx aar V Bglise catholiqae et le liberté aax Étata-Unia, D. Lau- 
reni lanssens — Saint Edmond de Gautorbéry {suite et fin) , D. Sede 
Càmm — Nouvellea Bénédictinea — Bibliographie. 

Id. N. 12, Décembre 1893. 

Lea Sermone inèdita attribaés à saint Aagastin dana le manaacrit latin 
17059 de Manich {suite et fin) , D. Germain Aforin — Une apologie 
pyramidale de la Rèforme, D. Laurent lanssens — h\i\ìòii\n d*hÌ8toire 
monaatiqae (1) — Le premier volarne dea « Documenta inedita ponr 
aervir à Thistoire ecclèsiastique de la Belgique » -- Alard « abbé de 
Florennes et les Miracula sancti Theoderici , Z). Ursmer Berlière — 
Necrologie — Bibliographie. 

The Enfirlish Historioal Revlew —London — N. 32, Voi. Vili, 
Octobre 1893. 

The Settlement of the Cistercians in England , by miss A. M. Ooohe — 
Wace and hia Aathorities, by /. JET. Round — The Secarity of Copy- 
hoidera in the Fifteenth and Sixteenth Gentaries, by /. S. Leadam — 
Father William Grichton, S. I., by T. G. Eaw — Napoleon and En- 
glish Commerce , by /. R, Rose — Notes and Docaments — Reviewa 
of Booka (2) — Liste of Historical Books recently pablished — Contenta 
of Periodical Pabiicationa — Index to VoL Vili. 



(1) Bt " La Badia di Montecassino alla Esposlsfone Naiiooale di Palermo , per Carlo 
Cribpo Mongada è detto che donne un ben ap&rfu du moucemenl Utiéralrs de V an» 
tique monoHere. E ne espone U contenato. 

(S) F. W. Maitlaivd ed Uoo Balzani tì parlano rispettlTareente deir Ordines ludh 
ctwnun Dei di Faìì!cgbsgo Giuseppe T«a Maxtu ; e dell' Innoeenx IV umd df»9 KM^ 
fTfkk BieiUen (1845-1254) di CkKL BODSNBBUO. 



Digitized by 



Google 



26^ SÓifìtÀBlO DELLE PUBBLÌ0À2ÌO1II PSRIObloks 

Neue Heidelberffer lahrbùoher herausffeffeben vom Histo- 
risch-PhiloBophisohen Vereine zu Heidelberg — Heidelberg — 
lahrgang IV, Heft i. 

Ubar die wachsende Newositat unserer Zeit, Wilh. Erb —Ubar geistiga 
Àrbeit, Emil Kraepelin — Die Anordnung der grossen Heidelberger 
Liederhandschrirt, Fr, GriVAm^ — Marianne, Grafin von der Leyen, 
Arthur Kleinschwidt — Zur Sprache des neuesten dentschen Schaas- 
piels, II, Hermann Wnnderìich — Geschiehtliches ans vorgeschichtli- 
cher Zeit. Nane Eatdecknngen Lnigi Pigorinis, F. v, Duhn. 

Transaotions of the Canadian Institute — Toronto — N. 6, 
Voi. Ili, Part. 2, Septembre 1893. 

Note on Ocean Steam NavigatioD, Sandford Fleming, LL. B., C. J/. Gr.—Note 
on Early Steamboats, td.— Noie on Postage Stampa, td.— The Migration 
of the Bvaning Qrosbeakin 1890, /. B, Williams — The Bressa Prize — 
The Great Centre: An Astronomica! Study, H, C. Bamillon, LL. B.— 
The Abenakis of St. lohn Ri ver, Edward Jack —Ceìtic Prosody, Rev. 
Neil Ma cNishy B. D„ LL. D. — National Characterit tics and the Migra- 
tions of the Hurons, A. F. Hunler, Af. A. — An Episode in the Pon- 
tiac War, 1763, LieuL Rulherford —Early Traders and Trade Routes 
in Ontario, Capi, Ernest CrinksJtank — Làke Garrente, L. L Chark^^ 
The Private Correapondance of Lieut.-CoL Goffln (1837) , B, R. Fair- 
eloughj M. A. — The Phocas of Terre Neuve , Rev. Philip Tacque, 
A. M. — Proposed Change in Reckoning the Astronomica! Day — Bi- 
bliography of Pablications of Canadian Institute — List of Members. 

lohns Hopkina University Studies in Historioal and Poli- 
ticai Soienoe — Baltimore — Herbert B. Adams, Editor. 

Tenth Series ^ Church and State — 1892. 

XII. Causes of the American Revolution, by lames A, Woodòum, Ph. D. 

Eleventh Series — 1803. 

I. The Social Gondition of I^or, by E. R. L, Gould, Ph. D. (i). 



(1) Un' edizione francese di questo laToro fìi pabblieata ne La Biforme SoelaU — 
^ùriffi, 1899^ 



Digitized by 



Google 



tóìikAftlO Ì)ILL& Pt7BÌLlOA^ÌONt ]^StltOÌ>IO&B téì 

IL The World*f Represeotative Assemblies of to-Day, a Stady in Compa- 
rative Legislation, by Edmund K. Alden. 

IIMV. The Negro in the District of Columbia, by Edioard Ingle^ A* B. 

V-VI. Charch and State in North Carolina, by Stephen Beauregard Wecks, 
PK D. 

VIl-VlII. The Gondition of the Western Parmer as illustrated by the Eco- 
nomie History of a Nebraska Township, by Arthur F, Bentley^ A. B. 

IX-X. History of Slavery in Connecticut, by Bernard (X Steiner, Ph. D. 



Qt. V. 



Digitized by 



Google 



ATTI DELLA SOCIETÀ 



SEDUTA DEL DÌ 14 OENNAIO 1894 

Presidenza del prof. comm. Andrea Ouameri, 

Senatore del Regno, Presidente. ' 

La Società con 32 soci si riunisce nella sua sede. 

Aperta la seduta, si legge e si approva il verbale della tornata 
precedente. 

Il Segretario generale partecipa una lettera di ringraziamento 
della signora vedova Cusa per le condoglianze espresse dalla So- 
cietà nella morte deirillustre Professore. Annunzia quindi la per- 
dita del socio comm. Giuseppe Mario Puglia, avvocato principe del 
foro siciliano, giureconsulto di polso e cultore indefesso degli 
studi non pure legali, ma storici e letterari. Ricorda infine la 
sventura toccata al socio cav. Natale-Di Cristina nella perdita 
della madre. 

La Società delibera un voto di condoglianza per i congiunti del 
Puglia e per lo stesso socio Natale. 

Si passa lo scrutinio per relezione di nuovi soci, e vengono 
eletti i signori Domenico Trigona, Principe di S. Elia, conte Fran- 
cesco Trigona di S. Elia, avv. Vincenzo Oiandalia e prof. Giorgio 
La Corte. 

Il socio prof. G. 6. Siragusa legge alcune sue nuove osserva- 
zioni : Sulla Brevis historia liberationis Messanae. 

Compita la lettura il Vice Presidente prof. cav. Vincenzo Di 
Giovanni fa talune sue considerazioni in proposito, alle quali ri* 
sponde il prof. Siragusa : Tiacidente è chiuso. 



Digitized by 



Google 



JlUÌ bBLU 800IBTÌ 2é5 



Il socio prof. dott. Francesco Mango parla di una Biblioteca 
siciliana e di alquanti zibaldoni de Torres del secolo XVL 



n Segretario Generale 
P. Luigi Di Maggio. 



SEDUTA DEL DÌ il FEBBRAIO 1894 

Presidenza del prof. can. cav, Vincenzo IH Giovanni, 
Vice-Presidente. 

Riunita la Società nella sua sede ed essendo presenti 35 soci, 
il Presidente apre la seduta. Letto e approvato il verbale della 
tornata precedente, il Segretario generale partecipa Tadesione a 
soci dei fratelli principe Domenico e conte Francesco Trigona di 
S. Elia, non che del prof. La Corte. 

Riferisce la sventura toccata a due soci, al prof. cav. Sapio per 
la morte del figlio tenente colonnello dello Stato Maggiore e al 
sig. Genovese Ruffo per quella del padre. La Società incarica la 
Presidenza a manifestar loro un voto di condoglianza. 

Lo stesso Segretario generale annunzia che il Ministero di 
Istruzione Pubblica ha concesso alla Società un sussidio straordi- 
nario di L. 150. La Società delibera un voto di ringraziamento. 

Si presentano vari libri ricevuti in dono dagli autori, dai soci 
e dal Presidente. 

Il socio prof. dott. Giuseppe Pipitone-Federico legge sopra Marco 
Antonio Colonna Viceré in Sicilia. Notizie e Documenti traiti 
datr Archivio generale del Comune di Palermo. 

Il Segretario Generale 
P. Luigi Di Maggio. 



Digitized by 



Google 



J 



SÌ6é À^Tl DKLLA aoÒUBf 1 



SEDUTA DEL DÌ il MARZO 1894 

Presidenza del prof, comin, Andrea GuarnerU 
Senatore del Regno, Presidente. 

La Società si riunisce nella sua sede con 38 soci. Aperta la se- 
duta si legge e si approva il verbale della tornata precedente. Il 
Segretario generale annunzia la morte di tre soci, del prof. comm. 
avv. Simone Cuccia, deputato al Parlamento, del maggior generale 
Alfonso Scalia e di mons. Gaetano Briuccia. In breve ricorda i 
meriti di essi estinti e propone un voto di condoglianza da mani- 
festarsi alle rispettive famiglie. La proposta è unanimamentiB ap- 
provata. 

Il socio prof. cav. Salvatore Romano presenta ed offre in dono 
alla Società un manoscritto autografo del non abbastanza com- 
pianto prof. comm. Michele Amari, contenente un Discorso letto 
al Circolo filologico in occasione del VI centenario del Vespro si- 
ciliano. La Società accetta il dono e ringrazia il socio Romano. 

II Segretario generale parla di 145 volumi donati alla Società 
dal socio Gabriele Castelli, Principe di Torremuzza, dei quali 141 
contengono gli Atti del Parlamento subalpino e quelli della Ca- 
mera e del Senato italiano, e 4 gli Indici. Si delibera un voto di 
ringraziamento. 

Sono eletti soci i signori avv. Ignazio Zangara , S. E. comm. 
Bartoli proc. generale alla corte di cassazione. Principe di Pan- 
dolfina, prof. Giuseppe Inghilleri-Di Bella, cav. Eduardo Varvaro, 
Bartolomeo Di Piazza. 

Il socio ing. Enrico Salemi legge : Varie notizie sopra la Porta 
di Mazzera, Il Vice- Presidente prof. Di Giovanni fa alcune osser- 
vazioni sopra i tagli, le tompagnature e i vani nella Porta sud- 
detta, desiderando che lo scrittore ne faccia tecnicamente un esame 
accurato. Dopo alcuni schiarimenti del Salemi Tincidente ò chiuso. 

Il socio prof. dott. Salvatore Salomone-Marino comunica diverse 
lettere, le quali riguardano gli illustri individui Pietro Lanza, Giu- 
seppe Borghi e Michele Amari 

li Segretario generale 
P. Luiai Di Màggio. 



Digitized by 



Google 



irri dkLlà bÒoÌjbtÌ 267 



SEDUTA DEL DI 8 APRILE 1894 

Presidenza del prof. comm. Andrea Gua;rneri, 
Senatore del Regno, Presidente. 

Con 30 soci si riuDÌsce nella sua sede la Società Siciliana per la 
Storia Patria. 

Aperta la seduta, si legge e si approva il verbale della tornata 
precedente. 

Il Segretario generale comunica l' adesione a soci dei signori 
Varvaro, Bartoii, InghìUeri, Zangara, non che tre lettere di rin- 
graziamento per i voti di condoglianza dalle famiglie d^li estinti 
colleghi Cuccia, Scalia e Bri uccia. Ricorda quindi la perdita di altri 
due soci del sac. Domenico GuUotti e del prof. cav. Eliodoro Lom- 
bardi : di questo ultimo rammenta le doti di ingegno e di cuore, 
il suo merito come poeta e letterato, e i suoi studi sulla storia , 
particolarmente della Sicilia. La Società incarica la Presidenza per 
esprimere ai parenti del Gullotti e del Lombardi la parte, che 
essa prende al loro dolore. 

Si presentano vari libri ricevuti in dono dagli autori, dai soci 
e dal Presidente. 

Sono nominati soci i signori prof. cav. Augusto Alfani e Tav- 
vocato Carlo Garufi. 

Il socio prof. can. Vincenzo Di Giovanni legge: Sulla Chiesa 
dell'Annunziata a Porta S. Giorgio. 



n Segretario generale 
P. Luigi Di Maggio. 



Digitized by 



Google 



268 Atti DALLA SOOIXtX 



SEDUTA DEL 12 MAGGIO i894. 

Presidenza del prof. comm. Andrea Ouw^neri^ 
Senatore del Regno, Presidente. 

La Società con 30 soci è riunita nella sua sede. Letto e appro- 
vato il verbale della tornata precedente , il Segretario generale 
comunica Tadesione a soci dei signori Alfani e GaruO. Sulla pro- 
posta dello stesso Segretario generale si delibera un voto di con- 
doglianza per il benemerito socio cav. dott. Giuseppe Lodi trava- 
gliato da un lutto domestico. Parla eziandio della morte del socio 
cav. Carmelo Arezzo Trefiletti avvenuta in Ragusa da un pezzo e 
appena ora conosciuta. 

Sì presentano vari libri ricevuti in dono. 

Sono eletti soci i signori prof. Antonio Borzi, Direttore deirorto 
Botanico di Palermo, sac. prof. Giuseppe Ferrante, Salvatore Piazza, 
cav. prof. Pietro Franciosi, prof. Antonio De Marchi, cav. Ignazio 
Agnese-Pomar, p. don Pier Giuseppe Simiani. 

Si legge il conto consuntivo dei 1893. 

Compita la lettura, il Presidente invita i soci per la nomina dei 
due Revisori del conto. Passato lo scrutinio sono eletti i signori 
prof. cav. Salvatore Romano e cav. Simone Serio. 

Il socio prof. comm. Luigi Sampolo legge un suo lavoro inti- 
tolato : Contributi alla Storia della R. Università di Palermo (1824- 
1863). 

R Segretario generate 
P. Luigi Di Maggio. 



SEDUTA DEL 10 GIUGNO 1894. 

Presidenza del prof. comm. Andrea Guarneri, 
Senatore del Regno, Presidente. 

Con 40 soci si riunisce la Società nella sua sede. Lotto e ap« 
provato il verbale della tornata precedente, il Segretario generale 



Digitized by 



Google 



ATTI DILLA BOOUTI '2td 



comunica Tadesione a soci dei signori Borzi, Ferrante , Piazza, 
Franciosi, De Marchi, Agnese e Simiani. 

Annunzia quindi la morte del sig. avv. Pietro Bortolotti Presi- 
dente della R. Deputazione di Storia Patria modenese e Segretario 
generale della Accademia di scienze lettere ed arti di Modena, non 
che quella dei soci p. Francesco Di Blasi Commissario di Terra- 
santa e prof. cav. Antonino Flandina sotto Archivista di Stato. Si 
ferma al Flandina e ricorda come egli fu fra i primi a dare il suo 
nome alla Società, coltivando con amore gli studi storici , dando 
il suo contributo tanto al periodico VArchivio Storico Siciliano^ 
quanto ai Documenti. Sono a tutti note le sue cure e i suoi studi 
nel pubblicare il Codice Filangeri e il Codice Speciale : Privilegi 
inediti della città di Palermo; e gli Statuti, ordinamenti e capi- 
toli della città di Polizzi, Ricorda eziandio la sventura toccata 
al socio Portai nella perdita del padre. La Società incarica la 
Presidenza di manifestare alle rispettive famiglie la parte, che 
essa prende al loro cordoglio. 

Lo stesso Segretario generale dice di avere preso gli accordi 
colla Società Storica Lombarda per lo scambio dei Documenti, e non 
solo di quelli che andranno a pubblicarsi, ma eziandio di tutti i 
pubblicati sino ad oggi. Dà notizia che il nome della Società si 
estende sempre più, e che le sue pubblicazioni sono richieste non 
pure in Italia, ma per tutta 1* Europa e per 1* America; nò sola- 
mente per lo scambio con Istituti scientifici ed Accademie, ma 
eziandio per compra di esse. 

Partecipa pure che il Banco di Sicilia largì alla Società come 
sussidio straordinario lire mille, e si delibera un voto di ringra- 
ziamento. 

Dà ragguaglio infine della deliberazione del Consiglio Direttivo 
intorno al salone, che dovrà servire per la Biblioteca, la quale per 
i doni, gli scambi e il legato Roccaforte si è talmente aumentata 
da esservi più di 2000 volumi ammonticchiati , i quali attendono 
la loro collocazione; non trovandosi per adesso ove piazzarli, per- 
chè due stanze intiere già sono ripiene di libri. 

L*ing. prof. Patricolo col suo solito amore per la Società e con 
la sua costante abnegazione ha di già presentato la Relazione pre- 
ventiva per il detto salone e la somma ascende a L. 41000. Somma 
ingente ò vero se si considerano i mezzi propri sodali » ma biao- 



Digitized by 



Google 



t70 ATTI NLLÀ BOOmi 



gna aver coraggio e Incominciare con quella cifra che si trova 
posta in Bilancio. Gli aiuti straordinari non verranno meno e 
dagli enti morali, e dai soci e da tutti coloro, i quali amano la Si- 
cilia e sono orgogliosi delle patrie cose. Il Sindaco di Palermo cor- 
tesemente venne a visitare la sede della Società , volle vedere il 
Salone, e disse che era dolente di non trovarsi le finanze muni- 
cipali cosi floride come sarebbe il desiderio di ogni buon cittadino, 
ma ciò non pertanto era disposto da canto suo a fare tutto quello 
che si poteva per un Istituto, il quale ben meritava dalla Patria. 
Né ciò solamente, ma promise per il momento un sussidio straor- 
dinario di L. 500. La Società prende atto delle comunicazioni fatte 
dal Segretario generale. 

Sono nominati soci i signori comm. Eugenio Oliveri, Sindaco 
di Palermo, prof. Claudio Emilio Buonpensiere, e la signorina Al- 
bina Buonpenslere. 

Il socio cav. prof. Salvatore Romano domanda la parola per of- 
frire in nome del prof. Sergi alcuni opuscoli alla Società, e chiede 
il permesso di leggere una lettera dello stesso Sergi a lui diretta, 
ma che ha attinenza colla Società. 

Il Presidente interroga i soci se aderiscano alla dimanda del 
prof. Romano. Nessuno opponendosi, si legge la lettera che è del 
tenore seguente : 

i Roma, 27 maggio 1804. 

« Ricevo una comunicazione, fatta dal sig. Rosario Salvo di Pie- 
traganzili a codesta illustre Società Siciliana di Storia Patria sopra 
/ Siculi e gli abitanti primitivi del Mediterraneo : Mi permetto 
scrivere poche righe, che prego siano comunicate da lei ai soci 
per chiarire dubbi ed equivoci, che possano essere nati nelFanimo 
loro suirargomento e più ancora sul carattere dei sentimenti, a 
cui sono ispirate le mie ricerche sulla Sicilia. 

« Siciliano anche io, ed orgoglioso di esserlo, non devo alterare 
le conclusioni che scaturiscono direttamente dai fatti storici. Se 
gli studi antropologici mi hanno mostrato la parentela fra Siculi 
e Sicani e Liguri e Libi ed Egiziani e Pelasgi non ne viene diso- 
nore a me, né ad altri siciliani. Basterebbe la sola parentela egi- 



Digitized by 



Google 



ATTI DltLÀ BOCtni :S7l 



ziana, il popolo cioè più antico nella civiltà mediterranea, a farci 
onore. Il riflutare questa parentela da parte deiregregio sig. Salvo, 
non mi pare opportuno. 

« Se i Siculi furono abitatori del Lazio , non è prova questa, 
che sieno stati precursori di civiltà ai Romani o aglltalici in ge- 
nere; se in Sicilia, dove si rifugiarono non avevano una civiltà 
avanzata in tempi primitivi, non deve ciò recare meraviglia, nò il 
dirlo è dispregio. 

« Tutti i popoli civili ebbero una civiltà primordiale , nò può 
essere privilegio dei Siculi di esser nati civili senza passaggio 
graduale di civiltà varie e senza importazioni straniere. 

« Le tombe scoperte dal D.r Orsi in provincia di Siracusa sono 
documenti dicuri e impugnabili: le parole sono parole. Io ho po- 
tuto studiare gli avanzi umani neolitici, sicuramente siculi, ed altri 
ne ho ricevuto di recente, di cui presto mi occuperò; e con grande 
soddisfazione dichiaro che in essi ho trovato molti dei caratteri 
fisici delle popolazioni siciliane presenti, conservati dopo tanti mil- 
lenii. Mi permetto d'inviare alla illustre Società Siciliana di Storia 
Patria la memoria su detti crani siculi neolitici. In questa memoria 
sono descritti due tipi che rinvenni: uno bello molto che deno- 
minai appunto per le belle curve Eucampylocephalus^ Taltro per 
la sua forma caratteristica Isobathys, comunissimo presentemente 
in Sicilia. Questo prova ad evidenza che le tombe neolitiche della 
provincia di Siracusa sono siculo. 

« Se nella grande famiglia mediterranea alcuni popoli avanza- 
rono in civiltà ed altri rimasero addietro, ciò si deve a condizioni 
geografiche specialmente ed a vicinanze di popoli già civili. Senza 
dubbio la valle dell'Eufrate e del Tigri ebbe una civiltà anteriore 
ad ogni altra conosciuta in occidente, e questa civiltà deve avere 
esercitato le sue influenze sulle popolazioni del Mediterraneo orien- 
tale; oggi è dimostrato quanto TEgitto debba a questa. Il Mediter- 
raneo occidentale, invece , fu Tultimo a sentire queste influenze, 
ed ebbe prima una civiltà indigena, poi quella importata nel grande 
movimento commerciale del Mediterraneo specialmente per mezzo 
dei Fenicii. La nuova influenza fu esercitata dalla civiltà ariana, 
la quale venuta dopo e tardi, pure fu molto vigorosa, come lo ad- 
dimostrano la Grecia e Tltalia, le nazioni più arianizzate. Da tale 
epoca tutto muta, e comincia a sfigurarsi la civiltà indigena. ' 



Digitized by 



Google 



-fitS Ani oiLUL Boonri 



« Oli abitanti della Sicilia ebbero prima una civiltà indigena, 
ma rozza, dopo sentirono la influenza delle civiltà fenicia , greca 
e romana. 

« La storia non la inventiamo noi, la danno i fatti; né nessuno 
può dire m^ì che un problema storico sia stato risoluto e chiuso 
per sempre. Intorno ai Siculi questo è quello che finora si ha di 
più accertato. 

« Se queste mie parole varranno a rendere tranquillo Tanimo 
dell'egregio sig. Salvo, io sarò molto contento di avere per poco 
disturbato V. S. e il chiaro Sodalizio; a cui mi permetto ancora 
di fare omaggio di qualche lavoro che ha relazione con la Sicilia 
antica, deplorando che altre memorie siano esaurite». 

Prof. Giusbppb SBRai. 

Il socio mons. comm. Gioacchino Di Marzo parla: Li alcune 
dipinture di pittori continentali in Sicilia nei secoli XIV e XV. 

Jl SegretaHo generale 
P. Luigi Di Maggio. 



Digitized by 



Google 



ATTI DELLA 800IVTA 278 



GLASSE PRIMA 



SEDUTA DEL 4 MARZO 1894 

Presidenza del Cav. Can. Giuseppe Beccaria, 
Direttore. 

La Glasse si riunisce alle ore 13 \ nei locali della Società in 
s. Domenico con soci. 

Letto ed approvato il verbale della seduta precedente, il socio 
Dottore presenta i primi materiali pel Dizionario Bibliografico di 
Sicilia, da lui proposto e già approvato dalla Glasse. Fa appello 
ai membri della Società di volere mandare l'elenco delle loro pub- 
blicazioni. 

n socio Fedele Pollaci Nuccio comunica un Saggio sui Capitoli o 
Statuti baronali in Sicilia, intrattenendosi in questa prima lettura 
della feudalità in generale e specialmente degli statuti baronali e del 
modo con cui i Baroni amministravano i loro feudi. 

Il direttore Beccaria comunica un Privilegio del ìboò relativo- 
alla privativa per 10 anni accordata a Giacomo Russitano da Mes- 
sina, per l'invenzione di un filatoio di seta, cotone, canape etc., e 
di un mulino; invenzione che aveva egli sperimentata in Napoli 
dove aveva pure ottenuto consimile privilegio. 

La seduta è tolta alle ore 15. 

Pel Segretario 
Rosario Dottore 



Jreh. Slor. Sic. N. S. anno XIX. IS 



Digitized by 



Google 



274 ATTI DELLA SOCIETÀ 



SEDUTA DEL V APRILE 1894. 

Presidenza del Cav. DotL Pietro Lanza Principe di Scalea, 

Segretario. 

La Glasse si riunisce alle ore 14 nei locali della Società in 
s. Domenico, con 9 soci. 

Il socio Fedele Pollaci Nuccio continua la lettura del suo 
Saggio sui Capitoli o Statuti baronali in Sicilia; occupandosi in 
quest'altra parte del dritto che avevano ì Baroni di riscuotere le 
tasse sui loro vassalli, delle gabelle, e del modo come le leggi, a 
protezione dei vassalli, infrenavano sempre Tarbitrio feudale. 

La seduta è tolta alle ore 15 7r 

Pel Segretario 
Rosario Dottore 



Digitized by 



Google 



ATTI DELLA SOCIETÀ 275 



CLASSE SECONDA 



SEDUTA DEL 10 MAGGIO 1894.. 

Presidenza del Bar. Dott. Cav. Raffaele StarraJbba, 
Lirettore delUi Classe. 

L'anno 1894, il giorno 10 del mese di Maggio, alle ore 14, ìxl 
Palermo, e propriamente neirufficio deirArchiyio di Stato. 

La Glasse si riunisce nel gabinetto del Soprintendente Direttore. 

Sono presenti i soci Starrabba, Lodi, Cosentino, Travali, Lionti, 
caiiaramonte, Barrila- Vasari, Beccaria, Russo, Barresi, Grispo-Mon- 
cada e Di Marzo. 

Il socio dottor Lionti comunica due relazioni sincrone sulla 
battaglia di San Quintino (10 Agosto 1557). 

Osserva egli opportunamente che nelle storie , che gli è riu- 
scito di confrontare, non si trovano ragguagli né particolari di 
quella famosa giornata, nella quale ebbe tanta e si splendida parte, 
come capitano delle truppe spagnuole, Emanuele Filiberto di Sa- 
voia. Pertanto le relazioni suddette acquistano doppio pregio, e 
per il fatto, e per la scarsezza delle notizie che per Tinnanzi se ne 
avevani>. 

La Glasse, convinta dell* importanza dei documenti analizzati 
dal prelodato dottor Lionti, fa voti perchè sieno essi resi di ragion 
pubblica, insieme cogli schiarimenti dal medesimo forniti. 

Letto il presente verbale, ò approvato , e radunanza si toglie 
-alle ore 15. 

Il Segretario 
G. Tra VALI. 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



MOTIZIB SOPRA ICCARI B CARINI 0& 

Sìmonide le trovò insensibili all' armonia dei suoi versi (1), 
e rese forse ardite dalla impunità che in quelle contrade re- 
gnava (2), punte da invida gelosia fecer proponimento di. ucci* 
derla» e per compiere tale disegno scelsero il tempio di Venere, 
luogo in cui gli uomini non convenivano. Là infatti un giorno 
condottala, alcune di esse dato di piglio a delle pietre, e, se- 
condo altri, agli sgabelli che eran nel tempio, si diedero crudel- 
mente a percuoterla, finché oppressa da' replicati colpi restò 
vittima di quello indegno furoi'e (3). 

C!osi fini i suoi giorni sotto il Tessalo cielo questa celebre 
e sventurata Iccarese che avea levato cotanto rumore. 

Sulla sua morte si sparser delle favole. Vi ha chi tramanda 
che se Tebbe quasi simile a quella del buono Anacreonte, mo- 
rendo affogata da un nocciolo di uliva (4), ed altri la credè 
venuta meno tra lascivi amplessi (5). Però sull'appoggio di 



<1) Plut. de aud. poeU 

(2) Plat., in Crii. 

(3) « Barn poBtqaam Hippolochi Thessali amor invasit, Acrocorintham, 
quam cosnileo lambit mare flacta, relinqaens, magnam ceteroram ama- 
toram clam sabterftagieDS exercitnm, ex composito in Tbessaliam abiit : 
obi vero eam mnlieres invidia pnlchritndinis et ssmnlatione impals» in 
templam Veneris addactam lapidibns obraerunt, ec.» Plut. in Amaior. 

€ A Tbessalis mnlieribns, qaod illam amaret Pansanias invidia, et ema- 
latione infestis Ugneis sedilibns ac scabellis percossam ac contusam in 
tempio ac luco Veneria, ecc. » Athen., lib. XIII. 

Paus. (lib. II) scrive solo cbe Laide segui Ippostrato nella Tessaglia. 
Qaesti tre aatori variano nel nome di qnel giovine Tessalo. Plutarco lo 
chiama Ippolico ; Ateneo e Pausania Ippostrato. 

(4) « Ptolom. Hephbst. apad Photium » pag. 472. É noto che Ana- 
creonte morì affogato da nn graneUo di ava. 

(5) «Dnm snbigeretnr mortua est.» PHiLBTAER.myena/rìò^apud Athbn., 
lib. XIII. Vedasi Bioar, Des accords, lib. I, pag. 181. Visconti intanto os- 
serva che r espressione di Piloterò non dovrebbe prendersi troppo lette- 
ralmente, ma intendersi cbe mori senza aver dimesso il mestiere di cor- 
tigiana. Checché però ne sia, sembra che ad un poeta debban prevalere 
Plntarco ed Ateneo. Taccio la immorale osservazione di Bayle sa questo 
pasao di Piloterò 

Lb Terranova — Notizie sopra Iccari e Carini. 5 



Digitized by 



Google 



66 NOTIZIE SOPRA ICCARI B CARINI 

Plutarco e di Ateneo ben si vede quanto ciò fosse lungi dal 
vero. Dall'essere poi stata uccisa per invidia dalle Tessale 
donne, e dair aversi molti adoratori allorché parti da Corinto, 
rilevasi che dovea essere ancor giovine quando fu spenta, ed 
ancor flresche le sue bellezze, onde è a sospettare che la sua 
morte fosse avvenuta circa il quarantesimo anno di sua età, 
cioè non dopo la centesima olimpiade. 

La Grecia superstiziosa apprese con orrore quel lugubre 
avvenimento ; si credè profanato il tempio ove fu quel delitto 
commesso, e con nome triste si chiamò di Venere omicida o 
profanata (1). 

E non si arrossiva supporre essersi il cielo stesso sdegnato 
di tale scelleraggine vendicando la morte della diletta di Ve- 
nere con un' orribile peste che invase la Tessaglia , la quale 
non ne Ai liberata se non quando si placò quel Nume dopo 
averle rifabbricato un nuovo tempio (2). 

Laide fu sepolta sulle sponde del Peneo, ed al dolce mor- 
morar di quel poetico fiume rìposaron le sue ceneri (3). Ivi 
si eresse la sua tomba, scolpendovi il seguente epitaffio che 
la renderà viva nella memoria degli uomini, finché il greco 
linguaggio durerà: 

«Hnjas aliqoando magnanima et fortitudine invicta 

< Orsecia, forma Deabas «quii^aranda, vieta et in servitutem redacta est, 
«Laidia amoris flliae, alnmnae Gorinthi, 

< Qnae in nobiiibus Thessaliae oampia sita jacet (4) ». 



(1) Secondo Plutarco^< Veneria homicidae » e secondo Atbnbo «impi» 
ae profknat» Veneris >. 

Vi ha chi crede (« Gbnsius teologas et mediona Frìgias in tractata 
de victimis humanisi^^ part. II, pag. 482) che non l'invidia mosse le 
Tessale ad ucciderla ; ma che la immolarono a Venere come una vittima 
ad essa odiosa per aver procurato di uguagliarla. Tal congettura però 
(come osserva Bayle) è contraria a quel che scrivono Plutarco ed Ateneo. 

(2) Carlo Stefano, con agg. di Lloydium, loc. cit. — Hofman. 

(3) Athbn., lib. XIII. 

(4) In Athbn., ibid. 

Presso Pinedo ó altrimenti tradotto questo epigramma: «Ejus mona- 



Digitized by 



Google 



NOTIZIE SOPRA ICCARI E CARINI 67 

Eloquentissimo elogio ! E quella solenne dichiarazione che 
fa la Grecia tutta, di essere stata vinta dalla bellezza di una 
donna, benché invincibile nell'armi, ci ricorda quei celebri 
versi di Ànacreonte: 

€ Pnlcritndinem 

quae instar clypeornm omninm, 

quÌDimo vincet etiam ferrnm, 

atqae ignem ipsam, si qua pnlclira est (1)». 

Un' anfora di marmo s' impresse pur su quella tomba (2), 
e svolgendo la storia di quei tempi troviamo esser quello un 
segno che metteasi sulle tombe de' celebri (3). 



mentam (così egli scrive) ostendebat Thessalia ad Peneum cnm epigram- 
mate tetrasticho , qaod affert Athenens », lib. 13. < Latinam libet appo- 
nere. Non solmn enim grsecum sequat, sed etiam superai: 

«Invitos potai! fórma, qn» yincere Achivos 

< EximisBqne istbic Laidis est tumnlns, 

< Gai natrix Epbirsa, genitor taìi ipse Cupido, 

< Tbessaliae ìd campis dudc tamen illa Jacet. » 

PiNED. in Steph. Byz. par. Eucarpia. 

(1) Anacrbontb , In foeminas. Nella edizione Bbrok , Poetae lyriei 
Graeci, voi. Ili, Lipsia, 1882, questa poesia é collocata fì*a le anacreontee, 
p. 311, n. 24 ; nelle anticbe edizioni porta il N. 2. 

Riportiamo la versione del Michelanobli, Le odi di Ànacreonte, ver- 
sione metrica, Bologna, 1880, p. 6 : 

« Bellezza 

Fa vece di ogni scudo, 
Fa vece di ogni lancia ; 
B di ferro e di foco 
Sa trionfkr la belU. » 

(2) < Monstrariqne sepulcrnm ejus cum bydria lapidea ». 

(3) HoFMAN, Lex. par. Hydrìa. Egli cita Dgmost. in Leochar^ < Petit 
Comment. ad Leg. Att. » lib. VI, cap. 8. 

ffydria eran vasi per acqua : Si usavano ne' conviti. 

Nelle feste Panata nee in Atene i contadini condacevan le zappe, e le 



Digitized by 



Google 



6S NOTIZIE ^OPRA lOCARI E CARINI 

Corinto intanto che se la vendicava a sé come Corinzia, quan- 
tunque non ebbe le sue ceneri, le fé* erger nel Cranion, al- 
l' ombra di boschivi cipressi, vicino al tempio di Venere Me- 
lanide un monumento superbo, opera dello scultore Turno, su 
cui vedeasi effigiata una leonessa con un ariete tra i pie 
d' innanzi (1). Alcuni han voluto che quel gruppo addimostrasse 
la cupidigia di Laide (2). Però osserva che se indicar voleasi 
avarizia o lascivia in quella donna, sarebbesi scolpita la figura 
non già di leonessa, ma di lupa. Quest'animale, si carco di tutte 
brame nella sua magrezza, si è comunemente considerato 
come il simbolo di quelle sozze passioni; tale infatti ce lo 
dipinge il cantor delle bolge infernali (3), cotanto attaccato 
alle immagini della veneranda antichità, e la madre dei fon- 
datori di Roma non altrimenti che sotto quella figura si adombrò 
qual donna che facea copia del suo corpo (4). Sarebbe poi in- 



loro figlie « Hydrias et ambellas. Ex leg. memorata Arpocrat » in Petit 
Comm. ad Leg, Att., lib. I, tit. 1. 

Si trova anche osata la parola Hydria per qneir urne ove riponeansi 
r ossa de' deranti: < Hydria urna ossium > G^l. Rod., Lect. ant.^ lib. XVII, 
cap. 20 : < Hydriam appellat Dion in qua Severi ossa flierint re- 
condita, Romamqne ex Britanois relata. Eam qunm paalo ante mortem 
afferri jnssisset Severas contrectans inquit. — Viram capies quem terr» 
orbis non cepit». Tal significato però sembra non potersi applicare nel 
nostro caso, scrivendo Ateneo come dne cose distinte, il sepolcro e i'Hydria. 

(1) < Maxime snburbanns est cupressorom Incus cui Eraneo nomen. 
In eo Bellorophontis fònum est, et Veneris Melanidis delubrum ; Laidis 
etiam sepulcrum cui Imena insculpta est, prioribus pedibus arietem tenens. 
Ostenditur etiam in Thessalia Laidis monumentum, ecc. ». Paus. lib. II, 
Emhlem, d' Alcial., 74. 

Turno fu lo scultore di quel monumento. < Tation centra grsBcos », 
pag. 170. — Visconti, Iconogr. gr, voi. I, cap. 8. 

(2) « Aeva arietem prioribus corripiens pedibus Laidis mores difBci- 
les, et avaritiam designare videtur, qua amatores suos ita depexos dabat 
ut IfiBcna arietem », Kunii in Paus. ibid. Visconti, Ipc. cit. 

(3) Inferno^ cant. 1. 

(4) Villani, Stor. fior. 



Digitized by 



Google 



MOTIZIB SOPRA ICCARt E CARINI 



verosimile che, mentre i Greci alzavano a Laide un monu- 
mento per celebrarne la memoria, vi avessero scolpito un em- 
blema degradante. La figura del leone era al contrario (come 
sappiamo dalla storia) l'emblema con cui si decoravano in 
varie parti della Grecia le tombe di quelli che arrivavano a 
rendersi segnalati (l). Nel monumento di Laide si aggiunge 
r ariete onde rappresentar forse il potere che ebbe quella don- 
na sui suoi amanti; o indicarsi la Grecia divenuta imbelle 
quale agnello : « Qi^ceda viola et in servitulem redacta esl 
Laidis. Con molta cura custodivasi in Corinto quel monu- 
mento (2) ; e fin cinque secoli dopo la morte di Laide ai tempi 
dello storico Pausania ancor si conservava (3). 

Qualche scrittore, dall' osservare questo monumento in Co- 
rinto, credè che quella fosse la tomba di Laide. Lo stesso Pau- 
sania segui tale errore (4), scrivendo esser la tomba in Co- 
rinto, ed un semplice monumento quello alzato in Tessaglia. 
Ateneo però, sulla testimonianza di Polemone e Timeo, avverte 
espressamente essere una favola il credersi sotterrata nel Cra- 
nion (5). Lo epitaffio da lui rapportato lo mostra chiaramente. 
Ed alcerto, uccisa Laide nella Tessaglia, è più verosimile es- 
sersi sepolta sul Peneo, che in Corinto ; collo scorrere de' se- 
coli poterono facilmente i Corinzii far credere che quel monu- 
mento fosse il suo sepolcro. Questa città ebbe sempre molta 
gelosia per quella donna (6). 

E non contenti di quel monumento i Corinzii vollero tra- 



(1) Plut., IsUt. Lacon., tom. 2, pag. 238.— Aelian, Var., HisL lib. VI, 
cap. 4. — ANACAR8I, Viaggi^ cap. 50. 

(2) Anac, yiaggi, cap. 37. 

(3) Paus. lib. II. Qael moanmento esisteva ai suoi tempi, ed eg\\ fiorì 
sotto Antonino Pio. 

(4) Paus., ibid. 

(5) < Monstrarlqae sepulcram ejns ad Peneam Itaque qaod a)unt 

prope Graninm tumalatam faisse mera nug» sunt. Ath. lib. XIII, 

(0) < Nane de Laide certent », Paus. ibid« 



Digitized by 



Google 



?ò NOTIZIE SOPRA ICCARI E CARINI 



mandarne la memoria sulle medaglie (1); si vede, in alcune 
di esse pervenute sino ai nostri giorni, dal dritto impresso il 
volto di Laide (2) e nel rovescio il gruppo della leonessa e 
dell' ariete rappresentante il suo monumento quale lo descrive 
Pausania (3). Il gruppo è sopra un capitello, che forse coro- 
nava qualche colonna su quello rizzata. Leggonsi nel rovescio 

le lettere latine Cor che indicano il nome della città di 

Corinto (4). Quel linguaggio latino mostra che le medaglie furon 
coniate dopo che Ck)rinto, divenuta colonia romana ai tempi 
di Giulio Cesare, adottò la favella de' conquistatori del mon- 
do (5). Il ritratto di Laide ivi impresso dovè esser cavato dalla 
sua effigie eseguita dall' artefice Turno sul Corinzio monu- 
mento (6). In tal modo è ad ammirare (secondo osserva lo 
stesso Visconti (7) nella sua Iconografia greca) come per sin- 
golare accidente, le rovine e lo incendio della capitale dell'A- 
csga, che avean distrutto tanti monumenti consacrati agli Dei 
ed agli Eroi, avessero risparmiato quello di Laide. 

Son queste le diverse notizie intorno a quella donna dalla 
storia tramandateci. È notevole come i migliori uomini del- 
l' antichità ne' loro scritti se ne siano occupati, non lasciando 
però, nonostante 1' amore che per essa ebbero i Greci, di sca- 
gliarle addosso il greco sarcasmo. Epicrale tentò tutto onde 
oscurarne la memoria; compose un poemetto intitolato Ante- 
Laide^ di cui Ateneo conservò alcuni tratti (8). Il titolo stesso 



(i) Di queste medaglie parla Q. Visconti, nella sua Iconografia greca. 
Egli ne rapporta una neUa tav. 37 del voi. I. 

(2) EcKBL nella Biografia compilata in Francia, par. Lais. -- Veggasi 
Viso., loc. clt. cap. a 

(3) Viso., loc. cit. 

(4) Loc. cit 

(5) Loc. cit 

(6) Loc. cit 

(7) Loc. cit 

(8) In Deipnosoph, llb. Xlll. Questo Epicrate tradì la sua patria la- 
sciandosi corrompere dal re di Persia, e quindi fìi dannato a morte, — 



Digitized by 



Google 



K0tl2lE gOPftA tCCAftl fi CAHim 71 



deir opera mostra quanto fosse sospetto; e ad un poeta c*è da 
prestar poca fede. Il divino Platone, ancor egli fé' de' versi 
per Laide procurando mettere in ridicolo la sua potente beltà (1). 
Aristippo, come dissi, compose per essa un dialogo; di essa 
pur scrisse il sommo Focione (2), da' cui scritti Gelilo trasse 
quanto ne racconta; e di essa fecor cenno Macone, Timeo, 
Polemone, Strattide, Anaxandride e Filetero nel suo poe- 
metto della cacciatrice (3). 



Harpocrat., pag. 225. Ne parla Demostene nella sna orazione e de falsa 
legatione». Fa genero di Eschine. 

(1) Epigram. in Anthologia grasca. Vedasi Menagio in Diog. Labrt., 
lib. II, segm. 74. Ausonio non fece che tradurlo nel suo epigr. 55. 

(2) Obll., Noci. AU.J lib. I, cap. 8. Questo Focione chiamato da Gelilo 
Sotion scrisse un libro di varie Istorie Intitolato Comucopiog. Fu egli 
discepolo di Platone. Le sue orazioni son lodate da Plutarco. Ne parla 
GtcBR. lib. IX, epist ultima ; Ath. lib. XII. 

(3) Tutti questi autori son citati da Ateneo. 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



ycjociKrxzycxDCXDcyooc^^ 



APPENDICE 



A.3L. OA.FITOI-.0 IV^ 



È questa la vita della nostra Siciliana , desunta da' veri 
documenti della storia. È noto intanto che si è voluto intac- 
care del più dissoluto libertinaggio, e gettare una taccia igno- 
miniosa sulla sua memoria, ma è favola tutto ciò che a tal 
proposito si dice. Uno spirito non preoccupato, e guidato dalla 
fiaccola della critica vedrà come la sua fama non è posta su 
una celebrità spregevole, ma che con ragione acquistò dritto 
alla rimembranza de' posteri. Non sono stati insensati tutti gli 
scrittori che sin dall' antichità se ne sono occupati, non è stato 
insensato il Visconti che scolpi il suo ritratto in mezzo a quelli 
degli uomini illustri. 

L'invidia, che è si frequente per comune disgrazia, ebbe in 
mira quella donna. Si vollero mettere in ridicolo quei filosofi 
che la frequentarono , e quindi si cercò denigrar quella af- 
finchè su di essi ne ricadesse il disonore. Onde inventaronsi 
cento storielle che furon raccolte o vere o false da Ateneo e 
Luciano per dilettare la corrotta Grecia e che bisogna leggere 
con molta accortezza (1). Le discuteremo noi, e cercheremo, 



(i) «Ut Graecis demuloerentur », BaucK., Hiàl. PhU^ part. 2% lib. Il, 
oaplt 3. 



Digitized by 



Google 



74 NOTIZIE SOPRA ICCARl E CARINI 



mettendo in luce la verità, rivendicare per guanto si dee la 
stima di questa Siciliana. 

Il germe di questo veleno si sparse dagli antichi. 

Xenofonte scrive che Aristippo andava in Egìna per aver 
campo al libertinaggio, ove pur Laide riducevasi (1). Si ag- 
giunge che Diogene, ingelosito della frequenza di quel filosofo 
con Laide, dava sui rimproveri. Un giorno infatti gli disse: 
€ Tu frequenti spesso un' amica comune , o ti modera , o sii 
cinico come il sono io » : Consueiudinem habes cum amica 
nóbis communi^ Aristippe vel absiste^ vel, ut ego^ Cynicus esto.^ 
Al che Aristippo rispose : « An absurdum tUn videtur^ Dio^ 
genesj in iis cedibus hahitare^ in guibus olii prius habitarunt f 
an in eo navigio vehi quo antea plures vedi sunti ed aven- 
dogli detto il cinico: Non sane^ quegli soggiunse: Sic ergo nec 
alienum esty cum ea fcemina congredij qua potiti sunt multi (2). 

Scrive Ateneo che i servì rimproveravano Aristippo delle 
ingenti spese che facea per Laide, mentre essa del modo stesso 
trattava Diogene poverissimo filosofo, e quegli loro rispondea : 
Multa dono ut fruar^ non equidem ut olii non fruantur. Su 
questi fatti però vi ha molto da osservare, e non deesi prestar 
cieca fede a quanto i nemici di Aristippo han potuto inventare. 
Cautas audiendas (dice Brucherò) ejusmodi narratiuncuUis 
de viro qui invidia sodalium vehementer premebatur (3). 
L' istesso autore, poggiato su Ateneo, dice non meritar molta 
fede Xenofonte. Diogene Laerzio scrive espressamente che fU 
nemico di Aristippo (4). Aristippo andava in Egina per appli- 
carsi alle scienze, ed ivi Laide recatasi per apprender filosofia 
da quel gran maestro (5). Né queste conversazioni con Laide 
devon farci maraviglia, essendo costume di que* filosofi am-- 



(i) Bruok,, ibid. 

(2) ATHABN., lib. XIII. 

(3) Ibid. 

(4) e De viiii dar. phiL, » lib. II, firagm. 

(5) Bruok., ibid. 



Digitized by 



Google 



NOTIZIB SOPRA ICCARI B CARINI 75 



metter tra i loro discepoli le cortigiane. Il virtuoso Socrate 
frequentava la casa della cortigiana Aspasia per trattar di elo- 
quenza (1). Quindi sulla conversazione di Aristippo con Laide 
possiam dire col Bruckero : Quae cum ita sini , si neganda 
non est tota traditio^ certe cohibenda sententia^ ne fabtUas 
amplectamur prò vero (2). 

La cronologia poi si oppone a credere quanto dicesì di 
Aristippo e Diogene contemporanei amanti di Laide. Se questi 
filosofi possederono il cuore di questa donna, non potè esserlo 
nel tempo istesso. Diogene nacque nell'olimp. 91 e morì nel- 
Tolimp. 114: egli dunque non potè aver frequenza con Laide 
prima delP olimp. 96 , quando dovea aver 20 anni circa (3). 
Or Aristippo frequentò Egina e Corinto prima, circa il tempo 
della morte del suo maestro Socrate , cioè circa V olimp. 94 ; 
dopo tal tempo parti per TAsia e Sicilia (4) e quindi dopo 
1* olimp. 94 non potè più con Laide riunirsi. Onde non pare 
improbabile il ritenere col Bruckero: Impossibile itaque est 
Diogenem et Aristippum una cum Laide simul fuisse con- 
versatosi et suspectae sunt hae historiola£ qtiae id dicunt. Nec 
dubium est eas vel ab invidis Aristippi , vel ab irrisoribus 
philosophorum excogitatasj et ab ejicsdem farinae hominibtis 
quaXis Atheneus et Lucianus fuere^ collectas fuisse^ ut fabellor' 
rum ittcunditate otiosae Graecarum aures demulcerentur (5). 

Un vecchio interprete di Orazio (6) rapporta pure che un 
giorno Laide si mise nello impegno di far cadere nelle sue 
reti il filosofo Xenocrate; e suir avvicinar della sera fingendosi 
spaventata, e presa di timore, si ricoverò nella di lui casa di- 



(i) Ibid. 

(2) Ibid. 

(3) Ibid. ^ 

(4) Dioo. Laert., in Vita Af^isttppi^BKUCK., ibid. 

(5) Bruck., ibid. 

(6) In Bayle. Dici. HùLy par. I^is, not. ~ In Orat., sat. 3, lib. Il, 



Digitized by 



Google 



1^6 KOtlZtE SOt>ltA ICCAM £ CAHIKI 



inorandovi una notte intera; lo stratagemma però riusci vano, 
ed obbligata Laide a pagare la scommessa, rispose, che avea 
preso l'impegno per un uomo, non già per una statua. Per poco 
però che si legga Diogene Laertio (degno certamente di più 
fede che quell'interprete), si vedrà che questo fatto non accadde 
con Laide, ma con la cortigiana Frine (1). 

Ausonio inoltre in un suo epigramma (2) dice che il vec- 
chio scultore Myron amava Laide e ne pretendea i favori. Non 
dando questa ascolto alle sue fredde inchieste, credè Myron 
che ne eran la causa i suoi bianchi capelli, e quindi tingen- 
doli tornò a ridomandar grazie dalla bella, ma questa, accor- 
tasi dell' inganno gli rispose : € Sciocco che sei ! Credi doverti 
accordare ciò che a tuo padre negai ! » : 

Inepte, quid me^ quod rectcsaviy rogasi 
Patri negavi jam tuo (3). 

Or questa è un'invenzione di Ausonio. Tale la credono il 
dotto Scaligero e Giambattista Pio (4); e Constar ci avverte 
avere Sparziano scritto che tale avventura accadde tra un vec- 



(i) DioG. Labrt., Yet. phil.y lib. IV, segna. 7 — Bayle, Dici. par. Lais. 

(2) Epigr. 7, pag. 17. 

(3) Ganus rogabat Laidis noctem Myron : 
Taiit repalsam protinos. 
Gaasamqne seosit ; et caput fhligine 
FacaTit atra candidam 



Sed iUa formam cuna capillo comparaos . . . 

Sic est adorta caUidum 

• In AusoN., ibid. 

(4) ScALio., sa questo passo di Aus. : < Plus in annot poster, apud 
Vinetam in Anson. », epig. 4. 



Digitized by 



Google 



NOTIZIB SOPRA lOCARI B GARIKI 77 

chio con r imperadore Adriano (1). E veramente quella risposta 
sarebbe stata molto incoerente per una cortigiana. 

Ateneo ci dice che Demostene amò pur Laide (2)» ed Aulio 
Gellio soggiunge (3) che quel grande oratore che avea tanto 
da fare per la sua patria , fU indotto dalla fama di Laide a 
recarsi in Corinto ove arrivò di nascosto. Fu però malamente 
accolto da quella donna, ed i suoi talenti, la sua eloquenza, 
innanzi a cui piegavan le innumerevoli lance di Filippo, non . 
valsero a muoverla, ed avendogli infine domandate 10 mila 
dramme per una notte, V Ateniese le rispose « non voler com- 
prare a si caro prezzo un pentimento » : — Tanti poenitere 
non emo. 

Or questo aneddoto che è stato successivamente riportato, 
ripetuto da vari! autori, questo amore di Demostene con Laide, 
si oppone all'ordine dei tempi, come ha mostrato evidente- 
mente il Bayle (4). Ed infatti quest'oratore nacque nell'olimp. 98, 
ed allora Laide dovea contare il 37*" anno di sua età. Perchè 
si voglia che Demostene abbia fatto quel viaggio nel suo ven- 
tesimo anno. Laide dovea avere anni 57. Or è inverosimile 
che quegli siasi mosso fin da Atene per una donna si avanzata 
negli anni, e che essa a tale età abbia domandato 10 mila 
dramme. Si aggiunga che Laide non arrivò a quell'età, essendo 
ancor giovine quando fu uccisa. 

Egli è vero che Ateneo s6rive: Laidem aniaverunt Detno- 
stenes oratore AristipptùSy Diogenes, ecc. ma la ragione crono- 
logica ci sforza a dire, o che quel Demostene f\i altro che il 
grande oratore, o che vi sia scorrezione nel testo, o finalmente 
che r avventura riferita da Gellio la ebbe forse il grande De- 



ci) Costar, Suite de la defense de Voiture, pag. 15. 

Lo scultore Myron dovea essere molto vecchio , essendo fiorito nel- 
r olimp. 87, cioè 8 anni prima della nascita di Laide. — Plin., lib. XXXIV 
cap. 8, pag. 106. 

(2) Lib. XIIL 

(3) Noci. AU,f lib. I, cap. 8. Sopra V abbiam rapportato. 

(4) Dtietion,, par. Lais, not. 



Digitized by 



Google 



78 NOTIZIE SOPRA ICCARI E CARINI 

mostenè con qualche altra cortigiana. La celebrità di Laide 
potè farla ad essa attribuire 

Né è facile il credere cl^e vi sia errore nella cronologia di 
Laide e di Demostene. Le vite dell' una e delP altro si riattac- 
cano coi grandi avvenimenti della Grecia, delP epoca de' quali 
è poco a dubitare. Quella della prima ha relazione con la spe- 
dizione tanto celebre degli Ateniesi in Sicilia , Faltra del se- 
condo con tutte le vicende politiche della Grecia ai tempi di 
Filippo. 

Non meno sospetto e falso è quanto si dice di Laide , che 
essa facea vile mercato di sua onestà: la storia ci mostra il 
contrario. 

I Poeti fUron quelli che cantaron cento favole di Laide; 
ma chi presterà fede ai poeti, e principalmente ai Greci? 
Orazio chiamala sua diletta Cinira or buona, or rapace, or 
proterva (1). E poi chi andò esente dal greco sarcasmo ? So- 
crate, il virtuoso Socrate, quel modello d'ogni virtù, vi fU pure 
esposto, e divenne soggetto della poetica maldicenza ne' Greci 
teatri (2). 

II poeta Epicrate sparse tutto il fiele della satira contro 
Laide. Egli compose un poemetto intitolato Ànti-Laide, in cui 
tra gli altri scherni la dipinge inaccessibile quando era gio- 
vine, ma facile tostochò fu vecchia, e la somiglia ad aquila 
maestosa che nel vigor degli anni innalzasi nei vasti campi 
del cielo ed ivi signoreggia, ma tostochò invecchia si sta af- 
famata tra le rovine de' tempi a languire (3). 

Illusi da quanto scrisse questo poeta. Ateneo e Claudiano 
ripetono lo stesso; ed anzi quest' ultimo altre cose aggiunge 



(1) Ode 1, carm lib. IV. 

(2) Aristoph., Nelle nuvole, comm. 

(3) Si paò riscontrare Ateneo (lib. XIII) ove rapporta aicani versi di 
qaesto poeta. Bayle con an tratto di spirito , dice che allora dovrebbe 
paragonarsi ai medici che nulla prondon da* poveri e molto da' ricchi. 



Digitized by 



Google 



KOTIZIB SOPRA tCOARI E CARINI 70 

su' costumi di Laide tostochè vecchia divenne (1). 

Or dal titolo stesso di quel poemetto Anti-Laide ognun si 
accorge quanto poca fede meriti Epicrate; che volle ap- 
positamente scrivere contro quella donna (2). La storia 
poi lo smentisce. I costumi di Laide eran difficili ed austeri 
talché i^fvi] soprannomossi che vale scure , e tanta era la 
difficoltà di ottener la sua grazia, che in tutta Grecia di- 
oeasi come in adagio: Non cuivis contingit adire Carinthum. 
L'istesso Epicrate non può far a meno di dire che tenea tal 
contegno che era più facile vedersi il Satrapo Famabazo che 
Laide. Essa fu sempre quale egli la descrive quando era gio- 
vine, e quanto dice di lei divenuta vecchia è una favola. 
Laide non arrivò allo stato di Vecchiezza , essendo quaran- 
tenne quando fu uccisa. Infatti Plutarco, storico che merita ogni 
fede, e che dee prevalere sopra Ateneo ed altri di simil na- 
tura, scrive che quando Laide parti da Corinto per andare in 
Tessaglia ove poi si ebbe la morte, avea un gran numero di 
adoratori, e che le donne Tessale si mossero ad ucciderla per- 
chè invidiavano la sua bellezza (3). Essa era dunque non vec- 
chia quando fu spenta^ ed erano ancor fresche le sue grazie, 
non esauriti i suoi incanti. 

Il poeta Filetero sin'anco rapporta qualche invenzione sulla 
morte di Laide facendola morire in modo diverso (4) di quel 
che dicono tutti gli storici, ed Ausonio ed Alciato ripetono cento 
storielle che non hanno alcun fondamento. 



(1) Glaud., in Eotrop, lib. I (XVIII) : 

Haad alitar iavennm flammis Ephyreia Lais 
B gemino ditata mari, cam serta reftidit 
Ganities, com turba procaz noctiaqae recedit 
Ambitns et raro pulsatnr ianoa tactu, 
Seqae reformidat speculo damnante senectus, 
Stat tamen, atque alias snccingit lena ministras 
Diiectumque din quamvis iongaeva iupanar 
Circuit et retinet mores quas perdidit aetas. 

(2) Vedi sopra cap. IV nota. 8. 

(3) Plut., in AmcUor, 

(4) €D«m subìgeretur». In At&an lib. XIII. Vedi sopra cap. lY nota 5. 



Digitized by 



Google 



80 NOTIZIB SOPRA ICCARI B CARINI 



Né dee ascrìversi a viver licenzioso quella folla di adora- 
tori che avea Laide, e Tentusiasmo che per essa la greca gio- 
ventù scaldava. Le sue bellezze , le sue -grazie , i suoi talenti 
poteano attirare tutti i cuori. É noto quanto era entusiasta 
rindole greca, e come con forza slanciavasi dietro tutto ciò 
che vi era di bello. Alcuni autori ci raccontano che tornando 
un giorno dal tempio di Cerere la bella , ma più che bella , 
onesta Leucippe, le sue nascenti attrattive rapirono tutti i cuori^ 
tosto se ne accese la Greca gioventù , e per ogni dove non 
parlavasL che di Leucippe, ed in ogni dove sulla sua porta, 
sulle strade, sulle corteccie degli alberi si leggeva : Leucippe 
è bella, nulla può uguagliare la bellezza di Leucippe (1). 

Ed invero Tomaggio che le prestavano i sommi filosofi sono 
una bella prova del suo talento. Non è a credere che un 
Àristippo, un Diogene, un Euripide abbian avuto a che fare 
con una donna rotta a libidine. 

Se Laide ebbe qualche debolezza, la ebbe per uomini sommi 
ai quali la Grecia intera tributava onori, rispetto, e per questo 
Lattanzio la chiamava nobile cortigiana. Né questo nome di 
cortigiana con cui si trova segnata da tutti gli storici Laide, 
ci dee far ritenere come degna di obbrobrio la sua memoria. 

Col nome di cortigiana o meretrice, come avverte un in- 
signe scrittore (2) si indicavano nella Grecia quelle donne che 
per la bellezza, pel rafiinamento di coltura, e per grande animo 
meritavano la stima e T amore di potenti. Le loro debolezze 
poi non eran riguardate con rocchio stesso e con quell'orrore 
con cui noi, istruiti nelle sante leggi del Vangelo, li riguardiamo 
giustamente. I tempi in cui Laide visse giustificano le sue de- 
bolezze. 

Io qui però protesto che non intendo far l'elogio del 
libertinaggio e della licenza; il ciel mi guardi da tal sacri- 
ci) Anacarsi, Viaggij cap. 20. 

(2) Compagnoni, TracU di Diod. Siculo, Tom. I, pag. 125. Non fu che 
in seguito, egli soggiunge, che snaturato il senso delia parola si applicò 
alla più vile e più sventurata classe delle prostitute. 



Digitized by 



Google 



NOTIZIE SOPRA lOCAia B OARINI 81 

lega idea. Io detesto quel detto del sig. Di Pinedo. Meretrices 
etiam^si diis placet, urbes illustrant (1). Lungi da noi questa 
massima, lungi dal nostro secolo ove domina la santa legge 
del Vangelo. Il vero è ne' volumi santi; io so ciò che in essi 
è racchiuso; e deve essere scolpito in tutti i cuori quanto il 
primo tra i Sapienti con celeste eloquenza scrivea (2). No, la 
laidezza di costumi in tutti i tempi, in tutti i climi, sotto tutti 
i rapporti, non può in se esser scevra di disonore, i costumi 
però posson renderla solo in qualche modo scusabile. 

Arrivata la Grecia alFapice della grandezza pervenne pure 
a quello della corruzione. Le cortigiane eran protette dalle 
ldggi« ed i costumi non si adombravano dagli oltraggi che ne 
ricevevano. La gioventù, i magistrati, i filosofi riserbavan tutti 
la loro tenerezza per qualche donna di piacere (3). 

Il cielo di Grecia non spirava che mollezze. Eran sedi di 
ogni libidine Pafo , Amatunta e Citerà. Le vergini di Pafo e 
Citerà pria di maritarsi faceano traffico de' loro corpi sulle 
rive del mare. La Grecia ripeteva dall'Egitto si esecrande ceri- 
monie (4). 



(i) In Stepuan Byzamt., par, Crastus. 

(2) < Ne attendas fallaciae maUeris; favus cnim distilians labia mere- 
tricis, et nìtidias oleo guttar eins. Novissima antem illius amara quasi 
absynthiam, et acuta quasi gladius biceps. Pedes ejns descendunt in mor- 
tem, et ad inferos gressus illius penetrant... longe fac ab ea viam tuam, 
et ne appropinqua» foribus domus ejus , ne des alienis honorem tuum, 
et annos tuos crudeli, ne forte impleantur estranei viribus tuis, et labo- 
res tuis sint in domo aliena >. Sapiens Rbx Prov. 5, i, i-iO, 

E dopo ciò Plauto scriveva : < Meretrix ut mare quod das devorat 
nec apparet usquam; miserum infert in panperiem, privat bonis haec, ho- 
nore, amicis. 

(3) Athabn, lib. XIII, Petit. Leg. atticae. 

(4) Ivi alcune fanciulle delle primarie famiglie di Tebe eran conside- 
rate come favorite di Giove, e si chiamavan Palladi. Era loro istituto 
prostituirsi a chiunque pria della pubertà. Diod., lib. I., Strab. Son noti 
i sacrifizi infami d'Iside presso gli Egizi, e quei di Bacco presso i Greci. 
DiOD. lib. I. Brod. Glbment. Albssand. 

L. Terranova — Notizie sopra locavi e Carini, 6 



Digitized by 



Google 



9i NOTIZIE SOPRA lOCARI E CARINI 

Corinto però toccò il segno del libertinaggio, talché dir so- 
lessi che chi traeva vita impudica la facea da Corinzio (1). 

Le donne di Corinto si distinguevano per la loro bel- 
lezza, gli uomini per Tamor del piacere. L'amore divenia per 
essi un libertinaggio sfrenato (2). L'ombra della religione giu- 
stificava la loro condotta, e ne facea quasi un dovere. Venere 
era la principale divinità di Corinto. Questa Dea del piacere 
che la pretesa Grecia facea nascere dalle spume dell'Egeo; ado- 
ravasi in un superbo tempio nell'alto di quella città, da dove 
sembrava imperare sugli uomini e sul mare (3). Essa non ebbe 
altrove più di devozione. Alcune donne ad essa consacrate che 
cbiamavansi cortigiane, eran le sacerdotesse del suo culto (4), 
e quindi davansi all'amore, ai piaceri; non è a credersi che come 
ministri di una divinità lo avessero praticato sotto il velo del 
mistero. 

Celebravano esse delle feste in onore di Venere, ed impe- 
travan la protezione di tal nume. Quegli che ottener volea 
delle grazie promettea a Venere un certo numero di queste 
fanciulle che faceansi venire da differenti paesi (6). Xenofonte 
di Corinto* dovendo combattere ne' giuochi Olimpici, per otte- 
nerne la vittoria votò 25 fanciulle a questa Dea^ e le presentò 
tra le pompe religiose, immolandosi delle vittime ed intuo- 
nandosì il cantico della devozione (7). Cento ne erano un tempo 
consacrate a quella Dea (8), ed indi a più di mille arrivarono (9). 



(1) « Luxariae vero infamia laboravit adeo, ut Goriothiari dicerentur 
qui impudice viverent. In Orath, Od. 7, lib. I. 

(2) Aristop. nelle Tesmofone, Scoi., ivi Stefano. 

(3) Anacarsi, Viaggi, cap. 37. 

(4) Athaen, lib. XIII. 

(5) Athakn, lib. XIII. 

(6) Athaen, ibid. 

(7) Strab., Geogr. lib. IV. 

(8) Athaen, ibid. 

(9) Strab,, Geogr. lib. VIII. Anche tra noi in Erioe nel tempio di Ve- 
nere eran delle donne consacrate ai sacri uffici. Strab., Oeogr, lib. VI. 
Diodoro le mostra prodighe delle loro grazie lib. IV. 



Digitized by 



Google 



KOTIZtB. SOPRA ICCARI B CARINI 83 

E 1?. politica secondava in Corinto questi istituti, poiché ere- 
deasi che quelle donne, ivi attirando buon numero di commer- 
cianti, accresceano la ricchezza di quella città (1). E quel che 
è più ne' pubblici affari adibivansi pur esse le cortigiane (2). 

Ed infatti nelle grandi calamitarne' pericoli imminenti, a quelle 
sacerdotesse ricorrevasi. Esse allora assistevano ai sacrifici, 
andavano in processione cantando inni sacri, e stavan devote 
nel tempio porgendo voti alla Dea (3). Quando Serse tentò in- 
vadere la Grecia, questa spaventata implorò la interposi- 
zione di queste cortigiane presso la loro Divinità, e attribuì 
ad esse la gloria di averla salvata (4). E questo avveni- 
mento si consacrò sulla tela dipingendosi quelle donne in 
atto di porger voti a Venere, e scrivendosi al di sotto alcuni 
versi del Poeta Simonide coi quali si attestava in lor prò la 
riconoscenza della Grecia intera (5). Il giovine Anacarsi la 
vide ai suoi tempi (6). Protette cosi queste donne dalle leggi 
sacre e politiche, considerate come ministre di una divinità 
godeansi alta stima in Corinto. Nelle solenni preghiere implo- 
ravasi il loro aumento (7). 

Non è quindi meraviglia se ascriveansi a questo sacerdozio 
le donne singolari per bellezza, per talenti, per coltura. Cosi 
vedeasi in quei tempi una cortigiana ossequiata da' primi fi- 
fllosofi di Atene reggere i destini della Grecia (8); così vedeansi 
erger nell'Attica, ed in Babele suntuosi monumenti ad una cor- 



(1) Strab., ibid. Una cortigiana si vantava che in brevissimo tempo 
avea spogliato tre padroni di nave. Ho votato tre telai. Ibid. 

(2) ZoTiCHius in Petronium pag. 232. Brasmus in proverò, d8, pag. 904. 
(H) Athaen, lib. XIII. Ghamel Heracleot in lib. De Pindaro. 

(4) Athaen, lib. XIII. 

(5) Ghamel, Teop. Tim. in Athaen lib. XIII. Pind. in Atti, 

(6) Viaggi, Gap. 37. 

(7) e Tantus Gorinthi honos habebatar meretricibus, at qaemadmodam 
ex aactoribas docet Athaeneus, illic in tempio Veneris prostarent, atque 
in solemnibas precibus illad addi soleat at Dii angerent meretricum nn- 
mernm ». Erasmus — Adagiornm epitome. 

(8) Aspasia. 



Digitized by 



Google 



M NOTIZIE SOPRA ICCARI E CARINI 



tigiana (1); ad una cortigiana pure inalzarsi una di quelle ma- 
gnifiche Piramidi che hau formato la meraviglia di tutti i se- 
coli (2), ed altri arrivare ad essere le spose de' più grandi so- 
vrani, una delle quali sali sul trono di Egitto, e diede i re a 
quella potente nazione. 

Yedea la Grecia con trasporto alzarsi delle statue ne' pub- 
blici tempi, e quella di Frine tra le mura di Delfo ammira- 
vasi accanto a quelle de' re Archidamo e Filippo (3). 

Le leggi rispettavano in esse pubblicamente le ministre 
d'una Dea. Accusata un giorno Frine, disperando Ipperide della 
sua difesa la presentò ai magistrati, e denudatole il seno ad- 
ditò loro la sacerdotessa di Venere , ed i giudici compresi 
da timor religioso non osaron condannarla (4). 

E la occupazione che di esse preudeano gli uomini i più 
Ulustri della Grecia, le innumerevoli opere che per esse gior- 
nalmente scriveansi, mostrano la stima che vi godeano (5). I 
Greci non avevan per favola la loro religione. Appena Socrate 
osò beffarsene fu condannato a morte. 

Or sotto un cielo in cui sventuratamente regnavano tali 
costumi, sotto un cielo in cui il libertinaggio era protetto 
dalle leggi e dalla religione, e sotto sacre cerimonie adom- 
brato, in cui lo cortigiane come ministre di una oscena divi- 
nità godevano si alta stima, la condotta di Laide non è torte- 



li) Arpalo geiteraie dì Alessandro innalzò vari monamenti neU* Africa 
ed in Babilonia alla cortigiana Pizionice. L*nno di essi costò 30 talenti. 
DiOD. lib. XVII. Pausania lo vide. 

(2) Fa inalzata a spese pnbbliche per sepolcro della cortigiana Rodope. 
DioD. lib. I. Strabonb Plinio. 

(3) Albcta, De his quae Delphis dicala sunt. In Athàenbi, lib. XIII. 

(4) Athabn, lib. XIII. « Ut tanqaam ministram sacerdotemque Vene- 
ri8, Judices religione tacti ». 

Alcidamo discepolo di Gorgia compose nn'elogio per Naide, ApoUodoro, 
Erodico, GaUistrato, Macone composero de* libri sopra le cortigiane. In 
Athabn, lU). XIII. 

(5) Tantos Ctorintbi honos habebator meretricibos. Erasm. 



Digitized by 



Google 



KOnzIB SOPRA ICCARI E CARINI 



mente scusata? Se la sua vita fu intaccata da qualche debo- 
lezza, fu colpa de' tempi, non sua; quei tempi, quei costumi, 
quella religione non riguardando come turpidini quelle debo- 
lezze, le si accordarono fama, onori, celebrità, e forse forse come 
ornata di virtù riguardossi (l). E tale era Laide tenuta. La 
gara in cui eran molte città di esser considerata sua patria, 
Tomaggio che le prestavano tanti sommi filosofi, Fentusiasrao 
che eccitò ne' Greci, l'elogio che la Grecia scolpi sulla sua 
tomba, il pubblico monumento che in Corinto le si inalzò, la 
compiacenza con la quale lo mostravano agli stranieri, e la 
gelosia con cui lo custodivano, indicano la stima che essa in 
quei tempi godè (2), lo che forma la sua più forte difesa. 

Compiangiamo, adunque, compiangiamo piuttosto que' mi- 
seri tempi, e si scusino gli sventurati che ebber la disgrazia 
esservi soggetti, e che una falsa religione avvolse in lacrime- 
voli errori. Compiangiamo que' tempi, e porgansi lodi al cielo 
che ci fé nascere sotto l'influsso di una divina religione, che ha 
tanto cambiato i costumi, colpendo de' suoi anatemi i vizi che 
eran virtù per gli antichi (3), che ha elevato al grado più su- 
blime la morale, e sotto i cui insegnamenti, al dir di un fran- 
cese scrittore, l'infimo cittadino ha più moralità che il primo 
tra gli antichi sapienti (4). 

Laide dunque, dall'un canto, è degna della lode de' posteri, 
è vanto alla sua patria per l'estrema bellezza (5), pei suoi la- 



(1) Plinio fa menzione di Laide dopo una donna virtuosa chiamata 
Sotira. Lib. XXVIII. « Mably scrive che le cortigiane ai tempi di Focione 
eran i'arbitre del gusto, de' piaceri e delle virtù. Dialoghi di Focione, 
dialog. 2. 

(2) Tantae fuit Gorintiis admirationi ut nunc etiam de Laide certent. 
Pausan, lib. H. 

(3) Art. inserito dal sig. Gurnkau nel Mercurio di Francia del 4 ter- 
midoro anno 11. ^ * 

(4) Chateaubriant, Genio del Cristian, lib. VI, cap. 12, part. 11. 

(5) e Hyccara ob Laidis... praestanti8c»imam formam apud veteiesau* 
ihorea maxime ceiebratur». FAZfiULO, Decad. 1, lib. Vii, cap. 0. 



Digitized by 



Google 



I^OtlSilE SOi^RA iCGAki B ÒAbìKl 



lenti, pel suo spirito e pel grande rumore che alzò nella Grecia 
per si belle doti; e dairaltro, se strappata dalla patria in te- 
nerissimi anni , se con V impronta fatale di schiava portata 
ancor ragazza nella città più corrotta della Grecia, ove era co- 
stume il libertinaggio elevato a culto sacro, al quale fu chia- 
mata per celeste predizione, cesse alla seduzione d'un Apelle, 
se amò fortemente un giovine, ma con l'onesto fine del matri- 
monio, se dedicò i suoi affetti ed i trasporti di un cuore per 
sua sventura sommamente sensibile ad uomini ai quali la Gre- 
cia tributò onori, lode, rispetto, se amò un Diogene, un Ari- 
stippo, un Euripide, se ebbe queste debolezze portate in trionfo 
ai suoi tempi, è degna di perdono come lo sono que' filosofi (ij, 
ed invece di rimproveri non merita da' posteri che una la- 
crima di pietosa compassione (a). 



(1) cQuod si admitti tamquam certam deberet Aristippum cam Laide 
congreasus imparos fovisse, excasarent eam non quidem totam, sed ta- 
men ex parte mores Atheniensiam et aliornm Graecoram haec inter 
turpia non referentinm ecc. Brucker. Hislor. crii, pktlosoph. Part. 2, 
lib. II, cap. 3. 

(a) A conferma di ciò che scrive il Terranova ci piace riportare qaesto 
brano di F. Cavallotti, Alcibiade^ nota 1, p. 9-ii : 

« Etère. Quanta parte della vita ateniese, quante memorie in questa pa- 
rola ! In Atene ove leggi e costumi creavano alla donna di famiglia, nei 
chiuso dei ginecei, posizione poco dissimile da quella che TOriente lo 
assegna ancor oggi nel fondo degli harem — ove il genio del bello e della 
Venere é sensuale — la cortigiana doveva naturalmente invadere ed oc- 
cupare essa sola tutto il posto, o quasi, che nella civiltà di un popolo 
spetta al sesso gentile. Un posto ben importante, perché potesse essere 
degno di Aspasia ! 

« Gli affetti della fiimigiia, santi a Sparta (aUa maniera dei tempi) e 
santi a Roma , lasciava luogo fra le tepide volte del cielo jonico ad af- 
fetti più liberi; le Andromache, le Penelopi, le Antigoni già sono d'altri 
lidi e d*altre età; argomento di meraviglia a* licenziosi figli deU*Attica 
le mogli Spartane, dominatrici dei terribili mariti, giusta il vanto della 
sposa di Leonida; e la storia che scrive in pagine d'oro i fasti delle madri 
e deUe spose in riva al Tevere e all'Eurota, dimentica e sopprime, come 
tampoco non esistesse, la donna di famiglia nel quadro delia città e del 



Digitized by 



Google 



KOftìIB SOPRA ICCARI É OAtUNt 87 



secolo di Pericle. Ella ci conserva cinti di aureola il nome della madre 
dei Gracchi e la madre di Brasida, narra a* secoli la virtù conjogale di 
Porzia e di Ghelonide; ma non si ricorda in Atene della donna di fa- 
mìglia, che, tntt*al più, per tramandare il tipo della donna bisbetica e 
insopportabile, in quella Santippe che il buon Socrate si teneva per eser- 
citarsi alla pazienza. 

e Storici, oratori, tìlosoti, poeti non ci parlan di donne che non siano 
cortigiane. Cortigiana Aspasia le cui grazie per quaraut*annt governava 
il genio d< Atene; cortigiana Laide per cui tutta Grecia traeva a Corinto, 
e dalla quale, narra Ateneo, era più difficile ottenere udienza che non dal 
satrapo Farnahazo; cortigiana Taide per cui Alessandro incendiava Per- 
sepoii e che Tolomeo re d*Egiito sposava ; cortigiana Frine che Aspalo 
in Tarso fk salutar regina; coi-tigiana Rodope, a cui s'innalzano in Grecia 
palazzi, in Egitto piramidi; cortigiana Frine che s*offre a rialzare a sue 
spese le mura di Tebe purché vi si scriva : Alessandro le distrusse^ Frine 
le rialzò. 11 costumato Teofraste dipinge i caratteri di Atene e parecchie 
cortigiane, altre donne non cita; relegante Alcifrone, il libero Aristeneto 
dettau le lettere e c*intrattengono di cortigiane. 

«Alla cortigiana Glicera regala Àlcifrone le grazie del suo spirito e 
del suo stile, domanda Monandro gli estri della sua Musa ; colle corti- 
giane Teodota e Diotima conversa di fìlosolla l'austero Socrate nelle pa- 
gine di Senofonte e di Platone; colla cortigiana Leonzia vien filosofando 
Epicuro; e alia fortissima Leena che coi denti si mozza la lingua perchò 
il dolor non la stringa a rivelare il nome dei patrioti cospiratori, a questa 
cortigiana drizza Atene monumenti che ne attestino la gloria e la virtù. 

«Tradizioni di tal Ditta intorno ad un tal nome di casta da sé lasciano 
intendere come ei dovesse suonar ben diverso alle orecchie ateniesi che 
non alle moderne orecchie pudiche; certamente, non titolo d*onore, ma 
senza confronto men vituperevole d'oggidì : la lingua stessa designava 
col dolco nome di etera — èxatpa — ossia compagna, buona amica, quelle 
alunne di Venere, dal nome di venere amtcor— (Athen. Deipnos. Xlll 571) 
ad attestare, nella differenza del senso, la differenza della posizione so- 
dala Certo é ch'elle erano il perno e l'anima della giovine società ele- 
gante ateniese; e agli scapoli non solo, ma agli stessi mariti, malgrado 
i vincoli del matrimonio, poco o niun biasimo veniva dall'uso comunis- 
simo del trescar pubblicamente seco loro (gran mercé se non giungeano 
a vantarsene, come si narra dello stesso Alcibiade, quando, sposo a Ip- 
parete, facea di se esporre i ritratti che il mostravano fra le braccia 
della meretrice Nomea : Andociob, Contro Alcib., 14); anzi nemmeno per 
le mogli era questo motivo di legge sutfìciente a spor querela in giudizio 
Q d'i otteuero il divorzio, come Plauto ne la l'ede« {Mere. IV, 6, 3), t Aft- 



Digitized by 



Google 



NOTIZIE SOPtlA lOCAll! E CARiKl 



Inamo le etere per il piacere dell'animo, le donne legittime per la pro- 
creazione della prole "k (Dbm. C. Neera). Però a qnal punto spingesse 
Atene la libertà del commercio colle meFetricii nulla meglio io addita di 
quel giudizio di arbitri , portato da Demostene in Tribunale , ond* ò ri- 
solta la lite tra Steflino e Frinionei disputantisi i diritti sulla meretrice 
Neera : col sentenziar la posseggano a vicenda due giorni per ciascuno 
(Demost. contro Neera^ 46) >. 

E più giù. 

€ Eppure generalmente non fu in Atene, dal grembo di queste (le cit- 
tadine ateniesi che viveano a so, traendo frutto da* propri vezzi) ma dal 
di fuori che vennero e sorsero quelle apparizioni veramente meravigiiose, 
come Hermann le chiama {Bild. des Oricch. Prioatleb,^ il, 60), le quali 
colle grazie dello spirito e coll*amabilità assai più ancora che coiravve- 
nenza esercitarono unlnfluenza cosi strana e decisiva sulla società dei 
loro tempo, sulle arti e sui costumi. Forestiere (Cavai) erano Aspasia da 
Mileto e Laide da Icoara e Frine. Venìano per lo più fknciulle, povere 
e sole, nelle grandi citta, a Corinto e ad Atene, per trovarvi lavoro; ivi 
i talenti naturali e la bellezza fermavan sovr* esse gli sguardi e a poco 
a poco iravolgevale il vortice. Libere e cresciute airaperto— a differenza 
delle matrone ateniesi, rinchiuse da bimbe in casa fuor degli occhi degli 
uomini a imparar di conocchia e di cucina e a vegetare più tardi nei 
talami Ara la custodia di leggi pressoché claustrali — nella libertà avean 
potuto coltivare i ricchi doni di natura e lo spirito ; soltanto nelki vita 
libera delle etere , al contatto della società , poteano ormai trovarne lo 
sviluppo. Così circondate dal fiore di Atene , disputanti di scienze e di 
arti con artisti e filosofi, corteggiate dalle aristocrazie del sangue e del 
censo, sorgeano datrici delle leggi del buon gusto e deireleganza, ralfi- 
natrici d'ingegni e di studi e d*ogni senso dei bello nelle piacevoli gare, 
ispiratrici care alle Muse. Aspasia apriva in Atene la prima sala di con« 
versazione che rammentano le storie; vi cresceva alunne degne di lei; e 
lei, in quel circolo leggiadro, dove donne virtuosissime come la moglie 
di Senofonte non temean di compromettersi frammischiandosi alle etère 
(Plutarco in Pericle ; Cicerone De Invent, 1. 9d. Quintil. ImHì, Orat. 
1. 19) veniva Pericle a riposarsi dalle cure della Repubblica e dalle bur^ 
rasche del governo popolare ». 



Digitized by 



Google 



mw W9 W9 i» 99 H» W9 99 >■ ^P 99 9m W 



GAP. V. 



Ricostruzione d'IccaFì— Suo sito — È soggetta ai Cartaginesi — I Roofiani 
padroni della Sicilia — Loro colonie — Iccari nolP Itinerario di Anto- 
nino Pio — Cristianesimo in Sicilia — Vescovati — Iccari sede vesco- 
vile — Condizione di essa sotto i Romani -— Vescovi di Carini -- I Bar- 
bari -- Irruzione dei Saraceni. 

Rovinata Iccari, come abbiam detto, fu consegnata agli 
Egestani, che quindi ne divennero signori. Gli Iccaresi intanto, 
che eran scampati dalFeccidio, e quelli forse che riscattaronsi, 
e si restituirono alla loro patria, volsero il pensiero a rico- 
struirla. 

Quasi tutti gli autori ritengono che Iccari fu sempre sulle 
spiagge del mare in Garbolangi. Si ha però gran fondamento 
di credere che distrutta questa città dagli Ateniesi, si ricostruì, 
non neiristesso sito, ma un poco più dentro terra, nel piano 
cosi detto di S. Nicolò, un miglio e mezzo circa da Garbo- 
langi discosto, e poco men d'un miglio al disotto dell'attuale 
paese di Carini. Il diligente abbate Amico avverte tal muta- 
mento di sito, e dice ciò essere confermato da antica tradi- 
zione (1), tradizione che di mano in mano sino ai nostri giorni 
è stata trasmessa. Le rovine poi che in questo luogo si osser- 



(1) « Stetit Hyccara ad promontorium , ubi hodie muras Carinensis ; 
subinde ante Saracenos in loco, ubi hodie S. Nicolai diruta aecclesia cnm 
oppidi veterls reliqoiis constitutom affirmant, qaod passi circiter m. ab 
hodieno disaidet... > Leaio. Topogr., tom. 2, par. Garinit. 



Digitized by 



Google 



dò KOtlZIÉ SOPRA tCCARl B CARiKt 

vano, avvalorano fortemente questa tradizione, e ci sforzano a 
dire che ivi venne ricostruita Iccari. Nella sudetta contrada 
di S. Nicolò, su di una superficie che si estende un mezzo 
miglio circa, vedonsi frantumi di colonne, pietre intagliate, 
mattoni; disotterransi giornalmente antiche lucerne di creta 
di finito lavoro , e rottami di vasi pur di creta, e particolar- 
mente quantità di monete. Non è guari si trovò in quei din- 
torni un sotterraneo ove eran gli avanzi di uno scheletro con 
le braccia avvolte tra catene. Forse qualche infelice, in quei 
tempi di barbarie, fu ivi lasciato morire. 

Un monumento, però, più prezioso, son quasi quattro lu- 
stri, erasi scoverto in un fondo al di sotto del Ponte di S. Vin- 
cenzo. Era questo un piccolo tempio sepolto sotto terra, la- 
vorato a mosaico, nel cui interno, scendendosi da una finestra, 
si trovarono diversi frantumi di statuette. Tra le altre una se 
ne trovò qnasi intera, rappresentante la figura di un piccolo 
Cupido (1). 

Esistono pure vestigia di antichi acquidotti nelle falde del 
monte della Guardiola , i quali certamente servivano a con- 
durre Tacque, oggi dette del fiume di Falco; sebbene potea no 
essere destinati per condurre le acque in Iccari sulla spiaggia 
del mare. Sul finir però dell'anno 1849 si scoperse , a poca 
distanza dal tempio di cui abbiam parlato, un acquidotto che 
mostra fortemente essere stata in quel luogo la città. Questo 
aquidotto era di piombo (2) così ben formato e di si bella 



(1) Si dice che questa statuetta , dal Sindaco di qae* tempi, amantis- 
simo delle cose patrie , fu regalata a persona nobile di Palermo , e da 
questa pervenne al Duca di Serradifalco, che quaFaps industriosa va sdo- 
rando ciò che vi ha di più bello nelle sicule antichità. 

(2) In poco tratto di terra si estrassero tre quintali di questo piombo. 
Il tempio surriferito fu di nuovo sepolto dalla terra soprappostavi con 

sacrilega mano, e gli scavi di quelli acquidotti furon vietati. Cosi si oc- 
cultarono di nuovo quelle preziose rovine che dopo taoti secoli il patrio 
genio avea scoverti ; e Tignoranza di un momento, la marra di un vii- 



Digitized by 



Google 



Ì^WìZtE SOPkk lOGAill £ OAKIl^I di 

tempra, che quasi intatto dopo tanti secoli conservasi. Veniva 
formato da doccioni lunghi due palmi e larghi.... capaci a por- 
tare copiose acque. Da questo acquedotto diramavano altri più 
piccoli similmente di piombo. 

Ed argomento di tale opinione credo che sia lo esistere 
su breve monte soprastante al piano di S. Nicolò una piccola 
torre, di cui veggonsi tuttora gli avanzi, e conservano il nome 
della torre di Guardiola. Tal nome ci mostra che un tempo 
quella torre servia di guardia al sottoposto paese. Né potea 
essa avere altro oggetto. Il luogo ove era costruita non era 
da situarvi una fortezza, né di fortezze son quelli avanzi; era 
però bene a proposito per servire di guardia alla sottoposta 
città, poiché, mentre dominava sulla pianura e sul mare, era, 
poi, cosi basso ed alla città vicino che al menomo periglio 
poteansi subito facilmente avvertire gli abitanti. 

Né il vedere enumerata Iccari da Antonino Pio ne' luoghi 
marittimi (1) si oppone a credere che questa città fosse stata 
nel piano di S. Nicolò, poiché la breve distanza che passa tra 
questo piano ed il mare, potea far ritenere a quello Impera- 
tore come marittima la città; ed infatti egli enumera pure 
fra le città marittime Partinico (2), quantunque, sia che fosse 
stato situato in Palamita, come crede il Cluverio (3), sia ove 
attualmente esiste,' come ritiene TAmico (4), era dal mare di- 
stante, e molto dentro terra. Agrigento fu riguardata sempre 
marittima. 

Antonino non ci lascia alcun dubbio che Iccari era situata 
tra Palermo e Partinico, ma egli varia nelle distanze che as- 



iano ci ritolsero qaei tesori che eransi airavarizia di quel vecchio alato 

strappati. Essi son già ritornati all'oblio Oh tempora. Oh niores l Val- 

gon più poche opunzie, che i sacri avanzi de* nòstri padri ! 

(1) liiner,, pag. 91-97. 

(2J Ibid. 

(3) Sicil. ani,, lib. II, cap. 

(4) in Fazkll., Decad. I, lib. VII, cap. Vi. 



Digitized by 



Google 



62 NOTIZIE SOPRA IGGARI fi CARINI 



segna tra quella e queste due città. Nel viaggio da Lilibeo a 
Tindari (1) segna 8 miglia tra Partinico ed Iccari, ed in quello 
da Iccari a Trapani 12 (2). In quel primo viaggio pure tra 
Iccari e Palermo si notano 16 miglia, e 18 in quello da Agri- 
gento a Lilibeo (3). È strano vedere tali contrarietà in uno 
stesso autore. L'ignoranza de' copisti può solo giustificarle. La 
distanza vera tra Palermo ed Iccari si dee credere quella di 
18 miglia che corrisponde esattamente^ situata quest'ultima nel 
piano di S. Nicolò. Le due distanze poi differenti tra Iccari e 
Partinico andranno in armonia, situando Partinico col Cluve- 
rio sul monte Palamita, al qual luogo da Iccari per la strada 
de' monti non passavano che 8 miglia e 12 per quella marit- 
tima (4). 

È da credere intanto che Iccari fosse stata ricostruita sotto 
la protezione de' Cartaginesi. Sappiamo infatti che sconfitti 
gli Ateniesi, temendo Egesta non che di Selinunte, ma del- 
l'intera Sicilia , ricorse ai Cartaginesi , i quali con poderosa 
oste sotto la condotta di Annibale figlio di Gescone, ardente 
di vendicare la morte del suo avo Amilcare, sbarcarono in Li- 
libeo, e Selinunte ed Imera al suolo adeguarono (5). Sappiamo 
che questo Capitano permise a' Selinuntini, che erano sfuggili 
all'eccidio, di abitare di nuovo la loro patria, e di coltivarne i 
terreni, pagando loro un tributo (6). L'istesso dunque possiam 
congetturare essersi fatto con gl'Iccaresi, i quali cosi dieder prin- 
cipio alla ricostruzione della loro patria, ed essendo restati gli 



(1) Iliner,, pag. 91. 

(2) Ibid., pag. 97. 

(3) Ibid., pag. 96 

(4) Il Giaverio ritiene la distanza di 12 miglia indicata da Antonino, 
ma egli crede doversi contare da Palamita a Garbolangi, ove ritiene che 
fosse stata Iccari ai tempi di Antonino. Tra qnesti due luoghi però non 
vi sarebbero più di 10 miglia. Gluv.« Sic. Ant., lib. II, cap, 2, 

(5> DiOD., Ili). Xlll. 
(0) Ibid, 



Digitized by 



Google 



NOTIKIB SOPRA lOOARI E QAIUNI 



Egestani padroni delle rovine della distrutta Iccari, e non aven- 
done forse permesso il rialzamento, gli Iccaresi altrove si ri- 
dussero, un poco più dentro terra. 

Miserabile e di poco momento era torse allora quella na- 
scente città, e la storia non ne fa alcun cenno. Le continue 
guerre, infatti, che infestavano quelle cofntrade, doveano im- 
pedirne ogni avanzamento, e più d'ogni altro ostar gli dovea 
la gelosia degli Egestani collegati coi Cartaginesi, ai quali non 
potea andar a grado il risorgimento di un'antica rivale. 

Iccari dovè andar soggetta alla dominazione cartaginese, 
ed alle vicende che in quelle parti successero. 

Diodoro (1) scrive che, dopo distrutte Selinunte ed Imera, 
partito Annibale da Sicilia, Ermocrate fece delle irruzioni nelle 
contrade soggette a' Cartaginesi, devastando le campagne vi- 
cine a Mozia e Palermo ; cosi quelle d' Iccari soffrirono tal 
disastro. 

Tornato poi Annibale nelPOlimp. 93, e distrutte Gela ed 
Agrigento, Dionigi stipolò un solenne trattato con quel capi- 
tano, e si convenne , che oltre gli antichi loro coloni, restas- 
sero sotto il dominio dei Cartaginesi i Sicani, i Selinuntinì, 
grimeresi, gli Agrigentini, que' di Gela e Camerina, ai quali 
si permise abitare nelle loro città, ma senza mura, e pagando 
loro tributi (2). I Sicani dunque conservavansi ancora come 
gente distinta, ed Iccari, Sicana, restò sotto i Cartaginesi con 
le condizioni in quel trattato imposte. 

Poco durò questa pace. Neir Olimpiade 95 Dionigi fé' la 
guerra a' Cartaginesi. Assediò Mozia, e lasciando ivi il suo 
fratello Leptine, invase le città alleate di quelli. Tutti i Sicani 
atterriti si uniron con lui, restando solo terme a' Cartaginesi 
Ancira, Solunto, Egesta, Panormo, ed Entella, ed i loro terrìtoij 



(1) DiOD., lib. XUL 

(2) DioD., ibib.; Barbbyran, Bist des ancien. iracL, par. 1, pag. 188. 



Digitized by 



Google 



04 NOTIZIE SOPRA ICCARI B CARINI 



turon saccheggiati (1). Iccarì, Sicana, si collegò, dunque, co' 
Siracusani. 

Un nuovo trattato sì fece neiroiimp. 97 tra Magone e Dio- 
nigi a* precedenti conforme (2). Rompeansi però i trattati, ed 
insorgevan sempre guerre. NeirOIimp. 110 si fé' pace tra i 
Cartaginesi e Timoleonte, e questi raccordò a patto, che la- 
sciassero vivere in libertà tutte le città di greco nome, e che 
il fiume Lieo fosse il confine tra i possedimenti Greci e Car- 
taginesi (3). Iccarì dovè passare sotto la signoria Cartaginese. 

Neiroiimp. 116 si fece un nuovo trattato tra Agatocle ed 
Amilcare, e si convenne che Eraclea, Selinunte, e Termini re- 
stasseio sotto il dominio de' Cartaginesi, e che le altre città 
continuassero a vivere con le loro leggi (4). 

Così proseguivan le cose sino all'arrivo dei Romani. Son 
assai note le sanguinose guerre avvenute in Sicilia tra quelle 
due potenti nazioni, finché tutta l'isola nell'anno 260 avanti 
Cristo restò in potere de' Romani, tranne Siracusa. Abbattuta 
però quest'inclita città nell'anno 212 avanti l'era volgare, di- 
venner quelli signori di tutta l'isola. 

Sopravvenute in seguito le guerre civili tra Mario e Siila, 
Cesare e Pompeo, la Sicilia divenne il teatro delle scene più 
luttuose, e Sesto Pompeo vi portò la devastazione (5). Strabe- 
ne, ai tempi di Augusto, l'anno 28 dopo Cristo, ce la dipinge 
come uno scheletro (6). Egli scrive che molte città de' barbari 
eran distrutte. Numerando i paesi abitati nella spiaggia setten- 



(1) DiOD., lib. XIV. 

(2) Ibid. 

(3) DiOD., Ub. XVI. 

(4) Ib., lib. XIX. « Qaod neqae diutarnias beUuin reperire (kcile fo- 
ret, neqoe majores apparatas, neque frequentiora fkcinora, neqae plura 
certamina, neque majorea atrinque roram varietates ». Polib., lib. I. 

(5) « Tarn aatem Pompcijus Sextas etate nostra, et reliqaas civitates, 
et Syraeaaas vastaaset. > Strab., lib. VI. 

(6; Strab., (ib. VI. < Barbaroram qnoqae permaltae aunt deletae >. 



Digitized by 



Google 



NOTIZIB SOPRA ICOARI B CARINI 06 



trionale, nomina Alesa, Tindari, Cefalù, Imera, Panormo, Tem- 
porio degli Egestani, e non fa cenno d'Iccari. Non può però da 
ciò conchiudersi che non esisteva; egli neppur nomina Trapani, 
città allora esistente. 

D'allora in poi gFImperadori romani mandaron molte co- 
lonie in Sicilia ad abitare diversi luoghi, e fecero risorgere 
parecchi città. Forse allora, fra le altre, Iccari si ebbe incre- 
mento, ed intatti comincia di nuovo a figurare nella storia. 

Ai tempi di Trsgano, assunto all'impero, verso l'anno 117 
delFera cristiana, Plinio la novera nelle città stipendiane (1). 
Il geografo Tolomeo, però^ (che visse circa l'anno 147) non ne 
fa menzione, ed egli passa da Palermo a Catania (2). Anto- 
nino Pio, intanto , venuto in Sicilia, poco tempo dopo , ci dà 
notizia certa d'Iccari. Egli la chiama Hyccara (3), e come ab- 
biam veduto, la situa tra Palermo e Partinico. Sembra che 
già questa città era ih qualche lustro, poiché questo Impera- 
dorè vi dimorò, e di là passò a Trapani (4). 

Trasferita la sede imperiale in Costantinopoli nell' an- 
no 330 (5), la Sicilia passò sotto la signoria de' Greci. Questa 



(1) Questo autore tra gli altri popoli enumera Imacharenses, Ichaneii- 
ses. Plin., Stor, Nat., iib. Ili, cap. XIV. Imacharenses, Ichanenses. 

Il dotto Arduino annotando questo passo di Plinio crede che invece 
di Imacharenses deve leggersi Ichareases. «e Ita libri omnes. At eiemen- 
torum series uobilius paulo oppidum appellaadum hoc loco Aiisse forte 
admonet, nempe Hyccarensium ». Noi però crediamo che i'Icfaanensas 
debba leggersi Icharenses. Questa sostituzione ci sembra più fondata di 
quella d'Arduino. Imacara fb una città ben nota nella storia; al contrario 
nessun cenno si trova fatto di questi popoli Ichanenses e della loro città. 
Il solo Stefiino li ritiene, ma confessa non sapere ove esisto la loro città. 
Poterono i copisti più facilmente scambiare Icharenses con Ichanenses. 

(2) Ptolom., Qeog., Iib. Ili, cap. IV, tav. 7. 

(3) Iliner. 

(4) e Iter ab Hyccaris per marittima loca Drepanis usque >. Iliner., 
pag. 97. 

(5) April., Orond., oap. XIV. 



Digitized by 



Google 



96 NOnEIB SOPRA ICOARI E CARINI 

fu un'epoca avventurosa per essa, poiché come in tutto Tira- 
pero , cosi in Sicilia , per ordine di Costantino il Grande co- 
minciò verso r anno 340 a professarsi la religione di Cristo. 
Molti Vescovadi istituironsi allora tra noi, ed Iccari fu una 
delle città che fu scelta a sede vescovile (1) (a). 



(l) Orlandini, Descriz. di Trapani, 

(a) Il nostro A. ardente di amore pel aatio loco , non sa rinunziare 
alla gloria che al medesioìo deriverebbe dall'essere stata sede vescovile. 
Ma la storia si cava da* documenti irrefragabili , non si fonda su con- 
getture. Carini fu sede di Vescovo ? Il Pirri pone quella Chiesa fra le 
incerte, non trovando buoni argomenti per ritenere che vi sia stato un 
Vescovo in Carini. 

Il canonico Mongitore, che era pure amantissimo delle cose patrie, in 
una lettera inedita, che si serba nella Biblioteca Comunale (i) combatte 
le ragioni addottesi per sostenerne la esistenza. 

Nel secolo scorso Giuseppe Antonio Lo Bianco leggeva, nell* Accademia 
fondata nel 1777, un suo Discorso per propugnare la esistenza di un an- 
tico vescovato in Carini. Però questa memoria non fh stampata, nò, che 
io sappia, si serba manoscritta nelle nostre Biblioteche. 

Gli argomenti del nostro A. sono i seguenti : S. Gregorio in due let- 
tere parla del vescovato di Carini; in una prima, morto il vescovo, uni- 
sce la chiesa Carinese airaltra di Reggio; nella seconda, Gregorius Barbaro 
Episcopo Carineiisi commette al vescovo di Carini di visitare la Chiesa 
palermitana; vescovi di Carini intervennero nel Concilio Lateranese, e 
nel secondo Niceno; c*é infine la tradizione per secoli perpetuatasi che fk 
Carini antica sede di vescovato. 

Certo, non c*é documento che ne attesti la fondazione o Tabolizione. 

Per (sreare questo nuovo vescovato, si è ricorso ad argomenti, a de- 
duzioni. Il pontefice S. Gregorio in una sua lettera parla della Ecclesia 
Carinensis ; ciò è bastato per far ritenere che quella Chiesa appartenga 
alla nostra Carini. Ma se, come attestano parecchi scrittori, v*era sullo 
estremo continente italiano una Carini con vescovato, è da credere che 
Punione alla Chiesa di Reggio di cui si parla nella prima lettera si fosse 
fatta della vicina chiesa Carinese, non della lontana di [Sicilia. Cario da 



(1) Se la terra di Carini fu sede vescovile. Ma. del secolo XVIII in fogUo Qq., 
F. 233, f. 69. 



Digitized by 



Google 



MEMORIE ORIGINALI 



UNA MONTAGNA DI CORALLO 

Bollitura trapcuieee del eeoolo XVI (1). 



Doppio intendimento mi muove a divulgare questa breve 
notizia artistica : far conoscere un' opera d' arte preziosa del 
secolo XYI, ignota affatto sin qui; spingere, per quanto è in 
me, i valorosi cultori della storia delle belle arti in Sicilia a 
non lasciare tuttora bianca una pagina, che sarebbe bella e 
nuova e gloriosa, quella della scultura in corallo. 

Ma è questa la sola pagina che le belle arti tra noi la- 
mentano che rimanga non scritta ? Pur troppo, no ! La incuria, 
la indifferenza, la acquiescenza, qualche volta colposa, che noi 
abbiamo avuto costantemente ne' secoli scorsi ed anche oggi 
abbiamo, sono davvero fenomenali, uniche, e si possono addi- 
tare come peccaminoso esempio del genere. Noi abbiamo al- 
legramente e spensieratamente sciupato e disperso e fatto di- 
sperdere e fatto rubare un patrimonio artistico d'ogni genere, 
e di tal valore, che la mente si confonde a immaginarlo. E 
poi moviamo lamenti perchè gli altri non ci ricordano, perchè 
ignorano o non credono le nostre glorie , perchè ci tengono 
addirittura in conto di barbari o di gente primitiva, buona al 
più al più da sfruttare e punire ! Lamentiamoci di noi , più 
tosto e con più ragione, perchè sparnazzando pazzamente tante 
ricchezze o lasciandocele involare con aria quasi di gratitu- 
dine, non abbiamo neppur preso nota del nostro che andava 



(i) Lettera fatia alla Società siciliana di Storia Patria il 9 laglio 1893. 
Jrck. Star. Sic. N. S. anno XIX. 19 



Digitized by 



Google 



278 TntJL KONTAGNA BI OORAXXO 



via ad arricchire, ornare e allietare i palazzi de* nostri pa- 
droni stranieri o di altri esteri più o meno lontani. Cosicché 
oggi, allorché frugando fra carte ingiallite e tarlate e* imbat- 
tiamo in qualche documento che attesti la miserevole e siste- 
matica espoliazione delle nostre fiorenti città a beneficio degli 
estranei dominatori, se da una parte ci stringe il cuore e spre- 
miamo lacrime di rabbia, dall'altra ci adoperiamo premurosi 
e riverenti a salvar dall'oblio il vetusto documento, paghi se 
non altro di rievocare innanzi alla nostra mente un passato 
che sprigiona raggi di luce ignorata e inattesa. 

* * 

La pesca e il commercio del corallo hanno data antichis- 
sima, e non imporla che ce ne occupiamo qui, come non ci 
importa conoscere se devesi veramente ai marinai di Trapani 
la invenzione dell'ordegno (del resto assai semplice) col quale 
anche oggi si pesca il corallo (1). Ci importa invece di notare 
come ai Trapanesi venga attribuita la gloria di essere stati i 
primi a lavorare col bulino il corallo; anzi il primo inventore 
di si ingegnoso artifizio fu un Antonio Ciminello, come ci at- 
testa Leoi\^ardo Orlandini, che però non ci lasciò detto altro 
di più particolare intorno a lui (2). Certo è, che nel cinque- 
cento, quando TOrlandini scriveva, l'arte di scolpire il corallo 
era in Trapani assai diffusa e prospera e rinomata, tantoché 
le opere dei Corollari (tal nome ebbero allora e poi gli artisti 
che scolpivano o lavoravan coralli) erano ricercatissime. Ecco 
appunto ciò che ne dice il citato Orlandini: « Si fa nel suo mare 



(1) L*Edri8i, già nei primi del sec. XI, lasciò seritto che «si trae li- 
milmente dal mar di Trapani del corallo di prima qualità ». (Aicaju, jB»- 
blioteca arabo-sicula, voi. I, p. 80 : Torino e Roma, E. Loescher, 1880). 

(2) Leonardo Orlandini, Trapani in una breve descrittione tratta 
fijiori dal compendio di cinque antiche Città di Sicilia (In Palermo, Ap- 
presso Gio. Antonio de Franceachi, M.DGV), a f. 44. 



Digitized by 



Google 



UHÀ VOnTAONA DI OOBALLO 279 



(cioè, di Trapani) al Capo di Bonagia, diece miglia distante, 
la pesca del Corallo, bellissima gemma, e di virtù, e di molto 
prezzo (1)... I maestri Corallari, in una strada in venticinque 
Botteghe lavorando, fanno cosi honorata mostra, che altra tale 
in tutta la Sicilia non si vede, né in Italia; lavorano eglino il Co- 
rallo con leggiadrissimo artificio e pulitezza: anella con due 
mani insiememente congiunte in segno di fedeltà, ed altre, che 
strappano il cuore, Cristo in Croce,|e la Resurrettione di lui; 
facendo del corallo nel ceppo radicale varie vaghissime imma- 
gini intagliandovi della Vergine Santissima, del Glorioso Bat- 
tista, di S. Sebastiano, di S. Francesco Serafico, e di altri Santi; 
di che si fa compra di grandissimo prezzo : si mandano in lon- 
tani paesi, e si presentano a gran Prencipi. Per la eccellenza 
delle opere di costoro leggesi antico privilegio de' Barzelonesi 
a' Corallari di Trapani conceduto, che in Barzellona persona 
corallo non lavori, che Trapanese non sia. Fu Trapanese colui, 
che trovò prima la pescherà del Corallo in Tabarca (2) ». 

Disgraziatamente V Orlandi ni , dandoci questi interessanti 
ragguagli, non ci fa il nome di nessun artista : e di valorosi 
ce ne dovean essere. Del pari, Pietro Francesco Scarabelli, descri- 
vendo il celebre Museo o Galleina Settata in Milano^ fa menzione 
(cap. 8, nn. 7, 16 e 17) di un ramo di Corallo cinabrino su 
cui è « scolpita la pudica Susanna in mezzo a' due malvaggi 
Vecchioni, con lavoro ammirabile » ; aggiungendo : « Intaglio 
è questo dalle mani del gran Siciliano uscito, che nella con- 
siderazione delle sue opere basti il dire, che ha reso Estatico 
il Mondo tutto ». Ma chi è questo « gran Siciliano »? Lo Sca- 
rabelli non si scomoda a registrarlo; e infatti registra una 



(1) Id. ibid., a f. 41. 

(2) Id. ibid., a f. 46-47. — Dal sec. XVI, i LomeUini di Genova, ricevuta 
ìq fendo risola di Tabarca , esercitarono ivi per conto proprio la pesca 
del corallo. (Cfì*. L. T. Bblorano, BeUa vita privata dei Genovesi^ parte 
prima, cap. XXIV, pag. 106. Genova, Tip. del R. Istituto Sordo-muti, 
M.D.CXX:.LXX.V). 



Digitized by 



Google 



280 UHÀ MONTAGNA DI OOBALLO 



« mano di Corallo di bellissimo colore , lavoro del mentOTato 
Siciliano»; e poscia ancora, opera di corallo più mirabile: 
« Delfino, havente in dorso una palla cosi bene neir interna 
sua parte scavata, che in qualunque punto rocchio la rimira, 
diafana la discopre. Per un picciolo forame della coda sofflan- 
dovisi, ben tosto si ode non ingrato un fischio. Pende dal collo 
di questo Delfino una moietta, che col deto premuta gli apre 
in due parti il capo, entro di cui Tlmagine di S. Teresa di 
nobilissimo disegno si vede. La bocca poi co' denti sono a si 
sottile lavoro* ridotti, che più tosto dalla Natura, che dall'Arte 
paion formati. Tale fu il sottilissimo ingegno del gran Sici- 
liano, che loro diede una si commendabile fattura (1) ». 

« Memorabile (aggiunge il Mongitore (2)) è un' opera di Co- 
ralli fatta lavorare in Palermo dal suo Senato, e mandata poi 
in dono al Sommo Pontefice Urbano Vili, nel 1631, in grata 
memoria de' beneflzj fatti alla Città di Palermo, ed oberi con- 
tribuiti alla sua gloriosa Concittadina S. Rosalia. La descri- 
verò col P. Giordano Cascini nella Vita di S. Rosalia^ lib. 3, 
cap. 13, f. 395 : « Era l'opera , scrive egli , tutta di finissimi 
Coralli di queste nostre maremme, guarnita d'oro e di smalto, 
dove nel mezzo fra otto bellissime colonne grosse, lunghe, e 
diritte, come non suole essere facilmente il Corallo, si vedea 
la statua della S. Vergine Rosalia molto bene accompagnata; 
perciocché havea d'intorno ben disposte a' suoi luoghi le statue 
di altre SS. Palermitane, cioè : dell'altre SS. Vergini, e Mar- 
tiri Àgata, Ninfa, Oliva : e dei SS. Sommi Pontefici Agatone, 
e Sergio, e molti Angeli in varie guise disposti tutti con bella, 
e vaga proporzione : erano le statue sin' al numero di 25, e gli 
altri molti lavori finissimi di cpsi delicata e gentil maniera, 



(1) Presso MoNGiTORB, Della Sicilia ricercata nelle cose più memorar 
bili, Tomo II, libro quarto, cap. XXVIII, p. 115. (In Palermo MDGGXLin, 
Nella Stamperia di Francesco Valenza). 

(2) Op. e lo«. cit. 



Digitized by 



Google 



tmA MOirtAGNA DI OOBAILÒ 



che '1 medesimo Pontefice hebbe a dire, che non di duro Co- 
rallo sembrava V opera, ma di molle cera (1) ». 



* * 



Ho voluto richiamar la memoria di queste opere insigni 
di Corollari^ e perchè si rinverdisse, e perchè servisse a noi 
di sussidio neHa illustrazione di quell'altra opera assai più no- 
tevole e preziosa, che dà argomento alla presente scrittura. 

Su lo scorcio del 1570, Don Francesco Ferdinando Avalos 
de Aquino, Marchese di Pescara, Viceré in Sicilia, ebbe nuova 
fors' anche diretta conoscenza di una Montdgna di CorcUlij 
esistente in Trapani, maravigliosa e imponente per la massa 
e più per l'artificio con cui erano scolpiti in rilievo ed in 
grossi pezzi un gran numero di personaggi che la popolavano. 
Ne trattò subito l'acquisto, per offerirla al suo re Filippo II, 
che a lui avea dato e dava non dubbie prove di fiducia e di 
affetto; e per mezzo di Don Francesco Staiti potè averla pel 
prezzo di onze quattrocento, pari a scudi mille; un prezzo di 
favore, certamente, quando si pensa ch'era un Viceré che com- 
prava in una città che gli era in dominio, ma prezzo eleva- 
tissimo, massime in rapporto ai tempi, e che ci è indice si- 
curo del valore immenso di quell'opera d'arte. 

Il Viceré Marchese di Pescara presentava a Sua Maestà 
la offerta veramente regia, ma (e questo si può già supporre a 
priori) senza metter mano alla borsa propria. La Regia Corte, 
ossia il Tesoro del Regno di Sicilia, pagava le spese di tutto, 
come sempre. Ecco qui, in fatti, il pagamento che il Tesoriere 
Generale del Regno, Don Pietro Di Gregorio, segnava al fo- 



(1) Il Pontefice ringraziò con un Breve al Senato di Palermo , del 3 gen- 
najo 1632, eh' è riferito dal Cascini; il quale ancora, a fin d'opera riporta 
UQ poema latino, che descrive detta opera di Coralli, e ciie fu recitato nel 
Collegio Romano. 



Digitized by 



Google 



282 17HA HOHtAOìTA 1)1 ÓOtikUA> 



glio 663 del Conto di Cassa del Tesoro Generale per Tanno della 
quattordicesima indizione 1570-1571 (1) : 

€ Auttoritate mandati Illustrìssimi domini proregis , dati 
Panormi 19 novembris xiiij* Indictionis 1570, solute fuerunt 
die xvììiy novembris don francisco stayiti uncie quatricentas 
per depositariam nicolai gentile: et se li pagano per valuta 
de scuti 1000, per II prezo di una montagna de curallj, Com- 
prati da esso. Con diversi personaggi particolarmen^ deno- 
tatj In uno Comandamento de sua excellentia datum [die] quo 
supra, di {sic) la quali si retrova In la citta de Trapani In suo 
potere; et quella se havi Comprato ad effetto di mandarla, 
con II primo vaxello che partera per Spagna, a Sua Catholica 
maestà. Il quale de Stayiti lo dovera fare Incaxare et tenere 
In ordine In la predetta citta, ad effetto di quello fare Con- 
signare ad ordine nostro al patrone de quello vaxello o nave 
che partera da detta cita per Spagna. Justa apocam in attis 
Regie thesaurarie 16 novembris xiiij* 1570 ». 

Il Pescara destinava il Capitano Geronimo Salazar a recarsi 
personalmente ad offerire per sua parte lo splendidissimo dono. 
La nota del Tesoriere Di Gregorio, al foglio 732 del ricordato 
Conto di Cassa dice : 

« Auttoritate mandati Illustrissimi domini proregis datj Pa- 
normi 22 Januarij xiiij* Indictionis 1571 , solute fuerunt die 
xxiiij® Januarij capitaneo geronimo sanazar (sic) uncie quatra- 
ginta de contantj; et se li pagano a conto de la despesa che 
dovera fare In lo viaggio per la corte de sua maestà del Re 
nostro signore con una nave che parte de trapanj per Spagna, 
con la quale ha di portare la montagna di Coralli, quali se 
compro li dj passati di don francesco stayti, per portarla a 
sua magesta. Justa apocam firmatam in attis Regie Thesau- 
rarie 23 Januarij xiiij* Indictionis 1571 ». 

Da un altro documento in data de' 17 febbrago 1571 risul- 



(1) Si conserva neir Archivio di Stato di Palermo, donde io V ho tratto. 



Digitized by 



Google 



tTlTA ItOKtAGKA Dt OORALlO 2§3 



terebbe che la « Montagna di Coralli » veniva assicurata pel 
valore di onze 400 su la nave che dovea recarla in Ispagna (1); 
la qual nave fu quella del magnifico Patron Tommaso Sagrì, 
raguseo, al quale facevasene regolare consegna il dì 8 feb- 
brggo. 11 Tesoriere, che, (ben diversamente da certi moderni, 
suoi uguali di ufficio non di onestà) segnava scrupolosissimo 
ogni partita , volle , quasi a giustificare la forte cifra di 440 
onze, benché spesa con regolari mandati , lasciare particola- 
reggiato ricordo dell' opera artistica di si alto valore, che pi- 
gliava anch'essa la via dell'esilio. E però, contemporaneamente, 
cosi all'Introito come all'Esito, registrava per nostra fortuna 
(magra fortuna, se si vuole !) la descrizione della « Montagna 
di Corallo», descrizione con la quale solo ci possiam oggi 
consolare. Scriveva dunque all' Introito (2) : 

« Addi 9 di febraro. mi faccio introito di una montagna di 
corallo, havuta per mano di don francesco staiti in la citta di 
trapani, consistenti in l'infrascritti personaggi et peczi, cioè: 
nostra signora dell' annunciatione con l'angelo grabieli, et II 
Dio patre, tutto ad un peczo insieme, una grutta della navita 
{sic) di nostro signore Jesu christo, una tavoletta con suoi ray 
attorno con nostro signore nato, Nostra Signora ingenocchione, 



(1) Conto di Cassa del Tesoro Generale cit., a f. 738: « Anttoritifc man- 
dati Illustrissimi domini proregis datj Panormi die 6 february xiiij» In- 
dictionis 1571 solute fueruut die xvìjo frebuarij Martino de adamo uncie 
vigiliti et tareui decem de contanti; et se li pagano con lutei veato de 
lo officio di conservatore del regio patrimonio, cioè : uncie 20 per canto 
di uncie 400 di socurta fatta fare In nome della regia coite sopra due 
nave In la una de le qualj se ha da carrirrari la montagna de corali) 
che si manda a sua magesta, da carricarse fn la citta de trapanj per 
qualsìvogla parte che toccassi a spagna, cordata con detto Intervento a 5 
per cento ; et tari 10 per ragione de mezzania a piccolj tre per unza, 
come per securta fatta In li attj de locoteuentj de prothonotaro. Jiista 
apocaui tìrmatam in actis offlcij regie Thesaurarie die xvijo februarij 
xiig» Indictionis 1571 ». 

(2) Conto di Cassa del Tesoro Generale cit., a f, 427. 



Digitized by 



Google 



284 UHA MOHTAQNA DI COBALLO 



Santo Joseph ingenocchione, un pastore che sona la ceramella 
ingenocchione. un altro pastore , con una capretta in collo, 
ìngenocchione. uno angelo con suoi ali et pettaflo annuncia 
alli pastori, dui altri pastori Ingenocchioni con le loro greggi, 
animaletti, et stigli d'essi pastori, et grutti. Il presepio della 
navita, alcuni animaletti pastorali, Dayni, cervi, signa, cani, 
serpi. Nostra signora a cavallo con il figlio In bracza. Santo 
Joseph in compagnia, uno angelo per guida, uno arbore di 
dattilo torto. Christo Ingenocchione all' horto, li tre discipoli 
adormentati, uno Angelo con lo calici alle mano, una tribona 
d'assai peczecti di corallo, dentro la quale è cristo legato alla 
colonna , Dui Judei che lo battino , di sopra la tribona Iddio 
patre con lo mundo alle mano, dentro del quale ci è una nu- 
dila con otto misteri) della santissima passioni, da circa ses- 
santa personaggi di relevo : un crucifisso grande della pas- 
sione, dui latroni in cruce, uno longino con sua lanza, nostra 
signora alli pedi della cruce, Maria magdalena. Maria Jacobe, 
Santo Jeanne, una colonna et di sopra un gallo et di sotto li 
dadi, Juda appicato à una Hama. una grotta con santo fran- 
cesco, un cruciflxo incarnato in cruce, un compagno di san 
francesco. un'altra grutta con santo geronimo in genocchione, 
un cruciflxo alle mano, con suoi leone et cappello, tutti in un 
peczo. uno altare et suo fonte, una cappelletta con santo Ja- 
cobo. un'altra [con] santa Caterina, un'altra [con] santo vite, sotto 
alli pedi una donnetta arrabbiata, con dui cani, tucti ad un peczo. 
un'altra con santo Jean battista con l'agnus dei. un' altra con 
lo relevo di nostra signora di trapani, con lo figlio in bracza 
et sua corona, dentro un boschetto , santo Sebastiano legato 
et flicciato (1), uno Judeo che tira con l'arco, un altro Judeo che 
ha tirato, con suo arco et flocchi, alcuni angeli sopra certi 
peczuUi di coralli, uno homo salvagio che butta acqua per 
la bucca. un menzo angelo simile, che butta acqua, tutta la 



(1) Frecciato. 



Digitized by 



Google 



tTNA MONTAGNA DI CO&ALLO 



ist 



montagna con suoi granfi et granfetti, et assai nature di mano, 
da circa vinticinque Jochi d'acqua, quali montagna del sopra- 
detto modo è accomodata dentro una caxa di Ugnarne, la quale 
si fece consignare à lo magnifico thomaso sagri di francesco, 
patron di nave, per portarla in corte di Sua Magesta. et hoc 
virtute mandati viceregij datj ». 

La partita segnata all'Esito (1), corrisponde identicamente 
a questa dell' Introito che ho riferito , salvo nel principio e 
nella fine, che pertanto è utile di far conoscere: 

« Addi 8 di febraro xiiij* Indictionis 1570 [1571], mi faccio 
exito di una montagna di coralli, consignata allo magnifico 
Thomasi sagri raguseo patron di sua nave, existenti con li 
Infrascritti personaggi et peczi, cioè : Nostra signora .... 

.... la quali montagna, con le preditti peczi sopra expres- 
sati, accomodata dentro una caxa di lignami, a nome nostro 
fu consignata a detto patrone per mano di don francesco staiti, 
in nome della regia corte ; quali patrone si obligao conducerla 
con detta nave in le parti di spagna et consignarla al magni- 
fico geronimo salazar, del modo et forma che di sopra sta 
expressato, ad effecto quella portarla a sua catolica Mage- 
sta; dal quali di salazar detto patrone havera de recuperare 
apoca de recepto de la ditta montagna, per mano di notar 
publico, copia della quale In carta pergamena si obligao detto 
patrone presentare a noi infra mesi quattro; et questo In vertu 
di mandato viceregio dato». 






La minuta esposizione che questi documenti ci danno del- 
l' opera artistica trapanese , ci mette in grado di giudicarne 
condegnamente il merito intrinseco ed estrinseco. Tra le 85 



(1) Conto di Cassa oit., a L 1253 i\ 



Digitized by 



Google 



286 OHA KONTÀOITA 1^1 OOHAIXÓ 



e più figure scolpite in rilievo che popolano la « Montagna », 
noi riscontriamo precisamente le rappresentazioni, i soggetti, 
i tipi più in voga in cui esplicavano la loro industre perizia 
i Corollari trapanesi del secolo XVI , ed anche poi de' suc- 
cessivi. Il Presepe, i fatti salienti della vita di Gesù Cristo, San 
Francesco d'Assisi, San Girolamo, San Giacomo, Santa Cate- 
rina, Santo Vito, il Battista, San Sebastiano , ]a Madonna di 
Trapani, nulla vi manca di quello che ricercavano la fede e 
le speciali devozioni de' credenti siciliani cinquecentisti. Né 
vi mancano gli adorni estetici e i giochi ricreativi, che non 
si scompagnavano dalle manifestazioni devote; come nella « nu- 
cilla con otto misterij della santissima passioni », chiusa dentro 
il piccolo mondo tenuto dal Dio Padre, abbiamo anche qui il 
tanto ricercato e microscopico gioiello, mirabile manifestazione 
di valentia artistica e di pazienza che vincono inapprezzabili 
difficoltà. 

Ma, quasiché una ineluttabile fatalità incombesse su' Co- 
rallarij tanto abili quanto sfortunati, anche qui, con la pre- 
ziosa « Montagna », non vien fuori il nome di nessun artefice. 
Il buon Tesoriere della Regia Corte, quando ha diligentemente 
segnate le spese di compra e di sicurtà e di spedizione, e le 
persone che gli han rilasciato apoca de' danari avuti, è sod- 
disfatto, non si cura d'altro j e dal suo punto di vista ha per- 
fettamente ragione; ma a noi, che bramiamo conoscer tutto, 
fa dispetto quasi. Comprendo bene, che un' opera come questa 
della « Montagna di Corallo » non può fornirla un artista solo, 
e che il concorso di parecchi è indispensabile; ma, tra questi 
parecchi, proprio nessuno se n'ha a conoscere ? neppure quello, 
che certamente vi fu, il quale ideò e diresse l' immenso lavoro ? 
E pure è proprio cosi ! Noi ci dobbiamo rassegnare, per questa 
parte, alla più completa ignoranza. La quale, pur troppo, non 
ci fu dato in niun modo rimuovere, per quanto avessimo 
chiesta un po' di luce agli scrittori nostri d'arte, ed in ispecie 
ai Trapanesi : l' Orlandini, il Di Ferro, il Polizzi. L' Orlandini, 
nelle parole che in principio ho citate ^ parrebbe quasi alla- 



Digitized by 



Google 



VKA JÉONTAGiCA Ì)t CORALLO 28? 



desse alla « Montagna » col cenno de' Santi e delle Rappre- 
sentazioni che i Corallari solean lavorare, e del grandissimo 
prezzo che avean quelle opere, che si mandavano in lontani 
paesi e si presentavano a gran Principi. Ma che certezza ne 
abbiamo ? Ma chi può dire eh' ei non segnasse fatti ed opere 
abituali del suo tempo , e non un fatto e un' opera speciale ? 
Del resto , se anche vide la mirabile « Montagna » e ad essa 
intese alludere, niente ci lasciò scritto che a noi giovi. 

Gli altri autori non dicono proprio nulla. Il solo , che ai 
Corallaio di Trapani abbia pensato di dedicare qualche pa- 
gina, è Rosario Gregorio ; ma egli va un po' a considerazioni 
generali e poi registra i nomi, cosi di corsa, di alcuni scul- 
tori de' secoli XVII e XVIII : ciò ch'era sufficiente allo scopo 
che si prefiggeva, attesa l'indole e la occasione di que' suoi 
brevi discorsi intorno ad argomenti siciliani, inseriti nell'an- 
nuale Notiziario di Carte (1). 

Speriamo pertanto nell'avvenire, ed auguriamoci che nella 
storia dell'arte e degli artisti di Sicilia abbia a vedersi presto 
colmata una lacuna, deplorevole tanto più, quanto più si ha 
ragione di affermare che si possa colmare abbondevolmente 
con opere splendide, importantissime. Non ci dissimuliamo le 
difficoltà enormi; ma con il buon volere, con l' assidua perse- 
veranza, a tutto si arriva, prima o dopo. E ricordo, a chi si 
accingerà a quest'opera di giusta riparazione, che insieme alla 
scoltura del corallo, che va innanzi a varie altre anche perchè 
oppone difficoltà maggiori, bisogna tener il debito conto di 



(1) Rosario Gregorio, Discorsi intorno alla Sicilia (In Palermo, Presso 
la Reale Stamperia, M.DGCC.XXXI), voi. II, pp. 53-60: «Del CoraUo di 
Trapani ». 

Giacinto Gimma : Della storia naturale delle gemme , e delle pietre , 
e di tulli i minerali, ovvero della Fisica sotterranea (In Napoli. MDGCXXX, 
Nella Stamperia di Gennaro Muzio, erede di Michele-Luigi), tomo I, lib. Ili, 
cap. Il, articoli MX, pp. 328-342, discorre del Corallo siciliano e sua io* 
dustria riportando le notizie raccolte dal Monoitorb. 



Digitized by 



Google 



28è MA koVTAOvi DI OOEàLLO 



quelle che le sodo compagne o figliole, la scultara su T avorio 
o sa Tosso» quella su le conchiglie o su minerali più o men 
duri e preziosi. Anche Trapani, per questa parte, è il glorioso 
laboratorio che ha dispensato e dispensa capolavori in copia. 






E qui ho finito. Qualcuno, forse, avrebbe desiderato ch'io 
gli sapessi almen dire, dopo la notizia della ammiranda « Mon- 
tagna di Corallo » , se questa giunse a salvamento , se a Re 
Filippo II riusci grata, e che ne sia avvenuto dopo, e se esista 
tuttora, e tante altre cose. Come può supporsi, un si giusto 
desiderio è stato ed è mio : ma non son riuscito ad appa- 
garlo sin qui. Se qualcos'altro mi accadesse di conoscere da 
ulteriori ricerche d'Archivio o informazioni di amici studiosi, 
sarò lieto e premuroso di comunicarlo. 

Palermo, 9 luglio 1893. 

S. Salomonb-ÌIarino. 



Digitized by 



Google 



SUL.L.A 

" BREVIS HISTORIA LIBERATIONIS MESSANAE » 

pubbUoata sopra un oodioe mesainese (1) 



NUOVE OSSERVAZIONI 



I. 



Il chiarissimo prof. Y. Di Giovanni leggeva nella adunanza 
del di 8 aprile 1891 della Società Siciliana per la Storia Pa- 
tria alcune sue osservazioni alla mia nota preposta alla edi- 
zione della Brevis historia liberaiionis Messanae, secondo il 
God. del Barone Àrenaprimo di Messina, (2) alle quali nell'in- 
teresse dei nostri studii credo necessario di rispondere. Prima, 
però, ho bisogno di scagionarmi del ritardo, il quale dipese 
in parte da circostanze personali e da sventure domestiche 
che alla Società non possono interessare; in parte dal fatto 
che l'egregio proprietario, nel mutare la sua casa in Messina, 
tenne per qualche tempo come smarrito il codice predetto, che 
erami necessario di riavere presente, come si vedrà in se- 
guito. Ritrovatolo ora, lo ha rimesso a mia disposizione con 
la usata cortesia, dandomi agio a queste nuove osservazioni. 

É necessario qui che io ricordi sommariamente ciò che 
avevo scritto io e ciò che a me il Di Giovanni osservava. Io 
avevo cominciato dal ricordare come questa Brevis Historia 
liberaiionis Messanae avesse vista la luce per la prima volta 
nel 1715 , nel VI voi. delle Miscellanee storiche del Baluzio , 



(1) Lavoro approvato dal Consiglio Diretlivo il 4 aprile 1894. 

(2) Cfr. Arch. Stor. Sic. N. S., anno XV, fate. I-U (1890) e anno XVII, 
faac I (1891). 



Digitized by 



Google 



i 



290 BT7LLA BBSVI8 RISTORIA LTTÌERATIOITIS HSSSÀKAE 

che r aveva cavata dai Mss. di Andrea Duchesne esistenti a 
Parigi, e fra i quali la monografia summentovata porta un'an- 
notazione che la dice trascritta « summa fide ex codice ms. 
peranliquo Bibliothecae senatus messanensis; poi nel Thesaurus 
dei Burmann e nei Rer. Italie. Script, sempre sulla !• edizione 
del Baluzio. Accennato ai dubbi dell'Amari intorno alla autcL- 
ticità di questa Historia^ il cui autore vuol farsi credere con- 
temporaneo ai fatti della prima venuta dei Normanni in Sici- 
lia, mentre è manifestamente di età posteriore, descrivevo il 
Ms. dell' Arenaprimo, da me conosciuto in Messina, che io di- 
cevo « scritto tutto di una mano del sec. XVI, mediocremente 
conservato ecc. >, e soggiungevo che, « sebbene la sua lezione 
poco discordi nell'insieme da quella pubblicata, ha tuttavia 
differenze notevoli di sostanza e di forma. Le prime sono 
errori storici grossolani e anacronismi che non si trovano nelle 
edizioni del Baluzio , del Burmanno e del Muratori : le altre 
accusano una latinità assai più scorretta, onde pare che nel- 
l'originale, da cui fu tratta la copia del Duchesne, una mano 
più esperta abbia cercato di migliorare la forma e di togliere 
gli errori più gravi. L'una e gli altri, però, dicono chiara- 
mente che il primo getto fu questo del ms. messinese, com- 
pilato da persona indotta e che altri più saputo cercò poi di 
migliorare con molte raddrizzature ». 

Dopo parecchie considerazioni, che qui non è il caso di ri- 
cordare e che possono leggersi nel mio citato lavoro, io ve- 
nivo alle seguenti conclusioni : 

\^ La H istoria liheraiionis Messanae o Historia de recu- 
peratione ecc., ha il suo fondamento in una tradizione genuina 
messinese, alterata e guasta col tempo, e ridotta in scrittura 
forse non prima del sec. XVI; 

2^ Di questa sono accettabili i nomi dei congiurati e la 
congiura, la gita a Mileto e le pratiche con Ruggiero; (l) 



(1) V. il ria83UQlo del couleimto nel mio oilato lavoro. Nella receulis- 
sima Oeschichte der Normannen in Unteritalien und Sicilten (Lipsia, 



Digitized by 



Google 



SULLA BBXVI8 HI8T0BU LIBEBATIOITIS VS88AVA1 291 



3^ L'originale è questo che ha per titolo : Historia de 
recuperatione SicUiae ecc., conforme forse a quello che ser- 
bavasi in Messina negli Archivii del Senato, che fu poi por- 
tato in Spagna nel 1679 e che perciò è degno di essere pub- 
blicato, non ostante i suoi errori ; 

4^ La copia del Duchesne, pubblicata dal Balu2Ìo e poi 
dal Burmanno e dal Muratori, è una trascrizione posteriore , 
fatta da chi sapeva qualche po' di storia e che scriveva in 
latino come si scriveva nel secolo XYI, ma meno peggio del- 
l'autore della Historia stessa. 

A queste mie osservazioni il Di Giovanni rispondeva so- 
stenendo : 

P Che la compilazione di questa qualsiasi scrittura è 
posteriore al Fazzello e al Maurolico, e quindi è per lo meno 
del sec. XVII ; 

2^ Che il vero originale è conforme alla copia del Du- 
chesne (che servi alle edizioni) e al God. Qq. E. 160 della 
Comunale di Palermo, e che la lezione novella del God. Are- 
naprimo è una trascrizione mal fatta con interpolazioni e 
con errori non commessi dall'autore. 

Tutto ciò il Di Giovanni fa in forma cortese, con copia di 
dottrina e con quella vasta erudizione di cose siciliane che 
tutti gli riconosciamo. 



1894) l'autore, il Dr. Lothar von Heinemann, parlando della Brevis Histo- 
ria liberalionìs Messanae, dice di non essere d'accordo con me nel credere 
derivanti dall'antica tradizione i nomi dei tre congiurati, poiché questi nomi, 
egli sentenzia» tradiscono la invenzione posteriore. (Diese Namen verrathen 
deutlich spàtere Erfindung). Debbo ricordare , poiché mi si presenta favo- 
revole l'occasione, che questa ipotesi non é mia; ma deU' Amari, come scrissi 
a pag. 3 del mio lavoro. Io non foci che accoglierla e convalidarla con 
argomenti. In ogni modo si tratta di ipotesi ali» quali si può non accon- 
ciarsi ; ma aU'autore , che del resto mostra molta conoscenza deUe fonti e 
deUa letteratura storica dei tempi presi a studiare, io mi permetto di dire 
che un'ipotesi che si poggia sopra argomenti, si combatte con altri argo- 
menti, non con una sentenza ohe ha il tono di pronunciato assoluto e in- 
disontibite. 



Digitized by 



Google 



817LLA BBIVIB HIBTOBZA LIBBBATI0HI8 lOBaAVAl 



n. 



Ho bisogno anzitutto di scagionarmi di una colpa addebi- 
tatami cortesemente; ma che mi fa apparire come noncurante 
dei consigli e dei suggerimenti del prof. Di Giovanni, di cui 
ebbi sempre stima e devozione di discepolo. E Taccusa sta 
nelle parole seguenti, stampate a pag. 29 della memoria ci- 
tata. « Io ricordo di aver detto in quella seduta nella quale 
fu letta la Introduzione del prof. Siragusa, che pur altre tra- 
scrizioni esistevano in Palermo della Brevis Historia libera-- 
tionis Messanae, e aspettavo che il prof. Siragusa ne avesse 
dato notizia e fatto discorso in qualche nota della sua pub- 
blicazione. Ma non so perchè nulla vi fu notato, con mia sor- 
presa sul proposito, e per questa ragione solamente ho cre- 
duto opportuno intrattenere altra volta questa Società ecc. » 
Ora il prof. Di Giovanni sa che quando fu letta la mia intro- 
duzione io non ero in Palermo: d'altra parte né egli, né altri 
mi avverti delle sue osservazioni. Fu soltanto dopo stampato 
il mio lavoro che Egli, scrivendomi per altra ragione a Mes- 
sina, mi avvisava che nel prossimo fase. deWArchwio Storico 
Siciliano si sarebbe pubblicata una sua nota sulla Brevis Hi-- 
storia, nella quale avrebbe dato conto dei Codd. esistenti in 
Palermo, non consentendo nel mio giudizio su quello dello 
A^renaprimo. 

È dunque evidente che io non merito il biasimo di non 
aver tenuto conto delle vedute e degli argomenti del mio mae- 
stro. Soggiungo però che alla illustrazione del ms. Àrenapri- 
mo non importava discorrere dei mss. non dissimili dalle 
stampe: importava bensì di ragionare soltanto della diversa 
lezione che offriva quello dello Arenaprimo. Per siffatta ra- 
gione tacqui, non solo dei Godici palermitani, che io da lon- 
tano non potevo né ricercare, né consultare; ma anche di 
quelli di Messina non citati dal prof. Di Giovanni. Tali sono: 
quello della Biblioteca universitaria, segnato 196, e Taltro pos- 



Digitized by 



Google 



BULLà BBIVI8 RI6T0BIA LIBBRATIORIS lOttBàXàM 298 

seduto dal mio dotto amico, Tommaso Gannizzaro, che proba- 
bilmente è anteriore a quelli di Palermo, ma non a quello del 
Barone Arenaprimo (1). 

Data notizia dei codici di Palermo, intanto, il prof. Di Gio- 
vanni fa una questione sul titolo della Brevis historia, la quale 
ebbe tre intestazioni diverse : 1** Historia de evocatione Comi- 
tis Rogerii Nortmanni ad capiendam Siciliam, nel Cod. Qq. E. 
160 della Comunale di Palermo, e nella 1' edizione del Balu- 
zio; 2® Brevis historia liberaiionis Messanae a Saracenorum 
doniinatu per comiteni Rogerium Normannum facta a Mes- 
sanensibus vocatum^ nella 2*» edizione del Baluzio, nel The- 
saurus del Burmanno e nei i2. /. S. del Muratori; 3° Historia 
de recuperatione Sicilie Regni ecc. nel Cod. Arenaprimo , in 
quello del Cannizzaro di Messina e in quello della Comunale 
di Palermo Qq. F. 4. 

Lasciando da parte per ora il terzo titolo, io domando : Cbi 
mutò e perchè mutò il primo? 0, più chiaramente: Perchè il 
Baluzio nella seconda edizione mutò il titolo della narrazione? 
Siamo ben certi che effettivamente sia stata questa la intesta- 
zione primitiva ? Coloro ohe hanno pratica di manoscritti an- 
tichi sanno come sovente i trattati siano copiati senza titolo 
intestazione alcuna, che poi una mano posteriore assume la 
cura di preporre, e non sempre convenientemente. Per fare 



(1) Il Cod. della Bib. univ. di Messina ha tre segnature, cioè: antioa, 
K. 11; moderna^ 150; reoenle, 196. É del sec. XVm ed inUtolato : EcdesiOr 
sticarum Rerum saeculi XII sintagmata. Vi sono poi varie AddiHones , 
fra le quali la Brevis historia, dui f. 239 al 247, trascritta dalla ediz. del 
Baluzio e però senza alcuna impoitanza. Il Cod. del Cannizzaro contiene 
i privilegii di Messina, a cominciare dal falso di Arcadio, sino a quelli del 
princìpio del sec. XVII, dove resta mutilo, e quindi anche la Brevis histo- 
ria, che qui, come nel Cod. Arenaprimo, è intitolata: Historia de recu- 
peratione SicUiae ec., e una Genealogia dei re di Aragona sino a Carlo V, 
quale trovasi anche nel Cod. Arenaprimo; ma che qui è continuata da altra 
mano del sec. XVIII sino a Carlo n , per varie postiUe marginali. Il Ms. 
è senza dubbio del sec. XVn e, come parmi, della prima metà. 

Areh. Star. aie. N. 8. anno XIX. 20 



Digitized by 



Google 



294 SULLA BBIVI8 USTOBIA LIBIBATIOK» HnSAtAS 

dunque una questione sul titolo, bisogna anzitutto provare che 
questo sia 9 se non dell'autore di una scrittura, almeno del- 
l'epoca sua; ciò che nel nostro caso è impossibile di dimo- 
strare. 

Quanto al terzo, poi, dato, ma non concesso che sia stato 
posteriore e amplificato, come vorrebbe 'il prof. Di Giovanni, 
io domando : Perchè amplificare ? Perchè scrivere Regno, dove 
era scrìtto Sicilia f E non soltanto nel titolo , ma sempre, in 
tutto il corso della narrazione ? Io sbaglierò forse \ ma un la- 
voro di rifazione e di interpolazione a questa maniera non so 
intenderlo davvero. In ogni modo, però, io credo che siffatta 
questione non abbia grande importanza nel nostro caso, poiché 
non può concorrere, comunque si risolva, a dar luce alla con- 
troversia intorno alla priorità di una delle due redazioni. 



III. 



Per questa abbiamo bisogno di ricorrere a ben altri argo- 
menti. Io lascio da parte tutte le sagaci osservazioni del Di 
Giovanni sul Littara, sul Bonflglio, sull'Amico, sui rapporti 
evidenti della Brevis Historia coi falsi privilegii di Messina, 
con la Praxeis ion Basileon, con le falsificazioni imputate al 
Lascari^ ec. ec, e vengo alla grave affermazione, che è come 
il perno di tutti gli argomenti , cioè-: che la Brevis Historia 
non sia apparsa prima del sec. XYII, sebbene Antonino Amico 
(m. 1641) citato dal Di Giovanni, affermi di avere ^1 Maurolico 
cavate le sue notizie « ex Anonymi Historia ms. de evocatione 
Gomitis Rogerii Normanni ». Il Di Giovanni intanto avverti be- 
nissimo la grande rassomiglianza della narrazione del Mauro- 
lieo e della Brevis Historia. Identica è infatti la tela del rac- 
conto, identici quasi tutti i particolari, e persino la forma 
delle orazioni e della narrazione e qualche errore che il Mau- 
ròlico si lasciò sfuggire. Ora, a chi fa accuratamente questo 
confronto, si affacciano tre sole ipotesi discutibili: 1% o il Mau- 



Digitized by 



Google 



SinXÀ BBI7X8 RI8T0BIA UBIBATIOVIS nSSAKAB 



rolìco stesso fti autore della Brevis historia; 2% o altri la in- 
tessè sul racconto di lui, ampliandolo e adornandolo a suo 
modo; 3<*, o la Scrittura fu anteriore a lui ed egli avutala 
sottocchio la inseri transuntandola nel suo Compendium re- 
rum Sicanicarum, seguendola molto, anzi troppo servilmente. 

Accetto gli argomenti del Di Giovanni per escludere asso- 
lutamente la prima ipotesi, la quale sarebbe assurda , anche 
perchè il Maurolico non pare presti piena fede alla storia della 
congiura ecc., tanto che, finito quello che io chiamo transunto 
della Brevis Historia, inserisce il racconto del primo giungere 
dei Normanni in Sicilia, secondo il Malaterra, dopo un « alibi 
lego ». Che altri abbia ampliato il racconto del Maurolico , - 
formandone un componimento a sé, non parmi neppure ipotesi 
accettabile, perchè allora dovremmo supporre che il Gran 
Messinese sia stato il primo e vero autore della scrittura, poi 
ampliata da altri, e imputargli un lavoro non degno di una 
mente elevata e di uno storico pregevole pei suoi tempi; quello, 
cioè, di aver dato corpo e forma letteraria a una tradizione 
che altrove mostra di non credere certa; e non soltanto rife- 
rendola, ma anche adornandola, inventando particolari, ora- 
zioni e movimento drammatico non conformi al suo carattere 
di uomo e di scrittore. Resta dunque la terza ipotesi. Data la 
grandissima rassomiglianza delle due narrazioni, che non può 
far supporre che i due scrittori abbiano attinto soltanto a una 
tradizione orale indipendentemente Tuno dall'altro; dato che 
la Brevis Historia, come ammette anche il prof. Di Giovanni, 
non possa essere stata dettata primamente dal Maurolico , è 
evidente che questi dovette avere sottocchio un esemplare 
della stessa, che fu la fonte della sua narrazione, e che perciò 
è anteriore a lui. Egli la riferi senza assnmerne responsabi- 
lità, 0, come diremmo con frase tolta in prestito al giornalismo 
moderno, per debito di cronista. 

Ma vi ha dippiù. Non solo possiamo affermare che il Mau- 
rolico abbia avuto sottocchio un esemplare della Brevis Historia; 
ma anche argomentare che questo sia stato conforme al Ck>dice 



Digitized by 



Google 



296 BULLA B1BTX8 HI8T0BIA LIBIRÀTIONIS ìOMhMàM 

Arenaprimo e non a quello che fu poi del Duchesne o a quello 
del codice Qq. E. 160 della Comunale di Palermo. Questo ai 
ricava agevolmente dai seguenti particolari. Detto della visita 
dei tre congiurati a Ruggiero in Mileto, secondo la Brevis 
Histaria, si narra che questi, udita la preghiera che i summen- 
tovati gli rivolgevano, rispose : « Fratres charissimi, firmUer 
tenete hing ad paugas dies cum divino adiutofio . , . . me iter 
facturum . . . . ec. » Ora il God. Àrenaprimo ha questa varian- 
te : « Fratres charissimi /Irmìter tenete hing ad diem xv"* cum 
divino adiutoìHo .... ec. » ; e il Maurolico scrive : « Rogerius 
se INTRA DIES 15 per littus Parme oppidi in Siciliam traiec- 
turum póllicetur (1). In altro luogo, poco dopo del precedente^ 
dove si narra della partenza del Conte Ruggiero per la Sici- 
lia, la Brevis Historia secondo la lezione del God. Àrenaprimo 
cosi si esprime: « . . . . Mille et septingenti virj ex im- 
proviso praesto fuerunt. Tunc Rogerius comes .... 
precedente vexillo crucis civitatis messanae a le- 
ga ti s commendato pritis Asummx) (sic) ponti/ice benediC" 
tione accepta, ac omnium suorum peccatorum plenaria remis^ 
sione ... .ventis Ye\a, dedit, parmam versus iter te- 
nens. Ora nelle edizioni e nel God. Qq. E. 160 della Gomu- 
nale di Palermo mancano le parole segnate in corsivo; ossia 
manca r accenno alla benedizione del Pontefice; ma il Mau- 
rolico scrive: «Rogerius mille ac septingentis pugi- 
libus collectis, Pontifids bona precatione et authoritaie 

munitiscxxm adoppidum Parmam descendisset » (2). 

Se dunque è dimostrato che il Maurolico attinse alla Bre^ 
vis historia, è dimostrato parimenti che questa fu dettata prima 
di lui, ossia non dopo del sec. XVI, e se dai rapporti sopra- 
cennati è evidente che l'esemplare di cui egli si giovò fu iden- 
tico a questo del God. Àrenaprimo e non a quello che servi 



(i) Rer. Sicanic. Comp., Messina, 1716, IH, p. dS. 
(^ Leo. eiU 



Digitized by 



Google 



fttJLtA ÉBSVÌS ÉISTOttÌA LIÈERAtlOiTIS ÌÈMBÀUtàM 29? 

alle edizioni, resta del pari dimostrato che il testo da me 
stampato è il vero originale, corretto poi da mano più esperta 
e nella sostanza e nella forma. Nò basta ancora. 

n prof. Di Giovanni conviene che Poriginale di questa scrit- 
tura « era certamente quello che esisteva nello Archivio del 
senato Messinese fino al 1679, e andò perduto in quello spo- 
gliamente di codici e saccheggio di carte fatto dal Consultore 
De Quintana nel pubblico Archivio Senatorio del Comune di 
Messina per castigo della ribellione del 1674 (1)»; ma non ri- 
corda una circostanza importantissima, cioò: che nel verbale 
di siffatta spoliazione da me citato (2), ò detto che nella cas- 
setta dal titolo: Normanni R. si trovò «un privileggio con 
r istoria della Ricuperazione di Sicilia » e che questo ap- 
punto è il titolo della scrittura di cui ci occupiamo, secondo 
il Cod. Arenaprimo (e qui ha importanza, se mai, la questione 
del titolo) diverso da quello delle edizioni e del Cod. Qq. E. 
160 della Comunale di Palermo. Se Toriginale era quello esi- 
stente nel Senato di Messina, ò certo che questo non era in- 
titolato né Breois historia liberationis Messanae ec, né Risto- 
ria de evocatione Comitis Rogerii ec; ma, Historia de recupe' 
ratione Siciliae ec, come nel Cod. Arenaprimo. 

Indipendentemente da tutto questo vi ha, però, un argo- 
mento di capitale importanza che il prof. Di Giovanni trascura 
e che a parer mio taglia corto a qualunque argomentazione. 
A pag. 3 della mia breve prefazione, descrivendo il Cod. Mes- 
sinese Arenaprimo io scrivevo queste testuali parole: «Que- 
sto (il codice) è un quinterno cartaceo di dodici fogli in quarto 
e scritto tutto di una mano del secolo XYI, mediocremente 
conservato e di cui il primo foglio è in parecchi punti cor- 
roso. Contiene ec. ». Dippiù , io intitolava la mia nota pre- 
posta alla nuova edizione della Brevis historia: « La Brevis 



(1) Memoria citata, p. 44. 

(2) Pag. la 



Digitized by 



Google 



. Sd8 SttLLÀ ^BEViS tilSllORIA tlbSBÀtlOi^IB klSSÀkAi 



Historia liberationis Messanae, secondo un ms. del sec. XVI 
del Barone Arenaprimo di Messina ». 

Di fronte ad una affermazione recisa intorno all'età del 
Codice ogni altra argomentazione cade da sé. Certo il prof. Di 
Giovanni poteva e può non prestar fede alla affermazione mia; 
poteva e può chiedermi di mostrargli questo manoscritto, e 
vedutolo dimostrare che sia di un'epoca diversa da quella da 
me creduta e convincermi dell'errore; ma poiché egli non ha 
mai veduto il ms. di cui ci occupiamo, non doveva, credo, 
passar di sopra alla notizia da me data. 

Alla curiosità legittima dello egregio prof. Di Giovanni e 
dei lettori io soddisfo dando qui un facsimile della prima pa- 
gina, dal quale chi s'intende un po' di Paleografia potrà de- 
cidere se il ms. sia del XVI o del XVII secolo. Secondo me 
non è dubbio alcuno che sia del XVI e probabilmente della 1* 
metà, poiché la Genealogia Dominorum Regum Aragoniae et 
Siciliae , che nel ms. occupa tre pagine dal f. 9 recto al 10 
recto, in seguito alla Historia de Recuperatione, e che é della 
stessa mano, (si noti bene) finisce con queste testuali parole : 
« Quo fernando mortuo successit Carolus eius nepos qui post 
regni successionem adeptus est per electionem sacram Imperii 
coronam qui in presentiarum currenti anno 1549 sancte et ut 
iustissimus Imperator gubernat». 



VI. 



Con questa dimostrazione io potrei chiudere le mie osser- 
vazioni; ma non posso non soffermarmi brevemente su due 
appunti fattimi dal prof. Di Giovanni. 

Per dimostrare il mio assunto; cioè, che l'originale vero 
della Brevis Historia sia questo del ms. messinese, io ne po- 
nevo a riscontro il principio, secondo le due lezioni, le quali 
sono le seguenti: 



Digitized by 



Google 



SbLLÀ talViS tbBTÒftlA LlbEBAtlOltlS «OBSSÀlTAl 209 

Secondo U ms. Messinese Are- Secondo la Ediz. del BcUuzio 
naprimo. ecc. 

Adamantino scribenda es- Adamantino scribenda es- 

sent stylo, smaraldinis atque sent stylo smaragdìs atque in 

in tabulis aureis, que per no- tabulis aureis, que per tres no- 

bilissimos tres messanenses biles Messanenses nostra tem- 

equites nostra tempestate gè- pestate gesta fuere. Quorum 

sta fuere. Quorum strenuitate strenuitate ac sagacitate ìnge- 

nostrum Siciliae regnum tot nio atque viribus duce Rogerio 

annis ab infldelibus subiuga- Comite recuperata extitisse li- 

tum : eorum sagacitate ingenio quet. 
atque viribus duce Rogerio co- 
mite recuperatum extitit. 

Dicevo che il primo getto, secondo me, era stato questo del 
ms. messinese compilato da persona indotta e che altri più 
saputo cercò poi di migliorare con molte raddrizzature, poiché 
pareami inammissibile il supposto inverso, che l'originale sia 
il più corretto e che poi un trascrittore l'abbia guastato nella 
forma e deturpato di errori grossolani. Basterebbe, soggiun- 
gevo, il confronto del breve tratto notato dianzi a dimostrar 
questo, poiché é evidente che volendosi correggere le parole 
« nostrum Siciliae regnum .... recuperatum extitit » che sa- 
rebbero un anacronismo impossibile in uno scrittore del se- 
colo XI, si dà luogo ad una forma strana che rende oscuro 
il concetto. 

Ora il prof. Di Giovanni osserva : « Il prof. Siragusa, a 
dimostrare la superiorità della lezione del Codice Arenaprimo, 
mette a riscontro il cominciamento della Historia secondo la 
lezione del Baluzio, che é la stessa del God. palermitano Qq. 
E. 160, con la lezione del God. messinese ora pubblicato, e 
conchiude dal parallelo che l'originale testo sia questo del 
ms. messinese, e che essendosi voluto correggere da mano 
esperta r anacronismo del SicUiae regnum, molto grossolano 



Digitized by 



Google 



eoo SULLA Bnxrhs tìlSTORÌÀ LIBERATIoiriS kB88AlrAX 

per una scrittura supposta del sec. XI, si diede luogo nella 
lezione del Baluzio ad una forma strana, che rende oscuro il 
concetto. Se non che il passo della lezione del Baluzio messo 
in parallelo non fu riportato intero, perocché il prof. Siragusa 
si stette alla lezione scorretta del codice Àrenaprimo, e da 
ciò il suo giudizio di preferenza. Ora i due passi paralleli 
come si leggono nel testo Àrenaprimo, e come nel testo del 
Codice Palermitano corrono invece cosi : » E qui riporta i due 
passi sopracitati con tre errori, dei quali, due sono del Cod. 
Qq. E. 160 {Adamantio per Adamantino e recuperatam per 
recuperata) ed uno certamente di stampa {trecentos per du- 
centos); ma aggiunge in entrambi il periodo seguente con qual- 
che altro errore di stampa {cuntata per cunta\ che secondo 
me nò mette né toglie, e che é perfettamente identico nelle 
due lezioni, nella forma seguente: 

« Quin ymo {par. imo) orthodoxa Christiana fldes per du- 
centos et triginta fere annos jam mortua suscitata floret, li- 
bertas bonaque cuncta atque honor siculis concessa sunt » 
dopo di che il prof. Di Giovanni segue dicendo: «Il passo del 
codice palermitano è netto e chiaro poiché fa di soggetto la 
orthodoxa Christiana fldes, quando il Sicilia^ regnum tot annis 
ab infidelibus subiugaium intromesso nella lezione del Codice 
Arenaprimo, confonde il senso e rompe l'andamento del pe- 
riodo in cui entrano due soggetti, il SicUiae regnimi, e Tor- 
thodoxa Christiana fèdes, e il quorum e Yeorum con evidente 
interpolazione ». 

Non ho bisogno di notare che io non volli mai dimostrare 
la superiorità; ma soltanto la originalità della lezione Arena- 
primo, la quale invece dissi la più scorretta; ma mi si con- 
senta che a persuadermi del ragionamento dell'egregio prof. 
Di Giovanni, io rifaccia per conto mio un po' di analisi delle 
proposizioni sopracitate. Trovo nella lezione del testo messi- 
nese: 1% « Que per tres pobiles messanenses equites gesta 
fuere scribenda essent adamantino stylo > ; 2*>, « No- 
strum Siciliae Regnum recuperatum extitit», e mi pare 



Digitized by 



Google 



értTtXA BRl^ ÀSTOfclA tl^EttATtOiTtS 1ÌSB8A3ril 8Ó1 

che il senso corra perfettamente. Invece nelle edizioni e nel 
Cod. palermitano trovo : 1<^, « Que per tres nobiles messanen- 

ses gesta fuere scribenda essent adamantino stylo » ; 

2^ ? recuperata (o recuperatam) extitisse liquet ». Quale 

è il soggetto di « extitisse liquet » ? Potrebbe essere lo stesso 
della proposizione precedente, cioè : « Que per tres ec. ? » No, 
in verun caso, perchè accettandosi la lezione (recuperatam) 
del Cod. palermitano, come ha stampato il prof. Di Giovanni, 
vi sarebbe sconcordanza di genere e di numero, e ritenendo 
quella delle edizioni {recuperata) ve ne sarebbe una di senso, 
poiché non avrebbe senso una proposizione che dovrebbe tra- 
dursi così : € Ciò che fu operato da tre nobili messinesi .... 
è manifesto essere stato ricuperato. » Ma, dice Pegregio prof. 
Di Giovanni che il testo del codice palermitano è netto e chiaro 
perche fa di soggetto la « Orthodoxa Christiana fldes ». Sog- 
getto, si , dico io , ma di una delle proposizioni del secondo 
periodo che il Di Giovanni ha aggiunto, accusandomi di avere 
dato il testo incompleto, e che è perfettamente identico nelle 
due lezioni; soggetto precisamente del verbo « floret >. In que- 
sto secondo periodo il senso è chiarissimo, ed ogni verbo 

ha il suo soggetto : « Orthodoxa Christiana fldes floret »; 

libertas bonaque cuncta atque honor concessa sunt ». 

La questione sta nei soggetti del primo periodo, separato dal 
secondo da un « quin imo » ; o più precisamente, come dissi, 
nel soggetto del verbo « extitisse liquet » del testo palermi- 
tano e delle edizioni, il quale soggetto o manca, o è il « Que 
per tres nobiles gesta fuere » nel quale caso abbiamo , come 
dissi allora, una forma strana che rende oscuro il concetto; 
ciò che non è nel testo messinese : « Nostrum Siciliae regnum 
recuperatum extitit». Ma il « regnum Siciliae» sa- 
rebbe un anacronismo impossibile in uno scrittore del sec. XI, 
come vuol farsi credere Fautore della scrittura di cui ci oc- 
cupiamo, ed ecco, unica ipotesi ammissibile, secondo me, il cor- 
rettore che sopprime il Regnum Siciliae, senza accorgersi che 
il seaso resta oscuro e la sintassi errata. Il « quorum » e 



Digitized by 



Google 



302 StLLÀ HbsVIB dlSTOtlIA LI6KBÀTIOMI8 wuakKÀM 

V « eorum » danno una forma brutta, una specie di ripetizione 
inutile, come quella che i poco esperti nelle lettere sogliono 
fare quando scrivono, p. e. « Egli me lo disse a me » non una 
vera sgrammaticatura. 

É una questione piccina, lo vedo ; ma poiché il mio illustre 
maestro cortesemente mi accusa di non aver capito il senso 
del testo e quasi quasi di una piccola frode, nel non avere ri- 
portato i due tratti per intero, non dovevo io esercitare il mio 
dritto di legittima difesa? 



V. 



Quanto all'altro appunto io mi limito a un semplice schia- 
rimento. Il prof. Di Giovanni ritiene che il « Nerio Onofrio » 
sottoscritto nella «Historia de recuperatone > che io dissi 
credere piuttosto autore che copista sia stato certamente co- 
pista, e poi che « Onofrio » sia piuttosto cognome che nome, 
si perchè nel cod. è scritto con iniziale minuscola, come i co- 
gnomi «de pactis» e «camulia» e si perchè nel sec. XVII 
non manca qualche altro « Honufrius » uomo di lettere e au- 
tore di cose stampate in quel tempo. 

Intorno a tale argomento io avevo scrìtto queste semplici 
parole : « In fine della Cronaca nel ms. messinese è il nome 
di un Onofrio Nerio, che si dice scriptor e che io credo au- 
tore e non copista, perchè le altre due scritture del piccolo 
codice, essendo della stessa mano, parmi che se l'amanuense 
avesse voluto perpetuare il suo nome, l'avrebbe fatto in prin- 
cipio in fine del quinterno ». 

Io non ho ragione d'insistere nella mia ipotesi, e dico po- 
tersi dare benissimo che la parola scriptor qui debba avere, 
come spesso avviene nella bassa latinità, il significato di co- 
pista. Osservo però che il prof. Di Giovanni ha riportata la 
sottoscrizione in questa forma: « Deo duce — Nenus honuflrius 



Digitized by 



Google 



SttLLA BBEViS MlStORTA LTJSKRATIOÌTIS ÉtBSÀttAM SÒÌ 

scriptor — Sit demonum vittor — Aquilonius — Amen ». Questa, 
invece si legge e fu da me stampata cosi : 

deo duce 
« Nerius honofrius scriptor Sit demonum vittor » 

aquilonius 
Amen 

Il prof. Di Giovanni m'insegna che nel trascrivere da carte 
antiche non è lecito di mutare nemmanco gli errori evidenti. 
La parola « Nerius » è scritta con maiuscola non perchè sia 
nome; ma perchè è la prima della sottoscrizione, e il Codice 
messinese ha un'ortografia costante solamente nel principio 
dei periodi che cominciano tutti con maiuscola. In quanto ai 
nomi e ai cognomi non segue regola fissa. Vi leggiamo, in- 
fatti € Sanctus raynerius » e « papa Sergio » ; « nicolaus ca- 
mogla » e « Nicolaus camogla >, « Robertum regem > ec. Con- 
vengo col prof. Di Giovanni che nulla di certo possa affer- 
marsi sull'autore di questa scrittura; ma non credo si debba 
escludere assolutamente l'ipotesi che questi possa essere stato 
il Nerio Onufrio od Onofrio Nerio. 

E dopo ciò io debbo ringraziare il prof. Di Giovanni che 
mi porse l'occasione a questi nuovi studii; dopo dei quali, però, 
io non posso mutare in nulla ciò che aveva precedentemente 
affermato; né pentirmi di avere pubblicata la nuova edizione 
della € Brevis hìstoria » pigliando come testo originale quello 
del Codice Arenaprimo. 

G. B. SlRAGUSA. 



Digitized by 



Google 



FORTA. MAZZERA ^^> 



L'egregio nostro Vice Presidente Prof. Canonico Di Gio- 
vanni, colla sua non comune erudizione; ha parlato di porta 
Mazzara nel suo lavoro sulla topografia antica di Palermo, 
quindi a me non resta che aggiungere il lieve contributo di 
alcune osservazioni tecniche che ne rischiarano le vicende. 

Nell'ultimo trimestre del 1872 collaborando col rimpianto 
ingegnere sig. Enrico Naselli e coli' esimio sig. Achille Alba- 
nese, nei Nuovi annali di costruzioni, arti ed indurrle; ho 
pubblicato alcuni cenni sopra tre antiche porte di Palermo; 
cioè porta di Termini, porta S. Agata, e porta Mazzara ed 
una tavola con disegni geometrici delle medesime. 

Ivi leggesi : « Della storia di queste porte diremo breve- 
€ mente, riferendoci a ciò che ne scrisse il dottor D. Gaetano 
« Giardina in un opuscolo intitolato : Le antiche porte della 
€ citici di Palermo, pubblicato in Palermo al 1732 per cura 
« del canonico Antonino Mongitore, il quale sotto il pseudo- 
« nimo di Lipario Tiziano lo arricchì di un' aggiunta riguar- 
« dante le porte allora esistenti in Palermo, corredata di ta- 
« vole incise in rame di mediocre bulino ed insufficiente for- 
« mato. 

« Ove sì volesse precisare l'epoca in cui furono edificate, 
€ ci smarriremmo fra le ipotesi; però ci limiteremo a consta- 
« tare che^ nella sua forma attuale, porta Mazzara è decorata 



(1) Discorso approvato dal Consiglio Direttivo il 9 ma^i^gio 1894. 



Digitized by 



Google 



POETA V AZZABA 80K 



€ di UDO stemma colle armi di Aragona , e ricorrendo alla 
« storia del XIV secolo troveremo ricordato lo assedio di cui 
€ Ludovico Duca di Calabria strìngeva Palermo nel 1326, e le 
€ vane lotte impegnate per isforzare quattro delle sue porte, 
« fra cui questa : sforzi però che ridussero a tal cattivo par- 
« tito le porte assalite, da costringere re Federico III ad ab- 
« batterne parecchie per ricostruirle in miglior forma e fra 
€ queste troviamo la porta di Termini riedificata, secondo il 
€ Fazello (Dee. I, lib. 8, t 157) ed il Baronie (Cronic. di Pa- 
€ lermo) al 1328, mentre la porta di Mazzara lo fU nello stesso 
€ anno 1326 in cui era stata validamente difesa , siccome lo 
€ dimostrano le armi degli Incisa scolpite nel piccolo scudo 
« inferiore a destra : fra i quali Incisa un Federico fu Gran 
« Cancelliere perpetuo del Regno , Maestro Giustiziere e Ge- 
€ nerale perpetuo dell'Armi per privilegi reali del 1311 e 1317». 
La porta anzidetta, ridotta nella forma attuale nel 1326, fu 
munita nel 1569 dal viceré D. Francesco Fernando di Avalos 
Marchese di Pescara di un primo bastione minuscolo, come i 
primi edificati in Europa col sistema di fortificazione intro- 
dotto dai turchi. Un orecchione di questo primo baluardo spor- 
geva affianco alla porta, che rimase aperta verso la campa- 
gna sino a che non ne venne costruito un secondo tanto am- 
pio da ravvolgere il primo; opera divenuta necessaria, dopo 
i miglioramenti introdotti dal maresciallo Vauban nelle opere 
di difesa. 

Di questo secondo baluardo non possiamo precisare l'epoca 
ma desso rimonta senza dubbio al 17^ secolo, poiché somiglia 
a quelli che al 1648 sappiamo essere stati eretti a difesa del 
palazzo reale. La contigua porta di Montalto, oggi demolita, 
essendo stata aperta nel 1638, il nuovo bastione dovette sor- 
gere in pari tempo e motivarne T apertura, poiché la porta 
primitiva più non era accessibile dalla campagna. 

La demolizione del grosso bastione che copriva la Porta 
Mazzara nonché quella del baluardo più piccolo che vi si trovò 
racchiuso, a simiglianza di quelli demoliti Tanno precedente 



Digitized by 



Google 



806 POSTA MASCARA 



a porta S. Agata, permisero di investigare la porta medioe- 
vale che le aveva preceduto e la cortina ai due fianchi della 
stessa, sulla quale, pe' lavori fatti eseguire dai Municipio 
sotto la direzione del prof. Di Giovanni, comparvero da ciascun 
lato della porta due arcate a sesto acuto larghe circa 3 me- 
tri, disuguali di altezza. Lo spessore dei cunei delle arcate, di 
venti centimetri appena, e la fronte irregolare dei medesimi, 
addimostrarono che quegli archivolti erano stati tagliati e 
quindi i vani sottostanti rozzamente tompagnati. Ulteriori in- 
dagini praticate collo sgombro delle tompagnature fecero pa- 
lese che queste tompagnature erano costruite ad opera in- 
certa , di pietrame ed argilla e che non occupavano l' intero 
spessore del muro; che quegli archi non erano che la sezione 
delle volte a botte a sesto acuto che si prolungavano da una 
parte attraverso al muro per circa due metri, simili a quella 
dietro la porta principale C e dall'altra dovevano, in un tempo 
più o meno remoto, estendersi verso V esterno da B verso A 
e da B' verso A'. L'altezza della volta che copra il corpo B 
si trovò minore di quella della porta C mentre quella che co- 
pre il corpo B' è alta quasi quanto quella della porta C e 
più acuta (vedi Tav. II). 

In fondo ai due corpi suddetti si scoprirono due porticine A. 
A' larghe m. 1, 10, con archi e con vòlte a sesto acuto che 
attraversando circa un metro e mezzo di fabbrica immette- 
vano in città. Quella in A' è preceduta da un vano rettan- 
golare più stretto da parte della città, nello spessore di me- 
tri 0, 33. 

I cunei intagliati di questi archi sembrano rimontare come 
le vòlte all'epoca della porta stessa. All'impostatura di esse 
un filare di grossi cunei incastrati a muro da un estremo e 
sporgenti dall'altro per circa 30 centimetri sulle pareti, sot- 
tostanti, sorregge gli altri cunei della vòlta. Dalla parte in- 
terna del muro vedesi a sinistra un incavo alto non più di 
due metri X 2. 27 X 1- 34 evidentemente praticato più tardi 
per collocarvi un cannone di piccolo calibro. 



Digitized by 



Google 



POSTA MAZZAXA 807 



Oltre a ciò veggonsi sulla parete interna tracce di una 
scaletta pensile, che partendo da tre metri e mezzo dal suolo 
si prolungava sino al ballatoio che sporge sopra l'arco della 
porta, ove è sostenuto da 2 mensoloni di pietra e da questo pie- 
gando in senso inverso, veggonsi i gradini che salivano verso 
B sviluppandosi sulla parete esterna del muro, sopra la porta. 

Da tutti questi elementi venghiamo a dedurre che ai due 
fianchi della porta in ÀA' due ambienti BB', probabilmente 
destinati a corpi di guardia, si prolungavano entro due torri 
che si avanzavano ai fianchi della medesima; torri di cui la 
sporgenza ci è ignota poiché nello scavare il fossato innanzi 
le cortine, allorché vi si aggiunsero i primi bastioni, scompar- 
vero le fondazioni, rimanendo soltanto le tracce dei tagli pra- 
ticati sulla parete esterna del muro. 

La porta colle due torri ci presenta un insieme di fabbri- 
cato lungo ben 17 metri e mezzo, rivestito di grossi cunei da 
parte della città e nella risvolta che si distacca dalla cortina 
ancora esistente a destra. Le scalette di cui abbiamo additato 
le tracce servivano probabilmente ad accedere alla seconda 
elevazione delle torri che dominavano le cortine. 

Che la porta fosse rìncassata allo estemo fra due corpi 
sporgenti lo dimostra altresì Tarchivolto della porta medesima 
di cui la sagoma esterna resta tagliata in piedi, dalla risvolta 
di un fabbricato che evidentemente sporgeva su ciascun fianco 
di essa. 

Ora questo taglio rimonta air epoca della ricostruzione 
fatta da Federico di Aragona verso il principio del XIV se- 
colo, air epoca in cui vi fu sovrapposto il primo bastione 
al 1569 dal viceré Marchese di Pescara? Noi siamo di parere 
che quest'opera non debba attribuirsi al primo periodo, ma al 
secondo. Al posto occupato dalle torri risegate furono difatti 
tompagnate le vòlte con fabbrica ad opera incerta murata 
con sola argilla, mentre sull'estradasso delle vòlte risegate fu 
continuata la muratura allo esterno con piccoli cunei squa- 
drati di epoca più recente e ripristinata la sagoma sporgente 



Digitized by 



Google 



308 POSTA MAUARÀ 



che ricorreva sul resto della cortina sotto il parapetto ; moda- 
natura che viene interrotta sopra la porta centrale ove il muro 
sorpassa l'altezza della cortina. 

L'opera di risarcimento di Federico d'Aragona non poteva, 
per quanto affrettata , limitarsi ad un tompagnamento cosi 
poco efficace che avrebbe ceduto al primo urto di una cata- 
pulta, e ciò mentre si aveva il tempo e la cura di decorare di 
uno stemma la parete che s'innalzava sulla porta. E invece più 
probabile che costruendosi il primo bastione, siccome le torri 
esistite sino allora intercettavano i fuochi dei bassi fianchi 
dietro gli orecchioni, queste venissero sgombrate e tompagnati 
alla meglio i vani lasciati dalla demolizione delle medesime; 
vani che del resto erano coperti dal nuovo bastione eretto. 

A sinistra della porta nella parete esterna della cortina, a 
circa 20 metri dalla medesima, erasi praticato un buco, attra- 
verso al quale vedovasi una scaletta per la quale si accedeva 
sulla cortina. L'ingresso alla medesima dovrebbe trovarsi nella 
superficie interna delia cortina oggi mascherata da un me- 
schinissimo magazzino triangolare dipendente dal casermaggio 
militare. 

Sarebbe opportuno intendersela col Demanio per estendere 
la demolizione sino all'ex monastero degli Olivetani onde met- 
tere a nudo questa cortina prolungandovi la ferrata di cui 
in atto fu sospesa in quel sito la costruzione ; ferrata dovuta 
alle vive raccomandazioni del Commendatore nostro vice pre- 
sidente canonico Di Giovanni che tanto si occupa dello studio 
dei nostri monumenti; e destinata a sottrarre questo storico 
ricordo all' uso poco decoroso al quale i monelli tuttora lo 
adoperano per essersi demolito il muro provvisorio che da quel 
lato impediva lo accesso. 



Enricx) Salbmi, Arch. 



Digitized by 



Google 



LA CHIESA DELL'ANNUNZIATA A PORTA S- GIORGIO 

IN PALERMO (1) 



La Chiesa deir Annunziata Pùrtce Sancii Georgii è ben 
nota nelle nostre storie per l' uccisione che vi avvenne' il giorno 
8 settembre del 1517 di Giovan Luca Squarcialupo e di alcuni 
suoi compagni 9 per mano di nobili palermitani che presero 
sopra loro l'impresa di spegnere con la morte del capo quella 
grave ribellione , consenziente il viceré Pignatelli , e condotti 
dal Capitano della città, Guglielmo Ventimiglia. Il Fazello, 
che allora giovane fu testimonio della sollevazione guidata 
dallo Squarcialupo, siccome egli stesso dice, narra minutamente 
il sanguinoso fatto avvenuto molto vicino al convento, nel quale 
il Fazello da frate domenicano dimorava; e ci fa sapere che 
« venuto il giorno della natività della Vergine Maria, lo Squar- 
cialupo, Alfonso Rosa, e Cristofaro Benedetti congiurati, e forse 
600 uomini della plebe, vennero anchora Guielmo Vintimiglia, 
Francesco e Nicolò Bononii, Pompilio Imperatore, Alfonso Sa- 
ladino, r Imbonetto, l'Afflitto, e gli altri di questa fattione 
(congiurata contro lo Squarcialupo). Costoro mentre aspetta- 
vano gli altri gentilhuomini, e l' altro popolo a consiglio, fra 
Iacopo Cribello Caccamese dell'ordine di San Domenico che 
stava in Santa Zita, andò all'altare per dir messa. I congiu- 



<1) Lavoro approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del giorno 
6 giugno 1894. 

Arck. ^w. Sie. N. S. anno XIX. 21 



Digitized by 



Google 



310 LA 0HIB8A dell'annunziata A PORTA S. GIORGIO IN PALSBMO 

rati (dello Squarcialupo) stavano appoggiati alla colonna, che 
è da man destra vicino all' altare, e poco lontano stava Guiel- 
mo (il Ventimiglia) con gli altri confederati. Il sacerdote non 
aveva quasi cominciata la messa, che Guielmo dato il cenno, 
invitò i compagni al fatto d'arme». E dice che furono «am- 
mazzati in Chiesa» con lo Squarcialupo, Cristoforo Benedetti 
e Alfonso Rosa; e che « incontraronsi per la strada, alla Chiesa 
di S. Pietro Martire (era presso la chiesa del Monistero di 
Valverde) con Vincenzo Rizza fabro e plebeo, uno de' congiu- 
rati (dello Squarcialupo), il quale subito ammazzarono (1)». 
La narrazione è cosi precisa nel designare il luogo del radu- 
namento, dei congiurati' dello Squarcialupo, che fu il chiostro, 
e il luogo del fatto d'arme che fu la Chiesa, e proprio presso 
la colonna « che è da man destra vicino all' altare », che non 
si avrebbe dovuto mai pensare che in quel tempo già fossero 
esistite due chiese, l' una contigua all' altra , col titolo stesso 
dell' Annunziata Portae Sancii Georgiij e che il truce fatto 
fosse avvenuto nella chiesa più antica, e non nella chiesa 
tutt'ora esistente, sul cui prospetto è scolpita la data 1501^ 
anteriore di sedici anni alla uccisione dello Squarcialupo. Il 
Fazello non seppe di un'altra chiesa dell'Annunziata in quel 
luogo; e la indicazione del chiostro onde si accedeva in chiesa 
proprio da quel lato dove è la colonna indicata, e la vicinanza 
dell'antica porta del Convento di Santa Cita, donde usci il frate 
a celebrare la messa, alla porta o del prospetto, o del fianco 
settentrionale della Chiesa presente dell'Annunziata; ci dicono 
che della Chiesa attuale, e non di altra chiesa dell'Annunciata 
scriveva il grande storico. Né don Vincenzo Di Giovanni, che 
scrisse un vent'anni dopo il Fazello, fa sospettare, riferendo 
il fatto dello Squarcialupo, che la chiesa, dove i nobili con- 
giurati ammazzavano il capo della sollevazione, sia stata di- 



(1) V. Dee. II, 1. 10, trad. di fra Remigio Fiorentino, f. 904-906, Ve- 
nezia, 1574. 



Digitized by 



Google 



LA 0HIX8A DILL*A1V1IUVZIATÀ A POBTA 9. GI0B6I0 Ut PAUBMO 311 



versa dalla chiesa presente dell'Annunziata «ove, dice appunto, 
fti ucciso Squarcialupo insieme coi suoi seguaci » (1)^ Il primo 
fra i nostri scrittori che abbia creduto a una chiesa più an- 
tica col titolo dell' Annunciata de Pòrta Sancii Georgii, alla 
quale succedeva col titolo stesso dell'Annunziata la presente 
Chiesa, sul cui prospetto è scolpita la data 1501 , si che se- 
condo questo avviso la Chiesa antica dovette allora restare 
abolita, e non poteva trovarsi aperta al culto nel 1517, fu il 
Cannizzaro : il quale scriveva nel primo trentennio del secolo 
XVII la sua opera, restata inedita, de Religione Panormi, oggi 
conservata nella Biblioteca Comunale di Palermo (Qq, E, 36), 
e servita di fonte con la precedente operetta di Valerio Ros- 
so (2), e con V altra dello Zamparrone (3) , al Manganante e 
al Mongitore per le loro grandi opere sulle Chiese, Monasteri, 
Conventi, Confraternite etc. di Palermo, ancora non pubblicate, 
e chi sa quando potranno vedere la luce con le tante pere- 
grine notizie storiche che vi si contengono. Il Cannizzaro per- 
tanto afferma che la nuova Chiesa fu costruita nel 1501 dal 
Senato palermitano (e non è vero), « secus claustra ex alio la- 
tere hujus Ecclesiae (la chiesa antica o vecchia) >. E bastò questa 
asserzione del Cannizzaro a fare scrivere indi al Mongitore, 
che la Chiesa dell'Annunziata, fondata secondo lo stesso Can- 
nizzaro nel 1345, e nominata nel ruolo dei tonni del 1399 e 
del 1439, « non è quella che al presente si vede , ma altra 
oggi disfatta, che era ove è oggi il Refettorio dei fanciulli 
dispersi, ed aveva il suo frontespizio nella pubblica strada di 
rincontro alla Chiesa di S. Zita» (4). La fede prestata dal 
Mongitore al Cannizzaro fu tale che non gli fece considerare 



(1) V. Palermo restaurato, v. I, p. 266, v. n, p. 142, Palermo 1879. 

(2) Descrittùme di MH i luoghi sacri della Città di Palermo. Ms. Qq. 
D. 4 della Biblici. Comunale di Palermo. 

(3) Memorie delle Chiese di Palermo. Ms. Qq. F. 16, E 26 nella Bi- 
blioteca Comunale di Palermo. 

(4) V. ms. Qq, E, 9, nella Bibl. Comun. di Palermo, f. 12 e sgg. 



Digitized by 



Google 



312 UL 0HI18À DILL'aHKITKZIATA a posta 8. OIOBGIO IH PAUUIIO 

che cadeva in grande errore sulla topografia del luogo, avendo 
egli stesso, il Mongitore, scritto, che «nel 1438 la Confrater- 
nita di San Pietro de Bagnara cesse un pezzo del suo giardino, 
che dalla chiesa di San Pietro (andava) alla Porta di S. Giorgio 
e Chiesa di S. Zita, al Senato di Palermo, affine di ampliarsi 
il piano di questa Confraternita (cioè, dell'Annunziata), per 
atto rogato da Not. Nicolò Maniscalco a 20 marzo 1438 (f. 13)». 
Il piano ampliato nel 1438 tuttavia esiste al fianco settentrio- 
nale della Chiesa presente dell' Annunziata , e non ci ha che 
fare il Refettorio de' fanciulli dispersi, è la Porta antica che 
oggi si vede innanzi la chiesa di S. Zita (la quale chiesa pre- 
sente di S. Zita non è quella che esisteva nel 1438, più su 
verso la Porta di S. Giorgio) con la porta del secolo XIV che 
dà sul piano predetto; il quale già si diceva piano innanzi di 
Santa Cita (1) nel 1509 (planum ante Sanctam Zitam); né la 
Porta antica, che è oggi Porta del Conservatorio del Buon 
Pastore, fu in origine, dove oggi si trova. Intanto le parole 
del Mongitore furono accolte e ripetute dal Yillabianca e dal 
cav. Palermo, e cosi è venuta fino a noi la creduta esistenza 
di una chiesa antica dell'Annunziata, sita dove oggi è l'en- 
trata al Conservatorio del Buon Pastore, indi disfatta^ si che 
nel 1618 era detta chiesa vecchia; alla quale succedette nel 
1501 la presente Chiesa dell' Annunziata , o per lo meno ne 
prese il nome , dopo l' avvenimento dello Squarcialupo , cioè 
dopo il 1517. Il quale avviso non so con quale fondamento è 
stato pur di un nostro illustre storico recente, quantunque e 
il Mongitore e il Villabianca e il Palermo siano tutti di ac- 
cordo, quanto al fatto dello Squarcialupo, a ritenerlo avvenuto 
nella chiesa presente dell'Annunziata, e non già nell'altra 
Chiesa più antica e distrutta^ secondo il loro credere: tantoché 
il Mongitore, vedendo un po' confuso nelle date il Cannizzaro, 
fU costretto a notare che « inciampa in grosso errore, perchè 



(1) V. ms. Repertorio degli AtH delV Archivio Qomun, nella Bibliot 
Comunale, segn. Qq, E, 15. 



Digitized by 



Google 



La OttnSA DILL'jUfHtTRZiATA A t>OtlTA 8. GtokeiO IH PALIbMo 



la congiura ed uccisione de' congiurati fu fatta a 8 settembre 
del 1517, e la nuova Chiesa fu fatta sedici anni avanti nel 
1501, sicché la Chiesa dal Senato nuovamente eretta fu questa 
della congiura». Né diversamente notò il Villabianca, pur 
credendo a una chiesa vecchia ed estinta deir Annunziata, e 
ritenendo la presente chiesa niu>va e fabbricata dal Senato 
nel 1501 ; aggiungendo : « è memorabile questa chiesa per li 
fatti strepitosi in istoria sicula, operati in essa dal fu Giovan 
Luca Squarcialupo, exsenator di Palermo, nel 1517, sotto il 
Viceré Ettore Pignatelli Duca di Monteleone » (1). 

Onofrio Manganante, che scriveva dopo il Gannizzaro, e 
ra(;coglieva copioso materiale di notizie in più volumi mss. 
intitolati Sacro Teatro Palefvnitano etc, e conservati nella 
Gomunale (segn. Qq, D. 16), ritenne anch' egli che l'antica 
chiesa delP Annunziata, nominata nel Ruolo de' pesci del 1399, 
non sia la Chiesa presente, la quale porta nel prospetto Tanno 
1501, ma altra distrutta; e la cui Porta sarebbe stata «la 
Porteria nella strada pubblica in fronte li scalini della chiesa 
nova di S. Zita». Ma, a compenso di questo equivoco, ci la- 
sciò notizie preziose, più che non fece il troppo secco Valerio 
Rosso , deir antico chiostro ; dicendo della Chiesa presente 
« conserva ancora per la sua antichità il chiostro tutto d' in- 
torno intorno a due colonnette marmoree alla salamuna, e 
sopra li capitelli di ciascuno arco in uno V angelo et nell'altro 
la SS. Vergine genuflessa in atto di orazione » (segno eviden- 
tissimo che il chiostro predetto sia sempre appartenuto a una 
chiesa dell'Annunziata; e intanto fu altro di quello apparte- 
nuto alla chiesa detta vecchia, e cieduta anche dal Manga- 
nante, dell'Annunciata). In questo chiostro si vedono, segue 
a scrivere il Manganante, dipinta al muro in pintura antica 
tutta la passione di N. S. Giesù Xro, et in chiascheduoo mi- 
sterio sono scritte a lettere antiche Longobarde le rappresen- 



(1) V. Palermo d oggigiorno, v. I, p. 326-27, PaL 1879. 



Digitized by 



Google 



! • . . 

314 LA OHliSSA bBLL'AKNÙNZlATÀ A POR^A A. GIOBOIO ÌS PÀLS&ÉO 

tazioni di detto misterio. Si vede ancora in detto chiostro un 
altare di N. Sig.ra M. la Nunciata dipinta alla tela del muro 
della Chiesa nova Pan. 1564 (1). Al corno dell'epistola un tu- 
molo di pietra nel quale scritta a pennello cosi trovo, bensì 

per r antichità disfatte e guaste » E riferisce le parole 

sopravanzate con la data 1529, con altri due epitaffli, uno in 
lingua spagnuola di Giov. Rodriquez de Àlvares spagnolo te- 
nente del castello de la Licata, dell' anno 1591 , e V altro in 
latino di Agostino Berretta, posti a pie dell' altare predetto. 
Credette intanto il Manganante , dimenticando l' angelo e 
la Vergine genuflessa dei capitelli dell'atrio antico, apparte- 
nuti secondo lui alla chiesa presente detta dell'Annunciata, 
che r antica Chiesa scomparve e fu ridotta a Refettorio della 
Casa dei Fanciulli dispersi, ma ne prese il nome l' altra Chiesa 
pur antica, e nominata nel Ruolo de' pesci del 1399, cioè la 
chiesa de' SS. Filippo e Giacomo, divenuta la chiesa nova 
dell' Annunciata : e ciò « perchè si vedono le mura della detta 
Chiesa (cioè, della Chiesa presente) essere antiche come quelle 
della Chiesa vecchia, e la finestra (nella quale è scolpito l'an- 
no 1501) esser moderna ». Lo scrittore del Sacro Teatro Pur- 
lermitano, etc, fu sulla via di trovare che una sola è stata 
la chiesa dell'Annunciata Portae Sancii Georgii^ quantunque 
nella concessione del 1618 fatta ai Deputati della Casa pe' 
Fanciulli dispersi, si noti fra le altre stanze, e contisi un loco, 
ut dicitur, della chiesa vecchia; ma deviò per la ignoranza 
di uno strumento del 1498, e diede una spiegazione al rovescio 
della intitolazione delle due Chiese tanto vicine ed esistenti 
contemporaneamente nel secolo XIV. Un primo equivoco portò 



(1) Si vede tuttavia questo dipinto circoudato dalle mezze figure dei do- 
dici Apostoli nella seconda stanza della sacrestia presente, e proprio nella 
tela del muro meridionale della chiesa, al quale si dovevano addossare 
gli archi dell'atrio sostenuti dalle colonnine alla ScUumuna , ora murati, 
o dislrulti per le nuovo fabbriche posteriori al secolo XVII, e per la ridu- 
zione del locale a giardinetto del Conservatorio di musica. 



Digitized by 



Google 



ÌA OtìnSSA btiLL'AHinmSiTATA A POBTA 9. OIORGtO M PALlBBltO 315 



altri errori di fatto nel Manganante, come il ritenere porta 
dell' antica chiesa dell' Annunciata la Porteria nella strada 
pubblica in fronte li scalini « della Chiesa nuova di S. Zita », 
e che la cappella Sanctce Annce^ nominata nel Ruolo de' pesci 
del 1399 « intus Ecclesiam Nunciat^ìe Portae Sancti Georgii » 
fu già nella Chiesa vecchia ; quando la cappella prefdetta tut- 
tavia esiste nella Chiesa presente, come vi esisteva nel 1399, 
non essendo stata toccata nelle novità che si fecero in essa 
Chiesa dal 1498 al 1501. Molto prudentemente l'Inveges non 
disse nuova nel suo Palermo Sacro questa Chiesa, bensì la 
dice € antica chiesa di S. Maria della Nunziata », quando nota 
che nel 1617 ad essa « s' aggiunse la Pia Casa dei poveri e 
necessitosi fanciulli dispersi (t. II, f. 45) ». 

Ora abbiamo fatti e documenti che tolgono ogni equìvoco, 
e fanno cadere del tutto la supposizione di una chiesa antica 
dell'Annunziata già distrutta, e occupata dal Refettorio della 
Casa de' Fanciulli dispersi nel 1618; e cosi smentiscono la 
creduta fondazione della Chiesa presente nel 1501 , in altro 
sito che non era la Chiesa della Nunciata PoìHae Sancti Georgii 
nel 1399. 

Il Cannizzaro nota : « Anno 1345^ fuit fundata haec Eccle- 
sia Annuntiationis S. Mariae»(l). Io non ho veduto lo strumento 



(1) In un documento di re Martino del 1400, ora pubblicato dal can. 
Giuseppe Beccaria, si dice che la chiesa di Santa Maria [de Nunciata era 
stata « sub juro patronatus Masi di Rusello •, e possessa < per quoudam 
predbitcruin loJovicuiu de polito, cui « ut asserilur, dieta Ecclesia ftiorat con- 
cessa » ; e che per Ij rebellione di Masi Rusello , e per la uiorlo del pre- 
sbitero de polito, il diritto di patronato di quella Ghi«»sa enx devoluto alla 
corona. V. Spigolature della vita privata di Re Martino in Sicilia, p. 71. 
Pai. 1894. 

Non avendo a mano il documento citato dal Cannizzaro, perchè non 
rho potuto trovare nelFArchivio della Gliicsa, nel quale fu visto dal Can- 
nizzaro, resta incerto se la Chiesa fu fondata da privata persona, o da com- 
pagnia religiosa, come io credo più probabile. Di più il documento del 
Cannizzaro, anche con la data del giorno della fondazione, farebbe esistere 



Digitized by 



Google 



oÌ6 tsA 0BIB8A DBLL'aKHÙKZIATA A PORTA B. OIOBOIO HI PAtBUO 



di questa fondazione del 1345 ; ma è certissimo che la Chiesa 
predetta esisteva sulla fine di quel secolo XIY, stantecbè è 
nominata nel Quaterntcs continens pisces sive Tunnos debitos et 
exkiberi consuetos... annis singulis in peìyetuum etc. Leggen- 
dovisi € Pro Ecclesia Sanctae Mariae de Nunciata portae Sancti 
Georgii » ; e « prò Ecclesia Sancti Philippi et Jacobi Phi- 
lippe Oglisi intus Nunciatam portae Sancti Georgii» (1). Nel 
quale Qìmtemus sono pur nominate con la chiesa dell'Annun- 
ciata, la € Ecclesiae Sanctorum 40 Martyrum de porta Sancti 
Georgii », e la « Ecclesiae Sancti Lucae (o Sanctae Lticiae) 
de Porta Sancti Georgii » ; e non vi è nominata la « Ecclesia 
Sanctae Citae » perchè appartenente fino al 1428 agli eredi 
di Michele Trentino, che la fondava verso la metà del secolo 
XIV presso la Porta di San Giorgio col suo Spedale per la 
nazione Lucchese; Chiesa ed Ospedale passati appunto nel 1428 
ai frati di S. Domenico. La quale Chiesa antica di S. Gita 
stava presso l'angolo settentrionale della chiesa dell' Annun- 
ciata; difaccia alla chiesa di S. Luca, poi dopo il 1576 detta 
di S. Giorgio de' Genovesi. Dalla parte dentro Città della 
Porta di San Giorgio, a pochi passi l'una dall'altra, stavano 
adunque nella seconda metà del secolo XIY, prima la chiesa 
di S. Maria del Monastero di Valverde nominata fin da' se- 
coli XII e XIII (1118, 1269, 1304), poi la Chiesa di Santa Cita 
dal lato di occidente, quella di San Luca da oriente, e la no- 
stra dell'Annunciata dal lato sud-est con la chiesa di S. Fi- 
lippo e Giacomo dentro il recinto delle sue fabbriche. Dal 1458 
in poi si distese tra Santa Cita a San Luca, sul lato setten- 



la Chiesa ben prima del 1400, presso al quale anno la fa fondare il docu- 
mento di Re Martino. Con altri studi potrà meglio chiarirsi questo punto 
di discussione sulla fondazione della nostra Chiesa , che per me esistette 
sotto gli Aragonesi Federico e Ludovico , prima che venisse Re Martino 
in Sicilia. 

(1) Vedi questo QìJuUernus nel volume II, p. 81, della nostra Topogror 
fia antica di Palermo etc. Paler. 1889-90. 



Digitized by 



Google 



Là. oàatBk DBUi'ANlfUJlZiAtA A POBTA 8. ÒlOB(}IO IK t^ALERMO 317 

trioDale della chiesa deirAnnuncìata, un piano ben largo ot- 
tenuto col pezzo di giardino conceduto al Senato dalla confra- 
ternita di San Pietro la Bagnara, a fine di allargare il pic- 
colo piano che vi esisteva, tanto che fu dichiarato dal Senato 
nel 1509 (1), che quel piano era di proprietà della Città o della 
Università ; ed è il piano stesso che tuttavia esiste sul fianco 
settentrionale della chiesa della Nunciata, e dinanzi alla chiesa 
di S. Giorgio e all'Ospedale militare di Santa Cita, succeduto 
alla Chiesa antica e al convento del 1428. Onde è che il Can- 
nizzaro medesimo che credette a una chiesa più antica della 
Nunziata distrutta o abolita dopo il 1501, dovette far notare 
« spatium illud ingens quod est ante portam lateris higus Ec- 
clesiae, quae remansit^ fuit de parte viridarii Sancti Petri de 
Balnearia » ; non accorgendosi che se la porta della Chiesa 
presente di quel lato « remansit »; né potè ritenerla dell'epoca 
della porta maggiore del 1501 ; non reggeva più la sua opi- 
nione che la Chiesa antica dell'Annunziata era stata distrutta, 
quando fu conceduto il «loco, ut dicitur, della chiesa vecchiai^y 
all'opera de' fanciulli dispersi nel 1617-18. Se quel lato della 
Chiesa presente esisteva nel 1448 (2), quando i Confrati poterono 



(1) Ved. Repei'torio delle cose della città di Palermo etc. an. 4,508, 
ms. della Bibliot. Comunale segnato Qq, E, 15. 

(2) Quando «i eresse su quel lato della chiesa la Cappella di San Frati' 
Cesco, oggi deìV Addolorata, fu chiusa una delle finestre del secolo XIV, 
siccome tuttavia si vede. Nel lato opposto, dietro a cui era il chiostro, 
oggi è la Cappella del Crocifisso; ma vi fu già il quadro antico della Mor- 
donna della Grazia, ancora esistente dentro la sacrestia^ che io credo opera 
del secolo XV; si che le due Cappelle sono posteriori al 1845, e probabil- 
mimte furono fatte dopo il 1501. Non si vedono più da questo lato della 
Cappella di Sant'Anna, e di questa del Crocifisso, le pitture che adornavano 
la soffitta ; ma sei dei quadri che rappresentano Sante Vergini nostre, e io 
direi di mano di Tommaso de Vigilia , si trovano ora coUocato, dopo che 
caddero dall'alto, nella sacrestia, per cura del rev. p. Pandolfini Rettore della 
Chiesa, che li salvò da certa rovina. £ bisognerebbero essere ristorati, cosi 
come il quadro della Madonna della Grazia, e cosi come tutta la soffitta 



Digitized by 



Google 



él8 LÀ OttllBA DBLL'AllHUR2lAtA A l>OBTA 8. OlOBOlO ÌÉ PALBkMÒ 



allungare il piano col terreno conceduto air uopo dalla Con- 
fraternita di S. Pietro la Bagnara; né ci ha da fare la cre- 
duta Chiesa antica delP Annunciata , che sarebbe stata assai 
più giù a mezzogiorno, col vastissimo atrio a colonnine inter- 
posto fra le due chiese, e senza trovarsi sul piano che venne 
allargato per domanda dei confrati e per beneficio concordato 
dal Senato della Città, alla quale sempre appartenne; esso è 
senza dubbio un lato della Chiesa del 1345 e del 1399, inti- 
tolata de la Nunciata Portai Sancii Georgii, e posta quasi di 
contro alla porta dell'antica Chiesa di Santa Cita, eh* era al- 
lora, e vi durò fino al nostro secolo l'intaglio degli stipiti, in 
prospetto alla Chiesa di San Luca ora di San Giorgio. Che 
quel muro con le sue finestre, e la Porta a sesto acuto, e 
fatto di cocci dello stesso taglio usato nell'epoca aragonese (1), 
non sia affatto dell'epoca stessa del prospetto presente della 
Chiesa, sul quale si legge Tanno 1501, e dell'angolo che da 
occidente volge a settentrione ; è ben chiaro a chi ne osserva 
e la costruzione e lo stile architettonico, e senza alcuna dif- 
ficoltà gl'intendenti lo riferiscono al secolo XIV. Ma toglie 
ogni dubbio e rassoda pienamente il nostro assunto, cioè che 
la. Chiesa presente dell' Annunciata sia la Chiesa stessa esi- 
stente nei secoli XIY e XV, e indi dal 1501 a noi, senza che 
altra ivi ne fosse esistita con lo stesso titolo, uno strumento 
pubblico del 4 marzo 1497, pubblicato dal eh. M.r Gioacchino 
di Marzo fra i Documenti della sua dotta opera / Gagini e la 
scultura in Sicilia nei Sec. XV e XVI etc. voi. Il, doc. N. Ili, 
(Paler. 1883). Per questo strumento un Maestro Gabriele de 
Roma, cittadino palermitano, si obbligava ai magnifici rettori 
della Venerabile Confraternita di Santa Maria la Nunciata di 



dipinta della nave maggiore, per la ristorazione della quale fa fatta l'im- 
paloatura da più di dieci a ani or 8ono> e fin* oggi non si è messa mano 
all'opera, cui dovrebbe provvedere il Governo. 

(i) É da notare clie dentro la chiesa sull'arco maggiore si vede lo 
stemma Aragonese; il i|uale non avrebbe avuto luogo noi 1501. 



Digitized by 



Google 



LÀ CHIUSA DSLL^AKMtN^IÀTA À TORtA S. QIOIIgIO IN t>AÌXBHO éÌ9 



Palermo, di costruire e fare bene et magistraMter le seguenti 
fabbriche, cioè : « Et primo faciatam totam diete Ecclesie di 
xugheri intagliati et assectati, cum la cantonera di petra mo- 
lara intagliata per oppositum sancte Gite, de calce et arena, 
et ex parte incerrati ipsius maragmatis faciate de lapide ru- 
stico abbuccato cum petra rupta. Quod quidem maragma sit 
et esse debeat largitudinis palmorum trium , ad omnes et 
singulas expensas ipsius obligati, prò tarenis viginti sex prò 
qualibet canna maragmatis. Pro cantonera vero petre molare 
habere debeat dictus obligatus illud precium, ut dicitur, chi 
spindirà, seu allura havirà spisu, di lu preczu di musuni ad 
petra mulara — Item facere et construere supra portam diete 
ecclesie lu ochu si ve di squarra tantum grossu nec minus, 
et construere et facere et fabricare arcus tresdecim, videlicet 
quinque prò qualibet alia, et tres prò aperturis ecclesie , di 
terzu puntu, cum la larghicza et alticza chi respundirà la tra- 
xuni di li culonni, et irgiri li culonni di marmerà cum li ca- 
pitelli... Item quod tota quantitas lapidis murati diete ecclesie 
diruendorum et fundamentorum sit et esse debeat diti obligati 
ad opus illam ponendi in dictis maragmatibus. Item quod dic- 
tus obligatus faciat fundamentum muri diete faciate... calce 
et arena ad omnes expensas dicti obligati precio tarenorum 
XXVIl prò canna, et si opus fuerit facere fundamenta marag- 
matibus di li archi, teneatur dictus obligatus illa facere ad 
omnes expensas diete ecclesie. Item quod teneatur diruere ma- 
ragmata voterà diruenda. Item quod maragma janue magne 
faciate diete ecclesie mensurari debeat de vano : verum dictus 
magister quod teneatur ut dicitur assestari li marmori di la 
dieta porta, venendo li predicti marmori infra lu tempu di li 
dicti maragmi, et non aliter.... )► 

Questo importantissimo documento ci mette innanzi agli 
occhi tutto quello che di nuove costruzioni fu fatto tra il 1497 
e 1501, nella chiesa dell' Annunciata, la quale anziché essere 
stata altra Chiesa fabbricata di nuovo nel 1501 , ovvero una 
qualsiasi Chiesa antica, a credere del La Lumia, che prese il 



Digitized by 



Google 



àio LÀ QÉXSBA DKLL^AHKanZtATA k tK>klA 6. OìOftOtO tìf PALC&ìèo 

nome delF Annunziata dopo il 1517 , restò sempre la stessa 
Chiesa che la Gonfratria usò fin dal 1345, sul cui lato set- 
tentrionale, non toccato nelle novità a fare convenute nel 1497, 
si era allargato il piano nel 1445, cinquantadue anni innanzi, 
che fosse costruita da Maestro Gabriele de Roma la nuova 
facciata con la cantonera in faccia a Santa Gita, e co' nuovi 
archi interni ed altre opere designate nello strumento riferito: 
cose tutte che chi vuole può riscontrare sul luogo, tranne che 
aXVocchio della convenzione fu sostituito da una finestra marmo- 
rea elegantissima, corrispondente alla porta. Né pare che la 
Ghiesa sia stata pur toccata dall'altro lato di mezzogiorno, ch'era 
il lato del chiostro (I), nel quale si radunarono i congiurati dello 
Squarcialupo la mattina deirs Sett. 1517: tanto che pur il 
campanile fino a certa altezza si vede non murato colla fac- 
ciata del 1501, e di fabbrica più antica, che si assomiglia al 
muro settentrionale e alle absidi esterne della Chiesa; all'una 
delle quali absidi da mezzogiorno fu addossata una fabbrica 
composta di materiali antichi, con qualche coccio anche lavo- 
rato, forse del secolo XIV o XV. 

Ora nell'atrio o chiostro a colonnine, detto vastissimo da 
Valerio Rosso nel 1590, e ritenuto molto antico, con una ima- 
gine della Nunciata « antiquissima > al dire del Rosso; e con 
i misteri della passione dipinti al muro « a pinture antiche > 
secondo dice il Manganante ; e con tumuli ed epitaffli del pri- 
mo ventennio del secolo XVI; fu appunto sulla fine del se- 
colo XIV la € Ecclesia Sancti Philipp! et Jacobi Philippi Oglisi 
intus Nunciatam portae Sancti Georgii», con lo Spedale che 
vi esisteva nel 1421, giusta lo strumento notarile veduto dal 
Villabianca, cioè, un testamento di Riccardo di CoUesano del 
29 Giugno 1421 esistente fra gli Atti del Notar Giovanni Fran- 
eesco di Palermo. Non sappiamo quando mancarono la Ghiesa 



(1) Tranne ohe fu chiusa la porta ch'era vicina aUa colonna della nave 
maggiore, più prossima ali* Altare, come la indica il FazeUo ; e mi pare 
essere stata trasferita più giù, quando si costrusse la presente Sacrestia, 



Digitized by 



Google 



tk OKOBk JaUs^AMmUZtAtk A PORTA 8. «lOBQIO UT FAUiMO S21 

predetta di S. Filippo e Giacomo, e Io Spedale, (e potrebbe 
sapersi con una paziente ricerca sulle carte dell'archivio della 
Nunziata); ma Tantico Chiostro, chiamato anche Cortile^ e il 
loco della chiesa vecchia^ durarono fino al Manganante, e fino 
alla concessione che se ne fece alla Casa de' fanciulli dispersi 
nel 1616, 1618, siccome si rileva da una Relazione siU Conserva- 
torio del Buon Pastore^ conservata nel volume miscellaneo se- 
gnato 1. 9, F. 231, n. 53,54, della Biblioteca Comunale di Pa- 
lermo. Nella quale Relazione riguardante le nuove fabbriche 
che si fecero nella Casa dei fanciulli dispersi dopo il 1618, 
si dice che in quel tempo era ivi un luogo detto ancora delia 
chiesa vecchia^ che aveva il suo Baglio (atrio, o cortile), cosi 
come ne aveva un altro la chiesa nxuìva (cioè la Nunziata 
presente) ; e vi si nota che « a questa nuova Chiesa erano 
vicino alla muraglia nella parte interiore di detto altro Baglio 
molti archetti di pietra e di calce, quali andavano ad incon- 
trare il Portone che attualmente (nel secolo XVII), esiste ed 
introduce in detto Baglio ed archi >. Vi si dice pure che la 
Chiesa vecchia col suo Baglio, Giardinetto, stanze ed altro, 
furono concedute all'opera dei fanciulli dispersi per lo zelo 
del Viceré Conte di Castro, ma la Chiesa nuova e suo Baglio 
« furono lasciati a comune uso tanto delli detti figliuoli, quanto 
delli detti Confrati della Regia Confraternita dell'Annunziata )►. 
Pertanto^ «i Deputati delli figliuoli dispersi fabbricarono stanze 
nella linea retta del muro contiguo al Portone esistente >, ed 
altre nuove fabbriche s'intendevano fare «avvicinandosi vieppiù 
al detto Portone », quando fu convenuto fra' Deputati predetti 
e i Confrati dell'Annunziata, che : « Quando mai essi Deputati 
volessero avvalersi della linea di detto muro per fabbricare, 
che conduce al Portone, in questo caso la Confraternita ossia 
i Rettori pretendono sotto gli archi esistenti fabbricare pei 
servizio della Chiesa, restando a comune uso il Baglio e la 
Chiesa, come sempre è stato costume giusta la concessione ». 
Infatti la Confraternita chiuse gli archi esistenti riducendoli 
«a Sagrestia e a Camera di Deputazione », abolendo l'antica Sa- 



Digitized by 



Google 



S22 Là OHnSi BBLL'AHHONZIÀTA a porta S. OIORGIO IK PALSfiXO 

crestia che fu convertita « a case di loero )►, e alla Casa de^ 
Dispersi fti permesso di fabbricare un magazzino « incomin- 
ciando dal muro del fine degP archi dì linea retta sino al Por- 
tone, e questo Portone da demolirsi e farne porta di detto 
magazzino, ove presentemente esiste il Portone, dovendo al- 
zarsi detto magazzino sino al piano della nuova Camera da 
formarsi sopra detta Camera di Deputazione : come pure la 
Confraternita non possa sopra detto magazzir^o fabricare, do- 
vendo restar libera, ed il Portone presente trasportarsi di linea 
retta, e farsi in quella parte che volevano la Casa i figliuoli 
dispersi, senza però uscir fuori di linea, e ciò per essere detto 
Portone in centro per ordine e simmetria del Baglio, e le case 
terrane che si trovano esistenti di detta linea retta del Por- 
tone, si possano alzare senza però uscir di linea, con che il 
muro di detto Portone da situarsi possa alzarsi ad uguaglianza 
al vecchio da demolirsi , siccome le case che si trovano ter- 
rane, con che sempre deve restare libero il Baglio a comune 
uso, come sempre è stato ». E questa Relazione non discorda 
punto dalla concessione del 1618, nella quale pur si legge che 
si concedeva : « locus ille Regiae Ecclesiae Sanctae Mariae 
Nunciatae prope Portam Sancti Georgii, cum stantiis, seu Cor- 
tile, quae sunt in dieta Ecclesia », si che i Protectores et Ma-- 
gistri de' fanciulli dispersi « in aliis stantiis et loco , ut dici- 
tur, della chiesa vecchia^ et in ilio Cortile, possint ad libitum 
aediflcare quaecunque alia aediflcia etc. » così come è già pur 
detto nelle Lettere Osservatoriali, cioè : locus ille Regiae Ec- 
clesiae Annunciatae una cum Balio, cortile, stantiis, et aliis in 
eo existentibus, concedatur dictis pueris » (1). 

Abbiamo in queste innovazioni spiegata la scomparsa del 
vasto Chiostro delP Annunciata, e come sia nata la supposi- 
zione che la chiesa vecchia sia stata l'antica chiesa dell' An- 



(1) V. Costituzioni del Conservatorio del Buon Pastore d£ figliuoli 
dispersi etc. Introd. documenti, p. 49 e seg., Palermo, 1748. 



Digitized by 



Google 



LA OHISSA DILrAHVUIfZTATA A lOBTA 8. GIORGIO IN PALIBMO 



nunziata, e che il Portone oggi in faccia alla chiesa presente 
di S. Gita sia stato la Porta di queirantica Chiesa detta nella 
concessione del 1617 lo « loco della chiesa vecchia^ ; la quale 
il Mongitore, aggiungendo del suo, disse avere avuto appunto 
il frontespizio sulla pubblica strada di rincontro alla chiesa 
di S. Zita^ cioè alla chiesa attuale di S. Zita, cominciata in 
sito diverso dell'antica (in faccia a cui era la chiesa dell'An- 
nunciata «per oppositum, Sanctae Citae», siccome ben si rileva 
dallo strumento del 1497) negli ultimi anni del secolo XVII, e 
compita del tutto nel 1781. 

Ma che la Porta d' antico intaglio, chiamata Portone del 
Baglio nella Relazione sopra connata, e trasferita nel sito 
dove oggi si trova, cioè in faccia alla chiesa presente di S. Gita, 
non poteva mai essere stata porta di una chiesa deirAnnun- 
ciata, sarebbe stato invero sufficiente a dimostrarlo il tondo 
scudetto intagliato nel centro della cornice di essa Porta 
con la figura àélV Agnits Dei; insegna o stemma di tutt'altro 
ediflzio che di una chiesa dell' Annunciata , e specialmente 
della chiesa dell' Annunciata Portae Sancii Georgii, il cui 
stemma dipinto sopra uno stipite di legno del secolo XV, e 
ora collocato nella fascia sotto il soffitto nel lato sinistro della 
chiesa, è quello stesso che nel 1501 fu scolpito nell'architrave 
della nuova porta marmorea ancora esistente , cioè un Vaso 
con fiori tramezzo all'Angiolo e alla Vergine Annunciata ; si 
che il Cav. Palermo notò diligentemente sulla sua Guida dei 
1816 cho sull'architrave della porta di marmo < da una parte 
vi è la Vergine Santissima in ginocchioni e dall'altra l'An- 
gelo Gabriele, e nel centro lo stemma dell' arciconfraternita, 
un Vaso cioè con fiori [Guida cit., p. 314) » (1). Quanto poi 
alle due chiese indicate in quel luogo dal Ruolo de' tonni 



(1) Anche un Vaso con fiore chiuso e gigli è scolpito a pie della figu- 
rina dell' Annunziata suUa fronte del sarcofago di Federico di Antiochia 
del 1805, esistente nella Cripta deUa Cattedrale. 



Digitized by 



Google 



824 LA CBI18A DVIL'ARHUITZIATA a porta 8. GIORGIO Uff PALIBVO 

del 1399 e 1438, il Manganante ritenendo la chiesa detta vec^ 
chia nel 1618 essere stata la chiesa dell'Annunciata, usci del- 
rimbarazzo dando per la « Ecclesia Sancti Philippi et Jacobi » 
la chiesa presente dell'Annunciata; la quale avrebbe preso il 
titolo della Chiesa disfatta , al cui avviso pare essersi acco- 
stato il La Lumia; ma il Mongitore, stando fermo che la Chiesa 
presente dell' Annunciata sia stata una Chiesa nuova^ stante 
essere nominata nella Concessione del 1618 il « loco della 
c\i\^%di vecchia », pensò meglio a negare una chiesa di S. Filippo e 
Giacomo, dicendo che dovett' essere piuttosto una cappella del- 
Tantica Chiesa. Al quale avviso contradice recisamente il Ruolo 
o Quaternus del 1399, nel quale la «Ecclesia Sancti Philippi 
et Jacobi Philippi Oglisi » è distinta del tutto dalle cappelle 
della chiesa dell' Annunciata, tanto che per questa « Ecclesia 
Sancti Philippi et Jacobi » abbiamo e la indicazione topogra- 
fica come per la Chiesa della Nunciata, cioè : « intus Nuncia- 
tum Portae Sancti Georgii », e di più l' altra indicazione di 
proprietà, cioè « Philippi Oglisi » ; quando per la cappella di 
Sant' Anna è detto : « prò Cappella Sanctae Annae intus ec- 
clesìam Nunciatae Portae Sancti Georgii ». La indicazione 
« intus Nunciatum Portae Sancti Georgii » vale dentro il re- 
cinto delle fabbriche della Nunciata; e 1' «intus ecclesiara Nun- 
ciatae » vale dentro la chiesa della Nunciata ; siccome sono 
tutte le Cappelle d'una Chiesa; quando noti si è vista né si 
vede una Chiesa dentro un'altra Chiesa, come sarebbe stato 
l'avviso del Mongitore. L'atrio, o Chiostro o Cortile della 
Nunciata, antico e vastissimo secondo le parole di Valerio 
Rosso e del Manganante, poteva bene contenere un'altra Chiesa, 
siccome le contennero altri Chiostri di nostri Monasteri e Con- 
venti ben noti; e però dentro il grande Chiostro e compresa 
nel recinto delle fabbriche della Nunciata « intus Nunciatam », 
fu appunto la « Ecclesia Sancti Philippi et Jacobi » del 1399, 
indi detta lo « loco della Chiesa vecchia » nella concessione 
e nelle Lettere Osservatoriali del 1618. 

Se la Chiesa nominata nel Quatemics del 1399 «Ecclesia 



Digitized by 



Google 



LÀ 0HIB8À Dn.L'AltKimzIATA A PORTA 8. GIOBOIO IN PALERMO 825 



Sancte Maria Nunciate porte Sancti Georgii » è senza ombra 
di alcun dubbio la chiesa tuttavia esistente dell'Annunciata 
presso Porta San Giorgio, la « Ecclesia Sancti Philippi et Ja- 
cobi intus Nunciatam portae Sancti Georgii » nominata nello 
stesso Quatemus del 1399, fu pur senza dubbio quella, i cui 
avanzi nel 1618 erano indicati come il loco della chiesa vec- 
chia^ esistenti appunto dentro il recinto dell'Annunciata, « intus 
Nunciatam », siccome era la chiesa predetta negli ultimi anni 
del secolo XIV. 

Quanto poi alla Porta antica trasferita dal suo sito pri- 
mitivo dove oggi si trova a fare da Portone della Casa de' 
fanciulli dispersi o del Buon Pastore, non possiamo dire per 
difetto di documenti se fu in origine la porta per la quale 
si entrava nel grande Atrio o Chiostro della Nunciata, dove 
si tenevano pur radunanze religiose e si predicava; o se 
fu la porta dell'Ospedale del 1421, nel quale poterono essere 
convertite le case di Filippo Oglisi, a cui apparteneva nel 1399 
la chiesa di S. Filippo e Giacomo. Solamente è certo che nel 
secolo XVII era portone del Cortile, e che non fu mai porta 
di una chiesa dell'Annunziata, siccome dimostra lo stemma 
che vi è scolpito. 

L'Agnello del tondo o scudetto accenna veramente, più che a 
stemma di famiglia privata, a insegna di una casa Ospitaliera, 
e a San Giovanni patrono pe' suoi Cavalieri di tutti gli Ospe- 
dali antichi; quantunque VAgniLS Dei si trovi anche scolpito, 
quale primissimo simbolo cristiano, in molti ediflzii religiosi 
e profani del medio evo fino al Rinascimento, e servi di or- 
namentazione ai centri delle volte acute fino al secolo XV, e 
si portò inciso negli anelli preziosi, e si tenne come oggetto 
di arte di orificeria nel cinquecento e più tardi. Due famiglie, 
l'Agnello e la Pasquale, fiorite nel secolo XV anche in Pa- 
lermo, ebbero ad impresa di casato l'Agnello o V Agnus Deij 
ma nulla ho potuto sapere delle relazioni possibili tra l'im- 
presa a stemma delle due famiglie citate, e il tondo scolpito con 
VAgntis del portone ora del Conservatorio dei Dispersi. Si 

Arch. Stor. Sic. N. S. anno XIX. 22 



Digitized by 



Google 



826 LA CHIESA DBLL'aNNUKZIATA a porta 8. GIORGIO IN PALIiRIIO 

trova pure l'Agnello chiuso in un quadrato dentro l'arco di 
una delle antiche finestre, ora interna, della torre del palazzo 
del conte Federico, che sulla fine del secolo XVI fu di Scri- 
gno, siccome nota Don Vincenzo Di Giovanni nel suo Po/er- 
mo restaurato : ma io non so dire né manco, almeno per ora, 
che relazione ci sia o no tra l'uno e 1' altro stemma, o sim- 
bolo, della porta del Conservatorio del Buon Pastore, che io 
credo della prima metà del secolo XV, e la finestra del Pa- 
lazzo Federico, che potrebb' essere anche un po' più antica, 
attesi certi fregi che risentono dell' ornamentazione de' mu- 
saici, e i gigli che corrono nella parte inferiore di un resto 
di cornice, a centro acuto. 

La Porta Sancti Georgii^ già nominata nel 1194, chiuse 
con le sue mura sin dal secolo XII, testimonio Ugone Fal- 
cando, il grande e popoloso Quartiere transpapiretico , nel 
quale fin dal secolo X erano le colonie commercianti di ter- 
raferma, italiane e levantine, donde appunto ebbe nome di 
Haraias Saqalibah, o quartiere degli Schiavoni, detto da Ibn 
Hawqal; indi sotto i Normanni Seralcadi^ per la sede che vi 
ebbe il Cadi o Gaito e il palazzo che vi fu della Gaitia, e poi 
per corruzione popolare del nome arabo (Sqlbh) detto Civalcari 
e Cilibaccari fino al secolo passato, sulla fine del quale 
ripigliava, io credo, l'antico nome romano di Caputa oggi Capo, 
che si trova in qualche scrittura del secolo XIV, come nel 
titolo della chiesa di Sant'Anna in Capite^ conformemente alle 
denominazioni di vie e di chiese di Roma, che ebbe pure il 
suo Caput Suhurrae, Caput Africa^ etc. (1). 

La Porta di San Giorgio, per la quale si andava all'antica 
chiesetta che esistette sulla marina dove ora è il Porto ed il 
molo di Palermo, e diede riposo alla Regina Gostanza di Ara- 



{i) Vedi la nostra Memoria, Il Quartiere degli Schiavoni in Palermo 
nel secolo X etc nella To-pografia antica di Palermo dal sec, Xal XV, 
voi. I, p. 383 e seg. Palermo 1889. 



Digitized by 



Google 



Ul 0HIB8A DILL'AimUNZIATA ▲ POBTA 8. GIORGIO 19 PALIBMO S27 



gona venuta co' suoi due figli Giacomo e Federico (1), fti 
molto frequentata, quantunque i giardini esterni giungessero 
da quella parte anche nel secolo XIV fin quasi sotto le mura 
. della città ; e i cittadini palermitani del medio ceto che eri- 
gevano lì presso a queir antica Porta sulla metà del secolo 
XIV una chiesa dell'Annunciata, negli anni stessi che un cento 
metri avanti sulla stessa strada altri confrati vi alzavano la 
chiesa di S. Pietro Martire (1342), non vollero far di meno 
delle due chiese, de' Pisani, i SS. 40 Martiri, e de' Lucchesi, 
la S. Cita, poste nella stessa Ruga di Porta S. Giorgio : sic- 
come più tardi sulla fine del secolo XVI vinsero tutti i Ge- 
novesi, riducendo l'antica chiesa di S. Luca, a quel miracolo 
di arte che è la chiesa presente di S. Giorgio de' Genovesi 
(1576), sul piano stesso che nel 1445 fu comune alla chiesa 
di S. Cita ed alla nostra chiesa della Nunciata del secolo XIV. 
La quale, oltre i dipinti del chiostro, ebbe decorato il soffitto 
di pitture sacre e di larghi ornati da Tommaso de Vigilia 
nel 1493, pochi anni innanzi che Maestro Gabriele de Roma 
collocasse sulle colonne della sua nave maggiore gli stupendi 
capitelli delle Sibille, pari in arte alle più belle opere sculto- 
rie che abbia l' Italia di quel tempo ; e contemporaneamente 
che Jacopo Migele detto Gerardo da Pisa vi dipingeva il bel- 
lissimo trittico della Cappella di Sant'Anna, e altro ignoto pit- 
tore vi lasciava la tavola della Madonna della Grazia, oggi 
conservata nella sacrestia e bisognevole di pronto restauro: 
stante essere per la sua antichità un dipinto di molto pregio, 
e a mio credere della prima metà del secolo XV; forse com- 
pagna all'altra della Annunciata nel chiostro, che Valerio Rosso 
nel 1590 diceva molto antica. 

Sarebbe ora a rintracciare quello che ancora potjesse per 
caso sopravanzare delle colonnine e degli archi dell'antico 



(1) MoNTANBR, Cronaca Catalina, C. XCVII — in Di Giovanni , Cro- 
nache Siciliane etc, p. 283, Bologna 1865. 



Digitized by 



Google 



828 LA 0HIK8A DXLL'aKKUMZIATA A POBTA 8. GIORGIO IN PALIBHO 

chiostro, non dico delle pitture, fra le fabbriche della stessa 
chiesa e della Casa del Conservatorio del Buon Pastore ; e 
dopo questo breve studio che ho potuto fare, qualunque siasi^ 
sulla storia della chiesa, tanto celebre pel fatto dello Squar- 
cialupo, mi auguro che qualcuno della nostra Società si ado- 
peri in tali ricerche (1). 

4 Aprile, 94. 

Vincenzo Di Giovanni 



(i) Ho consultato l'archivio della chiosa dell'Annunziata, nel quale sono 
libri di rendite e di enfiteusi sin dal 1482, ma nessun Registro di spese o 
di opere fatte mi é riuscito di trovare finora. 



Digitized by 



Google 



CONTRIBUTO 



ALLA 



STORIA BELLA E. MIVEESITl DI PALERMO (*) 



Antico Socio di qtcesta benemerita Società per la stoìHa 
patria y sin dalla sua fondazione ^ oggi per la prima volta 
prendo a ragionare innanzi così eletto uditoHo. L'argomento 
intorno al quale v* intrattengo riguarda la nostra Università 
degli Studi. 

Inaugurando gli studi universitOcri nelV anno 187 8-^79 
tolsi a tema : V Università di Palermo e il suo passato. liei 
1888 pubblicai La R. Accademia degli studii di Palermo, nar- 
razione storica, nella giuile, toccando degli studii superiori 
nella nostra città sin dal secolo XV^ narrai le vicende della 
nostra R. Accademia da' suoi inizii fino al 1805 , quando 
ebbe dignità e nome di Università. 

Né mi sono arrestato a raccogliere materia e documenti 
per la storia dal 1805 in avanti. I capitoli che oggi vi leg- 
gerò , trattano della ongine e degli insegnanti delle cattedre 
di diritto civile, di procedura civile, di diritto e procedura 
penale, di medicina forense, di diritto nautico e commerciale. 

€Tm storia di una Università — io scriveva nel 1888 — è 
grande parte della storia della civiltà e della letteratura di 
un paese. Il pensiero che si agita nel mondo contemporaneo, 
le nuove dottrine in ogni ramo dell' umano sapere, le ricet^- 
che sperimentali, si studiano, si discutono, si eseguono nelle 
scuole universitarie, e da giuste si diffonde il sapere nel po- 
polo, penetrano le dottrine nel foro, e le investigazioni scien- 
tifiche si applicano negli opifici con immensa utilità delle arti^ 
delle industrie e dei commerci. » 



(t) Approvato dal Consiglio Direttivo il dì 4 loglio 1894. 



Digitized by 



Google 



Qr 330 GOKTBlbUTO ALLA BTOBIA DELLA It. tJNlVBBSlTA Di t>ALEBltO 

Nuove Cattedre 
erette nel 1841 nella facoltà di giurisprudenza. 

I^ cattedre del novello diritto si decretano nel 181 (), ma non si fondano— 
Raffronto con le altre Università del Regno — La opinione pnbblica — 
De Gontreras j Castiglia — Commissione di pubblica istruzione — Si 
fondano nel 1841. 

Pubblicatosi nel maggio 1819 il Codice per il regno delle 
Due Sicilie, diviso in cinque parti : Leggi civili^ leggi penali, 
leggi di procedm^a civile^ leggi di procedura penale^ leggi di 
eccezione per gli affaldi di commercio, era ben naturale 
che nelle Università del Regno si fondassero gli appositi inse- 
gnamenti per avviare gli studiosi al novello diritto. 

L'Università di Napoli n' era stata provveduta sin dal 1816. 
essendosi ivi i nuovi Codici introdotti da' Francesi. La facoltà 
di giurisprudenza aveva l* e 2* cattedra d'Istituzioni del di- 
ritto, i trattati legali, il diritto criminale e procedura crimi- 
nale, il diritto commerciale e marittimo, la procedura civile 
e arte del notaio, il diritto di natura e delle genti, V economia 
pubblica. 

Furono anche introdotte in parte le cattedre pei nuovi co- 
dici nella Università di Catania, e più tardi in quella di Mes- 
sina che nel 1838 risorgeva a nuova vita. 

Quella di Catania comprendeva: I. pandette; 2. codice ci- 
vile col confronto delle leggi romane; 3. procedura civile; 
4. codice e procedura penale; 5. istituzioni civili; 6. economia 
civile e agricoltura; 7. diritto di natura ed etica; 8. diritto 
canonico. 

Quella di Messina abbracciava: 1. diritto romano e pan- 
dette; 2. codice e procedura civile; 3. codice e procedura 
penale ; 4. diritto nautico e commerciale ; 5. diritto di natura 
ed etica; 6. diritto canonico (1). 



(1) V. Regolamento per le tre Università di Sicilia, art. 68, (19, 70. 



Digitized by 



Google 



OOHTBIBXTTO ALLA STORIA DELLA R. TTNIVERSItX DI PALERMO 331 



' In quella di Palermo sin dal 1819 fu ordinato s'istituissero 
gli insegnamenti del diritto del regno, ossia del diritto civile (1), 
della procedura civile e della procedura penale (2) , e della 
medicina legale (3). Ma quelle disposizioni rimasero vane per 
difetto di mezzi. 

Nel 1840 la facoltà di giurisprudenza di Palermo aveva 
cinque insegnamenti: 1. codice e pandette; 2. istituzioni civili; 
3. etica e diritto di natura; 4. economia civile e commercio; 
5. diritto canonico che faceva pur parte della facoltà teologica; 
i quali insegnamenti erano antichi: anzi ce n'era uno di meno, 
il diritto pubblico siciliano, che fu soppresso dopo la morte 
deir illustre Rosario Gregorio. 

La più povera era quindi la palermitana. 

La opinione pubblica ne reclamò. Nel 1830 il De Con- 
treras, nei suoi discorsi sopra argomenti di pubblica utilità, 
scriveva essere necessario che oltre le cattedre deir antico di- 
ritto, il quale può considerarsi come la base e il fondamento 
del nuovo, altre se ne istituissero che abbiano per oggetto To- 
dierna giurisprudenza, ossia il diritto civile, la procedura civile, 
il diritto e la procedura penale, aggiungendovi^ anche il diritto 
commerciale, e V amministrativo che fu proposto nel 1829 dal 
duca di San Martino nel Consiglio Provinciale (4). 

Corsero dieci anni e la facoltà di giurisprudenza non si 
accrebbe fino al 1840 di una sola cattedra. Quindi Benedetto 
Castiglia dando conto nel giornale La Ruota degli studi legali 
nell'Università propose le riforme che stimava più opportuno, 
ed erano: «tórre quanto riguarda la storia del diritto, sia ge- 
nerale sia particolare, al più all'una e air altra, se vuoisi e se 
puossi, come intendo essersi (atto in Germania — destinarsi 



(1) Rescritto 10 novembre 1819. 

(2) Rescritto 10 luglio e 10 novembre 1819. 
(3; Rescritto i5 settembre 1819. 

(4) Db Ck)NTRERAS, Dello sialo cdluaUi rlclìa R, UniversUà degli stadi, 
Mi discorsi Sopra vari oggetti di pubblica utilità, Palermo, 1830. 



Digitized by 



Google 



332 OOKTfilBtJTO ALLA STORIA DELLA R. tTNlVERSIlX DI PALERMO 



cattedre distinte (1), attenersi ai fatti e al testo dei codici no- 
stri attuali ; — assegnare una cattedra alla esposizione della 
teoria, che sovraneggia, e delle massime che comprendono e 
svolgono la filosofia del diritto, riguardata nella più alta gene- 
ralità e nelle specialità delle leggi, dei procedimenti e della 
disciplina sì criminale che civile ; darne tre altre air applica- 
zione di quei principii sulla peculiarità del testo dei Codici, e 
la prima al diritto civile, la seconda alla procedura e alle di- 
scipline che la governano, e un'ultima infine al Codice e alla 
procedura penale. Ecco la riforma che abbisogna » (2). 

Intanto nel 1838 il Governo ordinò che esponesse ciascun 
professore le condizioni presenti della sua scuola, e proponesse 
i miglioramenti e le riforme che meglio stimasse convenienti 
ai bisogni del paese e allo stato attuale del sapere, e volle 
che i Collegi discutessero quei rapporti e ne dessero parere. 

Vi fu nella facoltà legale chi propose la istituzione delle 
cattedre di diritto civile e del Codice e della procedura pe- 
nale (3), cattedre da tempo stabilite ma rimaste per lunghi 
anni desiderate. 

Il presidente della Commissione di Pubblica Istruzione ed 
Educazione M/ Balsamo, rassegnando al Luogotenente Generale 
con nota 7 novembre 1839 i regolamenti provvisorii per le 
tre Università di Sicilia, scriveva: « Sono da aggiungersi in Pa- 
lermo specialmente le cattedre del nuovo codice (codice civile, 
procedura civile, codice e procedura penale), che non hanno 
ancora potuto aver luogo ». 

E più giù aggiungeva: « Opina poi la Commissione doversi 
in Catania abolire come superflua la cattedra delle istituzioni 



(1) Oggi si hanno due cattedre, V una per la storia del diritto romano, 
r altra per la storia del diritto italiano. 

(2) Vedi Studi legali, nella Ruota, giornale per la Sicilia, anno I, nu- 
meri 6, 7, 8. 

(3) Pietro Sampolo , professore interino di Codice e pandette. Vedi 
studi legali, articoli di B. Casti^lia nella Ruota, anno I, n. 7. 



Digitized by 



Google 



àOHtm^tTO ALLA STORtA DtiLtA R. UNIVERSItÌ DI PALERltO 388 



civili, e ritenersi per la conoscenza tanto necessaria del diritto 
romano quella delle pandette soltanto, colla denominazione di 
diritto romano e pandette, come in Messina ; lo stesso dovrebbe 
aver luogo per la Università di Palermo, subito che saranno 
istituite le tre cattedre del nuovo diritto, come venne dalla 
M. S. ordinato col R. Decreto del 1819 che è stato per Catania 
e Messina messo da più tempo in esecuzione» (1). 

I tempi erano propizi agli studii. Un grande rinnovamento 
era avvenuto nelle scienze, nelle lettere e nelle arti, dopo l'av- 
vento al trono di Ferdinando II , nonostante che le speranze 
di riforme polìtiche erano affatto svanite. Sorsero in quel torno 
le Effemeridi scientifiche e letterarie^ e poi la Ruota e altri 
minori giornali, e sorse queir importante rivista che fu intito- 
lata Giornale di statistica. E scrittori di quel tempo erano 
quegli uomini che prepararono e furono parte cospicua del mo- 
vimento del 1848. 

L' anno 1841 segnò una nuova èra nei nostri insegnamenti 
universitari; si accrebbero nuove cattedre nelle facoltà di me- 
dicina, di scienze fìsiche e di giurisprudenza. In questa furono 
istituite le seguenti : codice civile col confronto del diritto ro- 
mano — codice e procedura penale — codice di procedura ci- 
vile — medicina legale, e poi diritto nautico e commerciale. 

Così dopo 22 anni dalla promulgazione delle nuove leggi, 
la R. Università di Palermo fu dotata degli analoghi insegna- 
menti; così finalmente i decreti del 1819 recaronsi in effetto. 



(1) Vedasi questa nota tra le carte del Ministero per gli affari di Sicilia 
a Napoli, esistente in questo Archivio di Stato, filza 622. 



Digitized by 



Google 



834 OOKTBIBUTO ALLA STORIA DELLA R. tTNlVBBSITl DI J^ALBRItO 



é Cattedra di diritto civile 

Si fonda nel 1841 — Primo professore Antonino Sciascia — Notizie in- 
torno a lui — Suo cenno critico sul sistema ipotecario proposto dal 
signor Giovanni Ferdinando Neighebaur — Esposizione di questo si- 
stema—Morte dello Sciascia — Giuseppe Denaro — L'avv. Diego Or- 
lando succede a Sciascia — Notizie intorno a lui e alle sue opere — 
Gli succede Luigi Sampolo — Bartolomeo d'Ondes Rau nominato pro- 
fessore di diritto civile — Vi ritorna nel 1863 Sampolo. 

Primo a dettare il diritto civile fu Antonino Sciascia. Nato 
egli in Racalrauto a 17 luglio 1798 da Vincenzo e da Rosa 
Mautia, compi i suoi studi di lettere, filosofia e teologia nei 
seminario di Girgenti, celebrato per la fama dei suoi inse- 
gnanti (1). 

Annesso a quel Seminario è il Collegio dei SS. Agostino e 
Tommaso (2) ove passano sei anni, attendendo al diritto cano- 
nico, al diritto civile, alla filosofia morale, e ad altre materie 
di perfezionamento , coloro che allevati nel seminario si stno 
segnalati in filosofia e teologia. 

Vuoisi che lo Sciascia avrebbe dovuto entrare in quel Col- 
legio, e che altri di minor ingegno fosse a lui preferito ; vuoisi 
da altri che il padre suo non abbia voluto assegnargli il pa- 
trimonio sacro. 

Egli, smesso T abito ecclesiastico, venne a Palermo. Quivi 
visse insegnando, e nel medesimo tempo attese nella Univer- 
sità al corso di medicina, ma poi, mutato consiglio, applicossi 
alla giurisprudenza. 

Nel 1841 dopo sua profferta fu nominato provvisorio inse- 
gnante di codice civile col confronto del diritto romano, come 
Emerico Amari di diritto e procedura penale, Girolamo Sca- 



(1) Debbo alla cortesia dell'egregio giovane Raimondo Matrona da 
Racalmuto le notizie relative al prof. Sciascia. 

(2) Vedi Bbllomo, Elogio di M/ Domenico Tarano, appendice. 



Digitized by 



Google 



OONTaifiUTO ALLA STOllIA DBIXA R. UNIVERSITÀ DI PALERMO 3So 



gliene dì procedura civile, Algeri-Fogliani di medicina legale, 
e più tardi Vittorio Barbera di diritto nautico e commerciale. 

La cattedra fu inaugurata il 1 marzo, e lo Sciascia lesse 
e pubblicò il discorso di apertura (i). 

Indettisi pili tardi i concorsi per non poche cattedre, egli 
s'inscrisse per quelli di codice e pandette, e di economia ci- 
vile; cimentossi solo nel primo, che ebbe luogo nel 1842 e trovò 
rivale Pietro Sampolo, fratello a me, professore interino in 
quella cattedra, succeduto a Salvatore Malvastra. Il tema della 
dissertazione sui delitti e sulle ingiurie e il commento alla 
legge 2. D. de furtis furono scritti da lui nella lingua dei 
giureconsulti romani (2). 

La lezione versò sul titolo : Commodati vel contra (3). 

L'uno e l'altro concorrente fu dichiarato degno della cat- 
tedra, ma fu questa conferita al Sampolo. Quel concorso pro- 
curò nel 1843 allo Sciascia, la nomina a professore interino 
della cattedra di Codice civile. 

Nel 1846 visitava Palermo il Cav. Giovanni Ferdinando 
Neighebaur, Consigliere intimo del Re di Prussia. Magistrato 
a ventun anno, capitano nella guerra contro Napoleone, e poi 
condottiero di una legione di volontari che aggiunse all'eser- 
cito di Lutzow, prigioniero nella battaglia di Lauemburgo; tor- 
nò alla magistratura, ma abbandonata di nuovo la toga, fu 
nominato console e, smesso anche quell'ufHcio, corse per di- 
letto le città di Europa. Scrisse varie opere di diritto, rela- 
zioni di viaggi e guide pei viaggiatori (4). 



(1) Discorso di apertura alla cattedra di codice civile nella R. Uni- 
versità di Palermo (Palermo 1841). 

(2) Pro cathedra codicis ac pandeclarum in R. Studiorum Univernilale 
Panormi óblinenda iractatu thesis, Panormi 1842. 

(3) Vedi suiresperimento verbale dei candidati alla cattedra di Codice 
e Pandette Giustinianee, La Ruola^ anno ili, N. 9 ; 15 maggio 1842. 

(4) Le prime sue opere si riferiscono al diritto, e sono, oltre quella 
sul sistema ipotecario, la procedura prussiana. Manuale del giudice 
arbitro, non rappresentanza popolare nelle assemblee della confederar 
zione Alemanna. Vedi Vapeaurau, Diclionnaire universel des contemm 
poraint. 



Digitized by 



Google 



d^6 OOKTRIÈÙTO ÀI.tA StÒRtA DÉLtA fi. ttKIVERSITA DI PALERMO 



Si strinse in Palermo, ove dimorò parecchi mesi, in ami- 
chevole relazione con parecchi dotti, fra' quali Gregorio Ugdu- 
lena, professore di Sacra scrittura e di lingua ebrea, e Anto- 
nino Sciascia. 

Il primo venne da lui eccitato a pubblicare in italiano / 
compagni di Walhalla rappresentati da Ludovico Primo Re 
di Baviera^ fondator di Walhalla (1), Faltro a studiare un 
suo disegno di riforma ipotecaria. Il Neighebaur avea pubbli- 
cato nel 1822, Raccolta delle disposizioni riguardanti Vor^ 
dinamento ipotecario prussiano, con osservazioni sulla pos- 
sibiliià di una maggiare semplificazione del sistema ipote- 
cario (2). 

La prima metà di questo libro contiene un supplemento 
all'ordinamento ipotecario della Prussia del 1783 ; ordinamento 
interamente riformato con la legge di proprietà e di acquisto 
del 5 maggio 1782, e con Y istituzione del gran libro dello 
stesso giorno; perciò questa parte dell'opera è invecchiata. 

Invece la seconda che comprende le proposte di riforma 
non è senza interesse, e fu tirata anche a parte col titolo 

sulla possibilità di un semplice ordinamento ipotecario (Uber 
die Moglicheit einer einfachenHypotheken ordnung. Hamm, 1822). 
Lo Sciascia, avuto dal Neighebaur contezza di questo suo 
lavoro, e messo in chiaro dalla viva voce di lui del nuovo 
ordinamento ipotecario proposto, stimò opportuno dichiararne 
le basi, nella speranza che le nuove idee di riforma fossero 
accettate nei nostri codici, rimasti indietro dei cresciuti bi- 
sogni sociali (3). E il suo Cenno antico dedicava al Cav. Lu- 



ci) / compagni di Walhalla^ versione dal tedesco del Dott. Gregorio 
Ugdulbna, Palermo tipografia A. Maratori, 1846. 

(2) Saminlang der Verordnangen, welche sich aaf die Preassische Hy* 
potheken-Ordaang beziehen, nebst einigen BemerkuDgen iiber die M'ó- 
glichkeit einer grósserem Vereinfachang des Hypothekenwesens. Hamni, 
Schulz und Wandermann 1822. 

(3) Cenno critico sa di un progetto di riforme proposte dal cavaliere 
Neighebaur del sistema ipotecario francese. Palermo stamperia France- 
sco Lao 1846. 



Digitized by 



Google 



OORTaiBUTO ÀLLà STORIA DELLA B. UniVBRSITl DI PALIBKO 837 



do vico Bianchini capo di ripartimento degli affari interni presso 
il Luogotenente Generale in Sicilia, perchè egli quelle utili 
novità facesse valere a vantaggio del regno. 

Il sistema ipotecario del Codice per le Due Sicilie era ba- 
sato su quello francese, però si erano a questo apportate 
utili riforme per accertare la esecuzione delle iscrizioni legali 
e dei privilegi del tesoro, e per la rinnovazione decennale 
delle iscrizioni^ e per la trasmissione degli immobili e dei di- 
ritti reali. • 

Il Neighebaur nel suo sistema accolse quanto v'era di buono 
nei precedenti, aggiungendovi le modificazioni opportune per 
rendere migliore e più semplice Tordinamento delle ipoteche. 

« Un buon sistema ipotecario, scrive lo Sciascia, deve cam- 
minare di accordo nella formazione dei suoi libri al catasto 
perchè sia legalmente assicurata la esistenza e la identità del- 
rimmobile; altrimenti può mancare la base materiale e Tedi- 
Azio riuscire chimerico; parimenti il sistema ipotecario deve 
mettersi in armonia col diritto che presiede alla trasmissione 
della proprietà; è necessaria una tradizione pubblica, e però 
dev'essere stabilita una formalità estrinseca per mettere le 
alienazioni dei diritti reali in luce onde sottrarre i mutuanti 
dal vasto labirinto degli inganni ». 

Il sistema del Neighebaur poggiava sulle due basi ; la pub- 
blicità e la specialità. Secondo esso, il libro del catasto deve 
procedere di accordo col registro delle ipoteche; alla iscrizione 
del titolo del possesso andare innanzi T estratto del catasto 
contenente la individuale e precisa descrizione dell' immobile. 

Questo sistema sottopone alla iscrizione tutti i diritti reali 
che il Neighebaur chisnaa pesi perpetui e impedimenti a di- 
sporre; vi sottopone le ipoteche. 

La iscrizione quindi comprende: i^ il titolo di proprietà; 
2®. i pesi perpetui o impedimenti a disporre ; 3^ le ipoteche. 

11 nuovo codice del 1865 apportò sapienti innovazioni al 
sistema ipotecario, ma non si provvide a metterlo in relazione 
col catasto. Indi nella legge sul riordinamento della imposta 



Digitized by 



Google 



888 OOXTBIBtJTO ALIA BTOBIA DBLLA R. TTKiyiRSITX DI PALEBVO 



fondiaria ne fu promessa altra per determinare gli effetti giu- 
ridici del catasto e le riforme che occorressero a tal fine nella 
legislazione civile. 

. Con decreto 15 aprile 1893 venne istituita apposita com- 
missione con r incarico di studiare e proporre le disposizioni 
di legge per l'accertamento della proprietà e degli altri diritti 
reali immobiliari coordinate alla riforma del catasto e agli 
effetti giuridici di esso. 

Il libro del Neighebaur e il Cenno dello Sciascia possono 
anche oggi leggersi con qualche utilità. 

Antonino Sciascia spegnevasi di colera nel 1854. Ebbe molta 
dottrina, ma la parola aspra e disadorna. 

Alia sua morte l'avv. Giuseppe Denaro chiese la nomina di 
professore interino. Egli con rescritto 18 maggio 1850 avea 
ottenuto la supplenza di quella cattedra « per la carriera fo- 
rense da lui percorsa, la pubblicazione di varie allegazioni e 
per la conoscenza delle teorie del ramo civile e di tutti gli 
altri rami della giurisprudenza», secondo le attestazioni di au- 
torevoli magistrati. Non vuoisi negare che il Denaro fosse allora 
molto promettente; infatti innanzi il 1848 era stato nominato 
giudico supplente e poi titolare. Caduta la rivoluzione, egli fu 
dei più attaccati al governo della restaurazione, e da capo 
quartiere dell'ordine pubblico arrivò fino a Segretario Gene- 
rale della Prefettura di polizia. 

La Deputazione della R. Università degli studi trovando in 
lui « lutti i requesiti per lo accerto della pubblica istruzione » 
ne secondò il desiderio, proponendolo al Re. Ma il Re, ispi- 
rato dal ministro Cassisi, mandò fuori a 13 ottobre del 1855 
un rescritto col quale ritenendo inconciliabili le funzioni onde 
il Denaro era investito, col magistero universitario, dichiarò 
non trovar luogo a deliberare. 

Veniva nominato interino provvisorio nel 1855 Tavv. Diego 
Orlando. 

Nacque egli da Francesco Paolo e da Rosalia Catalano 



Digitized by 



Google 



OOICTBIBUTO ALLA STORIA DELLA K. UNIYERSITI DI PALIBXO 389 

ai 25 dicembre 1815, nel quale anno fu sciolto per V ultima 
volta da Ferdinando il Parlamento siciliano, col reo intendi- 
mento di non più riconvocarlo. Il padre era causìdico, direb- 
besi oggi procuratore legale; di mente diritta, e fornito di buoni 
studi, acquistò bella lama nel foro palermitano. Promulgate 
nel 1819 le novelle leggi, queste egli apprendeva con amore, 
si che ben tosto diveniva non meno valente in esse che nelle 
antiche. 

Diego, il suo primogenito, si diede agli studi di giurispru- 
denza nel nostro Ateneo, e vi prese la laurea ai 6 di ago- 
sto 1836. Per lunghi anni scrisse importanti allegazioni fo- 
rensi; ma non fu udito mai ad arringare una causa, che da 
natura non aveva sortito facile parola. Era nato non per le 
lotte quotidiane del foro, ma per la serenità degli studi. 

Aveva acquistato, coi lavori dati in luce, nome di egregio 
scrittore di allegazioni, di valente pubblicista. 

Fu incaricato dello insegnamento del Codice civile. Però 
il Governo prodittatoriale gli mutava la toga del professore in 
quella di Giudice di Gran Corte Civile, datoglisi il titolo di pro- 
fessore onorario della facoltà di diritto; e in sua vece eleg- 
geva chi scrive queste pagine professore straordinario di co- 
dice civile. 

Nell'ultimo ventennio di sua vita ebbe vaghezza di viag- 
giare, e vide le principali città d'Europa. Gli studi che pre- 
dilesse furono la storia, il diritto pubblico di Sicilia, la archeo- 
logia la numismatica. Fu membro delF Accademia di Scienze 
e lettere di Palermo, della Gioenia di Catania, della Società 
Asiatica di Parigi, della nostra Società Siciliana per la Storia 
Patria. 

Due lavori utili ma non di grande rilievo, egli scrisse : la 
Antologia legale (1) e la Biblioteca di antica giurisprudenza 
siciliana (2). 



(1) Antologia legale, Palermo 1845. 

(2) Biblioteca di antica giurisprudenza, Palermo 1851. 



Digitized by 



Google 



840 OOKTRIBTTTO ALLA 8T0RIA BELLA R. UNIVBRSITJL DI PALERMO 

Furono lodati i vari commenti da lui fatti a non pochi 
articoli delle leggi civili del 1819 (1) e degno di pregio è il 
Commento allo Statuto per la Sicilia del 1848 (2). 

Ma più che gli uni e gli altri, di maggiore interesse, e 
assai più degni di lode son riputati i lavori intomo ad argo- 
menti di diritto pubblico siciliano. 

Nel primo Saggio intorno al potere legislativo dei Nor- 
manni (3) imprese a dimostrare che al sorgere del monar- 
cato Siciliano neir evo medio , la sovranità legislativa risie- 
dette tutta nei principi, e che il parlamento o, come allora 
chiamossi, la curia solernnis^ cu7%a generalis^ non partecipò 
alla formazione delle leggi. Il secondo, poco dopo (1847) man- 
dato alla luce è II Feudalismo in Sicilia, Storia e Diritto 
pubblico. 

Il feudalismo s(n*se in questa isola coi Normanni, fu infre- 



(1) Suirarticolo 395. Del rendimento dei conti tutelari, Palermo 1844. 
Sull'art. 827. Della ricerca della paternità per parte dei terzi, Pa- 
lermo 1844. 

Confutazione di una dottrina di Touillier sull* alienabilità del fondo do- 
tale dopo la separazione dei beni. Palermo 1844. 

Sull'art. 1678. Della lesione in materia di enfiteusi, Palermo 1846. 

Sull'art. 203. Sulla questione di sapere se si può pronunziare l'ar- 
resto di persona aontro la moglie per seguire il marito, Palermo 1847. 

Sull'art. 2157. Sul corso della prescrizione e di ostilità col nemico in 
in tempo di guerra, Palermo 1849. 

Sull'art 1009. Il fideiussore solidale che oppone la eccezione C0d^n(2a- 
rium actioìVj.m, Confutazione di una dottrina di Troplong, Palermo 1853. 

Sull'art. 253. Il figUo di un uomo e della figlia di colei con la quale 
questi ebbe commercio illecito, per diritto civile é un figlio semplice- 
mente naturale che può godere del beneficio della legittimazione per sus- 
seguente matrimonio, Palermo 1855. 

(2) Vedi di lui il Commentario Storico della Costituzione Siciliana 
del i848. Palermo, Muratori 1848.— V. anche / capitoli del Regno di Si- 
cilia ^ Monografia. Palermo 1866. 

(3) // potere legislativo al tempo dei Normanni, Palermo 1844. Arti- 
colo di Storia del diritto pubblico siciliano. 



Digitized by 



Google 



oosTBDxrro alla btobia della r. uktvbbsitX di palsbmo 841 



nato da Federico II, accresciuto di privilegi dall'Aragonese 
Federico, strapotente cogli ultimi re della dinastia di costui, 
domato da Martino, ristretto nei poteri sulla fine del secolo 
scorso, venne infine abolito nella memorabile notte del 12 lu- 
glio 1812. Una grande influenza aveva esso esercitato sulla 
condizione dei beni, suUo stato delle persone, sui costumi, sulla 
pubblica economia. 

Solo il Gregorio avea trattato del feudalismo e delle sue 
vicende nella stupenda sua opera. Considerazioni sulla StmHa 
di Sicilia. Mancava un'opera speciale intorno a quel tema, ed 
era desiderio dei dotti che alcuno lo imprendesse a svolgere 
con accurato studio sulle fonti del nostro diritto. 

Vi si accinse l'Orlando, e raccogliendo, con diligente cura, 
da molti libri le notizie su quella istituzione, e frugando pa- 
zientemente gli antichi diplomi , e svolgendoli con sano giu- 
dizio, pubblicò un lavoro di pregio, in cui narra le vicende 
del feudalismo, tratta delle varie specie di feudi, degli obblighi 
e dei diritti dei feudatari, della inalienabilità e alienabilità dei 
feudi, della successione e reversione, della caducità, della loro 
amministrazione, della riduzione a demaniali dei beni feudali, 
e infine della loro abolizione. 

Dieci anni più tardi, egli dà fuori un'altra importante opera. 
Veniva in Palermo nel 1844 il celebre cardinale Angelo Mai, 
lo scopritore famoso di varie opere di antichi scrittori, e fra 
le altre dei libri della Repubblica di Cicerone per la quale 
Giacomo Leopardi intitolavagli una bellissima Ode che così 
finisce : 

O scopritor famoso 

Segui; risveglia i morti 

Poiché dormono i vivi; arma le spente 

Lingue dei prischi eroi; tanto che infine 

Questo secol di fango a vita agogni 

E sorga ad atti illustri, o si vergogni. 

Visitò la nostra Biblioteca comunale, e fra' manoscritti che gii 
Areh, Star. Sic. N. S. anno ZIX. 23 



Digitized by 



Google 



842 OOVTRTBCTO ALLA STORIA DBLLA R. TTVIVKRSItI DI PALIRXO 



furono presentati notò un codice che comprendeva la legisla- 
zione siciliana dalle Costituzioni di Federico fino ai Capitoli 
di re Ferdinando il Cattolico, e scortane la grande impor- 
tanza, fé voto che fosse pubblicato ed illustrato. Quel codice 
porta in fronte il nome del raccoglitore, Giovan Matteo Spe- 
ciale, il quale fu capitano giustiziere di Palermo negli anni 
1460 e 1461, e appartenne ad una signorile famiglia, che ebbe 
in vari tempi personaggi preclari per nobiltà d'ingegno, 
e per altezza di pubblici uffici. É tanta V accuratezza dì quel 
codice che fa dubitare di essere servito meglio per uso pub- 
blico che per privata utilità. Esso era passato per matrimonio 
dalla famiglia Speciale a quella dei signori Montaperto prin- 
cipi di RafTadali, dai quali fu religiosamente conservato tra 
le cose più preziose della casa. Nel 1838 acquistavalo la De- 
putazione della Biblioteca comunale. 

n benemerito Agostino Gallo, riferito al nostro Orlando il 
giudizio e il voto dell'illustre prelato, lo eccitò a mettersi a 
quel lavoro. Ed egli si pose all'opera, e dopo qualche tempo 
mandò in luce un Codice di leggi e diplomi siciliani nel 
medio evo (Palermo 1857), premettendovi una bella introdu- 
zione in cui dà ragguaglio del manoscritto, e corredando di 
opportune note alcune leggi. 

I due ultimi lavori di Orlando si attengono al diritto ci- 
vile. Il primo stampato nel 1854 è una critica del sistema ipo- 
tecario delle leggi del 1819. 

In quel tempo, in cui la recente memoria del grande ri- 
volgimento del 1848 metteva paura nell'animo dei governanti, 
il dispotismo si era fatto intollerabile. La censura non permet- 
teva ali-autore di pubblicare un libro scientifico, in cui si fa- 
cesse una critica delle leggi, perchè reputavasi ciò un atten- 
tato al potere costituito. Mal si crederebbe ai di nostri, in cui 
si gode la più larga libertà di stampa, che in altri tempi, da 
noi ora lontani, fosse perfino imposto di tacere sui difetti della 
legislazione civile. 

Ma il dispotismo si piace ad ingannare se stesso. 



Digitized by 



Google 



OONTBIBCTO ALLA STORIA DELLA R. ITKIVBRSITJL DI PALSRMO 848 

L'Orlando ubbidì al cenno del revisore e intitolò il suo libro : 
Sul sistema ipotecario francese, Critica e Riforma. Paler- 
mo 1854. 

11 sistema attaccato era lo stesso che quello seguito nelle 
leggi delle due Sicilie» la critica quindi si attagliava cosi bene 
all'uno che 'all'altro. 

Il concetto cardinale, ch'egli vi svolse, non era nuovo. In 
Francia nel 1834 il De Ck)urdemanche, il giureconsulto ispiratosi 
a' principi della scuola sensimoniana che voleva ricostituire 
su nuova base la famiglia, la proprietà, il diritto di successione, 
aveva attaccato il sistema ipotecario nell'opera Du danger de 
prèter sur hypothéque e propostone l'abolizione. 

L'Orlando ebbe lo stesso intento, ch'espresse in queste pa- 
role : Obbligazione e pubblicità. 

A questo libro furon fatte critiche in Italia, in Francia e 
in Germania. Non è questo il luogo di esaminare i vizi di 
quella radicale riforma. 

Non v'è civile legislazione che abbia escluso la ipoteca; i 
codici più recenti non hanno saputo fare di meglio che stabi- 
lire un ordinamento ipotecario che meglio risponda a ga- 
rantire il credito e far sicure le transazioni civili, e promuo- 
vere l'impiego dei capitali a sussidio dell'industria agraria. 

L'ultimo suo lavoro è del 1861 e versa ^\x\ì' Ordiìiam^nto 
a dare al Codice civile italiano (1). 

Sin dal 1860 si cominciò in Italia a discutere sulla codifi- 
cazione civile, e molti buoni lavori vennero fuori. 

L'Orlando propose dividersi il Codice in quattro libri; e 
trattarsi : nel 1*» dei diritti civili; nel 2* della famiglia; nel 3« 
della proprietà, ossia dei modi di acquistarla, dei modi d'ac- 
quistar diritti sulla proprietà altrui, dei modi di semplice re- 
lazione con la proprietà altrui^ prestito, deposito, fidejussione, 



(1) Suir Ordinamento a dare al Nuovo Codice civile italiano , Pa- 
lermo 1861. 



Digitized by 



Google 



344 OOWTBIBUTO ALLA STORIA DELLA R. UITIVSRSITI DI PALXBMO 

transazione; nel 4^ del censimento che comprende le annotazioni 
e i registri dello stato civile, le iscrizioni e i registri del cre- 
dito fondiario, le trascrizioni ed i registri della proprietà. La 
quale divisione non era certamente da accogliere, perchè non 
correggeva i vizii di quella francese. 

Egli morì a di 10 settembre dell'anno 1879. 

La Storia del feudalismo in Sicilia y e il codice di leggi 
e diplomi siciliani nel medio evo, sono opere che ai posteri 
tramanderanno con lode il nome di Diego Orlando. 

L'autore di queste pagine dettò come professore straordinario 
Codice civile nell'anno 1860-61; venne poi trasferito alla cat- 
tedra di diritto romano nell'anno seguente per la morte di Pietro 
Sampolo avvenuta a 17 maggio del 1861. 

Il diritto civile fu insegnato nel 1862 dall'avv. Bartolomeo 
d'Ondes Rau. 

Nato questi a 4 aprile 1818 dal barone Giovanni, e da 
Concetta Rau dei baroni Camemi e Capopassero, attese alle 
discipline giuridiche, e fu per breve tempo allo studio dell'e- 
gregio avvocato Gaetano Catalano. 

Il padre di lui da procuratore del re era salito a grado a 
grado all'alto ufficio di Avvocato generale presso la Corte dei 
Conti, e l'avo era stato Presidente nella G. Corte civile di Ca- 
tania, Consultore del governo, e Vice-presidente della Corte 
Suprema di giustizia. Anche il Nostro ambi la toga di magistrato, 
e sperò sedere, come il padre, fra i difensori della legge. Però 
nominato nel 1845 giudice di circondario, stimò non conve- 
nirgli l'umile ufficio che gli si offriva, e rinunziò. 

L'avvocheria promettevagli maggiori lucri ed onori. Né 
s'ingannò, che dopo non molto tempo egli cominciò a segna- 
larsi nel difficile arringo per vivacità di mente, facondia di 
parola e vastità di dottrina, e venuto indi sempreppiù in mag- 
gior grido, gareggiò coi più valenti del nostro foro. Assessore 
aggiunto nella Curia ecclesiastica, mostrò quanto valesse nel 
giure canonico. 



Digitized by 



Google 



ÒOirìfBIfitrTO ALIA StiroftlA bELtA B. t7NlVBBSITÀ Dt PALEÈkO 34$ 

Nel 1861 Tavvocato Filippo Orlando, Consigliere di Luogo- 
tenenza, lo ebbe suo segretario, e in quel tempo compironsi 
in Sicilia grandi riforme nell'ordinamento giudiziario e nella 
legislazione. Nel 1864 ebbe onorata parte nella Commissione 
legislativa, istituita per lo studio del progetto del codice ci- 
vile. 

Chiamato nell'anno 1862 a dettare diritto civile nella Uni- 
versità come professore straordinario , e poi diritto romano, 
prima con la stessa qualità e poco dopo come ordinario, seppe 
bentosto cattivarsi la venerazione degli studenti, la stima e 
Taffetto dei colleghi. Pubblicò, oltre moltissime allegazioni, tre 
notevoli lavori, una prolusione al corso di diritto romano (1) 
e due monografie, l'una suìV accessione (2) e l'altra sulla tra- 
dizione (3), che furono lodate per la nitida esposizione e la 
copia della dottrina. Il bel lavoro sul paraggio letto nell'Acca- 
demia di scienze e lettere andò perduto. 

Il Municipio di Palermo , morto T illustre avvocato Fran- 
cesco Scoppa, affidò a lui la direzione degli affari contenziosi; 
ed egli ne sostenne sempre con zelo i diritti. 

Costituitosi l'Ordine degli avvocati secondo la legge del 
1874, il d'Ondes eletto a far parte di quel Consiglio, vi fu ri- 
confermato nelle successive elezioni. 

Socio del Circolo Giuridico^ vi lesse nella adunanza del 9 
settembre 1877 il sullodato lavoro sulla tradizione alla pre- 
senza dell'illustre Carlo Giorgio Bruns, professore di diritto nel- 
l'Università di Berlino, che piacquesi onorare di sua presenza 
quella tornata, rimasta solenne negli Annali del sodalizio. 



(1) Discorso del Barone Bartolomeo D'Ondes Ran professore di Diritto 
Romano neUa R. Università di Palermo letto a principio dell'anno sco- 
lastico 1865^. Tipografia Gk)rselli, Palermo. 

(2) DelV Accessione per Birillo Romano. Palermo , Tipografia Cor- 
selli 1874. 

(3) Della Tradizione nel Diritto RomanOy lavoro inserito nel Circolo 
Giuridico Anno VILI prima serie p. 237, 293 e tirato a parte in 4°. 



Digitized by 



Google 



346 ÒOlTTBlkatO ^LtA bTOtllA ISELLA tt. bNlVBftftttl DÌ pAtEBìtO 

Ebbe retto animo e liberale, fu squisitamente gentile nei 
modi. 

Amò molto la musica, come il grande romanista Federico 
Thibaut, e sedeva al pianoforte e deliziavasi a cantare, tro- 
vando nei suoni e nel canto un grande sollievo alle quotidiane 
fatighe e alle noie incessanti della vita. 

All'annunzio della sua morte si sospesero le udienze della 
Corte civile, e i magistrati e gli avvocati si unirono ai pro- 
fessori e agli studenti delFUniversità per accompagnare al ci- 
mitero rillustre defunto, rendendogli l'estremo tributo d'onore. 

Di lui lesse un bello elogio alla R. Accademia di scienze 
e lettere l'illustre avv. Vincenzo Di Marco che nel narrare la 
vita del valente collega volle ritrarre anche tutto sé stesso. 

Questi sono stati gli insegnanti che dal 1841 al 1862 det- 
tarono diritto civile nel nostro Ateneo (1). 

Cattedra di procedura civile 

Girolamo Scaglione — Nicolò Uzzo — Gaetano Sangiorgi— Notizie biogra- 
ìlche dei medesimi. 

Prima della cattedra di diritto civile, si aprì il 18 gennaio 
1841 quella di procedura civile. V insegnò primo, come pro- 
fessore provvisorio, e più tardi come titolare, Y avvocato Giro- 
lamo Scaglione (2). Pubblicò la introduzione al corso (1841) e 
il Corso di procedura civile (3). 

In Francia s'erano già pubblicate le opere: V organisation 



(1) Al 1863 tornava Fautore di questo lavoro alla cattedra di diritto 
civile da professore titolare. 

(2) Nato in agosto 1802, conseguì la laurea nel 1820. 

(3) Introduzione allo studio della procedura civile , Palermo , Tipo- 
grafia Virzì, 1841. 

Corso di procedura civile secondo le disposizioni della III parte del 
Codice per lo regno delle Due Sicilie. — Palermo, Tip. B. Virzì, 1842. 



Digitized by 



Google 



ÒONTJGtlBinO ALLA Sl^ORtA l)fittA R. OKIVEBSITÌ Ì>I PALABÌCO 34^ 

jvdiciaire e la Compete/ice del Carré, Competence desjuges 
di Henryon de Pansey, Cours de procedure civile di Berriat 
Saint-Prix, les Lois de procedure civile dello stesso Carré, 
Théorie de la procedure civile di Boncenne, e i commenti del 
Pigeau, Thomine-Desmazures, e Demiau-Crouzilhac. 

Dalla cattedra di procedura civile di Parigi aveva già per 
due anni dettato splendide lezioni di procedura civile, come di 
diritto e procedura penale, Giuseppe Edoardo Boitard. QuelPin- 
segnamento, che fino al 1835 porgevasi poco attraente agli stu- 
diosi, fu accolto dalla bocca del Boitard come uno studio del 
più vivo interesse. 

Lo studio della procedura non può staccarsi da quello del 
diritto civile. A che gioverebbe la cognizione di tutte le qui- 
stioni che possono insorgere fra' privati se non si sapessero 
i mezzi per mettervi un termine? Non giova ricercare la esten- 
sione ed i confini dei nostri diritti , se non si conosce anche 
quali leggi li proteggano; quali regole, quali principi gover- 
nino le lotte giudiziarie, cui dà origine giornalmente il corso 
dei privati interessi. 

«Determinare, diceva il Boitard (1), secondo la natura dì 
ciascuna causa i principii di competenza che la regolano ; dire 
come si formi un' istanza, si presenti una difesa, da quali re- 
gole sono governate la esposizione e la discussione delle prove; 
come si pronunziino, si riformino , si eseguano i giudicati ; 
seguire in tutte le sue fasi quella guerra forense, quella tattica 
di assalti e di difese, come la legge, la ragione e la neces- 
sità ce r hanno creato ; approfondire accuratamente l' intendi- 
mento e i motivi di ciascuna delle molteplici regole che di 
arbitrario hanno solo la parvenza , e cosi mercé 1' analogia 
prepararsi a decidere le questioni particolari sfuggite necessa- 
riamente alla immediata previggenza del legislatore; e final- 
mente, se fa uopo, indicare le lacune del codice, i vizi da cor- 



ei) Boitard , Lezioni di procedura civile, versione italiana dei signori 
Amilcare Lauziili ed Enrico De Rogatia, Napoli, 1854. Introduzione. 



Digitized by 



Google 



348 CORTfilBUtd ALIA bTOBlA DKLLA B. itHIVBfiSlTA DI PALttRltÓ 

reggere, gli abusi da evitare, ciò non è, checché se ne dica, 
un condannarci di conserva ad un lavoro penoso e stucchevole; 
è sempre parlare del diritto. > 

Bello e piacevole è dunque V insegnamento della procedura, 
ove questa sia riguardata con quel metodo e con queir ordine 
mirabili che vi diede il Boitard. 

Il corso edito dal prof. Scaglione non è che la nuda espo- 
sizione dei precetti del codice e delle leggi supplementari. Nelle 
note si accenna seccamente ad alcune questioni, e seccamente 
si risolvono; vi si fa anche richiamo ad alcune sentenze di 
magistrati. Nelle lezioni orali egli dava un maggiore sviluppo 
a' principi. Ma non pare che quello studio sia stato da lui levato 
air altezza che T importanza del medesimo richiedeva. 

Lo Scaglione era anche letterato, e pubblicò gli elogi del- 
l' illustre suo suocero Isidoro Testaferrata (1), e della signora 
Stefania Settimo e Napoli, principessa di Resuttana, sorella a 
Ruggero Settimo (2); scrisse drammi e commedie (3). Moriva 
di colera nel 1854. 

Succedette allo Scaglione l'avv. Nicolò Uzzo. Questi aveva 
scritto parecchi lavori, tra' quali una Introduzione allo studio 
del diritto che sta in fronte al programma del Demante, tra- 
dotto da lui e da altri, ma quello che gli costò maggior fa- 
tica ed ha maggiore importanza, è il trattato sulla Enfiteusi 
edito nel 1845 (4), quando fra noi intorno al diritto enflteutico 
erano uscite le opere del Dominici, dei signori Duscio e Vec- 



(1) Elogio d' Isidoro Testaferrata — Palermo 1846. 

(2) Elogio di Stefania Settimo, principessa di Resuttana — Pai. 1835. 

(3) Il Parassita fanatico. — Il somar di Mastro Giovanni, commedia 
in un aitìo. — L' esecutore testamentario, commedia in 3 atti. — Taddeo, 
dramma in an atto. 

La Pia dei Tolomei e la Luisa Strozzi furono recitate: la prima nel 
R. Teatro S. Cecilia, e V altra nel R. Teatro Carolino. La Pia ta pab- 
blicata. 

(4) SuW enfiteusi -^PaLÌermo 1845. 



Digitized by 



Google 



OONTRlBtJtO ALLA STORIA D£LLA B. UNiVeRBITÌ DI PALBBlto 349 



chio, e più pregiata fra tutte quella di Salvatore lannelli. Abi- 
litato a dettare neir Ateneo un corso di diritto pubblico ammi- 
nistrativo, vi lesse il 9 dicembre 1851 un discorso preliminare (1). 

Giudice supplente sin dal 1846, nominato giudice di circon- 
dario nel 1858, preferì, dopo la legge dei cumolo, alla cattedra 
la magistratura ; e magistrato del Pubblico ministero prima e 
poi giudicante, venne nel 1875 eletto consigliere di appello. 

Quando egli abbandonò l'Ateneo, die in luce un lavoro: Nuovo 
metodo della procedura civile (2) nel quale dichiarò somma- 
riamente i principi che governano le leggi di procedura civile, 
leggi da lui dette sostantive e principali con propria e indi- 
pendente esistenza, con principii esclusivi. 

Dettava nel 1863 da quella cattedra Tavv. Gaetano San- 
giorgi (3), ch'ebbe ingegno assai più poderoso de' suoi predeces- 
sori, e vi lesse a 24 novembre di queir anno la Prolusione al 
córso di procedura civile e penale (4). Allora la procedura pe- 
nale non si accoppiava col diritto penale, ma con la procedura 
civile. Il Sangiorgi nel primo anno trattò della procedura pe- 
nale, studio fin allora, « se non omesso, non isvolto certo abba- 
stanza, specialmente se guardisi alle grandi e nobili propor- 
zioni che oggi assume col regime della libertà ». Egli ebbe 
della scienza che professava, il più degno concetto — e chiu- 
deva cosi la bella prolusione : 

«Egli è vero che tra tutte le branche del diritto, la pro- 
cedura sia stata l' ultima a rientrare sotto l'impero della scienza 
e della filosofia ; ma ciò, se può spiegarci l' origine delle false 
estimazioni già confutate, non prova nulla per sostenerle; — 



(1) Discorso prelimiaare allo stadio del diritto pubblico amministra- 
tivo, pronunziato a di 9 dicembre 1851, nella R. Università di Palermo. 

(2) Nuovo metodo d* insegnamenlo della procedura civile alla base 
dei principi della scienza e della dottrina — Palermo, 1862. 

(3) Nato a 23 settembre 1823. 

(4) Prolusione al corso di procedura civile epenaXe» letta nella R. Uni- 
versità di Palermo il 24 novembre 1864 — Palermo, Stamperia e Legato- 
ria Glamis e Roberti, 1864. 



Digitized by 



Google 



850 coHTBi^xrro alla stoRU d^lla b. universitÌ di pàlebiio 



ben air inverso mostra chiaro abbastanza la difficoltà speciale 
della matei'ia, avvegnaché lo spirito umano, sviluppandosi con 
una legge costante di continuità e di gradazione, non arriva 
che più tardi ai problemi più ardui e complessi . 

€ Valeva invece la pena di prevenirvi contro apprezziazioni 
badiali e pregiudizi ignoranti. Questo era per me un debito, 
non dirò solo di professore, ma ben più ancora di cittadino. 
Si, Signori, noi tutti, insegnanti e allievi, cultori della scienza 
e cittadini, siamo attori in questa immensa epopea della tra- 
sformazione nazionale donde è sortita l' Italia: ma l'Italia non 
si fonda che colla libertà e la libertà non può instaurarsi (fra 
r altro) senza il culto sincero e intelligente ^elle forme; perchè, 
non sarà mai troppo il ripeterlo , la forma è la garanlia, la 
forma è la libertà. 

« Rilevare adunque lo studio della procedura — apportarvi 
il soccorso della esegesi per provocarne una intelligente attua- 
zione ; — improntarvi le rivelazioni della filosofia e della istoria 
per maturare le riforme di cui pur troppo abbisogna, e col 
suggello luminoso della intelligenza imprimerne nell' animo il 
rispetto e il sentimento — ecco un debito speciale degli Italiani, 
i quali senza più oltre cullarsi nella gloria dei loro padri, han- 
no pur troppo il bisogno di dimostrare che la sapienza onde 
il mondo ebbe leggi e responsi, non si spense già col volo 
delle aquile latine; ma forza e manifestazione della vita e della 
grandezza nazionale vi sorse con essa per riprendere il corso 
ascendente delle sue grandi tradizioni. » (1; 

Dopo un anno, egli passava alla cattedra di diritto ammi- 
nistrativo che fondatasi ufficialmente con lui, egli seppe no- 
bilmente tenere con la più larga competenza fino a che gli 
bastò la vita. 



(1) Dopo il Sangiorgì, la cattedra di procedura civile fti occupata dal 
prof. Andrea Guarneri, che prima avea dettato filosofia morale. 



Digitized by 



Google 



ÒOXtfiiBnTO AÌLÀ dtokiA ÒKlIa ft. università Dt PALBRlftO S5Ì 

Lesse neirapertura degli studi deiraiino scolastico 1874-75 
il discorso inaugurale (1), in cui ivdiiiò àeìldi filosofia positiva^ 
Tultima delle fasi percorse dalla storia del mondo, secondo 
Augusto Comte. 

Morto nel 1879 il canonico Michelangelo Ribaudi che per 
anni molti dettò dopo il d'Acquisto filosofia del diritto, egli 
ebbe l'incarico di quell'arduo insegnamento. E vi lesse la prele- 
zione al corso (2), nella quale egli primo fra noi sostenne «com'ei 
bisogni lasciare per la elaborazione del diritto il campo della 
metafisica razionale per venire al sistema che dopo di avere 
prodotto le scienze naturali fonderà la statistica e la economia, 
l'etica e la politica. 

4c Ornai occorre egli aggiungeva , che lungi di partire da 
formule astratte, gravide di un'arcana scienza che non hanno 
e dalle quali può cavarsi a volontà un'arma per ogni assolu- 
tismo, e per ogni anarchia, faccia del bene degli uomini il 
fine ultimo, che nelle istituzioni e nelle regole di azione, se- 
gnate dalle leggi della natura, trovi dei mezzi conducenti 
al fine. » (3) 

Il Saugiorgi combattente nel 1848 con un manipolo di Cor- 
leonesi che, memori delle tradizioni del Vespro, seguirono l'e- 
sempio di Palermo, entrò poi negli Uffici del Ministero della 
Marina. Sorvegliato dal Governo della restaurazione , guardò 
sempre l' avvenire che si andava maturando. Furon tempi 
tristi; si voleva, se fosse stato possibile, farci dimenticare il 48 
e impaurire con le fucilazioni. 

Valente avvocato, il Sangiorgi difese coraggiosamente in- 
nanzi il tribunale militare gli imputati di tenere armi o di 
eccitare a nuova riscossa. Ed una volta, dannato a morte un 
cittadino palermitano, ebbe la rara insperata fortuna di sal- 



(1) Discorso inaugurale per l'apertura degli studi dell'anno scolastico 
Ì874-75, Palermo tipografia Morvillo, 1874. 

(2) Prelezione al corso di filosofia del diritto per l'anno scolastico 1879-80, 
Palermo Stamperia Militare Carini 1880. 

(3) La filosofia del diritto é ora insegnata dal pro£ RaflEaele Schiat- 
Umlla. 



Digitized by 



Google 



352 OOKTRIBUTO ALLA StOBU DELLA ft. tJNlVERBITi DI I^ALERlto 



vargli la vita, mercè la interposizione di un augusto principe. 
Ma fu inutile ogni sforzo per Francesco Bentivegna, amico e 
conterraneo di lui, il quale con generoso ardimento avea vo- 
luto precorrere i tempi. Il Sangiorgi eccepì V incompetenza 
del Consiglio di guerra, e contro la dichiarazione di non sua 
competenza della Corte Criminale fé' istanza presso la Suprema 
Corte di Giustizia. Lo difese con Tefflcacia della parola dinanzi 
il Consiglio di guerra, ma invano. Fu dannato il Bentivegna 
alla fucilazione e senza indugio moschettato innanzi che deci- 
desse il Supremo Magistrato. Tanto erano incuranti delle for- 
me e delle leggi vigenti i governatori di quel tempo ! (1) 

Il giorno che l'Alta Corte doveva profferire il suo giudizio, 
esibitosi r atto di morte per T eseguita condanna , tu deciso 
non trovar luogo a deliberare. 

Nel 1860 il Sangiorgi fu Segretario di Stato dellUnterno e 
della sicurezza pubblica. Ricusò T offertogli ufHcio di Giudice 
di Gran Corte Civile, anteponeiìdo alla toga del magistrato 
quella di avvocato. Accettò volentieri nel 1864 la cattedra di 
procedura civile. 

Deputato della nativa Corleone al Parlamento nazionale, 
ricusò più tardi il mandato perchè non poteva conciliare i 
suoi doveri di rappresentante cogli altri che gli imponeva 
la cattedra e 1' avvocheria. Fu Senatore del Regno per aver 
fatto parte del Governo siciliano sotto la dittatura. Ebbe ani- 
mo nobile e cortese, amò la libertà, abborrente dai bacca- 
nali della licenza. 

Fu universale il rimpianto per la sua morte (2). 



(1) La Corte Criminale dichiarò la saa incompetenza il 12 dicembre, 
il Consiglio di guerra condannò a morte il Bentivegna il 19, la fhcila- 
zione ebbe laogo il 20. La sentenza della Corte Suprema fa profferita il 22. 
Il giornale giuridico La legge applicata che pubblicò la sentenza della 
Corte Suprema fu soppresso. 

(2) Moriva a 61 anno il 1» gennigo 1884. 



Digitized by 



Google 



OOXTftlBnTO kVLk 8T0BIA BBLLA B. XnsIYBBSlTÌ DI PAUEaXO 353 



La cattedra dì diritto e procedura penale. 



Emerìco Amari — Sua vita — Allontanatosi Ini nel 1849 , Gaetano Par- 
lati gli snccede — A costai Giuseppe Mario Puglia — Ck>ncorso — Vien 
nominato Mariano Muccìarelli a cui succede Giuseppe Taranto — No- 
tizie della loro vita. 



Nello stesso anno 1841, in cui si aprirono per la prima volta 
i corsi di codice civile e di procedura civile, Emerico Amari, di 
assai più chiaro nome che lo Sciascia e lo Scaglione, die principio 
al corso di diritto e procedura penale. Egli, pei suoi studi e per 
le sue opere era già in grido di filosofo, di pubblicista, e specie di 
cultore delle discipline penali. Collaboratore del Giornale di Sta- 
Ustica^ con Ferrara, Busacca e d'Ondes Reggio, vi avea pub- 
blicato il suo importante lavoro, Difetti e Hfm^me delle Stati- 
stiche dei delitti e delle pene, nel quale mirò a studiare se la 
statistica universale abbia adempito al suo scopo, e se no, 
quali difetti ne V abbiano impedito, e quali riforme potessero 
correggerli, e quali indicazioni empiriche potessero cavarsi 
da quelle che allora si facevano ». 

Il nostro Amari , appena trentenne , nutrito di forti e se- 
veri studi, e dotato di una parola facile, persuadente , imma- 
ginosa, imprese per la prima volta la nobilissima carriera 
deirinsegnamento. Il diritto penale, questo ramo importantis- 
simo deiruniverso diritto, egli sapientemente esponeva, non 
solo dichiarando il testo delie leggi, ma levandosi con la cri- 
tica dei prìncipii al di sopra di esso, e mirando all'avvenire 
della scienza e del progresso della penale legislazione; impe- 
rocché fu egli saldo e passionato propugnatore del progresso, 
che chiamò la Dea del secolo XIX. E dalla sua bocca avida- 
mente riceveva la studiosa gioventù insieme coi tesori della 
scienza, i più larghi principii di libertà , Y evangelo politico 
francese dell' 89, ed apprendeva V amore alla terra natale. 



Digitized by 



Google 



854 OOKTBIBUTO AMA 8T0BIA BELLA R. UKITERSITÌ DI PALIRXO 

In breve tempo la scuola deir illustre professore venne in 
fama, e fu frequentata non solo dagli studenti, ma da ogni 
ordine di persone. Ed un giorno videsi tra i banchi seduto 
un altro egregio Siciliano, ignoto ai giovani, noto solo all'A- 
mari ; il quale gli era legato per vincoli di amicizia e per 
comuni aspirazioni politiche. Era Filippo Cordova, nativo del 
piccolo paese di Aidone, avvocato in Caltanissetta , che da 
natura ebbe sortito felicissime doti intellettuali e parola oltre 
ogni dire facile e abbondante : doti e parola che lo posero fra i 
più egregi della rivoluzione siciliana del 1848, e gli procacciaro: 
no poi fama nel Piemonte ove esulò, e lo innalzarono nel regno 
d'Italia agli onori di deputato e di ministro. A lui, scendendo 
dalla cattedra lo Amari, stretta la mano, disse: Potrei io più 
liberi sensi inspirare nell'animo dei giovani? 

E mi è presente ancora alla memoria uno dei giorni in 
cui egli dettò la lezione sulla pena di morte. La sala della 
scuola (1) divenne angusta all'immenso uditorio accorso a sentir- 
lo; molti rimasero sul limitare della medesima, alcuni salirono 
sui rialti delle finestre ; i più che poterono capire neir aula 
non ebbero agio di sedersi, e dovettero stare ritti in piedi. 
Egli sostenne coi più valevoli argomenti e colla profonda con- 
vinzione che ingenera nell'animo la coscienza della verità, che 
Testrerao supplizio dovesse cancellarsi dai codici dei popoli 
civili, e che il tempo fosse già maturo a questa grande ri- 
forma, a questo generoso desiderio del grande Beccaria. La 
lezione venne a quando a quando interrotta da uno scoppio 
di applausi, e finì con una ovazione, non meno splendida certa- 
mente di quella che nel 1836 i Toscani avevano fatta all'in- 
signe professore Carmignani, che trattò lo stesso argomento 
per desiderio e alla presenza del prof. Teodoro Jouffroy. Quel 
giorno egli non l' avrà di certo dimenticato in tutta la sua 
vita ! 

Nel 1842 lesse un discorso inaugurale che intitolò: Degli 



(1) Era la prima aula a sinistra. 



Digitized by 



Google 



OOHTBIBUTO AtlA STORIA DELIA D. UKIVBRBItX DI PALKBVO S85 

elementi che costituiscono la scienza del dritto penale^ Ten^ 
tativo di una teoria del progresso, «Gli elementi della scienza 
penale, egli diceva, sono la filosofia , la storia , la giurispru- 
denza, il progresso. Quattro né piò né meno; non è stato 
uno sforzo arbitrario di mente che me lo ha dettato, ma una 
logica necessità. Una scienza non può avere che due aspetti: 
la teoria e Tapplicazione ; e Tapplicazione non può avere che 
tre posizioni; qualunque sforzo faccia la mente non ne può 
stabilire più o meno, il passato , il presente e V avvenire. La 
teoria, ecco la filosofia del diritto; T applicazione che guarda 
il passato, ecco la storia ; rivolta al presente , ecco la giuri- 
sprudenza ; rivolta all'avvenire, ecco il progresso. » 

« Scienza, libertà, tradizione, secondo lui, sono le tre con- 
dizioni inevitabili del progresso, il quale è impossibile quando 
una sola ne manchi, anzi Tuna non può esistere senza dell'al- 
tra. Senza scienza non si può essere liberi, e non si possono 
trasmettere che errori; senza la libertà la scienza non é che 
un'arma di tirannia e di disordine ; senza la tradizione la 
scienza o non esiste o è inutile, perchè essa non può proce- 
dere che dì verità in verità, e flnanco la tradizione degli er- 
rori è utile ; scovrire un errore è già , come diceva Bonnet, 
qualche cosa di più che scovrire una verità. » Era questa la 
formola più astratta del progresso che egli dava : Riforma 
continua^ indicata dalla scienza e compiuta dalla libertà per 
mezzo della tradizione. 

Piacerai qui riportare le parole eh' egli con nobilissimo 
ardimento profferiva ai giovani intorno al progresso e alle 
riforme : 

« Si, signori, progresso e riforma : queste parole di scan- 
dalo ai superstiziosi degli errori dei tempi che furono, scher- 
nite dalla viltà di chi senza travaglio vorrebbe dominare colla 
servitù dell'abitudine, colla rutina il mondo, maledette dai 
pochi privilegiati che si divorano il sudore dei più; queste 
parole che agghiacciano di spavento i potenti ingiusti; sono 
la speranza e la gloria nostra. L'idea del progresso ci fa tol- 



Digitized by 



Google 



35G ooxTRiBirro alla stobia dilla b. univxb8itì di Palermo 

lerabili ì mali del presente, c'incoraggia nei nostri dubbi, non 
ci fa disperare della patria ; il progresso solo solleva la scienza 
dalla bassa regione delle umane passioni alla sfera di puris- 
sima luce, dove siede la verità in seno a Dio; perchè il pro- 
gresso è la vera testimonianza di Dio e della sua provvidenza 
sulla terra, perchè (siami lecito adattargli l'espressione di un 
altissimo Italiano) i cieli narrano la gloria dì Dio; e l'opera 
delle sue mani annunziano il firmamento ed il progresso. 

In cotesto modo Emerico Amari facevasi l'apostolo del pro- 
gresso e delle riforme presso la giovane generazione, e pre- 
paravala con generoso proposito a quei tempi che non doveano 
tardare a venire. E i giovani che alle parole dell'illustre pro- 
fessore s'ispiravano a sensi di libertà e di patriottismo, gli 
furono sempre devotamente attaccati, e gli allievi del 1842, 
fatto a proprie spese eseguire un bel litratto di lui, litografi- 
camente riprodotto, glielo oflFrirono in pegno di riconoscenza. 
*I1 governo lo lasciava dire e gli permetteva la pubblica- 
zione del discorso inaugurale. In quel tempo re Ferdinando II 
voleva atteggiarsi a liberale, e la pena di morte, salvo pei reati 
politici, di fatto quasi aboliva, non consentendo più che si ese- 
guisse senza che egli ne fosse inteso, ed a ogni volta in altra 
commutandola; e, se non concedeva, tollerava la libertà della 
parola, e più tardi, nel 1845, annuiva che entro la bella Na- 
poli si riunisse il 6® Congresso degli scienziati, il quale, al 
pari più che i precedenti, e come l'ultimo tenuto nel 1847 
in Venezia, gì' Italiani, meglio che allo incremento delle scienze, 
volsero a fini politici e a preparazione di un grande movi- 
mento riformista. 

Emerico Amari fu uno dei personaggi principali del mo- 
vimento ch'ebbe il principio fra noi nel 1847, e il suo svol- 
gimento nel 1848 e 49. Fu tratto in arresto la notte del 10 
gennaio 48 con altri cospicui cittadini. Liberato dopo la vit- 
toria del popolo, prese subito parte al governo della cosa pub- 
blica. Poco dopo, nominato componente la Commissione per 
preparare l'atto di convocazione del Parlamento, ebbe incarico 



Digitized by 



Google 



OORTRIBUTO ALLA 8T0BIÀ DBLLÀ B. UNIVERSItX DI PALBBMO 857 

dì stendere quelPatto. Fu deputato di Palermo, in queirassem- 
blea che raccolse le più elette intelligenze siciliane, segnalandosi 
tra* primi per temperanza di idee, e per altezza di studi. Ma 
non vi sedette a lungo, dacché il governo inviavalo col Barone 
Casimiro Pisani a rappresentare la Sicilia presso Carlo Alberto. 
Ritornava nel 1849 quando cadute erano le sorti della rivo- 
luzione, e tosto ne ripartiva condannato a provare anch'egli 
la solitudine, l'amarezza, le ansie dell'esilio che in una delle 
sue più belle lezioni aveva cosi bene descritto. 

La memoria del suo splendido insegnamento gli tornava 
al pensiero nell'esilio, ed egli ripensava con soave compia- 
cenza a' suoi diletti giovani cui fu maestro e duce. Scrivendo 
ad un suo amico del giornale palermitano La Favilla che 
pubblicossi negli anni 1856-59, ei scriveva: «Leggendone molti 
articoli ho avuto come una dolcissima illusione, pareami ve- 
dere la nuova generazione, scevra delle miserie nostre e libera 
di un passato che molti rinnegano e a molti è rimprovero, 
lanciarsi negli immensi spazi dell'avvenire, piena delle passioni 
più sublimi dell'umanità, quelle del vero e del bello ; parevami 
di essere di nuovo in mezzo a' miei cari giovani avidi di sa- 
pere e credenti in qualche cosa che si chiama: giusto, vero, 
patria ». 

Nell'esilio pose mano ad un'opera di lunga lena che volle 
intitolare Critica di una Scienza delle legislazioni compa- 
rate ; l'opera sua di maggior importanza , lodata dal Mitter- 
mayer e che farà ricordare con onore il nome dell'Autore dalle 
future generazioni. 

Caduto il Grovemo borbonico per la riscossa del 1860, aiutata 
dal Garibaldi e da' mille. Amari ritornava in patria. Il Go- 
verno prodittatoriale creava per lui una cattedra di storia del 
diritto e di legislazione comparata nella nostra Università. Egli 
ricusò, né volle assumere la presidenza del Consiglio Supe- 
riore di pubblica istruzione. Due volte deputato di Palermo, 
due volte si dimise dal nobile ufficio. Tutto chiuso in se 

Arch. Stor. Sic. N. 8. anno XIX. 24 



Digitized by 



Google 



3$8 OONTRIBUTO AtLA STORIA DBLLA B. UHIVKRSITÌ DI PALBBMO 

stesso visse negli ultimi anni di memorie , di dolori , di pr^ 
ghiera (1). 

Rimasta vuota la cattedra di diritto e procedura penale 
per Tesilio volontario dì Emerìco Amari, venne nominato pro- 
fessore interino a 18 febbraro 1851, Gaetano Parlati giudice del 
tribunale civile (2). Ebbe però sulla cattedra poco splendido suc- 
cesso, e benché egli chiedesse la nomina di professore titolare, 
un rescritto del 26 maggio 1852 « nelPinteresse di assicurarsi 
la buona scelta del professore ordinario » ordinò farsi il con- 
corso. Tra* concorrenti si presentarono Y avvocato Gaetano 
Deltignoso (3), e l'avvocato Giovanni Ferlazzo (4), ambì allievi 
dell'illustre Amari. Il concorso non ebbe luogo sotto il prete- 
sto che si attendeva il nuovo regolamento per la provvista 
delle cattedre. Vuoisi che un personaggio di governo abbia 
detto allora: non vacare la cattedra, essere assente il pro- 
fessore. 

Trasferito il Parlati al tribunale di Catania, Y avvocato Giu- 
seppe M. Puglia, di gran lunga più valente di lui per acume 
d' ingegno, per larghezza di studi , specie nelle discipline pe- 



(1) Vedi Sampolo , Commemorazione di Emerico Amari, letta il 29 
novembre 1870 neir Università di Palermo, Circolo Giuridico^ voi I, 
an. 1870, prima serie p. 133 ; e Magoiorb-Perni Francesco, Di Emerico 
Amari e delie sue opere, Ck)mmemorazioDe letta alla R. Accademia di 
Scienze, lettere ed arti di Palermo, nella solenne tornata del 18 dioem- 
bre 1870, Palermo Morvillo 1871. 

(2) Parlati lesse al tribunale di Catania , qoal Procuratore del Re i 
due seguenti discorsi : 

BeW importanza del magistrato, dei suoi doveri e di queUo dei difen- 
sori (Catania dai tipi deirAccademia Oioenia 1858). 

Dell'origine del diritto e delle legislazioni, non che dei rc^pporii fl^a 
loro (Catania, Stamperia Giornale di Catania, 1854). 

(3) Vedi appresso quel che si dirà dell'avv. Gaetano Dbltionoso. 

(4) Vedi su Giovanni Ferlazzo, la Necrologia scritta da me nel Cir- 
colo Giuridico, volume XVI, anno 1885, pag. 300. 



Digitized by 



Google 



ooimaBUTO alla storia della b. uniyersitX di palbbmo 859 

nali, ne fé* le veci quale sostituto provvisorio negli anni 1852-53, 
1853-54 (1). 

Ritornato in Palermo il Parlati nel 1855, riprese Tinsegna- 
mento, e il suo nome figura nello elenco dei professori fino 
al 1862 quando, non potuto lui risalire la cattedra, venne 
richiamato il Puglia. 

Indettosi il concorso nel 1864, si presentarono al cimento 
egregi giovani, gli avvocati Pietro Nocito (Calataflmi), Angelo 
Muratori (Palermo), Giuseppe Madia (Napoli) (2), concorrendo 
per soli titoli il professore dell' Ateneo Senese avv. Mariano 
Muccìarelli, e Tavv. Giovanni Minghelli Vaini. 

La Commissione (3), pur riconoscendo il valore dei giovani 
candidati molto promettenti, che occupano ora onorevole loco 
negli Atenei, nel foro e nella magistratura, proponeva il tra- 
sferimento alla cattedra di Palermo del Mucciarelli. 

Nacque egli in Roccalbegna il 1 gennaro 1812 da Giuseppe 
e da Clementina Guazzi. Ottenne a' 23 agosto 1829 il posto 
Mancini di Siena previo splendido esame in lettere latine per 
la facoltà di giurisprudenza. Laureatosi neir Ateneo Senese, 
mostrò speciale attitudine per Tinsegnamento. Alle severe di- 
scipline del giure accoppiò lo studio amoroso delle umane 
lettere, e specie della poesia e die' qualche bel saggio del suo 
valore poetico; insegnò filosofia nel già Imperiale e Real Liceo 
di Siena. Fu deputato all'assemblea nazionale toscana sotto il 
Governo provvisorio di Guerrazzi, Montanelli e Mazzoni. 



(1) Vedi Giuseppe Mario Puglia, Necrologia dell'avv, Giuseppe Fal- 
cone nel Gire, Giur.y voi. XXIV, anno 1893, p. 300. 

(2) Le dissertazioni presentate farono sul diritto penale internazio- 
nale, di Pietro Nogito; Palermo 1865.— Dei diritto di punire. Suo oggetto^ 
sistema attuale di penalità, di Angelo Muratori ; Palermo , Stamperia 
Russitano 1865. —Su l'applicazione del principio che insegna doversi pro- 
porzionare la pena al reato in ragion composta del male morale e del 
male sensibile di Giuseppe Madia. 

(3) La Commissione componevasi dei professori Luigi Capuano , En- 
rico Possi na, Tancredi Canonico, Nicolò Masmeci, Diego Orlando. 



Digitized by 



Google 



860 OOHTRIBUTO ALLA STORIA DILLA B. URIVBRBlTk DI PALBRXO 

Nominato a 1 novembre 1857 professore di diritto cri- 
minale nella Senese Università, vi rimase fino al 1865, quando 
venne trasferito a quella di Palermo. Quivi pubblicò nel 1871 
per uso dei suoi scolari, Prolegomeni al corso di diritto penale 
che comprendono quattro parti — Delle origini del diritto pe- 
nale — Bell'essenza del diritto penale — Delle dottrine dei 
penalisti sul fondamento del diritto penale — Del principio 
supremo del giics penale. 

Lesse nel 1871 il discorso inaugurale agli studi Universi- 
tari (1), il cui tema fu: Dei fini deW umanità ^ e di ciò che 
T Italia ha fatto per conseguirli, specie riguardo oMa legisla- 
zione penale. 

Appartenne alla scuola classica penale. La sua formula su- 
prema del gius penale è «la giustizia sociale riparatrice del 
danno pubblico derivante dal delitto » ; significando con la pa- 
rola giustizia Telemento morale della scienza criminale, con 
Taltra sociale l'elemento politico; con la parola riparatrice 
la riparazione dell'ordine morale e sociale violato, essendo 
funzioni primarie del diritto penale la punizione e repressione 
del delinquente; con le altre danno pubblico la distinzione 
del diritto penale dal diritto civile ; con le parole derivante 
dal delitto dinotando sempre meglio che il criterio supremo 
di cui si tratta, appartiene esclusivamente al diritto penale. 

Questa formula, egli dice, contiene la forma e la materia 
del diritto penale. La sua forma consiste negli elementi mo- 
rale e politico insieme consociati e coefficienti, considerati 
nell'ordine razionale. La sua materia consiste in tutte quelle 
azioni umane che sono moralmente e politicamente dannose 
e inducono nei loro autori la duplice obbligazione civile e 
penale. 

Questa formula, egli soggiunge, differisce dal sistema teo- 
logico, da quello dei trascendentali, dalla difesa diretta o 



(1) Per V apertura degli studi della fi. Università di Palermo , nella 
Rivùta Sicula, voi. IV, p. 347. 



Digitized by 



Google 



ÒOlrirBlètTTO AÌLÀ BtokiA Ì>ELtA k. tTNlVfiRSItX DI PALfiRkO 861 

indiretta, e anche dalla tutela sociale o giuridica, dai sistemi 
dell'utilità e della necessità sociali da quelli della scuola sto- 
rica, da quelli dei correzionalisti, e degli ecclettici. 

Al 1878, non ancor molto vecchio, stanco dei lavori della 
cattedra, chiese e ottenne il riposo, e ritrattosi in Montepul- 
ciano , sua seconda patria , menò gli ultimi anni di vita in 
mezzo a' prediletti suoi studi e nella solitudine dei suoi campi 
eh' egli bonificò, dando lavoro e pane a molti operai. Ivi è 
morto a 75 anni nella sera del 29 marzo 1887. 

Negli anni 1880-83 ebbe incarico di dettare diritto penale 
Tavv. Simone Cuccia, che insegnava anche come professore 
straordinario Storia del diritto. Possedeva egli prontezza d'in- 
gegno, ampiezza di cultura, largo corredo di dottrina nelle di- 
scipline penali (1). 

L'avv. Giuseppe Taranto, il più degno degli allievi del Muc- 
ciarelli, educato da lui a' principi della scuola classica e che 
avea avuto l' incarico del diritto penale nel 1879-80 , riprese 
quell'insegnamento nel 1883 (2). 

Acuto e sottile ebbe l'intelletto, e pertinacia di propositi, 
e dalla sua prima giovinezza mostrossi assai promettente. 
Sin d'allora vi fu chi lo incoraggiò nei suoi studi (3). Né egli 
falli alla aspettazione. 



(1) Vedi Simone Cuccia, Necrologia nel Circolo Giuridico, voi. XXV, 
p. 52. 

(2) Vedi G. Taranto, Necrologia del prof. Giuseppe Salvioli nel Cir- 
colo Giuridico, volume XXIII, p. 116. 

(3) « Era appena abbozzata questa mia monografia quando, presentatasi 
Toccaslone deUa venuta degli scienziati in Palermo il 29 agosto 1875, 
epoca memorabile per questa illustre Città, animato dallo esimio cav. 
prof. Luigi Sampolo. Presidente della società scientifica Circolo Giuridico 
di cui faccio parte anch^io, e direttore della Rivista di legislazione e giu- 
risprudenza, organo della medesima , la comunicai alla classe IX del I 
Congresso della Società Italiana pel progresso delle scienze. Incoraggiato 
del giudizio lusinghiero che il chiarissimo comm. prof. Giampaolo Tolo- 
mei Presidente della classe come relatore, dava del mio scritto dicendo 



Digitized by 



Google 



óé2 OOMTRIBUTO ALLA STORIA DELLA B. UNITBBSItI DI PALBBlÉÒ 



Il SUO pregiato lavoro Sul tentativo gli procurò nominanza 
fra' cultori del giure penale. 

Banditosi poi il concorso per la cattedra di Bologna, il 
Taranto, gareggiò con altri gagliardi, e se non colse la palma, 
ne riportò onore. Apertosi indi il cimento per quella di Pa- 
lermo, tornò all'agone con le antiche e con nuore armi, e no- 
vello onore gliene venne. Infine toccò il premio dovuto a' suoi 
studi, alle sue opere, e fu nominato professore titolare. 

Dei suoi lavori alcuni sono didattici ; altri d'indole scienti- 
fica. Le sue lezioni erano frequentate da molti studenti. 

Era sui 45 anni, e la sua attività era tutta rivolta a' ge- 
niali suoi studi, quando la morte gli troncava cosi immatura- 
mente la vita. 

Morì a 23 febbrsgo 1892 rimpianto da' suoi colleghi che lo 
ebbero in grande stima, e da' suoi devoti discepoli (1). 



essere questo un lavoro coscienzioso e che merita l'attenzione della classe^ 
mi accinsi a tatt*aomo a svilupparlo per quanto le mie forze il per- 
misero. 

< Ma per sentimento di gratitudine devo qui fare ricordo dell'egregio 
prof. Vito Cusumano il quale , con tanto affetto e fervore, non mancò 
mai , direi giorno per giorno, d'incitarmi a compiere il mio scritto, di 
cui graziosamente assistette alla lettura che diedi al Circolo Giuridico >. 

Taranto, Del tentativo punibile. Palermo, Montaina 1876. Proemio, 
pag. 6. 

(1) Opere di Giuseppe Taranto : 

— Rapporti delV estradizione colla forza estensiva del giure punitivo, 
Palermo, Montaina 1871. 

— Demanialità della casa comunale. 

— Del tentativo punibile e sue relazioni colla complicità nei reati» 
Palermo, Montaina 1876. 

— Scritti criminali. Pai. Lao, 1878, voi. I : 

1. Idea del delitto e suoi elementi. 

2. Impeto delle passioni, 

9L Teoria deUa verità del convicio. 

4. Dei danni dell'ingiuria e basi relative di stima. 

5. Due problemi di dritto penale internazionale : 

— [La regola seguita dagli stati civili di non consentire la estradizione 
dei propri cittadini risponde alle esigenze del diritto penale? Lo stato 



Digitized by 



Google 



8oHtRiiÌiito ììlà nroìàik titlA k. tfNiVsBsiti m taìkbmo é^é 

La facoltà, che ben conosceva il valore dell' avv. G. B. Im- 
pallomeni, insegnante diritto penale nell'Ateneo parmense, 
anziché far bandire il concorso, deliberò proporre al ministro 
che egli fosse nominato professore titolare nella nostra Uni- 
versità ; e la proposta fu accolta. 

Cattedra di diritto nautico e commerciale 

Sua istituzione — Insegnanti — Vittorio Barbera—- Nicolò Musmeci e cenno 
della sua vita — Luigi Sampolo — Gaetano Deltignoso — Notizia intor- 
no a lai. 

Nello stesso anno 1841 (15 settembre) la Commissione della 
pubblica istruzione ed educazione in Sicilia chiese al Governo 
d'istituire in modo provvisono la cattedra del diritto nautico 
e commerciale, come s'era praticato per quelle di codice e 
procedura penale, di codice civile, di procedura civile; e pro- 
pose come insegnante il signor Vittorio Barbera, da Messina, 
giudice di tribunale civile in Palermo, eh' era stato valente in- 
segnante privato di pandette, indi prolessore di diritto nell'A- 
teneo di Messina. La proposta venne approvata a 18 ottobre. 

Istituita la cattedra con R. Decreto 9 giugno 1843, il Bar- 
bera vi fu nominato professore senza soldo da conseguirlo quando 
si fosse proposto e ammesso nel bilancio della Università. 

Al Barbera fu supplente Nicolò Musmeci (1). 

L'ingegno che sorti da natura, svegliato e penetrante, ap- 
plicò il Musmeci alle lettere, e diciassettenne appena scrisse 
sulle opere scultorie di Giovanni Musmeci. A compiere i suoi 
studi nelle lettere e in filosofia e ad avviarsi nelle discipline 



dove é rifugiato un delinqaente estero, ha il diritto di esercitare contro 
di lai razione penale , se lo stato del commesso reato ne riduti V estra- 
dizione?] 

— Analùi degli indizi e della qualità dei teslimoni in materia cri' 
minale. Pai., Lao ISSO. 

— Del grado del deliUo nella sua forza morale, Palermo Lao 1882. 

— Delle persone necessarie nel giudizio penale, Palermo, Lao 1882. 
(1) Nacque in Acireale il 17 i'ebbraio 1819. 



Digitized by 



Google 



Mi OONtBIBOTO ALLA StOftlA DBLLa 11. T7NIV8R8ItÌ DI t>AL]SB]tO 



legali fu mandato nel 1835 in Napoli. In letteratura italiana ebbe 
maestri l'illustre marchese Basilio Puoti e il Rodino; e in filo- 
sofia quel valente filosofo che fu il Galluppi. Attese allo studio 
del diritto presso i chiarissimi professori Furiati e Lauria e 
presso il venerato Roberto Bavarese, splendido onore del foro 
napolitano, alle cui dotte lezioni accorreva numerosa la scola- 
resca. Non è da maravigliare se sotto si sapienti maestri, il 
nostro Nicolò, dotato come era di eletto ingegno e di tenace 
volere, abbia saputo coltivare con grande amore le lettere, la 
filosofia e gli studi giuridici. 

Il primo lavoro ch'egli mandò fuori in Napoli nel 1847, fu 
una Memoria intorno al laudemio. 

Scrisse anche sulle decime. Arduo era il tema. Egli studiò 
antiche pergamene per iscoprire l'indole giuridica delle nostre 
decime, e opinò che esse non provenissero da abuso feudale, 
come alcuni affermarono, né da diritto di proprietà, come ad 
altri è piaciuto dire, ma fossero la più gran parte ecclesiastiche 
levitiche. E ne sostenne l'abolizione. É questa la quistione si 
largamente dibattuta a' di nostri nella giurisprudenza, e in 
dotti libri, e pregevoli monografie, quistione che sarà dibat- 
tuta nelle aule legislative. 

Nel 1848 fu deputato alla Camera dei Comuni del Parlamento 
siciliano a rappresentare Aci S. Antonio. Però più che nelle 
aule legislative, la sua operosità si svolse allora nella direzione 
del Liceo che a lui venne affidata dal Barone D'Ondes Reggio, 
ministro di pubblica istruzione. 

L'isola nostra ricadde nel 1849 sotto il più feroce assolutismo, 
e per parecchi anni vi soggiacque. Restaurato l'antico governo, si 
pensò a costringere deputati e pari del regno a firmare una 
vigliacca ritrattazione del famoso atto di decadimento della 
Borbonica dinastia, come se ciò fosse bastato a cancellare dalla 
nostra storia quel solenne decreto e a soffocare la coscienza 
del popolo siciliano. Il Musmeci si ricusò e n'ebbe in pena il 
confino in Termini. 

Di là tornato dopo circa tre anni, esercitò l'avvocheria e 
attese allo insegnamento privato del diritto civile. 



Digitized by 



Google 



OONTlOBUTO ALLA BTOtllA btiLLA B. UNIVB&SITA DI I^ALBfiltO Sé-*) 



I suoi studi speciali sul diritto commerciale e marittimo lo 
fecero nominare più tardi supplente alla cattedra di diritto 
commerciale di questa Università; e sin dal principio le sue 
belle e dotte lezioni dimostrarono quanto ei valesse in quello 
importantissimo ramo del diritto e come s'ispirasse a' principi 
di libertà. Il suo corso era seguito con grande zelo dalla stu- 
diosa gioventù. E ben conveniva che quella cattedra, morto il 
Barbera, a lui fosse conferita. Né il Governo prodittatoriale nel 
1860 dubitò un istante a nominarlo professore ordinario. In 
quello stesso tempo egli sedette giudice nella Gran Corte 
civile di Palermo. Però, pubblicatasi nel luglio 1862, la legge 
vietante il cumulo degli impieghi, il Musmeci, tra la cattedra 
e la magistratura, preferì la prima a cui chiamavate il grande 
amore ond'egli aveva svolto i volumi della scienza del dritto 
commerciale. E tornò avvocato. Il foro e l'Università furono 
le nobili palestre ove egli esercitò le forze della sua mente, 
nell'una mostrando la rettitudine e l'operosità nel patrocinare 
gl'interessi dei suoi clienti; nell'altra svolgendo i tesori della 
sua dottrina alla gioventù (1). 

Nell'anno 1862-63 era chiamato al governo di questo illustre 
Ateneo. Eran tempi difficili, dacché su nuova base doveva 
instaurarsi l'ordinamento universitario; gli studenti reclamando 
contro i nuovi ordini, egli adempì al suo dovere. 

Essendo lui rettore dell'Ateneo, e poi Deputato al Parlamento, 
chi scrive queste pagine venne incaricato dell'insegnamento del 
diritto commerciale per gli anni 1863-66. 

U corso era allora biennale, ed egli svolgeva in un anno 
il diritto commerciale, e nell'altro il diritto marittimo. Ristretto 
ad un solo anno quel corso, può appena il professore svolgere 
del diritto commerciale, la parte generale, la società, la 
cambiale, ma non può mai entrare nel diritto marittimo. 

Mancato di vita il Musmeci a' 22 giugno 1872, chiese e ottenne 



(1) Vedi Sampolo, Ricordanza di Luigi Mer cantini e di Nicolò Musmeci^ 
Palermo. Tipografia MorviUo, 1873. 



Digitized by 



Google 



Ì66 OOHTSIBÙTÓ ALLA 8T0&IA DKlLa 1L ÙìTIVIBSItÌ DI PALSElÉO 



qaella cattedra , prima come incaricato, e Tanno dopo come 
professore straordinario, Tavv. Gaetano Deltignoso. 

Le sue dotte lezioni, esposte con parola facile e con bello 
ordine, attiravano la numerosa gioventù. Benché annuale lo 
insegnamento, egli divideva in due anni il suo corso, svolgendo 
profondamente nell'uno la materia degli atti di commercio, della 
vendita commerciale e delle società; e nell'altro la cambiale e 
il fallimento. 

Più volte la facoltà fé' istanza al Ministro perchè lo promo- 
vesse ad ordinario. Il suo splendido insegnamento sarebbe ba- 
stato senz'altro ad ottenergli quella meritata promozione. Ma il 
regolamento si opponeva. Il professore straordinario nominato 
senza concorso (tale egli era) poteva essere promosso ad ordinario 
ai termini deirarticolo 69 della legge Casati. Egli scriveva perciò 
nel 1885 una monografia : « Sulla responsabilità illimitata dei 
sodi, studiata in confronto della personalità giuridica della 
società >. 

La Commissione esaminatrice, invitata a valutare se a lui 
potesse applicarsi il sopracitato art. 69, disse che no, pur sog- 
giungendo che indipendentemente da quello, avrebbe potuto il 
ministro promuovere il Deltignoso a professore ordinario. A 
questo giudizio si oppose il prof. G. Cugino rappresentante della 
nostra facoltà, il quale meglio che gli altri poteva apprezzare 
ringegno del nostro collega, e scrisse a parte il suo voto. Di 
quel giudizio il Deltignoso fece appello al Consiglio Superiore. 
In questo, due egregi professori lo sostennero e chiesero la 
sua promozione, ma i più non vollero disdire il voto della 
maggioranza della Commissione. Né fu promosso. Ciò lo indusse 
a dimandare il suo collocamento a riposo , e nulla valse a 
distoglierlo dal suo fermo proposito, non volendo ritentare al- 
tra prova né assoggettarsi ad altra Commissione. Non aveva 
65 anni, e fu a lui mestieri allegare motivi di salute (1). 



(1) S*indi88e poi il concorso per quella cattedra, e fu nominato profe 
8ore ordinario Tavv. Ulisse Manara. 



Digitized by 



Google 



ÒOlrtElBUtO ALLA 8T0BIA DELLA II. tJNlVlbslTi DÌ t»AÌlBllO 36i 

Sin da giovane erasi dato all'avvocheria e agli studi eco- 
nomici. 

Nel 1848 scrisse nel giornale diretto da Francesco Ferrara, 
La indipendenza e la lega^ non pochi articoli sopra problemi 
di diritto costituzionale; e insegnò in quell'anno scienze so- 
ciali nel Liceo. 

Nel 1860, essendo Giuseppe La Farina consigliere per Tinter- 
no e la sicurezza, egli ne fu segretario generale. Collaborò poi 
attivamente nel Corriere Siciliano , organo del partito moderato; 
consigliere comunale e rappresentante di Palermo nel Consiglio 
della Provincia, rese col suo ingegno e con l'opera sua solerte 
importanti servigi al Comune e alla Provincia. 

Dopo le fatali giornate del 1866 ritrattosi dalla vita poli- 
tica, presiedette il Comizio Agrario e ne promosse l'incremento. 

Tornò al foro. Primeggiava sopra tutti Vincenzo Di Marco; 
stavano presso a lui Agostino Todaro, Paolo Maltese, Deltignoso 
fu quarto fra cotesti preclari uomini. 

Spento il Di Marco, egli contrastava il primato per la effi- 
cacia della parola e per la lucidezza del suo ragionare. Però 
vagheggiava di consacrarsi tutto all'insegnamento quando gli 
sopravvenne il doloroso incidente della promozione; e poco 
dopo la morte rapivalo anzi tempo alla vita. 

La sua morte fu un lutto per la città, pel foro, per l'uni- 
versità (1). 

Mente robusta, animo austero, impieghevole, sapientemente 
benefico, abborrente da ogni tirannide, venga dal trono o dalla 
piazza, liberale di principi, amante della libertà con l'ordine, 
e del progresso non affi*ettato ma graduale; unitario in politica, 
liberista in economia, primeggiante nell'avvocheria per pron- 
tezza d'ingegno, per ampiezza di studi, per efficacia di parola; 
ottimo insegnante. Tale fu Gaetano Deltignoso. 



(1) Sampolo, Commemorazione di Gaetano Deltignoso. Palermo, Tip. 
militare 1887 e Falcone Giuseppe, Elogio di G, Deltignoso, Palermo, Tip* 
4 Lo Statuto» 1887. 



Digitized by 



Google 



d68 OOKTBIBtTTO ALLA STORIA bSLlÀ R. tNlVEt(8ItÌ tt Ì>ALlÌRÌtO 



Cattedra di medicina forense. 

La medicina legale — Gianfiilppo Ingrassia — Fortunato Fedele — Primo 
insegnante nell'Università Gaetano Algeri-Fogliani — Gli succede Sal- 
vatore Gacopardo — Cenno biografico di entrambi. 

Innanzi che le cattedre di codice civile, di procedura civile, 
di diritto e procedura penale, e di dritto nautico e commerciale, 
era stata istituita nel 1838 quella di medicina legale, che facea 
parte di due facoltà : la medica e la giuridica. Piacemi di ra- 
gionare anche di questa scuola con la quale si compiva allora 
il corso di giurisprudenza. 

La medicina legale, se si riguardi nella sua parte pratica 
ed esecutiva, è forse più antica della medesima clinica; ma 
se si consideri sotto l'aspetto scientifico, non era nata fino al 
principio del secolo XVII. 

Questo ramo importantissimo del sapere medico fu ben 
coltivato sul finire del secolo XVI in Sicilia, e quivi elevato poi 
a dignità di scienza. 

Giovan Filippo Ingrassia, che fu professore di medicina a 
Napoli e poi nominato dal Senato palermitano lettore di medi- 
cina teorica e pratica nelle scuole di San Domenico (1), levossi 
in fama, per la sua grande scienza; fu anche protomedico. 
Fra le altre sue opere una ne lasciò che si serba manoscritta 
nella Biblioteca Comunale di Palermo, e tratta di medicina 
forense. È questo il titolo : Methodus dandi rekUiones prò 
mutiUiHSj ìorquendiSj aut a tortura exctisandis; proque de^ 
formibiùs, venenatisque proque elephanùiacis extra urbem 
propulsandis sive intra urbem domi seqicestrandis. Egli, che 
in Napoli ebbe il titolo di Galeno Siculo, e dai Siciliani di Ip- 
pocrate novello, altra fronda volle aggiungere al lauro che gli 



(1) Vedi Sampolo, La R. Accademia degli studi di Palermo. Narra* 
zione storica, cap. I. Palermo, tipografia < Lo Statato », 1888. 



Digitized by 



Google 



OOBTaiBUTO kVLL STORIA DILLA S. trXITBRBITl DI PALBBMO 869 

ornava la fronte. Fu il primo in Italia che scrivesse di medicina 
forense; ma le sue idee rimasero non pubblicate. 

Il primato per una riforma, per la scoverta di un vero, non 
si dà a chi primo volge nella mente e scrive una riforma , o 
scopre un vero ; ma a chi primo la riforma o il vero sa pre- 
sentare al pubblico quaFegli Tha vagheggiato. 

Il nostro celebre filosofo, letterato e pubblicista Tommaso 
Natale scrisse le importanti Riflessioni politiche relative aJ- 
V efficacia ed alla necessità delle pene minacciate dalle leggio 
innanzi che Cesare Beccaria pubblicasse il suo aureo libro : 
Dei delitti e delle pene; ma T indugio della sua pubblicazione 
fé' si che il gran lombardo lo precedesse nel cammino della 
scienza. Accadde cosi ad Andrea Cesalpini, come scrive Vin- 
cenzo Monti , nella sua bella orazione Sui primi scopritori 
del vero : « Scopre il Colombi di Cremona pel primo la circo- 
lazione minore del sangue, e Andrea Cesalpini poco dopo, illu- 
strando con nuove osservazioni questa scoverta, ragiona della 
circolazione maggiore. La circolazioqe del sangue, questa gran- 
de scoperta, scintilla da tutte le parti agli occhi del Cesalpini, 
ed egli la tocca e la palpa, e sta tutto sul punto di alzare il 
velo e scoprirla. Ma tanto indugia che un inglese gliela strappa 
di mano, e gridando pel primo circolazione, ne raccoglie in 
un punto tutto l'onore.» (1). 

LMngrassia fu seguito nello studio della medicina forense 
da Fortunato Fedele, pur di Sicilia, che pubblicò : De relation 
nibus medicorumy lib. IV, quibtcs ea omnia qicce in forensibm 
ac publicis caicsis medici referre solent. Questa è la prima 
ordinata opera di medicina legale, che pubblicata a Palermo nel 
1602, fu ristampata in Venezia nel 1617, e di nuovo più emen- 
data e corretta, per cura di Paolo Armanno, in Lipsia nel 1674. 



(1) Dell' obbligo di onorare i primi scovritori del vero in fallo di 
«eterna — prolasioDe agli stndii dell* Università di Pavia, nelle opere ine- 
dite e rare di Y. Monti, voi. III, Piacenza, 1833. 



Digitized by 



Google 



STO OOXTBIBirTO ALLA «TOBIA DKILA B UHITEBSITÌ DI PALBBMO 

Il Fedele potè con legittimo orgoglio dire: «Scitote novuin 
« hoc esse argumenti genus, ac sine exemplo mihi susceptum ». 

Piacemi riferire qui il giudizio che, di queste due glorie 
siciliane, lugrassia e Fedele (1), pubblicò il medico russo dot- 
tor Markus , dotto io ogni ramo di medicina , e specie nella 
forense e politica (2) : 

«Se è grande l'Ingrassia — egli scriveva — non meno grande 
f\i la gloria di Fortunato Fedele, che il primo gettò le fonda- 
menta della medicina pubblica e politica, e cosi contribuì a 
dar del pari lustro alla Sicilia, terra feracissima di grandi 
ingegni. » 

Vent' anni dopo che venne in luce la prima volta V opera 
del Fedele, pubblicaronsi in Roma le Qucestiones medico-legales 
di Paolo Zacchia, che onorava sempre il Fedele del titolo di 
maestro, e a lui sovente rimandava nella sua opera. 

Insegnò primo fra noi questo ramo di scienza medica il 
Dr. Gaetano Algeri-Fogliani da Ucria (3), patria del celebre 
botanico P. Bernardino. Noto egli era come profondo scien- 
ziato e scrittore medico assai forbito. Stampò nel 1826, nel 
Giornale di scienze^ lettere e arti per la Sicilia (t. XIII) una 
lettera diretta ai componenti la Commissione vaccinica cen- 
trale: Un* osseì^vazione di erpete pustolosa comparsa dietro lo 
regolare sviluppo della vaccina] e poi una memoria: Fino 
a qual punto può nelle mani di un medico filosofo esser van- 
taggiosa la purgazione di Le Roy ì l\Aà. XV; e un'altra 
Su di un trattato inedito di medicina legale del célèbre In- 
grassiaj manoscritto del sec. XVI, Ibid. t. XVI e XVII (4). 



(!) Nei portico anteriore della R. Università degli stadi sono in marmo 
i mezzobusti di G. P. Ingrassia e di F. Fedele , dei quali , benché non 
professori deli' Ateneo, si voile pur onorare i nomi illustri a gloria delle 
scienze da loro professate, illustrate, ampliate o create. 

(2) Il Dr. Markus accompagnò 1* imperatrice delle Russie in Palermo 
nel 1845. 11 lavoro intorno a Fedele fU inserito nel giornale L'Ingrassia. 

(3) Nacque nel 1798. 

(4) Pubblicò in quello stesso giornale altri articoli. 



Digitized by 



Google 



OOHTBIBirrO ALLA 8T0BIA BBLLA V. UHIVIRSITÌ DI PÀUBMO 871 

Nel 1832 mandò alla luce: Sul cholera morbo, progetto; die 
poi mano ai suoi Archivi di medicina e di chirurgia pra^ 
fica per la Sicilia, che indi intitolò Oiornale di scienze me- 
diche (1). In questo giornale pubblicò un Discorso sulla necessità 
di un clinico istituto in Sicilia^ e Paltro Sul cholera che mi-- 
naccia V Italia e che ptùò inaspettatamente introdursi in Si- 
cilia; e la biografia del prof. Salvatore Manzella. Nel 1837 die 
fuori un Trattato completo sul cholera^morlnts, (Pai., 1837). 

Per concorso occupò nel 1838 un posto di medico di se- 
conda classe nello Spedale Civico. 

Socio della R. Accademia di scienze mediche e della R. Ac* 
cademia di scienze e lettere, nell'una e nell'altra fé' impor- 
tanti letture (2). 

Sin dal 1838 l'Algeri si era fatto a chiedere al Governo la 
cattedra di medicina forense, e, sulla proposta della Commis- 
sione di pubblica istruzione, fu nominato allora professore in- 
terino provvisorio della nuova cattedra. 

Agitossi nel 1842 in Palermo una importante quistionef 
Se una bambina venuta in luce con la operazione cesarea, 
sia morta nell'utero materno per la emorragia e le convul- 
sioni sofferte dalla madre, o abbia avuto una vita occulta? (3) 



(1) Vedi anche Appendiceper la medicina legale al Giornale di sciente 
mediche. 

(2) Letture fatte daH* Algeri-Fogliani aUa R. Accademia di scienze 
mediche : 

SaUa efficacia del cubebe nella blenorragia {Oiornale di scienze, lettere e 
arti per la Sicilia, t XIV, 1826). 

Biografia del prof. Salvatore Manzella (adunanza del 9 febbraro 1836). 

Sulla dignità della medicina legale nei secoli XVI e XVII, ridotta prima- 
mente a dottrina in Sicilia (adunanza 3 febbraro 1841). 
Letture fotte alla R. Accademia di scienze e lettere: 

Discorso sulla necessità di un clinico istituto in Sicilia (adunanza degli 
8 giugno 1832). 

Sul cholera che minaccia l' Italia e che può inaspettatamenle introdursi 
in Sicilia (adunanza del 6 settembre 1835). 

Discorso sulla vita e sulle opere di Fortunato Fedele (adunanza 23 feb- 
braio 1899). 

(3) Vedi : Difesa di un parere medico4egale, per M. FonmU 



Digitized by 



Google 



872 OOHTRIBtTTO ALLA BTOHIA DELLA K. TTKIVSRSITI DI PALERMO 

I medici che profferirono il giudizio furono i professori Mi- 
chele Fodera, Giovanni Gorgone, Michele Pandolflni, Pasquale 
Leonardi e Placido Portai, e conchiusero che la bambina poteva 
essere in istato di mo7'te apparente^ nel guai caso era pos- 
sibile il manifestarsi la vita. Il prof. Algeri volle anch' egli 
svolgere la quistione sostenendo validamente il parere di quei 
dotti. Questa difesa fu da lui Ietta a' suoi allievi nella Uni- 
versità (1). 

Ardito e indipendente nei suoi giudizi, ebbe temibili nemici, 
sia per lodi date a chi altri invidiava, sia per critiche non 
risparmiate a chi le meritava; e si ebbe ineffabili amarezze. 

« Fu r Algeri medico eruditissimo e dotto, sommo scienziato, 
scrittore di polso , instancabile nella fatica ; diffuse neir isola 
nostra le novità mediche più interessanti, mantenne la virtuosa 
gara fra noi, e sperimentò nuove pratiche e nuovi rimedii a 
prò deir egra umanità. Primo professore della cattedra di me- 
dicina legale in questo nostro Ateneo, si mostrò degno di oc- 
cuparla. Fu deir insegnamento pubblico zelantissimo, dell'onore 
dei nostri e della gloria di Sicilia energico sostenitore, e amò 
caldamente la patria». Così il Gorgone delineava l'Algeri- 
Fogliani (2). 

All' Algeri-Fogliani succedette Salvatore Cacopardo (3), il 
quale, trentenne, era stato per concorso nominato professore so- 
stituto di patologia generale. 

Fondò il Cacopardo e diresse dal 1853 al 1883 il periodico 



(1) Difesa per un comò di medicina legale del Dr. G. Algeri-Foohani, 
Palermo, tipografia Empedocle, 1842. 

(2) Biografia del prof. Gaetano Algeri-Fogliani, scritta dal prof. Gio- 
vanni Gorgone — Palermo, tipografia Barravecchia, 1847. 

Vedi anche : Una lacriìna sulla sua spoglia o Raccolta di lettere di 
cordoglio e di poesie funebri, pubblicate dall' avv, P. Galvagno suo ni- 
pote ^ PaLÌermo^ 1846. 

(3) Nacque in Galiodoro, proviacia di Messina, a 25 dicembre 1814. 



Digitized by 



Google 



oomnoBim) alia btobia della r. unitirsitIl di palibmo 878 



V Osservatore medico , nel quale , fra tanti lavori di dotti 
scienziati contemporanei deir arte salutare, nostrani e stranieri, 
non pochi, e tutti pregevoli, sono suoi (1). Nel 1861-62 tenne Tuf- 



(1) Elenco delle opere di lai : 

Discorso intorno alla preponderanza delle malattie flogistiche salle pro- 
vegnenti da debolezze — Palermo 1835. 

Salla utilità sanitaria del disseccamento delle risiere vegetabili infra il 
raggio della legale distanza. Discassione di una Commissione dell* Ac- 
cademia delle scienze mediche — Palermo 1850. 

Lavori inseriti neir Osservatore Medico : 

1. Il secondo colera in Sicilia. 

2. Sni bagni termo-minerali in Sicilia. 

3. Dello sfì*egio penale e dei snoi caratteri. 

4. Delle ferite gravi per gli accidenti e della causa sopravvenuta nel- 
r intendimento giuridico. 

5. Sugli effetti sanità rii dell* uso del tabacco e della sua coltivazione. 

6. Del bisogno di studiare le acque minerali d* Italia. 

7. Sul progetto del codice penale. 

8. Sulla così detta pazzia morale. 

9. Perizia medica sullo stato di salute di A. Militello. 

10. Sul progetto del codice penale. 

11. Il liceo e r università in Italia. 

12. Il quarto colera in Palermo. 

13. Ci ha egli una pazzia morale^ Nota letta alla Glasse di medicina nel 
XII Congresso degli Scienziati. 

14. Un omicidio avanti le Assise. 

15. Consulto medico-legale per estimazione di ferite. 

16. L* igiene dell* alimentazione in Palermo. 

17. Perizia in causa di veneficio. 

18. Perizia per imputazione d* assassinio. 

19. Sul progetto del codice penale. 

20. Consulto medico legale. 

21. Lettera al Dr. Gataliotti sul suo reclamo contro un giudizio della fk- 
coltà medica deir Università di Palermo. 

22. Allattamento artificiale. 

Sette orazioni tra le scelte di M. T. Cicerone, recate in italiano , in di- 
fesa di Archia, in difesa della legge Manilla, a fiivore di M. Marcello^ 

ArA. Stor, Se. N. 8. anno XIX. 25 



Digitized by 



Google 



374 oosniBirro alia wnmuL dilla i. mi t mul k paisihd 

flcio di rettore dell'Università; fu preside della facoltà di me- 
dicina nell' anno 1860-61, e di nuovo per undici anni continui 
dal 1864 al 1876. Membro del Ck>nsiglio Superiore d'istru- 
zione pubblica in Palermo; sotto la Luogotenenza del Monte- 
zemolo, segretario generale del dicastero della pubblica istru- 
zione, essendone Consigliere Enrico Piraino, barone di Mandra- 
lisca. Furono allora aggiunte nelle tre Università alla cattedra 
di anatomia descrittiva una Scuola di lavori anatomici con un 
settore speciale, e alla cattedra di medicina operativa la Scuola 
di anatomia chirurgica o topografica, affidandosi ad un dottore 
aggregato col titolo di Chirurgo settore; e furono istituiti dei 
premi dMncoraggiamento per gli studenti di medicina e chi- 
rurgia che si segnalassero nei lavori anatomici (1). 

Socio e vice-presidente dell'Accademia delle scienze mediche; 
socio dell' altra di scienze e lettere ; zeloso nell' adempimento 
dei propri doveri, fu di carattere austero, non pieghevole. 

Versato nella lingua latina piacquesi volgarizzare dieci 
orazioni tra le scelte di Cicerone, e nobile ne fu F intento. Gli 
studi classici sono appo noi tenuti poco meno che inutili, e 
i giovani, tostochè conseguita la licenza liceale, dimenticano 
il greco e il latino; onde il lamentato scadimento dell'alta 



in difesa di T. A. Milone, la prima contro C. Verre, la prima contro 
GatìUna, la seconda contro lo stesso. — Palermo 1873. 
Dieci orazioni tra le più scelte di M. T. Cicerone. Alle prime farono ag- 
giunte la seconda filippica contro M. Antonio, quelle contro Ornila o 
contro la legge agraria, in difesa di S. Roscìo Amorino. Con ripro- 
duzione del testo latino ~ Pai. 1882. 

(i) Vedi il decreto 5 aprile 1861 con cai vennero istituiti detti inse- 
gnamenti nella Raccolta degli Atti del Governo della Luogotenenza Ge- 
nerale del Re in Sicilia. Palermo , Stabilimento tipografico Lao , 1862, 
p. 204. Questo decreto ta modificato con R. Decreto 1 settembre 1860. 

I premi sono due di L. 600 per ciascuno che vengono pagati in doe 
rate annuali di L. 300. Possono essere ammessi al concorso coloro che 
ottennero la laurea in medicina e chirurgia da non più di due anni. U 
oonoorso si fk ogni due anni. 



Digitized by 



Google 



00HTBIBI7TO ALLA «TOBU DELLA R. UnTERSITi BX PALBEMO 876 



cultura. Ad invogliare i giovani allo studio della nobile lingua, 
di quel gran dire — come la chiamò il Foscolo — che avvolse 
regali allori alla servile chioma dell' Italia (1), egli pubblicava 
la traduzione di alcune belle orazioni del grande oratore romano. 

Costretto a lasciare la cattedra, per la malferma salute, nel 
novembre 1887, gli fu conferito il titolo onorifico di profes- 
sore emerito; morì il 7 maggio 1891 (2). 

Morto il Cacopardo, quelFinsegnamento fli lodevolmente dato 
per tre anni da Luigi Fasce, il quale, per incarico, avea pur 
dettato anatomia patologica e fisiologia dopo la morte dei ri- 
spettivi professori Biagio Gastaldi e Girolamo Piccolo. Lasciò 
pregevoli lavori scientifici che riflettono quasi tutti i vari mo- 
menti della sua carriera di medico e di scienziato (3). 

L' insegnamento della medicina legale è rimasto presso noi 
semplicemente teorico, mentre altrove alla teoria era unita anche 
la pratica. Questo studio conviene che sia insegnato e svolto 
teoricamente e praticamente ad un tempo, impartendo agli 
studenti di legge la teoria più che la pratica, e agli studenti 
di medicina più la pratica che la teoria ; la quale questi ul- 
timi per molte questioni o possiedono o possono acquistare 
mercè altre mediche conoscenze. 

Nei nostri non pochi regolamenti universitarii non è preve- 
duto che la medicina legale si abbia ad insegnare, dimostrando 
con le esperienze i molti fatti che le appartengono. Il De Orecchio, 
professore neir Ateneo napoletano, senti fin dal 1861 il bisogno 
di un gabinetto ben provveduto di ciò che occorre per la di- 



(1) Vedi il sonetto aU* Italia : 

Te nudrice alle Muse, ospite e Bea 

f2) Vedi Salv. Cacopardo , Necrologia nel BoUettino della R. Accor 
demia di Scienze, lettere e belle arti, 1891, p. 82 — e Necrologia dettata 
da Annibale Montalti nell* Annuario della R. Università, 1891-92, p. 83. 

(3) Vedi Luigi Fascb, Necrologia dettata dal prof. Arturo Marcacci 
nellMnnuarto detta R. Università, i89i'92. 



Digitized by 



Google 



Vt% Mmmrro aixa troiu billa i. mirmini bi mli 



roostrazione degli argomenti di fatto, e ottenne L. 820 annue, 
e due stanze per fondarlo (1). Nelle altre Università si continuò 
ad insegnare quella disciplina solo teoricamente. Ora in pa- 
recchie alla scuola è annesso un gabinetto (2). Ci gode V animo 
che anche presso noi finalmente si è potuto metter su un labo- 
ratorio, per quanto la ristrettezza dei mezzi e T angustia del 
luogo, ban consentito (3). 



Luigi Saiipolo 



(1) Vedi Db Grbcchio, SuUa fondazione d'IsHIuH medico-legalù Mor- 
gagni, anno IV, 1862, p. 73 e ss. 

Sopra un nuovo indirizzo da dare aU* imegnamento e alla pratica 
detta medicina legale, Morgagni, anao IX, 1867, p. 621 ; 

Le leggi italiane e la medicina. Prolusione al eorso uniTersitario del 
1868-69, Morgagni, anno X, 1868, p. 781. 

Vedi anche Ssttbmbrini, Breve notizia della R, Università di Napoli, 
per r esposizione universale di Vienna nel 1873 , NapoU , tipografia del 
Fibrena 

(2) Le UniTeraità nelle quali il gabinetto di medioina legale é sUto 
fondato sono : Napoli, Torino, Bologna, Pisa, Genova, Parma, Palermo. 

(3) U cattedra si occupa ora dal prof. Annibale Montalti , il quale, 
ottenuto il gabinetto, aggiungerà aUa parto teorica le esperienze. 



Digitized by 



Google 



(lOlIfBlllOTO AtUL BtOftU «StXA tt. tmVlBSITi DI PàìMUO 877 



i 

» 

co 



s 



1-^ 

% 

00 



a 



• a 
».2 — 
» » S 



SS 

2.^ 



2^5 § 



55 
•3»o 



O 4» <«* 



H.g S ► 



ce 

ss 

00 02 



5 
S 

S 4 

a H 
S-:g ?£.■« STIì: gs 






•C'C o "'•CJi 



^5±a5.^M 5*55 



11 

5 I 



s 

"•fi* 



S 
o 

8 






•a 

9 



I 

•d 

O 
O 
% 




.2 & 



a 

•53 



00 



^•5 



e 5 

Si § 
s « ^ 

Illesi: 




l§|5„S|§is||| 

S<3 e SbcS£S i§ 



I .g. 

=«3 11» 

iS— —OS 

§"" «"a à'a a * 
- 5 9 5 2 



« imu 



Sé è I 
li-s' I- 

o-s ri- 
unii 

-fisi 

S Sf 5 •* 



;3S5t.^ 

C^— a a B 



•0 S •*> O^ 



2oS 

"S 2 Pi 











= «a i: *« ^ p 5 ;. 

«> — • w ^ 






Digitized by 



Google 



MISCELLANEA 



DELLE MURAGLIE E PORTE 

DBLIiA CITTÀ DI ALOAMO 



Michele Amari a pagg. 431 e 432 del voi. 2." della sua Storia dei 
Musulmani di Sicilia (Firenze, 1854), riportando i nomi di venti- 
quattro città siciliane, notate nel M&gem el-Bolddn di lakut, tra 
i quali Alcamo e Bonifato, circa quesV ultima ani.ota: « Cosi ad- 
domandasi tuttavia il monte, che sovrasta ad Alcamo nel quale 
il Fazzello (Deca 1', lib. VII, cap. IV) afferma, che sorgea l'antica 
Alcamo, tramutata nel sito attuale per comando di Federico d'A- 
ragona il i333. 

Potrebbe darsi che Alcamo fosse stata sempre dov'è oggi. 
Edrisi (1154) la chiama Mensil, ossia stazione, e Ibn-Giobair (1184) 
beleda^ ossia terra: il che prova, che non era fortezza nel XII se- 
colo. Da un'altra mano il castello sul monte si chiama tuttavia 
Bonifato, e nel XII secolo era li presso un villaggio dello stesso 
nome con 600 salme di territorio, come si scorge da un diploma 
del 1182 presso Del Giudice, Descrizione del Tempio di Mon- 
reale, appendice, p. 14. Posto ciò, non abbiamo ragione di supporre, 
che lakut dia, come due città, due nomi diversi della stessa. 

Rivedendo i documenti citati dal Fazzello e dal D' Amico nei 
Dizionario topografico, ricercandone altri, ed esaminando con oc- 
chio d' archeologo i ruderi di Bonifato e le vecchie mura di Alcamo 
attuale, si potrà sciogliere il nodo ». 

Nel 1876 il chiar. prof. Vincenzo Di Giovanni, pubblicando « un 
piccolo manipolo di cose alcamesi inedite », tratte dal ms. del dot- 
tor Ignazio De Blasi, il Discorso Storico delf opulenta città di Al- 
camo (1) ecc., e dal Grand' Archivio di Palermo, volle occuparsi 



(1) Di questo pregevolissimo manoscritto, posseduto dalla Biblioteca 
Comunale di Aloamo, è a desiderarsi che se ne continuasse la pubblica* 



Digitized by 



Google 



maotLLAMEx 379 

della qiiistione accennata dal sommo storico siciliano, e conchiuse 
con affermare, che Alcamo e Bonifato erano due città diverse: Bo- 
nifato sul monte omonimo, Alcamo nella sottostante pianura set- 
tentrionale, e propriamente nel sito ove in atto esiste ; V una abi- 
tata da gente cristiana, T altra da Musulmani, e da questi fondata (1). 

Le ragioni che il Di Giovanni addusse a sostegno della sua 
tesi, parvero allora a me assai valide e inespugnabili, e gli tributai 
lodi nella Rivista Universale di Firenze (2) ; ma , recatovi poscia 
sopra più accurato esame, mi son convinto che, non ostante T auto- 
revole parola di si illustre ed assennato scrittore , il nodo veduto 
dair Amari non può dirsi ancora sciolto, e che per scioglierlo oc- 
corrono impreteribilmente le revisioni, le ricerche e gli esami, che 
nella surriportata nota si suggeriscono. 

Epperò, come altra volta mi feci ad illustrare uno de' più im- 
portanti «documenti citati dal Fazzello e dal D'Amico» (3), cosi 
ora vo' discorrere delle « vecchie mura » della mia città natale, e 
per concomitanza delle rispettive porte, « esaminando » le une e le 
altre non « con occhio d' archeologo * che confesso di non avere, 
sibbene al lume di parecchie autentiche scritture, parte delle quali 
edite, parte no. 

Il dott. Ignazio De Binsi nel precitato Disco7*so storico ecc. si 
studia di provare che le muraglie di Alcamo fossero state erette 
nel 1243, o pochi anni dopo, per ordine di Federico II Imperatore, 
costretti che furon da costui gli Alcamesi ad abbandonare per la 
seconda volta la loro città sul Bonifato e ad abitare nella pianura. 
Le prove che arreca si poggiano principalmente su queste tre basi: 



zioiiP, intrapresa con grande amore e sncrificio nel 1880 dal benemerito 
cittadino signor Leonardo Pipitone Cangelosi, e lasciata poi a metà per 
manco di associati e per non essere stata sovvenuta dal Municipio locale 
in modo veruno. 

(1) V. Notizie Storiche della città di Alcamo seguite dai Capitoli Oa- 
belle e Privilegi della stessa città ora la prima volta pubblicati per Vin* 
CBNZO Di Giovanni. Pai. tip. di Michele Amenta, 1876. 

(2) Nuova Serie — Anno Decimo, voi. XXIV, fase. 168 della collezione. 

(3) V. Sopra un anUco Privilegio concesso a Bonifato e indi confer* 
malto ad Alcamo, ncU* Arch. Stor. Sic.^ N. S.» an, XI, bsc IV» 



Digitized by 



Google 



B80 ktBOBLLAinCA 

1., sullo stemma con F aquila avente Tali aperte all'ingiù e senza 
corona, che yedesi murato in una delle quattro torri di questo òa- 
stello ; 2., sulla forma dei merli delle medesime mura ; 3., sul prì- 
Tilegio concesso nel 1317 alla città di Palermo, e pei quale Alcamo, 
insieme a Gefalù, Termini, Trapani e Carini, fu obligata a pagare 
una Cassia o Assisia imposta allo scopo di riparare coi pro- 
venti d* essa le mura della Capitale. Tale stemma, dice il De Blasi, 
poggiato sull'autorità di Filippo Paruta, di Agostino Inveges e di 
Giuseppe Sancetta, è Tarma adottata dai re Normanni e Sveri di 
Sicilia, e quindi quella del predetto Imperatore Federico II , per 
comando del quale sorse nel 1243 la nuova Alcamo. E dunque, 
poi che le mura vanno ad attaccare col Castello, esse furono in- 
dubbiamente edificate in detto anno , o pochi anni appresso. La 
forma dei merli non fanno che confermar ciò, essendo questi « al- 
l'imperiale, ossia ghirlandati o girlandati». E conferma ne fa pure 
il privilegio del 1317, giacché fu Alcamo costretta a pagare la su- 
detta tassa pel semplice motivo di essere essa stes^^a già « mura- 
gliata e ridotta in forma di città militare.» 

Quanta solidità abbian cotali basi, e che sorta di raziocinare sia 
questo, non v'ha chi noi vegga. Imperocché, dato anche che l'Al- 
camo attuale avesse avuta T origine, che il De Blasi le assegna, e 
dato altresì che Io stemma con l'aquila del connato castello sia 
Tarma dell'Imperatore Federico II, come inferire dal veduto attac- 
camento di mura ciò che il succitato storico vorrebbe? La mia 
casa, puta, è contigua alla casa d'un maggiorente qualsia, avente 
nel frontispizio il di lui blasone: potreste da tal contiguità dedurre 
d' essere la mia casa stata fabbricata per ordine del magnate, e lui 
vivente? E notate stranezza: per il De Blasi le mura di Alcamo 
furono fatte per ordine di Federico II, perchè in una delle torri 
del castello vi è Tarma di costui; il castello intanto, riguardo al 
quale si sarebbe potuta fare con aspetto di più verosimiglianza tale 
induzione, venne invece innalzato dal saraceno Alcamacco, fonda- 
tore di Alcamo sul Bonifato (1) I ! ! 

Che cosa poi abbia il De Blasi voluto intendere per e merli 
all' imperiale » ossia e ghirlandati e girlandati » non so veramente 



(1) V. Da Blasi, op. cit. 



Digitized by 



Google 



klSOELLAXBÀ $81 

capire (1). I merli delle muraglie in discorso, a giudicare da quei 
pochi, che tuttavia ne restano, non erano tutti della stessa forma, 
né della stessa misura. Alcuni ad est , e forse anche a nord e ad 
ovest, erano alti e larghi metro 1 circa, altrettanto discosti l'uno 
dair altro, e con due mensolette ai lati, incavate sopra nel mezzo, 
quasi a sostenere qualcosa rotondata, che all' uopo vi si collocava; 
altri, al solo est, alti m. 1, 08, larghi m. 1, 85, senza mensolette 
e lascianti un vano intermedio della lunghezza di m. 0, 40; altri, 
danti ad oriente e mezzogiorno, alti m. 1,08, larghi m. 1,60, grossi 
nel mezzo e sottili ai lati a guisa di un cuscino , e con un vano 
di m. 0, 40; ed altri, finahnente, a sud, alti m. 0, 80, larghi m. 1, 50, 
e con un vano di m. 0, 80. Dalla quale varietà di forma e di mi- 
sura non altro puossi, a mio credere , inferire che questo : esser, 
cioè, r intiere muraglie state costruite in diverse epoche e da di- 
versi artefici; non già nel 1243, o pochi anni appresso, e per or- 
dine dell' Imperatore Federico II, come il De Blasi si sforza di so- 
stenere. 

Il privilegio del 1317, formante, giusta abbiam detto, T ultima 
delle tre basi, su cui poggia V asserto del prefato storico mio con- 
cittadino, è, per chi noi sappia, del tener seguente: « Fridericus 
Dei gratia Rex Siciliae. Bajulo, ludicibus, luratis, et univei-sis ho- 
minibus civitatis Panormi fidelibus suis gratiam suam et bonam 
voluntatem. Ad supplicationem prò parte vostra proinde Culmini 
Nostro factum vobis Serenitas Nostra concedit quod in praedicta 
civitate Panhormi necnon in civitate Cephaludis, et terris Drepani 
et Thermarum ac casalibus Alcami et Careni ordinare et imponere 
de novo possitis Cassiam vel Assisam, cujus proventus et redditus 
per cives dictae civitatis Panhormi tantum , videlicet prò qualibet 
uncia valoris rerum et mercium eorundem civium, quas cives ipsi 



(1) £ non solo io, ma, a quanto pare, neppure il fìembina seppe ciò 
capire. Infatti nel suo ms. della Storia Ragionata della città di Alcamo^ 
parlando delle muraglie di essa città, scrive cosi : « Il tutto si crede essere 
stato eseguito per ordine dello .... Imperadore Fiderico II , ciò desumen- 
dosi e dal di lui stemma inciso in viva pietra, che tuttora scorgesl esistente 
ueU' esteme pareti d' una delle Torri di detto Castello, che guarda il libeecio,' 
ed altresì dalle medesime muraglie ghirlandate di merli, cara!tt€ristico se^ 
gno imperiale > (?). 



Digitized by 



Google 



88S IttSOlLLAltS^ 

tam per mare, quam per terram detulerint et immiserint, seu de- 
ferrì et immitti fecerint in dictas civitates terras et casalia et quas 
ab inde tam per mare quam per terram extraxerint seu extrhai 
fecerint^ tarenus unus solvatur Gabeliotis, seu Gredenceriis reddi- 
tuum et proventuum ejusdem Gassiae vel Assisìae; pecunia per- 
cipienda ex hiyusmodi proveotibus vel redditibus dictae Gassiae 
vel Assisae assignauda per eosdem Gabellotos seu Gredencerios 
statutos ad hoc per Universitatem vestram et in opere reconstruc- 
tionis et reparationis murorum Givitatis ejusdem, sicut expedit, con- 
vertenda, cujus Gassiae vel Àssisae proventus et redditus exerceri et 
percipi Yoiumus per anuum uuum tantum a die impositionis ipsius 
Gassiae vel Assisiae in antea numerandum, quo anno completo 
Gassia et Assisa ipsa irritetur, cassetur, et penitus annulletur; prae- 
dicta yero Gassia et Assisa imponatur et ordinetur ultra alias Gassias 
vel Assisas impositas et statutas in civitatibus, terris et casalibus 
praedictis. 

< Datum Messanae decimo octavi Februarii , quintadecimae in- 
dictionis. * (1). 

In questo privilegio , come il lettore avrà osservato, si dà ad 
Alcamo replicatamente il titolo di casale. Fra casale e terra < n^u- 
raglìata, ridotta in forma di città militare » , come pretende il De 
Blasi, la differenza non è poca. E però tal documento, invece di 
favorire la di lui asserzione, viene piuttosto a provare, che sino 
al 1817 Alcamo non era ancora stata cinta di mura. 

E che l'Alcamo attuale in queir epoca non era ancor murata, 
risulta eziandio da un'altra autentica scrittura, non ignota al De Blasi; 
ma alla quale ei, forse, non fece sul riguardo alcun' attenzione. 

La scrittura, cui alludo, è un atto di protesta del magnifico Gra- 
ziano De Baliis e delle magnifiche Francesca Gomes e Minerva 
Mauricio, eredi del fu mag.co Ugo Gentili, rogato a 29 Giugno, 10'' 
ind.ne 1582, presso not. Pietro Baffo, e transuntato a 14 seti, 11* 
ind.ne, detto anno, nelle minute di not. ^^incenzo De Mulis ; concer- 
nente tal protesta l'usurpo d*una sepoltura dei detti magnifici, 
perpetrato dai Domenicani di Alcamo nella loro vecchia chiesa, 



(1) V, Db Vio, PrivUeg. Ponorm., pag. 70, Pai. 1706, 



Digitized by 



Google 



kiscsLuoiftA 888 

che fu un tempo Chiesa Madre alcamese col titolo di S. Maria 
della Stella o della Misericordia (1). 

Iq essa protesta leggesi fra altro : « Quod cum annis longe de- 
cursis domini predecessores ipsorum dominorum De Ballis, Comes 
et Maurici edificare fecerint ad eorum expensas Majorem Àicami- 
tanam Ecclesiam in loco ubi in dicto tempore Alcamitanus populus 
habitabat; que Ecclesia ad presens remanet extra menia hujus 
nove terre Alcami, confinantem ex parte posteriore burgi diete 
terre; que quidem Major Ecclesia postea fuerit consecrata per 
Rmum tunc Mazarienzem Episcopum Gottofredum in anno 1313; 
prout dare patet per antiquam scripturam scriptam et sculpitam in 
latere dextero altaris majoris Ecclesiae predicte tenoris sequentis, 
videlicet : Anno D.ni MGCCXIII ind. VI in die Ascentionis D.ni 
de mense maij. Hec Mater Alcamitana Ecclesìa Beatae Mariae Do- 
mine Nostre consecrata est per rev.dum patrem Gottofredum Maz. 
Episcopum ac dat omnibus in eamdem Ecclesiam predicto die ascen- 
dentibus MCCG induJgentiarum p. concessa (sic). In qua quidem 
Ecclesia, prò futura memoria predecessorum dictorum dominorum 
exponentium, ipsius Ecclesiae fabbricatores (sic) sculpere et appo- 
nere fecerunt, intus et extra dictam Ecclesiam, eorum arma dua- 
rum sorcium, una videlicet.... que elevat campanam et altera, vide- 
licet... que arma intus apparent in arco cappelle altaris majoris diete 
Ecclesie et in quatuor partibus ipsius, et forìs in intaglio et capi- 
teJlis duarum januarum majorum ipsius Ecclesie : unius ex parte 
occidentis, alterius vero meridiei; ipsaque arma prò majore futura 
demonstratione, sunt eadem cum armis cujusdam tenimenti domo- 
rum magni quondam magnifici Ugonis Gentilis et Sanclemente, pre- 
decessoris dictorum dominorum exponentium, existentis in bac 
terra Alcami et in quarterio Santi Calogeri , sculpiti (sic) super 
petram intagliatam, prout dare patet; etiam dieta arma apparent 
sculpita super duabus lapidibus, seu balatìs, duarum sepulturarum 
predecessorum dictorum dominorum exponentium , uti primi fun- 
datores diete Majoris Ecclesie; postea edificationem diete Ecclesie, 



(1) < Qualiter ven. fr. Ibannes Vlllanova prior conventus sancle marie 
de la misericordia alias di la stilla terre Aloaml » (Not. Stefano Tornari in 
un atto deU'8 giugno, » ind., 1520). 



Digitized by 



Google 



Ì6i UiMOKLhÀXÈk 



eligerunt in eorum altare , altare msgus ipsius Ecclesie tanquam 
dignius, et coram eo fecerunt duas sepulturas cum earum balatis, 
super quibus, ad futuram memoriam, sculpiri fecerunt predicta eo- 
rum arma, et in ìpsis sepulturis fuerunt et sunt sepulti omnes 
predecessores dictorum dominorum exponentium continuati» tem- 
poribus usque ad novissimos ex eis mortuos, prout se sepellunt 
continue omnes defuncti dictorum dominorum exponentium, in tan- 
tum quod non est memoria hominum in contrarium; cui venerabili 
cappelle seu altari predecessores dictorum dominorum exponentium, 
ultra expensas fabricandi ipsam Ecclesiam, dotaverunt et deinde 
legaverint multas elemosinas et redditus, quos ad praesens fratres 
Ordinis Sancti Dominici se reperiunt in dieta Ecclesia, quolibet 
anno exigunt. 

< Et quia populus Alcamitanus reliquit habitationem que tunc 
temporis erat apud dictam Majorem Ecclesiam et habitaverunt in 
hac terra Àlcami, ubi ad presens habitat; prò qua causa fuit dieta 
Major Ecclesia vocata Sancta Maria della Stella derelicta , et de 
novo fuit opus alìam Majorem Ecclesiam fabricare in nova hujus 
terre Alcami abitatione; in qua nova Majore Ecclesia predecessores 
dictorum dominorum exponentium, tanquam devoti ad fabricatio- 
nem ecclesiarum mayorum, etiam contribueruiit ad expensas ipsius 
fabrice, et in aliquibus partibus seu colopnis diete nove Mayoris 
Ecclesie sculpiri fecerunt supradicta eorum arma, prout dare ap- 
parent. 

Et rebus sic stantibus, volentes ven. fratres Ordinis Predica- 
torum Siiiìcti Dominici in hac terra Alcami eorum conventum fa- 
cere et in eo habitare , fuit eis concessa predicta antiqua eorum 
Ecclesia Alcamitana sub voeabulo Sancte Maria della Stella » (1), 
ecc. ecc. , . . 

Giusta il contenuto, dunque, del surriferito brano di protesta, 
il popolo Alcamese nel 1313, neiranno cioè in cui il Vescovo Gof- 
fredo consacrò la Chiesa della Madonna della Stella, alla quale in 
seguito fu aggiunto il Convento dei frati di S. Domenico, che, la- 
sciato nel 1660 in abbandono, fu nel 1706 circa convertito, d'una 
alia Chiesa, in Casa di Ritiro per gli Esercizi! Spirituali^ non abi- 



(i) Estratto dagU atti di noU Pietro Baffo. 



Digitized by 



Google 



taya nel luogo in cui sorge V Alcamo attuale. E poi che questa al- 
lora non esisteva, non potean neppure allora esistere le muraglie 
di cui ci occupiamo. 

Ma quando questo «populus Alcamitanus reliquit habitationem 
que tunc temporis erat apud dictam majorem ecclesiam» e venne 
a stabilirsi nel sito cubi ad praesens habitat?» 

Commentando il privilegio concesso dal re Federico IP nel 1832 
alla terra di Bonifato feci notare come , stando a quel che ivi è 
espresso, pria di detto anno e per mandato dello stesso Monarca, 
gli Àlcamesì « deserentes eorum antiqua domicilia » , si recarono 
ad abitare in quell'altura, e che nel 1832 vi dimoravan tuttavia. 
Dovette quindi al certo essere in tale congiuntura, che il popolo 
Alcamese lasciò la sua dimora circostante alla Chiesa Madre della 
Madonna della Stella. E poi che nel 1332 esso stava ancora in Bo- 
nifato, la data della formazione di Alcamo attuale, e quando questa 
cominciò a circondarsi di mura non può risalire oltre il 1333. 

Qui mi si potrebbe obbiettare: — Nella «Membrana Gabellarum 
terrae Alcami anni praesentis, VE ind. MCCCLXVH sub regia 
dictione », contenuta nel ms. del Dr. De Blasi , e pubblicata dal 
Di Giovanni in coda alle Notizie Storiche della Città di Alcamo, 
abbiamo : « Item la piazza s'intende da S.to Nicolao per fina alla 
casa d' Antoni Raya exclusive e da S.to Pietro &ao alla Porta vec- 
chia exclusive». Ora, se al 1367 Alcamo s' avea una porta vecchia, 
come mai è possibile, che la si fosse cominciata a murare nel 1333 T— 

E primieramente domando: è egli certo che questa e Membrana 
Gabellarum » rimonti air anno , che si trova segnato nella copia 
fattane dal De Blasi T Io ne dubito assai. Il De Blasi , per come 
egli stesso assicura, trasse la detta Membrana da un antichissimo 
manoscritto; e non solo la Membrana, ma ancora i capitoli della 
Camperìa e quelli della Nadaria del 1558, pubblicati parimenti 
dal Di Giovanni con le Notizie Storielle ecc. Pare quindi che 
tale antichissimo manoscritto non avesse avuta data più antica del 
1558, eh* è r anno dei Capitoli della Nadaria, pur ivi compresi. Più, 
in due luoghi del detto esemplare deblasiano tu trovi le seguenti 
dizioni; in un luogo: Ǥ15 Prag. de Semin tit. 17, tom. 3; e con- 
servarlo bene »; nell'altro: « Vide§ 15, Prag. Marchionis de los Veles 
de Semin. tit. 13, factum die 10 O.brìs, 15 ind. 1646 in tom. 3, 
prag.rum Cisino ubi » ; e qui seguono ;ei o sette capitoli preceduti 



Digitized by 



Google 



S86 MnOBLLÀKIA. 

da due virgolette, onde dinotare che tali sei o sette capitoli furono 
di peso tolti dal Pragmaticarum Regni Siciliae Tomus Tertius 
del Dr. D. Giuseppe Cesino et Fogletta, stampato in Palermo nel 
1700. Or^ cotali indicazioni e capitoli furono aggiunti dal De Blasi, 
si trovavano neir antichissimo manoscritto t E se nell'antichis- 
simo manoscritto, come sembra più naturale, ove l'antichità di 
esso, essendo 1* opera del Cesino stata pubblicata nel 1700? E Tas- 
serta antichità del manoscritto viene pure contradetta dalla grafia 
che si riscontra nell'esemplare fatto dal De Blasi, ove: che, e non 
ki\ e, Q non et\ possa, e non pocza; perchè, e non perche; dan- 
nigiare, e non damniggiare ; fare prezare, e non fari prezari; 
Sciurta, e non Xiurta-, e molti altri modi di scrivere, che in un 
antichissimo manoscritto siciliano sarebbe impossibile rinvenire. 
Da ciò risulta evidente come 1' autenticità della Membrana non sia 
per nulla assodata. Aggiungi inoltre lo sbaglio nella indizione del- 
Tanno 1367, che dovrebbe essere quinta o sesta, e non settima, come 
ivi si legge. Di modo che puossi benissimo dubitare che, al par 
dell* indizione, anche V anno ne sia sbagliato. Aggiungi altresì il 
fatto, già avvertito dal Di Giovanni, di trovarsi tramezzati ai vari 
capitoli , onde costa la Membrana , capitoli e note evidentemente 
del tempo in cui Alcamo stava sotto il feudale dominio di Giacomo 
di Prades (1407-8) e di Matteo Speciale (1457-74) : donde il giusto 
sospetto di poter anche il capitolo concernente i confini della piazza 
essere una giunta posteriore al 1367. 

Ed anche ammesso che sbaglio nell' anno non ci sia, e che V or 
detto capitolo non sia una giunta posteriore, dovrà, forse, per questo 
darsi air adiettivo vecchia V interpetrazione di antica , quando a 
quella porta si sarà potuto benissimo dare il nome di Porta Vec- 
chia dal perchè un'altra porta più recente della Città veniva chia- 
mata Porta Nuoya? 

A proposito anzi del contenuto del capitolo in esame mi piace far 
notare una particolarità, che, se mal non m'appongo , milita a fa- 
vore del mio assunto. 

Il capitolo, come abbiamo veduto, ha le seguenti formali parole: 
« La piazza s' intendi da S.to Nicolao per sino alla casa d' Antoni 
Raya esclusive, e da S.to Pietro fino alla Porta vecchia esclusive». 
Questa piazza dunque era allora bipartita nelle due strade della 
Città, che son oggi battezzate col nome di « Via del Castello » e di 



Digitized by 



Google 



MltOXLLÀHlà 887 

< Via Rossotti » : una delle due parli della piazza in fondo alla « Via 
del Castello », Taltra in fondo alla via Rossotti. Tali vie han quasi 
la stessa lunghezza e larghezza, e stan tra loro in linea retta da 
tramontana a mezzogiorno, divìse dalla strada principale della Città, 
il € Corso 6 Aprile », che va da occidente ad oriente. A metà della 
Via del Castello è la Chiesa di S. Pietro , mentovata nel capitolo. 
La Chiesa di S. Nicolò, di cui è pur ivi cenno, più non esiste; ma, 
secondo dcteggesi da varii atti del cinquecento, e afferma il De 
Siasi, sorgea alquanti passi al di là della « Porta dei Saccari », che 
sino a non molli anni addietro era ancora in piedi all' estremità 
settentrionale della sudetta Via Rossotti. Or, se una delle due parti 
della piazza cominciava da «S. Nicolao», il perimetro dell'area di 
essa, ove la Città si fosse trovata cinta di mura, avrebbe natu- 
ralmente oltrepassato la detta « Porta dei Saccari ». Una piazza 
di città fuori città ! I ! 

Più rilevante poi si è: che accennandosi nel capitolo ai confini 
del luogo della piazza, che cominciava dalla Chiesa di S. Pietro, 
si escluda la Porta Vecchia ; additandosi quelli dell'altro sito, della 
Porta dei Saccari non facciasi neanco menzione. Ciò importa che 
sino all'anno della Membrana, e, ove la data che essa reca fosse 
esatta, sino al 1367, il lato settentrionale dsella Città non era ancor 
murato; e se in parte, non in tutto. Né poteva essere altrimenti, 
giacché, quand' anche si fosse cominciato a cingere Alcamo di mura 
nel 1333, appena discesi gli Alcamesi dal Bonifato , essendosene 
infra 34 anni murati per intero i due lati australe ed occidentale, 
i quali, forse, perchè meno difesi degli altri due per la situazione, 
furono i primi ad essere fortificati, si può dir sicuramente, di es- 
sere i lavori proceduti con molta alacrità, anzi che no. Quanto 
però mal fatti lo si vedrà venendo a parlare delle riparazioni che 
vi si fecero. 

Ho detto che i lati australe ed occidentale furono i primi ad 
essere murati, e non senza ragione ; dappoiché risulta da irrefra- 
gabili documenti che le mura del lato orientale furono terminate 
nella prima metà del secolo XVI, conducendone il muramento da 
nord a sud ; di guisa che le prime a farsi dovettero essere le mura 
australi ; le seconde, le occidentali ; le terze , le settentrionali ; le , 
orientali, l'ultime. 

Nel settembre dei 1526 infatti , per contratto in noi Stefano 



Digitized by 



Google 



888 XIBQILLANIà 

Torneri, il murifabbro napolitano Rainerio De Alesio , in solido 
con Sebastiano De Alesio, suo fratello, non presente questo alla 
stipula deiratto, ma promettente quello di farglielo in tempo ap- 
provare e ratificare, obligavasi ai magnifici Vincenzo Buttaresi ed 
Andrea Marcanza, giurati in Alcamo , a « murare et fabricare pa- 
rietes et muros diete terre vocatos de terra nova (1), incipiendo di 
li mura di s. Oliva, videlicet di li mura nova e sequendo versus 
meridiem erga portam vocatam di cunìgluoi »; col patto di doverne 
portare a compimento per tutto il maggio deiranno appresso, met- 
tendovisi dal i* marzo, una porzione del valore di onze cento; cal- 
colando « la maramma grossa a ragione di onza una la canna » 
e « li merguli di vacanti chini » a ragione di tari 15; con la condi- 
zione altresì di farvi < li speragli, bombarderi et gettacturi » simili 
a quelli del Castello , qualora i Giurati ve li avessero voluti ; un 
risalto della spessezza d*un palmo nel basso della parte interna, 
ed una scala. 

Ai margini del contratto trovansi registrati la ratifica di Seba- 
stiano De Alesio, con data dei 2 febbraro, 15* ind 1527 ed un altro 
rogito (già in gran parte roso dalla tignuola), dal quale par si ricavi 
d^essersi il prefato Rainerio obligato una seconda volta a fornir di 
mergoli ed altro quella stessa porzione di mura, che in forza della 
prima obligazione era tenuto di fabbricare , ma che avea lasciato 
incompleta, forse perchè la somma di onze cento, fissata dai Giu- 
rati non era stata sufficiente alla bisogna (2). 

Tornando intanto alle < mura di s. Oliva » ossia « li mura nova > 
che dovean servire di partenza a quelle che il su ripetuto Rainerio 
s'obligò di fabbricare per Tindicato atto del ]526, stimo utile dar 



(1) In antico, quando la Città era cinta di mura, dividevasi in quattro 
quartieri , ciascuno dei quali prendeva nome da una delle chiese in esso 
esistente. Questi quattro quartieri venivano appellati : Quartiere della Mag- 
gioro Chiesa, quartiere di S. Calogero, quartiere di S. Giacomo e quartiere 
di S. Francesco. A quest'ultimo davasi altresì U nome di Terrano\'a, forse 
perchè dei quattro ultimo ad esser fabbricato. Vedi in proposito Tatto di 
not. Giacomo Adragna de* 6 aprile 5* ind. 1502; ove: « In quarterie amplia- 
cionis diete terre vocatum (sic) terra nova, secus muros diete ampliacionis 
ex parte meridiei > ecc.. 

(2) V. fra' Documenti num. I. 



Digitized by 



Google 



nsoiLULirxA 



cono8G6Dza del risultato delle indagini fatte, onde appurare in che 
anno queste ir mura novaj» poterono essere costruite. 

In un piccolo mazzo d*atti di notari. incerti, esistente in questa 
Biblioteca Comunale, ho rinvenuto un contratto del 24 febbrajo, 
4' ind., 1516, pel quale un maestro Virgilio De Scio e il sudetto 
Rainerio De Alesio si obligayano ai giurati alcamesi Pietro De 
Ballis, Sebastiano Romano, Stefano Adragna e Nicolò Sanieli a fab- 
bricare 9 certum parietem terrae existentem dirutum... ut dìcitur a 
lu pertusu de coza »; qual « certum parietem » essi muratori doyean 
fare della stessa larghezza di quell'altro , che di fresco era stato 
principiato presso la Chiesa di S. Francesco d'Assisi; « largitudinis 
prout est quidem paries novit^r inceptus suta la Chiesa di S. Fran- 
cisco» (1). 

Or, la Chiesa di S. Francesco e la Chiesa di S. Oliva erano a 
quel tempo quasi contigue. Il De Blasì, parlando di questa ultima, 
dice cosi: «La Chiesa della Confraternita di S. Oliva, ammirevole 
per grandezza, architettura, incrostatura di marmi, dei quali sono 
coperti i pilastri, statua della stessa Santa del celebre scultore An- 
tonio Gaggini, e pittura di quel rinomato monrealese Pietro No- 
velli, esiste nella gran piazza del mercato fuori la porta vecchia di 
questa Città , detta di Trapani , dove fu trasferita nel 1532 , dap- 
poiché Tantica Chiesa, di cui non si sa la vetusta sua orìgine, pria 
di detto secolo era situata accanto il vecchio Convento di S. Fran- 
cesco d'Assisi dei minori Conventuali da tramontana, ed accanto 
le mura della Città da oriente , cioè in quella parte stessa dove 
oggi esiste detto Convento, alli Padri del quale fu venduta dal Ret- 
tore di essa Confraternita per comune loro necessità, dovendo li 
primi ampliare ed ingrandire il proprio Convento, e li secondi per 
la costruzione della nuova Chiesa, e ciò in vigor della potestà con- 
cessali da tutti li Confrati con pubblico atto in Noi Pietro Antonio 
Balduccio nel di 24 Settembre, 6* ind. 1532; onde poscia ne segui 
la vendizione, che stipolata leggesi negli atti dello stesso Balduccio 
a 29 detto, pag. 48, e di bel nuovo nelle tavole di Noi Stefano 
Tomeri a 4 Ottobre nel registro di detto anno , e quindi dalli ri- 
feriti Padri ne fu preso il possesso di detta Chiesa vecchia con 



(il V. fra' ìktCìxmmXx num. n. 
Areh. Star, Sic. N. S. anno XIX. 



Digitized by 



Google 



S90 VnOBLLàKIA 

sacrestia, cortile ed altro per gli atti del cennato Balduccio li 28 
Agosto deiristesso anno, 6* ind. 1532 j». 

Posto ciò, gli è chiaro che « li mura di s. Oliva, videlicet li mura 
nova» furono fatte parte poco prima del 1516, e parte poco dopo 
del medesimo anno. Non tutte prima, né tutte dopo, perchè, come 
abbiam visto, nel contratto del 1516 si dice, che erano sotto (suta) 
la Chiesa di S. Francesco , e nel contratto del 1526 accosto alla 
Chiesa di S. Oliva, che di quella stava al lato australe. 

Con Tatto del 1516 i maestri Virgilio Scio e RaJnerio De Alesio 
eransi altresì obligati ad < imbuctatl dintra et di fora tutti li altri 
marammi vechi > che andavano « di la porta di la fontana perfino 
a la Eclesia di Santo Francisco; et chilli scaglari et impliri chilli 
pirtusa» che vi si trovavano (1). 

Abbiamo qui lo stesso caso della Porta Vecchia della t Mem- 
brana Gabellarum terrae Alcami, » di cui sopra si è parlato. Le 
muraglie che correvano dalla Porta della Fontana sino alla Chiesa 
di S. Francesca vengono appellate * marammi vechi * a dififeren- 
ziarle dalle altre di più recente data, le quali son chiamate « paries 
noviter inceptus, parietes di novo murati, li mura nova». L'epoca 
intanto dell'erezione di esse e marammi vechi » non può, secondo 
io opino, andare più addentro della 2' metà del secolo XV, e prin- 
cipio del seguente. 

Baso questa mia opinione su ciò che in riguardo a tali mura si 
espressa nel cennato contratto del 1516, e su taluni particolari, che 
trovo indicati in altro contratto degli 8 settembre 9» ind. 1520, ro- 
gato presso il not. Stefano Torneri. Di -quest'altro contratto tra- 
scrivo quanto di bisogno : « Qualiter cum temporibus jam decursis 
fuisset facta ratio finalis inter condam nobiles Petrum de Ballo 
condam lacobum Falcuni, et condam not. Petrum de Mastro andrea 
olim juratos terre Alcami ex una, et magistrum Marinum de Ban- 
dolfo et condam magistrum Petrum De Leo, magistros fabbrica- 
tores ex altera, tam de pecuniis habitis et receptis a nob. theso- 
rerio diete Universitatis per dictos magistros fabbricatores , quam 
de fabbrica facta imparietibus diete terre, in quo quidem computo 
et ractione finali prefati magister Marinus et condam magister Pe- 



(1) V. fra' Documenti nam. n. 



Digitized by 



Google 



XISOKLLAiniÀ 891 

trus remansìssent debitores et relìnquitores diete Universitatis in 
unciis centum decem et novem, tarenos yiginti sex, et granos quin- 
decim in pecunia p. g. remanentibus predictis magistro Marino et 
condam magistro Petro creditoribus diete Universitatis in salmis 
centum et decem et novem calcis prò uncis triginta una et ta- 
renis yiginti duobus ad rationem tarenorum octo singula salma, 
resenrando sibi etiam predicti magistri fabbricatores posse sibi satis- 
fieri et de supradicta summa deduci la raxuni di la imbuccatura di 
li mura et cauchina prout hec omnia patent virtute pubblici con- 
tractus celebrati manu condam egregi notarii Francisci Sticca pub- 
blici notarli diete terre , olim die XVIII octobris Villi ind. 1505. 
Et deinde illinc ad certa tempora prefati magistri fabbricatores, 
existentibus juratis diete terre nob. Ioannes Baptista Vemaza, nob. 
Thomaso Saceu, nob. Bartolomeo Russo et condam nob. Simone 
Li Specii estimare fecissent la dieta imbuctatura di mura et cauchina 
per magistrum Paulum de Chilento, magistrum Henricum Lumbardu 
et magistrum Blasium Gusintinu, magistros fabbricatores, qui esti- 
massent dietum jus d^imbuccatura et cauchina prò uncis triginta de 
supradicta summa et unciis quinque prò pretio calcane que remanet 
prò dieta Universitate prefati magister Marinus ae filii et heredes 
dicti condam magistri Petrì remanent debitores diete Universitatis 
in unciis quinquaginta tribus, tarenis quatuor, et granis quindeeim; 
de quo quidem summa predicti filii et heredes dicti quondam ma- 
gistri Petrì prò eorum porcione sunt debitores in unciis viginti sex 
tarenis decem et septem et granis septem cum dimidio in pe- 
cunia p. g. > ecc. ecc. 

Le mura, di cui è parola nel superiore strumento, non possono 
essere, secondo me, nò il « parìes noviter inceptus suta la Eclesia 
di Santo Francisco » dello atto del 1510, né < li mura di s. Oliva, 
videlieet li mura novaji delFatto del 1526. La grossa somma onde 
i maestri De Bandolfo e De Leo eran rimasti debitori verso TUni- 
versità m'induce a credere che la fabbrica da loro eseguita in 
« parietibus terre Alcami » fosse stiita di gran rilievo, mentre il 
e paries noviter inceptus j> e « li mura nova » esser doveano una 
piccolissima porzione di muraglie, tanto che « li marammi vechi da 
scaglari » ed « imbuctari » si dice , che arrivavano a la Chiesa di 
S. Francesco, donde cominciavano «li mura nova», le quali al 
1626 non s'erano avanzate che sino aUa Chiesa di S. Oliva» alla 
prima quasi contigua. 



Digitized by 



Google 



892 mSOlLLÀHBA 

Or se le mura fabbricate dal De Bandolfo e dal De Leo non 
furono «li mura nova», quali altre poterono essere tranne quelle 
che i murìfabri De Scio e De Àlesio per l'atto del 1516 si obli- 
garono a «scaglari» ed e imbuctari )» ? Y'ha di più: nell'atto del 
1520, sopra riportato, è detto che nel computo fatto al 1505 il De 
Bandolfo e il De Leo si riserbavano poter diffalcare dal loro debito 
« la raxuni di Timbuccatura di li mura et cauchinai, e che avendo 
essi poscia^ fungendo da Giurati della Città i nobili Giovambattista 
Vernazza, Tommaso Sacco, Bartolomeo Russo, e Simone De Speciis, 
fatto fare V estimo di detta « imbuccatura et cauchina » dai muri- 
fabri Paolo De Chimento , Enrico Lombardo , e Biagio Cosentino 
costoro le valutarono per onze trenta. La voce « vucchiàri », donde 
imbuccatura, vale nel nostro dialetto lo stesso che rinverzare nella 
lingua madre (1). Pare quindi , che i maestri Bandolfo e De Leo 
avesser lasciato le mura da loro costruite in rustico, senza arricciato, 
cioè, e senza intonaco. E poi che Topera da eseguirsi nelle « ma- 
rammi vechi n per l' atto del 1516 consisteva in « scaglari et im- 
buctari » esse «marammi »: vai quanto dire in pareggiarle con iscaglie 
ed intonacarle, par probabile che tali mura fosHero state quelle 
cui riguarda il conteggio del 1505 , citato neir atto del 1520 di 
not. Stefano Torneri. Nello stesso not. Torneri rinvengonsi altri 
due atti relativi alle porte ed alle muraglie di questa Città, ed è 
pregio delPopera non trascurarli. Son essi in data del 18 Gennaro» 
e 18 Maggio 1585; di quel tempo cioè, in cui la Sicilia era in gran 
pericolo (scongiurato poco dopo con la presa della Torretta) d*una 
invasione deirarmi Ottomane, poiché Ariadeno Barbarossa, il valo- 
roso Ammiraglio di Solimano il Magnifico, erasì impadronito del 
vicino regno di Tunisi, scacciandone dal trono il Re Mokammed 
Hansan. 

I connati due strumenti ci fan sapere come coloro che stavano 
allora a capo della cosa pubblica in Alcamo, avesser in prima pen- 
sato a fortificare la Città, e reparando et compiendo menia et fa- 
ciendo portas »; ma non potendo ciò effettuire per mancanza di de- 
naro, fu dapprima deliberato per pubblico consiglio d^imporsi una 
special tassa per mezzo di dodici deputati a bella posta eletti; e, 
trovata questa tassa non del tutto esigibile , per un secondo pob- 



(1) Y. Traina, Vocabolario della lingua iieiliana. 



Digitized by 



Google 



HXSOitLAKlA 8d8 

» Ili É. ■»...~..^~. — ■ -. ■ ,,..».^»^. ■»..».... W ^ ~^ » , ,,| 

blico consiglio, a proposta del Capitan d'Armi Ferdinando Vega, 
si prese il partito di pigliare a mutuo onze trecento, con ipotecare 
i beni deir Università. Di essa somma onze duecento furono pre- 
state dal magnifico Giovanni de Mastro Andrea con dovergliesene 
pagare gl'interessi all'otto per cento ^ ed onze cento dal magnifico 
Giovanni De Ballis, con gl'interessi al nove per cento (1). 

Questo in succinto il contenuto di detti due atti. Nei quali verun 
accenno né circa alla parte di mura che intendevasi recare a compi- 
mento, né circa a quell'altra che volevasi riparare ed acconciare. 

Ed il peggio si è, che, per quanto diligenti ricerche abbia io du- 
rato in quesito archivio dei notari defunti, onde rinvenire i contratti 
d'obligazione dai quali rilevare i desiderati particolari, tranne la sco- 
perta di due rogiti, riferentisi a compra di legname per fare Tim- 
poste delle porte della Città (2), nulla mi è riuscito d'ottenere; 
essendo stati probabilmente quei contratti redatti nell'Ufiicio Giù- 
l'atorio , i volumi del quale, secondo mi si assicura, furono tutti 
vandalicamente nel 1820 dati alle fiamme dai rivoltosi. 

Non pertanto, da quel che più sopra abbiamo stabilito, vien pronta 
alla mente la supposizione che le mura da e compliri » fossero state 
il seguito di quella porzione di muraglie del valore di onze cento, 
che il Rainerio De Alesio per Tatto del 1526 obligossi a costruire 
nel lato orientale della Città, «rincipiendo di lì mura di s. Oliva 
e sequendo versus meridiem erga Portam vocatam di Cunigluni ». 
Le mura da acconciare e riparare saran poi, probabilmente, state 
quelle o del lato di mezzogiorno , ovvero del lato occidentale , o 
d'una porzione del lato settentrionale, che, per la fretta onde furon 
fabbricate, dovean presentare minor saldezza dell'altre, e minacciar 
pronta rovina. 

Né queste del 1535 e le altre del 1516, più sopra connate, furon 
le sole riparazioni, di cui ebbero ebbero bisogno quei lati di mura 
nel secolo XVI. Per atto del 28 giugno, 3'. ind.' 1575, maestro 
Francesco Rizzo, e maestro Andrea Cosentino si obligavano verso 
i magnifici Giurati Giacomo Adragna, Cristofaro De Ballis, Antonio 
Gigante e Leonardo Calansone a costruire « di calci et rìna , seu 



(1) V. fra' Documenti uumm. Ili e IV. 
{Zi V. fra' Documenti numm. V e VI, 



Digitized by 



Google 



éd4 kiaoiÌLAvài 



di petra et tayu, ad eleptionem ipsorum magnìficorum , menia di- 
ruta in centrata Porta Panormi » (1); la quale Porta era la stessa 
della Porta dei Saccari soprannominata, sita della Città al lato setten- 
trionale. E nel 1586 il medesimo Rizzo prendeva in appalto per 
onze cinquantanove e tari tre^ non compreso il materiale, da appre- 
starsi dai Giurati, i lavori di ricostruzione, eh' eran da farsi nelle 
mura « novamenti cascati alla Porta di Trapani *, situata nel lato 
occidentale delle muraglie; e ciò giusta i patti e le condizioni stabilite 
in un cosidetto Memoriale, che d'una al contratto di obligazione va 
trascritto fra i documenti che qui si alligano (2). 

Nei frammenti, poi, di Un Diario Alcaniese del secolo XVIII, di 
D. Stefano Monteleone, (3) pubblicato non è guarì dall'egregio mio 



(1) V. fra* Documenti num. VII. 

(2) V, fra* DocumerUi num. VID. 

(3) Il libretto stampato in Alcamo coi lipi del signor Francesco Spica, 
vide la luce a' 25 aprile 18d2 in occasione delle mie nozze con la signorina 
Benedetta M/ Mistrelta del Dolt. Giuseppe. £pperò sento il debito di 
rendere all'egregio amico pubblici ringraziamenti dei graditissimo dono. 
Alle notìzie biografiche, poi, ch'ei ci ha dato dei tre fraleili Stefano, Mario 
e Vincenzo Monteleone nella gmziosa pn.'fazione di esdo libretto, piacemi 
aggiungere queste altre, che trascrivo da un antico ms. delia Maggiore Chiesa 
di Alcamo, dei quale è cenno nel mio articolo : Documenti su Mario Giam- 
bona ecc., pubblicato nel fase. Ili, an. VII, di questo periodico: 

« A 2 gennaio, 5 ind. 1772 in giorno di giovedì, notte seguente, ad ore 
sei ed un quarto terminò il corso di sua vita mortale il buono ed esem- 
piarissimo sacerdote D. Stefano Monteleone d'anni 84 circa, figlio di D. Diego 
Monteleone e D.* Caterina Lombardo; il quale fu uomo meccanico si di pit- 
tura, e musica, come d' altre cose. Più volte fu Vicario Foraneo sostituto, 
visitatore di Monasteri , Oiliciale e Dipulato di più Opere Pie. Fu sepolto 
nella sepoltura de' RU. Sacerdoti, dentro la Maggiore Chiesa » (pag. 108). 

«A 16 ottobre, X. 1731. In giorno di Mercordl ad bore 23 in circa da 
subitanea morte fu sorpreso da questa a vita immortale il Sac. D.r D. Mario 
Monteleone in eia d'anni 62 in circa, attuale Cappellano della Casa dell'Or- 
fane, prima Vicario foraneo e Visitatore de' Monasteri, il quale ebbe molte 
cariche di confidenza del fu Monsig. Castelli, esercitando nella Gioventù 
Tuilicio di predicatore e di esercitj di S. Ignazio con grande invettiva. Fu 
sepolto nella Matrice Chiesa nella sepoltura de' Sacerdoti » (pag. 6). 

« A 29 giugno, 8 ind. 1775, giorno di venerdì ad ore 16 cessò di vivere 



Digitized by 



Google 



kl8CILÌÀÌtÌÀ m 



amico Prof. Francesco M'. Mirabella, leggesi, fra altro, quanto 
segue: «Deve sapersi che le muraglie della Città d* Alcamo per 



nel Convento della Cangia della Città di Palermo de' Padri Minori Osser- 
vanti di S. Francesco il P. Vincenzo M/ Monteleone d'anni 90 circa, che 
compir dovea a 23 settembre fut , 9 ind. , figlio dalli condam D. Diego 
Monteleone e D.* Caterina Lombardo, olim jagali di questa Città d'Alcamo. 
Fu egli più volte Rettore de' Collegi di molte Ciltà, e di questa sua Patria 
ancora, in cui menando la maggior parte di sua vita si interessata e con 
parziale affetto a prò de' vantaggi di questa sua Casa Religiosa, e veden- 
dola servirsi di un Oratorio per interina Chiesa , e priva d* un magnifico 
Tempio corrispondente a questo Collegio, ne riportò dagli animi dei suoi 
Superiori l'elezione di Procuradore della nuova Chiesa, di cui sendo stata 
posta la prima pietra delle cominciate fondamenta nel di 7 novembre, 8 ind. 
1684 , e ritrovando le fabbriche di Essa di altezza di palmi 8 sovra terra 
dalla parte solamente di oriente in dirimpetto delle muraglie della Città, e 
quelle conti novandole interpellatamente pello spazio di più e più anni, per 
opera quasi tutta delle sue faltighe, portò la detta sospirata Chiesa a per- 
fezione di essere terminata di rustico; onde previa la benedizione con so- 
lenne pompa si aprì nel 29 giorno di luglio 12. ind. 1764; e poscia fu anche 
abbellita di moderno stucco, e compita nel 1767; e lui sebbene pella sua 
età decapita ed abituali indisposizioni era reso quasi impotente a celebrar 
messa, nulla di meno quella celebrar volle in tutti gli altari del suo fab- 
bricato magnifico Tempio per vieppiù goderselo, e restarne ripieno di sommo 
giubilo, pria, al dir di lui, di chiudere gl'occhi a questa vita mortale. Per 
essere stato anch' Egli Padre Spirituale Direttore della Congregazione Se- 
creta di n. di 33 delle persone di ceto di Cavalieri, Gentiluomini, e Civili 
abbellì l'Oratorio di detta Congregazione con suoi pilastrini e colonnette di 
marmo rosso del nostro monte, e sue pitture nelle pareti. Ma non contento 
di ciò , considerando che le persone nel fare gì' Esercizj Spirituali di ogni 
anno nel mese di novembre in detta Congregazione, col ritornarsene nelle 
loro case, pegl'affari proprj domestici, di interesse e di professione, perde- 
vano il frutto dell'anima pella loro eterna salute, pensò procurare un luogo 
per ridurlo a Casa di Ritiro per fare detti Santi Esercizj ritirati per 10 giorni, 
quale appunto ebbe concesso per conto delli Fratelli della stessa Gong. dal- 
l'Ili. Principe Torre di Goto D. Nicolò Palmerini, maritali nomine di D.' Su- 
sanna Tornamira, e fu il Convento colla Silva, nominato delli Cappuccini 
vecchi per onze 8 ann. per contratto in not. Giuseppe di Blasi nel dì 25 
dicembre, XI ind. 1747; e quindi trovando detto Convento quasi demolito, 
usò con santo zelo la sua singoiar efficacia in raccogliere largtic e nuujc- 



Digitized by 



Google 



édé klftOSLLAKlBi 



tutto Tanno xìj ind. 1749, erano quasi bona parte roinata, ma per- 
chè sogliono essere di grande ornamento e di decoro della città, per 
ciò li signori Giorati cioè il sig. D.r D. Clemente Ippolito, sig. D. Se- 
bastiano Trupia, sig. D. Giuseppe Oliveri e sig. D.r D. Ignazio De 
Bissi, nel mese di Marzo, XIII ind. 1750, incominciarono a ripa- 
rare d. mura reducendoii al sistema che s* osserva, e neirìstesso 
tempo diedero principio alla porta di S. P^rancesco reducendola alla 
positura e buon'idea di disegno, qual presentemente s'osserva, tal- 
mente che il riparo delle mura e formatione della nuova porta di 
S. Francesco fu nell'anno Vili ind. 1750 ». 



rose limosino, a segno che nommeno ristorò tutte le antiche fabbriche, ma 
con aggiungerne deir altre e fare altro dormitorio e mezzo , con camere a 
galea; ondo rendendo il detto Convento in Casa di Ritiro non solo compita, 
che magnifica, e provveduta di tutto il bisognevole, capace di più di 52 
persone in camere distinte, con famoso Oratorio, Refettorio, antecocina, co- 
cina, diversi stanzoni, e molte Officine necessarie, erogandogli la spesa di 
tre mila, duecento cinquanta scudi, oltre delle fabbriche esistevano in parte 
demolite del vecchio Convento, si apri questa nuova Casi degl'Esercizi, ed 
a 7 novembre deiranno 14 ind. 1750 vi entrarono i Congregati, e molte 
altre persone cittadine, ed esteri delle città e terre convlcine con grande 
applauso e consolazione a farvi li Santi Esercizj ». 

« Nel mentre però nel surriferito anno 1767 era sul fine di terminarsi 
di stucco r anzidetta Chiesa , ecco che per divini giudizj , e giusti motivi 
del nostro Seren.mo Regnante Ferdinando Quarto (che Dio guardi) capitò 
in questa sotto li 4 dicembre dello stesso anno Ordine dell' espulsione de' 
Gesuiti, per la di cui esecuzione restò vacuo questo Coliecio. da cui sendosi 
partiti li Padri sotto li 6 di d. mese , e li Fratelli a 12 dello stesso , restò 
solamente in Alcamo il d. P. Vincenzo sequestrato In questo Convento de' 
Minori Osservanti, come ammalato: ciò non di meno finalmente fu obbli- 
gato partirsi da questa Città tuttoché decrepito, imp«Hente e gravemente 
ammalato sotto li 11 dicembre , 4 ind. 1770 , giorno di maredi ad ore 16 
circa in lettiga con persone assistenti, e capitando in Palermo, ivi restò se- 
questrato nell'anzid. Convento della Cangia de' Padri Minori Osservanti, 
dove continovando a patire le sue abituali indisposizioni de' dolori di cal- 
colo, ardore d'urina, ed occupazioni di petto, questi alla fino nel mentovato 
giorno lo passarono all'Eternità, ritrovandosi in stato iti Prete Secolare dal 
tempo che fa perpetuamente abbolita la sua Religione deUa Compagnia di 
Gesù in virtù di due Brevi di Clemente XIV Sommo Pontefice dati in Roma 
sotto li 21 luglio dello scorso anno 7 ind. 1774 e 13 agosto allora seguente >• 
(pagg. ili, 112, 113 e 114). 



Digitized by 



Google 



kl801ÌÌA9Ìà 89? 

H Monteleone ha tralasciato d'indicarci i diversi punti ove questa 
« buona parte di muraglie * trovavasi rovinata nel 1749, ma ritengo 
per fermo, che in essa «buona parte» non si comprendessero le mura 
guardanti ad est; gli avanzi delle quali han tuttavia tale compattezza 
e solidità da potere ancora combattere coi secoli; semprechè la mano 
dell'uomo non cerchi di abbatterle anzi tempo essa medesima, sic- 
come ha già fatto in parte per dare nuova uscita a due strade 
della Città. 



Lungo il già detto trovasi qua e là fatta menzione di alcuna 
delle varie porte, ond'era Alcamo fornita. Dirò ora di tutte unita- 
mente a fine di correggere taluni sbagli in cui circa alle stesse è 
caduto il De Blasi nel suo Discorso Storico. Vediamo prima ciò 
eh' ei scrive in proposito : * Circuita così questa nuova Città di 

muragUe poch'anni dopo del 1243 vi furono lasciate aperte quattro 

porte, una da oriente, altra dall'ostro, la terza da occidente, e l'ul- 
tima da settentrione ;. questa che guarda alla marina venne detta 
Porta di Palermo, per mettere nella strada di tal città, ed oggi 
detta delli Saccari per entrare da essa quantità d'acqua dalla vicina 
sottoposta fontana in città -con bestie da soma, nel vocabolo del 
paese dette Saccari ; scuopresi nell' entrarvi una delle principali 
strade della città nella quale vi fu per molto tempo il publico mer- 
cato, e perciò detta oggi la piazza vecchia con belle ed alte fabbri- 
che di particolari, di monasteij e conservatoij di donne, chiese e fab- 
briche pubbliche, avendo per termine la detta fortezza delia città : 
quella d' oriente vien nominata di Corleone, per dar l'uscita a chi 
per ivi s'incamina incontra altra ben larga strada con fabbriche di 
monasterii, che passando per la piazza interiore aperta della for- 
tezza suddetta, termina alla porta occidentale detta di Trapani per 
la stessa ragione dell'altre due, ed oggi detta del Collegio; e final- 
mente l'ultima australe detta oggi di Gesù per condurre al Con- 
vento dei PP. Minori Osservanti di S. Francesco , sotto titolo di 
S. Maria di Gesù nella piazza esteriore del castello , dov' è stato 
piantato il patibolo per li rei j» 

e Col decorso poi del tempo, di esse porte se ne chiuse la porta 
occidentale per avervi entrato V ...Jmperadore Carlo V nel 1535, 
quando da Trapani si portò in questa, ..... e se ne aprirono altr^ 



Digitized by 



Google 



quattro, cioè tre dello stesso lato ed una a quello d'oriente, e sono, 
dairoccidente la nuova porta detta di Trapani, larga quant'è la strada 
che incontra, che è Taltra strada maggiore della città, di bellissima 
architettura con marmi e nicchie , e senza arco e volta che la co- 
prisee, ma aperta a guisa della Porta Felice di Palermo, per non 
essere stata portata airultima sua perfezione ed altezza, secondo il 
disegno espressato nelle pubbliche tavole di noi Sebastiano Gin- 
querughi nel 1610 la quale s*apri per essere stata ingrandita questa 
città dalla parte occidentale per unire la nuova strada principale del 

borgo larga palmi 64, detta Imperiale, oggi del Corso con una 

delle maggiori della città, che tirando verso oriente incontra più 
chiese , oratorj , spedali , monasterj e conventi, e passando per la 
piazza della nuova chiesa maggiore termina in altra porta nomi- 
nata di S. Francesco, che è T orientale nuovamente aperta nello 
anno 1616 a 6 Novembre 15 ind., d'ordine di D. Pietro Balsamo 
Principe di Hoccafiorlta allora signore di questa città, accanto alla 
chiesa dei PP. di S. Francesco dei Minori Conventuali , dove al- 
lora erano le cappelle del SS.** Crocifisso , e S. Marco ed il chio- 
stro dell* antico convento di essi Padri ; la terza porta fu aperta 
da D. Gio. Federico Enriquez de Aragona grande Al mirante di Ca- 
stiglia quarto di sua casa, Conte di Modica e di Melgar, primo Duca 
di Medina de Uiosecco e signore d'Alcamo nell'anno 1480; chia- 
mata Porta della Stella per essere stata unitamente con l'apertura 
di essa porta fabbiicata dallo stesso Conte di Modica una cappella, 
o sia picciola chiesa a quella collaterale dedicata a nostra Signora 
della Grazia, detta sin oggi della Stella (1); e finalmente l'ultima 
porta chiamata nuova accanto il convento dei PP. Carmelitani ». 
Riguardo alla Porta di Palermo noterò solo : 1., come dell'altro 
titolo ch'essa si avea di Porta dei Saccari si faccia ricordo in un 
atto del 2<) Ottobre 1519 in not. Andrea Orofino, ove: «quoddam 
fundakettum situm in dieta terra alcami et a la porta di li saccari 
in frontispicio fundaci nob. Joannis Pauli de Romano » ; e perciò 
tal altro titolo non data dai tempi in cui viveva il De Blasi; 2., che, 
oltre alle due connate, essa Porta abbia avuta altresì la denomi- 



(i) « Notar Giuliano Adragna d* Alcamo a 19 maggio , 4 ind. 1480 , e 
notar Pietro Soannarialo a 9 dicembre 7 ind. 1535 ». 



Digitized by 



Google 



klSOttLLAMA é99 



nazione di Porta della Fontana, come vien detta nell'atlp dei 1516, 
sopra referto. Della Porta di Gorleone non ho nulla da aggiungere 
né da togliere alla notizia datane dal De Blasì; stando tal notizia 
in perfetta armonia con quella che abbiamo nel contratto obliga- 
torio di Rainerio e Sebastiano De Àlesio , del 1526 , presso notar 
Torneri. Non cosi per ia Porta di Trapani, che trovo nominata in 
due atti del secolo XYI con precise indicazioni d'essere stata, anche 
prima del 1535, quella stessa, che il De Blasi chiama Nuova Porta 
di Trapani , e non già V altra del medesimo lato occidenUile, ap- 
pellala Porta del Collegio; la quale, a mio avviso, dovette essere 
fatta nella prima metà del secolo XVIU , appena eretta la vicina 
Chiesa degli ex Gesuiti (1), comunemente intesa col nome di Chiesa 
del Collegio. I due atti pocanzi connati sono del 21 maggio, 8' ind. 
1520 (in not. Andrea Orofino) e del 5 dicembre T ind. 1583 (in 
not. Pietro Scannariato). Nel primo dei quali si ha : « Duas demos 
simul conjunctas et collaterales, sitas et positas in dieta terra Alcami 
et in quarterie Sancti lacobi, in loco darreri li mura supra la porta 
di Trapani et sutta la capella di ly ili. s. admiranti et contissa d ; 
nel secondo : * Tenimentum unum domorum, existens in corporibus 
quatuor, scilicet: duobos ex parte inferioris et duobus ex parte 
superioris, cum alia solarata super eis existente, ultra dieta quatuor 
corpora, situai et positum inlus dictam terram Alcami, et in quar- 
terie majoris ecclesie prope stratam porte vocate di Trapani, secus 
domos nob. Ioannis Mactey De Blanckinis, ex parte orientis stra- 
tasque pubblicas (2)». Non credo poi, che al lato australe fosse 



(1) E che la cosa fosse stata cosi pare che, contradiceudo.si , il dica lo 
stesso De Blasi là dove nel suo Discorso Storico parla deirajjolito Collegio 
della Compagnia di Gesù: e Per comodo della quale chiesa (soii parole di 
lui) e delli concittadini fu concessa licenza ai detto Ck)llegio e suo Padre 
Rettore dalli Giurati di questa di poter aprire a proprie spese del Collegio 
la porta della città murata, che veniva iu dirimpetto della ...porla picoula 
di questa chiesa da oriente, per atto in not. D. Benedetto de Blasi a 4 no- 
vembre, 7 ind., 1743, pag. 100 ». Ho cercato quest'atto, ma inutilmente; più 
non rinvenendosi degli atti di not. Benedetto De Blasi che, nell'ufticio del 
not. V. Rotunda, quelli del 1747, '48, e '49. 

(2) La casa qui connata, giusta gl'indicati confini, era nel silo ove in alto 
sorge quella ch'è in via Flavio Gioia, al n. ó, di proprietà del sig. Fran- 
cesco Guarrasi di Raifaele. 



Digitized by 



Google 



4ÒÒ kl8€ILÌAl»IÀ 



esistita una sola Porta , la Porta di Gesù, e che essa fosse stata 
aperta, quando la Città fu circondata di mura; il che, secondo 
il De filasi, varrebbe nel 1243. La Porta di Gesù , stando a quel 
che ne dicono i più vecchi , era situata quasi di [fronte al Con- 
vento dei Minori Osservanti di S. Francesco, e precisamente alla 
fine del vicolo che tuttora ne porta il nome ; e noi dalla « Mem- 
brana Gabellarum terrae Àlcami » sappiamo, che in fondo alla strada 
del Castello vi era una porta denominata Porta Vecchia, che pro- 
babilmente sarà stata nel sito, ov'era la cosidetta Porta del Castello, 
la quale d'una alle laterali muraglie, venne demolita nel 1816, traspor- 
tandone gli stipiti e l'architrave fuori Porta S. Francesco, ove al 
presente servono di pubblici sedili (1). È noto altresì come la fon- 
dazione del sudetto Convento e della sudetta Chiesa dei Minori 
Osservanti non rimonti ad epoca più lontana del secolo XV, e però 
niente di più facile, che quella Porta di Gesù, pigliante titolo dalla 
mentovata Chiesa, fosse stata costruita in seguito a tal fondazione 
e non prima, come il De Blasi asserisce. L'atto più antico, del resto, 
nel quale la trovo mentovata, è del 14 Agosto, 7* ind. 1549 in not. 
Pietro Balduccio; ove : « Locum orti existentem extra muros diete 
terre ante portam S. Marie de Jesu ». 

Degno di fede ritengo invece Tasserto del De Blasi circa la Porta 
di S. Francesco; d'esser questa, cioè, stata fatta nel 1616 per ordine 
di D. Pietro Balsamo, Principe di Roccafiorita, allora Signore di 
questa Città. Da un atto del 9 novembre, 11* ind., 1612, in not. 
Sebastiano Cinquerughi , si rileva che per aprirsi questa Porta 
avesse pria il Comune, in esecuzione di una deliberazione consiliare 
presali 25 novembre, 10 ind., 1611, concesso ai Minori Conventuali 
di Alcamo il dritto di potere esigere per un triennio, a cominciare 

dal 1513, « gabellam carais grani unius ad effectum expendendi 

prò fabrica novi conventus Sancti Francisci ad presens fabricati et 
trasportati in dieta terra *; a condizione però di potere il Comune, 
alla sua volta, allungare fino alle mura del lato est la strada prin- 
cipale della Città, facendola passare tra la Chiesa e l'antico Con- 
vento (2). 



(i) V. fra' Documenti numm. XI e XII. 
(2) V, fra' DocumenH num. XIII. 



Digitized by 



Google 



msoiLLAnA 401 

Àirasserto del De Blasi bisogna intanto aggiungere la notizia 
compresa nel Diario di D. Stefano Monteleone; cioè che nel 1750, 
giurato lo stesso De Blasi, < si die' principio alla Porta di S. Fran- 
cesco, riducendola alla positura e buon'idea di disegno, qual pre- 
sentemente s'osserva». 

La Porta Nuova rinviensi nominata in un rogito del 9 ottobre 
7* indL 1508, contenuto in un breve frammento di bastardello di 
notare incerto. Ivi si ha: «r Domum unam novam, seu di novo 
fabricatam, existentem in terra AJcami et in quarterie, seu loco, 
vocato lu burgu, in frontispicio lanue diete terre, vocate la Porta 
Nova, per orientem; secus aliam domum diete terre ex septentrione; 
ex latere occidentis vanellam pubblicam; ex meridie etiam viam 
pubblicam, qua itur ad Sanctum Julianum, cum introitu et exitu 
ex dicto latere occidentis », Essa porta quindi è anteriore al 1535, 
e non posteriore, come afferma il De Blasi. Il quale erra eziandìo 
in ritenere che la Porta della Stella si fosse fatta nel 1480, in cui 
la piccola Chiesa della Madonna della Grazia, di giure patronato 
della famiglia Enriquez De Caprera. Nell'atto di not. Pietro Scan- 
nariato (quello di not Giuliano Adragna più non esiste), ch'ei cita 
in appoggio , si parla della Chiesa (1) e non della Porta ; e dalla 



(i) L'atto di not. Scannarialo è questo che qui esemplo : • Die viiij* 
decembris vij* ind. 1533. Cum his temporibus preterìtis IlLmj et multum 
excellentes domini dominus federicus hcnrìqucs do capraria admirans Ca- 
stello Comes Comjtatus mohac terrarum alcamj et Caccabi ac Ill.ma con- 
dam domina domna anna de Capraria (gloria sit ^us anime admirantissa 
Castelle dictique Comitatus Comitisse et predìctarum terrarum alcami et 
Caccabi domina construxissent et edificassent quandam òappellam sub vo- 
cabulo Sancte marie di la gratia intus dictam terram alcami et in quar- 
terio Sancti Jacobi In muris terre predicte et a tempore edificationis et con* 
structionis diete Cappelle dioti lU.mi domini usque adhuc fuissent et ha- 
buissent juspatronatus diete Cappelle pront patet per actum edificationis et 
juris patronatus celebratum in dieta terra Alcami mauu oondam egregij 
notarij Juliani de adragna die xviiij mayj ììij ind. 1486 et de Inde semper 
CappoUanum et benefioialem diete Cappelle fuisset electum tam per spct- 
tabilem dominum gubernatorum diete terre quam per dictos IlLmos d.no8 
Et his diebas preterìtis m.eus federìcus de mattenso tuno gubemator dio- 
tarum terrarum alcami et Caccabi eligisset In benefioialem diete Cappelle 



Digitized by 



Google 



409 itnoiLiJLRiiL 

descrizione dei confini d'un orto, che si riscontra in un rogito del 
1519, ben si rileva come in detto anno non esistessero né la Porta 



mag.cum clericam philippum de belle de dieta terra Gaccabi et ilium pre- 
sentoBset eoram Eev.do domino Vicario generali maczarie sub cujiu diocese 
dieta terra et Cappella situata et eonstructa est et per diotum Rev.dum Vi- 
carium conflrmatum fuisset ob mortem condam Rey.di domni mattey de 
la varca benefioialis diete Cappelle qui quidem mag.cus philippus eleotus 
et confirmatus beneficialis per multos annos dictum beneficium tenuisset 
Et quia bis diebus elapsis dictus mag.cus clericus philippus nolens se pro- 
movere nec jntrare ad sacros ordines nec ad dignitatem saccerdotalem du- 
xisset uxorem quam ad presens habet ac tenet et sic dictus mag.cus clericus 
philippus Cessavit a dicto beneficio et est opus cligere alium beneficialcm 
Eapropter hodie die pretitulato spettabilis Joannes Velrues gubernator Con- 
ci tatus mohac et terrarum alcami et Caccabi laraquam gubernator ut supra 
et procurator Ill.morum domini domini aloysij henriques et domne anno 
henriques de Capraria jugalium Gomitis et Gomitisse dicti Gomitatus mohac 
et dictarum terrarum alcami et Caccabi tamquam lUj qui habent jus pa- 
tronatus diete Cappelle presens coram nobis sponte confìssus de fide suffi- 
cientia et legalitate Rev.di domni pbilippi Scamacca diete terre in quem 
bene confidit tamquam Die qui per multa tempora servivit et servii Cap- 
pelle predicte elegit et eligit dictum Rev.dum domnum philippum Scamacca 
in quem bene confidit presentem stipulantem et acceptantem in beneficialem 
et Cappellanum Cappelle sue ecclesie predicte cum omnibus et singulisju- 
ribus redditibus et proventibus pront alij Cappellani et beneficialis ejusdem 
Cappelle uti et habere consueverunt. Et quia opus est ut jux juris formam 
fìat de hujusmodi electione presentalo ut inde esequatur oportuna confir- 
raatio Eapropter hodie pretitulato die predictus spettabilis dom.nus guber- 
nator nomine quo supra babens juspatronatus etc. eligendi et presentandi 
coram Rev.mo domino dom.o mazariense episcopo seu ejus Vicario gene- 
rali in Vim presentis actus presentavit et presentat dictum Rev.dum domnum 
philippum in beneficialem et Cappellanum diete Cappelle prefato Rev.mo 
d.no episcopo seu eius generali Vicario rogans et supplicans per presentem 
predictus spett. d.nus gubernator et procurator ut supra predictum Rev.dum 
domnum maz. episcopum aut ejus Rev.dum Vicarium generalem quominus 
dignetur ac velit dictum Rev.dum domnum philippum ut supra electum 
et presentatum confirmare et acceptare in beneficialem et Cappellanum 
Cappello et ecclesie predicte Cum omnibus juribus redditibus ae onoribus 
et onerìbus ad dictam Cappellam et beneficialem spettantibus et pertinen- 
tibus eo meliorì modo jure via et forma quibus melius de Jure dicj et cen- 



Digitized by 



Google 



MnouLAiriA 408 

della Stella (1) né la Porta del Collegio (2) , voluta dal pe Blasi 
coeva alle muraglie. 

Alcamo, 1 luglio 180S. 

Pietro Maria Rocca 



seri potest gaocumqae et qualiterumque Unde nd qaoruiL interest et in- 
teresse potorit memorìam certitudinein et cautelam de mandato et volantate 
dicti spett. domni gubernatoris et procuratoris ut supra faotus est presens 
actas per me subscriptum notarium et eoram infrascriptis testibus aotum 
in terra alcami die quo supra Et juravit etc etc. eto. » 

e Tesles mag.ous federicus de matteuso mag.cus melchion de aversa et 
mag.cus paulus do crastonibus >. 

(1) V. fra' Documenti num. XV. 

(2) La Porta del Collegio venne demolita dopo il 1860, e quella della 
Stella, per come detegesi dai documenti numm. X, XI e Xn , qui alligati, 
nel 1816, quando la Porta del Castello. 



Digitized by 



Google 



404 



imOBLLARlA 



DOCUMENTI 



L 



XXVJ.^ septembris XV ind. i526 (1). 

Qualiter prcsens coram nobis hon. m.r raynerius de alexio de regimine nea- 
polìs et bab. Castri ad mare del gulfo conseucicns prios in nos etc. sponte 
eie. una secum et insolidum cam m.ro Sebastiano de alexio eius fratre prò 
quo de rato promisit iuxta formam novi ritus quod presontem contracium 
omniaquo et singula in eo contenta aceptabit confirmabit et ratificabit et 
cum co insolidam se obligabit cum renuntìatione benefici novarum consti- 
lulionum de pluribus reis debendi se solemnitur obligavit et promisit pro- 
prio et dicto nomine mag.cis d.nis vincentìo de buctarresio et andree do 
roarcnntia aliis ex juratis t. a. prò eis et ra.cis Sebastiano romano et petro 
de benedioto aliis juratis eorum sooiis prò quibus derato promittunt iuxta 
formam novi ritus presentibus et stipulantibus murare et fabricare parietes 
et muros diete terre illius latitudinis prout sunt incepti vocatos di terra- 
nova inoipiendo di lì mura di santa oliva videlicet di li mura nova se- 
qucndo versus meridiem erga portam vocatam di cunigluni ad sum- 
mam unciarum centum in pecunia p. g. incipiendo ad fabricandum a pri- 
mo mensis marcii et expedire dictam summam per totum mensem maij 
anni prescntis imbuccati di fora la terra et dintra scagliati et di supra cba- 
nizzi di cauchina et etiam fabricare scalam unam itaque la cauchina dija 
esseri ben compartuta et la maramma ben cbina itaqui possit revideri per 
expertos. Et hoc prò pretio et manufactura ad rationem videlioet : la ma- 
ramma grossa ad rationem uncie unicus prò singula 

cum li merghuli di vacanti chini ad rationem quindecim singula 

catma ad omnes expensas ipsius m.ri raynerìj proprio et dicto nomine et 

a la scarsa universitatis ex pacto dictus m.r raynerius proprio 

et dicto nomine teneatur facere li speragli bombarderi et gectaturi si ipsl 
ro.ci jurati chi li vorranno et farili di lu modu la forma chi su facti in 



(1) Dsffli Atti di not. StafftDO TonerL 



Digitized by 



Google 



ìtìBOKLUjnk 408 

eastro diete terre itaque etiam in diotis parietibus di la banda di intro sia 
tenuto fari unu rìsaltatu di unu palma piai di larghizza di susa de qaibas 
quidem aneijs eentam diotus m.r rnynerius proprio et dioto nomine pre- 
senoialiter habait et recepit ancias quinque in auro et argento per manus 
nob. mattei de Costantino thesorerii universitatis diete terre et unoias nona- 
ginta quinque dicti magnifici jurati nomine diete universitatis dare et sol- 
vere promittunt dicto m.ro raynerio proprio et dioto nomine presenti et 
stipulanti boe modo videlieet uncias deeem de volontate et mandato pre- 
dieti m.ri raynerìi presentis volenti» et se eontcntantis proprio et dicto no* 
mine baptiste moreotu seu altero absenti me notario prò eo stipulanti ad 
opus ealeis et alias unoias deeem perrìatoribus ad opu di petra ad primam 
requisitionem dicti m.ri raynerìi et restans successive fabricando seu ser- 
viendo sohrendo et completis dictis une. centura maragmatum dicti. m.ci 
jurati nomine diete universitatis prò eis et quibus Rupra nominibus pro- 
mittunt dare et solvere dicto m.ro raynerio proprio et dioto nomine pro- 
senti et stipulanti uncias quinque prò biviragiu seu ut dioitur prò pre- 
senti cum pacto quod diotus m.r raynerius proprio et dicto nomine ad eius 
libitum voluntatls possit capere acquam de puteo vocato la Campanella 
indramenti cbindi sarra et etiam poza fari petra et pigliari rina in loco 
diete universitatis et in aliis clausuris dum modo non faza damni a vigni 
a Gasine ad arbori cum pacto quod si dictus m.r raynerius proprio et dicto 
nom.e ante predictum terminum expleverit dictam summam maragmatum 
ante dicti m.ci jurati nom.e diete universitatis teneautur et ita promittunt 
ipsi m.ro ra3merio et dicto nom.e presenti et stipulanti satisfeoere Cum 
pacto quod dictus m.r raynerius proprio et dioto nom.e affi ... et affidai 
predictis m.cis juratis presentibus etc. dieta maragmata prò annis duobus 
itaque si infk'a dictum terminum fechisse pilu movimentu oj si durrupassi 
et ruynassi in tuttu oj parti quod utique dictus m.r raynerius proprio et 
dicto nom.e teneatur et promisit dieta maragmata ad eorum expensas 
iterum fabrìcare et peractare alias dictus m.r raynerius proprio et dicto 
uom.e teneatur ad omnia damna interesse et expensas. Cum etiam pacto 
quod si dictus m.r raynerius proprio et dicto nom.e deficeret impromissis 
teneatur ad omnia damna interesse et expensas et dicti m.ci jurati nom.e 
diete universitatis possint diotos muros fabrìcare tacere ad msjus precium ad 
damna interesse et expensas ipsius m.ri raynerìi proprio et dicto nomine 
que quidem damna interesse et majus precium ex uunc prò tunc et e oon- 
tra intellìgantur protestata nulla alia monitione nec requisitione indigente. 
Et beo omnia etc. 

Testes mag.cus Joannes de Sanctayna Capitaneus mag.cus d.nus gul- 
lelmus de trapani U. L D. egregius not. antonius de rìdo et mlr lauren- 
dus fìigardu. 

Jreh. »ar. 8ie. N. 8. anno XTX. 27 



Digitized by 



Google 



406 VT80K.LAinEà 

Die secando februarìi XV ind. 1527 lecto patefacto et declarato per me 
infrftscrìptum notarium dicto m.ro Sebastiano de alexio prò quo dictus m.r 
raynerius derato promisit presenti et andienti in vulvari sermone alta et 
intelligibile voce de prima linea nsque ad ultimam prout jaoret prefatas 

m.r sebastianus coram nobis preseus sponte etc. ad et instantia m 

dicti m.oi andree de marcantia alius ex diclis m.ois joratis presentis et 
stipulantis nom.e diete universitatis dictum proximum oontractam omnia- 
que et singula in eo contenta acceptavìt et acceptat approbavit et approbat 
ac ratificavit et ratifìcat iuxta .... seriem contlnentiam et tenorem bona 
sua omnia et personam obligando sub pactis obligationibus clausulis iura- 

mentis in dicto actu contentis. Et juraverunt cum 

duplici juramento. Unde etc. Presentibus mag.cojoanne de baUis hon . . . 
et laurentio Cosentino. 

m.r raynerius . . obligavitet promisit . : m.cisjuratis no- 
mine diete universitatis compiere .... mer illos parietes (qu6s 

ipse ra)ynerius (fa)bricare se obligavit non obstante quod exce- 

deret (to)tam summam une (100) . . prò ilio precio et ... . prout in 
dicto prox. contractu cont(inetur) quod (precium) maramatis dicti m. jurati 
nomine diete universitatis teneantur et (ita) se obligaverunt solvere dicto 
m.ro raynerio presenti et stipulanti eo modo forma et sub pactis obliga- 
tionibus clausulis juramentis et renunciationibus contentis in dicto prox* 
contractu. Et jur. etc. Unde etc. Testibus nic. c(arni)molla m.ro Stefano . . . 
barb udicbi. 

II. 

XXlllL^ fébruani 1111 ind. (Ì5d6) (1). 

M.r virgilius de Xiu et m.r raynerius de Alesio socii coram nobis sponte 
insoiidum obligaverunt et obligant nob. Petro de Ballis Sebastiano Romano 
Stefano de Àdragna et Nicolao de Sanieli juratis terre Alcami presentibns 
et stìpulantibus fabricare certum parietem terre existentem dirutum qui 
est ut dicìtur a lu pertusu di coza ad omnes et singulas expensas ipsorum 
magistrorum salvis arena et lapidibus aqua calce etc. ad primam ipsorum 

magnificorum requisitionem bene magistribiliter ut decet 

scaglati et imbuclati dintra et di fora ad rationem tar. XXIIII et gr. X 
singula canna larglitudinis prout est quidem paries noviter inoeptus suta 



(1) Da an broTe fhimmento digli atti di not Andrea De Milaeio. 



Digitized by 



Google 



misoklljlrxa 407 

la oclesìa di San Fraocisco cum eius sagliola (?) sea saietata (?) proot sunl 
alìi parìctes de novo murati etiam promiserant dicti mag.ri insolidum ad 
eorum expensas ut dioitur imbuctari dintra et di fora tutti li altri mura et 
marammi vecbi ohi su di la porta di la funtana per finu a la eoleaia di 
Santo Francisco et quelli scaglari et impliri quelli pertusa chi sunt in dioti 
mura ben scaglati et imbuotati ut decet. Et hoc ad racionem tt. XI et gr. X 
singula canna li parapecti et merguli di vacanti chino ad rationem tt XI et 
gr. XV singula canna et etiam promiserunt fiicere ut dicitur basteo chi . . • 

di cruchera di li mura calce et arena ad voluntatem dio- 

torum m. juratorum et la loro saglicta ad rationem tt. XXin singula canna 
di maramma quatrata ut morìs est et preterea dicti magistri dixerunt ha- 
buisse et recepisse a dictis m. juratis unciis quinque in tantis pecuniis et 
unciis tres prò certis lapidibus existentibus in dieta fabrica fienda etc. et 
totum restans dicti m. jurati solvere promiserunt dictis mag.ris pres. et 
stip. successive serviendo solvendo etc. Alias etc. Que omnia etc. 

Testes Masius beninati m.r Johannes de linazo et ferdinandus castelli. 

IIL 

XVIIJ^ januarij VIIJ* ind. 1534 (i). 

Cum classis maritima teucrorum et infidelium inimicorum sanctissime 
fidej Gatolioe temporibus preteritis se contulisset in civitatem tunìsij et 
partes barbaricas que fùit et est propingua huius regni Sicilie et posset 
evenire quod dieta classis seu pars ipsius se conferret in dictum regnum 
et maxime in jstam terram alcami et quod absit invasionem facere ob 
quam rem spettabilis dominus fridericus de mattenzo gobemator terrarum 
alcami et caccabi mag.cus ferrandus de vega capitaneus diete terre alcami 
et mag.ci dominus vincentius buctarresi et melchion de aversa alij ex 
mag.cis juratis eiusdem terre ob absentiam aliorum mag.corum Juratorum 
videntes et considerantes meniaiportas et alia necessaria diete terre indi- 
gere oonciis et reparatione prò tuttione et defenctione diete terre et habi- 
tatorum ipsius terre et universitas diete terre in presentiarum inveniretur 
in maxima necessitate pecunianim prò reparando et compiendo menia et 
faciendo portas et alia necessaria diete terre precedente ordinatione man- 
dato et consensu pre£Eiti spett.lis dom. gubernatoris congregato Consilio pro- 
babilioris et senioris populi ipsius universitatis ad sonum campane et voce 



(1) Dagli atti di noi Stefano Toneri. 



Digitized by 



Google 



408 HTSOILtAlftA 

preoonia intus lo(pam diete terre ut sulitum est fieri et oongr^gari consilium 
ad effectum predictum bene et diligenter discusso negotio et recolleetis suf- 
firagiis et vooibus omnium considerata per eos predieta urgenti necessitate 
fuisset demum per omnes condusum et deliberatum quod prò minori 
damno et interesse diete unlversitatis ad efifeotum predictum et non aliter 
nec alio modo ut premissa omnia clarìus patent ex forma dicti consilii te- 
noris sequentis die xvij januarij viij* ind. 1584 — Consilium congregatum 
per spett.lem dom.um fidericum de mattenzo gubernatorem terrarum alca mi 
et caccabi cum interventu mag.ci capitane] et ducorum ex mag.cis juratis 
diete terrò, ob absenciam aliorum in logia diete» terre ad sonum campane 
et voce prcconis ad effectum pignorandi tot redditus unlversitatis diete 
terre prò summa uncinrum tricentarum prò explendis menibus (sic) et 
portis et aliis neccssariis diete terre propter maximum perìculum in quo 
reperitur isla universitas ne invaderetur per teucros inimicos Ghatolice fidej 
ex quo licet fuisset factum consilium superioribus diebus et fuisset condu- 
sum quod diete reparationes et mcnia et alia fierent per taxiam comunem 
et fuisset facta taxia per duodecim deputatos ad hoc electos et jam fuisset 
iniciatum exigere dictam taxiam et vix poterant partem diete tarie exigere 
et negotium requirebat celeritatem quia jam sumus prope fine mensis 
januarij Ideo dietis spettabili et mag.cis fuit visum congregare dictum con- 
silium prò causa predieta et prò inveniendo faciliorem modum habendi 
pecuniam prò oausis predictis maximam celeritatem requirentibus et omnes 
fuerunt exortati per dictum spettabilem quod dicerent quod eis videretur 
prò dieta causa an pignorare tot redditus vel si esset aliquis modus facilis 
ad dictam pecuniam habendam incontinenti et ne in futurum generetur 
prejudicium populo consilium factum cum taxia inde sequta sit nullum et 
cassum ac si minime factum fuisset stante in suo robbore presente Con- 
silio lu m.co ferranti di vega capitanu di dieta terra dichi che di voto et 
pariri chi si impigna la universitati et piglanosi tri chento unzi ad arbitrio 
di li m.ci jurati supra li beni di la universitati pri fari et compliri li mura 
di la dieta terra porti et altri cosi necessarij pri obstari a la invasioni di 
li mori et turchi inimichi di la fé cristiana lo m.co joanni di balli dixit ut 
proximus lu m.co cola sanieli dixit ut proximus lu m.co bartolomeo russo 
dixit prout m.cus capitaneus lu m.co gerardo di ballo dixit prout m.cus 
capitaneus lo m.co Antonio la jurlanda dixit prout m.eu8 capitaneus 
lu m.co joanni di m.ro andria dixit prout m. capitaneus lu m. anto- 
nino di morfino dixit prout m. capitaneus lu m.co joanni lu presti 
dixit prout m. capitaneus lu nobili raelehioni di marsala dixit prout m« 
capitaneus nob. pompeus perfectus dixit prout m. capitaneus nob. stefànas 
tornerius dixit prout m. capitaneus nob. palmerius pruvinzano dixit proat 
m. oapilaneus nob. andreas de marcanza dixit prout m. capitaneoi aob. 



Digitized by 



Google 



MlflOSLL^KlA 409 



antoninas de notho dixit prout m. capitaneus la mag.co joanni benedioto 
di ballo dixit prout m. capitaneus lu nob. juliaao di adragna dixit prout 
m. capitaneus ven. presbiter antoninus vascus dixit prout m. capitaneus 
nob. vincenti US de monteleone dixit prout m. capitaneus cola di lazio 
dixit prout ni. capitaneus hon. joannes pliilippus lu cudutu dixit prout m. 
capitaneus m.ro laurenzo fuardo dixit prout m. capitaneus pinu lu jacunu 
dixit prout ni. capitaneus jacobo nicoxia dixit prout m. capitaneus masi 
di viatrichi dixit prout m. capitaneus stefanus rachina dixit prout ni. ca- 
pitaneus nob. jo. vincentius de morfino dixit prout m. capitaneus angelus 
de abruzo dixit prout m. capitaneus antoninus florinus dixit prout m. ca* 
pitaneus matteus fontana dixit prout m. capitaneus magister petrus la vo- 
cha dixit prout m. capitaneus vincentius scarpuza dixit prout m. capita- 
neus masius catulanus dixit prout m. capitaneus joannes antonius man- 
chino dixit prout m. capitaneus vincentius rachina dixit prout m. capita- 
neus salvator de adragna dixit prout m. capitaneus joanni la perna dixit 
prout m. capitaneus mag.co antonello perfectu dixit prout m. capitaneus 
gabriel muntalbanus dixit prout m. capitaneus thomas beninati dixit prout 
m. capitaneus guillelmus de fazio dixit prout m. capitaneus antonius ra* 
xaimutus dixit prout m. capitaneus bartolus catalanus dixit prout m. ca- 
pitaneus m.ro juliano marzucou dixit prout m. capitaneus simuni bandu- 
clìo dixit prout m. capitaneus petro autonio Santoro dixit prout m. capi- 
taneus dominicus garrus dixit prout m. capitaneus bertus lu pitrusu dixit 
prout m. capitaneus petru di mistretta dixit prout m. capitaneus petro 
Santoro dixit prout m. capitaneus cola carni molla (lixit prout m. capitaneus 
natali di rigio dixit prout m. capitaneus francisco bonamicu dixit prout 
m. capitaneus bartulu la barbera dixit prout m. capitaneus joanni genuisi 
dixit prout m. capitaneus m.ro hieronirao lu fumo dixit prout m. capita- 
neus alfonsu surisi dixit prout m. capitaneus petro antonio lu conti dixit 
prout m. capitaneus hieronimo la conti dixit prout m. capitaneus m.ro 
donato re dixit piout m. capitaneus angelus de lazio dixit prout m. capi- 
taneus m.ro Vito rachina dixit prout m. capitaneus fllippo bonfari dixit 
prout m. capitaneus franciscus de fazio dixil prout m. capitaneus joanni 
la serachina dixit prout m. capitaneus joanni lu conti dixit prout m. ca- 
pitaneus blasi ingarao dixil prout m. capitaneus joanni la jaconu dixit 
pi*out m. capitaneus thomas chiminata dixit prout m. capitaneus joanni 
di mancati dixit prout m. capitaneus antonellus lu bello dixit prout m. 
capitaneus joanni rachalmuto dixit prout m. capitaneus marcketto dagla 
dixit prout m. capitaneus cola xandino dixit prout m. capitaneus cola lu 
charamidaro dixit prout m. capitaneus joanni pirruni dixit prout m. capi- 
taneus petrus signorello dixit prout m. capitaneus vincentius gambara 
dixit prout m. cupitaacus m.ro joanni oarra dixit prout m. capitaneus pc« 



Digitized by 



Google 



4 io ki8om.LAxkA 

tro di roauchcra dixit prout m. oapitaneus joanoì di gennaro dixìt pi*out 
m. oapitaneus nardus lu viscusu dixit prout m. capita neus laurenzo di 
lazio dixit prout m. capitaneus cnrico la brunecta dixit prout m. oapita- 
neus baptista de dorino dixit pnout m. capitaneus macteus la ingravera 
dixit prout m. capitaneus joanni di mauehera dixit prout m. capitaneus 
antonius gulpicta dixit prout m. capitaneus philippu di adragna dixit prout 
m. capitaneus jacobus de amudeo dixit prout m. capitaneus jacobus nion- 
tialbanus dixit prout m. capit«aneus georgius barbusca dixit prout m. ca- 
pitaneus saivaturi raxalmuto dixit prout rn. capitaneus antonius marmaro 
dixit prout m. capitaneus bastianus de gennaro dixit prout ni. capitaneus 
minicus cannuui dixit prout m. capitaneus tumeus da adragna dixit prout 
m. capitaneus guillelmus canachi dixit prout m. capitaneus micael man- 
chuni dixit prout m. capitaneus gilorrao tomabeni dixit prout ni. capi- 
teneus gilormo bemmina dixit prout m. capitaneus franciscus de xurtino 
dixit prout m. capitaneus antonius lumbardo dixit prout ni. capitaneus et 
pluries aiij in numero copioso nemine discrcpante dixerunt prout m. capi- 
taneus. Ex actis Curie mag.corum juratorum terre alcami cxtracta est prc- 
sens copia Coli. Salva que quidcni universitas ad effectum predictum oon- 
sequendi uncias tricentas sibi necessarias ad opus predictum reparandi 
menia faciendi portas et alia necessaria diete terre deliberaverunt prout 
fuit per dictum consilium accordatum vendere tot redditus juxta formam 
bulle super omnibus bonis ipsius universitatis et signanter super infra- 
scrietis feudis et terrìtoriis ipsius universitatis et per eam justo titulo et 
bona fide acquisitis possessis et sibi confirmatis et de novo concessis per 
serenlssimam Maestatem domini nostri domini regis martini memorie re- 
colende ut patet tenore capituli confìrmationis et de novo concessionis 
infrascriltorum feudorum tenoris subsequentis videlicet : item di conQrmari 
et denovo concediri a la predicla terra di alcamo tucto lu so antiquo ter- 
ritoriu et boscu cum tucto loro districtn secundo li confini li quali appa- 
rino per uno transumpto facto olim in anno dominico incamationis 1223 
decimo mensis aprilis vj* ind. — placet quantum ad illa que possident de 
presenti per universitatem eandem de eo vero quod de presenti non pos- 
sidetur parata est Regia Maestas Tacere universitati justitie compii mentum — 
et facta diligenti indagine et inquisì tione circa consequtionem et babitio- 
nem diotarum unciarum tricentarum et requisit multis demum invenerunt 
mag.cum joannem de m.ro andrea qui pocius ductus precibus dictorum 
spettlis et mag.corum ofTicialium et prò oomoditate diete universitatis et 
tocius populi quam alitcr fuit et sit contentus dlctas uncias tricentas ipsi 
universitati distribuere et solvere ad effectum tamen supradictum et de eia 
facere et compiere dieta menia portas et alia necessaria diete universitati 
et non aliter etc. et prò eisdem unciis tricentis emere tbl redditus ad rao- 



Digitized by 



Google 



iilSÒILLARÌU 4ii 



tionem de octo prò centenario juxta formam bulle et pragmatice sanctionis 
Auper omnibus et singulis bonis ip^ius universitatis et signaoter super in- 
frascrìctis bonis in specie obligatis et primis fructibus et introytibus infra- 
sorictorum fcudorum a solo separatis et cum facultate iUas reemendi ut 
infra Que quideni oblatio fuit et est ipsi uaiversitati et populo satis utilig 
et profìgua bine est quod prefati m.ci dominus vincentius de buctarresio et 
mclchion aversa alij ex m.cis juratis diete terre prò eis et m.eis viucentio 
de adragnu et Ubertino curtimigla aliis juratis prò quibus de rato promit- 
tunt nomine diete universitatis juxta formum rìtus presentem contractum 
omnia et singula in eo contenta ratificabunt et accettabunt ad primam re- 
quisitionem prefati m.ci joannis de m.ro andrea presentis et stipulantis 
precedente tamen licentia prefati spett.lis domini gubcrnatoris diete terre 
presentis eto. sponte etc. dictis nominibus predictam univcrsitatcm bona et 
jura sua omnia et singula obligando prò se et successores suos in diclo 
ofQcio vendiderunt et ipsius venditionis titulo et causa licere et habere con- 
oosserunt dicto m.co joanni presenti et ab eis emenli prò se heredibus et 
suooessoribus suis uncias sexdecim annuales censuales et rendales frnncas 
quidem liberas et immunes ab omni dono subsidio coUecta solutione da- 
tione prestaliono et alia quavis servilute quacumque autoritate impositis 
vel imponendis et precisim a servitio militari et onere feudali et alio quo vis 
jure et dricto debitis seu forte debendis quomodolibet preter de oensu sol- 
vendo m.co joanni de ballis et m.cis heredibus condam m.ci d.ni Simonis 
de marcanza virtute publici contractus manu publica celebrati quas quidem 
uncias sexdecim annuas ut supra vendi tas ipsi m.ci venditores dictis no* 
minibus et prò quibus etc. prò eis et successonbus suis in diclo officio 
imposuerunt subjugaverunt et oneraverunt ac subjugant onerant et impo- 
nont juxta formam bulle apostolico regieque pragmatice sancionis super 
subjugationibus edite in et super omnibus et singulis bonis ipsius univer- 
sitatis mobilibus et stabilibus feudalibus et burgensaticis presentibus et fu- 
turis juribus et actionibus quibusvis gabellis juribus censualibus et aliis 
ad diotam universitatem quomodolibet spectantibus et pertinentibus habitis 
et habendis. Et specialiter signanter et expresse in et super primis melio- 
ribus et magis privilegiatis redditibus et proventibus infrascritorum feu Io- 
rum territoriorum et prediorum ipsius universitatis a solo separatis penitus 
et exitis (?) videlicet: feudi vocati di lu boscu di alcamo siti et positi in 
valle mazarie huius regni secus feudum castri ad mare de gulfo flumine 
frìgido mediante et secus feudum di calatubo ex una et secus litus maria 
dicto lu gulfo di Castellammari. Item super introytibus feudi vocati di la 
ficu sito impredicta valle mazarie secus dictum feudum di Galactubo ex 
una et secus feudum nemorìs partinici ex alleila. Item super introytibus 
feudi di costa secus terras Calatafim predicto tlumine frigido mediante ex 



Digitized by 



Google 



ili ItkaOBLtÀNUA 

una et seoas feudam di la scalilla archiepisoopatos montis regaliti ex al- 
tera et alias si qui sant confiaes Itcm in et super omnibus et singulis ter- 
ragiis ipsi universitati anno quolibet debitis et solvendis super parichatis 
decem et septem cum dimidia terrarum et aliis clausurìs existentibus intus 
dieta fenda suis iinibus limitatìs et sup'^r planehis snis in macello diete 
terre existentibus franchi dieta feu^a planchi et parìchati specialiter obli- 
ati ab omni et quovis alio oner* preter de supradioto jure census ita tamen 
quod huiusmodi specialis ypoteca et obltgatio bonorum generali non de- 
rogai nec e contra sed una prò alia confirmelur et e converse ipsasque 
uncias sexdecim rodditus ut supra vcndìtas dicti m.ci venditorcs dictis no- 
minibus et prò quibus etc. prò se et successoribus in dìcto officio promise- 
runt et se obligaverunt et obliganl dare et solvere realiter et effective dicto 
m.co joanni emptorì presenti et stipulanti prò se hercdibus et successoribus 
suis in ultimo die mensis augusti cujuslibct anni incipiendo primam solu- 
tionem facere in fine mensis augusti anni presentis prò rit.i lumporìs et 
sic inde in antca continuando in pace etc. Consti tueritcs se nihilominus (?) 
dicti m.ci venditores dictis nominibus etc. predictos ix'dditus et bona et 
jura in genere et in specie ypoteca per precarium et constitutum ac no- 
mine dicti m.ci emptoris tenere et possidere donec et quousque de eis cor- 
poraliter vel quasi etc. intraverit et acceperit posscssioncm quam possit et 
valeat intrare et sibi capere et hahero propria auctoritate et de focto sci- 
licet: de predictis redditibus ex nunc in antea et de fcudis et terrìtoriis 
incontinenti adveniente casu cessate solutionis dictarum unciaruro sexdecim 
redditus ad habendum per ipsum m. emptorem heredes et successores suos 
tenendi et possidendi etc. gratia tamen et facultate ilias reemendi infra 
annos novem et infra dictum tempus quandocumque ipsis m.cis vendi- 
toribus dictis nominibus et suis etc. rcservata penitus et semper salva ut 
infra. 

Et hoc prò pretio et integro pagamento unciarum duoentarum in pe- 
cunia p. g. ad ratiouem scilicet: de unciis octo prò quolibet centenario. 
Quas quMem uncias ducentas dictus mag.cus emptor dedit et presencialiter 
solvit nob. petro de marcanza thesaurario diete uni versi tatis ac nomine 
diete universitatis presenti et ab eo recipienti in moneta aurea et argentea 
ad opus supradictum et non ali ter nec alio modo distribuendas exoeptioni 
non numerate pecunie exp resse renuniiaus Promittentes etc. 

Testes Mag.us dom.cus antonius la jurlanda u. j. d. mag.eus joannes 
de ballis Rev.dus dopnus philippus scamacca mag.eus nicolaus sanieli 
mag.eus gerardus de ballis nob. andreas de marcanza et nob. gerardua 
beninati (1). 



(1) A mMfiiis d«ir orifioAle contratto tì si tro?a il tOfuratOi qa* • Unto teUé 

ttCBUOl*. 



Digitized by 



Google 



ttl80ELI.A]ntÀ ili 

Die xviij.* aprilis viìij.* ind. . . . — * Mag.oi bartolomeus ra88u andrea 
de marcanza et antoninus de morfino ali! ex mag.cis juratis diete terre 
^ alcami anni preaentis volentes nomine diete universitatis reddimere dictas 
uncias sexdeeim jurìs oensus oontentas (in proxioio eontractu) prefati msjg.oi 
jura(ti dictis no)minibu8 ex una et dictus mag.cus joannes de m.ro an- 
drea ex altera coram nobis presente^ prò 8a(ti)8fatione dictaruin unoiaram 
ducentarum preoii diotarum unciarum sexdeoim annaaliuiu oompcnsave- 
runt et compensat in satiafatione aliarum uneiarum duoentarutn dobitarum 
per dictum mag.cum ìoannem diete universitati scilìoet: une centum prò 
pre . . . et a . . . . feudi voroati) di (lu bo)8Cu di alcamu anni presentis 
et une. centum prò anno X* ind. proxime aeqnte nec non dictus m. joan- 
nes dixit et fuit confes8U8 habuisae et recepisse a dieta universitate prò e^^a) 

stipulante dictis m.cis juratis (oe)nsualia tam quam 

anni presentis .... (an)no predicto X* ind modo videlicct : super 

terciis feudorum di la fiou (et) di costa per manus dicti m. anioni ni do 
(morfino) et nob. pe(tri) pauli mumpileri excep(tioni) Renuntias eie. (Et) 
ea de causa dictus m. joannes revendidit (per taclum) penne mei not»iri 
loco corporalis possessionis ut moris est (reven)didil et a . . . . (dictis m.jcis 
juratis dictis no(m))nibus presentibus et ab eo (recipientibus) .... domi- 
ni um et proprietatem dictorum feudorum et prediorum subjugatorum (exo- 
ne)rando et liberando predicta fenda et predia dictarum unciarum sexde- 
eim contenlarum in proximo eontractu v(o)len8 et mandans proximum 
contractum fore (et) e(sse) irritum nullum (et) cassum Et jur. eie. (unde) 
ctc. — presentibus m. joanne paulo de montesa n. nieolao bianchi nis m.ro 
pino principato et andrea la mendula. 

IV. 

XVllJ may VllJ." ind. i53:> ti). 

Cum elassis maritima teucrorum (2). 

demum vendidissent dicti mag.ci jurati nomine diete universitatis mag.co 
joanni de m.ro andrea uncias sexdeeim redditus super Infrascritlis bouis 
et territoriis diete universitatis ad rationem de unoiis octo prò quolibet 
centenario juxta formam bulle et pragmatice sancionis prò predo uncia- 



(!) Dagli atti di noi. Stefano Torneri. 

(8) Pnwegae come nel precedente docamento sino - alle parole : ** Et facta dilìgenti 
indagine et inqnisitione circa consecutlonem et habilionem dictamm nnoiaran triceo« 
tamm et reqvftltit nnltit „• 



Digitized by 



Google 



ili klSCkLtAHÌU 



rum duoentanim proat patet virtute publici oontractus celebrati manu mei 
infrascritti notarii die xviij jannuarii viij.* ind. instantis et non valente» 
dicti m.ci jurati prò dictis unciis ducentis compiere dieta menla portas et 
alia necessaria indigeni prò caasis predictis aliis unciis centum ad compii- 
mentum dictarum unciarum tricentarum juxta formam prekalendati oon- 
siiii et requisitis multiR prò habendo et conseguendo dictas uncias centum 
demum invenerunt mag.cum joannem de bailis qui pocius ductus precibus 
dicti spettabiiis domini gubernatoris et mag.corum juratorum et prò corno- 
ditate diete universitatis et totius populi quam alitor fuit et sit contentus 
dictas uncias centum ipsi universitati distribuere et solvere ad effectnm 
preiictum et de eis Tacere et compiere menia portas et alia necessaria 
diete universitati et non aiiter etc. et prò eisdem unciis centum emere tot 
rodtlitus ad rationem de unciis novem prò centenario juxta formam bulle 
et pragmatice sanctionis (1). 

Tcstrs mag.cus dominus antonius la jurlanda u. j. d. mag.cus joannes 
aloysius de terminis. nob. nicolaus atilonius fataroha nob. et egrcgius no- 
tarius antonius de aycllo et nob. vincentius bazicalupi (2). 

Die ij, augusti xiij.* ind. 1540 — Dictus Mag.cus joannes de bailis no- 
minatus in proximo contractu prescns coram nobis ad stipulationem et 
istantiam m.corum vincenti de adragna joanuis aloysii de termini juliani 
de adnigua et cataldi de vasco juratorum nomine diete universitatis diete 
terre prcsentium et stipulantium dixit et fuit confessus habuisse et rece- 
pisse a nob. petro de maroanza thesaurcrio diete universitatis anni pre^ 
sentii presente et stipulante uncias centum prò capitale dicti juris census 
unciarum novem et uncias octo tareno^ odo et granos quinque prò rata 
census anni presenlis exceptioni etc. Renuntians etc Et ea de causa propter 
paetum de retrovendendo diclus mag.cus joannes revendidit et per tactum 
penne mei notarii etc. restituit dictis mag.cis juratis nomine diete univer- 
sitatis pn>sentibus et ab eo reclpientibus dictum jus census unciarum no- 
vem prò causa in proximo contractu contenta et ea de causa oamdem 
universitatem prò ea stipulantibus dictis mag.cis juratis quietivit et Lbe- 
ravit et voluit et mandat prox contractum fore et esse cassum. Et jur. etc 



(1) CoDtinaa per intiero eoo le stesse parole che in seguito a queste ultime si legw 
gono nel procedente documento, cambiati soltanto il nome del mutuante, le cifre del 
denaro mutuato e dei rispettiTi interessi, non che le persone figuranti da testimoni che 
nel presente atto sono 1 sotto indicati. 

(S) A margine deirorifinale vi ha il seguente contratto di atfrancarionet 



Digitized by 



Google 



ìcisoéllaMa 415 



Unde etc. — prcsentibus uob. franoisco de prima Iioq polro barbarono an- 
tonio Sebastiani do lazio et petro de pirayno. 



Eodem (die XIJ.^ jvlij VIIJ.* ind. 1535) (1). 

Mag.ci dominus vìncentius buctaresius artium et medicine doctor vin- 
oentius de adragna et melchion aversa tres ex mag.cis juratis terre alcami 
anni preseniis presentes conuu nobis sponte omni qua decct sollepnitate 
et jux juris et ritus forma nomine universitatis diete terre constituerunt 
feoerunt creaverunt et sollepniter ordinaverunt in eorum verum legitimuni 
et indubitatum proouratorem aotorem ikotorem ac oerlum nuntium spe- 
cialem et ad infrascripta generalem Ita quod etc. nobilem pahnerium de 
provi nczano de dieta ^erra alcami presentem et onus iafrascriptc procura- 
tionis in se voluntarie suscipientem et vice et nomine et prò parlo ipso- 
rum mag.oornm juratorum nomine diete universitatis et prò eis se perso- 
naliter conferendum in urbe feliois panormì et prò eis nomine diete uni- 
versitatis emecdum totam illam summam et quantitatem lignaminum quam 
emere voluerit a quavis persona sive mercatore ad opus faticndi portas 
menium terre predicte prò ilio meliori pretio et tempore eijdem nob. pro- 
curatori bene visis et de solvendo pretium diotorum lignaminum bona 
omnia diete universitatis obligandum et ypotecandum sub paotis obligatio- 
nibus clausulis juramentis et renuntiationibus eydem nob. procuratori me- 
lius visis et prò dictis mag.ois juratis nomine diete universitatis de rato 
promictendum et demum in premissis et circa premissa omnia alia fa- 
tiendum dioendum et agendum quo ipsios pruourationis natura postulat 
oausarumque merita exigunt et requirunt Et quo ipsimet mag.ci consti- 
tuentes nomine diete universitatis in premissis et circa Illa omnia et sin- 
gula alia facere dicere et agere possent si personaliter adesscnt dantcs et 
concedentes etc. Et ita voluenint etc. nec non se ratum gratum atque (ir- 
mum etc. sub ypoteca et obligatione omnium bonorum diete universitatis 
«te. et sub omni juris et focti etc Et predieta attendere etc. dicti rang^ei 
nomine diete universitatis juraverunt etc. 

Testes mag.cns joannes de mastro andrea et nob. vincentius vascus. 



(1) Dal bastardello a* ind. 1584-85 di aot. Pietro Scanoariato. 



Digitized by 



Google 



416 MlSOSLtÀlflA 



VI. 



Eodem (die XVI* julij VJIJ.* ind. 1535) (1). 

Mag.ci vinoentfas baotarresius ariìum et medicine doctor vinocntiuji de 
adragna et melchioii aver-sa tres ex mag.cis jiiratis terre alcami anni pre- 
sentis ooram nobis sponte nomine universitatis terre aleami et non aliter 
HC debitorcs constituerunt et feeerunt hon. m.ro andrea voczavota de regno 
neapolìA abiienti me notano prò eo stipulante in uncias deccm et oeto et 
tarenos viginti p. g. et dixerunt esse prò pretto xxviij peczi di rubula ha- 
bitorum ad opus fatiendi portas menium terre alcami Renontiantes ete. 
quas quidem uncias xviij et tarenos viginti prefati mag.ci jurati nomine 
universitatis prcdicte dare et solvere promittunt prefato m.ro andrce ab- 
Rcnti ctc in fine mensis octobris anni viiij.* ind. proxime futuri quc om- 
nia ctc. 

Tc8to8 nob. pulmerius provinczano hon. blasius valdetaro et mag.r 
andre:u ponti- 



VII. 



Eodem {die XXVIIJ,^ junij 111.^ ind, 1575) (2). 

Hon. mag.r franciscus rizo alias de paci feibricator cognitus etc. prò se 
et nomine mag.ri andrnae cossi ntino etiam fabricaloris absentis prò quo 
promiltit de rato infra dies quatuor ab hodie etc. se obligat mag.cis do- 
miuis juoobo de adragna Cristoforo de baliis antonio giganti et ieonardo 
oalaazuni juratis huius terre alcami etiam cognitis eie. bone et magistri- 
biiitcr fabricare eis di calci et rina seu petra et Uyo ad electionem ipso- 
rum magnificorum menia diruta in contrata Porte Paiiormi di lo suo ma- 
gislcrio et manuali tantum cum tuclo lo altracto di ipsi magnifici, et fa- 
rici la scarpa simili a quelli di incanto et li merguli simili a quelli di in- 
canto quod servitium debeat revideri per alios magistros fabricatores quod 
promisit i nei pere ad requisì tionem et non li vari mano fina ohi finichi prò 
mer49ede unciarum octo p. g. promittunt solvere dicto nomine unoias duaa 
ad eius requisitionem dicto nomine restans tertiatim in principio medio et 
fine hic alcami in pecunia etc. 

PreseuUbus nob. Simone lombardo et hon baptista jangueroio. 



(1) Dal procitato baitardello di oot. Seanoariato. 

(8) Dft OD flrammtQto ds* pmiiméeo di doì TinosnioDa MaUi« 



Digitized by 



Google 



XlSOILLAlltA 417 



vin. 



Memoriale a quelli penoni ohi vorranno pigiare alla stagliata la lu- 
brica dele mura novamente cascati alla porta di trapani di questa terra 
di alcamo. 

Primo. Il detto muro si ha di frabicare di cauchi et rina de 1 apeda- 
mento per insino al parago deli altri mura con li soi merguli con la pro- 
pria larghiza chi oggi e con farli tre dammusi scompartuti cu lu spacio 
di la pescarla per insino alla coxa di la porta di trapani con le mura 
mediante de largheza al manco di palmi quattro chi serviranno per tre 
boteghi — et de la parti de la chanca secundo e sdirrupato de la parti di 
tramontana di haversi asdirrupare a chumbo per insino alla rocca et 
cussi ancora andare et fare tutta la maramma supra la propria rocca ben 
appedata. 

Gum patto chi con questa cauchina chi si duna ora deseparatamenti 
del prezzo chi ogi e inpostata con tutto Faltro atratto di petra et rina chi 
sta al presenti in ditto loco haja primo di fòrtificari et murari la banda 
de li parti di ditta porta di trapani e quella mettiri in sicuro per non ca- 
scari da continenti chi serra fatto lu oontrattu et laltro servizo hajano di 
comenzare a li 8 di marzo di lanno presenti et continuare per insino chi 
si spedixa ditta maramma. 

Item chi quello chi piglira ditta maramma poza pigiarsi la rina o su- 
pra lu chano di santa auliva o vero al ebano di la majure eclesia de la 
parti di la porta di li ziti. 

Item chi li duj dammusi chi saranno verso la piscaria chi haja di fare 
un muro davanti di petra et tajo inblanohiato di fora per stuppare lu va- 
canti (li detti boteghi et lu tempagno di la parti di darreri chi duna verso 
la terra ha di esser di palmi duj et mezo al manco di grosseza di cauchi 
et rina — dico palme duj et mezo. 

Circa il pagamento ha di esser al contrattare donarli anzi 80 contanti 
et inoomenzato lo servizo chi serra a li 8 di marzo a io quali servizo tia- 
vira di perseverare et continuare per fina a la speditioni di detta maramma 
integramenti si ehi darra unzi 10 et lu complimento di tutta la summa si 
ehi darra fatta la milati di la ditta Arabica. 



Digitized by 



Google 



418 mSOILLÀXBiL 

Item ehi cai piglira ditta frabica havira di prestar plegerìa cussi di 
unzi 30 et di li anzi 10 et di qaal si voglia altro dinaro chi si chi darra 
come di qua! si voglia interesso chi per defetio loro si restasse de far 
detta frabica. 

Chi li detti dammusi hajano di esseri palme quindichi et si pio haja 
di stare ad eleptioni de li detti signari jorati. 

27 januari) XV* ind. i586. 

Maflf.r franciscus rizo alias de paci relictus ineantator virtote aclus in- 
oantuii in officio eorundem dominorum juratorum XXV"* instantis ad quem 
se obligavit mag.cis d.nis Joseph morphino petro fumo vincentio marcantia 
et francisco de adragna juratis. 

prò une. quinquagintanovem et tarenorum triom p. g. de qoibus dixit 
habuisse une viginti sex hoc modo une. 6 presentìaliter in argento de pe- 
cunia habitas a sp. d. antonio de ballis virtule oontractus paulo ante et 
une. 7 in mandato eorum dep.rio hodie uno. 14 in dicto vig* martij et 
une. 19. 3. faeta medietate fàbrice bene et magistribiliter. 

La stirritura et terra gictari undi passa la lavina a lo vacanti di lo 
inciacato et undi passa la lavina. 

Hypotecando omnia eorum bona et specialiter ipse m.r . . . dominicus 
eius domos clausuras et vineas in oontrata sancte marie de lesu et om- 
nia alia. 

Pro quo mag.r dominicus fid . • . . 

Eodem 



Mag.r franciscus rizo alias de paci recollexit ad medietatem servitio- 
rum in proximo etc. mag.rum dominicum de francica etiam cognitum eie. 
... et do pecuntis habitis quisquo habuit medietotem ole. 

Prcitontibus s.» sp. de ballis m. de labita et leonardo transirico (1). 



IX. 



Volendosi per comodità di questa popolazione demolire la porta e fa- 
briche laterali di rimpetto la ven.le Chiesa di 8. Giacomo e Reelusorio 
delle povere che corrisponde sopra il piano di S. Maria di Gesù fu adi- 



li) Dalle minate di not Yineenxo De Malia. 



Digitized by 



Google 



VnOBLLilTBA 419 

bito per ve^Iersi la spesa che abbisognava M.ro Leonardo Mannina, il 
quale fece Tinfrasoritta preventiva relazione ridotta agli atti dell' Officio 
Giuratorio li 20 di Maggio 4 iud. 1816, del seguente tenore : Essendo stato 
incaricato io infrascritto dalli spett. sig.ri Giurati di questa città di Alcamo 
per formare una relazione preventiva per demolire la porta e fabriche la- 
terali dirimpetto la ven.le chiesa di S. Giacomo e Reclusorio delle Orfane 
che corrisponde sopra il piano nominato di S. Maria, ed essendomi perso- 
nalmente conferito e diligentemente misurato qnal» ne ho formato la pre- 
sente relazione come si rilieva. 

E primo demolire li pezzi deirantica porta che sono palmi 14 di lun- 
ghezza quale vi abbisogna il capo e tagli ed arcano, per restar sane e non 
romperli si considera per armiggio capo tagli e, mastria .... on. Ss 

Più per demolire le Cabbricho delle mnra della città laterali ad essa 
porta con dovere incannare la pietra nel piano e gettare lo sterro ove vi 
sono delle fossi e renderle piane lungo can. 16 alto regolato oan. 3. 4. 
grosso can. 1. Somma can. 224 alla ragione di tari tre ogni canna im- 
porta. . onze 30, 18 

Per dritto di relazione preventiva » _ i2 



dO, 24 

E questa ò la mia relazione. Oggi in Alcamo li 20 Maggio 1816. 

M.ro Leonardo Manninfi relatore 
e per esso M.ro Ignazio Mannina figlio (1). 



Volendosi per comodità di questa popolazione dirocare le mura della 
città per il passaggio e porta della Madonna della Stella fu adibito per 
vedersi la spesa che abbisognava M.ro Leonardo Mannina, il quale fece 
l'infrascritta sua preventiva relazione ridotta agli atti dell'Officio Giurato- 
rio li 20 Maggio 4 ind. 1816 del seguente tenore : Essendo stato incaricato 
io infrascritto dalli spett. sig.ri Giurati di questa città di Alcamo per for- 
mare una relazione per diroccare le mura della città e porta nominata 
della Stella ed avendo diligentemente misurato le fabbriche da diroccarsi 
quale ne ho formato la presente relazione preventiva come si rilieva* 



(1) Dal Tolume 84 di Cantale, 4 iad. 1816-1816, eiiatente aair archlTio dal Comma 
antro il Palano della Città- 



Digitized by 



Google 



490 MlMILLAiriÀ 

E primo diroeoare le fabriehe e porta 8ud.a di lunghezza G. 6 

di altezza » 4 

e grossezza » 1 



G. 96 



Si considera per demolitina incannatina di pietra e sbarazzare lo sterro 
alla ragione dì tari 8 per ogni canna . . . on. 9. 18 

Più dopo levato d.o muro demolirsi le mura oopertiecio e dammuso 
delk Ghiesa della Stella si considera per demolitina incannare la pietra 
levare lo sterro on. 2. — 

Più dopo demolite d.e fobrichefnrsi il tagliamento por rendere la strada 
traccettabile si considera per tagliamento e petra . . on. 2. — 

Per dritti di relazione preventiva on. — 8 

E questa ò la mia relazione. Oggi in Alcamo li 20 Maggio 1816. 

M.ro Leonardo Mannina 
e per esso M.ro Ignazio Mannina figlio (1). 



XI. 



1^ da sapersi qualmente tra gli altri stabilimenti fatti dal Givico Con- 
siglio di questa opulenta città di Alcamo nella seduta de' quattro Agosto 
4 ind. 1816 leggesi Tinfrascritto capitolo : 

Avendo il Mag.to conosciuto opportuna la demolizione delli muri dirim- 
petto la Ghiesa di S. Giacomo e di quelli della porta della Stella perchè 
minacciavano una prossima rovina, il Consiglio viene ad approvare per la 
seguita demolizione quelle spese fatte per la reedificazione della Ghiesa di 
S. Moria della Stella e Sagrestia della Ghiesa dello Stellarlo dal Mag.o mu- 
nicipale, e ritrovandosi la terra e la pietra ancor non levata dal piano di 
S. Giacomo, e dal piano della Ghiesa dello Stellarlo vuole il Consiglio che 
queste venissero trasportate di rim petto la porta di S. Francesco dietro il 
muro dello stradone per ivi riempirsi e poi formarne un sedile a semicircolo 
con una fontana con scherzo di acqua alFuso del pubblico, con dover ga- 
bellare le acque spandentesi di questo che di altri fonti nuovamente edi- 



(1) Dftl predetto toI. 84 di Cratele, ptff. 889 rtiro. 



Digitized by 



Google 



XISOBLLAHBA 421 

ficati al ealor dell'asta, approvando il Consiglio la nuova costruzione di d.i 
fonti e le spese fatte per li stessi. 

Estratto dal Reg.o presso me esistente 

salvo il confronto 

Not. Stefano M.a Di Blasi cancelliere (1). 



XII. 



Mi faccio esito di onze sei e tari ventisei da me pagati a m.ro Giusep- 
pe Mannina muratore per quanto gli furono liberate le opere nell' aversi 
dovuto impianare il piano della ven.le Chiesa di S. Oliva con un certo 
declivio , che conduca al centro le acque piovane , come per mandato 
ecc. ecc. 

Mi faccio esito di onze sette tari 15 e gr. 10 da me pagati c^oò onze 
6. 15. 10, al Capo dei fabrìcieri m.ro Giuseppe Mannina per di lui mer- 
cede, e di alquanti altri muratori^ che levarono V intagli e diroccarono le 
mura della città eoUaterali a questo Castello, e di onza 1 a m.ro Leonar- 
do Barbanzolo per la stessa che pagò ad un carrettiere per altra di lui 
mercede in aver trasportato da d.o Castello sino fuori la porta di S. Fran- 
cesco li sud.i pezzi d' intaglio , che formavano la porta detta del Castello 
come per due mandati ecc. ecc. 

Mi foceio esito di onze 94. 2. 14 da me pagati cioè onze 91. 22. 14 per 
quanto gli furono liberate le opere da lui eseguite della demolizione della 
porta e Chiesa di S. Maria della Stella e delle collaterali mura dalla città, 
lo opere deiredifido della nuova Chiesa e Sagrestia di S. Maria della Stella 
e le altre opere della demolizione delle porte esteriori del piano di questo 
Castello e le collaterali mura della città rovinata ecc. ecc. (2). 



XIII. 



IHe nono novembris XJ* ind. Ì6i2 (3). 

Quia fuit per juratos terre alcami et vigore Consilij per eos detempti 
et conclusi data et concessa ven. Conventui sancti francisci desisa predicte 



(1) Dal precitato toI. 84 di Cautele, pag. 278. 

(2) Dal Conto éPItUroUi «f S$Ui premesso al detto Tolome 34 di Cautele. 

(8) Dalle minate di not Sebastiano Cinqnemghi esistenti nell'areh. del not Yineense 
Botonda. 

Areh. bhr. SU. N. S. anno XIX. 28 



Digitized by 



Google 



422 MuoiLtAnÀ 

terre gabella camis (i) grani aniuB prò anms tribas videlieet xij ziij et 
xiiij ind. proxime ventare ad effectam expendendi prò frabiea novi Gon- 
ventus santi frandsoi ad presens fabricati et trasportati in detta terra; eum 
hac tamen oondioUone quod fratres dicti Gonventus et eius offioiales tene- 
antur et sint obligati ut dicitur dari per intro di d.o Convento cioè per 
roenzo della ecclesia et d.o convento la strata allenza quali habbia da pi- 
gliari di la parti di tramontana come tira la lenza della cantonera della 
casa di Silvio di Rinaldo per fina alli mura della terra e come detta lenza 
potrà sequiri piugìusta et magistrali et di l'altra parti di menzo giorno 
allenza come tira la cantonera della casa del d.r Francesco Tabbone se- 
quendo con la cantonera et muro di d.a Chiesa allenza verso li vanti per 
fino a ditti mura ; la quali concessione si intenda in quanto e il solo et 
terreno di d.a strata tantum et sub nonnuUis alijr condictionibus in eo de- 
daratis ad confirmationera cujus Gonsilij non solum fuit reservata licentia 
E. S. et R. Patriraonij sed verum etiam multi rev.di Patris Provintialis 
predicti ordini» sancti francisci prout dare patet virtute predicti ConsiliJ 
redacti in officio predictorum juratorum sub die XXV novembris X* ind, 
1611 ad quod etc. quod quidem Gonsilium fuit confirmatum per E. S. et 
R. Patrimonium. 

Ideo hodie pretitulato die multum Rev.dus p. fr. Bonaventura de Tray- 
na Minister Provindalis predicti ordinis et Religionis sancti francisci hu- 
ius regni Sicilie hic Alcami et in predicto Conventu Sancti francisci de- 
sisa in discursu visite repertus ecc. ecc. 

Testes vincentius baldaccio et antonias coraoio. 

XIV. 



Eodem {die tdtimo aprilis mj.* ind, Ì5i9) (2). 

Nobilis thomas de jaccu h. t. a. presens eoram nobis sponte concessit 
seu dedit joannello camerì de urbe panormi presenti et redpienti ortum 
unum situm et positum in burgo diete terre alcami supra la biviratura di 
la porta di trapani diete terre versum castrum ipsius terre li mora mura 
seu la fossa fossa ut dicitar a gaudìri per annos daos oontinaos et oom- 



(1) Questa gabella daTa annnalmeote onze 66 circa. Denimeti da un atto in detto 
net. Seb. Ginqneroghi, del 5 agosto, n ind. 1618. 

(2) Dal registro 7.» ind. 1518-19 di not Andrea Orollno. 



Digitized by 



Google 



«MBiLAimÀ 488 

p]etO0 viddieet prò anno viij et viiij ind. prox. ventur. oum paoto et eon- 
didone quod teneator diotus joannellus et ita se obligavit et obligat ehan- 
tari tutti chilli arbori ki la dittu m. masi portira oi altro per ipsa et 
chilli btuii et diligentimenti guidari (?) et la stati abivirarili et aquarili a 
manu alias etc. 

Testes nicolaus de jema et joannes de eacoavo. 



Digitized by 



Google 



CARTELLI SEDIZIOSI DEL 1647 



Quando per la pace di Gateau-Gambresis (i550) dall'Europa si 
sanzionava la divisione deirimpero romano-germanico, e si ponea 
tregua alla rivalità tra Francia e Spagna, a quest'ultima per la 
speciale condizione a lei fatta dalla divisione e per le doti del suo 
rappresentante spettò il diritto di dirigere l'occidente. 

Da quella pace corse un periodo secolare che si chiude colla 
pace dei Pirenei (1659) e che segna una nuova epoca dell'Evo 
moderno. 

I due estremi di quest'epoca sono diametralmente opposti; essa 
si schiude col predominio spagnuolo e finisce coli' abbattimento 
della supremazia morale e materiale della Spagna sull'occidente. 

La pace di Gateau-Gambresis consolidava il dominio spagnuolo 
nelle più belle e più vaste regioni d'Italia. 

I vari! stati italiani, tutti, meno Venezia, divennero vassalli più 
meno della Spagna. L'Italia in questo periodo non ha più storia 
propria, perchè non ha più vita propria. La ricca dote portatale 
dal Rinascimento passa in patrimonio di tutto l'Occidente. 

Eppure l'Isola nostra tenne luogo privilegiato e distinto, come 
scrive in una recente e pregevole monografia il barone Arena- i 

primo. (1) I 

e Essa non perdette la nazionale sua rappresentanza nel proprio I 

« Parlamento, e il monarca delle Spagne per insignirsi del titolo i 

< di Re di Sicilia dovea essere riconosciuto ed acclamato dai tre 



(1) G. Arbkaprimo, Il governo spagmuOo in Sicilia nei secoli XVI e 
XVII; prolegomeni alla storia della rivoluzione di Messina del 1672-78. 
Messina, Tip. D*Amie0| 1802. 



Digitized by 



Google 



itooiLtAirìU 425 

< bracci del nazionale consesso, al quale dovea giurare per sé e 
« suoi successori Tosservanza e la conservazione dei capitoli, co- 
« stituzioni , privilegi , delle inununità e libertà del Regno , stipo- 

< landone solenne giuramento agli atti del Protonotaro. 

« La Sicilia inalberò sempre la sua bandiera, serbò sua moneta, 

< mantenne capitani proprii e milizia. > 

Ma il lungo dominio spagnuolo finì coU'abbassare il livello mo- 
rale della Sicilia e della più parte dltalia , e diffuse ovunque la 
corruzione della lontana monarchia. Avidi reggitori non ebbero 
altro di mira che il far denaro, e destino delle popolazioni era 
quello di pagar le gravezze. 

La nobiltà trascendea negli arbitrii, neir orgoglio e nel lusso , 
tanto che al 1641 si dovette creare una Deputazione degli Stati 
per amministrare i beni dei baroni falliti. 

Il Clero, con tutti i mezzi con cui la religione imperava sugli 
animi, distraeva e comprimeva i fremiti del popolo; vescovi e pre- 
lati, per sangue e per interessi spesso legati alla monarchia ed ai 
potenti , aggiogavano gli spiriti e le coscienze , propugnando il 
diritto dei forti e la soggezione dei deboli e sostenendo il proprio 
dominio, le ricchezze, gli onori, le esenzioni, i privilegi loro. 

L'insegnamento, affidato alla cura dei Gesuiti, sfibrò le menti 
giovanili fra lunghi e affannosi metodi e fra le torture scolastiche 
di rugginosa filosofia. Le lettere soggiacquero alla corruzione del 
gusto; le arti divennero servile imitazione della natura o dei pre- 
decessori, (d) 

Verso la metà del secolo XVII scuotevasi quella monarchia 
delle Spagne, che toccato il più solenne apogeo con Carlo V e Fi- 
lippo II, decadeva sotto i lor successori. 

L'inettezza del coronato Filippo IV, la rapacità e Talterìgia del 
favorito ministro Olivares, la poca coerenza tra gli elementi che 
costituivano il vasto impero , le gravezze aumentate per le spese 
sostenute dalla Spagna in tante guerre infelici , erano ragioni ed 
occasioni di un simultaneo fermento. 



(1) Di Marzo, Rivista Sicula, Voi. VI, Anno III, pag. 232. Considera- 
zioni sai dominio Spagnuolo ed il Savoiardo in Sicilia nel secolo XVII e 
nel sorgere del XVIIL 



Digitized by 



Google 



42è 



MIBCILLAHIA 



In Sicilia cominciò da tumulti accidentali di piazza per carestia 
deirannona. 

Dopo una docilità ed un silenzio di secoli, il popolo siciliano fre- 
mette e tentò di emanciparsi da quei magnati feudali, che schiac- 
ciaranlo con tutto il lor peso. 

L'inverno del 1647 s' inoltrara e la scarsezza dei grani si facea" 
sentire neirisola; in Messina, il Comune fece impicciolire il pane, 
onde nacque un trambusto che fu soffocato per opera del viceré, 
marchese de Los Veles, il quale fece impiccare i principali capi e 
provvedere gli abitanti del grano necessario. 

Intanto in Palermo da ogni parte accorreva gente che fuggiva 
le contrade infelici e dove il pane o difettava del tutto o si com- 
prava a caro prezzo. 

La capitale non potea contenere si straordinario concorso. 

Circa seimila indigenti percorrevano le vie errando senza asilo 
e senza mezzi di sostentare la vita. (1) 

Si sperava nel futuro ricolto ; ma ben presto le lusinghe sva- 
nirono, ed alla fame si aggiunse una fiera epidemia, che si sparse 
fra quelle squallide turbe ammassate in Palermo. 

Il pane intanto comparisce sui mercati di minor peso , il po- 
polo furibondo si accalca, grida, schiamazza, si urla contro il Pre- 
tore, si rompono i vetri del Palazzo del Comune, vi si appicca il 
fìioco; era il 20 maggio del 1647. 

Il popolo grida : Pane grande, viva il Re, fuori gabelle e mal 
governo. 

Il giorno ventuno al popolo si uniscono le maestranze, e il tu- 
multo enormemente si accresce. La soldatesca spagnuola era de- 
bole e poca. 

La plebe domandava : soppressione delle gabelle della farina , 
del vino, delFolio , delle carni e del formaggio ; salvocondotto ai 
prigionieri evasi dalle carceri; remozione dell'attuale Senato e isti- 
tuzione di due senatori o giurati popolari. 

Il Viceré è costretto a cedere e promette di secondare i voti 
del popolo ; il salvocondotto è accordato , i magistrati municipali 
sono tolti di seggio. 



(i) La Lumia, Storie Siciliane, Voi IV, pag. 32. 



Digitized by 



Google 



ìaBcmLàààk 427 

Questi ayyenimenti, ai quali abbiamo rapidamente accennato, 
sono stati con sana critica storica bellamente narrati dalFinsigne 
storico dei quattro Vicarii e del Giuseppe D' Alessi , e nulla sap- 
piamo e possiamo aggiungere a quanto da quell'aurea penna renne 
scritto. 

Passeremo solamente in rassegna quello che nei varii paesi 
della Sicilia avvenne in questo periodo di tempo, facendo capo ai 
moti di Palermo; il che servirà sempre più a dimostrare che gli 
avvenimenti del 1647 furono occasionati dalla carestia, ma tras- 
sero la loro origine dal malcontento suscitato dal cattivo governo, 
che impoveri ed afflisse la nostra regione. 

Questi varii moti ricorderemo cronologicamente. 

« 

Il giorno ventitre Maggio in Trapani al far del giorno furono 
rinvenuti tre cartelli sediziosi : Tuno attaccato alla porta dello spet- 
tabile Galatasclbetta, Sindicatore e Delegato del Real Patrimonio ; 
Taltro attaccato nella Loggia dei Giurati e Tultimo nella Gasa del 
Capitan d*arme. 

Il primo con parole ingiuriose minacciava il Sindicatore se 
mai avesse imposto nuove gabelle ; il secondo era diretto contro 
i giurati perchè avessero abbassato il prezzo delle vettovaglie, al- 
trimenti ad imitazione di Palermo si sarebbe il popolo sollevato ; 
il terzo finalmente era diretto al Capitan d* arme perchè fossero 
rimessi al posto i quattro pezzi di artiglieria, ch*erano stati tras- 
portati alla marina per imbarcarsi. 

Il giorno venticinque poi altro cartello fu rinvenuto alla can- 
tonerà del Carmine^ diretto contro uno dei giurati. (1) 

I primi tre cartelli furono bruciati ; ma quello del 2S> Maggio 
fu eonservato ed è del seguente tenore : 

« Si bona riggituri havissi stata (2) 

< Non t'haveria fktta Dia zoppa scianchatu 



(1) Rapporto del Capitano sostituto di Trapani del 25 maggio 1647. 
Reai Segreteria, Incartamenti, filza 1654. 

(2) È diretto contro ano dei Giurati. 



Digitized by 



Google 



^28 



tasónhtAMÀ, 



< guardati chi la popala é Infuriata 
« 8i non nescirai la grana Infossata 
> abrusciranna a tia e la to Btata » (1). 



A Galtanissetta la mancanza del frumento ed il cattivo raccolto 
aveano talmente immiserito la popolazione, ch'era costretta a ci- 
barsi di erba. 

Il pane si rubava nei forni impastato. (2) 



A Mazzara il ventisei Maggio nelle cantonere delli plubici piazzi 
furono rinvenuti cinque cartelli tutti uniformi ed allo scopo che 
si togliessero le gabelle: 

« Sarremo forzati comò quelle 

< Se non tsXì fora gabelle 
« Anzi con più rigore 

< E senz'altro vi sarrà rumore >. 

Un altro cartello fu attaccato alla cantunera della Madre Chiesa: 
« Signori giorati troppo fieroci vi bavette amostrato in questa 
« nostra Gita; tutti noi altri mastranzi ni voleamo mettiri anor- 
« dini et pero àvemo avìsato a li vosignori; il signor Don Fabio 
« s*amostrato bone con li poveri, et per questo vi Tavemo avisato, 
« che bolemo che scalati li gabelli masino faremo peggio et pes- 
€ Simo di Palermo » . 

Al margine inferiore sinistro del cartellino vi è una corona 
con la croce soprastante e con Tiscrizione sotto : et mora mal go- 
verno, Rex hyspaniarum. Poi una croce grande tutta nera od a 
lato della stessa scritto : viva Dio (3). 



(1) Real Segreteria, Incartamenti, filza 1654. 

(2) Rapporto al Viceré del 25 maggio 1647« R, Segr., filza id53. 

(3) Rapporto dei giurati e del vicario capitolare di Mazzara. R. Segr., 
filza 1654. 



Digitized by 



Google 



fksaotxXMàmk ésA 



* # 



La mattina del ventisette Maggio a Gefalù una quantità di donne 
incominciò a gridare contro le nuove gabelle e la diminuzione del 
peso del pane; alle donne poi si unirono gli uomini e la som- 
mossa scoppiò (1). 






Lo stesso giorno un altro tumulto e nelle identiche forme av- 
veniva in Marsala, ed i giurati per sedarlo furono costretti a pub- 
blicare un bando , mercè il quale si proibiva Testrazione del fru- 
mento dal territorio di Marsala (2). 



Il rapporto fatto dai giurati di Gastrogiovanni al Viceré , che 
per la sua brevità pubblichiamo, basta a dare un concetto esatto 
delle condizioni di quel paese. 

< Li rumori di Palermo han posto sosopra questa nostra città, 

< sin bora si sono fatte tutte le diligenze possibili per ismorzar il 
€ fuoco, et acquetare il populo. 

« Per conseglo della Città e parere di più Religiosi si è con- 
« chiuso dì mandare il P. Filippo L* aurifici della Ck)mpagnia di 
« Gesù, quale rappresenterà il tutto a bocca a Y. E. supplicandola 
« da parte di tutta questa sua città, a dar opportuno rimedio prima 

< che ne vadi alla totale rovina , con che rimettendosi a ciò che 
« li dira a bocca il sudetto Padre riveriamo profondissimamente V.E. 

« Gastrogiovanni 28 di Maggio 1647. 
« Francesco Geòrgie Penoso Giurato. 
« Pompilio Grimaldi Giurato. 
€ Francesco Grimaldi Giurato (3). 



(1) R. Segr., filza 1653. 

(2) R. Segr., Inc., filza 1653. 

(3) R. Segr., Inc., filza 1653. 



J 



Digitized by 



Google 



iSO ktààwLìjJKMk 



A CastronuoTO il giorno 20 Maggio 1647 i tumulti arrivarono 
a tal segno, che vennero eseguiti innumerevoli arresti, ed il Capitan 
d*armi fece preparare le forche nella piazza (i). 






A Sanfllippo , i tumulti della vicina Catania destarono quella 
popolazione ed il giorno 31 Maggio, verso le venti ore alcune 
donne e picciotti radunati nella piazza vicino la Chiesa di San- 
t'Antonio di Padova, incominciarono a gridare che si levassero le 
gabelle del pane, vino, carne, formaggio ed olio , se no si sareb- 
bero bruciate le case del capitano e dei giurati; alcuni volevano 
salire sul campanile della chiesa per suonare le campane a stor- 
mo, ma furono tolte le scale (2). 



♦•♦ 



A Caltavuturo , CoUesano , e Petralia Sottana accaddero varii 
tumulti, contemporaneamente il 1 Giugno, ma furono simultanea- 
mente repressi (3). 

• * 

A Barrafranca, terra della Principessa di Butera, il 2 Qiugno, 
i terrazzani appiccarono il fuoco alla casa di un giurato e gli uf- 
ficiali furono costretti a togliere le gabelle (4). 

Lo stesso giorno a Milazzo veniva affissa una protesta contro 



(1) R. Segr., Inc., filza 1653. 

(2) R. Segr., Inc.» filza 1654. 

(3) R. Segr., Inc., filza 1653. 

(4) R. Segr.» ìm^ filza 1653. 



Digitized by 



Google 



ìll80ÌLLAÌnÉA Hi 

il Capitano di giustizia Giorgio Amabile, e contro il Capitan d'arme 
Francesco Tamajo del tenore seguente: 

« Protesta fatta al Capitano di giustizia della nostra fedelissi^na 
« Città di Milazzo. 

€ Capitano, Capitano, guarda non ti venghia lu mal'annu, vede 
« bene lo Cartello grande e considera quantu lu Populo adimanda, 
« e per tu saperlo meglio, ti dicemo, che a Cola Maria (1) non lo 
« volemo. 

« AHI sol Colleghi ci dicemo, che lo vogliate sterrare con suo 
e fratello Giovanne Cumbo , e non vogliano dimorare , e si lu 

< Populo tu voi reparare , lo hai da fare e di subbito lo hai da 
« provare, e di haverlo fatto, con bando di trumbetti lo voi ban* 
« diare, si tu voi che il Populo habbia di arrestarsi , e si tu non 
« lo fai , a S. E. li havemo di dare parte e copia dello Cartello 
€ a ciò ti faccia morire in un Castello : Tu si da parte di Sua 
« Maestà, e il Populo ricorre a tia. Non lo voi fare? e noi far- 
« remo queltanto che dicemo, e per la nostra Cortesia ti dicemo. 
« che si tu voi Tordine di S. E. per quanto ti dicemo mettere In 

< esecutione , il tempo ti volemo dare , che a S. E. ce 1* babbi da 
e rapresentare, ma perche il Populo lo sappia, con bando pubblico 
« di trombetti ci hab\i a declarare che lo Voi fare, altrimente noi 

< ci darremo dintra con tutti Tagenti, e toni a menti, si tu lo fai 
€ noi non farremo nenti e ni contentarne di aspettare, e con bando 

< hab^ da bandiare la risposta che ti veni, non te lo habbia a do- 
« monticare, e con Correrò apposta lo habij a fare , che si tu ni 
« burli ti havemu da abbruxare, e il Cartello di sutta a S. E. con 
« questo lo hai da mandare , e come Capitano raccoglie tutti li 

< Cartelli con lo Grandi che hanno li Giurati ammucciatu; fattilo 
« dari, fai da Capitano e non da Coglione, perche tocca a tia, e si 
e non te lo dunano mettili carcerati a nome di S. E. per Una che 

< te li dunano, perchè in quillo consisti lu sapiri tu quello che hai 

< da fari, e a S. E. l'hai da mandare , che lu habbia a reparare , 
« che comu leva a Cola Maria e a suo frati poi non farremo nenti 



(i) Gola Maria Gambe era uno dei giurati di Milazzo. 



Digitized by 



Google 



48à itMÈÙJMtk 

« bensì, si hannu da levare tutti li Oabbelli , come si declara nel 
« Cartello Grandi, e che Milazzo stia come prima , Dui cosi si di- 

< mandano e si non, noi farremo quanto volemo, e sono: che Gola 

< Maria e so frati vadano disterrati, e la sua Gasa alla marina, sia 
€ per memoria derrupata , e di questo ni stame spettando esecu- 
«tione per comandamento della Giustizia et altrimente, lo farre- 

< mo noi indubitatamente; e presto lo vidiriti et aspettati, il Populo 
« di Molazze et Io con tutti: fora fora malgoverno, viva Re di Spa- 

< gna, fora fora Gola Maria, fora fora di Giuratu che à tutti noi 

< ha consumatu, non lu volemu , di subbitu sia privatu e da Me- 
« lazzo sia disterrato con suo fratello, falsariu, scelerato. 

In piedi del medesimo Cartello, seguita contro il Capitan 
d*Arme. 

< Tu spettabili Capitan d*Armi ci culpasti del tutto; questo mi 
risponderai che non ò vero et Io ti dico che menti per la gola, 
che tu sy causa del tutto, che volesti dare possesso à questo Ca- 
labrisi scorcia Santi, mentri tu havevi li ordini di S. E. per non 
ce lo dare, e pure tu lo volesti ammucciare per fina a tanto 
che il possesso ci lasciasti dare, causa di tanta rovina, non im- 
porta, ci e per tia ancora, non ti fidare delli tot soldati, che a tia 
con loro per fumo ti faremo andari, cala a baxo, e vederai; ma 
non ti pigliare fastidio che noi ti veneremo a riverire per farti 
ci*epare e morire, guai per tia^ meglio ti ha vesso fatto il fatto 
tuo, con il tuo Governo della Guerra, non pigliarti partiti con 
Cola Maria lu Calabrisi (con riverentia) consultare che ha stato 
la mina di questa Città, Tu hai scritta spintu di lu Calabrisi a 
S. E. e Patrimonio e il Calabrisi havi ammucciatu la manu, e ti 
ha Catto venire il mal* anno come lo vederai, et anco ti ha im* 
pasturato come ha fatto alli sci colleghi tutti tri gran sumeri, e 
a tia comò spagnolo ti ha fatto diventare un gran citrolo e noi 
ti dicemo e senti bene, già che hai fatto questo errore, mentre 
che stai da parte di Sua Maestà ti facemo Instantia , che deb^ 
levare a Cola Maria di Giurato, e che in fatti sia privato e fallo 
da parte di Sua Eccellenza per quiete e pace di questo Populo, 
altramente ni protestarne con S. E. che non lo velisti fare e noi 
lo Carremt e mandaremo la copia del Cartello con Cornerò ap* 



Digitized by 



Google 



nMttUJnà 488 

« posta a S. E. dove noi sapremo scusati e Ta castigatu, • da* Noi 
« sarrai ammazzatu, e tutto questo lo farrai eoo bando publico nel 
< termine che si declara per il primo Cartello grande, che hanno 
« li Giurati ammucciato per tuo avviso, il Populo di Molazze che 
« presto verrà a tia, ti lo dicemo e fàrremo e non vedemo Thora 
« del martedì la sera e il fine, ciò e a voialtri » (1). 



Ad Aidone, sollevatosi più volte il popolo per domandare Tabo- 
lizione delle gabelle, finalmente il 8 giugno i giurati si videro co- 
stretti a cedere e pubblicare un bando pel quale sospendevano le 
gabelle del Macino e deirolio (2). 



In mezzo ai tumulti è degno di nota il rapporto diretto al vi- 
ceré dal Capitano di giustizia di Carlentini, Cristoforo De Medicis, 
col quale si loda quel popolo, rimasto tranquillo e fedele alla Co- 
rona (3). 



(1) R. Segr,, Inc., filza 1654. 

(2) Per occurrere alcuni disordini , li quali si vanno vedendo potere 
partorire malissimo conseguenze in questi tempi turbolenti di solleva- 
menti di popoli per li molti agravii di gabelle. Perciò di ordine delli 
spettabili Vito Scopazzi, Leone di Napoli e Battista Emanuel! Giurati di 
questa città di Aydone, per Io presente bando si sospende la gabella della 
macina di grana dieci per tumino del formento e grana due, piccoli quat- 
tro per ogni tumolo di orzo et quella dell' ogiio per questa città e suo 
territorio, ed affini che venghi a notizia di ciascheduno 8*ó fktto il pre* 
senti bando puplico per li lochi soliti di essa città. 

Promulgetur. 

Leone di Napoli Giurato. 

Vito Scopazzi Giurato. 

Ioan Battista Emanueli Giurato. 

Die tertio iunii 15* Inditionis 1647. 

(12. Segr., Inc., filza 1653). 

(3) R. Ssgr., Inc., fiba 1653. 



Digitized by 



Google 



484 xnaiLLAirBA 






Il giorno 5 giugno in Patti si rinrennero aflSssi in diversi muri 
e porte della città alcuni cartelli sediziosi collo scritto: fvjora mal 
governo; sul tardi poi comparvero molti del popolo armati con 
spade, pugnali, rotelle e scopette, insieme con temine et picciotti 
con spedi , bastoni e pietre in mano , suonando la campana ad 
arme (d). 

Il Capitano di giustizia ed i giurati cercarono di acquietare i 
tumultuanti; ma indarno, anzi furono costretti a ricoverarsi nel 
castello del Vescovo. 

Ivi li raggiunse il popolo, minacciando di voler bruciare il detto 
castello. 

In seguito a che furono costretti a venire a patti e ratificare 
un atto, che con la violenza si era estorto al maestro segreto, e 
col quale si prometteva di togliere le gabelle (2). 



A Calascibetta il popolo ricusossi di pagar le gabelle, ed i giurati 
a prevenire disordini il 6 giugno domandarono dei provvedimenti 
al viceré (3). 



Il giorno sette dello stesso mese ad un*ora e mezzo di notte a 
suon di campane e di tamburi il popolo di Bisacquino tumultuando 
si recò alle case dei giurati, protestando di non poter più soppor- 
tare il peso delle gabelle , e domandando che le medesime venis- 
sero tolte. 

Il tumulto si mantenne entro i limiti di una protesta; il popolo 
gridava : Vìva Sua Maestà, fora gaibelle (4). 



(1) R. Segr., Inc., filza 1054. 

(2) Vedi Doc. n. L 

(3) R. Segr., Inc., filza 1653. 

(4) R. Segr., Inc., filza 1653. 



Digitized by 



Google 



imoiLLASiA 485 



II nove giugno a Girgenti più di tremila persone riunite nella 
pubbliche piazze incominciarono a gridare che si abolissero le ga- 
belle , indi a che incendiarono le scritture dell' archivio Civile e 
Criminale della Gasa dei Dottor Giuseppe Ugo Sindaco e del Mae- 
stro Notare e Detentore dei Libri dei giurati , e non contenti di 
tanti disastri corsero al Castello , dove aperte le carceri , misero 
fuori molti prigionieri (1). 

Non potendo reprimere tanto furore di popolo, il Capitano di 
giustizia fu costretto a fare un atto pubblico, per il quale aggra- 
ziava i carcerati evasi, ed i giurati un altro atto col quale aboli- 
vano le gabelle (2). 

Il giorno susseguente, essendosi sparsa voce nella città, che Vin- 
cenzo e Pietro La Gatta e Vincenzo Guales andassero annotando i 
capi-popolo, soUevossi un nuovo tumulto; il popolo volea bruciare 
le loro case, ed il Capitan d*arme e i giurati furono costretti per 
quietare il popolo a sfrattarli per pubblico bando (3). 

E nello stesso giorno ta pubblicato un altro bando col quale si 
proibiva a quelli che aveano riportato condanne per furto, di pas- 
seggiare da mezz'ora di notte in poi per la via della città (4). 



••* 



I giurati di Burgio, avendo appreso i tumulti di Palermo, cer- 
carono con ogni mezzo d'impedire una sollevazione nel loro paese; 
quindi di accordo coi collettori aveano adoperato una certa mi- 
tezza nell'esazione delle tande regie, anzi aveano promesso di sup- 
plicare il viceré pel discalo delle tande medesime e l'alleviamento 
di qualche gabella. 

Spedirono infatti il padre cappuccino Basile; ma la sera del 



(1) Rapporto al Viceré giugno 1647. R. Segr.. Inc., filza 1663. 

(2) Vedi Doo. n e IH. 

(3) Vedi Doc IV. 

(4) Vedi Doc. V. 



Digitized by 



Google 



486 imoiLLAviA 

nove giugno 1047 ad un*ora e mezzo di notte , immensa folla di 
popolo, suonando le campane a stormo correva alla casa del giu- 
rato Antonio Scaraglino , appiccandovi il fuoco con cataste di le* 
gna che gettavano anche sui tetti; di là passarono alle case degli 
altri giurati Girolamo Turano , Dottor Francesco Anselmo e Gia- 
cinto Termine, non che a quella del Collettore , lanciando pietre 
alle porte ed alle finestre, ed a quest'ultimo domandavano il libro 
della Colletta perchè fosse bruciato ; ai giurati tumultuosamente 
chiedevano, che si levassero la colletta regia e le gabelle. 

I PP. Riformati di San Francesco ed alcuni altri gentiluomini, 
tra cui D. Girolamo Marino, sì cooperarono gagliardamente perchè 
il tumulto si fosse sedato, promettendo che si sarebbe provveduto; 
ma la plebe tumultuante non stette alle promesse e volle che i 
giurati avessero con solenne giuramento garentito le fatte pro- 
messe; ed a mezzanotte furono radunati nella Madrice Chiesa dove 
fu esposto il Sagramento, ma malgrado tutto, il popolo imponevasi 
minacciosamente armato e domandando che fossero levate le ga- 
belle del pane, foglie e coirà, la colletta regia, e venissero resti- 
tuiti i pegni ch'erano in potere dei collettori, e ciò per atto pub- 
blico (1). 

I giurati furono costretti ad ubbidire e la notte stessa Tatto 
richiesto fu redatto dal notare Giuseppe di Accolito (2). 



Il giorno nove giugno in Catania il popolo si sollevava in armi 
correndo verso le case del Capitan d*arme, dei giudici e dei giu- 
rati. Le campane suonavano a stormo. 

Indi recavasi alla casa di Francesco La Buzzetta, esattore del 
tari su d*ogni libbra di seta e alla casa di Giacomo Varrica, Te- 
soriere della Università, dove furono richiesti e consonati i quin- 
terni delle tasse e dei donativi regii. 

Il grido della sommossa fu : Viva il Re di Spagna, fora ga- 
belle e colletti, non volemo pagari più nenti. 



(1) Real Segr., filza 1653. 

(2) Vedi Oocumento VL 



Digitized by 



Google 



)tt80B^.ÀNBÀ 487 

L'Arciprete della Maiirice Chiesa espose il Sagramento , e pei 
buoni ufflcii del Barone Sollima , il popolo entrò in chiesa , dove 
però domandò che venissero creati nuovi ufHciali, il che fu ese- 
guito, per riacquistare la pace, la calma e la tranquillità (1). 



Lo stesso giorno, a Sciacca, in una cantonata della Chiesa di 
San Giuseppe verso la Porta di Palermo, si rinvenne un cartèllo se- 
dizioso del seguente tenore: 

< O populi di Sciaccha, sì vi criditi chi sti dui gabelli si annu 
« livatu sia stato per opra di firritu, vui vi ingannati, chi lu dictu 
« mandau allu patri cappuccinu cu ordini di supplicari a S. E. di 
« livarisi qualichi gabella undi dittu fiuritu nun avia interessi, e 
< della gabella della farina ne havissi fattu livari la mitati, cussi 
« pri non perdirila di lu intuttu, comu pri stari nella spiranza di 
« aversi a mettiri un giornu nellu sta tu chi eranu, ma pirchi diu 
« aggiuta lu giustu, pirmisi chi un patri di li dicti cappuccini ha- 
« vìssi scrittu allu dittu patini guardiano, chi havissi assolutamenti 
« fattu livari ditti gabelli auti-ainenti nun avissì vinutu in Sciaccha, 
« per tantu si ebbi lu intentu e tantu e veru chistu chi avendu 
« S. E. di gratia livatu li gabelli supra vinu e farina, lu signuri 
« fiuritu vuoli un tari pri salma dì li canciaturi ài putentia, la quali 
« cadi supra di li poviri e dì chini pri potirisi vindiri li soi vini 
€ a lu prezzu chivvoli , prohibisci l'intrata di li vini foresteri, cu 
€ vuliricci fari pagari la gabella di lintrata e cussi fa centra l'or- 
« dini di S. E. e contro lì populi della nostra Citta, un Mazzarisi 
« nudu e bastuniatu e nun satin di sugari sangu ancora stuzzica, 
€ brusciatilu, chi aviriti lu seguitu di tutta la citta, chi essendu 
« brusciatu a fiuritu, tutti cosi andirannu boni, chi l'autri usurarli 
« un fannu cosa senza suo consiglio > (2). 



(1) Real Segr., Inc., filza 1653. 

(2) Real Segr., Inc., filza 1654. 

Areh. Star. Sie. N. S. anno XDL 29 



Digitized by 



Google 



488 HisoxLLAirsÀ 



Anche a Gastelvetrano avvenne una sommossa il 10 Giugno, 
ma venne tosto sedata (1). 



41 



Il giorno 20 giugno altra sommossa a Mirto , perchè il popolo 
si ricusava a pagare le gabelle della seta e del macino (2). 

• * 

Il 23 giugno ad Augusta in sul mattino furono rinvenuti due 
cartelli sediziosi, Tuno in un angolo della piazza e 1* altro vicino 
alla chiesa di San Giovanni, dicendo che il popolo stava sopra un 
perno e che se non avessero levato le gabelle sarebbe avvenuto 
peggio di Palermo. 

Malgrado queste minacce però, nulla ebbe a deplorarsi, come 
lo stesso Capitano di giustizia D. Francesco de Pedrona riferiva al 
viceré con un suo rapporto dello stesso giorno 23 giugno (3). 

• * 

Nel giorno medesimo a Caltabellotta i giurati furono costretti 
a confermare alcuni capitoli presentati dall'Università, pei gufili 
si domandava, non già 1* abolizione delle gabelle, ma una nuova 
statistica ossia numerazione d* anime , giacché la ragione dell* es- 
sere enormemente gravati quei popoli stava appunto in questo, 
che dapprima quel territorio contava 8000 anime, mentre allora 
era ridotto a meno di tremila. 

Si domandava inoltre che fosse stata vietata 1* estrazione del 
frumento (4). 



(1) Reca Segr., Inc., filza 1653. 

(2) Real Segr.y Inc., filza 1654. 

(3) Reca Segr.y Inc., filza 1653. 

(4) Vedi Documento VII. 



Digitized by 



Google 



MI80KLLAVKA 



Il 24 giugno in Ucria sui mattino il popolo levossi tumultuando 
e gridando fora lutti gabelli ; fu appiccato il fuoco alla casa del 
giurato notar Francesco Rigeli, che venne preso, e si minacciava 
di bruciare il castello e dare il sacco a tutto il paese. 

Perfino le donne accorrevano armate con coltellazzi e pietre, 
gli uomini con bastoni, runchi, spiti, pali et parti coli pianali. 

Per sedare quella rivolta, che minacciava di prendere serie e 
pericolose proporzioni, furono costretti i giurati, il giudice ed il 
Capitano di giustizia a sottoscrivere un atto, mercè il quale si di- 
chiaravano abolite tutte le gabelle. 

Questi avvenimenti sono narrati dettagliatamente in una rela- 
zione rimessa al Viceré (1). 



♦% 



In Siracusa, per timore che il popolo si fosse sollevato, stante 
la carestia e le notizie delie varie sommosse avveratesi in altri 
paesi, Tarcivescovo con editto del 26 maggio 1647 aveva permesso 
a tutti gli operai, che non osservassero nò la Domenica nò i giorni 
festivi per affrettare il raccolto, ed a tutti i rivenditori di generi 
necessarii al sostentamento, che tenessero aperte alla vendita le 
loro botteghe anche durante detti giorni (2). 

Malgrado ciò il 24 giugno , alcuni cartelli sediziosi apparvero 
presso Tuflacio del Ricevitore e presso la Corte Civile. 

Eccone il tenore: 

e Piangerne assai tutti 
« Quanto ho campato, 
« La nobiltà di Siracusa 
e Deventau tutta fumnsa 
e Dici che ó gran vìlitati 
« Onorari a Dio Patri 



(1) Vedi Documento Vili. 

(2) Vedi Documento IX. 



Digitized by 



Google 



440 visoiiXÀmà 

« Mentri pompa per li strati 

« Sotto li specie consecrati» 

< Voi di ciò la viritati ? 

« Non ha dinari ne pò comprar! 

e Un rotolo di brandonì 

« Per accompagnari In signnri. 

« Ita est consaetudo nobilinm panpernm. 

€ velete (1) 

« A rividirchi meglio 

« Viva viva la mastranza onorata. 

Altro cartellino uguale , colla sola variante infine , dove dice : 
Ita est consuetudo, ò scritto : Ita agitur ubi non est Deus (2). 

* * 

II 10 Luglio 1647, il popolo di Galtagirone tumultuando doman- 
dava r abolizione delle gabelle. Il Consiglio Civico stabiliva, che 
non fossero abolite le gabelle , ma invece diminuite e distribuite 
ugualmente per ogni ceto. 

Questa deliberazione venne approvata dal vicerò (3). 

* « 

Essendo comparsi nella terra di Randazzo alcuni cartelli sedi* 
ziosi, il Capitano Don Matteo D*Arces promulgava il 4 Luglio un 
bando, mercè il quale si promettevano cento oncie a chi avesse 
denunziato Tautore dei detti cartelli (4). 

Il giorno 14 Luglio di Domenica alle ore tre di notte, il popolo 
levossi a tumulto, si suonarono le campane air armi, si gridò: 
Viva il Re di Spagna, fuora (/abelle. 

Venne bruciata la casa di Giovanni Romeo, padrone del carlino 
e gabelloto dei tre carlini della seta ; si bruciarono gli atti di notar 



(1) Si legga: valete. 

(2) Real Segr,, Inc., filza 1654. 

(3) ReaX Segr., Inc., filza 1653. 

(4) Vedi Documento X. 



Digitized by 



Google 



ìilBOÉLLAXtA 441 



GioYanni Ribizzi dove si contenevano i contratti debitorii del detto 
Romeo ; fu aperto il castello e vennero scarcerati ventisei prigio- 
nieri; si tentò financo di appiccare il fuoco agli archivii criminali 
e civili ed a tutte le bancbe notarili, e vennero costretti quei giu- 
rati ad abolire tutte le gabelle mercè pubblico atto (i). 



* 
* * 



Finalmente il 30 Luglio in Ciminna apparvero numero sette 
cartelli sediziosi, ma in breve tempo la calma e la tranquillità tornò 
a regnarvi. 

I cartelli sediziosi suonano in questi sensi : 

I. 

« Rebellione 

« prima alli giurati che non hanno saputo bene covernare, da poi 
« allo secreto per la sciurta e bagla, dopo a mastro Antonio lavi- 
« gnera, poi allo cani di lo cubaltaro, e sia una bona stritta dopoi 
«a larcipresti et allo vicario, poi a suarelo e fareti livare li litri 
« di larmi che non ci vonno, e poi alli parrini et alli monaci per 
« li renditi, et non sarra nulo di lofHciale che si mova, fermento 
« non ci ni è e tuti morireti di fame ni dareti una stritta a copo- 
« luni che havi achianato la carne. 

II. 

• Di più che da qua in anti non si nescia più vino perche non 
« ci ni e più, e lo achianiranno ad uno tari la canata e lofflciali ci 
« devono providiri. 

« lo pani sta di farsi niru, perche lo fermento sta pri achanari, e 
€ voi babani, cornuti, somari vi lassati passari tutti cosi e faciti la 
« barda; restamo di diri alcuni cosi importanti. 



(i) Beai Segr., Inc., tlUa 1654. 



Digitized by 



Google 



442 ^IBOKLLÀiniA. 



IIL 

< Rebelli 

« Palermo fu il capo a ribellari e voi ciminiti sete ciauli di 

< campanari; la sciurta yanno scriveano, lu mastra e Don Gilor- 

< mo; se questo ni lassate passare tutti sarreti Asini e somari, se 

< li gabelli non farreti livari quanto prima vi calvacaranno li 
« mugleri 

€ et se questo non farreti in palermu più non acostireti. 

IV. 

€ Viva re di spagna e fora mali governo si dirra i)er tutto Ci- 
« mina se le gabeli non si levano, ma ci lassira quello che tocha 

< allo Re in quanto alla farina e laltre tutti fora, per non esseri 
€ ribelli di sua maestà. 



< Ribello 

> A voi parini conveni a fari livarsisi li gabelli, atramenti si 
« procedira contro di voi, che Gimina sta supra un punto che già 
« tutti sono confafati a fari ribelioni, et si a questo voi non ci prò- 
« vidiriti male vi havireti. 

VI. 
« Rebello 

< Ad 15 di Agosto ci sarrano omini armati facendo ribellioni 
« centra di cui ha dinari; lo mio consiglio fora che li gabelli si li- 
« vassero ora. 

VII. 

< Tutti quelli personi che farranno il contrario sarano a più 
< di notti per un pedo, ci persuade alli officiali tanto di li secolari 



Digitized by 



Google 



lOSOSLLAllSÀ 



448 



« quanto alli parrìni che tutti portano armi perchè si voli fari; 
« basta lo so io che seguita » (1). 

♦% 

Per porre termine a questi cenni, è necessario aggiungere che 
tutte le deliberazioni prese dai giurati delle varie terre della Si- 
cilia, riguardanti abolizione di gabelle, furono dal Viceré annullate 
con lettera patrimoniale del sei luglio 1647 (2). 

Palermo 10 Marzo 1804. 

Ferdinando Lionti. 



(1) Real Segr., Inc. di Partanna, filza 1654. 

(2) Vedi Documento XI. 



Digitized by 



Google 



444 1CI8CBLLAKSÀ 



DOCUMENTI 



DOCUMENTO I. 

Noi D. Oinseppe Cenere, Regio Segreto e procuratore di S. G. Maestà 
in qnesta Città di Patti e sua giurisdizione , D. Oiovanni Genere , Anto- 
nino Bertone, Ginseppe Rossi, Antonino e Panie Spitaleri, ginrati di qnesta 
Città di Patti, D. Geronimo Flornlli proconservatore e D. Antonino Chitari, 
Sindaco di qnesta predicta Città, nella piazza pnplica d*essa, hogi che 
sono li cinqne del mese di giugno ad bore 22 in circa d' esso giorno, 
retrovandoni nella piazza sndetta d* essa Città , si bnttinorno molti del 
popolo d*esRa Città, cosi citadini come forastieri , cosi grandi come pic- 
coli e femine e d*ogni età, il quale popnlo gridava che s'havessero le- 
vato le gabelle e viva il Re di Spagna, che se non Thavessero levato 
haveriano andato alle casi dell! giurati d* essa ed altri officiali et a 
qnelli haveria potuto succedere alcun inconveniente, onde per tal causa 
sonare la campana a Tarme, e noi, vedendo tale inconveniente, per ser- 
vitio di Dio e S. C. Maestà e di questa Città ha verno promeso a detti po- 
poli in puplico di levarli le gabelle, conforme ci è notitia che anco s*ha- 
bino levato per ordine di S. E. nella ritta di Palermo ed altre città di 
questo Regno. Pertanto per il predente atto, per conservatione del vas- 
sallaggio di Sui Maestà, poiché chiaramente s*ha visto la tumultuazione 
di qnesta Città, per rimediare a simili inconvenienti e per conseguenza 
proseguire in altre terre e città convicine, per lo presente detto Regio 
Segreto, detti spettabili giurati, Capitan di Giustizia, proconservatore e 
Sindaco di questa Città havemo levato, per lo presente atto levarne tutte 
gabelle che si pagano in questa città, cioè la gabella della macina, ven- 
ditura di pane, gabella di frumenti, egli, sita, formagi, salame, pignati, 
crita, vino, carni, orgio, sali, pesci e tutte e qualsisiano gabelle, che per 
lo passato persino al presente giorno si pagano, cosi in generale come 
in particolare, poiché essi citadini intendine essere vassalli fidelissimi di 
S. G. Maestà e solamente volino esser franchi delle gabelle e d*hogi in- 
nante non si pagano più dette gabelle, e questo per servizio di Dio, S. C. 
Maestà et beneficio universale di questi citadini, unde ut in futurum ap- 
pareat s* ha fktto il presente atto nella paplioa piazza e nella logia e 



Digitized by 



Google 



klSOlELLAVKÀ 44& 

banca solita dove si fiinno le cose di questa università, in Patti hogi il 
di cinque di Giugno decimaquinta Indizione 1647. 

Francesco Velez de la pegna Capitano conflrmo ut supra per il quieto. 

Giuseppe Rossi giurato confirmo ut supra 

Antonino bertone giurato confirmo ut supra. 

Paulo Spitaleri giurato conflrmo ut supra. 

D. Gioanne Genere giurato confirmo ut supra. 

D. Gioseppe Genere Regio Secreto. 

D. Antonino Ghitari Sindaco conflrmo ut supra. 

Proconservatore D. Geronimo Florulli. 

{Real Segr., filza 1654). * 



DOCUMENTO IL 

Die nono lunij decimae quintae Inditionis millesimo sexcentesimo qua- 
tragesimo septimo. 

Fuit provisum et mandatum per spectabilem Don Gorradum Monta- 
perto, Capetanium lustitiae Cnriae Gapitanialis huius magnificae civitatis 
Agrigenti, cum presentia, decretu et interventu utriusque iuris doctoris 
Garoli Gavalli, ludicis ordinari] diete Curiae, quod stante revolutione Po- 
puli et tumultu hodie orto, ex quo fuerunt fìrattae portae regii Castri 
eiusdem Civitatis et excarcerati de voluntate eiusdem Populi quamplures 
carcerati ad nuuierum usque ad decem et novem circiter, quod prò se- 
dando tale tumnitum predlbti carcerati videlicet : Vincentius Miragla, Bat- 
tista Naso, loseph Pilette, Virgilius Cali, Franciscus Domini alias io Gan- 
citano , Gerlandus Cipulla , Philippus Vasapollare , lacobus YasapoUare , 
Petrus Cura, Carolus D'Orlando, Hieronimus Scaramuza, Franciscus Bon- 
signore, Petrus d*Agrò, Hieronimus Grassadonia, Pauius Dispenza, loan- 
nes Vaccaro, Michael Falsone, Petrus Soldano, et Vincentius lo Piscopo 
et alij sint et intelligantur aggratiati et indultati prò eis quod spectat 
ad ipsum spectabilem Capitaneum et ludìcem , habita semper relatione 
ad totum id quod fuerit dispositum per magnam regiam Curiam et Ex- 
cellentissimum Dominum Proregem, luxta quorum lussiones et mandata 
presens actus sit et intelligatur regulatus et non aliter, nude scribatur 
tu actis. Don Gorradus Montaperto Capitaneus. Utriusque iuris doctor 
Carolus Cavalli Index. 



Digitized by 



Google 



446 ìrtsokLLAiriu 



Ex actis Regiae Game GapiUnialis haius magniflcae civitatis Agri- 
fenti eztraota est presene copia. Gollatione salva. 
loan de Qomes Magister Notarias. 

(Real Segr., Inc. filza 1653). 



DOCUMENTO III. 



Die nono lunij decìmae qnintae Inditionis millesimo sezcentesimo qna- 
tragesimo septimo. 

Spectabilìs Don Isidorus de Lonar Armoram Capitanens ad bellum , 
Don Corradus Montaperto Capitaneus lustitiae et Nicoiaus Antonias pa- 
neveri luratns hujas civitatis Agrigenti. mihi notarlo cogniti, coram no- 
bis stante revolutione popuiornm haius civitatis predictae sponte vi pre- 
sentis actus et oaini alio meliori modo contentantur ac contenti extite- 
rnnt et sunt, qnod ab hodie et ex nunc in anthea omnes gabelle debite 
per hanc civitatem Agrigenti eiusque nniversitatem intelligantar et sint 
ut dicitur levati, et dieta universitas intelligatur penitus exempta, fran- 
cha et libera ab omnibus gabellis predictis et hoc prò omni futuro tem- 
pore et in perpetuum et prò evitandis aliquibus damnis que prò revolu- 
tione populi predicti evenire poterint et non aliter. 

luraverunt etc. 

Unde etc. ^ 

Testes Carolus del giudice, D. Vincenti us Landolina, D. Qaspar giao- 
chetto, Autoninus de Ude Baro Somnari et D. Michael la seta. 

Ex actis meis Notarli Stephani Palnmbo Agrigenti. 

Gollatione Salva. 

{Real Segr., Inc. filza 1653). 



Digitized by 



Google 



ikjBoàhLAskjL 447 



DOCUMENTO IV. 

Die decimo lanij deoimae qaintae iDditionis millesimo sexcentesimo qua* 
tragesimo septimo 

Convenendo al servitio di S. Maestà et quieto di questo popolo si or- 
dina, provede et comanda per il presente hanno publico di ordine dello 
Magnifico Don C4orrado Mont*Àperto, Regio Capitano di Giustizia di que- 
sta CittÀ di Girgenti, ad petitione del popolo, che Vincenzo et Pietro La 
Gatta, patri et figlio fra termine di tutto hoggi dieci del presente mese 
di giugno hahhiano, vogliano et debhano sfrattare et haver sfrattato da 
questa Città et dieci mìgla atorno, così anco Vincenzo Guales fra il me- 
desimo termine hahhia, voglia et dehhia sfrattare et haver sfrattato da 
questa medesima Città et dieci migla atomo sotto pena alli detti della 
Gatta di scuti milli per ogn'uno di loro applicati al regio fisco per sub- 
sidio delle regie Galere, et detto di guales sotto pena di anni tre di re- 
migare sopra le regie galere; Dando anco potestà a tutti et qualsivoglia 
persone di questo Popolo, che alli detti della gatta et guales, passato il 
termine di tutti hoggi dieci del presente et le retrovassero in quista 
Città dieci migla attorno, a quelli personi pigliare et portare ad esso 
magnifico capitano ad effetto contro quelli possa esso magnifico Capitano 
eseguire le pene. Cossi anco detto magnifico Capitano ordina, provede et 
comanda, che tutti et qualsivoglia persone di questo popolo che havesse 
alcuna differenza o pretendessero alcuna cosa, che senza far tumulto ven- 
ghino ad esso Magnifico Capitano, che remediarà ogni cosa a loro gusto 
prima per servitio di Iddio Nostro Signore et di sua Catholica Maestà, 
beneficio et quieto di questo popolo. 

regulandose lo presente hanno con la volontà di S. E. et Regia Gran Corte, 
unde promulgetur. 

D. Corradus Mont' Aperto Capitaneus. 

Eodem 
fuit supradictum bannum promulgatum in plateis huius magnificae civi- 
tatis Agrigenti de mandato magnifici Capitanei ecc. 

Ex actis Regiae Curiae Capitanialis huius magnificae civitatis Agri- 
genti extracta est presens copia. 

De PoUno actuarius. 

(Reca Segr^ Inc. filza 1653). 



Digitized by 



Google 



44ft IttSOBtlAtlA 



DOCUMENTO V. 



Die Decima lanij decimae quinUe Inditionis millesimo sexcentesimo qua- 
tragesimo septimo. 



Per darsi opportnoo et conveniente remedio a qaello che potesse oc- 
correre nella revolutione presente et tnmnlto del Popolo in maggior ser- 
vitio di Dio Nostro Signore et Sna Catholica Majesta et beneficio pnplico, 
per ordine et comandamento dello spettabile Don Corrado Mont*aperto, 
Capitano di Giustizia di questa Città, con consenso di tutto il popolo ha- 
vuto nella Casa della Città, si ordina, provede et comanda, che da hoggi 
Innante nessnno che sia stato prosequnto di ftirto, quantunque ni ha vesso 
havuto la gratia o in altro modo fosse stato liberato,